Borgogna - annata 2011

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
paperofranco
Messaggi: 5966
Iscritto il: 20 gen 2010 19:16
Località: Poggibonsi

Borgogna - annata 2011

Messaggioda paperofranco » 16 nov 2012 22:34

Lo so, forse è prematuro parlarne , ma volevo mettere un freno alla pericolosa deriva rodanesca del forum. :mrgreen:
Avatar utente
fabird
Messaggi: 2830
Iscritto il: 06 giu 2007 17:24
Località: MB

Re: Borgogna - annata 2011

Messaggioda fabird » 16 nov 2012 22:54

fa cagare. :!:
L'arrampicata, un gioco infinito....... Un gioco finito si gioca per vincerlo,un gioco infinito per continuare a giocare. I partecipanti ad un gioco finito giocano entro confini ben precisi, i partecipanti ad un gioco infinito giocano con i confini
Avatar utente
vinotec
Messaggi: 27036
Iscritto il: 09 giu 2007 14:19
Località: BRISIGHELLA
Contatta:

Re: Borgogna - annata 2011

Messaggioda vinotec » 17 nov 2012 07:11

...credo faccia cagare anche la 2011 a Bordeaux...
UBI MAIOR, MINOR CESSAT !
vinogodi
Messaggi: 28609
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: Borgogna - annata 2011

Messaggioda vinogodi » 17 nov 2012 12:23

...a questo punto, evitiamo di comprare Guttalax... 8)
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
Avatar utente
Baroloonline
Messaggi: 3293
Iscritto il: 06 giu 2007 11:59
Località: Langhe

Re: Borgogna - annata 2011

Messaggioda Baroloonline » 18 nov 2012 10:54

Non male, certo che venire dopo 2009 e 2010 non aiuta.
Mi ricorda un po' la 2006 con piu' acidita'. Anche se e' presto per dirlo.
Prima comunque di dare giudizi definitivi aspetterei la messa in bottiglia di almeno i base....
Living well is the best revenge

Francesco Oddenino alias "baroloonline"

info @ baroloonline.it
info @ bourgogneonline.it
paperofranco
Messaggi: 5966
Iscritto il: 20 gen 2010 19:16
Località: Poggibonsi

Re: Borgogna - annata 2011

Messaggioda paperofranco » 18 nov 2012 11:24

Baroloonline ha scritto:Non male, certo che venire dopo 2009 e 2010 non aiuta.
Mi ricorda un po' la 2006 con piu' acidita'. Anche se e' presto per dirlo.
Prima comunque di dare giudizi definitivi aspetterei la messa in bottiglia di almeno i base....


Anche a me è sembrata buona, per quel poco che ho sentito e per la mia poca esperienza di assaggi da botte. Non ha certo lo spessore e la profondità della 2010, ma secondo me è un'annata "de plaisir" con un giusto tocco di classicità. La differenza di passo mi è sembrata evidente assaggiando la gamma di Bachelet, l'unico di quest'anno che avevo visitato anche l'anno scorso.
Avatar utente
nebbiolone
Messaggi: 3974
Iscritto il: 10 ott 2007 12:15
Località: Nebbioli del Nord Piemonte

Re: Borgogna - annata 2011

Messaggioda nebbiolone » 18 nov 2012 22:22

fabird ha scritto:fa cagare. :!:


Sperem almeno si riesce a comprare qualcosa
Mala tempora currunt

Nunc est bibendum
Avatar utente
Aramis
Messaggi: 3882
Iscritto il: 06 giu 2007 15:50

Re: Borgogna - annata 2011

Messaggioda Aramis » 19 nov 2012 12:11

Baroloonline ha scritto:Non male, certo che venire dopo 2009 e 2010 non aiuta.
Mi ricorda un po' la 2006 con piu' acidita'. Anche se e' presto per dirlo.
Prima comunque di dare giudizi definitivi aspetterei la messa in bottiglia di almeno i base....

