Pagina 8 di 10

Re: Bevitori di Maremma

Inviato: 18 giu 2016 23:38
da miccel
Bel sabato a Follonica, maestralino e quantità giusta di turisti. Mangiare buono. 14 vini in 10, e, come a volte accade, alcuni dei peggiori sono arrivati all'inizio e alcuni dei migliori alla fine.
Le mie impressioni del tutto personali.

I miei preferiti:
T. Germain Roches Neuves - Saumur blanc L'Insolite 2010
Nota aromatica, una bella cremosità ma fresco, acidità unita a un richiamo diretto ad uva dolce, in costante crescita nel bicchiere, grande naturalezza.

Trimbach - Riesling Cuvèe F. Emile 2005
Anche qui tanta naturalezza e perfetto equilibrio raggiunto tra l'acidità e la potenza, il vino è elegante come un signore, secco, lungo, buono buono.

M. Bouzereau - Meursault 1er cru "Les Grands Charrons" 2013
Vino molto vivo, dinamico, limone e pietra focaia, sta assai bene col pesce, non stanca, chiama con tutta evidenza chablis, ma sono io che non conosco bene i meursault...perfetto!

Benanti - Etna b. Pietramarina 2009
Bevuto per dodicesimo e schiacciato tra vini più grossi, ma per me magnifico nella sua mineralità agrumata senza esagerazioni, coi minuti raggiunge un'armonia delicata, fine, viene voglia di berne una bottiglia.

Altri vini molto ma molto buoni:
Morey-Coffinet - Chassagne Montrachet 1er Cru Morgeot Fairendes 2008
Per molti minuti ho pensato che fosse il migliore di tutti. Meno affilato rispetto al meursault, frutto più maturo e anche secco, "suadente", solo dopo un po' emerge una nota di caramello che lo appesantisce leggermente, non tanto in bocca, dove rimane un velluto, ma nel retrogusto.

Zind Humbrecht - Riesling Clos Windsbuhl 2009
Varietale più in evidenza del Trimbach, e più dolce, vino equilibrato, molto buono, se non lo metto nei primi quattro è puramente per una questione di gusto, gradisco poco il residuo zuccherino.

La Monacesca - Verdicchio di M. Ris. Mirum 2010
Molto solido e ben fatto, scorrevole, forse qualcosina non mi convince in fondo nel gioco fra la componente glicerica (giusto, Gianni?) e quella ammandorlata, ma il vino era vivo e buono, e poi era il tredicesimo....

Altri vini
Valdonica - Toscana Ballarino 2013
Vermentino della zona delle Colline Metallifere. Era poco comunicativo al naso, ma in bocca a me non è dispiaciuto per niente, amaro-dolce fra agrume e buccia, non male.

Cantina di Terlano - Sauvignon Quarz 2014
Riconoscibile la tipologia, di sicuro corretto e ben fatto, non mi ha suscitato però grandi emozioni.

Vigneti Massa - Derthona Costa del Vento 2011
Qualche puzzino iniziale che se ne va, balsamico, frutta secca, buono, forse un po' troppo untuoso e alcolico sul finale.

Les Cretes - Chardonnay cuvée bois 2008. (?)
La materia è buona, meglio di quanto mi sarei aspettato, ma coi minuti il vino tende a sedersi per... l'eccesso di bois.

Vigneti Massa - Sterpi 2013
Bevuto per primo, buona acidità ma per il resto non l'ho molto capito.

Polencic - Collio Pinot Bianco 2010
Bottiglia andata

Ferri - Sol di Cuti 2014
Bah.

Ce l'ho fatta. Pant pant.

Re: Bevitori di Maremma

Inviato: 20 giu 2016 16:44
da gianni femminella
Una precisazione o due.

I voti sono stati dati anche dalle donne alle quali non è stato spiegato in maniera esauriente come utilizzarne la scala. Ragion per cui sono stati appioppati svariati 60 che hanno falsato il risultato.

Altro punto importante; le bottiglie coperte sono divertenti, ma creano parecchia disomogeneità. Si trovano, nelle stesse batterie, vini sottili e vini generosi, nel cui confronto spesso patiscono entrambi. Il debole sembra ancora più debole e il vigoroso sembra troppo denso, non so se rendo l'idea.

Peccato anche che la batteria peggiore sia venuta per prima e ci abbia portato già stanchi all'ultima che era invece degna di nota.

