LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Messner
Messaggi: 812
Iscritto il: 05 lug 2017 12:05
Località: Mantova

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda Messner » 17 mag 2019 20:44

Vinos ha scritto:Eravamo 5 amici al bar:

Selosse substance deg 2017: gli champagne di selosse fanno sempre discutere, da un lato chi apprezza la loro potenza sconfinata , dall’altro chi crede che la mano del produttore prenda il sopravvento creando una certa omologazione anche tra i suoi lieux dits.
Lo champagne di ieri era fantastico, meno estremo del solito, pur mantenendo un timbro riconoscibilissimo.

Jamet cote rotie 1999: esplodono dal bicchiere profumi di pasta di olive, more sotto spirito,sangue.
Il profilo è di un ventenne ancora incazzato, ha tannini fitti che si insinuano con vigore a centro bocca accompagnati da un traccia minerale ferrosa che ne dilata la percezione tattile, è energico e di impatto.
Potenza senza peso.

Chave hermitage 1998: una lieve deviazione aromatica turba l’animo a inizio degustazione, l’ossigeno gli è amico.
Con il passare del tempo inizia a pulsare profumi di fiori, incenso, affumicatura.... se jamet strilla, chave racconta.
Avvolge con un mantello di seta il palato, la trama è di un’eleganza ultraterrena, se la 99 bevuta sabato era contraddistinta da un’acidità importante, la 98 gode di una fase di equilibrio maggiore che si traduce in un vino più sensuale e pronto.

Cos d’estournel 1982: frutti di bosco, cola, balsamo, un leggero brett ad ampliare lo spettro olfattivo. È sempre un grande vino e appena versato tutti ne abbiamo tessuto le lodi. Purtroppo dopo pochi minuti abbiamo accostato il naso al bicchiere di cheval blanc 85 e.... cos è stato eclissato. I problemi del confronto..

Cheval blanc 1985: elegantissimo...sottobosco, cuoio e agrumi si intrecciano in una fusione perfetta, nessuno prevale sull’altro. Stessa percezione di equilibrio si avverte in bocca, sale e dolcezze scorrono legate tra loro, lasciando un ricordo soave di persistenza infinita. Il miglior cheval blanc bevuto in vita mia e il vino della serata.

Sassicaia 2000:non ho scritto note, è ancora giovane e rispetto agli altri era meno elegante e scorrevole...


Barolo monvigliero 2011: i 2011 godono di una fase di apertura impressionante, stappato e versato, è esplosivo e di bevibilità disarmante. Non teme minimamente il confronto con le grandi bottiglie che aveva di fianco. Applausi a cielo aperto per Fabio Alessandra, uno dei migliori produttori di barolo in assoluto.


Un difetto è pur sempre un difetto 8)
Il brett è poi fastidioso eh :?
Avatar utente
gianni femminella
Messaggi: 2123
Iscritto il: 26 nov 2010 14:43
Località: Castiglione della Pescaia - Finale Emilia

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda gianni femminella » 17 mag 2019 21:25

Messner ha scritto:
Vinos ha scritto:
Cos d’estournel 1982: frutti di bosco, cola, balsamo, un leggero brett ad ampliare lo spettro olfattivo. È sempre un grande vino e appena versato tutti ne abbiamo tessuto le lodi.


Un difetto è pur sempre un difetto 8)
Il brett è poi fastidioso eh :?


Personalmente non sopporto il brett, ma ho sentito dire che ad alcuni è gradito. Colgo l'occasione per chiedere cosa ne pensate.
Foied vino pipafo cra carefo
Oggi bevo vino domani non ne avrò
Vinos
Messaggi: 1014
Iscritto il: 09 feb 2015 23:26

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda Vinos » 17 mag 2019 21:52

Messner ha scritto:
Vinos ha scritto:Eravamo 5 amici al bar:

Selosse substance deg 2017: gli champagne di selosse fanno sempre discutere, da un lato chi apprezza la loro potenza sconfinata , dall’altro chi crede che la mano del produttore prenda il sopravvento creando una certa omologazione anche tra i suoi lieux dits.
Lo champagne di ieri era fantastico, meno estremo del solito, pur mantenendo un timbro riconoscibilissimo.

Jamet cote rotie 1999: esplodono dal bicchiere profumi di pasta di olive, more sotto spirito,sangue.
Il profilo è di un ventenne ancora incazzato, ha tannini fitti che si insinuano con vigore a centro bocca accompagnati da un traccia minerale ferrosa che ne dilata la percezione tattile, è energico e di impatto.
Potenza senza peso.