A me pare invece che abbia meno acidità del 2006 e globalmente non la valga nemmeno in bianco; in rosso non c'è match, per come la vedo io, salve eccezioni dovute al "manico" - il Clos de Bèze 2011 di Bouchard, vino nemmeno di Domaine, è più buono del 2010; assaggiati sabato da loro uno a fianco all'altro.
"L’appellation d’origine constitue un patrimoine collectif, et ne peut donc pas être la propriété d’opérateurs économiques à titre privatif, contrairement à une marque, par exemple." (INAO, Institut National des Appellations d'Origine)
paperofranco
Messaggi: 5966
Iscritto il: 20 gen 2010 19:16
Località: Poggibonsi

Re: Borgogna - annata 2011

Messaggioda paperofranco » 19 nov 2012 12:18

Aramis ha scritto:
Baroloonline ha scritto:Non male, certo che venire dopo 2009 e 2010 non aiuta.
Mi ricorda un po' la 2006 con piu' acidita'. Anche se e' presto per dirlo.
Prima comunque di dare giudizi definitivi aspetterei la messa in bottiglia di almeno i base....

A me pare invece che abbia meno acidità del 2006 e globalmente non la valga nemmeno in bianco; in rosso non c'è match, per come la vedo io, salve eccezioni dovute al "manico" - il Clos de Bèze 2011 di Bouchard, vino nemmeno di Domaine, è più buono del 2010; assaggiati sabato da loro uno a fianco all'altro.


Secondo te Armando, potrebbe ricordare un po' la 2007? Quindi vini molto godibili fin da subito e senza grandissime prospettive?
Avatar utente
Aramis
Messaggi: 3882
Iscritto il: 06 giu 2007 15:50

Re: Borgogna - annata 2011

Messaggioda Aramis » 19 nov 2012 12:25

Non direi. Io ho sempre trovato sottovalutata la 2007 (in rosso e in Cote de nuits), secondo me è un'annata di vini molto proporzionati, profumatissimi; la sfida era evitare le note "verdi", e chi c'è riuscito ha fatto vini meravigliosi. Di meraviglioso nel 2011 credo non troveremo molto, buono sì, ma meraviglioso non credo. Comunque è presto, aspettiamo qualche mese prima di giudicare.
Piuttosto, tanto per gettare un po' di benzina sul fuoco... occhio a non sopravvalutare la 2010. La 2009 è meglio facile, ma FACILE. E vedrai che nel tempo dai 2010, parlando globalmente, un po' di verde esce eccome.
Asp, che prendo i popcorn.
"L’appellation d’origine constitue un patrimoine collectif, et ne peut donc pas être la propriété d’opérateurs économiques à titre privatif, contrairement à une marque, par exemple." (INAO, Institut National des Appellations d'Origine)
Avatar utente
Baroloonline
Messaggi: 3293
Iscritto il: 06 giu 2007 11:59
Località: Langhe

Re: Borgogna - annata 2011

Messaggioda Baroloonline » 19 nov 2012 14:56

Aramis ha scritto:Non direi. Io ho sempre trovato sottovalutata la 2007 (in rosso e in Cote de nuits), secondo me è un'annata di vini molto proporzionati, profumatissimi; la sfida era evitare le note "verdi", e chi c'è riuscito ha fatto vini meravigliosi. Di meraviglioso nel 2011 credo non troveremo molto, buono sì, ma meraviglioso non credo. Comunque è presto, aspettiamo qualche mese prima di giudicare.
Piuttosto, tanto per gettare un po' di benzina sul fuoco... occhio a non sopravvalutare la 2010. La 2009 è meglio facile, ma FACILE. E vedrai che nel tempo dai 2010, parlando globalmente, un po' di verde esce eccome.
Asp, che prendo i popcorn.


Sono d'accordo....
Living well is the best revenge

Francesco Oddenino alias "baroloonline"

info @ baroloonline.it
info @ bourgogneonline.it
davidef
Messaggi: 7791
Iscritto il: 06 giu 2007 17:23
Località: Vicenza

Re: Borgogna - annata 2011

Messaggioda davidef » 19 nov 2012 15:35

bene, molto ma molto bene, è da tempo che auspico una vendemmia diffusamente sotto tono, finalmente un anno si potrà risparmiare che quà ce n'è sempre una da comprare porca miseria :lol:
alì65
Messaggi: 11761
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: Borgogna - annata 2011

Messaggioda alì65 » 19 nov 2012 15:59

davidef ha scritto:bene, molto ma molto bene, è da tempo che auspico una vendemmia diffusamente sotto tono, finalmente un anno si potrà risparmiare che quà ce n'è sempre una da comprare porca miseria :lol:


ti appoggio e visto l'andamento climatico anche la 2012 non resterà negli annali...
futuro incerto...ma w la gnocca!!!
alì65
Messaggi: 11761
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: Borgogna - annata 2011

