SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7381
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda zampaflex » 09 nov 2017 16:49

Ziliovino ha scritto:Curiosità: i vini di "Pizzo Coca" qualcuno li ha ancora assaggiati? io mai sentiti...


Mai assaggiati, e ho qualche resistenza istintiva a farlo. Sentirò cosa mi dice qualcuno in Valle.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
gp
Messaggi: 2662
Iscritto il: 22 apr 2008 11:39

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda gp » 09 nov 2017 19:16

zampaflex ha scritto:
l'oste ha scritto:Per capire, chiedo pareri prima di fare spese.
Di Ar.pe.pe ho trovato Rocce Rosse ris. 2007 a 40€, Stella Retica 2012 e Grumello Rocca de Piro ris.2010 a 27€, Inferno Fiamme Antiche (credo 2010) a 29€ e il Rosso di Valtellina a 15.
Che faccio, prendo?


RR 07 tutto quello che puoi

sugli altri, 2010 e 2012, puoi andare più leggero

Se il rosso è 2014 lascia stare, è sciapo

Il Grumello riserva Rocca de Piro 2010 a me è sempre piaciuto particolarmente. Pensavo che col tempo sarebbe stato superato dallo Stella Retica pari annata, ma non è andata così, almeno fino a poco tempo fa.

Il Rosso di Valtellina 2014 è sicuramente ossuto, ma è un esempio interessante di vino da montagna in annata difficile, oltretutto presa di contropelo attraverso una macerazione prolungata. Se ho intuito bene che tipo è l'oste, potrebbe interessarlo più di un'annata normale come per esempio la 2013, in cui il Rosso di Valtellina risultava aggraziato ma un po' superficiale.
gp
Avatar utente
benux
Messaggi: 598
Iscritto il: 21 apr 2010 12:50

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda benux » 09 nov 2017 19:31

io invece sarei curioso di assaggiare ultimi raggi di arpepe trovato online a 40 euro, vale la pena?
maxer
Messaggi: 2808
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: nordico

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda maxer » 09 nov 2017 19:40

Ziliovino ha scritto:Curiosità: i vini di "Pizzo Coca" qualcuno li ha ancora assaggiati? io mai sentiti...

Altra curiosità: dei vini di "Buko Ero", ne sapete qualcosa ? Io non li ho mai bevuti e ne ho sentito parlar male. Confermate ?
carpe diem 8)
Avatar utente
l'oste
Messaggi: 12415
Iscritto il: 06 giu 2007 14:41
Località: campagna

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda l'oste » 10 nov 2017 01:41

gp ha scritto:
zampaflex ha scritto:
l'oste ha scritto:Per capire, chiedo pareri prima di fare spese.
Di Ar.pe.pe ho trovato Rocce Rosse ris. 2007 a 40€, Stella Retica 2012 e Grumello Rocca de Piro ris.2010 a 27€, Inferno Fiamme Antiche (credo 2010) a 29€ e il Rosso di Valtellina a 15.
Che faccio, prendo?


RR 07 tutto quello che puoi

sugli altri, 2010 e 2012, puoi andare più leggero

Se il rosso è 2014 lascia stare, è sciapo

Il Grumello riserva Rocca de Piro 2010 a me è sempre piaciuto particolarmente. Pensavo che col tempo sarebbe stato superato dallo Stella Retica pari annata, ma non è andata così, almeno fino a poco tempo fa.

Il Rosso di Valtellina 2014 è sicuramente ossuto, ma è un esempio interessante di vino da montagna in annata difficile, oltretutto presa di contropelo attraverso una macerazione prolungata. Se ho intuito bene che tipo è l'oste, potrebbe interessarlo più di un'annata normale come per esempio la 2013, in cui il Rosso di Valtellina risultava aggraziato ma un po' superficiale.

Alla fine ho preso 3 Rocce rosse 2007, 1 Stella Retica 2012, 2 Grumello ris.2010 e 2 Rosso di Valtellina 2012. Praticamente gli ho preso tutto Ar.pe.pe, ho lasciato solo Ultimi Raggi, l'Inferno e due Stella Retica. Mi ha anche fatto uno sconticino, gentilissima tipa dell'enoteca in zona nord Piemonte,hanno soprattutto Colline novaresi, Ghemme, Gattinara e Bramaterra qualche Carema, pochissime cose extra zona ma tutto a prezzi molto umani.
Non importa chi sarà l'ultimo a spegnere la luce. E' già buio.