Chave hermitage 1998: una lieve deviazione aromatica turba l’animo a inizio degustazione, l’ossigeno gli è amico.
Con il passare del tempo inizia a pulsare profumi di fiori, incenso, affumicatura.... se jamet strilla, chave racconta.
Avvolge con un mantello di seta il palato, la trama è di un’eleganza ultraterrena, se la 99 bevuta sabato era contraddistinta da un’acidità importante, la 98 gode di una fase di equilibrio maggiore che si traduce in un vino più sensuale e pronto.

Cos d’estournel 1982: frutti di bosco, cola, balsamo, un leggero brett ad ampliare lo spettro olfattivo. È sempre un grande vino e appena versato tutti ne abbiamo tessuto le lodi. Purtroppo dopo pochi minuti abbiamo accostato il naso al bicchiere di cheval blanc 85 e.... cos è stato eclissato. I problemi del confronto..

Cheval blanc 1985: elegantissimo...sottobosco, cuoio e agrumi si intrecciano in una fusione perfetta, nessuno prevale sull’altro. Stessa percezione di equilibrio si avverte in bocca, sale e dolcezze scorrono legate tra loro, lasciando un ricordo soave di persistenza infinita. Il miglior cheval blanc bevuto in vita mia e il vino della serata.

Sassicaia 2000:non ho scritto note, è ancora giovane e rispetto agli altri era meno elegante e scorrevole...


Barolo monvigliero 2011: i 2011 godono di una fase di apertura impressionante, stappato e versato, è esplosivo e di bevibilità disarmante. Non teme minimamente il confronto con le grandi bottiglie che aveva di fianco. Applausi a cielo aperto per Fabio Alessandra, uno dei migliori produttori di barolo in assoluto.


Un difetto è pur sempre un difetto 8)
Il brett è poi fastidioso eh :?


Probabilmente bevi pochi vecchi bordeaux, escluso nei premier, un leggero profumo animale( brett) è una costante in tantissimi vini di bordeaux 89/90. Molti degustatori( in Italia, perchè a l’estero è cosa nota) non sanno sia brett...chiaro che se predomina sugli altri profumi è un difetto e il vino va lavandinato....
All’ultima bordolata di Marco c’era un lalande 1998 che aveva del brett leggero e nessuno ne ha parlato o se me accorto, tranne io un altro paio di persone... poi quando bevi questi vini con produttori o persone che ne hanno bevuti tantissimi allora siamo sempre tutti d’accordo..
littlewood
Messaggi: 1878
Iscritto il: 04 mag 2010 10:32
Località: Valpollicella

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda littlewood » 17 mag 2019 21:54

gianni femminella ha scritto:
Messner ha scritto:
Vinos ha scritto:
Cos d’estournel 1982: frutti di bosco, cola, balsamo, un leggero brett ad ampliare lo spettro olfattivo. È sempre un grande vino e appena versato tutti ne abbiamo tessuto le lodi.


Un difetto è pur sempre un difetto 8)
Il brett è poi fastidioso eh :?


Personalmente non sopporto il brett, ma ho sentito dire che ad alcuni è gradito. Colgo l'occasione per chiedere cosa ne pensate.

Difetto! Punto! Se nn si chiamasse cos ecc si direbbe bocciato
Vinos
Messaggi: 1014
Iscritto il: 09 feb 2015 23:26

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda Vinos » 17 mag 2019 22:03

littlewood ha scritto:
gianni femminella ha scritto:
Messner ha scritto:
Vinos ha scritto:
Cos d’estournel 1982: frutti di bosco, cola, balsamo, un leggero brett ad ampliare lo spettro olfattivo. È sempre un grande vino e appena versato tutti ne abbiamo tessuto le lodi.


Un difetto è pur sempre un difetto 8)
Il brett è poi fastidioso eh :?


Personalmente non sopporto il brett, ma ho sentito dire che ad alcuni è gradito. Colgo l'occasione per chiedere cosa ne pensate.

