COSA BERREMO A SETTEMBRE?

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
vinogodi
Messaggi: 29053
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

COSA BERREMO A SETTEMBRE?

Messaggioda vinogodi » 31 ago 2016 19:15

...boh ... sono mica un indovino... :lol:
PS: in realtà , dopo il 15 apriti o cielo.... :P
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
Carlitos83
Messaggi: 800
Iscritto il: 21 gen 2015 00:51
Località: camisano vicentino

Re: COSA BERREMO A SETTEMBRE?

Messaggioda Carlitos83 » 31 ago 2016 21:12

Cosa berremo non lo sò, ma sò per certo cosa acquisterò :lol: :P
titanium
Messaggi: 6124
Iscritto il: 06 giu 2007 22:29
Località: Romagna

Re: COSA BERREMO A SETTEMBRE?

Messaggioda titanium » 01 set 2016 08:14

vinogodi ha scritto:...boh ... sono mica un indovino... :lol:
PS: in realtà , dopo il 15 apriti o cielo.... :P


Posso scegliere io dalla tua cantina?
Spediamo il giorno stesso o successivo al ricevimento del pagamento!
gpetrus
Messaggi: 2601
Iscritto il: 21 ott 2009 17:41
Località: Trieste

Re: COSA BERREMO A SETTEMBRE?

Messaggioda gpetrus » 01 set 2016 18:20

Di certo non lo so, ma nei prossimi 10 gg langaroli qualcosa di buono lo trovo di sicuro :mrgreen: :mrgreen:
Spectator
Messaggi: 3808
Iscritto il: 06 giu 2007 11:36

Re: COSA BERREMO A SETTEMBRE?

Messaggioda Spectator » 01 set 2016 19:03

...Borro del diavolo,ris 2009-Ormanni;Verdicchio/Collestefano 2006.Stasera..1+1 :P .
vinogodi
Messaggi: 29053
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: COSA BERREMO A SETTEMBRE?

Messaggioda vinogodi » 01 set 2016 20:42

...passando "di là" (Summonte e dintorni) sono andato a trovare Ciro Picariello e Marsella ... Dio come ho bevuto bene....
PS: aprirò un thread sul miglior vitigno italiano : secondo me con il Fiano ( aggiungo Vigna della Congregazione....) siamo lì con il Verdicchio (ribevuto Villa Bucci 2010 : ma quanto cazzo è buono?) ...
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 8209
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: COSA BERREMO A SETTEMBRE?

Messaggioda zampaflex » 01 set 2016 21:56

vinogodi ha scritto:...passando "di là" (Summonte e dintorni) sono andato a trovare Ciro Picariello e Marsella ... Dio come ho bevuto bene....
PS: aprirò un thread sul miglior vitigno italiano : secondo me con il Fiano ( aggiungo Vigna della Congregazione....) siamo lì con il Verdicchio (ribevuto Villa Bucci 2010 : ma quanto cazzo è buono?) ...


Per me il Verdicchio, anche se con la rilevante scusa che viene coltivato in aree più basse e calde del Fiano, tende a dare risultati più "grassi" che invece il Fiano non dà. Ma forse è solo la mano dei produttori, e invertendo i terroir cambierebbe il risultato? Si apra il dibattito. :D
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 8209
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: COSA BERREMO A SETTEMBRE?

Messaggioda zampaflex » 01 set 2016 22:02

Tornando all'attualità, in questi giorni ho stappato un Kabinett 2011 di Schloss Lieser per rilevare quanto la mano di Thomas sia molto ben istruita: bella complessità, grande integrazione, rotondo senza grassezze; davvero molto ben eseguito.

E il Brunello 2010 di Caprili, piuttosto cerealicolo al naso (davvero poco interessante, se non dannoso), quanto virile, tonico, ma non impacciato in bocca. Da giacca di fustagno da cacciatore, di una volta. E fa presagire delle opportunità di beva tra un po' di anni davvero interessanti, se avrà saputo liberare le potenzialità olfattive.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Avatar utente
Ludi
Messaggi: 2919
Iscritto il: 22 lug 2008 10:02
Località: Roma

Re: COSA BERREMO A SETTEMBRE?

