Galloni lascia WA

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Avatar utente
Ludi
Messaggi: 2887
Iscritto il: 22 lug 2008 10:02
Località: Roma

Galloni lascia WA

Messaggioda Ludi » 13 feb 2013 19:40

Notizia appena ricevuta....si metterà in proprio (anche se non è ancora noto in che forme). Dall'annuncio di Parker pare di capire che si avvarrà di nuovi collaboratori (immagino per coprire anzitutto l'Italia, visto che per la Borgogna potrebbe affidare l'incarico ad altri collaboratori esistenti, come Schldkneckt). La butto là: arriverà Suckling? O è troppo prima donna?
Ultima modifica di Ludi il 14 feb 2013 10:15, modificato 1 volta in totale.
R_Parker
Messaggi: 91
Iscritto il: 05 gen 2011 14:16

Re: Galloni lascia WA

Messaggioda R_Parker » 13 feb 2013 20:27

Il nuovo web enterprise di Galloni sarà www.antoniogalloni.com parzialmente funzionante
Avatar utente
george7179
Messaggi: 2004
Iscritto il: 05 feb 2011 21:32
Località: Reggio Emilia

Re: Galloni lascia WA

Messaggioda george7179 » 13 feb 2013 20:30

Ludi ha scritto:Notizia appena ricevuta....si metterà in proprio (anche se non è ancora noto in che forme). Dall'annuncio di Parker pare di capire che si avvarrà di nuovi collaboratori (immagino per coprire anzitutto l'Italia, visto che per la Borgogna potrebbe affidare l'incarico ad altri collaboratori esistenti, come Schindelneckt). La butto là: arriverà Suckling? O è troppo prima donna?

In poco tempo da "quasi eletto" a dimissionario... :shock:
#23# "The best there ever was, the best there ever will be" #23#
Avatar utente
Baroloonline
Messaggi: 3293
Iscritto il: 06 giu 2007 11:59
Località: Langhe

Re: Galloni lascia WA

Messaggioda Baroloonline » 13 feb 2013 21:49

Peccato, continuerò a seguirlo nella nuova avventura....
Living well is the best revenge

Francesco Oddenino alias "baroloonline"

info @ baroloonline.it
info @ bourgogneonline.it
vinogodi
Messaggi: 28915
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: Galloni lascia WA

Messaggioda vinogodi » 13 feb 2013 22:06

...non lo cagavo prima, non lo cago adesso, non lo cagherò nel prossimo futuro... nel futuro lontano? Chissà... 8)
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
Avatar utente
giucas
Messaggi: 249
Iscritto il: 23 gen 2012 00:13
Località: bologna

Re: Galloni lascia WA

Messaggioda giucas » 13 feb 2013 22:26

vinogodi ha scritto:...non lo cagavo prima, non lo cago adesso, non lo cagherò nel prossimo futuro... nel futuro lontano? Chissà... 8)


....dicci la verità: Parker ti ha già contattato... :wink:
vinogodi
Messaggi: 28915
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: Galloni lascia WA

Messaggioda vinogodi » 13 feb 2013 22:27

giucas ha scritto:
vinogodi ha scritto:...non lo cagavo prima, non lo cago adesso, non lo cagherò nel prossimo futuro... nel futuro lontano? Chissà... 8)


....dicci la verità: Parker ti ha già contattato... :wink:

...sì, ma sono troppo caro, per lui... 8)
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
Avatar utente
vinotec
Messaggi: 27087
Iscritto il: 09 giu 2007 14:19
Località: BRISIGHELLA
Contatta:

Re: Galloni lascia WA

Messaggioda vinotec » 14 feb 2013 06:58

Dear Subscribers & Friends,

You may have seen news circulating online about Antonio Galloni's announcement to venture out on his own. He told me a few hours before the news broke, and I can't say I was surprised that he didn't want to be an employee in our new structure, as he was brought on as an independent contractor. I fully understand his decision and, as I told him, he has done a great job over the last six years and has a brilliant future, in my opinion. He will be missed, but we want you to know we will continue to generate great content and superb reviews. We support Antonio, his work ethic, integrity and grasp of new wine regions - which is fabulous and something to be admired. As much as I hate to see Antonio go in a different direction, I am happy for him and his family and wish him all the good fortune he most deservedly merits.