Difetto! Punto! Se nn si chiamasse cos ecc si direbbe bocciato


Mi meraviglio di te che ami tanto i bordeaux... è una costante in tanti vini di quegli anni.
Certo che è un difetto, ma se lieve molti nemmeno lo percepiscono...
littlewood
Messaggi: 1878
Iscritto il: 04 mag 2010 10:32
Località: Valpollicella

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda littlewood » 17 mag 2019 22:09

Vinos ha scritto:
littlewood ha scritto:
gianni femminella ha scritto:
Messner ha scritto:
Vinos ha scritto:
Cos d’estournel 1982: frutti di bosco, cola, balsamo, un leggero brett ad ampliare lo spettro olfattivo. È sempre un grande vino e appena versato tutti ne abbiamo tessuto le lodi.


Un difetto è pur sempre un difetto 8)
Il brett è poi fastidioso eh :?


Personalmente non sopporto il brett, ma ho sentito dire che ad alcuni è gradito. Colgo l'occasione per chiedere cosa ne pensate.

Difetto! Punto! Se nn si chiamasse cos ecc si direbbe bocciato


Mi meraviglio di te che ami tanto i bordeaux... è una costante in tanti vini di quegli anni.
Certo che è un difetto, ma se lieve molti nemmeno lo percepiscono...

Vincenzo il vino nn l' ho bevuto x cui nn posso giudicare quella bt. Un difetto semplicemente x me nn e' mai un plus tranne rarissime occasioni tipo la volatile sui vini dolci...
Vinos
Messaggi: 1014
Iscritto il: 09 feb 2015 23:26

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda Vinos » 18 mag 2019 09:54

littlewood ha scritto:
Vinos ha scritto:
littlewood ha scritto:
gianni femminella ha scritto:
Messner ha scritto:
Un difetto è pur sempre un difetto 8)
Il brett è poi fastidioso eh :?


Personalmente non sopporto il brett, ma ho sentito dire che ad alcuni è gradito. Colgo l'occasione per chiedere cosa ne pensate.

Difetto! Punto! Se nn si chiamasse cos ecc si direbbe bocciato


Mi meraviglio di te che ami tanto i bordeaux... è una costante in tanti vini di quegli anni.
Certo che è un difetto, ma se lieve molti nemmeno lo percepiscono...

Vincenzo il vino nn l' ho bevuto x cui nn posso giudicare quella bt. Un difetto semplicemente x me nn e' mai un plus tranne rarissime occasioni tipo la volatile sui vini dolci...


Se è leggero a me non disturba, nei premier non capita mai per fortuna( con quello che costano), nei 2ème ecc... spesso.
Forse la frase “amplia lo spettro olfattivo” vi ha un pó turbato :-).. peró fidati chi li beve poche volte, parla di , note animali, note rustiche, cuoio ecc non riconoscendo che è etilfenolo, perchè è lievissimo.... io i primi tempi pensavo fossero riduzioni, poi me le le ritrovavo in vini aperti la mattina per la sera, allora ho iniziato a capire... parlando con produttori che hanno lavorato in zona, come scritto su è una cosa nota..
. Sulla chat del forum prima di berlo, parlando delle stappature anticipate ecc..redisasso mi ha scritto :”tanto c’è del brett” ed io ho risposto probabimente sì... e infatti..
Spectator
Messaggi: 3774
Iscritto il: 06 giu 2007 11:36

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda Spectator » 18 mag 2019 10:41

..Gevrey-Chambertin,Vielles Vignes 2007,Dugat-Py.Mah,ogni tanto cerco di avventurarmi in bevute che penso possano essere..di livello piu' alto delle solite:ad esser sinceri..senza infamia e senza lode.Un discreto..vinello,nulla di piu'..se non nel costo :( .
Roland
Messaggi: 53494
Iscritto il: 06 giu 2007 11:39
Località: Campi Bisenzio - Firenze -

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda Roland » 18 mag 2019 12:42

Spectator ha scritto:..Gevrey-Chambertin,Vielles Vignes 2007,Dugat-Py.Mah,ogni tanto cerco di avventurarmi in bevute che penso possano essere..di livello piu' alto delle solite:ad esser sinceri..senza infamia e senza lode.Un discreto..vinello,nulla di piu'..se non nel costo :( .



