LE BEVUTE DI SETTEMBRE 2018

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
jeantrippy
Messaggi: 32
Iscritto il: 07 mag 2015 16:34

Re: LE BEVUTE DI SETTEMBRE 2018

Messaggioda jeantrippy » 14 set 2018 13:28

pstrada75 ha scritto:
jeantrippy ha scritto:
pstrada75 ha scritto:Fallet Prevostat - Champagne Non Dose' NV
Le solite bottiglie incredibile di Monsieur e Madame Fallet. Il rapporto qualita' prezzo piu' incredibile mai visto avendolo pagato 20 euro da loro in cantina. Peccato solo che la mia scorta sta piano piano terminando e temo non ci saranno piu' bottiglie disponibili all'acquisto, soprattutto a queste cifre. Una delle icone dello champagne destinata a sparire..... :|

Francois Mikulski - Meursault 2008
Per essere un village si fa bere e con gran piacere. Bottiglia pronta ma che ha ancora una bella freschezza che fa pensare possa durare ancora qualche annetto. Ottima con un meravigliosa risotto a i porcini freschi

Domaine Arretxea-Iroleguy Hexoguri 2009
Per finire il risotto a i porcini di qui sopra. Preso per curiosita' e per provare questa zona oscura della Francia. Vino di una potenza esplosiva incredibile, con ancora un acidita' super tagliente che fa presagire possa passare ancora qualche annetto in cantina. Questo e' il base dei bianchi del domaine, non oso immaginare cosa saranno i cru. Ha massacrato senza patemi il Meursault che pure non era male.....da comprarne a valanga.....

Donna Olimpia 1898 - Bolgheri 2012
Preso solo per il nome e aperto ieri per festeggiare il primo compleanno della mia piccolo, Olimpia appunto.
Onestamente molto meglio di quanto potessi immaginare. Certo stile internazionale e poco territoriale, ma la magnum aperta e' stata finita con grande soddisfazione da tutti gli invitati.

Domaine Ostertag- Gewurztraminer Vignoble d'E 2011
Una volta adoravo i vini di questo produttore....ora non so se sono io ad avere cambiato totalmente i miei gusti o ho aperto questa bottiglia troppo tardi....ma anche abbinato ad un thai take-away non mi ha dato grandi soddisfazioni. Vino seduto che sembra oramai aver passato giorni migliori, preferisco stare su i Riesling di questo produttore.......


belle bevute !
Per quanto riguarda Fallet-Prévostat, sono stato da loro in cantina qualche settimana fa : le figlie continuano l'attività, riducendo il tempo dedicato alle loro rispettive professioni.
Le bottiglie non é più il papà a sboccarle, ma un terzista, cosi come l'etichetta Fallet-Prévostat a tendere, non esisterà più, rimpiazzata dalle due etichette delle figlie.
Il prezzo é sempre ottimo, 22€/bottiglia.. quindi non temere :D
io ci torno l'anno prossimo (anche se la mia scorta é ancora più che abbondante)


Ma che bella notizia che mi dai!!!!! A questo punto un viaggio ad Avize è da programmare al più presto....


:) se vuoi fammi sapere quando vai, da Parigi sono ad un tiro di schioppo
maxer
Messaggi: 3000
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: nordico

Re: LE BEVUTE DI SETTEMBRE 2018

Messaggioda maxer » 14 set 2018 13:29

Quasi in diretta.
Per oggi a pranzo, un' idea diversa : risotto allo zafferano (pistilli in acqua tiepida, soffritto di cipolla bianca dolce di Sottomarina con olio evo e burro, riso carnaroli con aggiunta di acqua e sale e un po' di pistilli ; mantecatura finale con tutti i pistilli con la loro acqua di un bel giallo carico, burro, parmigiano, pepe nero e foglioline di maggiorana. Servito. Lasciatemelo dire : ottimo)
Cosa gli abbino :?:
Ma un bel Pelaverga 2017 Burlotto 14,5 gradi !
Non lo descrivo più, se non così, sinteticamente :
A F R O D I S I A C O :lol:

(Bottiglia andata. Pomeriggio : un bel pisolo ...)
carpe diem 8)
pstrada75
Messaggi: 643
Iscritto il: 13 gen 2011 23:44
Località: Losanna - Svizzera

Re: LE BEVUTE DI SETTEMBRE 2018

Messaggioda pstrada75 » 14 set 2018 15:21

jeantrippy ha scritto: se vuoi fammi sapere quando vai, da Parigi sono ad un tiro di schioppo


Guarda pre-pargoli venivo almeno due volte all'anno, da Losanna comunque non siamo lontanissimi .....

