Abbiamo bevuto a Dicembre

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Avatar utente
kubik
Messaggi: 2109
Iscritto il: 22 nov 2007 01:20
Località: piemonte

Re: Abbiamo bevuto a Dicembre

Messaggioda kubik » 08 dic 2014 11:53

Ricognizione Sangiovese 2001 Toscana in quel di Torino ..

Cieca assoluta per tutti, anche per me che ho organizzato, alcuni fondi sono giunti fino al giorno dopo per un riesame fortunato..
Ero un po preso dal tutto, quindi non rilassatissimo nel seguire i vini.
il servizio è stato nell’ordine seguente, due tornate : 1-6 e 7-11

1. Castellina -> F. Rodàno, Chianti Classico riserva Viacosta
Naso compresso, cupo, inizia con note di porcino secco, terra e sottobosco, il giorno dopo cuoio e pellame, un legno vecchio, vaghi segni di riscossa a tratti ma mai la luce piena, nel complesso una maturità fiacca e non completa pulizia, ha bocca di buon piglio succoso ma ancora arcigna e un po’ bloccata, tannino fiero, un po’ polveroso e amaro. naso 84, bocca 86

2. Barberino Val d’Elsa -> Castello di Monsanto, Chianti Classico riserva Il Poggio
chiusissimo attacca con vaghe note balsamiche, frutto in confettura, anch’egli al naso mostra però una maturità incipiente che non si scrollerà mai di dosso pur arrivando un tocco arioso di arancia amara, tabacco dolce oltre che le tonalità terrose. Dà sicuramente di più al palato, dove succo e sapore sono ben espressi in un volume fluente e dinamico, tannino appuntito e in via di risoluzione, accenno di alcol, torna però vaghezza al retronasale di una maturità più avanzata. Peccato, avevo grandi aspettative, sottotono nel complesso. naso 86, bocca 90

3. Castelnuovo Berardenga -> F.Felsina, Chianti classico riserva Rancia
nella prima tornata è stata quella che mi è piaciuta di più in prima battuta (salvo poi arrivare il n°5), naso appena più invitante e dolce nel ricordo ancora del frutto, ma poi anche qui il pellame e la terrosità si fanno sotto, barlumi di mon cheri e spezia appena dolce. E’ in bocca che dà il meglio di se, tutto all’insegna di un gran bel succo e sapore, infiltrante, con tannino dolce e di buona risoluzione, tutto in tensione e allungo forse deficitario solo di un pò di volume a centro bocca ma gran bel sangiovese, mi è molto piaciuto, a metà platea no. naso 87, bocca 92

4. Greve-Panzano -> Fontodi, Toscana IGT Flaccianello
colore più scuro com’era d’aspettarsi, naso balsamico e contratto, legno avvertibile, giovane, compresso, bocca coesa e massiva, lievemente monolitica ma non priva di una bella spinta acida che apporta articolazione e discreta dinamica, tannino tosto, un vino che si farà, sono sicuro, le premesse sono molto buone. naso 86, bocca 91

5. Gaiole sud ->F. S.Giusto a Rentennano Toscana IGT Percarlo
inizia anch’egli balsamico e subito denota una profondità fatta di integrità e al contempo chiusura annunciatrice, pian piano si leva verso note ariose e leggiadre, erbe officinali tra cui rosmarino, ancora qualcosa del frutto, anche se rimane sostanzialmente taciturno e raccolto (e la cosa non mi dispiace tutto sommato). Il giorno dopo si è scrollato di dosso solo un pò di chiusura ma non un accenno di cedimento o sbracamento, rimanendo tutto d’un pezzo! In bocca un caterpillar di razza avviatosi sulla via della felice fruibilità, gran bel succo e sapidità a far trottare una materia di prim’ordine, con un tannino ancora appena appuntito ma dolce e di qualità. Un vino di grande caratura, un signore sangiovese, ancora giovane e in divenire. naso 92, bocca 94