Ciao Giuseppe , quanto costa ?
Importiamo vino,champagne e pata negra
Spediamo il lunedi successivo al ricevimento del pagamento
Emettiamo scontrino fiscale o fattura .

http://www.facebook.com/pages/ENOTECA-B ... 4224421705
tel: 3317841888
eno
Messaggi: 2187
Iscritto il: 08 giu 2007 23:58

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda eno » 18 mag 2019 12:45

Vinos ha scritto:
littlewood ha scritto:
Vinos ha scritto:
littlewood ha scritto:
gianni femminella ha scritto:
Personalmente non sopporto il brett, ma ho sentito dire che ad alcuni è gradito. Colgo l'occasione per chiedere cosa ne pensate.

Difetto! Punto! Se nn si chiamasse cos ecc si direbbe bocciato


Mi meraviglio di te che ami tanto i bordeaux... è una costante in tanti vini di quegli anni.
Certo che è un difetto, ma se lieve molti nemmeno lo percepiscono...

Vincenzo il vino nn l' ho bevuto x cui nn posso giudicare quella bt. Un difetto semplicemente x me nn e' mai un plus tranne rarissime occasioni tipo la volatile sui vini dolci...


Se è leggero a me non disturba, nei premier non capita mai per fortuna( con quello che costano), nei 2ème ecc... spesso.
Forse la frase “amplia lo spettro olfattivo” vi ha un pó turbato :-).. peró fidati chi li beve poche volte, parla di , note animali, note rustiche, cuoio ecc non riconoscendo che è etilfenolo, perchè è lievissimo.... io i primi tempi pensavo fossero riduzioni, poi me le le ritrovavo in vini aperti la mattina per la sera, allora ho iniziato a capire... parlando con produttori che hanno lavorato in zona, come scritto su è una cosa nota..
. Sulla chat del forum prima di berlo, parlando delle stappature anticipate ecc..redisasso mi ha scritto :”tanto c’è del brett” ed io ho risposto probabimente sì... e infatti..


Il brett non e’ propriamente piacevole, che poi se e’ lievissimo possa non disturbare piu’ di tanto ci puo’ anche stare ( anche se personalmente non apprezzo), che possa “ampliare lo spettro olfattivo” francamente la vedo un po’ dura...
Spectator
Messaggi: 3774
Iscritto il: 06 giu 2007 11:36

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda Spectator » 18 mag 2019 12:50

Roland ha scritto:
Spectator ha scritto:..Gevrey-Chambertin,Vielles Vignes 2007,Dugat-Py.Mah,ogni tanto cerco di avventurarmi in bevute che penso possano essere..di livello piu' alto delle solite:ad esser sinceri..senza infamia e senza lode.Un discreto..vinello,nulla di piu'..se non nel costo :( .



Ciao Giuseppe , quanto costa ?


..Quasi un..centone,Giova'.Un amico mi diceva..che sono apprezzabili il Mazye e lo Chambrtin,di questo produttore.
Roland
Messaggi: 53494
Iscritto il: 06 giu 2007 11:39
Località: Campi Bisenzio - Firenze -

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda Roland » 18 mag 2019 12:53

Spectator ha scritto:
Roland ha scritto:
Spectator ha scritto:..Gevrey-Chambertin,Vielles Vignes 2007,Dugat-Py.Mah,ogni tanto cerco di avventurarmi in bevute che penso possano essere..di livello piu' alto delle solite:ad esser sinceri..senza infamia e senza lode.Un discreto..vinello,nulla di piu'..se non nel costo :( .



Ciao Giuseppe , quanto costa ?


..Quasi un..centone,Giova'.Un amico mi diceva..che sono apprezzabili il Mazye e lo Chambrtin,di questo produttore.



Ciao , il probelma è che dovrebbe costare la metà
Importiamo vino,champagne e pata negra
Spediamo il lunedi successivo al ricevimento del pagamento
Emettiamo scontrino fiscale o fattura .

http://www.facebook.com/pages/ENOTECA-B ... 4224421705
tel: 3317841888
littlewood
Messaggi: 1878
Iscritto il: 04 mag 2010 10:32
Località: Valpollicella

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda littlewood » 18 mag 2019 13:19

Roland ha scritto:
Spectator ha scritto:
Roland ha scritto:
Spectator ha scritto:..Gevrey-Chambertin,Vielles Vignes 2007,Dugat-Py.Mah,ogni tanto cerco di avventurarmi in bevute che penso possano essere..di livello piu' alto delle solite:ad esser sinceri..senza infamia e senza lode.Un discreto..vinello,nulla di piu'..se non nel costo :( .



Ciao Giuseppe , quanto costa ?


..Quasi un..centone,Giova'.Un amico mi diceva..che sono apprezzabili il Mazye e lo Chambrtin,di questo produttore.