Messaggioda alì65 » 19 nov 2012 16:02

Aramis ha scritto:Non direi. Io ho sempre trovato sottovalutata la 2007 (in rosso e in Cote de nuits), secondo me è un'annata di vini molto proporzionati, profumatissimi; la sfida era evitare le note "verdi", e chi c'è riuscito ha fatto vini meravigliosi. Di meraviglioso nel 2011 credo non troveremo molto, buono sì, ma meraviglioso non credo. Comunque è presto, aspettiamo qualche mese prima di giudicare.
Piuttosto, tanto per gettare un po' di benzina sul fuoco... occhio a non sopravvalutare la 2010. La 2009 è meglio facile, ma FACILE. E vedrai che nel tempo dai 2010, parlando globalmente, un po' di verde esce eccome.
Asp, che prendo i popcorn.


è la stessa sensazione provata nell'ultimo giro, comincia a farsi sentire qualche voce in proposito.....forse che forse qualcosa ci si è capito a suo tempo ma bisogna vendere, vendere e sempre vendere...
futuro incerto...ma w la gnocca!!!
Avatar utente
de magistris
Messaggi: 4495
Iscritto il: 14 lug 2007 13:33

Re: Borgogna - annata 2011

Messaggioda de magistris » 19 nov 2012 16:30

Baroloonline ha scritto:
Aramis ha scritto:Non direi. Io ho sempre trovato sottovalutata la 2007 (in rosso e in Cote de nuits), secondo me è un'annata di vini molto proporzionati, profumatissimi; la sfida era evitare le note "verdi", e chi c'è riuscito ha fatto vini meravigliosi. Di meraviglioso nel 2011 credo non troveremo molto, buono sì, ma meraviglioso non credo. Comunque è presto, aspettiamo qualche mese prima di giudicare.
Piuttosto, tanto per gettare un po' di benzina sul fuoco... occhio a non sopravvalutare la 2010. La 2009 è meglio facile, ma FACILE. E vedrai che nel tempo dai 2010, parlando globalmente, un po' di verde esce eccome.
Asp, che prendo i popcorn.


Sono d'accordo....


aiutami a capire, Francesco: se non ricordo male, quando ci confrontammo sulle prime ricognizioni della 2009 mi sembrasti più scettico di me. In particolare avevi perplessità sulle tante declinazioni di frutto scuro e sulla percezione alcolica di tanti vini riassaggiati fuori dalle cantine dei vignerons, e quindi a temperature più elevate dei classici 13-15 gradi delle caves. E, sempre se non ricordo male, mi sembra ipotizzassi comunque una "superiorità" in termini di magia e profondità nei migliori 2008 in rapporto ai rispettivi 2009, pur confermando la maggiore eterogeneità della 2008.
Quindi ti chiedo se hai almeno parzialmente cambiato idea o se addirittura collochi la 2010 sotto sia alla 2008 che alla 2009.

Fermo restando, e su questo so che la pensiamo allo stesso modo, che il confronto sulle annate ha pieno senso solo se dichiariamo di volta in volta il campo di gioco su cui svolgere i "match".
Per esempio se la variabile è "annata dove si sentono nettamente le differenze fra le gerarchie di cru e le zone", mi prendo tutta la vita i 2010, poi 2008 e poi 2009.
Se la variabile è livello medio, pienezza-maturità e probabile affidabilità nel tempo (anche sulla scorta della memoria borgognona sulle annate ricche e solari), probabilmente la 2009 spiegherà ancora una volta perché la critica francese punta forte su questo tipo di annate (e perfino sui bianchi)
Se la variabile è: io sono un consumatore italiano e quando vado in Borgogna voglio acidità e tensione (anche sopra le righe) e me ne frego di qualche crudezza, spendo tutto sui 2010 e di 2009 mi prendo solo qualche village.
Se la variabile è: so che camperò altri 40 anni, ho una cantina piena di tante altre belle cose da stappare nel frattempo e non ho fretta, mi faccio una bella scorta di grand cru 2009 (soprattutto di una serie di non diraspati, per me una spanna sopra in questo tipo di annate) e vado col bilancino dell'orefice a scegliermi i 2008 e 2010 più cesellati e completi.
And so on... :D
Ultima modifica di de magistris il 19 nov 2012 16:36, modificato 1 volta in totale.
Paolo De Cristofaro

http://www.tipicamente.it/

Ci si può divertire anche senza alcool. Ma perché correre il rischio? (Roy Hodgson)

