LE BEVUTE DI MARZO 2017

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Avatar utente
Kalosartipos
Messaggi: 13250
Iscritto il: 07 giu 2007 13:57
Località: Cremona
Contatta:

LE BEVUTE DI MARZO 2017

Messaggioda Kalosartipos » 01 mar 2017 09:18

Allez...
"La vita è breve e bisogna che uno se la beva tutta".
Osvaldo Soriano - "L'ora senz'ombra"
Avatar utente
Kalosartipos
Messaggi: 13250
Iscritto il: 07 giu 2007 13:57
Località: Cremona
Contatta:

Re: LE BEVUTE DI MARZO 2017

Messaggioda Kalosartipos » 01 mar 2017 09:26

In ottima fase di beva..
Immagine
"La vita è breve e bisogna che uno se la beva tutta".
Osvaldo Soriano - "L'ora senz'ombra"
alì65
Messaggi: 12089
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: LE BEVUTE DI MARZO 2017

Messaggioda alì65 » 01 mar 2017 09:33

che tempismo!!!
te lo sei fatto a colazione!
io solo spremuta d'arancia, per ora..
futuro incerto...2020 di merda!!!
Avatar utente
videodrome
Messaggi: 3423
Iscritto il: 14 apr 2008 19:25
Località: Mantova

Re: LE BEVUTE DI MARZO 2017

Messaggioda videodrome » 01 mar 2017 14:20

Voillot Les Champans 2011
Mi piace parecchio la mano del produttore anche a Volnay. Purtroppo in questa annata non ha fatto miracoli neppure lui che aveva lavorato bene sulla 2007/2008. La 2011 oltre ad avere un certa inconsistenza aromatica ha una chiusura amarognolina. Bella annatina la 2011 rossa.....
vinogodi
Messaggi: 29034
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: LE BEVUTE DI MARZO 2017

Messaggioda vinogodi » 01 mar 2017 14:40

videodrome ha scritto:[b]... La 2011 oltre ad avere un certa inconsistenza aromatica ha una chiusura amarognolina. Bella annatina la 2011 rossa.....
...La Tache ( chez Roberto, amico granderrimo viadanese appassionato DRC con cui facciamo sempre la panoramichina all'uscita del Domaine) e Cros Parantoux di Rouget sono a dir poco magnifici ... sì , beverini più dell'anno precedente , ma tanta robba...
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
Avatar utente
videodrome
Messaggi: 3423
Iscritto il: 14 apr 2008 19:25
Località: Mantova

Re: LE BEVUTE DI MARZO 2017

Messaggioda videodrome » 01 mar 2017 17:43

vinogodi ha scritto:
videodrome ha scritto:[b]... La 2011 oltre ad avere un certa inconsistenza aromatica ha una chiusura amarognolina. Bella annatina la 2011 rossa.....
...La Tache ( chez Roberto, amico granderrimo viadanese appassionato DRC con cui facciamo sempre la panoramichina all'uscita del Domaine) e Cros Parantoux di Rouget sono a dir poco magnifici ... sì , beverini più dell'anno precedente , ma tanta robba...

Marco, chiaro che DRC ( su La tache , magari su echezeaux il discorso 2011 è già diverso) Rouget (su Parantoux) e immagino Leroy abbiano fatto dei fini spaziali. Certo la mia è una generalizzazione, così come va da sè che i fenomeni d'oltralpe (come anche da noi monfortino 2002 ad es. o il Rayas 2002... che vino ha fatto.... :shock: ) il colpo di genio anche in condizioni avverse te lo tirano fuori. Tuttavia è assai verosimile che chi non ha alcune parcelle benedette e non ha il manico dei suddetti (e la capacità di fare una selezione a monte delle uve draconiana, con la potenza commericale di potersi permettere di venbdere anche solo poche centinaia di bottiglie nell'annata sfigata) e che semplicemente fa vini che leggono l'annata per quello che è, da una 2011 abbiano tirato fuori dei vini abbastanza mediocri. Un village 2011 di Rousseau era vinello che a pagarlo 30 eu in Italia un vino così era tanto, mentre C de Beze e Chambertin 2011 certamente saranno dei campioni.
Maradona anche con la nebbia e il campo fangoso ti faceva gol su punizione di seconda in area, ma il De Napoli nella stesse condizioni faceva fatica....
vinogodi
Messaggi: 29034
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: LE BEVUTE DI MARZO 2017