Ora un po' meno ma dato che le scorte diminuiscono un salto ce lo devo fare presto, devo fare un giro da tanti nuovi (per me ovvio) produttori oltre a Madame Fallet. Vorrei provare:

- Suenen
- Nowack
- Dhondt Grellet
- Marguet
Alessio
Messaggi: 189
Iscritto il: 03 gen 2008 16:55

Re: LE BEVUTE DI SETTEMBRE 2018

Messaggioda Alessio » 14 set 2018 18:57

Stasera l’aperitivo per eccellenza dumemil by Jany Poret. A 19 euro qualità prezzo inarrivabile.
jeantrippy
Messaggi: 32
Iscritto il: 07 mag 2015 16:34

Re: LE BEVUTE DI SETTEMBRE 2018

Messaggioda jeantrippy » 15 set 2018 08:54

pstrada75 ha scritto:
jeantrippy ha scritto: se vuoi fammi sapere quando vai, da Parigi sono ad un tiro di schioppo


Guarda pre-pargoli venivo almeno due volte all'anno, da Losanna comunque non siamo lontanissimi .....

Ora un po' meno ma dato che le scorte diminuiscono un salto ce lo devo fare presto, devo fare un giro da tanti nuovi (per me ovvio) produttori oltre a Madame Fallet. Vorrei provare:

- Suenen
- Nowack
- Dhondt Grellet
- Marguet


Suenen et Nowack li vorrei fare anch'io, oltre a Lahaye (che ho sempre e solo bevuto, senza mai andare in cantina)
Ziliovino
Messaggi: 3126
Iscritto il: 10 giu 2007 17:48
Località: (Bg)

Re: LE BEVUTE DI SETTEMBRE 2018

Messaggioda Ziliovino » 15 set 2018 09:49

Campania Rosato L.03/17 - Monte di Grazia. Non reca l'annata, lascio interpretare a voi dal lotto, ma dal colore giovanile direi che potrebbe essere tranquillamente un 2017, giocato tutto sull'acidità affilata, fruttini rossi e melagrana al naso, sapido, nello stile dell'azienda.

Barolo La Rocca e la Pira Riserva 1993 - Roagna I Paglieri. Ancora bello vitale, dal profilo scuro, quasi terroso, more, note ferruginose che se ne vanno con l'aerazione, abbisogna di aria, sorso fresco, dal tannino ancora ben presente, non ha l'articolazione e l'eleganza delle grandi annate, ma resta una bella bevuta.

Etna rosato 2017 - Benanti. Un rosato piuttosto teso e verticale, ma c'è anche sostanza, non concede troppo al naso ma direi nel complesso piuttosto ben fatto.

Lambrusco Grasparossa di Castelvetro Monovitigno - Fattoria Moretto. Bel colore violaceo con spuma abbondante, è un cestino di frutti di rovo, bocca decisamente secca, quasi spigolosa però, direi un po' rigido...

BOURGOGNE BLANC 2007 - MOREAU BERNARD ET FILS. Dimenticato in cantina, pensavo ormai fosse troppo tardi... invece è vivo e vegeto, già dal colore luminoso e scarico, agrumi ed erbe di montagna, poi un po' di frutta tropicale, bocca tesa, nel complesso semplice ma direi ben fatto.

Urziger Wurzgarten Riesling Auslese 2009 - Merkelbach. Placido e disteso, agrumi, ma soprattutto frutta a pasta gialla, mirabelle e un accenno di litchi, sorso largo, acidità in secondo piano, certamente non un riesling da lunga gittata, già godibile.
"Il successo di tavernello invita a riflettere"
(Anonimo, bomboletta spray su muro)

"Il vino non lo scegli... è lui che sceglie te"
Vinos
Messaggi: 979
Iscritto il: 09 feb 2015 23:26

Re: LE BEVUTE DI SETTEMBRE 2018

Messaggioda Vinos » 15 set 2018 11:31

Posto qui le mie bevute quotidiane di luglio, agosto e settembre... dimentico sempre di dare il mio contributo in maniera continua, ma rimedieró...

gevrey chambertin clos du fonteny 2006:Floreale e lievemente terroso, accarezza il palato in maniera ingannevole, l’acidità è lì a strizzare la lingua, non ha l’autorevolezza dei vini di gevrey, è sottile e con una progressione minerale che invoglia di continuo.

Cristal 2002:
Scorze di agrumi, burro fuso, sottile tostatura. Più tardi, il frutto deciso del pinot nero tende a sovrastare il resto.
All’assaggio l’acidità elettizzante, riposta in pista le note agrumate percepite giá a livello olfattivo, la bollicina è fine ed il finale è di rimarchevole persistenza. La prossima tra un paio di anni.

egon müller riesling scharzhof 2016:
ll coche dury della mosella.
Parte trattenuto, profumi affumicati, minerali, di sassi bagnati, il frutto si nasconde, in bocca sembra smilzo, ma taglia il palato ed i 19 g/l di zucchero residuo sono solo un numero da leggere su un registro. Un qba con le palle dotato di una persistenza da GG, buonissimo ed ancora in fasce.