Iir Boon Gesùuu/ ciii/ fuuur/ mini
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7381
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda zampaflex » 10 nov 2017 11:18

benux ha scritto:io invece sarei curioso di assaggiare ultimi raggi di arpepe trovato online a 40 euro, vale la pena?


A me è sempre piaciuto, anche nelle annate più vecchie, quando lo stile era ancora quello crepuscolare e magro, proprio perché, essendo una vendemmia tardiva, arrotondava il sorso e arricchiva il gusto.
Direi che ne valga sempre la pena; con le ultimissime annate dove lo stile è cambiato, però, non saprei.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Bruciato
Messaggi: 267
Iscritto il: 10 ott 2014 21:18

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda Bruciato » 10 nov 2017 12:48

zampaflex ha scritto:
benux ha scritto:io invece sarei curioso di assaggiare ultimi raggi di arpepe trovato online a 40 euro, vale la pena?


A me è sempre piaciuto, anche nelle annate più vecchie, quando lo stile era ancora quello crepuscolare e magro, proprio perché, essendo una vendemmia tardiva, arrotondava il sorso e arricchiva il gusto.
Direi che ne valga sempre la pena; con le ultimissime annate dove lo stile è cambiato, però, non saprei.


io sto cambiamento di stile in Arpeppe non l'ho mai trovato...

intendi in tutti i prodotti o solo nell'Ultimi raggi?
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7381
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda zampaflex » 10 nov 2017 13:05

Bruciato ha scritto:
zampaflex ha scritto:
benux ha scritto:io invece sarei curioso di assaggiare ultimi raggi di arpepe trovato online a 40 euro, vale la pena?


A me è sempre piaciuto, anche nelle annate più vecchie, quando lo stile era ancora quello crepuscolare e magro, proprio perché, essendo una vendemmia tardiva, arrotondava il sorso e arricchiva il gusto.
Direi che ne valga sempre la pena; con le ultimissime annate dove lo stile è cambiato, però, non saprei.


io sto cambiamento di stile in Arpeppe non l'ho mai trovato...

intendi in tutti i prodotti o solo nell'Ultimi raggi?


Nelle riserve "classiche". Un Rocce Rosse anni 90 o inizio 2000 era più evoluto, scarno, metallico rispetto al frutto più evidente di oggi. Così come le due nuove riserve prodotte dal 2009 sono più puntate sul godimento frutt(u)oso che sulla cerebralità autunnale.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
cruyff1974
Messaggi: 15
Iscritto il: 28 lug 2016 11:11

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda cruyff1974 » 10 nov 2017 15:38

Ziliovino ha scritto:Curiosità: i vini di "Pizzo Coca" qualcuno li ha ancora assaggiati? io mai sentiti...


Pizzo coca davvero molto interessante, Il "basettone" é un IGT fatto con uve sia da vigneti di "proprietà" che con uve da conferitori. Diretto, semplice, sincero. Classico vino da pasto ben fatto. La riserva (grumello) davvero un bel vino, profumato, intenso e bilanciato (sia bocca che naso) con ottime potenzialità evolutive. Stilisticamente mi ricordano molto i vini di Dirupi, sarà che forse hanno collaborato e/o sono amici... non ricordo precisamente. Unica nota lievemente stonata é il prezzo della riserva che é sul 30ello mentre l'IGT 10 euro sinceri;-)
Bruciato
Messaggi: 267
Iscritto il: 10 ott 2014 21:18

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda Bruciato » 10 nov 2017 19:30

zampaflex ha scritto:Nelle riserve "classiche". Un Rocce Rosse anni 90 o inizio 2000 era più evoluto, scarno, metallico rispetto al frutto più evidente di oggi. Così come le due nuove riserve prodotte dal 2009 sono più puntate sul godimento frutt(u)oso che sulla cerebralità autunnale.


ho la sensazione che sia più dovuto alle annate più calde e al frutto di partenza che ad una decisione della cantina di aumentare la concentrazione e il frutto. anche perchè altrimenti il rosso base non sarebbe così "slavato".
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7381
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda zampaflex » 10 nov 2017 21:05

Bruciato ha scritto:
zampaflex ha scritto:Nelle riserve "classiche". Un Rocce Rosse anni 90 o inizio 2000 era più evoluto, scarno, metallico rispetto al frutto più evidente di oggi. Così come le due nuove riserve prodotte dal 2009 sono più puntate sul godimento frutt(u)oso che sulla cerebralità autunnale.


ho la sensazione che sia più dovuto alle annate più calde e al frutto di partenza che ad una decisione della cantina di aumentare la concentrazione e il frutto. anche perchè altrimenti il rosso base non sarebbe così "slavato".