Messaggioda vinogodi » 01 mar 2017 20:18

videodrome ha scritto:
vinogodi ha scritto:
videodrome ha scritto:[b]... La 2011 oltre ad avere un certa inconsistenza aromatica ha una chiusura amarognolina. Bella annatina la 2011 rossa.....
...La Tache ( chez Roberto, amico granderrimo viadanese appassionato DRC con cui facciamo sempre la panoramichina all'uscita del Domaine) e Cros Parantoux di Rouget sono a dir poco magnifici ... sì , beverini più dell'anno precedente , ma tanta robba...

Marco, chiaro che DRC ( su La tache , magari su echezeaux il discorso 2011 è già diverso) Rouget (su Parantoux) e immagino Leroy abbiano fatto dei fini spaziali. Certo la mia è una generalizzazione, così come va da sè che i fenomeni d'oltralpe (come anche da noi monfortino 2002 ad es. o il Rayas 2002... che vino ha fatto.... :shock: ) il colpo di genio anche in condizioni avverse te lo tirano fuori. Tuttavia è assai verosimile che chi non ha alcune parcelle benedette e non ha il manico dei suddetti (e la capacità di fare una selezione a monte delle uve draconiana, con la potenza commericale di potersi permettere di venbdere anche solo poche centinaia di bottiglie nell'annata sfigata) e che semplicemente fa vini che leggono l'annata per quello che è, da una 2011 abbiano tirato fuori dei vini abbastanza mediocri. Un village 2011 di Rousseau era vinello che a pagarlo 30 eu in Italia un vino così era tanto, mentre C de Beze e Chambertin 2011 certamente saranno dei campioni.
Maradona anche con la nebbia e il campo fangoso ti faceva gol su punizione di seconda in area, ma il De Napoli nella stesse condizioni faceva fatica....
...guarda che la penso come te ; solo che se non si discute un pò , in che Polemiche&Opinioni del piffero ci troviamo? :lol:
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
alì65
Messaggi: 12089
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: LE BEVUTE DI MARZO 2017

Messaggioda alì65 » 02 mar 2017 08:34

vinogodi ha scritto:
videodrome ha scritto:
vinogodi ha scritto:
videodrome ha scritto:[b]... La 2011 oltre ad avere un certa inconsistenza aromatica ha una chiusura amarognolina. Bella annatina la 2011 rossa.....
...La Tache ( chez Roberto, amico granderrimo viadanese appassionato DRC con cui facciamo sempre la panoramichina all'uscita del Domaine) e Cros Parantoux di Rouget sono a dir poco magnifici ... sì , beverini più dell'anno precedente , ma tanta robba...

Marco, chiaro che DRC ( su La tache , magari su echezeaux il discorso 2011 è già diverso) Rouget (su Parantoux) e immagino Leroy abbiano fatto dei fini spaziali. Certo la mia è una generalizzazione, così come va da sè che i fenomeni d'oltralpe (come anche da noi monfortino 2002 ad es. o il Rayas 2002... che vino ha fatto.... :shock: ) il colpo di genio anche in condizioni avverse te lo tirano fuori. Tuttavia è assai verosimile che chi non ha alcune parcelle benedette e non ha il manico dei suddetti (e la capacità di fare una selezione a monte delle uve draconiana, con la potenza commericale di potersi permettere di venbdere anche solo poche centinaia di bottiglie nell'annata sfigata) e che semplicemente fa vini che leggono l'annata per quello che è, da una 2011 abbiano tirato fuori dei vini abbastanza mediocri. Un village 2011 di Rousseau era vinello che a pagarlo 30 eu in Italia un vino così era tanto, mentre C de Beze e Chambertin 2011 certamente saranno dei campioni.
Maradona anche con la nebbia e il campo fangoso ti faceva gol su punizione di seconda in area, ma il De Napoli nella stesse condizioni faceva fatica....
...guarda che la penso come te ; solo che se non si discute un pò , in che Polemiche&Opinioni del piffero ci troviamo? :lol:


scusate ma io continuo a sostenere che Rayas 02 è un "vinello" (e sono magnanimo) perchè non ha niente a che vedere e fare con Rayas in annata buona....che sia riuscito a tirar fuori qualcosa da quel millesimo tanto di cappello ma che sia buono no, dai....
diamo sempre un metro di misura alle zone e al produttore singolo; lavorando bene riusciranno sempre a fare un buon prodotto ma andrebbe "declassato" o deprezzato, mica che tutte le volte l'aumento di prezzo è giustificato da, "ne ho fatto poco" (cazzi tuoi!!), "ho dovuto decimare i grappoli per fare un buon prodotto" (mi spiace per te..), "annata della madonna, aumento i prezzi" (peccato che prima non li hai diminuiti!!)
io mi sono letteralmente rotto il cazzo di questa gente, sempre a giustiifcare i prezzi e il prodotto; se è buono e costo il giusto si compra altrimenti che vadano a fare in culo!! (discorso che vale un piffero, il mio, tanto c'è sempre il riccone che acquisterà l'etichetta, cazzo!! :evil: )
stamattina mi sono alzato col piede sbagliato, si vede molto?? :mrgreen:
futuro incerto...2020 di merda!!!
Avatar utente
la_crota1925
Messaggi: 2725
Iscritto il: 06 giu 2007 19:48
Località: ex città delle palme ora paradiso del punteruolo rosso

Re: LE BEVUTE DI MARZO 2017

Messaggioda la_crota1925 » 02 mar 2017 10:35

alì65 ha scritto: diamo sempre un metro di misura alle zone e al produttore singolo; lavorando bene riusciranno sempre a fare un buon prodotto ma andrebbe "declassato" o deprezzato, mica che tutte le volte l'aumento di prezzo è giustificato da, "ne ho fatto poco" (cazzi tuoi!!), "ho dovuto decimare i grappoli per fare un buon prodotto" (mi spiace per te..), "annata della madonna, aumento i prezzi" (peccato che prima non li hai diminuiti!!)
io mi sono letteralmente rotto il cazzo di questa gente, sempre a giustiifcare i prezzi e il prodotto; se è buono e costo il giusto si compra altrimenti che vadano a fare in culo!! (discorso che vale un piffero, il mio, tanto c'è sempre il riccone che acquisterà l'etichetta, cazzo!! :evil: )
stamattina mi sono alzato col piede sbagliato, si vede molto?? :mrgreen:

come non quotare...... ragionamento che non fà una piega.
spedizione al ricevimento del pagamento.
lloyd142
Messaggi: 673
Iscritto il: 20 feb 2008 15:31
Località: legnano

Re: LE BEVUTE DI MARZO 2017

Messaggioda lloyd142 » 02 mar 2017 11:16

alì65 ha scritto:io mi sono letteralmente rotto il cazzo di questa gente, sempre a giustiifcare i prezzi e il prodotto; se è buono e costo il giusto si compra altrimenti che vadano a fare in culo!!



CHAPEAU!!!!

Questo e' l'atteggiamento che tutti noi dovremmo avere con questo ambiente drogato.
Ma la colpa e' esclusivamente nostra.
Se si continua a rincorrere il mercato , anche quando e' piccolo.. se non piccolissimo, i prezzi continueranno a farli i produttori, e non ci sono dubbi su quale direzione prenderanno 8) 8) 8)
Avatar utente
videodrome
Messaggi: 3423
Iscritto il: 14 apr 2008 19:25
Località: Mantova

Re: LE BEVUTE DI MARZO 2017

Messaggioda videodrome » 02 mar 2017 11:44

alì65 ha scritto:
vinogodi ha scritto:
videodrome ha scritto:
vinogodi ha scritto:
videodrome ha scritto:[b]... La 2011 oltre ad avere un certa inconsistenza aromatica ha una chiusura amarognolina. Bella annatina la 2011 rossa.....
...La Tache ( chez Roberto, amico granderrimo viadanese appassionato DRC con cui facciamo sempre la panoramichina all'uscita del Domaine) e Cros Parantoux di Rouget sono a dir poco magnifici ... sì , beverini più dell'anno precedente , ma tanta robba...

