Agosto, vino mio non ti conosco

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Avatar utente
Ludi
Messaggi: 3083
Iscritto il: 22 lug 2008 10:02
Località: Roma

Agosto, vino mio non ti conosco

Messaggioda Ludi » 01 ago 2020 14:03

In realtà non avrei dovuto postarlo su questa sezione, ma l'emozione di aprire il thread mensile ha avuto il sopravvento....
Trovandomi a Londra, ho provato ad esplorare un campo che bazzico poco, quello delle birre. Avendo dietro l'angolo un magnifico negozio specializzato in birre (e vini) artigianali, "Real Ale", ho bevuto....
Lindemans, Ginger Geuze: non amando particolarmente le pils ed apprezzando moderatamente le ales, sono intrigato da lambic e geuze, forse più vicine ai gusti di un amante dei vini. Questa geuze ha aggiunta di zenzero, che non prende mai il sopravvento ma anzi asseconda il carattere "rustico" della birra. Acidità spinta, come vuole la tipologia. Molto buona.
Deus, Cuvée Prestige 2019: birra belga prodotta seguendo pedissequamente il metodo classico. Al naso può ricordare un prosecco buono (netti i sentori di pera) ma all'assaggio emerge, un po' preponderante, un gusto di mandorla tostata. Una curiosità che fanno pagar cara, come uno Champagne: oltre 25 sterline (28 euro). Semel in anno.
vinogodi
Messaggi: 29905
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: Agosto, vino mio non ti conosco

Messaggioda vinogodi » 01 ago 2020 18:08

...oggi con gli amici trentini:
Preaperitivo:
- Blanc de Noir Dosage Zero Zyme millesimato 2013. :D :D :D
- Champagne Richaume brut :D :D :D

Prima batteria:
- Giulio Ferrari Riserva Fondatore 2008 :D :D :D ++
- Dom Perignon 2008 :D :D :D :)
- Philipponnat Blanc de Noir Millesimee 2008 :D :D :D :)

Seconda batteria:
- Blanc de Millenaire 2004 Ch.H. :D :D :D :D
- Oenoteque Collection 2002 Nature Dumenil :D :D :D :D ++
- Ambonnay Millesimee 2002 Noelle Ledru :D :D :D :D :)

Terza Batteria:
- Chablis Grand Cru Les Clos 2014 Billaud Simon :D :D :D :D
- Bourgogne Chardonnay 2014 Roulot :D :D :D :D +
- Meursault Perrieres 2015 Michelot :D :D :D :D ++

Quarta batteria :
- Chassagne Montrachet 1er 2015 Vergers Bruno Colin :D :D :D :D ++
- Puligny Montrachet 2014 " Enseigneres" Ramonet :D :D :D :D ++
- Batard Montrachet Grand Cru 2004 Morey. Pierre :D :D :D :D :) ++

Intermezzo:
- Chateau neuf du Pape 2003 Les Cras Vieux Telegraph :D :D :D :D :)
- Riesling Auslese Herremberg 2015 GK Shafer: :D :D :D :D

Finale:
- da uve rosse stramature Lusenti : :D :D :D :D
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
ale1984
Messaggi: 442
Iscritto il: 10 gen 2018 15:40

Re: Agosto, vino mio non ti conosco

Messaggioda ale1984 » 01 ago 2020 19:14

Appena stappato e scolmato un ciampolo 18, mentre la costata di chianina da 1.3kg è in forno a fare reverse searing...


Edit:
Ciampolo solita goduria, servito qualche grado sotto standard 8)
piergi
Messaggi: 2372
Iscritto il: 06 giu 2007 13:41
Località: corigliano calabro
Contatta:

Re: Agosto, vino mio non ti conosco

Messaggioda piergi » 01 ago 2020 21:49

Iscadoro 2016- casebianche
Blend cilentano da Fiano malvasia e trebbiano.
Lasciato un paio di anni in cantina ha acquisito maggiore spessore. Il lato fianesco è preponderante, in primo piano sentori di erba tagliata, sale, pesca matura.
Strane luci di pioggia...splende il sole,fa' bel tempo...nell'era democratica.