We are currently in the process of making the most of the expertise of our existing team while also obtaining the services of new talented writers. We expect to have information in this regard to share with you very soon. Meanwhile, it's business as usual at the Wine Advocate with an exciting issue about to go out at the end of February, which includes my reviews of the 2010 Bordeaux wines (in bottle) as well as in-depth regional reports from Neal Martin, David Schildknect, Antonio Galloni, Mark Squires and Lisa Perrotti-Brown.

All my best,
Robert Parker

...anche io continuerò a seguirlo; ha dei gusti che sono nelle mie corde!
Auguri per la tua nuova avventura, Antonio :wink:
UBI MAIOR, MINOR CESSAT !
Avatar utente
Palma
Messaggi: 6704
Iscritto il: 06 giu 2007 12:29

Re: Galloni lascia WA

Messaggioda Palma » 14 feb 2013 10:32

Di tutti i vari critici, blogger, santoni, ecc, italiani mi pare decisamente il meno peggio, quindi lo seguirò ben volentieri.
ex Victor
Extreme fighet du chateau
Sir Panzy
Messaggi: 1173
Iscritto il: 09 giu 2010 00:25

Re: Galloni lascia WA

Messaggioda Sir Panzy » 14 feb 2013 11:59

Continuero' a seguirlo senza indugio..
Mi piace molto come persona... semplice, serio e non immischiato/impantanato nelle logiche purtroppo italiote..
Si può sognare una moltitudine di bevande, ma quando si ha veramente sete bisogna svegliarsi per bere. (F)
Gli specialisti dell'anti grillismo sono quasi + patologici dei grillini. (A.M)
Avatar utente
de magistris
Messaggi: 4495
Iscritto il: 14 lug 2007 13:33

Re: Galloni lascia WA

Messaggioda de magistris » 14 feb 2013 12:11

Sir Panzy ha scritto:Continuero' a seguirlo senza indugio..
Mi piace molto come persona... semplice, serio e non immischiato/impantanato nelle logiche purtroppo italiote..


d'accordissimo: persona molto seria e preparata, è una voce con cui è giusto e stimolante confrontarsi, specialmente quando si esce fuori dai confini della "critica" nazionale.
Paolo De Cristofaro

http://www.tipicamente.it/

Ci si può divertire anche senza alcool. Ma perché correre il rischio? (Roy Hodgson)

Auspico una guida che non metta i vini DRC al vertice. Sarà la migliore. (Edoardo Francvino)
Avatar utente
vinotec
Messaggi: 27087
Iscritto il: 09 giu 2007 14:19
Località: BRISIGHELLA
Contatta:

Re: Galloni lascia WA

Messaggioda vinotec » 14 feb 2013 12:50

...neppure paraginabile lontanamente quella signora che prenderà il suo posto...Lisa Perrotti Brown :|
UBI MAIOR, MINOR CESSAT !
Avatar utente
Ludi
Messaggi: 2887
Iscritto il: 22 lug 2008 10:02
Località: Roma

Re: Galloni lascia WA

Messaggioda Ludi » 14 feb 2013 17:57

Giampiero Bea mi raccontò che, appreso che lui non manda i vini per recensione ma vuole che i recensori lo visitino in cantina per verificare in loco il terroir e le tecniche di lavorazione, Galloni senza indugio prese la macchina e venne a Montefalco. Anche io ne ho una grande stima. Spero che chi lo sostituirà a WA sia preparato, ma comunque antoniogalloni.com diverrà un mio punto di riferimento.
vinogodi
Messaggi: 28915
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: Galloni lascia WA

Messaggioda vinogodi » 14 feb 2013 18:10

..ma qui non si era tutti degli enoevoluti che fanculeggiano la critica nazional/internazionale corrotta , corruttibile e corruttrice? ... 8)
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
Nelle Nuvole
Messaggi: 233
Iscritto il: 10 ott 2012 16:04