2007 e 2009 sono due grandi annate in valle, che facilitano il lavoro e la ricerca di rotondità . Non escludo che questo sia partito dalla vigna. Ma la differenza è palpabile.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7381
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda zampaflex » 10 nov 2017 21:18

Secondo vino premiato :
Rainoldi - Sassella riserva 2013

Naso molto più identificabile e riconducibile in valle. Colore più scuro, con riflessi granata.
Salinità e freschezza dominano il sorso, veicolando una bella olfazione di ribes, melograno, fiori secchi e umami. Passaggio sul palato graduale, senza discontinuità.
Leggerissime note lattee in chiusura, echi di ferruginosità in acque poco profonde (citazione musicale)

Non un mostro di intensità , ma un vino più classico, razionale non però nel senso di costruito, elegante. Un buon esempio del territorio e del cru e pertanto premiabile in senso relativo a tipologia e zona, con un poco di ottimismo valutativo ;-)
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Avatar utente
pippuz
Messaggi: 20191
Iscritto il: 06 giu 2007 11:05
Località: MilanoMilano

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda pippuz » 15 nov 2017 10:23

picenum ha scritto:Bella panoramica ieri sera con Marco Vuono (Terra Vino, Sondrio) sceso nella capitale per parlarci di Valtellina.
Questi gli assaggi che segnalerei:

Rocce Rosse 1999. Grande vino.

I Ciaz 2013, già segnalato qui piaciuto molto.

vorrei segnalare infine per l'ottimo rapporto q/p le Urscele di Motalli Renato di cui ho bevuto con goduria un bel 2007.

Li hai assaggiati 2002-2005-2007 ?
over the mountain watching the watcher
breaking the darkness waking the grapevine
one inch of love is one inch of shadow
love is the shadow that ripens the wine
Avatar utente
picenum
Messaggi: 871
Iscritto il: 10 nov 2011 13:50
Località: Roma

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda picenum » 15 nov 2017 10:23

Bella panoramica ieri sera con Marco Vuono (Terra Vino, Sondrio) sceso nella capitale per parlarci di Valtellina.
Questi gli assaggi che segnalerei:

Rocce Rosse 1999. Grande vino.

I Ciaz 2013, già segnalato qui piaciuto molto.

vorrei segnalare infine per l'ottimo rapporto q/p le Urscele di Motalli Renato di cui ho bevuto con goduria un bel 2007.
maxer
Messaggi: 2808
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: nordico

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda maxer » 16 nov 2017 21:26

zampaflex ha scritto:Secondo vino premiato :
Rainoldi - Sassella riserva 2013

Naso molto più identificabile e riconducibile in valle. Colore più scuro, con riflessi granata.
Salinità e freschezza dominano il sorso, veicolando una bella olfazione di ribes, melograno, fiori secchi e umami. Passaggio sul palato graduale, senza discontinuità.
Leggerissime note lattee in chiusura, echi di ferruginosità in acque poco profonde (citazione musicale)

Non un mostro di intensità , ma un vino più classico, razionale non però nel senso di costruito, elegante. Un buon esempio del territorio e del cru e pertanto premiabile in senso relativo a tipologia e zona, con un poco di ottimismo valutativo ;-)

Assaggiato un' ora fa come aperitivo :arrow: : fatto il bis ! Concordo alla lettera con la tua descrizione. :D
E questa volta (pur da convinto globalista, ma sempre pronto ad aprirmi anche ad altre tipologie di vini) uso un termine che potrà far storcere la bocca a qualcuno: grande e piacevolissima 'bevibilità'.
carpe diem 8)
Avatar utente
picenum
Messaggi: 871
Iscritto il: 10 nov 2011 13:50
Località: Roma

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda picenum » 16 nov 2017 21:58

pippuz ha scritto:
picenum ha scritto:Bella panoramica ieri sera con Marco Vuono (Terra Vino, Sondrio) sceso nella capitale per parlarci di Valtellina.
Questi gli assaggi che segnalerei:

Rocce Rosse 1999. Grande vino.