Marco, chiaro che DRC ( su La tache , magari su echezeaux il discorso 2011 è già diverso) Rouget (su Parantoux) e immagino Leroy abbiano fatto dei fini spaziali. Certo la mia è una generalizzazione, così come va da sè che i fenomeni d'oltralpe (come anche da noi monfortino 2002 ad es. o il Rayas 2002... che vino ha fatto.... :shock: ) il colpo di genio anche in condizioni avverse te lo tirano fuori. Tuttavia è assai verosimile che chi non ha alcune parcelle benedette e non ha il manico dei suddetti (e la capacità di fare una selezione a monte delle uve draconiana, con la potenza commericale di potersi permettere di venbdere anche solo poche centinaia di bottiglie nell'annata sfigata) e che semplicemente fa vini che leggono l'annata per quello che è, da una 2011 abbiano tirato fuori dei vini abbastanza mediocri. Un village 2011 di Rousseau era vinello che a pagarlo 30 eu in Italia un vino così era tanto, mentre C de Beze e Chambertin 2011 certamente saranno dei campioni.
Maradona anche con la nebbia e il campo fangoso ti faceva gol su punizione di seconda in area, ma il De Napoli nella stesse condizioni faceva fatica....
...guarda che la penso come te ; solo che se non si discute un pò , in che Polemiche&Opinioni del piffero ci troviamo? :lol:


scusate ma io continuo a sostenere che Rayas 02 è un "vinello" (e sono magnanimo) perchè non ha niente a che vedere e fare con Rayas in annata buona....che sia riuscito a tirar fuori qualcosa da quel millesimo tanto di cappello ma che sia buono no, dai....
diamo sempre un metro di misura alle zone e al produttore singolo; lavorando bene riusciranno sempre a fare un buon prodotto ma andrebbe "declassato" o deprezzato, mica che tutte le volte l'aumento di prezzo è giustificato da, "ne ho fatto poco" (cazzi tuoi!!), "ho dovuto decimare i grappoli per fare un buon prodotto" (mi spiace per te..), "annata della madonna, aumento i prezzi" (peccato che prima non li hai diminuiti!!)
io mi sono letteralmente rotto il cazzo di questa gente, sempre a giustiifcare i prezzi e il prodotto; se è buono e costo il giusto si compra altrimenti che vadano a fare in culo!! (discorso che vale un piffero, il mio, tanto c'è sempre il riccone che acquisterà l'etichetta, cazzo!! :evil: )
stamattina mi sono alzato col piede sbagliato, si vede molto?? :mrgreen:

Per l'annata di merda che è stata la 2002 per me Rayas ha fatto quasi un miracolo. Cmq lo riproverò.
Che costi troppo, costa troppo a prescindere, anche nelle annate buone (che costano quasi il doppio della 2002). Un 2007 ora gira a 350 tranquillamente :shock:
vinogodi
Messaggi: 29034
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: LE BEVUTE DI MARZO 2017

Messaggioda vinogodi » 02 mar 2017 14:53

...noto produttore langarolo appassionatissimo di Borgogna , qualche anno fa ha scambiato Rayas 2002 per uno Chambolle Musigny Village di Leroy ( in Bue House , parecchi testimoni del fattaccio...)...
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 12337
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: LE BEVUTE DI MARZO 2017

Messaggioda Alberto » 02 mar 2017 15:17

Valpolicella Classico, Secondo Marco, 2012 (13%)
Azienda citata in un recentissimo thread sulla Valpolicella, e che avrei voluto visitare qualche anno fa, se non fosse che il titolare Marco Speri non riceve mai ospiti in cantina il Sabato a causa del poco tempo a disposizione...dalla vigna alla bottiglia fanno tutto lui e la moglie!
Che dire....molto buono! Leggero ma non diluito, è un vino di grande vitalità ed equilibrio, dal bel colore rubino chiaro e dalla coerenza naso-bocca esemplare, una trottola di fragole, argilla bagnata e sale. Slurp, ed un plus per la trasparenza territoriale.
Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De Andrè
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 12337
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: LE BEVUTE DI MARZO 2017