Re: Galloni lascia WA

Messaggioda Nelle Nuvole » 14 feb 2013 23:25

vinogodi ha scritto:..ma qui non si era tutti degli enoevoluti che fanculeggiano la critica nazional/internazionale corrotta , corruttibile e corruttrice? ... 8)


appunto, scusate, ma a voi forumisti che ve frega del fatto che Galloni non lavorerà più per il Wine Advocate e si metterà in proprio? Gran parte di voi ha più esperienza e più palato esercitato per i vini italiani (anche francesi?)di qualsiasi Galloni. Certamente il Nostro è una persona seria, incorrutibile ed anche veramente professionale. Gli auguro successo per la sua prossima avventura. Però ha i limiti di chi assaggia migliai di vini troppo in anticipo e ne deve rendere conto velocemente, prima degli altri. prima ancora che le nuove annate siano in vendita. cosicché si tratta sempre di giudizi incompleti e fuorvianti. Questo è il mecccanismo perverso delle recensioni vinose.
[Il giorno della mia nascita mi venne consegnato un certificato di Non-Idoneità
(F.U. Hoff)]
Avatar utente
de magistris
Messaggi: 4495
Iscritto il: 14 lug 2007 13:33

Re: Galloni lascia WA

Messaggioda de magistris » 15 feb 2013 09:29

Nelle Nuvole ha scritto:
vinogodi ha scritto:..ma qui non si era tutti degli enoevoluti che fanculeggiano la critica nazional/internazionale corrotta , corruttibile e corruttrice? ... 8)


appunto, scusate, ma a voi forumisti che ve frega del fatto che Galloni non lavorerà più per il Wine Advocate e si metterà in proprio? Gran parte di voi ha più esperienza e più palato esercitato per i vini italiani (anche francesi?)di qualsiasi Galloni. Certamente il Nostro è una persona seria, incorrutibile ed anche veramente professionale. Gli auguro successo per la sua prossima avventura. Però ha i limiti di chi assaggia migliai di vini troppo in anticipo e ne deve rendere conto velocemente, prima degli altri. prima ancora che le nuove annate siano in vendita. cosicché si tratta sempre di giudizi incompleti e fuorvianti. Questo è il mecccanismo perverso delle recensioni vinose.


punto e a capo. :D
Paolo De Cristofaro

http://www.tipicamente.it/

Ci si può divertire anche senza alcool. Ma perché correre il rischio? (Roy Hodgson)

Auspico una guida che non metta i vini DRC al vertice. Sarà la migliore. (Edoardo Francvino)
Luca Mazzoleni
Messaggi: 2990
Iscritto il: 11 giu 2007 04:21
Contatta:

Re: Galloni lascia WA

Messaggioda Luca Mazzoleni » 15 feb 2013 11:39

vinogodi ha scritto:...non lo cagavo prima, non lo cago adesso, non lo cagherò nel prossimo futuro... nel futuro lontano? Chissà... 8)


:mrgreen: :wink:

comunque dimettersi è il trend del momento. no kidding.
IP 68.198.106.62
vinogodi
Messaggi: 28915
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: Galloni lascia WA

Messaggioda vinogodi » 15 feb 2013 12:05

Nelle Nuvole ha scritto:
vinogodi ha scritto:..ma qui non si era tutti degli enoevoluti che fanculeggiano la critica nazional/internazionale corrotta , corruttibile e corruttrice? ... 8)


1)appunto, scusate, ma a voi forumisti che ve frega del fatto che Galloni non lavorerà più per il Wine Advocate e si metterà in proprio?
2)Gran parte di voi ha più esperienza e più palato esercitato per i vini italiani (anche francesi?)di qualsiasi Galloni.
3) Certamente il Nostro è una persona seria, incorrutibile ed anche veramente professionale. Gli auguro successo per la sua prossima avventura.
4)Però ha i limiti di chi assaggia migliai di vini troppo in anticipo e ne deve rendere conto velocemente, prima degli altri. prima ancora che le nuove annate siano in vendita.
5)cosicché si tratta sempre di giudizi incompleti e fuorvianti. Questo è il mecccanismo perverso delle recensioni vinose.
...straordinaria fucina di spunti, come sempre, Nelle Nuvole. Spunti di riflessione talmente stimolanti che meritano , nonostante i limiti di tempo attuale che mi attanagliano, una puntuale seppur sintetica risposta personale.