6. Gaiole sud-Monti -> Badia a Coltibuono, Toscana IGT Sangioveto
attacca con un naso molto diverso dagli altri, petali bagnati, in infusione, c’è il frutto rosso “acido”, qualcosa di legno non smaccato che compone con il resto un quadro di una certa sensualità con alcune note di karkadè. Offre una bocca di ricamo, c’è un ottimo equilibrio delle sue parti dove una certa morbidezza, non piaciona peraltro, dispiega bene un corredo fenolico maturo e dolce ancora appena incisivo. Manca solo un pò di cattiveria e profondità o forse è semplicemente venuto dopo il Percarlo, tant’è che il giorno dopo da solo è stato ben più apprezzato al sorso. Naso 90 , bocca 91

Seconda tornata:

7. Montalcino-Castelnuovo dell’Abate-> Poggio di Sotto, Brunello
apre con i fiocchi la seconda tornata, naso molto bello ed articolato, molto espressivo, fatto di rimandi sobri alla dolcezza del frutto e ad altre tonalità ariose e sensuali di erbe aromatiche, al sorso sprizza davvero tanta energia fatta di sapore e succo, eleganza, pregnanza e lunghezza, più agile e indomito del successivo, da bere a secchiate. naso 93, bocca 94

8. Barberino Val d’Elsa-> Isole e Olena, Toscana IGT Cepparello
anche qui un vino di tempra e carattere incredibili che non mi sarei aspettato (alla cieca in due abbiamo pensato fosse Poggio di Sotto), naso poliedrico e non lontano dal precedente, forse solo con una profondità lievemente maggiore, sicuramente al palato è appena più completo dove ad un assetto sostanzialmente paritario affianca più centro bocca e maggiore rigore per una profondità lievemente più materica ed articolata che gli fa guadagnare un punto in più. Naso 93 bocca 95

9. Gaiole-Monti-> Podere il Palazzino, Chianti Classico Grosso Sanese
ecco il vino monster (in accezione non proprio positiva) della serata, quasi irreale già dal colore ancora rubino talmente carico da essere impenetrabile! Naso scuro e compresso, più del Flaccianello, dove il legno fa da padrone di brutto. Bocca materica, contratta, tannino furioso, non difetta di acidità ma chissà quando e se troverà evoluzione e districherà tale massa. C’è a chi è piaciuto ma in generale ne è uscito un giudizio trasversale di palese poca tipicità, non per la presenza di chissà quali vitigni esogeni quanto per una tecnica enologica eccessiva ed ingessante. Naso 81, bocca 84

10. Radda-> Montevertine, Toscana IGT Pergole Torte
Beh, la delusione è palese. Un vino crepuscolare e un po’ fiacco, almeno per il naso, terroso, umido, in bocca più tonico e dritto ma non così incisivo e reattivo. Bottiglia un po’ sfortunata o il Pergole 01 è già a questo punto? E’ anche vero che è venuta per ultima e in questa tornata impegnativa.. naso 87, bocca 88

11. S.Gimignano-> Cesani, Toscana IGT Luenzo
Aperto per sostituire il Bucerchiale tappato, anch’egli è uscito malconcio, naso stanco e brodoso, in bocca ingolfato e tannino scorbutico e un po’ amaro, torna la stanchezza. n.c.

12. Rufina-> F. Selvapiana, Chianti Rufina riserva Bucerchiale
TAPPATO !!!! Che peccato, per testarne la levatura l’ho assaggiato e la bocca mi è parsa di notevole grinta e progressione!
Avatar utente
il chiaro
Messaggi: 6204
Iscritto il: 07 giu 2007 00:24

Re: Abbiamo bevuto a Dicembre

Messaggioda il chiaro » 08 dic 2014 11:56

paperofranco ha scritto:
CiccioCH ha scritto:Nel weekend una conferma e due mezze delusioni.

Conferma

Brunello di Montalcino Capanna riserva 2006: Ammazza che Sangiovese di razza. Giustamente ancora incazzato, compresso. Come scrisse una volta Paperofranco mi sembra, vino maschio niente per femminucce. Ma buono, ilcinese fino al midollo. Consiglio però ancora di aspettare.

.


...eh si.
Chi mal sopporta i tannini fa bene a passare oltre, altrimenti, qui trova una delle espressioni più veraci del versante nord.