Initial selosse sboccatura 2014
Intrigante, esordisce con profumi intensi di crostata di agrume,miele di acacia e nuance ossidative.
La potenza che spesso nei suoi champagne prevale sul resto é gestita in maniera più efficace del solito.....sta attraversando una fase di equilibrio sopraffino.
Certo, l’acidità crea il classico solco selossiano a centro bocca ma questa sensazione è subito attenuata dal richiamo ossidativo che riequilibra il tutto.
Bottiglia fortunata.
Ormai è chiaro a tutti che i vini di Selosse hanno bisogno di almeno 4/5 anni dalla sboccatura, meglio ancora se 10.

Barolo Rinaldi 2011 tre tine: BUONISSIMO

Lopez de heredia viña tondonia reserva 2004:
Lievi profumi di cocco fanno da contorno ad uno scambio di effusioni tra lavanda,cuoio e gelatina di more. Ingresso piccante, dal tannino definito e ancora sul lato giovanile. Lo ricordavo un vino più esile in altre annate e devo dire che anche questa 2004 è cresciuta rispetto allo scorso anno.
Non sono molto informato sulle annate in rioja, ma mi ha dato l’impressione di essere una bella riuscita, un vino più complesso rispetto a 2002 o 2003.

Percarlo 1999:
Un continuo dialogo tra frutto scuro e note balsamiche, perfettamente integro, nessun cenno che rimanda ai suoi 20 anni. Quasi adolescenziale nello sprigionare la sua potenza, trama fitta e freschezza imbarazzante. Ti scuote il palato e si lascia ricordare con una persistenza chilometrica. Un vino potente fresco e dinamico. I bevitori seriali di borgogna non so se apprezzano, io che amo varie “tipologie “ di vino l’ho apprezzato eccome.

Rosso poggio di sotto 2006: frutta rossa sotto spirito, cuoio, pepe rosa, accenni di tabacco, è giunto ormai al massimo delle sue potenzialità. Il tannino quasi nebbioleggiante promette ancora una certa evoluzione, ma poi il frutto che fine farà?Per me un vino all’apice della sua parabola,buono da bere adesso, grazie a una vigente freschezza accompagnata da una guizzante traccia minerale che invoglia la beva di continuo.

Poggio di sotto brunello 2004: non ho scritto note, ma buonissimo da bere in questa fase, la prossima tra un paio di anni.

clos des vignes du maynes cuvee 2016: uno scambio di effusioni tra fragole e incenso, l’amarena chiude il triangolo, un profilo sexy se non lo avete ancora capito!
Fodera il palato con sapori di china e radice.
Adesso capisco da chi yann durieux ha imparato il mestiere.
Levatemi il cavatappi dalle mani, seconda bottiglia nell’arco di 2 mesi...

Alexandre Filaine special cuvèe:
un anno di bottiglia in più rispetto alla sua gemella gli ha fatto più che bene, la bollicina leggermente sgraziata è diventata cremosa, il frutto croccante del pinot è rimasto ma arricchito da richiami tostati e sospiri di gesso, peccato che il prezzo nell’arco di 12 mesi sia aumentato del 50%.


Leflaive Puligny montrachet 2010:
Ha il passo del premier cru, è intenso, sfarzoso, un pezzo di sale.
Capita difficilmente di trovare tanta energia in un village, madame ha preso tutto il buono dell’annata ed ha fatto un grande vino. Rispetto ad altri suoi millesimi che ho assaggiato qui si gioca un’altra partita. Chapeau

Barolo Serralunga principiano 2010: non capisco perchè nessuno beve questo vino nonostante venga proposto ad un prezzo onestissimo.
Buonissimo anche il 2013

Pelaverga burlotto 2017: sempre goloso, in ogni annata.

Amarone Quintarelli 2000: l’amarone, persistenza infinita. Vino assolutamente da meditazione

jean françois ganevat chamois du paradis 2014: questa cuvee prodotta con vecchie viti di chardonnay piantate nel 1949, fa della freschezza la sua caratteristica predominate. Ti incolla al bicchiere con profumi di pesca bianca e pompelmo, il legno ben dosato addolcisce e accompagna un ricamo floreale che va e viene, si muove nel bicchiere con destrezza.
Un’acidità debordante puó infastidire al primo assaggio, manca il sale ad arricchire la materia e la maturità del frutto a controbilanciare tale possente freschezza; i suoi vini sono spesso sbilanciati verso le parti dure, estrosi ,non per tutti. Qualche anno gli gioverà ma rimarrà sempre un vino sulle sue, etichettato dai meno attenti come una spremuta di limone.

Rosso di montalcino salvioni 2011: bottiglia golosissima che fresca puó finire in meno di 30 minuti, se abbinata a salumi e formaggi.