1) Hai centrato esattamente il focus dei miei interventi solo apparentemente provocatori, ma ormai stai cominciando a conoscermi. Purtroppo il forum sta prendendo una deriva "commerciale" , dove prima era esattamente il contrario . Come in tanti avranno notato, la sezione "Compra & Vendi" è diventata prevalente, quantitativamente come interventi e contatti, rispetto a quelle di Polemiche e Opinioni. Va da sè che chi è più legato all'attività commerciale legata al vino, i segnali della critica risultino assai più "forti e chiari" , rispetto all'appassionato "puro e duro". Per cui che sia Parker, Galloni , Robinson o Sukling ... sta di fatto che chi sposta equilibri commerciali è oggetto di interesse direi, usando un eufemismo, interessato. Personalmente non me ne frega un cazzo (se non meno, scusa i miei frequenti francesismi : il linguaggio corrente è splendido per esplicitare i veri sentimenti) dei signori succitati e se anche domani partecipassero al primo Masterchef o Grande Fratello che capita o scrvessero su Novella 2000 o su un settimanale qualsiasi , avrebbe per me lo stesso effetto della notizia che Belen è rimasta incinta o che a Fabrizio Corona hanno ridato la patente...
2) Non è vero, ma qualche eccezione c'è, anche se sembra , la tua, una affermazione ironico/sarcastica...
3) Quoto... ma oltre non vado. Non lo conosco di persona, ma se solo avesse la metà delle conoscenze di Borgogna di Giancarlo Marino , la capacità comunicativa di Armando Castagno, la bravura nello scrivere di Luca Santini o la discriminante sensoriale di Luca Mazoleni, diventerei pure io un suo fan sfegatato ...
4) Il limite è anche fisiologico/biologico. Non credo che alcun fisico resista a quel numero di assaggi per tempo relativamente lungo: poi la salute ne va di mezzo, inevitabilmente, così come chi fuma 50 sigarette al giorno. E dire che esiste "una tecnica" che impedisce l'ingestione di alcool per degustazioni così titaniche con periodicità agghiacciante come quelle che si sottopongono Parker & C , son tutte palle... ne consegue che (...punto 5))
5) .... che ritengo per la maggior parte delle volte quei giudizi , come dici tu, "incompleti & fuorvianti" ... quindi, che piffero me ne frega se questo o l'altro le proprie ***...ahem... i propi giudizi li esprime su questo o quel enotabloid? ... boh...
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
Sir Panzy
Messaggi: 1173
Iscritto il: 09 giu 2010 00:25

Re: Galloni lascia WA

Messaggioda Sir Panzy » 15 feb 2013 12:29

appunto, scusate, ma a voi forumisti che ve frega del fatto che Galloni non lavorerà più per il Wine Advocate e si metterà in proprio? Gran parte di voi ha più esperienza e più palato esercitato per i vini italiani (anche francesi?)di qualsiasi Galloni.


beh, se gallons sgancia un 100/100 i forumisti godono.. o piangono.. insomma provano sentimenti :wink:


Certamente il Nostro è una persona seria, incorrutibile ed anche veramente professionale. Gli auguro successo per la sua prossima avventura. Però ha i limiti di chi assaggia migliai di vini troppo in anticipo e ne deve rendere conto velocemente, prima degli altri. prima ancora che le nuove annate siano in vendita. cosicché si tratta sempre di giudizi incompleti e fuorvianti. Questo è il mecccanismo perverso delle recensioni vinose.


Qui invece non sono d'accordo. giudizi sempre incompleti o fuorvianti è troppo. Magari non precisi e non totalmente attendibili ma qualcosetta di buono uscirà da quella mano no?
Come lui, ma magari con meno peso commerciale per le aziende, anche in italia siamo fortunatamente ben forniti di enogiornalisti con i contro coglioni che lavorano con grande etica, passione e capacità senza essere commistionati (ma si puo' dire??) con il pessimo sistema italiota.
Anche quì sul forum.. penso ad alexer3d, de magistris, vinogodi, vignadelmar... e altri che ora dimentico.
Si può sognare una moltitudine di bevande, ma quando si ha veramente sete bisogna svegliarsi per bere. (F)
Gli specialisti dell'anti grillismo sono quasi + patologici dei grillini. (A.M)
Nelle Nuvole
Messaggi: 233
Iscritto il: 10 ott 2012 16:04