Capanna è uno dei più bravi produttori di montalcino, nord, sud est, ovest, sopra e sotto. Qua se lo filano in pochi, ma l'uomo che ride sotto i baffi fa davvero grandi vini
let me put my love into you babe
let me put my love on the line

let me put my love into you babe
let me cut your cake with my knife

Brian Johnson
Avatar utente
de magistris
Messaggi: 4495
Iscritto il: 14 lug 2007 13:33

Re: Abbiamo bevuto a Dicembre

Messaggioda de magistris » 08 dic 2014 11:59

kubik ha scritto:10. Radda-> Montevertine, Toscana IGT Pergole Torte
Beh, la delusione è palese. Un vino crepuscolare e un po’ fiacco, almeno per il naso, terroso, umido, in bocca più tonico e dritto ma non così incisivo e reattivo. Bottiglia un po’ sfortunata o il Pergole 01 è già a questo punto? E’ anche vero che è venuta per ultima e in questa tornata impegnativa.. naso 87, bocca 88


non sei il primo che si trova davanti bottiglie non così convincenti di Pergole '01.
Io sono stato piuttosto fortunto, devo dire: nell'ultimo anno l'ho bevuto tre volte, tre bottiglie sensibilmente diverse da un punto di vista espressivo ma tutte molto integre e brillanti, dal 90 in su per capirci (la migliore da magnum, spaziale).
Paolo De Cristofaro

http://www.tipicamente.it/

Ci si può divertire anche senza alcool. Ma perché correre il rischio? (Roy Hodgson)

Auspico una guida che non metta i vini DRC al vertice. Sarà la migliore. (Edoardo Francvino)
TheDude
Messaggi: 16
Iscritto il: 02 dic 2014 23:39
Località: Castellina in Chianti

Re: Abbiamo bevuto a Dicembre

Messaggioda TheDude » 08 dic 2014 12:39

paperofranco ha scritto:
Chianti Classico ris. "Il Poggio" 1968 Monsanto.
Prima annata.
Apre al naso con un alloro e una menta da manuale, poi vira su note catramose e di sottobosco; in bocca è seta, ma vibra di sensazioni minerali, con un'acidità ancora viva, su cui si regge tutta l'impalcatura gustativa.
Un vino dal fascino indiscutibile e senza tempo; contestualizzando, un gran vino.




Ciao Papero, una domanda... qualche giorno fa mi sono preso ad un ristorante quassù a Castellina una bottiglia del Poggio 91, beh una delusione totale. Bottiglia assolutamente sottoperformante. Vino completamente decrepito, vorrei capire se è il millesimo sfigato, o se sono stato sfigato io :? .
Ho visto che sei di Poggibonsi :D :D anche io, ma sono "emigrato" a Castellina, sai l'amour. Hai visto la nuova enoteca in via Maestra?
TheDude
Messaggi: 16
Iscritto il: 02 dic 2014 23:39
Località: Castellina in Chianti

Re: Abbiamo bevuto a Dicembre

Messaggioda TheDude » 08 dic 2014 12:45

kubik ha scritto:Ricognizione Sangiovese 2001 Toscana in quel di Torino ..
1. Castellina -> F. Rodàno, Chianti Classico riserva Viacosta
Naso compresso, cupo, inizia con note di porcino secco, terra e sottobosco, il giorno dopo cuoio e pellame, un legno vecchio, vaghi segni di riscossa a tratti ma mai la luce piena, nel complesso una maturità fiacca e non completa pulizia, ha bocca di buon piglio succoso ma ancora arcigna e un po’ bloccata, tannino fiero, un po’ polveroso e amaro. naso 84, bocca 86



Non so perchè ma un paio di anni fa Rodano ha vissuto un boom un po' troppo esagerato per la mia opinione. Io l'ho sempre trovato un vino mai troppo pulito al naso (non sono un'amante delle puzzette)... per l'amor di Dio un sangiovese classico senza niente da dire ma non sono mai stati nelle mie corde stilisticamente. Della zona "bassa" di Castellina ho sempre preferito Bibbiano e Lilliano,molto più puliti e armonici anche nell'uso del legno.
Avatar utente
Kalosartipos
Messaggi: 13168
Iscritto il: 07 giu 2007 13:57
Località: Cremona
Contatta:

Re: Abbiamo bevuto a Dicembre

Messaggioda Kalosartipos » 08 dic 2014 12:45

TheDude ha scritto: una bottiglia del Poggio 91, beh una delusione totale. Bottiglia assolutamente sottoperformante. Vino completamente decrepito, vorrei capire se è il millesimo sfigato, o se sono stato sfigato io :?