Mio post dopo aver bevuto fallet prevostat brut nature e la bardette 2014 di labet:

Due bottiglie da panico per il prezzo a cui vengono vendute.
Questo dovrebbe far riflettere, sono il primo che muoio dalla curiosità di assaggiare le grandi etichette, ma quando ti trovi di fronte a due gioielli del genere....
Ps fallet lotto L31 ,due anni dalla sboccatura ed è giá mostruoso( in foto si puó vedere dalla gabbietta, Rio 2016), lo scorso anno ho bevuto un L 29 eccezionale.
Per chi frequenta da poco il produttore, consiglio di lasciarlo affinare almeno due anni dalla sboccatura.....

Agrapart avizoise 2011: buonissimo, anche qui un paio di anni gli gioveranno sicuramente.


diebolt vallois prestige:
Pertinato ma cremoso e goloso.

donnhoff hermannshohle 2014: un frullato di agrumi su toni idrocarburici.....persitenza chilometrica... buonissimo

Albino Piona Bardolino sp 2013: Il bardolino con la B maiuscola, frutto nitido e croccante accompagnato da una venatura speziata che ne arricchisce il corredo... grande bevibilità... buono, buono

Oakridge Local Vineyard Series Willow Lake Pinot Noir 2015:
Impudente si denuda sprigionando profumi di fragole,rose e viole.È primaverile, dal frutto dolce, scorrevole, detta la sua trama in maniera decisa.
Un succo del quale non puoi stancarti......stiamo parlando di un vino base da 35 dollari australiani circa.
Ps per chi non lo sapesse, la yarra valley è una regione vinicola vicino Melbourne,che insieme a Mornington peninsula, è tra le regioni più vocate per la produzione di pinot nero.

Barolo accomasso 2010 dedicato ad elena( ex rocchette) :
In questo momemto è in piena fase di chiusura. Aperto a pranzo per cena e scaraffato per 2 ore ma ancora scontroso. Mai in un vino del cavaliere ho percepito tanta sapidità e una la trama tannica così fitta e ricca... il suo 2010 ex le mie vigne è decisamente più accessibile e godibile....qui siamo su un’altro livello, ma bisogna attendere che sbocci.

Granit 30 Vincent Paris:
Il piccolo di casa Paris, un cesto di more e mirtilli della nonna,nuance floreali e chiodi di garofano. Nell’attesa che il tannino mordente della geynale 2015 si risolva, perchè non coccolarsi con il granit 30? Glu glu glu..
Ps si raccomanda di berlo in due con compagno astemio possibilmente.

novak la tuilerie: buonissimo

novak la fontinette: molto buono

marie courtin efflorescence 100% pinot noir: buonissimo

Denis bachelet gevrey chambertin vieilles vignes 2012: diciamo subito che ha una caratteristica che tutti i vini di Borgogna dovrebbero avere, è territoriale, dettaglio non proprio scontato perchè a volte il manico prende il sopravvento.
Parte con profumi di camino spento che non gli appartengono, se ne libera infatti presto lasciando spazio ad un frutto croccante ,liquirizia e note terrose a seguire, fresco a dismisura e cattivo in bocca, incazzato, buono ora e superlativo in futuro.

larmandier bernier terre de vertus 2009:
Solita garanzia

Miani sauvignon saurint 2015:
Esplosivo nei profumi.
Pesca, banana,sambuco,l’utilizzo del legno in maniera magistrale ne arricchisce il bouquet senza schiacciare il frutto,anzi in realtà non lo sfiora neanche.L’ingresso è morbido ma non grasso, la sapiditá raschia la lingua ai lati,un finale alcolico copre la freschezza penalizzando il vino che fino a questo punto era ineccepibile . Purtroppo il calore dell’annata è presente in tutti i 2015 di Miani , il Saurint e friulano Filip sono i suoi vini migliori di questa annata, anche secondo Pontoni.

dom perignon 2009:
La parte olfattiva è ancora in divenire,
sembra rilassato appena aperto ma poi si trattiene e non esplode come al solito.
In questo momento la 2006 anche se più affusolata, ha un altro passo. Ci chiede del tempo ed è giusto concederlo.
Non voglio bocciare il risultato di anni di lavoro con un unico assaggio, anche perchè in bocca è cremoso e polposo allo stesso modo...

larmandier bernier vieille vigne du levant 2007
Vigneti da 52 a 80 anni danno vita al vieille vigne du levant, uno champagne che in questa annata elargisce profumi di Frutta candita, pera cotta, nocciola, pane appena sfornato.... lavora in bocca con finezza e tatto.
Chiude con una lieve nota ossidativa che trascina il sorso in una dimensione remota, vintage.

Krug 2000: sempre un grande champagne, non un’annata delle migliori ma il timbro di krug è unico.

Nebbiolo Rinaldi 2016:
Il nebbiolo o il piccolo barolo:
Prodotto con le stesse uve da cui nasce il Barolo, affronta macerazioni più brevi e riposa minor tempo in botte grande rispetto al fratello maggiore. Il risultato è un piccolo barolo più immediato e leggiadro. I Rinaldi potrebbero produrre solo barolo ed invece continuano a deliziarci con questo nebbiolo rispettando la tradizione e accontentando la ristorazione locale.
Ps non oso immaginare come saranno i barolo 2016!!

chablis bougros william fevre 2012
Gesso, sale,lime, pietra focaia è una centrale elettrica, preme sull’acceleratore, è cristallino, l’acidità smodata collide col palato narcotizzato da tanta forza. Da bere e ribere. Mi emoziono con i Grandi ma anche con i meno Grandi.