Re: Galloni lascia WA

Messaggioda Nelle Nuvole » 15 feb 2013 12:50

Ringrazio Vinogodi per l'attenzione e la sua risposta sintetica.
Riguardo al meccanismo perverso delle anteprime ho scritto un pezzo che dovrebbe uscire la prossima settimana su l'Accademia degli Alterati. L'andazzo va avanti da anni e non sarà possibile cambiarlo. Ci sono esigenze "editoriali" che impongono l'assaggio mesi prima di quando poi verranno pubblicati i risultati e di quando i vini saranno sugli scaffali delle enoteche e nella lista dei vini dei ristoranti. I vini saranno diversi e più integrati, completi, oppure già sulla strada in discesa.
Allora perché? Perché la stragrande maggioranza di coloro che i vini li acquistano è insicura, poco formata, ha bisogno di qualcuno che gli dica cosa comprare e cosa bere. C'è chi lo fa con conoscenza di causa e chi in buona o mala fede commenta superficialmente spandendo giudizi alla cazzo di cane (anche io parlo francese).
Frequentando la sezione del Forum "Polemiche ed opinioni" - quella "Compra e vendi" non mi interessa - mi sono formata l'opinione che gli habitués siano persone smaliziate che non necessitano l'avvallo dei cattedrattici, preferiscono il confronto con gli amatori appassionati. Magari poi dicono castronerie, ma comunque sono allenati e non hanno bisogno di un coach istituzionale.

Infine, due parole sull'importanza dei giudizi dei guru internazionali - fra cui c'è anche Antonio Galloni, nonostante il nome lo considero molto più "americano" che "italiano" -. Dal punto di vista prettamente commerciale i punteggi di quei tre o quattro possono aiutare sì a vendere, ma non tanto come prima. E' vero, come ho scritto sopra, che i loro giudizi influenzano la scelta di una massa "vagante" però alla fine quello che conta è 1) il prezzo finale 2) il marchio 3) la qualità intrinseca e- last but not the least - il convincimento di chi il vino glielo vende, in negozio o al ristorante. Gran parte del mio lavoro all'estero è proprio quello di raggiungere e convincere il penultimo anello della catena commerciale a proporre i miei vini invece di quelli di qualcun altro. Il punteggio è solo l'ultima spiaggia, quando ho esaurito tutte le altre pallottole.
[Il giorno della mia nascita mi venne consegnato un certificato di Non-Idoneità
(F.U. Hoff)]
alì65
Messaggi: 11968
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: Galloni lascia WA

Messaggioda alì65 » 15 feb 2013 13:48

sono d'accordo con NN ma ci sarebbe da fare un distinguo; se parliamo del mercato italiano e francese sono d'accordo perchè le possibilità di assaggiare il prodotto prima dell'acquisto senza seguire a bacchetta i "guru" sono tante anche se molti, un pò per pigrizia un pò per mancanza di possibilità, non partecipano ai banchi di assaggio delle varie manifestazioni che sono tante, più o menp importanti
se parliamo del mercato globale-e a questo i punteggi si affacciano-le possibilità diventano quasi nulle tranne qualche danaroso che prende l'aereo e viene direttamente in europa ad assaggiarsi quello che vuole
oceania, oriente e occidente il mercato è fatto di punti...poi se la qualità non rispecchia per varie volte consecutivamente allora il discorso cambia ma non credo che il RP abbia cannato le annate importanti di Bordeaux almeno fino al 2000 poi dio ci salvi....

per mia indole tendo a non fidarmi molto ma alcuni punti di riferimento tra amici e non li ho, mica posso sempre sportarmi ed andare nei luoghi produttivi, diventa si un'occasione per un giro in famiglia ma il costo comincia a farsi sentire e non sempre ho volgia di spendere soldi

diciamo che come tutti sono curioso e vorrei aprire tutto quello che mi capita a tiro per capire com'è ma capisco che questo non è possibile e sicuramente, in questo modo, mi sto perdendo qualche chicca immancabile ma pace, faremo senza come ho fatto fino ad ora, si vive bene uguale....e poi negli ultimi anni vivrei decisamente meglio senza punti visto l'aumento senza controllo di alcune bt ricercate, alcuni must di cantina li ho accantonati come possibilità di acquisto....
futuro incerto...ma w la gnocca!!!
Sir Panzy
Messaggi: 1173
Iscritto il: 09 giu 2010 00:25