Ciao , il probelma è che dovrebbe costare la metà
littlewood
Messaggi: 1878
Iscritto il: 04 mag 2010 10:32
Località: Valpollicella

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda littlewood » 18 mag 2019 13:19

Roland ha scritto:
Spectator ha scritto:
Roland ha scritto:
Spectator ha scritto:..Gevrey-Chambertin,Vielles Vignes 2007,Dugat-Py.Mah,ogni tanto cerco di avventurarmi in bevute che penso possano essere..di livello piu' alto delle solite:ad esser sinceri..senza infamia e senza lode.Un discreto..vinello,nulla di piu'..se non nel costo :( .



Ciao Giuseppe , quanto costa ?


..Quasi un..centone,Giova'.Un amico mi diceva..che sono apprezzabili il Mazye e lo Chambrtin,di questo produttore.



Ciao , il probelma è che dovrebbe costare la metà

E lo chambertin costa 10 centoni....
merian82ec
Messaggi: 57
Iscritto il: 18 dic 2011 23:33

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda merian82ec » 18 mag 2019 13:58

Ormanni Borro del Diavolo 2015

More, lamponi, frutto croccantissimo.. di una freschezza disarmante tenendo conto dei suoi 15 gradi. Avercene.. a secchiate direbbero i padri fondatori :D
eno
Messaggi: 2187
Iscritto il: 08 giu 2007 23:58

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda eno » 18 mag 2019 14:02

littlewood ha scritto:
Roland ha scritto:
Spectator ha scritto:
Roland ha scritto:
Spectator ha scritto:..Gevrey-Chambertin,Vielles Vignes 2007,Dugat-Py.Mah,ogni tanto cerco di avventurarmi in bevute che penso possano essere..di livello piu' alto delle solite:ad esser sinceri..senza infamia e senza lode.Un discreto..vinello,nulla di piu'..se non nel costo :( .



Ciao Giuseppe , quanto costa ?


..Quasi un..centone,Giova'.Un amico mi diceva..che sono apprezzabili il Mazye e lo Chambrtin,di questo produttore.

Oddio, io col Coer du Roy non ho mai bevuto male.... e mi pare che da qualche anno il suo prezzo sia rimasto abbastanza stabile
simba
Messaggi: 69
Iscritto il: 16 ott 2010 01:22

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda simba » 18 mag 2019 14:21

Rabajà riserva 2006 di Cortese
C'ha tutto: sapidità e persistenza lunghissima. A cercare il pelo nell'uovo, il tenore alcolico é tanto, anche se ben integrato. Grazie a Roland per la fornitura.
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 11919
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda Alberto » 18 mag 2019 14:55

Vinos ha scritto:
littlewood ha scritto:
Vinos ha scritto:
littlewood ha scritto:
gianni femminella ha scritto:
Personalmente non sopporto il brett, ma ho sentito dire che ad alcuni è gradito. Colgo l'occasione per chiedere cosa ne pensate.

Difetto! Punto! Se nn si chiamasse cos ecc si direbbe bocciato


Mi meraviglio di te che ami tanto i bordeaux... è una costante in tanti vini di quegli anni.
Certo che è un difetto, ma se lieve molti nemmeno lo percepiscono...

Vincenzo il vino nn l' ho bevuto x cui nn posso giudicare quella bt. Un difetto semplicemente x me nn e' mai un plus tranne rarissime occasioni tipo la volatile sui vini dolci...


Se è leggero a me non disturba, nei premier non capita mai per fortuna( con quello che costano), nei 2ème ecc... spesso.
Forse la frase “amplia lo spettro olfattivo” vi ha un pó turbato :-).. peró fidati chi li beve poche volte, parla di , note animali, note rustiche, cuoio ecc non riconoscendo che è etilfenolo, perchè è lievissimo.... io i primi tempi pensavo fossero riduzioni, poi me le le ritrovavo in vini aperti la mattina per la sera, allora ho iniziato a capire... parlando con produttori che hanno lavorato in zona, come scritto su è una cosa nota..
. Sulla chat del forum prima di berlo, parlando delle stappature anticipate ecc..redisasso mi ha scritto :”tanto c’è del brett” ed io ho rispono sto probabimente sì... e infatti..