Messaggioda Ludi » 02 set 2016 08:26

Ieri sera, per chiudere la parentesi Riojana, con antipasti misti di ahumados ed un magnifico chuleton a la brasa:
Artadi, Cava 2013: più che decente, per un Cava; il che significa che è all'altezza di un Oltrepò Pavese M.C. base....
Terminus, 4D 2014: tra i bianchi da Viura ho sentito di meglio, ma è bevibile.
Abadia Retuerta, Lapsus 1997: si chiude alla grande. Vino magnifico, che unisce all'esperienza della cera per mobili, dell'incenso, del goudron l'innocenza giocosa di un frutto assolutamente intatto.
Spectator
Messaggi: 3808
Iscritto il: 06 giu 2007 11:36

Re: COSA BERREMO A SETTEMBRE?

Messaggioda Spectator » 02 set 2016 09:20

..Chianti cl.Borro del diavolo/ris 2009-Ormanni. Sangiovese di buona razza.Fresco,succoso, accattivante e..freneticamente bevibile, malgrado un filo di alcool eccedente ; naso virile di humus,poi rosa,lampone e un tocco di arancia sanguinella.Persistenza..lunghissima e servo prezioso a tavola.Ultima boccia rimasta..peccato!
Mike76
Messaggi: 1059
Iscritto il: 23 nov 2011 09:53
Località: Pontedera (PI)

Re: COSA BERREMO A SETTEMBRE?

Messaggioda Mike76 » 02 set 2016 11:58

Immagine
Bruno Colin - Chassagne-Montrachet 1er Cru en Remilly 2007
Giallo dorato, si apre su note di creme caramel, e rimane più o meno lì tutta la sera.
In bocca un po' di mineralità c'è, a cercarla, il legnetto pure, anche senza cercarlo: però per un 1er cru mi sembra un po' pochino. Forse boccia sfigata, ma non aveva sentori strani cui aggrapparsi per pensarlo...forse niente di ché. Mah...
Ci siamo consolati con la buonissima ombrina in abbinamento.

Immagine
Fattoria Ambra - Vin Santo di Carmignano 2008
Versione meno dolce delle precedenti, che invece avevo trovato più centrate.
Svolge correttamente il compitino, ma manca concentrazione e allungo. Non direi proprio vino santo, piuttosto in via di beatificazione.
fabrizio leone
Messaggi: 694
Iscritto il: 06 giu 2012 15:00
Località: san Colombano al lambro ( MI )

Re: COSA BERREMO A SETTEMBRE?

Messaggioda fabrizio leone » 02 set 2016 12:25

SARACCO
RIESLING LANGHE DOC, ANNO 2011

UNA SORPRESA, GRADEVOLE, NE AVREI BEVUTO UN CALICE ANCORA
LA BOTTIGLIA E' TERMINATA IN POCO TEMPO, 3 COMMENSALI

CONSIGLIO!!!!!
fabrizio leone
Messaggi: 694
Iscritto il: 06 giu 2012 15:00
Località: san Colombano al lambro ( MI )

Re: COSA BERREMO A SETTEMBRE?

Messaggioda fabrizio leone » 02 set 2016 12:27

SARACCO

LANGHE RIESLING DOC, ANNO 2011

CONSIGLIO!!!!!!!
landmax
Messaggi: 1040
Iscritto il: 13 set 2013 17:49

Re: COSA BERREMO A SETTEMBRE?

Messaggioda landmax » 02 set 2016 16:37

Ieri bella serata organizzata dall'ONAV a Faenza, relatore Francesco Falcone, sul tema: la Cote d'Or (in rosso). Segnalo qui i vini che mi sono piaciuti di più:

Pommard 2013 Philippe Pacalet: semplicemente magnifico. Intenso e complesso al naso, con intriganti note di rabarbaro e china ad alternarsi a un frutto agrumato e dolce, molto puro. Bocca di grande reattività, più elegante che potente, tannino ben presente ma non rustico (come la maggior parte dei Pommard), finale di notevole lunghezza e ampiezza aromatica. Forse non l'archetipo per un Pommard, ma che vino! Chapeau.

Chorey-Les-Beaune 2012 Dom. Rollin: l'esempio perfetto per demolire il (falso) mito per cui in Borgogna non si può bere bene se non spendendo molto. Un vino aggraziato, dal frutto nitido e preciso, davvero goloso, che fa della freschezza e del sapore la sua arma vincente. Non è un vino impegnativo, ma come vino quotidiano... datemene una camionata! 18 euro e 90 on line (su buongiornovino): best buy.

Savigny-Les-Beaune Aux Grands Liards 2012 Dom. Rollin: produttore da tenere d'occhio questo Rollin, viticultore in Pernand Vergelesses. Questo vino è più profondo del precedente, anche qui si nota una splendida messa a fuoco del frutto (cassis), la bocca è ricca e tannica, articolata e lunga. Da attendere un paio d'anni, ma davvero notevole. 26 euro la bottiglia.