http://igolosotopi.blogspot.com
http://timpadeilupi.blogspot.com/
http://www.timpadeilupi.it
Avatar utente
Ludi
Messaggi: 3083
Iscritto il: 22 lug 2008 10:02
Località: Roma

Re: Agosto, vino mio non ti conosco

Messaggioda Ludi » 01 ago 2020 22:24

Sempre nello stesso filone, e scusandomi nuovamente, non posso non riferire della Brett Brux Brut: come si capisce, fermentata con Brettanomyces, al naso la schiferebbe persino Emidio Pepe. In bocca è più composta, anche se leggermente metallica. Semel in vita.
Spectator
Messaggi: 3868
Iscritto il: 06 giu 2007 11:36

Re: Agosto, vino mio non ti conosco

Messaggioda Spectator » 02 ago 2020 13:04

..Podium 2006,Garofoli.Un gran bel vino,vivo e vegeto come nn mai,teso,agrumato,sostanzioso.Finale lungamente persistente di mandorla amara e anice.Vero e' che l'annata fu splendida..ma anche la conservazione della boccia( leggi Cesmic),ha largamente contribuito.Piaciuto..assai.
Avatar utente
Ludi
Messaggi: 3083
Iscritto il: 22 lug 2008 10:02
Località: Roma

Re: Agosto, vino mio non ti conosco

Messaggioda Ludi » 02 ago 2020 13:55

Accantonata la birra, ritorno, al vino; ma in una manovra di avvicinamento, provo Costadilà, 330slm. IN effetti è più birra che vino, leggero, con netti sentori di lievito, ma anche una volatile che dopo un po' diviene stancante.
Provo a ritornare sul classico con Wiston Estate, BdB 2015: come gran parte dei MC inglesi, riesce a reggere bene il dosaggio con una sferzante acidità, anche lattica. Biscottoso e agrumato, praticamente perfetto come esecuzione. Solo che.....solo che costa più del base di Agrapart, ed il confronto sarebbe impietoso.
Max1991
Messaggi: 598
Iscritto il: 21 feb 2018 18:17
Località: veneto

Re: Agosto, vino mio non ti conosco

Messaggioda Max1991 » 03 ago 2020 11:01

Visita veloce all'azienda "Il pendio".
Tornerei anche domani solo per star a parlare con Michele, una persona davvero alla mano e conoscitrice del mondo del vino.
Mi ha raccontato i suoi rapporti con i grandi produttori delle langhe e la sua visione di come fare il vino.
Già al telefono mia aveva incuriosito con quel: mi dispiace dover raccontare i miei vini in poco tempo dato che ci metto 7 anni a farli.

Li appunto ero andato per conoscere lui e abbiamo assaggiato assieme solo "il Contestatore".
Chardonnay il purezza di un unico vigneto, annata 2013.
Naso timido, esce quando si il vino aumenta un pò di temperatura. Sento una "mineralità" netta. Bolla finissima, in bocca bella persistenza ma allo stesso tempo la lascia pulita.

Poi ho preso un paio di bottiglie "La selossata", ero troppo curioso e una l'ho aperta la sera stessa.
Un vino molto complesso, anche qua più in bocca che al naso. Siamo in un altro livello, è quasi più un vino fermo che un metodo classico, non per la mancanza di bollicine, anche qua molto fini, ma per la quantità di aromi che sprigiona in bocca.
Una bottiglia di certo non scontata, anzi!
GabrieleB.
Messaggi: 1008
Iscritto il: 02 lug 2012 14:57