Un microorganismo "intelligente" sensibile al costo della bottiglia...un brett da Billionaire...mi rendo conto... :?
Ragazzi...scherzi a parte, leggo un filo di confusione.
Per avere chiaro cosa producono i Brettanomyces consiglio di stappare non un Deuxième Cru come suggerisce Vinos :mrgreen: , ma basta una semplice Orval da 3 EUR...magari vecchiotta. Di fondo è un sentore metallico.
L'animalità, la pelliccia, etc... in un vino sono sentori complessi che nascono dall'interazione di varie componenti aromatiche, non solo le sostanze prodotte dal brett.
Il veleno come sempre lo fa la dose, comunque.
Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De Andrè
Fedevarius
Messaggi: 356
Iscritto il: 24 mag 2016 14:47
Località: Firenze

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda Fedevarius » 18 mag 2019 15:15

Alberto ha scritto:
Vinos ha scritto:
littlewood ha scritto:
Vinos ha scritto:
littlewood ha scritto:Difetto! Punto! Se nn si chiamasse cos ecc si direbbe bocciato


Mi meraviglio di te che ami tanto i bordeaux... è una costante in tanti vini di quegli anni.
Certo che è un difetto, ma se lieve molti nemmeno lo percepiscono...

Vincenzo il vino nn l' ho bevuto x cui nn posso giudicare quella bt. Un difetto semplicemente x me nn e' mai un plus tranne rarissime occasioni tipo la volatile sui vini dolci...


Se è leggero a me non disturba, nei premier non capita mai per fortuna( con quello che costano), nei 2ème ecc... spesso.
Forse la frase “amplia lo spettro olfattivo” vi ha un pó turbato :-).. peró fidati chi li beve poche volte, parla di , note animali, note rustiche, cuoio ecc non riconoscendo che è etilfenolo, perchè è lievissimo.... io i primi tempi pensavo fossero riduzioni, poi me le le ritrovavo in vini aperti la mattina per la sera, allora ho iniziato a capire... parlando con produttori che hanno lavorato in zona, come scritto su è una cosa nota..
. Sulla chat del forum prima di berlo, parlando delle stappature anticipate ecc..redisasso mi ha scritto :”tanto c’è del brett” ed io ho rispono sto probabimente sì... e infatti..

Un microorganismo "intelligente" sensibile al costo della bottiglia...un brett da Billionaire...mi rendo conto... :?
Ragazzi...scherzi a parte, leggo un filo di confusione.
Per avere chiaro cosa producono i Brettanomyces consiglio di stappare non un Deuxième Cru come suggerisce Vinos :mrgreen: , ma basta una semplice Orval da 3 EUR...magari vecchiotta. Di fondo è un sentore metallico.
L'animalità, la pelliccia, etc... in un vino sono sentori complessi che nascono dall'interazione di varie componenti aromatiche, non solo le sostanze prodotte dal brett.
Il veleno come sempre lo fa la dose, comunque.



quindi l'equazione "sa di stalla" = vino brettato è sbagliata? è sbagliata in parte?
"E poi se la gente sa, e la gente lo sa che sai suonare, suonare ti tocca per tutta la vita, e ti piace lasciarti ascoltare…"
md78d
Messaggi: 46
Iscritto il: 19 nov 2018 20:18

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda md78d » 18 mag 2019 15:26

in preparazione per domani, e visto il tempo, spezzatino di cinghiale. che tipologia di vino consigliate? grazie
Nexus1990
Messaggi: 368
Iscritto il: 23 feb 2019 23:33

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda Nexus1990 » 18 mag 2019 15:34

md78d ha scritto:in preparazione per domani, e visto il tempo, spezzatino di cinghiale. che tipologia di vino consigliate? grazie

Un vino con un brett molto forte :mrgreen:
Vinos
Messaggi: 1014
Iscritto il: 09 feb 2015 23:26

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda Vinos » 18 mag 2019 17:10

Alberto ha scritto:
Vinos ha scritto:
littlewood ha scritto:
Vinos ha scritto:
littlewood ha scritto:Difetto! Punto! Se nn si chiamasse cos ecc si direbbe bocciato


Mi meraviglio di te che ami tanto i bordeaux... è una costante in tanti vini di quegli anni.
Certo che è un difetto, ma se lieve molti nemmeno lo percepiscono...

Vincenzo il vino nn l' ho bevuto x cui nn posso giudicare quella bt. Un difetto semplicemente x me nn e' mai un plus tranne rarissime occasioni tipo la volatile sui vini dolci...