I Ciaz 2013, già segnalato qui piaciuto molto.

vorrei segnalare infine per l'ottimo rapporto q/p le Urscele di Motalli Renato di cui ho bevuto con goduria un bel 2007.

Li hai assaggiati 2002-2005-2007 ?


se parli del Rocce Rosse ho qualche bevuta alle spalle ma non ricordo. il 2007 sicuro si ed è per me un gran vino.
gp
Messaggi: 2662
Iscritto il: 22 apr 2008 11:39

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda gp » 21 nov 2017 11:00

nel thread sugli assaggi di novembre, merlotto85 ha scritto:
AmoSlade ha scritto:Rocce Rosse 2007 - Arpepe: qualcuno qui forse mi prenderà per matto, ma io preferisco le versioni più affilate e, come si sente dire spesso a proposito di questo vino, "autunnali". In questa annata mi è parso più orizzontale che verticale, con più frutto e meno fiori secchi e radici, più balsamico, più pronto anche in bocca e meno austero. Sia ben chiaro, tutto in un quadro comunque elegante e l'ho apprezzato parecchio anche così.
Chissà che in queste annate più ricche possa essere l'Inferno, che prima trovavo fin troppo austero, a poter incontrare maggiormente i miei gusti...quando avrò l'occasione lo proverò.

Rocce Rosse 2007 Arpepe
al naso frutto e cenni balsamici , bocca setosa , balsamica , fine ed elegante , concordo su quanto scritto precedentemente su un rocce rosse meno affilato e piu morbido , l' assaggio fatto a marzo disegnava un vino con maggiore sapidita e verve....boh forse bott non in piena forma..

Concordo sulla preferenza per le versioni più autunnali di questo Sassella riserva. Peraltro, rispetto alle altre riserve di ArPePe della stessa annata risulta meno largo e più riuscito (salvo smentite da riassaggi...).
gp
Avatar utente
l'oste
Messaggi: 12415
Iscritto il: 06 giu 2007 14:41
Località: campagna

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda l'oste » 23 nov 2017 03:08

gp ha scritto:
nel thread sugli assaggi di novembre, merlotto85 ha scritto:
AmoSlade ha scritto:Rocce Rosse 2007 - Arpepe: qualcuno qui forse mi prenderà per matto, ma io preferisco le versioni più affilate e, come si sente dire spesso a proposito di questo vino, "autunnali". In questa annata mi è parso più orizzontale che verticale, con più frutto e meno fiori secchi e radici, più balsamico, più pronto anche in bocca e meno austero. Sia ben chiaro, tutto in un quadro comunque elegante e l'ho apprezzato parecchio anche così.
Chissà che in queste annate più ricche possa essere l'Inferno, che prima trovavo fin troppo austero, a poter incontrare maggiormente i miei gusti...quando avrò l'occasione lo proverò.

Rocce Rosse 2007 Arpepe
al naso frutto e cenni balsamici , bocca setosa , balsamica , fine ed elegante , concordo su quanto scritto precedentemente su un rocce rosse meno affilato e piu morbido , l' assaggio fatto a marzo disegnava un vino con maggiore sapidita e verve....boh forse bott non in piena forma..

Concordo sulla preferenza per le versioni più autunnali di questo Sassella riserva. Peraltro, rispetto alle altre riserve di ArPePe della stessa annata risulta meno largo e più riuscito (salvo smentite da riassaggi...).

Vien voglia di sacrificarne una per capire, tanto mal che vada, buono è buono...è che mi "tirava" di più riprovare la 2002...
Non importa chi sarà l'ultimo a spegnere la luce. E' già buio.


Iir Boon Gesùuu/ ciii/ fuuur/ mini
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7381
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda zampaflex » 10 dic 2017 16:58

Boffalora - Pietrisco 2013

Ahi.
Risolve la propria componente aromatica in succo di pomodoro e granatina, e fin qui va bene, tutto sommato.
Difetta però di sostanza, in bocca spegne gli entusiasmi con una prestazione piuttosto modesta, fatta di un po' di classiche componenti locali, ma senza forza, senza grinta, senza spessore. Era ben più buono il 2012. :|
Nota di colore: bottiglia numero 1 di 5000, hovintoquaccheccosa?