Auspico una guida che non metta i vini DRC al vertice. Sarà la migliore. (Edoardo Francvino)
Avatar utente
arnaldo
Messaggi: 8675
Iscritto il: 07 giu 2007 08:21
Località: Bassano del Grappa

Re: Borgogna - annata 2011

Messaggioda arnaldo » 19 nov 2012 16:33

Ho la netta sensazione che qualcuno è rimasto col cerino acceso in mano.....da solo...... :lol: :lol:
follow my tasting notes and pics on http://instagram.com/ARNALDO2262/
Avatar utente
de magistris
Messaggi: 4495
Iscritto il: 14 lug 2007 13:33

Re: Borgogna - annata 2011

Messaggioda de magistris » 19 nov 2012 16:35

arnaldo ha scritto:Ho la netta sensazione che qualcuno è rimasto col cerino acceso in mano.....da solo...... :lol: :lol:


vabbè che è parecchio che non frequento il compra e vendi, ma non ho capito che c'entrano i riferimenti al vendere e ai cerini, tuoi e di Claudio. Mi aiutate a capire?
Paolo De Cristofaro

http://www.tipicamente.it/

Ci si può divertire anche senza alcool. Ma perché correre il rischio? (Roy Hodgson)

Auspico una guida che non metta i vini DRC al vertice. Sarà la migliore. (Edoardo Francvino)
alì65
Messaggi: 11761
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: Borgogna - annata 2011

Messaggioda alì65 » 19 nov 2012 16:40

de magistris ha scritto:
Baroloonline ha scritto:
Aramis ha scritto:Non direi. Io ho sempre trovato sottovalutata la 2007 (in rosso e in Cote de nuits), secondo me è un'annata di vini molto proporzionati, profumatissimi; la sfida era evitare le note "verdi", e chi c'è riuscito ha fatto vini meravigliosi. Di meraviglioso nel 2011 credo non troveremo molto, buono sì, ma meraviglioso non credo. Comunque è presto, aspettiamo qualche mese prima di giudicare.
Piuttosto, tanto per gettare un po' di benzina sul fuoco... occhio a non sopravvalutare la 2010. La 2009 è meglio facile, ma FACILE. E vedrai che nel tempo dai 2010, parlando globalmente, un po' di verde esce eccome.
Asp, che prendo i popcorn.


Sono d'accordo....


Se la variabile è: io sono un consumatore italiano e quando vado in Borgogna voglio acidità e tensione (anche sopra le righe) e me ne frego di qualche crudezza, spendo tutto sui 2010 e di 2009 mi prendo solo qualche village.
And so on... :D


non ho capito bene questo passaggio; secondo te i 2010 sarebbero acidi,tesi e crudi mentre i 2009 più equilibrati, fruttosi e completi o mi sono perso qualcosa tra le righe!!
per quello che ho assaggiato non trovo quella enorme diversità, secondo me tra le due è una questione di gusti, io prefrisco la 2009 perchè la trovo più completa e avrà dalla sua la maturazione lunga ma di negativo periodi di chiusura anche lunghi mentre la 2010 l'ho trovata più "classica" e l'ho letta senza complicazioni, nessuna chiusura nel tempo, la bevo ora e sempre.....capisco un piffero!!! :|
futuro incerto...ma w la gnocca!!!
alì65
Messaggi: 11761
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: Borgogna - annata 2011

Messaggioda alì65 » 19 nov 2012 16:41

de magistris ha scritto:
arnaldo ha scritto:Ho la netta sensazione che qualcuno è rimasto col cerino acceso in mano.....da solo...... :lol: :lol:


vabbè che è parecchio che non frequento il compra e vendi, ma non ho capito che c'entrano i riferimenti al vendere e ai cerini, tuoi e di Claudio. Mi aiutate a capire?


se c'entro io non l'ho capita... :?
futuro incerto...ma w la gnocca!!!
Avatar utente
arnaldo
Messaggi: 8675
Iscritto il: 07 giu 2007 08:21
Località: Bassano del Grappa