Corton-Perrieres Grand Cru 2013 Dom. Larue: profumi, com'è prevedibile, ancora compressi, che denotano comunque eleganza e freschezza. Ma è la bocca a rivelare un vino di gran stoffa, elegante nella trama tannica, fresco e profondo, ricco di sfumature, a cui manca forse solo un pò di polpa (dicono sia l'annata fresca). Forse non un vino emozionante, ma per 59 Euro a bottiglia mi pare più che centrato.

Gevrey-Chambertin 2013 Dom. Confuron-Cotetidot: forse il vino della serata, almeno per me (insieme al successivo). Un tripudio di profumi davvero conturbante: lamponi e rose, pepe e cacao, il tutto ad un livello di intensità notevole. La bocca è molto tannica, ma l'estrazione non frena la beva, sciolta e fresca, il finale è lungo e speziato. Da bere ora, con grande appagamento dei sensi (molto buono anche lo Chambolle-Musigny 2013, che necessita ancora di qualche anno di bottiglia).

Vosne-Romanée 1er cru Clos de Réas 2008 Dom. Michel Gros: la classe non è acqua e il terroir è il terroir. Questo monopole restituisce un vino splendido, dai profumi cangianti e aerei, in continua evoluzione: arancia sanguinella e lampone, rose e spezie orientali, quintessenza della Borgogna più nobile; al gusto è elegante, di grande freschezza (e per questo molto gastronomico), forse gli manca un pò di "ciccia", ma non perde certo in articolazione e allungo. Un vino di razza.
MarioC77
Messaggi: 163
Iscritto il: 12 set 2013 11:32
Località: Verona

Re: COSA BERREMO A SETTEMBRE?

Messaggioda MarioC77 » 02 set 2016 19:01

Bonci - Verdicchio dei castelli di Jesi superiore San Michele 2013 : mah! La mineralita' si sente, ma l'amaro che pervade questo vino copre tutto. Riassaggiato dopo un'ora circa, l'amaro si è in parte ridotto ma ha continuato a dominare. E da quanto letto sul forum mi pare che non si tratti di bottiglia fallata....

La Monacesca verdicchio di Matelica 2014 : al contrario del precedente veramente un gran verdicchio, vivo e fresco. Strutturalmente semplice ma parecchio godibile.
H/=\V
miccel
Messaggi: 536
Iscritto il: 10 mar 2014 20:29

Re: COSA BERREMO A SETTEMBRE?

Messaggioda miccel » 03 set 2016 21:14

Reduce anch'io da un giretto nel Cilento, metto giusto qualche impressione senza pretese (oltretutto non sono andato per vino e ho bevuto "in difesa").

Case Bianche - Cilento Fiano Cumalè 2014
Mi è sembrato abbastanza buono, sensazioni minerali-marine e un po' affumicate precedono quella finale di miele. Non banale, direi che è quello che mi ha messo più curiosità di assaggiare altre annate.

Magnoni - Cilento Aglianico Rosso del Ciglio 2014
Mi piace la sua spontaneità e sono disposto ad aspettare diversi minuti che passi la carbonica, ma la ciliegia (e la mora) sembrano molto, troppo mature e la sensazione acetica sconfina nello spunto. Bottiglia fallata?

I Favati - Irpinia Campi Taurasini Aglianico Cretarossa 2010
Intruso irpino, volevo provare i loro bianchi ma non li ho trovati.
Discorso completamente diverso dal precedente, il vino mi pare appesantito dal legno e dalla percezione dell'alcol, da bere NON a secchi, ma la materia "sotto" sembrerebbe molto buona. Forse da aspettare.

Cantine Barone - Marsia igt Paestum 2015
Vino piacevole alla bevuta, in cui l'impatto aromatico e dolce al naso (moscato 65%) è in parte bilanciato da una nota più amara e complessa che la mia fantasia attribuisce alla nobile presenza del fiano.

De Conciliis - Fiano Donnaluna 2015
Ben fatto, mi sembra possa mettere d'accordo esperti e non esperti, è già ampiamente godibile adesso.
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 8209
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: COSA BERREMO A SETTEMBRE?