Re: Agosto, vino mio non ti conosco

Messaggioda GabrieleB. » 03 ago 2020 16:08

Champagne Alexandre Filaine Cuvèe Speciale
Sboccatura 2017.Giallo oro scarico,perlage fine e bolla cremosa,naso di susina,lamponi poi frutta secca grigliata,zenzero e agrume candito.Bocca con una bellissima acidità agrumata,sorso importante e strutturato,equilibrata e di ottima corrispondenza gusto-olfattiva.Sicuramente gastronomico e da abbinamento.L’uso del legno è percepibile ma assolutamente non invasivo così come una leggera ossidazione molto controllata.La fama recente precede questo piccolo produttore ed ero molto curioso di assaggiarlo.Esame superato a pieni voti,bella bottiglia.
Champagne Philipponnat BdN 2008
Sboccatura 2014.Prima annata prodotta,e in che millesimo,per una bottiglia ancora molto molto indietro che lascia intravedere solo una piccola parte delle potenzialità che ha.Naso abbastanza chiuso e reticente,a fatica escono deboli sentori fruttati classici di PN,bolla piuttosto grossa e bocca indietrissimo.Scomposta,vinosa,acidità alle stelle e tannino,mai sentito così forte in uno champagne, che è una sferzata sulle gengive.Ripassare tra qualche anno.
Chardonnay Terlano Rarity 1997
Molta curiosità anche qui,bottiglia perfetta,oro liquido,naso sfaccettato e importante,burro fuso,nocciola,crema al limone,liquirizia,caffè tostato.Bocca materica,larga,glicerica ma con una spina dorsale acida assai importante,ha un bell’equilibrio ed eleganza,ottima rispondenza gusto-olfattiva.Vino maturo ma bel lungi dall’essere arrivato al capolinea.Grazie all' amico che lo ha condiviso.Piaciuto ma allo stesso prezzo,importante,preferisco un 1 er Borgognone.
Riesling Spatlese Erdner Pralat Dr.F. Weins-Prum 2011
Nota idrocarburica nettissima al naso che copre un po’ lo spettro olfattivo,con l’ossigenazione si attenua leggermente lasciando uscire sbuffi di frutta esotica matura,mango,e una nota agrumata di lime più sullo sfondo.In bocca è un inno alla bevibilità,7,5°,residuo amalgamato,ritorna l’acidità di agrume a pulire e rinfrescare.Non un mostro di complessità ma davvero piacevole.
Avatar utente
bobbisolo
Messaggi: 806
Iscritto il: 08 set 2017 10:31
Località: Campagnolacucchiaio&stagnola

Re: Agosto, vino mio non ti conosco

Messaggioda bobbisolo » 03 ago 2020 16:37

GabrieleB. ha scritto:Champagne Alexandre Filaine Cuvèe Speciale
Sboccatura 2017.Giallo oro scarico,perlage fine e bolla cremosa,naso di susina,lamponi poi frutta secca grigliata,zenzero e agrume candito.Bocca con una bellissima acidità agrumata,sorso importante e strutturato,equilibrata e di ottima corrispondenza gusto-olfattiva.Sicuramente gastronomico e da abbinamento.L’uso del legno è percepibile ma assolutamente non invasivo così come una leggera ossidazione molto controllata.La fama recente precede questo piccolo produttore ed ero molto curioso di assaggiarlo.Esame superato a pieni voti,bella bottiglia.


bella descrizione, mi ci ritrovo completamente!!

...dove si vede il degorgio, sul tappo?
grazie
GabrieleB.
Messaggi: 1008
Iscritto il: 02 lug 2012 14:57

Re: Agosto, vino mio non ti conosco

Messaggioda GabrieleB. » 03 ago 2020 17:31

bobbisolo ha scritto:
GabrieleB. ha scritto:Champagne Alexandre Filaine Cuvèe Speciale
Sboccatura 2017.Giallo oro scarico,perlage fine e bolla cremosa,naso di susina,lamponi poi frutta secca grigliata,zenzero e agrume candito.Bocca con una bellissima acidità agrumata,sorso importante e strutturato,equilibrata e di ottima corrispondenza gusto-olfattiva.Sicuramente gastronomico e da abbinamento.L’uso del legno è percepibile ma assolutamente non invasivo così come una leggera ossidazione molto controllata.La fama recente precede questo piccolo produttore ed ero molto curioso di assaggiarlo.Esame superato a pieni voti,bella bottiglia.


bella descrizione, mi ci ritrovo completamente!!

...dove si vede il degorgio, sul tappo?
grazie

Grazie!Sì sul tappo era stampigliato il numero 17 andando a intuito con ottime probabilità,confermato anche da chi l'ha portata come data di acquisto,pensiamo che sia la data di sboccatura.
Avatar utente
l'oste
Messaggi: 12734
Iscritto il: 06 giu 2007 14:41
Località: campagna

Re: Agosto, vino mio non ti conosco

Messaggioda l'oste » 03 ago 2020 19:59

Piccola randomata in tema fiano, con polpettine baccalà, gamberi gobbetti in insalata cavolo capuccio tagliato finissimo e spaghetto a vongole (rigorosamente bianco).