Re: Borgogna - annata 2011

Messaggioda arnaldo » 19 nov 2012 16:42

Il pensiero nasce da questa affermazione di Armando: "Piuttosto, tanto per gettare un po' di benzina sul fuoco... occhio a non sopravvalutare la 2010. La 2009 è meglio facile, ma FACILE. E vedrai che nel tempo dai 2010, parlando globalmente, un po' di verde esce eccome.".
Tanta fretta nel giudicare troppo presto le annate puo' provocare queste revisioni. ED anche acquisti affrettati a prezzi troppo velocemente gonfiati a regola d'arte, anche per rifarsi da alcune annate precedenti gia' deficitarie.
Ognuno tragga le sue conclusioni. :D :D 8)
Ultima modifica di arnaldo il 19 nov 2012 16:43, modificato 1 volta in totale.
follow my tasting notes and pics on http://instagram.com/ARNALDO2262/
Avatar utente
de magistris
Messaggi: 4495
Iscritto il: 14 lug 2007 13:33

Re: Borgogna - annata 2011

Messaggioda de magistris » 19 nov 2012 16:42

alì65 ha scritto:
de magistris ha scritto:
arnaldo ha scritto:Ho la netta sensazione che qualcuno è rimasto col cerino acceso in mano.....da solo...... :lol: :lol:


vabbè che è parecchio che non frequento il compra e vendi, ma non ho capito che c'entrano i riferimenti al vendere e ai cerini, tuoi e di Claudio. Mi aiutate a capire?


se c'entro io non l'ho capita... :?


mi riferivo al tuo post più su, dove dicevi "forse che forse qualcosa ci si è capito a suo tempo ma bisogna vendere, vendere e sempre vendere..."
ti riferivi ai produttori francesi o ai secondi canali?
Paolo De Cristofaro

http://www.tipicamente.it/

Ci si può divertire anche senza alcool. Ma perché correre il rischio? (Roy Hodgson)

Auspico una guida che non metta i vini DRC al vertice. Sarà la migliore. (Edoardo Francvino)
davidef
Messaggi: 7791
Iscritto il: 06 giu 2007 17:23
Località: Vicenza

Re: Borgogna - annata 2011

Messaggioda davidef » 19 nov 2012 16:45

de magistris ha scritto:
arnaldo ha scritto:Ho la netta sensazione che qualcuno è rimasto col cerino acceso in mano.....da solo...... :lol: :lol:


vabbè che è parecchio che non frequento il compra e vendi, ma non ho capito che c'entrano i riferimenti al vendere e ai cerini, tuoi e di Claudio. Mi aiutate a capire?



penso sia riferita alla consolidata abitudine dei produttori d'oltralpe (e dell'entourage di venditori e/o importatori più o meno ufficiali) di promozionare l'annata a venire come quanto meno classica nel caso di annata debole e di annata ricca nel caso di annata con squilibri alcolici o di estrazione

solitamente prima si piazza il vino e poi si fa retromarcia sulle valutazioni, nel frattempo molti hanno opzionato le bottiglie sull'onda di commenti amichevoli e qualche remore sul fatto se sia stata una scelta giusta o meno comincia a serpeggiare

mia interpretazione, ma non penso di sbagliarmi troppo
Avatar utente
de magistris
Messaggi: 4495
Iscritto il: 14 lug 2007 13:33

Re: Borgogna - annata 2011

Messaggioda de magistris » 19 nov 2012 16:50

alì65 ha scritto:
de magistris ha scritto:
Se la variabile è: io sono un consumatore italiano e quando vado in Borgogna voglio acidità e tensione (anche sopra le righe) e me ne frego di qualche crudezza, spendo tutto sui 2010 e di 2009 mi prendo solo qualche village.
And so on... :D


non ho capito bene questo passaggio; secondo te i 2010 sarebbero acidi,tesi e crudi mentre i 2009 più equilibrati, fruttosi e completi o mi sono perso qualcosa tra le righe!!
per quello che ho assaggiato non trovo quella enorme diversità, secondo me tra le due è una questione di gusti, io prefrisco la 2009 perchè la trovo più completa e avrà dalla sua la maturazione lunga ma di negativo periodi di chiusura anche lunghi mentre la 2010 l'ho trovata più "classica" e l'ho letta senza complicazioni, nessuna chiusura nel tempo, la bevo ora e sempre.....capisco un piffero!!! :|