Messaggioda zampaflex » 04 set 2016 21:41

E' sicuramente vero che non ci sono grandi vini, ma grandi bottiglie.
Così come la variabile tempo, sia per le caratteristiche meteo dell'anno di produzione che per l'attesa in bottiglia, ha una influenza enorme.
E' per questo che, non avendolo assaggiato in altre occasioni ma solo da questa bottiglia, e avendo parlato con un amico che ne ha bevuta una più giovane senza ottenere i miei stessi riscontri, non posso dire che sia un VDM.

Ma che questa sia stata una grandissima boccia, si.

Ancora Anselmet, alle prese con un alloctono: lo Chardonnay (élevé en fût de chêne), nell'annata 2012.
Splendido bianco, il migliore chardo italiano che abbia mai bevuto e sicuramente degno di (ben) figurare alla cieca in mezzo a dei premier cru, confondendosi con essi.
Ha tutto: un filo di grassezza tropicale italiana ben gestita, come da annata calda "di là", legno molto ben integrato e assolutamente non prevaricante, anzi, aggiungente una dimensione; naso di frutti, fiori e burro d'alpe, bocca intensa e tonica, un filo grassa ma ben giocata con sapidità e acidità. Qualche tratto verde, come da kiwi, qualche lieve spinta mentolata, e financo un poco di mineralità (per i sacerdoti della cote, no, niente polvere pirica, almeno quella non è riuscito a tirarla fuori).
Una maggiore distensione sarebbe stata l'apoteosi, ma non ci è arrivato.
Grande personalità, davvero, e grandissima sorpresa positiva. 90/100 ci stanno tutti, e su scala "reale" ( :mrgreen: ).

Ancora una volta, bravissimo Giorgio Anselmet.

http://www.maisonanselmet.it/grandi/
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Avatar utente
puspo
Messaggi: 662
Iscritto il: 29 ago 2012 14:29
Località: Brescia

Re: COSA BERREMO A SETTEMBRE?

Messaggioda puspo » 05 set 2016 11:30

Filaine Cuvèe Speciale.
Uno dei migliori Champagne base che ricordi di avere assaggiato (Krug a parte, che non so se si possa chiamare "base").
Esplosivo come chi lo fa. Intenso ma equilibratissimo ... come dicono i giovani: tanta roba!
Il mio sistema di monitoraggio della cantina:
http://www.checkmycellar.com/Cellar_001.html
MarioC77
Messaggi: 163
Iscritto il: 12 set 2013 11:32
Località: Verona

Re: COSA BERREMO A SETTEMBRE?

Messaggioda MarioC77 » 05 set 2016 11:38

Silbrarii Lagrein 2013 Villa Piccola : lagrein italiano, così definito in etichetta, prodotto in Trentino. Un filo più acido dei cugini sudtirolesi, ma un discreto prodotto valido per una serata a base di carne non particolarmente impegnativi.
H/=\V
landmax
Messaggi: 1040
Iscritto il: 13 set 2013 17:49

Re: COSA BERREMO A SETTEMBRE?

Messaggioda landmax » 05 set 2016 13:09

puspo ha scritto:Filaine Cuvèe Speciale.
Uno dei migliori Champagne base che ricordi di avere assaggiato (Krug a parte, che non so se si possa chiamare "base").
Esplosivo come chi lo fa. Intenso ma equilibratissimo ... come dicono i giovani: tanta roba!


Che sboccatura era? Io ho bevuto una sboccatura recente e sinceramente non mi era parso quest'iradiddio. Buono, per carità, specie all'assaggio, ma abbastanza inespressivo al naso...
Avatar utente
puspo
Messaggi: 662
Iscritto il: 29 ago 2012 14:29
Località: Brescia

Re: COSA BERREMO A SETTEMBRE?

Messaggioda puspo » 05 set 2016 17:24

Sboccatura recentissima ... il naso era bello pieno, mela matura e crema di limone, o chiamatelo come volete. Un pochino si percepiva l'influenza del legno, ma senza nessun fastidio.
Il mio sistema di monitoraggio della cantina:
http://www.checkmycellar.com/Cellar_001.html
landmax
Messaggi: 1040
Iscritto il: 13 set 2013 17:49

Re: COSA BERREMO A SETTEMBRE?

Messaggioda landmax » 05 set 2016 18:17

puspo ha scritto:Sboccatura recentissima ... il naso era bello pieno, mela matura e crema di limone, o chiamatelo come volete. Un pochino si percepiva l'influenza del legno, ma senza nessun fastidio.