Fallet prevostat extra brut: una garanzia.

Cuvee madelln nature 2015: ci sono volute 8 ore per ripulirsi, ed è comunque rimasto qualcosa di impuro, peccato perchè senza puzzette non sarebbe stato male, ma ormai è noto che i negoce di ganevat non sono niente di particolare.

De villane la fortune 2015: glu, glu, glu.

philipponnat 1522 2007
Assolutamente gastronomico, tutto al posto giusto ma niente per cui strapparsi i capelli, vedremo con la 2008 cosa succederà.

jacques carillon puligny montrachet 2014:
Lineare, pirico, lime e mela verde acerba, teso e dal ritorno sapido ghiotto.
Un Village che lavora da Village,senza strafare, in grado di soddisfare a pieno le aspettative. Buono

Resonance marie courtin:
Ci si abitua subito a dei profumi leggermente formaggiosi,perchè in compenso spara delle note di cedro da stordimento. Impattante e di aciditá rindondante. Buono!

Allegracore etana rosso 2016:
Profumi di viole,ciliegie,cannella, e pepe bianco nel sottofondo.
L’ acidità è quasi limososa,il tannino mordente, nessuna rotonditá ad addolcire un vino dritto e teso. Vigne giovani e acciaio per un rosso gastronomico che non lascia spazio a compromessi.

L’anglore Nizon
Esplosivo come del resto lo sono tutti i vini di Eric Pfifferling...mandarino, melograno, fragole... è il classico prototipo di vino bibita,come lo chiama Alessandro,non per magrezza e acidità in esubero, ma per la velocità con cui può evaporare la bottiglia se si ha voglia di farsi coccolare da questi succhi d’uva. Una via di mezzo tra un rosato e un rosso da bere rigorosamente fresco.
Vinos
Messaggi: 979
Iscritto il: 09 feb 2015 23:26

Re: LE BEVUTE DI SETTEMBRE 2018

Messaggioda Vinos » 15 set 2018 11:34

Se riuscite a leggerele tutte vuol dire che non avete un cazzo da fare, come me oggi :-)
Smarco
Messaggi: 3522
Iscritto il: 18 nov 2012 15:01
Località: Ascoli Piceno

Re: LE BEVUTE DI SETTEMBRE 2018

Messaggioda Smarco » 15 set 2018 11:49

Vinos ha scritto:novak la tuilerie: buonissimo

novak la fontinette: molto buono


belle note :lol: :lol: :lol:
Vinos
Messaggi: 979
Iscritto il: 09 feb 2015 23:26

Re: LE BEVUTE DI SETTEMBRE 2018

Messaggioda Vinos » 15 set 2018 11:59

Smarco ha scritto:
Vinos ha scritto:novak la tuilerie: buonissimo

novak la fontinette: molto buono


belle note :lol: :lol: :lol:


Effettivamente sono stato un pó prolisso nel descrivere gli champagne di nowack.... peró quando un vino è buonissimo o molto buono, bisogna impegnarsi..
In realtá sono champagne che finiscono prima che inizio a rifletterci :-)
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7571
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: LE BEVUTE DI SETTEMBRE 2018

Messaggioda zampaflex » 15 set 2018 13:46

Vinos ha scritto:Percarlo 1999:
Un continuo dialogo tra frutto scuro e note balsamiche, perfettamente integro, nessun cenno che rimanda ai suoi 20 anni. Quasi adolescenziale nello sprigionare la sua potenza, trama fitta e freschezza imbarazzante. Ti scuote il palato e si lascia ricordare con una persistenza chilometrica. Un vino potente fresco e dinamico. I bevitori seriali di borgogna non so se apprezzano, io che amo varie “tipologie “ di vino l’ho apprezzato eccome.

Mo' ti citofona Wineduck commosso... 8)

Barolo Serralunga principiano 2010: non capisco perchè nessuno beve questo vino nonostante venga proposto ad un prezzo onestissimo.
Buonissimo anche il 2013

Principiano furoreggia tra i biopasdaràn, qui ha meno spazio perché altalenante

Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Smarco
Messaggi: 3522
Iscritto il: 18 nov 2012 15:01
Località: Ascoli Piceno

Re: LE BEVUTE DI SETTEMBRE 2018

Messaggioda Smarco » 15 set 2018 13:51

Vinos ha scritto:
Smarco ha scritto:
Vinos ha scritto:novak la tuilerie: buonissimo

novak la fontinette: molto buono


belle note :lol: :lol: :lol:


Effettivamente sono stato un pó prolisso nel descrivere gli champagne di nowack.... peró quando un vino è buonissimo o molto buono, bisogna impegnarsi..
In realtá sono champagne che finiscono prima che inizio a rifletterci :-)

La fontinette è quello a base Chardonnay?
Avatar utente
picenum
Messaggi: 879
Iscritto il: 10 nov 2011 13:50
Località: Roma

Re: LE BEVUTE DI SETTEMBRE 2018

Messaggioda picenum » 15 set 2018 13:56

zampaflex ha scritto:Principiano furoreggia tra i biopasdaràn, qui ha meno spazio perché altalenante

dai mo pure principiano... i suoi vini sono sempre puliti, lui per primo non è "biopasdaràn" in senso dispregiativo come tu lo intendi. che siano altalenanti i vini di una stessa annata anche no. che i suoi vini subiscano l'annata mi sembra invece corretto, a me. Quando uscirà il suo Boscareto 2016 poi mi dirai che ne pensi.
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7571
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: LE BEVUTE DI SETTEMBRE 2018

Messaggioda zampaflex » 15 set 2018 14:01

picenum ha scritto:
zampaflex ha scritto:Principiano furoreggia tra i biopasdaràn, qui ha meno spazio perché altalenante

dai mo pure principiano... i suoi vini sono sempre puliti, lui per primo non è "biopasdaràn" in senso dispregiativo come tu lo intendi. che siano altalenanti i vini di una stessa annata anche no. che i suoi vini subiscano l'annata mi sembra invece corretto, a me. Quando uscirà il suo Boscareto 2016 poi mi dirai che ne pensi.


Dal 2009 (ultimo da me provato) al 2016 ce ne corre, avrà messo a punto la ricetta :wink:
Comunque lui è più tradizionale che naturale, ma chissà perché sono i consumatori di vini naturali a prediligerlo.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
BarbarEdo
Messaggi: 718
Iscritto il: 25 apr 2017 23:11

Re: LE BEVUTE DI SETTEMBRE 2018

Messaggioda BarbarEdo » 15 set 2018 15:04

zampaflex ha scritto:
picenum ha scritto:
zampaflex ha scritto:Principiano furoreggia tra i biopasdaràn, qui ha meno spazio perché altalenante

dai mo pure principiano... i suoi vini sono sempre puliti, lui per primo non è "biopasdaràn" in senso dispregiativo come tu lo intendi. che siano altalenanti i vini di una stessa annata anche no. che i suoi vini subiscano l'annata mi sembra invece corretto, a me. Quando uscirà il suo Boscareto 2016 poi mi dirai che ne pensi.


Dal 2009 (ultimo da me provato) al 2016 ce ne corre, avrà messo a punto la ricetta :wink:
Comunque lui è più tradizionale che naturale, ma chissà perché sono i consumatori di vini naturali a prediligerlo.

Come ti era sembrato il boscareto 2009?
Primum bibere deinde philosophari
Vinos
Messaggi: 979
Iscritto il: 09 feb 2015 23:26

Re: LE BEVUTE DI SETTEMBRE 2018

Messaggioda Vinos » 15 set 2018 15:08

Smarco ha scritto:
Vinos ha scritto:
Smarco ha scritto:
Vinos ha scritto:novak la tuilerie: buonissimo

novak la fontinette: molto buono


belle note :lol: :lol: :lol:


Effettivamente sono stato un pó prolisso nel descrivere gli champagne di nowack.... peró quando un vino è buonissimo o molto buono, bisogna impegnarsi..
In realtá sono champagne che finiscono prima che inizio a rifletterci :-)

La fontinette è quello a base Chardonnay?


No meunieur...
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7571
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: LE BEVUTE DI SETTEMBRE 2018

Messaggioda zampaflex » 15 set 2018 18:37

BarbarEdo ha scritto:
zampaflex ha scritto:
picenum ha scritto:
zampaflex ha scritto:Principiano furoreggia tra i biopasdaràn, qui ha meno spazio perché altalenante

dai mo pure principiano... i suoi vini sono sempre puliti, lui per primo non è "biopasdaràn" in senso dispregiativo come tu lo intendi. che siano altalenanti i vini di una stessa annata anche no. che i suoi vini subiscano l'annata mi sembra invece corretto, a me. Quando uscirà il suo Boscareto 2016 poi mi dirai che ne pensi.


Dal 2009 (ultimo da me provato) al 2016 ce ne corre, avrà messo a punto la ricetta :wink:
Comunque lui è più tradizionale che naturale, ma chissà perché sono i consumatori di vini naturali a prediligerlo.

Come ti era sembrato il boscareto 2009?