Re: Galloni lascia WA

Messaggioda Sir Panzy » 15 feb 2013 15:24

Nelle Nuvole ha scritto:Infine, due parole sull'importanza dei giudizi dei guru internazionali - fra cui c'è anche Antonio Galloni, nonostante il nome lo considero molto più "americano" che "italiano" -. Dal punto di vista prettamente commerciale i punteggi di quei tre o quattro possono aiutare sì a vendere, ma non tanto come prima. E' vero, come ho scritto sopra, che i loro giudizi influenzano la scelta di una massa "vagante" però alla fine quello che conta è 1) il prezzo finale 2) il marchio 3) la qualità intrinseca e- last but not the least - il convincimento di chi il vino glielo vende, in negozio o al ristorante. Gran parte del mio lavoro all'estero è proprio quello di raggiungere e convincere il penultimo anello della catena commerciale a proporre i miei vini invece di quelli di qualcun altro. Il punteggio è solo l'ultima spiaggia, quando ho esaurito tutte le altre pallottole.


Ma la probabilità che quel "penultimo anello" abbia comprato il vino "x" perchè ha "preso" un ottimo punteggio sono molto molto molto alte. Dal brasile a HK, passando per gli usa. :wink:
Si può sognare una moltitudine di bevande, ma quando si ha veramente sete bisogna svegliarsi per bere. (F)
Gli specialisti dell'anti grillismo sono quasi + patologici dei grillini. (A.M)
Avatar utente
vinotec
Messaggi: 27087
Iscritto il: 09 giu 2007 14:19
Località: BRISIGHELLA
Contatta:

Re: Galloni lascia WA

Messaggioda vinotec » 15 feb 2013 15:27

Nelle Nuvole ha scritto:Ringrazio Vinogodi per l'attenzione e la sua risposta sintetica.
Riguardo al meccanismo perverso delle anteprime ho scritto un pezzo che dovrebbe uscire la prossima settimana su l'Accademia degli Alterati. L'andazzo va avanti da anni e non sarà possibile cambiarlo. Ci sono esigenze "editoriali" che impongono l'assaggio mesi prima di quando poi verranno pubblicati i risultati e di quando i vini saranno sugli scaffali delle enoteche e nella lista dei vini dei ristoranti. I vini saranno diversi e più integrati, completi, oppure già sulla strada in discesa.
Allora perché? Perché la stragrande maggioranza di coloro che i vini li acquistano è insicura, poco formata, ha bisogno di qualcuno che gli dica cosa comprare e cosa bere. C'è chi lo fa con conoscenza di causa e chi in buona o mala fede commenta superficialmente spandendo giudizi alla cazzo di cane (anche io parlo francese).
Frequentando la sezione del Forum "Polemiche ed opinioni" - quella "Compra e vendi" non mi interessa - mi sono formata l'opinione che gli habitués siano persone smaliziate che non necessitano l'avvallo dei cattedrattici, preferiscono il confronto con gli amatori appassionati. Magari poi dicono castronerie, ma comunque sono allenati e non hanno bisogno di un coach istituzionale.

Infine, due parole sull'importanza dei giudizi dei guru internazionali - fra cui c'è anche Antonio Galloni, nonostante il nome lo considero molto più "americano" che "italiano" -. Dal punto di vista prettamente commerciale i punteggi di quei tre o quattro possono aiutare sì a vendere, ma non tanto come prima. E' vero, come ho scritto sopra, che i loro giudizi influenzano la scelta di una massa "vagante" però alla fine quello che conta è 1) il prezzo finale 2) il marchio 3) la qualità intrinseca e- last but not the least - il convincimento di chi il vino glielo vende, in negozio o al ristorante. Gran parte del mio lavoro all'estero è proprio quello di raggiungere e convincere il penultimo anello della catena commerciale a proporre i miei vini invece di quelli di qualcun altro. Il punteggio è solo l'ultima spiaggia, quando ho esaurito tutte le altre pallottole.