Messaggioda Alberto » 02 mar 2017 16:11

alì65 ha scritto:Rayas 02 è un "vinello" (e sono magnanimo) perchè non ha niente a che vedere e fare con Rayas in annata buona....che sia riuscito a tirar fuori qualcosa da quel millesimo tanto di cappello ma che sia buono no, dai....
diamo sempre un metro di misura alle zone e al produttore singolo; lavorando bene riusciranno sempre a fare un buon prodotto ma andrebbe "declassato" o deprezzato

Sai, CdP è nel Midi, e quindi la zolletta di rinforzo nelle annate sfigate non la si può mica mettere...mica si è 300 Km più a Nord, lì sì che si fanno magie... :roll:
Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De Andrè
vinogodi
Messaggi: 29034
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: LE BEVUTE DI MARZO 2017

Messaggioda vinogodi » 03 mar 2017 09:49

...ieri sera , al Bello Carico di Sacchetta di Colorno , tutto in doppia bottiglia perché eravamo in 16 (+1 non bevente) e quindi si necessitava estensione di vetro , fra deliziose polpette di cavallo, salumi eccezionali, tagliolini fatti in casa alle verdure saltate e una punta di vitello davvero buona :
- Per chi aspettava Prosecco millesimato 2015 Bandarossa Bortolomiol :D :D :) (molto piacevole)

Bolle:
- Champagne Blanc de Noir dell'Aube Brigandat Brut :D :D :D :)
- Le Brun Sevrenay Brut di Avize :D :D :D :)

BIANCHI:
- Fiano di Summonte Ciro 906 2013 :D :D :D :) (buonissimo)
- Bourgogne Aligoté Ramonet 2012 :D :D :D :)

ROSSI:
- Sangiovese di Romagna GS Costa Archi 2011 :D :D :D
- Barbera d'Alba "Cerretta" Conterno 2014 (mai sentito un frutto così esuberante) :D :D :D :D
- Barbaresco 2000 Cottà (vigneto Brichet - Magnum) Sottimano :D :D :D :D + . Vino della serata , magnum evaporato e dimostra ancora una volta che il vero formato da lungo invecchiamento è questo. Teso , ricco , austero . Goduto 'na cifra da tutti , con scaglie di Parmigiano 30 mesi.

FINALE: Moscato d'Asti Cascina Fonda Cru Bel Piano :D :D :D :)
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
fabrizio leone
Messaggi: 693
Iscritto il: 06 giu 2012 15:00
Località: san Colombano al lambro ( MI )

Re: LE BEVUTE DI MARZO 2017

Messaggioda fabrizio leone » 03 mar 2017 12:29

CENA IN CASA

Inizio

Champagne, Camille Saves, Carte Blanche: Pinot Noir 75%, Chardonnay 25%
elegante e deciso, bollicina suadente, fine e persistente.

Filetti di acciughe dissalate, in olio di oliva, timo, peperoncino macinato fresco
polpette di tonno e patate, uova ed origano.
maccheroncini con sgombro, salsa di datterino, capperi, e pasta di acciughe

Alsazia, Hugel, Gentil, anno 2006:
Riesling, Moscato, Pinot Grigio, Sylvaner, Chasselas, Pinot Bianco.
bellissimo colore dorato, in piena vita, stile alsaziano, una bottiglia che potrebbe essere aperta anche tra qualche anno senza problemi.

Baccalà con patate, timo, capperi, precedentemente irrorato con un goccio di Sauvignon, cantina locale.