Se è leggero a me non disturba, nei premier non capita mai per fortuna( con quello che costano), nei 2ème ecc... spesso.
Forse la frase “amplia lo spettro olfattivo” vi ha un pó turbato :-).. peró fidati chi li beve poche volte, parla di , note animali, note rustiche, cuoio ecc non riconoscendo che è etilfenolo, perchè è lievissimo.... io i primi tempi pensavo fossero riduzioni, poi me le le ritrovavo in vini aperti la mattina per la sera, allora ho iniziato a capire... parlando con produttori che hanno lavorato in zona, come scritto su è una cosa nota..
. Sulla chat del forum prima di berlo, parlando delle stappature anticipate ecc..redisasso mi ha scritto :”tanto c’è del brett” ed io ho rispono sto probabimente sì... e infatti..

Un microorganismo "intelligente" sensibile al costo della bottiglia...un brett da Billionaire...mi rendo conto... :?
Ragazzi...scherzi a parte, leggo un filo di confusione.
Per avere chiaro cosa producono i Brettanomyces consiglio di stappare non un Deuxième Cru come suggerisce Vinos :mrgreen: , ma basta una semplice Orval da 3 EUR...magari vecchiotta. Di fondo è un sentore metallico.
L'animalità, la pelliccia, etc... in un vino sono sentori complessi che nascono dall'interazione di varie componenti aromatiche, non solo le sostanze prodotte dal brett.
Il veleno come sempre lo fa la dose, comunque.


L’orval da 3 euro puzza :-) , li si che predomina...nei bordeaux è lievissima e ripeto chi non ne beve, le prime volte in mezzo a tutti i profumi che spara un bel bordeaux non se ne accorge nemmeno, mi è capitato più volte..
Il veleno come sempre lo fa la dose, comunque( concordo con questa frase) ma anche io preferisco se possibile un vino pulito e cristallino( e nei premier, spesso è così)... diciamo che sugli altri bordeaux sono più tollerante e se lieve mi piace anche( sembra una contraddizione)...dovremmo parlare dal vivo con due bicchieri di vino( di cui uno è un montrose 95 e l’altro è brion 95) per farti capire il mio discorso....
Vinos
Messaggi: 1014
Iscritto il: 09 feb 2015 23:26

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda Vinos » 18 mag 2019 17:19

Fedevarius ha scritto:
Alberto ha scritto:
Vinos ha scritto:
littlewood ha scritto:
Vinos ha scritto:
Mi meraviglio di te che ami tanto i bordeaux... è una costante in tanti vini di quegli anni.
Certo che è un difetto, ma se lieve molti nemmeno lo percepiscono...

Vincenzo il vino nn l' ho bevuto x cui nn posso giudicare quella bt. Un difetto semplicemente x me nn e' mai un plus tranne rarissime occasioni tipo la volatile sui vini dolci...


Se è leggero a me non disturba, nei premier non capita mai per fortuna( con quello che costano), nei 2ème ecc... spesso.
Forse la frase “amplia lo spettro olfattivo” vi ha un pó turbato :-).. peró fidati chi li beve poche volte, parla di , note animali, note rustiche, cuoio ecc non riconoscendo che è etilfenolo, perchè è lievissimo.... io i primi tempi pensavo fossero riduzioni, poi me le le ritrovavo in vini aperti la mattina per la sera, allora ho iniziato a capire... parlando con produttori che hanno lavorato in zona, come scritto su è una cosa nota..
. Sulla chat del forum prima di berlo, parlando delle stappature anticipate ecc..redisasso mi ha scritto :”tanto c’è del brett” ed io ho rispono sto probabimente sì... e infatti..

Un microorganismo "intelligente" sensibile al costo della bottiglia...un brett da Billionaire...mi rendo conto... :?
Ragazzi...scherzi a parte, leggo un filo di confusione.
Per avere chiaro cosa producono i Brettanomyces consiglio di stappare non un Deuxième Cru come suggerisce Vinos :mrgreen: , ma basta una semplice Orval da 3 EUR...magari vecchiotta. Di fondo è un sentore metallico.
L'animalità, la pelliccia, etc... in un vino sono sentori complessi che nascono dall'interazione di varie componenti aromatiche, non solo le sostanze prodotte dal brett.
Il veleno come sempre lo fa la dose, comunque.



quindi l'equazione "sa di stalla" = vino brettato è sbagliata? è sbagliata in parte?