Per questi motivi io vedrei di buon occhio una organizzazione diversa dei nostri incontri, o con un tema che possa restringere le differenze ( in teoria ) o perlomeno con una scala ragionata delle batterie, che però mi rendo conto fa venire meno la bevuta alla cieca.

Sulla bevuta lascio che sia la descrizione di Miccel a designare il quadro.

Re: Bevitori di Maremma

Inviato: 20 giu 2016 16:55
da gianni femminella
miccel ha scritto:Bel sabato a Follonica, maestralino e quantità giusta di turisti. Mangiare buono. 14 vini in 10, e, come a volte accade, alcuni dei peggiori sono arrivati all'inizio e alcuni dei migliori alla fine.
Le mie impressioni del tutto personali...


Confessa, le note le hai scritte a bottiglie scoperte :P :mrgreen:

Re: Bevitori di Maremma

Inviato: 20 giu 2016 17:13
da Alberto
gianni femminella ha scritto:I voti sono stati dati anche dalle donne alle quali non è stato spiegato in maniera esauriente come utilizzarne la scala.

La scala per scendere dalla sala al primo piano dove vi siete trovati, uscire e lasciare in santa pace gli uomini a fare la loro degustazione...intendi questo? :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

Re: Bevitori di Maremma

Inviato: 20 giu 2016 18:37
da miccel
Alberto ha scritto:
gianni femminella ha scritto:I voti sono stati dati anche dalle donne alle quali non è stato spiegato in maniera esauriente come utilizzarne la scala.

La scala per scendere dalla sala al primo piano dove vi siete trovati, uscire e lasciare in santa pace gli uomini a fare la loro degustazione...intendi questo? :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

:) :) :)

Re: Bevitori di Maremma

Inviato: 20 giu 2016 18:38
da miccel
gianni femminella ha scritto:
miccel ha scritto:Bel sabato a Follonica, maestralino e quantità giusta di turisti. Mangiare buono. 14 vini in 10, e, come a volte accade, alcuni dei peggiori sono arrivati all'inizio e alcuni dei migliori alla fine.
Le mie impressioni del tutto personali...


Confessa, le note le hai scritte a bottiglie scoperte :P :mrgreen:

Gianni, eri all'estremità della tavolata lato mare, giusto accanto alle scalette da cui risalivano le bagnanti. Mentre io scrivevo diligentemente le mie note e parlavo con gli altri di vino, tu a un certo punto hai inforcato gli occhiali da sole ed hai assunto un'aria svagata da poeta in vacanza. O chissà che guardavi!?

Re: Bevitori di Maremma

Inviato: 20 giu 2016 18:56
da gianni femminella
miccel ha scritto:
gianni femminella ha scritto:
miccel ha scritto:Bel sabato a Follonica, maestralino e quantità giusta di turisti. Mangiare buono. 14 vini in 10, e, come a volte accade, alcuni dei peggiori sono arrivati all'inizio e alcuni dei migliori alla fine.
Le mie impressioni del tutto personali...


Confessa, le note le hai scritte a bottiglie scoperte :P :mrgreen:

Gianni, eri all'estremità della tavolata lato mare, giusto accanto alle scalette da cui risalivano le bagnanti. Mentre io scrivevo diligentemente le mie note e parlavo con gli altri di vino, tu a un certo punto hai inforcato gli occhiali da sole ed hai assunto un'aria svagata da poeta in vacanza. O chissà che guardavi!?


Infatti 8)

Sai che mi ha sinceramente preoccupato la vostra totale dedizione all'argomento vino?

Re: Bevitori di Maremma

Inviato: 20 giu 2016 21:43
da yotamoteuchi
gianni femminella ha scritto:Una precisazione o due.

I voti sono stati dati anche dalle donne alle quali non è stato spiegato in maniera esauriente come utilizzarne la scala. Ragion per cui sono stati appioppati svariati 60 che hanno falsato il risultato.


Una precisazione sulla precisazione.
In teoria di donne che hanno appioppato i 60 ce n'è stata una sola. Dai risultati che ho inserito qua ho opportunamente tolto TUTTI i suoi voti e quindi ho provveduto a fare la somma dei rimanenti 9 bevitori, dividendo poi per 9 per ottenere appunto una media più veritiera. C'è da dire che qualcuno di noi è stato di manica particolarmente larga ed altri di manica particolarmente stretta. Succede a chi, come me, questo giochino non lo fa di mestiere o con cognizione di causa e spara numeri come se fosse il lotto alle otto... ;)

Re: Bevitori di Maremma

Inviato: 21 giu 2016 08:40
da vinogodi
yotamoteuchi ha scritto:
gianni femminella ha scritto:Una precisazione o due.