Fiano di Avellino 2017 - Ciro Picariello, il più fresco, immediato, naso di limone grattato su pietra con frutta vicino, bocca "sbarazzina", nel senso che è un piacere svuotare il bicchiere. Piaciuto

Fiano di Avellino 2017 - Ventidue, lo avevo bevuto solo un'altra volta ma non lo ricordavo così, aromaticamente ricco ma ricco, senza scriverli ma descrittori infiniti, balsamico agrumato il registro più visitato. Bocca ampia, piena, non grossa grazie ad una aciditá finissima, come un oerlage. Gran vino. Piaciuto un bel po'

Fiano di Avellino Pietracalda - Feudi S.Gregorio 2017 messo per vedere l'effetto che fa, ed è un bel vino, fatto a cesello, aromaticamente elegante, è minerale fruttato, un palato caldo e lungo ma non stanchevole, retrogusto limone candito netto. Manca l'anima? Poesse, non lo ricomprerei a cartoni, ma criticarlo sarebbe partito preso. Piaciuto

Fiano in anfora Sophia 2018 - C.Giardino, bio, artigianale e credo sia da mettere tra gli orange wine, perlomeno per il colore. Interessante, stimolante, mi incuriosisce, ha profumi agrumati e di fiori, non da bere a catinella, quasi da sorseggini, quasi salato, muschio di mare e bocca tosta. Sarebbe da studiare il giusto abbinamento, forse i ricci di mare. Piaciuto
Non importa chi sarà l'ultimo a spegnere la luce. E' già buio.


Iir Boon Gesùuu/ ciii/ fuuur/ mini
Avatar utente
supersonic76
Messaggi: 903
Iscritto il: 16 gen 2013 18:38
Località: Bologna

Re: Agosto, vino mio non ti conosco

Messaggioda supersonic76 » 03 ago 2020 20:35

Vino Nobile di Montepulciano Le Berne 2017

Tra i migliori in assoluto della tipologia.
Parte caldo, prevedilbilmente tannico e incazzoso, considerate gioventù e annata.
Poi si distende e diventa di eleganza e piacevolezza assoluti.Nebbioleggia forse non è un aggettivo pertinentissimo per un prugnolo ma l'assoluta raffinatezza dei profumi davvero ricorda i (migliori) nettari piemontesi.
Lunghissimo, dissetante.Un delitto non finire la boccia subito.
Strepitoso
Memento Audere Semper
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 8957
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: Agosto, vino mio non ti conosco

Messaggioda zampaflex » 03 ago 2020 21:02

Marta Valpiani - Crete Azzurre 2015

Con infinita pazienza, perché qui la mano sottrae e non poco, il bouquet complesso esce. Kirsch, fresia, succo di mirtillo, confettura di prugne, cotognata, ruggine. Sorso secco, puntuto, scostante inizialmente, sbilanciato sulle durezze, magro e di moderata lunghezza. Dategli tempo perché serve.
:D :D :D +
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Avatar utente
vinotec
Messaggi: 27368
Iscritto il: 09 giu 2007 14:19
Località: BRISIGHELLA
Contatta:

Re: Agosto, vino mio non ti conosco

Messaggioda vinotec » 04 ago 2020 05:55

ale1984 ha scritto:Appena stappato e scolmato un ciampolo 18, mentre la costata di chianina da 1.3kg è in forno a fare reverse searing...