Ecco
Allegati
17094273_10212399962144924_869061472_n.jpg
17094273_10212399962144924_869061472_n.jpg (64.52 KiB) Visto 4727 volte
17092359_10212399970265127_1412635811_n.jpg
17092359_10212399970265127_1412635811_n.jpg (63.16 KiB) Visto 4727 volte
Avatar utente
venicka
Messaggi: 395
Iscritto il: 01 nov 2016 14:14

Re: LE BEVUTE DI MARZO 2017

Messaggioda venicka » 03 mar 2017 14:44

2012 Alexandros Greco di Tufo - Colli di Lapio
Colore oro carico, naso tutto su note di propoli e cera d'api, bocca con susina gialla e lieve ritorno alcolico.
Boccia un po' troppo stanca per i miei gusti, non m'è piaciuta

1997 Givry 1er Cru Clos du Cellier aux Moines - Domaine Joblot
Naso tutto frutto rosso tra fragola e ciliegia, lieve florealità di rose e un po' di foglie secche.
Bocca con una bella dolcezza di frutto, salina, cortina e pure un po' magrina.
Non è assolutamente una bottiglia cattiva, anzi (è durata davvero poco) ma mi sfugge il senso di tenersi un vinello del genere in cantina per vent'anni.

2013 Bourgogne Rouge Cuvèe Auguste - Julien Guillot
Fragoline e sangue, naso non pulitissimo comunque passabile, bocca invece no, tutta acquosa diluita e fondamentalmente priva di senso.
Continuerò a comprare i suoi (ottimi) macon bianchi ma sto rosso non è assolutamente cosa, un vinello anonimo che non vale il prezzo.

2015 Lambrusco Vigneto Cialdini - Cleto Chiarli
Ma che buono.
Naso su frutti di bosco e violette, con lieve vinosità.
Bocca di gran freschezza, priva di "eccessi polposi" (lo so che è un'espressione orrenda ma spero renda l'idea) anzi quasi sottile, elegante a modo suo.
Buona persistenza, bolle belle croccantine e bevibilità estrema.
M'è piaciuto assai, gran vino da porco.
vinogodi
Messaggi: 29034
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: LE BEVUTE DI MARZO 2017

Messaggioda vinogodi » 03 mar 2017 14:52

venicka ha scritto:2015 Lambrusco Vigneto Cialdini - Cleto Chiarli
Ma che buono.
Naso su frutti di bosco e violette, con lieve vinosità.
Bocca di gran freschezza, priva di "eccessi polposi" (lo so che è un'espressione orrenda ma spero renda l'idea) anzi quasi sottile, elegante a modo suo.
Buona persistenza, bolle belle croccantine e bevibilità estrema.
M'è piaciuto assai, gran vino da porco.

...caso dei casi, l'altro ieri bevuto pure io : davvero un campioncino della categoria...
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
Avatar utente
Kalosartipos
Messaggi: 13250
Iscritto il: 07 giu 2007 13:57
Località: Cremona
Contatta:

Re: LE BEVUTE DI MARZO 2017

Messaggioda Kalosartipos » 03 mar 2017 15:40

Martedì sera, per la prima volta, ho partecipato ad un evento dell’AIS, proprio perché tenuto a pochi km da casa ed avente come tema il Riesling.
Saranno quattro serate e la prima era dedicata alla Germania, Mosella esclusa (che sarà oggetto del prossimo incontro).
Relatore è stato Nicola Bonera.. decisamente bravo a tenere viva l’attenzione, soprattutto durante l’illustrazione delle complicate classificazioni crucche.
Presenti cinquanta persone :shock: .. non credevo che il Riesling avesse un tale seguito pure in queste desolate e nebbiose© lande.