I voti sono stati dati anche dalle donne alle quali non è stato spiegato in maniera esauriente come utilizzarne la scala. Ragion per cui sono stati appioppati svariati 60 che hanno falsato il risultato.


Una precisazione sulla precisazione.
In teoria di donne che hanno appioppato i 60 ce n'è stata una sola. Dai risultati che ho inserito qua ho opportunamente tolto TUTTI i suoi voti e quindi ho provveduto a fare la somma dei rimanenti 9 bevitori, dividendo poi per 9 per ottenere appunto una media più veritiera. C'è da dire che qualcuno di noi è stato di manica particolarmente larga ed altri di manica particolarmente stretta. Succede a chi, come me, questo giochino non lo fa di mestiere o con cognizione di causa e spara numeri come se fosse il lotto alle otto... ;)
...però sono certo che vi siete divertiti come matti , voti o non voti (un po' buffi , perché 4-5 punti sono una differenza abissale, ma 15 - 20 voti di differenza sullo stesso vino sono davvero uno spasso e immagino le risate ...)

Re: Bevitori di Maremma

Inviato: 21 giu 2016 17:16
da paperofranco
miccel ha scritto:
1-Trimbach - Riesling Cuvèe F. Emile 2005
Anche qui tanta naturalezza e perfetto equilibrio raggiunto tra l'acidità e la potenza, il vino è elegante come un signore, secco, lungo, buono buono.

2.M. Bouzereau - Meursault 1er cru "Les Grands Charrons" 2013
Vino molto vivo, dinamico, limone e pietra focaia, sta assai bene col pesce, non stanca, chiama con tutta evidenza chablis, ma sono io che non conosco bene i meursault...perfetto!

3.Benanti - Etna b. Pietramarina 2009
Bevuto per dodicesimo e schiacciato tra vini più grossi, ma per me magnifico nella sua mineralità agrumata senza esagerazioni, coi minuti raggiunge un'armonia delicata, fine, viene voglia di berne una bottiglia.



1. Alsazia secca e rigorosa, all'opposto dello stile zuccheroso di Zind Humbrecht. Bella boccia e grande annata.

2. Non è un 1er cru, ma un village. Sono in una fase di distacco dalla Borgogna bianca, forse in modo irrecuperabile, ma a parte questo, si tratta di un produttore serio ed affidabile su tutta la gamma. Sono stato da lui un paio di volte.

3. Bevuto l'anno scorso e scritto qui. Per me un grande bianco italiano in una versione molto felice.

Re: Bevitori di Maremma

Inviato: 21 giu 2016 17:52
da gallia
yotamoteuchi ha scritto:
gianni femminella ha scritto:Una precisazione o due.

I voti sono stati dati anche dalle donne alle quali non è stato spiegato in maniera esauriente come utilizzarne la scala. Ragion per cui sono stati appioppati svariati 60 che hanno falsato il risultato.


Una precisazione sulla precisazione.
In teoria di donne che hanno appioppato i 60 ce n'è stata una sola. Dai risultati che ho inserito qua ho opportunamente tolto TUTTI i suoi voti

Ora lo dico a Loredana e la prossima volta ti picchia!

Re: Bevitori di Maremma

Inviato: 21 giu 2016 18:03
da gianni femminella
paperofranco ha scritto:
miccel ha scritto:
1-Trimbach - Riesling Cuvèe F. Emile 2005
Anche qui tanta naturalezza e perfetto equilibrio raggiunto tra l'acidità e la potenza, il vino è elegante come un signore, secco, lungo, buono buono.

2.M. Bouzereau - Meursault 1er cru "Les Grands Charrons" 2013
Vino molto vivo, dinamico, limone e pietra focaia, sta assai bene col pesce, non stanca, chiama con tutta evidenza chablis, ma sono io che non conosco bene i meursault...perfetto!

3.Benanti - Etna b. Pietramarina 2009
Bevuto per dodicesimo e schiacciato tra vini più grossi, ma per me magnifico nella sua mineralità agrumata senza esagerazioni, coi minuti raggiunge un'armonia delicata, fine, viene voglia di berne una bottiglia.