Edit:
Ciampolo solita goduria, servito qualche grado sotto standard 8)


...confermo anche io la goduria del Pian del Ciampolo 2018 stappato il giorno del mio compleanno!
UBI MAIOR, MINOR CESSAT !
vinogodi
Messaggi: 29905
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: Agosto, vino mio non ti conosco

Messaggioda vinogodi » 05 ago 2020 16:56

...miglior vino rosso dolce fin qui bevuto nel disgraziato 2020 :“Pistamota” 2015 Lusenti da uve Bonarda raccolte in vendemmia tardiva (uve stramature) : ha colore rosso intenso con profumi di mosto in fermentazione , sigari cubani, carruba matura, spezie dolcissime . La bocca decisamente dolce ma ravvivata da bella acidità che ne contrasta i toni rendendo la beva agile e mai stucchevole. Da bersene secchiate se ben freddo con ogni cosa di commestibile avete fra le mani, da un panino alla coppa piacentina , a primi , secondi , terzi , quarti e dessert ... :P :D :D :D :D
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
Messner
Messaggi: 1074
Iscritto il: 05 lug 2017 12:05
Località: Mantova

Re: Agosto, vino mio non ti conosco

Messaggioda Messner » 05 ago 2020 19:50

vinogodi ha scritto:...miglior vino rosso dolce fin qui bevuto nel disgraziato 2020 :“Pistamota” 2015 Lusenti da uve Bonarda raccolte in vendemmia tardiva (uve stramature) : ha colore rosso intenso con profumi di mosto in fermentazione , sigari cubani, carruba matura, spezie dolcissime . La bocca decisamente dolce ma ravvivata da bella acidità che ne contrasta i toni rendendo la beva agile e mai stucchevole. Da bersene secchiate se ben freddo con ogni cosa di commestibile avete fra le mani, da un panino alla coppa piacentina , a primi , secondi , terzi , quarti e dessert ... :P :D :D :D :D


Buono, anche il Piriolo non scherza
montrachet61
Messaggi: 4796
Iscritto il: 06 giu 2007 13:04

Re: Agosto, vino mio non ti conosco

Messaggioda montrachet61 » 05 ago 2020 21:08

Ieri, da e con Luciano Sandrone, a Barolo.

2018 nebbiolo Valmaggiore (profumato e beverino)

2016 Barolo Le Vigne (elegante ed armonioso)
2016 Barolo Cannubi (possente e scontroso)
2014 Barolo Vite Talin 2014 (balsamico e voluttuoso)

Tre grandi baroli. Piu’ accessibile al momento il primo ma tutti e tre mirabili.
Ultima modifica di montrachet61 il 06 ago 2020 00:58, modificato 1 volta in totale.
Mike76
Messaggi: 1099
Iscritto il: 23 nov 2011 09:53
Località: Pontedera (PI)

Re: Agosto, vino mio non ti conosco

Messaggioda Mike76 » 06 ago 2020 00:09

Ultime bevutine sparse & casuali...

Immagine
S.A. Prüm - Ürziger Würzgarten Riesling Kabinett 2015
Vino da aperitivo, ma ancor meglio da frittatona alle cipolle, se vogliamo dargli una collocazione a tavola in alternativa alla birra gelata (magari accompagnata da un buon caprino).
Le note ancora primarie fortunatamente fanno spazio ai primi cenni idrocarburici, la dolcezza è ben presente ma ben sedata dalla mineralità/acidità. Buon vino da apertura, adatto a cose stravaganti.

Immagine
Alphonse Mellot - Sancerre Génération XIX 2013
Terzo assaggio dopo i cru Les Romains e Satellite, che tanto mi avevano deluso...
Qui si parte leggermente meglio, e abbastanza sul verde... banana verde, pompelmo, molto salino...ma anche corto...
Boh, qui mi arrendo...o non capisco io il produttore, oppure i vini non sono proprio un q/p valido...lo devi andare a cercare nel bicchiere come un cane da tartufi, in bocca è più corto di un S. Torpé pisano, la (troppa) delicatezza è l'unica cosa che ci sento...vabbé, magari 3 bocce sfigate...lascio il bicchiere a chi se ne intende...

Immagine
Guy Méa - Champagne Brut Prestige Premier Cru
Dalla montagna di Reims, questo brut a prevalenza Pinot nero. Bello dosato (siamo sugli 8 gr/lt), si avverte una bella grassezza a centro bocca, che lo fa un vinetto perfetto da pollo fritto.

Immagine
Voirin-Jumel - Champagne Premier Cru Blanc de Noirs Brut
Se ne parla da tanto, almeno da me qui in Toscana... un tipo snello fra i blanc de noirs, da giocarsi come aperitivo, ma molto gustoso.