Beh.. 1991 annata nefasta quasi ovunque... :(
"La vita è breve e bisogna che uno se la beva tutta".
Osvaldo Soriano - "L'ora senz'ombra"
TheDude
Messaggi: 16
Iscritto il: 02 dic 2014 23:39
Località: Castellina in Chianti

Re: Abbiamo bevuto a Dicembre

Messaggioda TheDude » 08 dic 2014 13:04

Kalosartipos ha scritto:
TheDude ha scritto: una bottiglia del Poggio 91, beh una delusione totale. Bottiglia assolutamente sottoperformante. Vino completamente decrepito, vorrei capire se è il millesimo sfigato, o se sono stato sfigato io :?

Beh.. 1991 annata nefasta quasi ovunque... :(



Peccato davvero, ma la malaparata si vedeva già da subito, il tappo si è completamente disintegrato all'apertura... sai quando ti viene su il verme del cavatappi con il sughero sbriciolato intorno?? Vabbè bottiglia prontamente cambiata con un Vigna del Sorbo 99 :lol: :lol: ... Classe da vendere
CiccioCH
Messaggi: 104
Iscritto il: 17 nov 2014 15:48

Re: Abbiamo bevuto a Dicembre

Messaggioda CiccioCH » 08 dic 2014 13:13

davidef ha scritto:
CiccioCH ha scritto:Delusioni

Riesling GC Muenchenberg A. Ostertag 2008 Bott.Nr.1: :evil: :evil: :evil: :evil: Tappazzo

Riesling GC Muenchenberg A. Ostertag 2008 Bott.Nr.2: Un giallo scuro al colore. Frutta esotica sciroppata in evidenza. Manca di freschezza e acidità. L'ho trovato di difficile abbinamento a tavola.



probabilissimo che anche la seconda bottiglia abbia avuto un problema di tappo, considera che l'annata 20087 ha dato vini molto freschi con acidità in evidenza e longevità non di poco conto, leggere di una bottiglia messa così mi fa solo pensare ad un difetto (a partire dal colore che ovviamente è tutto tranne che scuro se il vino è a posto)

ad esempio ho finito 3 mesi fa i 2009 Muenchenberg che avevo preso, annata ovviamente più pronta della 2008, il vino era cristallino e buonissimo

se non sbaglio qualche Ostertag con problemi di chiusure/evoluzione di quel periodo è già passato da queste parti


Avevo grandi aspettative su questo vino, ho letto diverse recensione positive. Ho la possibilità di comprarne ancora, ero indeciso se dargli un'altra possibilità. Leggendo il tuo messaggio e fidandomi del tuo giudizio gliela voglio dare.
PS: 2010 e 2012 anche buone?
CiccioCH
Messaggi: 104
Iscritto il: 17 nov 2014 15:48

Re: Abbiamo bevuto a Dicembre

Messaggioda CiccioCH » 08 dic 2014 13:15

il chiaro ha scritto:
paperofranco ha scritto:
CiccioCH ha scritto:Nel weekend una conferma e due mezze delusioni.

Conferma

Brunello di Montalcino Capanna riserva 2006: Ammazza che Sangiovese di razza. Giustamente ancora incazzato, compresso. Come scrisse una volta Paperofranco mi sembra, vino maschio niente per femminucce. Ma buono, ilcinese fino al midollo. Consiglio però ancora di aspettare.

.


...eh si.
Chi mal sopporta i tannini fa bene a passare oltre, altrimenti, qui trova una delle espressioni più veraci del versante nord.