Buono, sul frutto ma con amari fini a complessare, ma un po' troppo caldo. Problema, quello dell'alcool, visto anche nella 2007. Annate non ottimali, va bene, ma ad un certo punto devi prendere la mano.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
BarbarEdo
Messaggi: 718
Iscritto il: 25 apr 2017 23:11

Re: LE BEVUTE DI SETTEMBRE 2018

Messaggioda BarbarEdo » 16 set 2018 08:54

zampaflex ha scritto:
BarbarEdo ha scritto:
zampaflex ha scritto:
picenum ha scritto:
zampaflex ha scritto:Principiano furoreggia tra i biopasdaràn, qui ha meno spazio perché altalenante

dai mo pure principiano... i suoi vini sono sempre puliti, lui per primo non è "biopasdaràn" in senso dispregiativo come tu lo intendi. che siano altalenanti i vini di una stessa annata anche no. che i suoi vini subiscano l'annata mi sembra invece corretto, a me. Quando uscirà il suo Boscareto 2016 poi mi dirai che ne pensi.


Dal 2009 (ultimo da me provato) al 2016 ce ne corre, avrà messo a punto la ricetta :wink:
Comunque lui è più tradizionale che naturale, ma chissà perché sono i consumatori di vini naturali a prediligerlo.

Come ti era sembrato il boscareto 2009?


Buono, sul frutto ma con amari fini a complessare, ma un po' troppo caldo. Problema, quello dell'alcool, visto anche nella 2007. Annate non ottimali, va bene, ma ad un certo punto devi prendere la mano.

Mi ritrovo in quello che scrivi. Ti chiedevo perché leggendo quanto avevi scritto prima mi sembrava che bocciassi il vino tout court. Bevuto 3-4 anni fa, ne avevo un buon ricordo, nonostante l'alcolicità un po' slegata.
Credo che oggi abbia pratiche "naturali" piuttosto radicali: da quanto ho capito nella Ravera non dà più nulla (nemmeno rame e zolfo), a meno di annate gramissime. Poi a dirla tutta se c'è un suo vino che non amo è proprio il Ravera...
Primum bibere deinde philosophari
AmoSlade
Messaggi: 472
Iscritto il: 18 nov 2014 10:55

Re: LE BEVUTE DI SETTEMBRE 2018

Messaggioda AmoSlade » 17 set 2018 07:53

Champagne blanc de noirs - Benoit Lahaye: deg. 04/2015. Qualche riflesso rosato nel colore, profumi molto sui fruttini rossi acerbi, mela rossa, tanta mineralità. Uno champagne ben fatto anche se abbastanza rustico; manca un po' di complessità, ma è ottimo compagno del cibo. Del capocollo di maiale alla piastra è stata la morte sua.

Carema 2010 - Ferrando: il solito, elegantissimo, cesto di fruttini rossi e fiori con una sottile speziatura di sottofondo. La solita struttura impalpabile ma infiltrante, finale lungo e molto sapido. Insomma, il solito vino che non smetterei mai di bere.
Avatar utente
Kalosartipos
Messaggi: 13093
Iscritto il: 07 giu 2007 13:57
Località: Cremona
Contatta:

Re: LE BEVUTE DI SETTEMBRE 2018

Messaggioda Kalosartipos » 17 set 2018 16:27

AmoSlade ha scritto:Carema 2010 - Ferrando: il solito, elegantissimo, cesto di fruttini rossi e fiori con una sottile speziatura di sottofondo. La solita struttura impalpabile ma infiltrante, finale lungo e molto sapido. Insomma, il solito vino che non smetterei mai di bere.

:D :wink:
"La vita è breve e bisogna che uno se la beva tutta".
Osvaldo Soriano - "L'ora senz'ombra"
Avatar utente
gianni femminella
Messaggi: 2058
Iscritto il: 26 nov 2010 14:43
Località: Castiglione della Pescaia - Finale Emilia

Re: LE BEVUTE DI SETTEMBRE 2018

Messaggioda gianni femminella » 17 set 2018 17:18

miccel ha scritto:Ieri, come terza batteria di una bevuta già piuttosto impegnativa, ci sono "capitati" tre vini uno più buono dell'altro:
Roagna - La Rocca e la Pira 2003
Cortese - Rabajà riserva 2008
Ormanni - Etichetta Storica 2006
Questo chianti ha retto, sotto tutti i punti di vista, il passo degli altri due. Ed era un gran passo.


Concordo. Grande vino e grande batteria. Spendo una parola sulla annotazione dell'amico miccel.

Ieri, in un bell'agriturismo in Maremma, abbiamo pranzato a base di ottima carne di maiale di cinta. Se vi capitasse si chiama Casetta Santini e trovate facilmente il loro sito.
Tre batterie da tre bottiglie; quella sopra era l'ultima e, siccome di beventi in pratica eravamo in sei e le bottiglie le finiamo, alla fine eravamo un po' cotti. Nonostante ciò il Roagna in particolare mi ha grandemente impressionato. Colore chiarissimo e opaco che per me non era un buon presagio. Il resto del tavolo non se n'è dato pensiero. Profumi lievi ed evoluti. Ma in bocca era tutta un'altra cosa, di una bontà eclatante, privo di cedimenti, con tutta l'energia di un vino di gran razza e sostanza.
Foied vino pipafo cra carefo
Oggi bevo vino domani non ne avrò
AmoSlade
Messaggi: 472
Iscritto il: 18 nov 2014 10:55

Re: LE BEVUTE DI SETTEMBRE 2018

Messaggioda AmoSlade » 17 set 2018 18:04

Kalosartipos ha scritto:
AmoSlade ha scritto:Carema 2010 - Ferrando: il solito, elegantissimo, cesto di fruttini rossi e fiori con una sottile speziatura di sottofondo. La solita struttura impalpabile ma infiltrante, finale lungo e molto sapido. Insomma, il solito vino che non smetterei mai di bere.