Immagine
Domaine Hamelin Chablis 1er Cru Beauroy 2014 vs. Cantine Ferri Ad Mira Puglia IGT 2016
Piccolo "divertissement" che ho improvvisato non sapendo cosa stappare...uno Chablis tra quelli più anonimi (ma pur sempre un 1er) con un Pugliese di ambizioni nordiche...
testa a testa per gran parte del pranzo, con lo Chablis più conchiglioso e il pugliese più rotondo (ma non seduto)... vince ai rigori lo Chablis, ma il vino di Nicola è un portento e come q/p lo straccia...

Immagine
Immagine
Coto de Gomariz Ribeiro - The Flower and the Bee 2018
Chi non ha mai bevuto Treixadura? Io, fino a pochi minuti fa...
Giocoso fin dall'etichetta, "punge" per la sua aromaticità, sostenuta però da un bel corpo... per i non avvezzi, tipo me, può ricordare un vermentino sardo di quelli surmaturi... tenuto conto che siamo intorno ai 10 euro, da berne a secchi...

Immagine
Benanti - Etna Bianco 2015
Un bel giallo carico, che mi fa pensare ad un'evoluzione imprevista... note dolci al naso, particolari, di amaretto...in bocca scisso tra salinità e spigolature varie... un po' contrastato, questo 2015.
Approfondirò a breve, visto che mi recherò in terra sicula tra pochi giorni...da risentire...

Immagine
Cantina di Santadi - Villa di Chiesa Valli di Porto Pino IGT 2017
Vermentino con saldo Chardonnay, fermentato in barrique.
Al salmastro del vermentino, si aggiunge il burro e la banana, arrotondati su note boisée. Può non piacere a tutti, ma su uno spaghetto alla bottarga con pancetta affumicata ci è stato da dio...
Avatar utente
arnaldo
Messaggi: 8796
Iscritto il: 07 giu 2007 08:21
Località: Bassano del Grappa

Re: Agosto, vino mio non ti conosco

Messaggioda arnaldo » 06 ago 2020 16:34

Ieri sera uno straordinario KAITON 2008 di KUENHOF, tutto agrumi e roccia spaccata, un inizio di pirite che pero' non prevale anzi. Riesling che strizza l occhio alla Wachau. Zero residui o glicerine, tanta energia e mineralita'. e siamo a 12 anni dall'annata. meraviglioso Peter.
follow my tasting notes and pics on http://instagram.com/ARNALDO2262/
GabrieleB.
Messaggi: 1008
Iscritto il: 02 lug 2012 14:57

Re: Agosto, vino mio non ti conosco

Messaggioda GabrieleB. » 06 ago 2020 16:44

arnaldo ha scritto:Ieri sera uno straordinario KAITON 2008 di KUENHOF, tutto agrumi e roccia spaccata, un inizio di pirite che pero' non prevale anzi. Riesling che strizza l occhio alla Wachau. Zero residui o glicerine, tanta energia e mineralita'. e siamo a 12 anni dall'annata. meraviglioso Peter.

Ciao Aldo,ho aperto da non molto un 2009 fantastico,ancora giovane!Avercene di queste annate già vecchiotte...grande Riesling davvero.
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 13377
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: Agosto, vino mio non ti conosco

Messaggioda Alberto » 06 ago 2020 21:28

Di stanza in quel di Cembra (miglior zona vinicola del Trentino in assoluto, IMHO) per qualche giorno di vacanza, ho fatto una puntata alla bella cantina dei Fratelli Pelz. Entrando nella sala degustazione, noto che tutti i bianchi sono tappati a vite, e la cosa mi mette subito a mio agio.

Sugli scudi:
-un Riesling 2016, cavallo di battaglia aziendale, dall'acidità quantomai "granitica" (pur venendo in realtà dal porfido...l'aggettivo serve solo a rendere l'idea... :wink: ) nell'annata specifica (giustissimi i 3 g/l di residuo zuccherino per smussare un po' il tutto);
-un sorprendentissimo, per finezza ed equilibrio, Gewürztraminer 2018 (salvo errori, prima annata prodotta);
-un Lagrein 2018 "scomplicato" e succoso comme il faut, nonostante un passaggio in legno credo non brevissimo;
-un Pinot Nero 2016 un filo leggerino, ma che articola bene una bocca speziata e balsamica, minerale (come lo sono tutti i vini dell'azienda, Muller Thürgau 2019 compreso). Interessante la vinificazione in barriques aperte con steccatura del cappello. Presa una delle pochissime bottiglie di PN 2015 ancora giacenti in azienda, potrebbe essere una bestia completamente diversa.