1. Alsazia secca e rigorosa, all'opposto dello stile zuccheroso di Zind Humbrecht. Bella boccia e grande annata.

2. Non è un 1er cru, ma un village. Sono in una fase di distacco dalla Borgogna bianca, forse in modo irrecuperabile, ma a parte questo, si tratta di un produttore serio ed affidabile su tutta la gamma. Sono stato da lui un paio di volte.

3. Bevuto l'anno scorso e scritto qui. Per me un grande bianco italiano in una versione molto felice.


Una volta o l'altra ci fossi anche tu...

Re: Bevitori di Maremma

Inviato: 23 giu 2016 09:22
da yotamoteuchi
:D
gallia ha scritto:
yotamoteuchi ha scritto:
gianni femminella ha scritto:Una precisazione o due.

I voti sono stati dati anche dalle donne alle quali non è stato spiegato in maniera esauriente come utilizzarne la scala. Ragion per cui sono stati appioppati svariati 60 che hanno falsato il risultato.


Una precisazione sulla precisazione.
In teoria di donne che hanno appioppato i 60 ce n'è stata una sola. Dai risultati che ho inserito qua ho opportunamente tolto TUTTI i suoi voti

Ora lo dico a Loredana e la prossima volta ti picchia!


Ma me lo hai detto te! :D

Re: Bevitori di Maremma

Inviato: 08 apr 2017 21:52
da gianni femminella
Riunione dei bevitore in quel dell'Albinia, a base di Nebbiolo, con Champagne da aperitivo.

Seguono note.

Re: Bevitori di Maremma

Inviato: 09 apr 2017 11:07
da miccel
A giornata primaverile soleggiata ieri abbiamo abbinato, per contrasto, una cieca di nebbiolo.
Metto qualche impressione.

Prima batteria con tre vini sensibilmente diversi fra loro.
F.lli Alessandria – Barolo Monvigliero 2009
Balsamico, invitante sul frutto scuro e dolce, caldo ma setoso in bocca, elegante, con possibilità di crescita ma sostanzialmente già risolto. Abbastanza irresistibile.
Cavallotto – Barolo Bricco Boschis 2004
Al naso prima si deve liberare del chiuso, poi dà l’idea di un vino già avanti, idea del tutto smentita dalla bocca, la più aggressiva e giovanile della giornata. Tradizionale. Col tempo si ricompone mostrando ampiezza, articolazione e lampi di classe, benché non perda del tutto l’aggressività tannica; mi sembra un gran bel vino, da aspettare ancora un pochino.
La Spinetta – Barbaresco Vigneto Starderi 2005
Un bestione lungo e potente che tende a sovrastare gli altri; col tempo, oltre alle note classiche, si articola variamente su menta, vernice, spezie, poi anche erbaceo…Niente da dire, gran bel vino anche questo, se piace il genere…

Seconda batteria più difficile da giudicare sia per la quantità di vino già buttata giù che per l’invasività sensoriale dello Spinetta che rimane sul palato e nel cavo.
Parusso – Barolo Le Coste-Mosconi 2007
Un po’ come il Cavallotto al naso sembra più avanti che in bocca, dove è un pelo asciutto e troppo giovane. Cresce nel bicchiere ed è buono, ma mi sembra avere meno potenzialità del suddetto. Il più potente della seconda batteria.
Brovia – Barolo Villero 2004
Floreale, si sviluppa sul frutto acidulo con naturalezza e continuità, elegante come Il Monvigliero di cui sopra, ma qui siamo più sul frutto rosso; sfaccettato, lungo. Molto molto buono.
Cascina Ebreo – Torbido 2004
Ripulito da qualche nota ferrosa al naso, secondo me è preso nel momento perfetto di beva. Assetto su frutto, note di bosco e di terra, molto “sostanziale”, voglio dire che non ha grandi svolazzi ma in bocca è un godimento.