:D :wink:


Non ho resistito a lungo ;)
BarbarEdo
Messaggi: 718
Iscritto il: 25 apr 2017 23:11

Re: LE BEVUTE DI SETTEMBRE 2018

Messaggioda BarbarEdo » 17 set 2018 21:35

AmoSlade ha scritto:
Kalosartipos ha scritto:
AmoSlade ha scritto:Carema 2010 - Ferrando: il solito, elegantissimo, cesto di fruttini rossi e fiori con una sottile speziatura di sottofondo. La solita struttura impalpabile ma infiltrante, finale lungo e molto sapido. Insomma, il solito vino che non smetterei mai di bere.

:D :wink:


Non ho resistito a lungo ;)

Dalla descrizione direi etichetta bianca... O mi sbaglio?
Bevuto da poco un suo 2007, altro campione di eleganza, stupendo.
Primum bibere deinde philosophari
AmoSlade
Messaggi: 472
Iscritto il: 18 nov 2014 10:55

Re: LE BEVUTE DI SETTEMBRE 2018

Messaggioda AmoSlade » 17 set 2018 22:05

BarbarEdo ha scritto:
AmoSlade ha scritto:
Kalosartipos ha scritto:
AmoSlade ha scritto:Carema 2010 - Ferrando: il solito, elegantissimo, cesto di fruttini rossi e fiori con una sottile speziatura di sottofondo. La solita struttura impalpabile ma infiltrante, finale lungo e molto sapido. Insomma, il solito vino che non smetterei mai di bere.

:D :wink:


Non ho resistito a lungo ;)

Dalla descrizione direi etichetta bianca... O mi sbaglio?
Bevuto da poco un suo 2007, altro campione di eleganza, stupendo.


Esatto, ho dimenticato di specificare. È un po' che mi riprometto di lasciarne un paio ad invecchiare qualche anno, ma cado puntualmente in tentazione, senza peraltro pentirmi più di tanto, avendo trovato sempre vino godibilissimi (seppur lontani dalla via del tramonto).
Fra l'altro, la nera non l'ho mai provata. Sarà che mi dà l'idea di un vino pensato per avere più "sostanza", ma se è di questa che ho voglia allora mi rivolgo ad altri nebbioli. Ripeto, non l'ho mai provata quindi trattasi di preconcetto, sono pronto ad essere smentito :)
dc87
Messaggi: 440
Iscritto il: 28 feb 2012 16:47

Re: LE BEVUTE DI SETTEMBRE 2018

Messaggioda dc87 » 17 set 2018 23:22

BarbarEdo ha scritto:
zampaflex ha scritto:
BarbarEdo ha scritto:
zampaflex ha scritto:
picenum ha scritto:dai mo pure principiano... i suoi vini sono sempre puliti, lui per primo non è "biopasdaràn" in senso dispregiativo come tu lo intendi. che siano altalenanti i vini di una stessa annata anche no. che i suoi vini subiscano l'annata mi sembra invece corretto, a me. Quando uscirà il suo Boscareto 2016 poi mi dirai che ne pensi.


Dal 2009 (ultimo da me provato) al 2016 ce ne corre, avrà messo a punto la ricetta :wink:
Comunque lui è più tradizionale che naturale, ma chissà perché sono i consumatori di vini naturali a prediligerlo.

Come ti era sembrato il boscareto 2009?


Buono, sul frutto ma con amari fini a complessare, ma un po' troppo caldo. Problema, quello dell'alcool, visto anche nella 2007. Annate non ottimali, va bene, ma ad un certo punto devi prendere la mano.

Mi ritrovo in quello che scrivi. Ti chiedevo perché leggendo quanto avevi scritto prima mi sembrava che bocciassi il vino tout court. Bevuto 3-4 anni fa, ne avevo un buon ricordo, nonostante l'alcolicità un po' slegata.
Credo che oggi abbia pratiche "naturali" piuttosto radicali: da quanto ho capito nella Ravera non dà più nulla (nemmeno rame e zolfo), a meno di annate gramissime. Poi a dirla tutta se c'è un suo vino che non amo è proprio il Ravera...


Hai bevuto Ravera 2013?
A me è piaciuto molto... nonostante anch’io preferisca, solitamente, serralunga e boscareto (nonostante siano molto diversi tra loro).

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 9 ospiti