Leusciatti - Sassella riserva Del Negus 2012

E così provo anche questa cantina, che finora avevo snobbato, parto saggiamente dalla riserva e faccio bene.
Mi sorprende con un profilo balsamico (golia, anice stellato) che richiama zone più nobili, oltre a una manciata di topic tipici. Bocca molto magra, in cerca di ossigeno e di ciccia, che però fa la sua figura sul cibo. Tannino abbondante, un certo disequilibrio tra le durezze. Però mi diverte più del Pietrisco di cui sopra. :)
Nota di colore: Bruno è contento delle nuove etichette, e fa bene. Chiare, leggibili e di spicco.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Avatar utente
pier2559
Messaggi: 1033
Iscritto il: 19 feb 2009 20:24
Località: Romagna

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda pier2559 » 12 dic 2017 20:10

zampaflex ha scritto:Boffalora - Pietrisco 2013

Ahi.
Risolve la propria componente aromatica in succo di pomodoro e granatina, e fin qui va bene, tutto sommato.
Difetta però di sostanza, in bocca spegne gli entusiasmi con una prestazione piuttosto modesta, fatta di un po' di classiche componenti locali, ma senza forza, senza grinta, senza spessore. Era ben più buono il 2012. :|
Nota di colore: bottiglia numero 1 di 5000, hovintoquaccheccosa?

Fantastico, ho voluto guardare le 3 bottiglie di Pietrisco 2013 che ho in cantina e anche le mie sono tutte numero 1 di 5000... :lol:
A questo punto nel w.e. ne apro una poi ti saprò dire, a me hanno parlato benissimo della 2013
Riempi il tuo cranio di vino, prima che si riempia di terra. (Nazim Hikmet)
Avatar utente
Kalosartipos
Messaggi: 12949
Iscritto il: 07 giu 2007 13:57
Località: Cremona
Contatta:

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda Kalosartipos » 12 dic 2017 20:46

pier2559 ha scritto:Fantastico, ho voluto guardare le 3 bottiglie di Pietrisco 2013 che ho in cantina e anche le mie sono tutte numero 1 di 5000... :lol:

:lol: a me, invece, è capitata la bottiglia numero "412 di 400" di conosciuto produttore borgognone.. ed ho visto pure le 410 e 411, sempre "di 400".. :roll:
"La vita è breve e bisogna che uno se la beva tutta".
Osvaldo Soriano - "L'ora senz'ombra"
dc87
Messaggi: 440
Iscritto il: 28 feb 2012 16:47

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda dc87 » 13 dic 2017 00:19

Bevuto venerdì scorso RR 2007.
Gran vino, a 40€ un cartoncino me lo comprerei.
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7381
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda zampaflex » 13 dic 2017 11:39

dc87 ha scritto:Bevuto venerdì scorso RR 2007.
Gran vino, a 40€ un cartoncino me lo comprerei.


A trovarlo, e a quel prezzo.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
gp
Messaggi: 2662
Iscritto il: 22 apr 2008 11:39

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda gp » 13 dic 2017 12:11

pier2559 ha scritto:
zampaflex ha scritto:Boffalora - Pietrisco 2013
Ahi.
Risolve la propria componente aromatica in succo di pomodoro e granatina, e fin qui va bene, tutto sommato.
Difetta però di sostanza, in bocca spegne gli entusiasmi con una prestazione piuttosto modesta, fatta di un po' di classiche componenti locali, ma senza forza, senza grinta, senza spessore. Era ben più buono il 2012. :|
Nota di colore: bottiglia numero 1 di 5000, hovintoquaccheccosa?

Fantastico, ho voluto guardare le 3 bottiglie di Pietrisco 2013 che ho in cantina e anche le mie sono tutte numero 1 di 5000... :lol:
A questo punto nel w.e. ne apro una poi ti saprò dire, a me hanno parlato benissimo della 2013

Riassaggiato la scorsa estate, a confronto (non programmato) con due vini di produttori... "zampaflexiani" in successione, il Valgella Söl del suo adorato Barbacàn (ma 2014) e il Sassella Del Negus 2013 della sua new entry Leusciatti.
Inutile dire che ha fatto un figurone in entrambe le serate. Rosa d’ordinanza in evidenza, garofano, anice, note minerali (pomodoro non pervenuto: sarà forse il famoso “ciliegino di Dubino”?), in bocca mostra acidità spiccata, tannini duretti / sinceri, sale serio, dolcezza sottile ma infiltrante. Volendo essere pignoli c’è anche un leggero freno vegetale, ma non è in primo piano e non elide i pregi del vino, notevole interpretazione di Nebbiolo valtellinese in buona annata – in relazione all’annata difficile, il suo 2014 mi è sembrato ancora più notevole. Riguardo al 2012, posso dire che l’anno prima il confronto diretto tra il 2013 appena uscito e il 2012 era stato vinto dal primo.