E' evidente che hai bevuto una bottiglia più "performante" della mia (che a parte qualche flebile nota minerale e agrumata non diceva nient'altro). Ennesima riprova dell'adagio per cui "non esistono grandi vini, ma solo grandi bottiglie".

Magari riproverò... :wink:
giandriolo
Messaggi: 193
Iscritto il: 22 feb 2016 19:07
Località: Triveneto

Re: COSA BERREMO A SETTEMBRE?

Messaggioda giandriolo » 06 set 2016 10:41

Alcune bevute recenti a cavallo tra fine Agosto e inizio Settembre:

Contadi Castaldi - Franciacorta Brut s.a.: si conferma, a mio modesto parere, una buona bolla base - al confronto con altri prodotti affini, forse uno dei più validi.

Delaplace - Champagne Brut Tradition s.a.: profumi agrumati e pastosi, con accenni di frutta gialla poggiati su un fondo minerale e calcareo. Inizialmente un po' aggressivo con acidità sostenuta, poi si distende sfoggiando un perlage cremoso e fresco.

Kettmeir - A.A. Athesis Talento M.C. Brut 2011: non una sbavatura, coi profumi fruttati che si amalgamano perfettamente a note di crema e lievito. Il bicchiere si svuota rapidamente, appaga per freschezza e cremosità, con un bel finale di nocciole.

Marco Merli - Brucisco Bianco 2013: uve Trebbiano, Grechetto, Malvasia. Non all'altezza dell'altro bianco, il Tristo, che a suo tempo mi aveva stregato. Primo approccio al naso molto sporco, selvatico, poi oleoso e balsamico. Recupera strada facendo su profumi più delicati, ma non si pulisce mai del tutto. Più schietto al palato, molto morbido e caloroso, a tratti materico, ma comunque leggero.

Colle Duga - Collio Friulano 2014: profumi son ottimi, strutturati e decisi, ma caldi e primaverili, su un bouquet aromatico e floreale. Beva morbida, note erbacee, di rara intensità, col finale tipico e varietale, denso, direi quasi opulento. Bottiglia da dimenticare in cantina qualche anno (a dispetto dell'annata, tiè).

Gravner - Rosso Breg 2004: 100% Pignolo, un gran rosso, profondissimo sotto ogni sfaccettatura. Comincia su note di prugna e ciliegia sotto spirito. Chiude su note di vegetazione, sottobosco e fogliame. Un quadro che mi ricorda forti sensazioni autunnali. Grande complessità, una sorpresa ad ogni sorso, ma è così ben bilanciato da risultare facilissimo da bere. Ineccepibile sul finale, estremamente intenso.

Cheers!
Wine improves with age. The older I get, the better I like it.
stemolino
Messaggi: 581
Iscritto il: 25 nov 2011 12:27
Località: Alba
Contatta:

Re: COSA BERREMO A SETTEMBRE?

Messaggioda stemolino » 08 set 2016 12:36

Qualche sera fa a Verduno all'annuale festa, ho bevuto la maggior parte dei Pelaverga 2015 disponibili. La sensazione è che oltre ad essere un'ottima annata per questi vini (e in generale per tutti i vini di pronta beva langhetti dolcetto, barbera, nebbiolo..) ci sia stata una crescita qualitativa media importante: colori giustamente più tenui e brillanti, nasi fragranti, frutta e pepe sempre presenti, sorso mai greve tranne qualche caso. Tra gli 11 provati questa è la mia personale classifica di gradimento, il clima era festaiolo quindi non ha alcunchè di scientifico :mrgreen:
GB BURLOTTO
CADIA
questi due con uno stacco netto dai seguenti
BEL COLLE
DIEGO MORRA
TERRE DEL BAROLO
SAN BIAGIO
FRATELLI ALESSANDRIA
PODERI ROSET
CASTELLO DI VERDUNO
BURLOTTO MASSARA
CANTINA I BRE
"A chi non beve vino Dio neghi anche l'acqua"

http://www.instagram.com/winedays/
http://www.winedays.it
Spectator
Messaggi: 3808
Iscritto il: 06 giu 2007 11:36

Re: COSA BERREMO A SETTEMBRE?

Messaggioda Spectator » 09 set 2016 11:35

..Barolo 2010,Bartolo Mascarello.Tanto ritroso al naso x quanto comunicativo a quella parte del cervello deputata alle emozioni.Elegante, bilanciato,sincero.Oggi nn particolarmente complesso o sfaccettato,ma gia' tanto seducente e ispirato.Piaciuto+.

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: il labronico e 5 ospiti