Nel complesso una dimostrazione molto notevole, lo dico da sangiovesista convinto, della bontà del nebbiolo.
Metto le mie preferenze accompagnate da una voto in ventesimi stile vecchio Espresso che ha solo la funzione di chiarire le mie impressioni, senza la minima pretesa di dare una valutazione oggettiva.
I migliori secondo me Il Villero Brovia e il Monvigliero F.lli Alessandria (siamo sui 18.5).
Seguono da vicino Torbido Cascina Ebreo e Cavallotto Bricco Boschis (17.5-18)
Parusso direi 17.
La Spinetta per me va sui 16.5-17, ma se valutato in centesimi americani potrebbe avvantaggiarsi del tasso di cambio e tramutarsi in un 95/100… :D

Queste impressioni penso siano state più o meno condivise nel gruppo, tranne che per il Cavallotto (che a qualcuno è piaciuto di meno) e per la Spinetta (che a qualcuno è piaciuto di più).

Alla prossima!

Re: Bevitori di Maremma

Inviato: 09 apr 2017 16:19
da gianni femminella
Ribadisco che abbiamo bevuto a bottiglie coperte e che le mie impressioni e quelle di Miccel sono frutto di appunti presi separatamente e per quanto mi riguarda di getto e senza starci tanto a pensare. Lui non so, secondo me lui si inventa tutto :mrgreen:


Prima batteria:

Più integro degli altri due, sia per colore che per limpidezza; direi senz'altro il più giovane della batteria; accentuatamente balsamico, a tratti sembra leggermente diluito, forse per il confronto con la bottiglia numero tre, la quale ha uno spessore notevole, quasi ingombrante. Una punta di amaro non gli toglie piacevolezza.
è il F.lli Alessandria – Barolo Monvigliero 2009


Caldo, ma non di alcool. Più evoluto del precedente. Una piacevole dolcezza me lo fa forse preferire agli altri due. Tannino integrato ancora abbastanza graffiante. Nell'insieme lo trovo anche armonico.
è il Cavallotto – Barolo Bricco Boschis 2004


A tutta prima lo direi un pizzico troppo evoluto, sensazione che poi rientra. Estrazione importante, materia. Balsamico. Ricco. Ancora tannico. Cannella, spezie, un leggero tocco erbaceo. Persistenza impressionante.
si tratta de La Spinetta – Barbaresco Vigneto Starderi 2005


----------------------------------------------------------------------------

Seconda batteria:


Amaro non penalizzante, spessore, bella freschezza. Alcool "invisibile". Buono ma non mi fa impazzire. E' anche vero che il palato è già abbastanza saturo ( non ho la resistenza da forumista DOC )
in questo caso era il Parusso – Barolo Le Coste-Mosconi 2007


Spezie, arancia,, frutto dolce, maturità, complessità. Anche questo bello lungo. Fino ad ora i valori in campo sono vicini, forse per un po' è stato il mio preferito, alla fine non ero più in grado di stilare una classifica
è il Brovia – Barolo Villero 2004



Caldo ( ma non alcolico ), speziato, balsamico, ancora tannico. Alla fine l'impressione generale è di un vino ben bilanciato, che trovo di mio gradimento. Fosse stato bevuto all'inizio probabilmente sarebbe sembrato migliore.
è quindi il Cascina Ebreo – Torbido 2004

Re: Bevitori di Maremma

Inviato: 09 apr 2017 16:37
da gaprile
Grazie per le note ragazzi, come sempre interessanti. L'impressione è che vi siate divertiti anche stavolta :wink:

Re: Bevitori di Maremma

Inviato: 09 apr 2017 18:07
da miccel
Questo di sicuro, Giorgio. Come tu sai perfino Gianni, NONOSTANTE TUTTO, è una persona piacevole.

Re: Bevitori di Maremma

Inviato: 09 apr 2017 19:17
da gianni femminella
miccel ha scritto:Questo di sicuro, Giorgio. Come tu sai perfino Gianni, NONOSTANTE TUTTO, è una persona piacevole.


Persona piacevole a me? Che fai, offendi?

Non dimentichiamo lo Champagne di apertura gentilmente offerto dal nostro Roberto. Un Waris Hubert grand cru blanc de blancs millesime 2011, un giovincello sboccato solo 4 mesi fa che ho trangugiato senza ritegno.
Come dicevo ieri ai compari, potrei vivere di Champagne ( bella scoperta ).