Purtroppo però il giorno seguente ho avuto la pessima idea di voler confrontare il riesling dei Pelz col pari annata Riesling Vigna Cancòr 2016 della Cantina di Cembra, parte del gruppo La Vis, assaggiato al loro modernissimo punto vendita. Vino di per sè semplicemente anonimo (e vista l'ambizione ed il prezzo, già c'è da pensare...), con però uno dei carichi di solforosa più esiziali mai provati...sono stato male un pomeriggio intero... :twisted:
Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De Andrè
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 13377
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: Agosto, vino mio non ti conosco

Messaggioda Alberto » 06 ago 2020 21:52

Piccolo addendum-distillati:

-il Portegnac 13 di Bruno Pilzer è probabilmente tra i migliori brandy mai prodotti nel nostro paese (anche se l'amico Baffone, al secolo Mario Pojer, avrebbe sicuramente qualcosa da dire al riguardo). Però, e lo dico con rammarico, è caro. Anche considerando il fattore artigianalità.
-Il loro GinPilz va un po' "lungo" in bocca sul boscoso/balsamico/officinale, ma rimane un London Dry dai contorni rigorosi. Bottiglia ed etichetta bellissime.
-la Santa Massenza Vecchia Riserva di Giovanni Poli è una grappa invecchiata tra le più fini, agili, precise, bevute da parecchio tempo in qua. Gran bere in assoluto, a maggior ragione per il prezzo.
Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De Andrè
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 8957
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: Agosto, vino mio non ti conosco

Messaggioda zampaflex » 07 ago 2020 09:44

GabrieleB. ha scritto:
arnaldo ha scritto:Ieri sera uno straordinario KAITON 2008 di KUENHOF, tutto agrumi e roccia spaccata, un inizio di pirite che pero' non prevale anzi. Riesling che strizza l occhio alla Wachau. Zero residui o glicerine, tanta energia e mineralita'. e siamo a 12 anni dall'annata. meraviglioso Peter.

Ciao Aldo,ho aperto da non molto un 2009 fantastico,ancora giovane!Avercene di queste annate già vecchiotte...grande Riesling davvero.


Dove ho trovato il Windbichel 2008 ho preso anche un Kaiton 2010. Sono curioso e lo stapperò a settembre.
Windbichel 2008 totalmente trasformato da com'era mutino quando uscito (anche se mi pare che quell'anno raccolsero più tardi, stile spaetlese) a quanto sia pienamente nel vitigno ora.
Mi fa piacere che i riesling nostrani, piuttosto anonimi da giovani, riescano ad uscire dal bozzolo con gli anni.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
tricky123
Messaggi: 1183
Iscritto il: 06 giu 2007 18:35
Località: Italia

Re: Agosto, vino mio non ti conosco

Messaggioda tricky123 » 07 ago 2020 10:02

arnaldo ha scritto:Ieri sera uno straordinario KAITON 2008 di KUENHOF, tutto agrumi e roccia spaccata, un inizio di pirite che pero' non prevale anzi. Riesling che strizza l occhio alla Wachau. Zero residui o glicerine, tanta energia e mineralita'. e siamo a 12 anni dall'annata. meraviglioso Peter.


Queste le mie note dal mio taccuino delle degustazioni, riferite ad una bottiglia di Kaiton 2008 bevuta a maggio 2018:

" colore giovane, giallo paglierino brillante; naso di agrume, calcareo, anice, con cenni vegetali di rosmarino, bocca di medio spessore e molto viva, con tensione acida che ne sostiene il sorso."

Detto che è un vino che seguo da molti anni (esemplare il 2001, ultima bevuta nel 2015), per me è il miglior riesling italiano nella media degli ultimi 20 anni.

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Alinaheigo, lloyd142, Max1991, Sal Paradise e 1 ospite