Capanna è uno dei più bravi produttori di montalcino, nord, sud est, ovest, sopra e sotto. Qua se lo filano in pochi, ma l'uomo che ride sotto i baffi fa davvero grandi vini


Ed anche ad un prezzo onestissimo.... :)
Avatar utente
petitbogho
Messaggi: 3510
Iscritto il: 10 ott 2008 11:01
Località: Salò

Re: Abbiamo bevuto a Dicembre

Messaggioda petitbogho » 08 dic 2014 14:34

CiccioCH ha scritto:
davidef ha scritto:
CiccioCH ha scritto:Delusioni

Riesling GC Muenchenberg A. Ostertag 2008 Bott.Nr.1: :evil: :evil: :evil: :evil: Tappazzo

Riesling GC Muenchenberg A. Ostertag 2008 Bott.Nr.2: Un giallo scuro al colore. Frutta esotica sciroppata in evidenza. Manca di freschezza e acidità. L'ho trovato di difficile abbinamento a tavola.



probabilissimo che anche la seconda bottiglia abbia avuto un problema di tappo, considera che l'annata 20087 ha dato vini molto freschi con acidità in evidenza e longevità non di poco conto, leggere di una bottiglia messa così mi fa solo pensare ad un difetto (a partire dal colore che ovviamente è tutto tranne che scuro se il vino è a posto)

ad esempio ho finito 3 mesi fa i 2009 Muenchenberg che avevo preso, annata ovviamente più pronta della 2008, il vino era cristallino e buonissimo

se non sbaglio qualche Ostertag con problemi di chiusure/evoluzione di quel periodo è già passato da queste parti


Avevo grandi aspettative su questo vino, ho letto diverse recensione positive. Ho la possibilità di comprarne ancora, ero indeciso se dargli un'altra possibilità. Leggendo il tuo messaggio e fidandomi del tuo giudizio gliela voglio dare.
PS: 2010 e 2012 anche buone?


Ciao, penso anche io che qui ci sia stato qualche problema di bottiglia, in particolare per quanto riporti relativamente all'acidità, tra l'altro l'ho sempre trovato buon compagno anche a tavola, nessun residuo prevaricante, chiusura pulita, per me gran bel vino. Io gli darei una seconda possibilità.
davidef
Messaggi: 7791
Iscritto il: 06 giu 2007 17:23
Località: Vicenza

Re: Abbiamo bevuto a Dicembre

Messaggioda davidef » 08 dic 2014 14:41

CiccioCH ha scritto:
davidef ha scritto:
CiccioCH ha scritto:Delusioni

Riesling GC Muenchenberg A. Ostertag 2008 Bott.Nr.1: :evil: :evil: :evil: :evil: Tappazzo

Riesling GC Muenchenberg A. Ostertag 2008 Bott.Nr.2: Un giallo scuro al colore. Frutta esotica sciroppata in evidenza. Manca di freschezza e acidità. L'ho trovato di difficile abbinamento a tavola.



probabilissimo che anche la seconda bottiglia abbia avuto un problema di tappo, considera che l'annata 20087 ha dato vini molto freschi con acidità in evidenza e longevità non di poco conto, leggere di una bottiglia messa così mi fa solo pensare ad un difetto (a partire dal colore che ovviamente è tutto tranne che scuro se il vino è a posto)

ad esempio ho finito 3 mesi fa i 2009 Muenchenberg che avevo preso, annata ovviamente più pronta della 2008, il vino era cristallino e buonissimo

se non sbaglio qualche Ostertag con problemi di chiusure/evoluzione di quel periodo è già passato da queste parti


Avevo grandi aspettative su questo vino, ho letto diverse recensione positive. Ho la possibilità di comprarne ancora, ero indeciso se dargli un'altra possibilità. Leggendo il tuo messaggio e fidandomi del tuo giudizio gliela voglio dare.
PS: 2010 e 2012 anche buone?



2010 è annata grande per il Riesling Alsazia, in occasione di quella uscita sono stato in cantina da Oestertag e non posso che dirti che il Muenchenberg era buonissimo, surclassato solo da un impressionante Pinot Gris AP360

la 2012 è altra annata importante (a differenza della debole 2011), un filo sotto alla 2010 per importanza ma comunque sempre di tanta roba parliamo ma comunque che vale la pena prendere, tra l'altro è valutato veramente molto ma molto bene da RVF che gli da se non sbaglio 18/20...cosa non da poco visto cosa da agli altri produttori

il vino non costa troppo, se ne hai la possibilità io un paio per annata le prenderei, se il prezzo è buono anzi mi unisco all'acquistoi volentieri
CiccioCH
Messaggi: 104
Iscritto il: 17 nov 2014 15:48