Sono abbonato alle riviste on line sia di W.A. che W.S., ma mi piace molto di più la prima; non è vero che Galloni o anche Parker valutino i vini sempre e solo prima che escano. Ultimamente si leggono interventi e giudizi su annate vecchie e di parecchi anni; basti pensare a i baroli del 1989/1990 o ancora più recentemente alla rivisitazione di alcune annate di pergole torte(alla cui riserva 90 ha attribuito 100/100) ed ancora a lynch bages, tanto per non far nomi...
Quindi non facciamo di tutta un'erba un fascio... :wink:
UBI MAIOR, MINOR CESSAT !
Avatar utente
ugc
Messaggi: 1701
Iscritto il: 05 dic 2008 19:36
Località: 'UCC - Polacchia

Re: Galloni lascia WA

Messaggioda ugc » 15 feb 2013 15:48

Nelle Nuvole ha scritto: Perché la stragrande maggioranza di coloro che i vini li acquistano è insicura, poco formata, ha bisogno di qualcuno che gli dica cosa comprare e cosa bere.

Vero, nel vino come in tante altre cose.
Nelle Nuvole ha scritto:
C'è chi lo fa con conoscenza di causa e chi in buona o mala fede commenta superficialmente spandendo giudizi alla cazzo di cane (anche io parlo francese).

Sotto sotto penso quasi sempre che gli incompetenti in buona fede siano molti più di quelli in mala fede. Non è che cambi molto, ma la trovo una convinzione "rassicurante".
Nelle Nuvole ha scritto:
Frequentando la sezione del Forum "Polemiche ed opinioni" - quella "Compra e vendi" non mi interessa - mi sono formata l'opinione che gli habitués siano persone smaliziate che non necessitano l'avvallo dei cattedrattici, preferiscono il confronto con gli amatori appassionati.

si, anche se ogni tanto leggere le impressioni dei "cattedratici" è interessante e fornisce spunti di discussione :P
Nelle Nuvole ha scritto:
f...Antonio Galloni, nonostante il nome lo considero molto più "americano" che "italiano" -.

:roll: beh, infatti è americano. Per la precisione nato in Venezuela da padre italiano e american mother, cresciuto in Florida, al massimo lo possiamo considerare paisà...
Nelle Nuvole ha scritto:
Dal punto di vista prettamente commerciale i punteggi di quei tre o quattro possono aiutare sì a vendere, ma non tanto come prima.

Questa è una buona notizia...o forse no... :D
Nelle Nuvole ha scritto:
E' vero, come ho scritto sopra, che i loro giudizi influenzano la scelta di una massa "vagante" però alla fine quello che conta è 1) il prezzo finale 2) il marchio 3) la qualità intrinseca e- last but not the least - il convincimento di chi il vino glielo vende, in negozio o al ristorante.

Ho dubbi se posizionare il 3 dopo al 4, ma è un discorso assai filosofico che non ho ahimé tempo di fare ora.
Nelle Nuvole ha scritto:
Gran parte del mio lavoro all'estero è proprio quello di raggiungere e convincere il penultimo anello della catena commerciale a proporre i miei vini invece di quelli di qualcun altro. Il punteggio è solo l'ultima spiaggia, quando ho esaurito tutte le altre pallottole.

Non è facile, immagino. Buon lavoro!
Rien n'y fait, menace ou prière, l'un parle bien, l'autre se tait;
et c'est l'autre que je préfère, il n'a rien dit, mais il me plaît.
Avatar utente
Palma
Messaggi: 6704
Iscritto il: 06 giu 2007 12:29

Re: Galloni lascia WA

Messaggioda Palma » 15 feb 2013 15:59

Specifico che per quanto mi riguarda, intendevo che lo seguirò nel senso che leggerò, ogni tanto, ciò che scriverà, per trarne qualche spunto, per trovare qualche conferma e qualche punto di vista diverso; non certo per prendere per oro colato i suoi giudizi, o per valutare acquisti in base a questi, se non appunto per avere qualche indicazione su alcune vecchie annate di particolari vini. Proprio allo stesso modo in cui consulto il si di Parker ora.
Purtroppo, soprattutto tra i critici "professionisti" non trovo molto di valido in giro, per cui uno che si salva lo leggo volentieri.
ex Victor

Extreme fighet du chateau

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: apple, ioenontu, lloyd142, md78d, ripamare e 12 ospiti