Re: Bevitori di Maremma

Inviato: 10 apr 2017 15:09
da paperofranco
Mi sembra una buona bevuta nebbiolesca, bilanciata fra il piacere e la didattica, fra vini buoni e altri ben rappresentativi di come non dovrebbe essere un nebbiolo, questo, ovviamente, secondo il mio punto di vista.
Mi torna che il Villero 2004 di Brovia sia uscito come uno dei migliori se non il migliore. E anche il Monvigliero dei F.lli Alessandria, un’azienda in crescita qualitativa negli ultimi anni. Cavallotto non mi ha mai smosso più di tanto, comunque fra il semplice Bricco Boschis ed il Vigna San Giuseppe di solito c’è un bello stacco. Il Torbido di Cascina Ebreo per me è un bluff, un vino di nessun interesse. Parusso fa parte di quelli che fanno baroli che sanno di Estatè, anche no, grazie. Infine, La Spinetta esemplifica, forse meglio di chiunque altro, con i suoi vini cattivi e costosi, come non dovrebbe mai essere un nebbiolo.

Re: Bevitori di Maremma

Inviato: 10 apr 2017 16:13
da Andyele
Bravi ragazzi!

Se rifate qualcosa di sabato, magari in zona Follonica, potrei anche tentare di essere dei vostri!!

Re: Bevitori di Maremma

Inviato: 10 apr 2017 16:57
da gianni femminella
:D
Andyele ha scritto:Bravi ragazzi!

Se rifate qualcosa di sabato, magari in zona Follonica, potrei anche tentare di essere dei vostri!!


Dunque verresti anche dopo il grande entusiasmo dimostrato dal Papero?

Ovviamente sei il benvenuto. In effetti avremmo in programma una bevuta di bianchi a Follonica. Ti teniamo informato.

Re: Bevitori di Maremma

Inviato: 10 apr 2017 17:01
da Timoteo
gianni femminella ha scritto::D
Andyele ha scritto:Bravi ragazzi!

Se rifate qualcosa di sabato, magari in zona Follonica, potrei anche tentare di essere dei vostri!!


Dunque verresti anche dopo il grande entusiasmo dimostrato dal Papero?

Ovviamente sei il benvenuto. In effetti avremmo in programma una bevuta di bianchi a Follonica. Ti teniamo informato.


bianchi interessante.

Re: Bevitori di Maremma

Inviato: 10 apr 2017 17:02
da Andyele
gianni femminella ha scritto::D
Andyele ha scritto:Bravi ragazzi!

Se rifate qualcosa di sabato, magari in zona Follonica, potrei anche tentare di essere dei vostri!!


Dunque verresti anche dopo il grande entusiasmo dimostrato dal Papero?

Ovviamente sei il benvenuto. In effetti avremmo in programma una bevuta di bianchi a Follonica. Ti teniamo informato.


Coinvolgi anche il Papero dai!

Re: Bevitori di Maremma

Inviato: 10 apr 2017 17:41
da miccel
paperofranco ha scritto:Mi sembra una buona bevuta nebbiolesca, bilanciata fra il piacere e la didattica, fra vini buoni e altri ben rappresentativi di come non dovrebbe essere un nebbiolo, questo, ovviamente, secondo il mio punto di vista.
Mi torna che il Villero 2004 di Brovia sia uscito come uno dei migliori se non il migliore. E anche il Monvigliero dei F.lli Alessandria, un’azienda in crescita qualitativa negli ultimi anni. Cavallotto non mi ha mai smosso più di tanto, comunque fra il semplice Bricco Boschis ed il Vigna San Giuseppe di solito c’è un bello stacco. Il Torbido di Cascina Ebreo per me è un bluff, un vino di nessun interesse. Parusso fa parte di quelli che fanno baroli che sanno di Estatè, anche no, grazie. Infine, La Spinetta esemplifica, forse meglio di chiunque altro, con i suoi vini cattivi e costosi, come non dovrebbe mai essere un nebbiolo.

Fa piacere un punto di vista esterno, anche per capire l’effetto che fa quello che abbiamo bevuto e scritto, visto che nessuno di noi è esperto di Langa (tranne uno che però non posta qui), ma, in puro spirito forumistico, abbiamo deciso di mettere ugualmente le nostre impressioni.
Sul Monvigliero 2009 f.lli Alessandria aggiungo: giustamente Gianni ha scritto che a tratti sembrava leggermente diluito; in effetti era talmente “facile” e andava giù così bene (non so se sia perché aveva accanto due vini assai più impattanti, oppure magari per via dell’annata) che in molti a un certo punto abbiamo avuto dei dubbi; poi però abbiamo riscontrato una buona complessità o, comunque sia, alla fine ha convinto un po' tutti.