Dipende dalla concentrazione( quantitá) delle molecole resposabili dell’odore di stalla( tu lo percepisci così), non so se stiamo parlando della stessa cosa, comunque se un vino “ puzza” sa di stalla ecc... è difettato e va lavandinato. Un vino contaminato pesantemente da brettanomyces fa schifo....
Messner
Messaggi: 812
Iscritto il: 05 lug 2017 12:05
Località: Mantova

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda Messner » 18 mag 2019 19:47

Vinos ha scritto:
Messner ha scritto:
Vinos ha scritto:Eravamo 5 amici al bar:

Selosse substance deg 2017: gli champagne di selosse fanno sempre discutere, da un lato chi apprezza la loro potenza sconfinata , dall’altro chi crede che la mano del produttore prenda il sopravvento creando una certa omologazione anche tra i suoi lieux dits.
Lo champagne di ieri era fantastico, meno estremo del solito, pur mantenendo un timbro riconoscibilissimo.

Jamet cote rotie 1999: esplodono dal bicchiere profumi di pasta di olive, more sotto spirito,sangue.
Il profilo è di un ventenne ancora incazzato, ha tannini fitti che si insinuano con vigore a centro bocca accompagnati da un traccia minerale ferrosa che ne dilata la percezione tattile, è energico e di impatto.
Potenza senza peso.

Chave hermitage 1998: una lieve deviazione aromatica turba l’animo a inizio degustazione, l’ossigeno gli è amico.
Con il passare del tempo inizia a pulsare profumi di fiori, incenso, affumicatura.... se jamet strilla, chave racconta.
Avvolge con un mantello di seta il palato, la trama è di un’eleganza ultraterrena, se la 99 bevuta sabato era contraddistinta da un’acidità importante, la 98 gode di una fase di equilibrio maggiore che si traduce in un vino più sensuale e pronto.

Cos d’estournel 1982: frutti di bosco, cola, balsamo, un leggero brett ad ampliare lo spettro olfattivo. È sempre un grande vino e appena versato tutti ne abbiamo tessuto le lodi. Purtroppo dopo pochi minuti abbiamo accostato il naso al bicchiere di cheval blanc 85 e.... cos è stato eclissato. I problemi del confronto..

Cheval blanc 1985: elegantissimo...sottobosco, cuoio e agrumi si intrecciano in una fusione perfetta, nessuno prevale sull’altro. Stessa percezione di equilibrio si avverte in bocca, sale e dolcezze scorrono legate tra loro, lasciando un ricordo soave di persistenza infinita. Il miglior cheval blanc bevuto in vita mia e il vino della serata.

Sassicaia 2000:non ho scritto note, è ancora giovane e rispetto agli altri era meno elegante e scorrevole...


Barolo monvigliero 2011: i 2011 godono di una fase di apertura impressionante, stappato e versato, è esplosivo e di bevibilità disarmante. Non teme minimamente il confronto con le grandi bottiglie che aveva di fianco. Applausi a cielo aperto per Fabio Alessandra, uno dei migliori produttori di barolo in assoluto.


Un difetto è pur sempre un difetto 8)
Il brett è poi fastidioso eh :?


Probabilmente bevi pochi vecchi bordeaux, escluso nei premier, un leggero profumo animale( brett) è una costante in tantissimi vini di bordeaux 89/90. Molti degustatori( in Italia, perchè a l’estero è cosa nota) non sanno sia brett...chiaro che se predomina sugli altri profumi è un difetto e il vino va lavandinato....
All’ultima bordolata di Marco c’era un lalande 1998 che aveva del brett leggero e nessuno ne ha parlato o se me accorto, tranne io un altro paio di persone... poi quando bevi questi vini con produttori o persone che ne hanno bevuti tantissimi allora siamo sempre tutti d’accordo..


Bravissimo, centrato in pieno il bersaglio. Non sono proprio amante...Lo dissi già tempo fa in diversi post
Men che meno di giovani.... Così evito anche certi infanticidi
Il brett in generale mi infastidisce anche se leggero. La volatile la tollero un po' di più, pur riconoscendola come difetto.
Ma è il mio punto di vista eh :D
eno
Messaggi: 2187
Iscritto il: 08 giu 2007 23:58

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda eno » 18 mag 2019 20:07

Concordo....

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Mike76 e 14 ospiti