Queste le bottiglie degustate:

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine
"La vita è breve e bisogna che uno se la beva tutta".
Osvaldo Soriano - "L'ora senz'ombra"
Avatar utente
Kalosartipos
Messaggi: 13250
Iscritto il: 07 giu 2007 13:57
Località: Cremona
Contatta:

Re: LE BEVUTE DI MARZO 2017

Messaggioda Kalosartipos » 03 mar 2017 15:43

Tutti vini giovani, idrocarburo assente o quasi.
La mia preferenza è andata al Morstein GG (da magnum), gran vino, minerale, potente e lunghissimo.. per me, siamo attorno ai 91/100.
Leggermente staccato il Nonnenberg GG ed un filino sotto l'Halenberg (pure la polvere da sparo :mrgreen: ), quota 90.
Piaciuto meno il Deidesheimer Langenmorgen, più grasso e con qualche nota vegetale.. 86/100, non oltre.
"La vita è breve e bisogna che uno se la beva tutta".
Osvaldo Soriano - "L'ora senz'ombra"
Avatar utente
Kalosartipos
Messaggi: 13250
Iscritto il: 07 giu 2007 13:57
Località: Cremona
Contatta:

Re: LE BEVUTE DI MARZO 2017

Messaggioda Kalosartipos » 03 mar 2017 15:47

Si è terminato con due vini con accenno di residuo, ma abbastanza semplici.. se il Rotlack Feinherb di JOHANNISBERG ha comunque tenuto botta, il Butterfly di ZILLIKEN è uscito con le ossa rotte dal confronto con le precedenti bottiglie.. io avrei servito queste due per prime.

Immagine

Immagine
"La vita è breve e bisogna che uno se la beva tutta".
Osvaldo Soriano - "L'ora senz'ombra"
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 12337
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: LE BEVUTE DI MARZO 2017

Messaggioda Alberto » 03 mar 2017 16:48

Kalosartipos ha scritto:il Butterfly di ZILLIKEN è uscito con le ossa rotte dal confronto con le precedenti bottiglie

E ti credo, il Butterfly è proprio il base-base...già il Saarburger Rausch Kabinett del "Forestale" è una bella bestia ed un gran vino!!!
Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De Andrè
Avatar utente
Kalosartipos
Messaggi: 13250
Iscritto il: 07 giu 2007 13:57
Località: Cremona
Contatta:

Re: LE BEVUTE DI MARZO 2017

Messaggioda Kalosartipos » 03 mar 2017 16:57

Alberto ha scritto:
Kalosartipos ha scritto:il Butterfly di ZILLIKEN è uscito con le ossa rotte dal confronto con le precedenti bottiglie

E ti credo, il Butterfly è proprio il base-base...già il Saarburger Rausch Kabinett del "Forestale" è una bella bestia ed un gran vino!!!

Infatti io compro dal Rausch a salire.. :wink:
"La vita è breve e bisogna che uno se la beva tutta".
Osvaldo Soriano - "L'ora senz'ombra"
vinogodi
Messaggi: 29034
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: LE BEVUTE DI MARZO 2017

Messaggioda vinogodi » 03 mar 2017 17:01

Kalosartipos ha scritto:...Saranno quattro serate e la prima era dedicata alla Germania, Mosella esclusa (che sarà oggetto del prossimo incontro).
...si sanno già , dal programma, i produttori della MOsella della prossima puntata?
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
Avatar utente
Kalosartipos
Messaggi: 13250
Iscritto il: 07 giu 2007 13:57
Località: Cremona
Contatta:

Re: LE BEVUTE DI MARZO 2017

Messaggioda Kalosartipos » 03 mar 2017 17:32

vinogodi ha scritto:
Kalosartipos ha scritto:...Saranno quattro serate e la prima era dedicata alla Germania, Mosella esclusa (che sarà oggetto del prossimo incontro).
...si sanno già , dal programma, i produttori della MOsella della prossima puntata?


Questi:
Reischgraf Von Kesselstadt Piesporter Goldtröpchen Spätlese 2003
Baumler Becker Wehlener Sonnenuhr Spätlese 1998
Schwaab Kiebel Ürziger Würzgarten Auslese 1997

In abbinata a questi tre austriaci:
Salomon Undhof Pfaffenberg Erste Lage 2008
Knoll Smaragd Vinotekfüllung 2011
F.X. Pichler Smaragd Kellerberg 2010
"La vita è breve e bisogna che uno se la beva tutta".
Osvaldo Soriano - "L'ora senz'ombra"

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Alberto, andrea, connis, declar, Ludi, MaurizioP, ninetto, Ziliovino e 5 ospiti