non diciamo cose tanto diverse: la 2010 è sicuramente "classica", i vini sono stati finora sempre piuttosto leggibili nell'indole e nella provenienza ma per quanto mi riguarda anche loro hanno bisogno di tempo per distendersi e "completarsi" (anche perché tanti vini hanno completato molto tardi le malolattiche..)
Acidi, tesi e crudi i 2010 lo sono indubbiamente se rapportati alla maggior parte dei 2009, il che non vuol dire che i 2009 siano pronti, anzi.
Secondo me l'equivoco di fondo sta nel fatto che per molti le annate "da aspettare" siano quelle appunto acide, tese, martellanti (e spesso lo sono), mentre invece anche quelle orizzontali, piene, polpose sono in molti casi da aspettare se le si vuole godere in tutte le loro sfumature.
Infine non credo che i 2010 non avranno finestre di chiusura, anzi, anche se probabilmente avranno una finestra di apertura iniziale più lunga di altre annate vicine (i 2008 più dotati, per esempio, si sono presto chiusi a doppia mandata: non dimenticherò mai da Francesco l'esperienza col Musigny '08 di Mugnier: in una fase totalmente ascetica, sembrava di scalare uno di quei monasteri ortodossi in Grecia a picco sul mare, na roba mistica... :-)
Paolo De Cristofaro

http://www.tipicamente.it/

Ci si può divertire anche senza alcool. Ma perché correre il rischio? (Roy Hodgson)

Auspico una guida che non metta i vini DRC al vertice. Sarà la migliore. (Edoardo Francvino)
alì65
Messaggi: 11761
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: Borgogna - annata 2011

Messaggioda alì65 » 19 nov 2012 16:50

de magistris ha scritto:
alì65 ha scritto:
de magistris ha scritto:
arnaldo ha scritto:Ho la netta sensazione che qualcuno è rimasto col cerino acceso in mano.....da solo...... :lol: :lol:


vabbè che è parecchio che non frequento il compra e vendi, ma non ho capito che c'entrano i riferimenti al vendere e ai cerini, tuoi e di Claudio. Mi aiutate a capire?


se c'entro io non l'ho capita... :?


mi riferivo al tuo post più su, dove dicevi "forse che forse qualcosa ci si è capito a suo tempo ma bisogna vendere, vendere e sempre vendere..."
ti riferivi ai produttori francesi o ai secondi canali?


ai produttori locali che hanno sempre l'idea di avere davanti lo spendaccione che compra sempre e comunque.....incensavano la 2010 come la migliore dopo la 2005, forse ma intanto le vendite sono aumentate e anche i prezzi.....come sempre hanno ragione loro, commercialmente, poi si vedrà in qualità
e comunque qualche vigneron di fascia media ma di ottima qualità ha da vendere ancora qualche bt di 2007, non è sempre domenica anche per loro....
futuro incerto...ma w la gnocca!!!
Avatar utente
de magistris
Messaggi: 4495
Iscritto il: 14 lug 2007 13:33

Re: Borgogna - annata 2011

Messaggioda de magistris » 19 nov 2012 16:55

alì65 ha scritto:
ai produttori locali che hanno sempre l'idea di avere davanti lo spendaccione che compra sempre e comunque.....incensavano la 2010 come la migliore dopo la 2005, forse ma intanto le vendite sono aumentate e anche i prezzi.....come sempre hanno ragione loro, commercialmente, poi si vedrà in qualità
e comunque qualche vigneron di fascia media ma di ottima qualità ha da vendere ancora qualche bt di 2007, non è sempre domenica anche per loro....


è pure vero che nella 2010 hanno prodotto veramente poco poco poco... :cry:
figurati difendo o giustifico i continui aumenti di prezzo degli ultimi anni, ci mancherebbe: ormai per me la Borgogna è praticamente fuori dalle mie possibilità. Per questo sono contento di annate come la 2010 dove posso ancora trovare qualche bottiglia molto vicina al mio gusto senza per forza dover andare sugli incomprabili-fuoriclasse assoluti, tutto qua.
Paolo De Cristofaro

http://www.tipicamente.it/

Ci si può divertire anche senza alcool. Ma perché correre il rischio? (Roy Hodgson)

Auspico una guida che non metta i vini DRC al vertice. Sarà la migliore. (Edoardo Francvino)

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: alessandro zanuso, AmoSlade, declar, ninetto e 13 ospiti