Brevemente sugli altri due: nel Söl 2014 la confettura di frutta stracotta del naso si specchia in una bocca imperniata sul contrasto tra acidità e frutto molto dolce, che vira sulla gelatina di frutti di bosco neri, tannini addomesticati / evanescenti, nota vegetale-silvana magari anche pirazinica.
Il Del Negus 2013 era sul rustico andante, naso con prevalenza di foglie secche e dado da brodo, bocca con carbonica inizialmente in evidenza (una costante di questo vino) e curioso tratto dolce-amaro di tamarindo, anche qui note evolute. Se non avessi assaggiato altre annate di questo vino (alcune delle quali peraltro più riuscite nonostante l’imprecisione) penserei a una bottiglia fallata. Tappo da discount, come al solito per questo vino: nel suo recente restyling il produttore avrà finalmente risolto questo problema o si sarà limitato a cambiare completamente le etichette?

Ah, rispetto al’etichetta del Pietrisco 2013 “1 di 5000” significa “una di cinquemila”, non “la prima di cinquemila”…
gp
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7381
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda zampaflex » 13 dic 2017 12:19

gp ha scritto:Riassaggiato la scorsa estate, a confronto (non programmato) con due vini di produttori... "zampaflexiani" in successione, il Valgella Söl del suo adorato Barbacàn (ma 2014) e il Sassella Del Negus 2013 della sua new entry Leusciatti.
Inutile dire che ha fatto un figurone in entrambe le serate. Rosa d’ordinanza in evidenza, garofano, anice, note minerali (pomodoro non pervenuto: sarà forse il famoso “ciliegino di Dubino”?), in bocca mostra acidità spiccata, tannini duretti / sinceri, sale serio, dolcezza sottile ma infiltrante. Volendo essere pignoli c’è anche un leggero freno vegetale, ma non è in primo piano e non elide i pregi del vino, notevole interpretazione di Nebbiolo valtellinese in buona annata – in relazione all’annata difficile, il suo 2014 mi è sembrato ancora più notevole. Riguardo al 2012, posso dire che l’anno prima il confronto diretto tra il 2013 appena uscito e il 2012 era stato vinto dal primo.

Brevemente sugli altri due: nel Söl 2014 la confettura di frutta stracotta del naso si specchia in una bocca imperniata sul contrasto tra acidità e frutto molto dolce, che vira sulla gelatina di frutti di bosco neri, tannini addomesticati / evanescenti, nota vegetale-silvana magari anche pirazinica.
Il Del Negus 2013 era sul rustico andante, naso con prevalenza di foglie secche e dado da brodo, bocca con carbonica inizialmente in evidenza (una costante di questo vino) e curioso tratto dolce-amaro di tamarindo, anche qui note evolute. Se non avessi assaggiato altre annate di questo vino (alcune delle quali peraltro più riuscite nonostante l’imprecisione) penserei a una bottiglia fallata. Tappo da discount, come al solito per questo vino: nel suo recente restyling il produttore avrà finalmente risolto questo problema o si sarà limitato a cambiare completamente le etichette?

Ah, rispetto all’etichetta del Pietrisco 2013 “1 di 5000” significa “una di cinquemila”, non “la prima di cinquemila”…


Penso di potere dire che, come altri piccoli, Barbacan abbia azzeccato il vino nella prima annata prodotta (2011) e poi abbia vagato in cerca di ispirazione. E' uscito con un cru nuovo (Pizamèi), devo ancora provarlo.

Il Pietrisco 13 da me stappato era purtroppo sul banale andante, posso facilmente recuperarne una nuova bottiglia e ritestarlo. Botte diversa, vino differente?

Leusciatti, non casualmente, sullo scaffale era di fianco a Nobili. L'enotecaro avrà voluto suggerire qualcosa? :D

PS: sull'1 SU 5000 oramai ci eravamo arrivati. Ah, qual spirito egualitario... :wink:
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nexus1990 e 5 ospiti