Re: Abbiamo bevuto a Dicembre

Messaggioda CiccioCH » 08 dic 2014 16:38

petitbogho ha scritto:
CiccioCH ha scritto:
davidef ha scritto:
CiccioCH ha scritto:Delusioni

Riesling GC Muenchenberg A. Ostertag 2008 Bott.Nr.1: :evil: :evil: :evil: :evil: Tappazzo

Riesling GC Muenchenberg A. Ostertag 2008 Bott.Nr.2: Un giallo scuro al colore. Frutta esotica sciroppata in evidenza. Manca di freschezza e acidità. L'ho trovato di difficile abbinamento a tavola.



probabilissimo che anche la seconda bottiglia abbia avuto un problema di tappo, considera che l'annata 20087 ha dato vini molto freschi con acidità in evidenza e longevità non di poco conto, leggere di una bottiglia messa così mi fa solo pensare ad un difetto (a partire dal colore che ovviamente è tutto tranne che scuro se il vino è a posto)

ad esempio ho finito 3 mesi fa i 2009 Muenchenberg che avevo preso, annata ovviamente più pronta della 2008, il vino era cristallino e buonissimo

se non sbaglio qualche Ostertag con problemi di chiusure/evoluzione di quel periodo è già passato da queste parti



Avevo grandi aspettative su questo vino, ho letto diverse recensione positive. Ho la possibilità di comprarne ancora, ero indeciso se dargli un'altra possibilità. Leggendo il tuo messaggio e fidandomi del tuo giudizio gliela voglio dare.
PS: 2010 e 2012 anche buone?


Ciao, penso anche io che qui ci sia stato qualche problema di bottiglia, in particolare per quanto riporti relativamente all'acidità, tra l'altro l'ho sempre trovato buon compagno anche a tavola, nessun residuo prevaricante, chiusura pulita, per me gran bel vino. Io gli darei una seconda possibilità.


Ciao, mi sembra che nel vostro Thread "Bresà" lo avevate bevuto una volta ed era stato descritto molto positivamente.
Riproverò sicuramente :D
CiccioCH
Messaggi: 104
Iscritto il: 17 nov 2014 15:48

Re: Abbiamo bevuto a Dicembre

Messaggioda CiccioCH » 08 dic 2014 16:42

davidef ha scritto:
CiccioCH ha scritto:
davidef ha scritto:
CiccioCH ha scritto:Delusioni

Riesling GC Muenchenberg A. Ostertag 2008 Bott.Nr.1: :evil: :evil: :evil: :evil: Tappazzo

Riesling GC Muenchenberg A. Ostertag 2008 Bott.Nr.2: Un giallo scuro al colore. Frutta esotica sciroppata in evidenza. Manca di freschezza e acidità. L'ho trovato di difficile abbinamento a tavola.



probabilissimo che anche la seconda bottiglia abbia avuto un problema di tappo, considera che l'annata 20087 ha dato vini molto freschi con acidità in evidenza e longevità non di poco conto, leggere di una bottiglia messa così mi fa solo pensare ad un difetto (a partire dal colore che ovviamente è tutto tranne che scuro se il vino è a posto)

ad esempio ho finito 3 mesi fa i 2009 Muenchenberg che avevo preso, annata ovviamente più pronta della 2008, il vino era cristallino e buonissimo

se non sbaglio qualche Ostertag con problemi di chiusure/evoluzione di quel periodo è già passato da queste parti


Avevo grandi aspettative su questo vino, ho letto diverse recensione positive. Ho la possibilità di comprarne ancora, ero indeciso se dargli un'altra possibilità. Leggendo il tuo messaggio e fidandomi del tuo giudizio gliela voglio dare.
PS: 2010 e 2012 anche buone?



2010 è annata grande per il Riesling Alsazia, in occasione di quella uscita sono stato in cantina da Oestertag e non posso che dirti che il Muenchenberg era buonissimo, surclassato solo da un impressionante Pinot Gris AP360

la 2012 è altra annata importante (a differenza della debole 2011), un filo sotto alla 2010 per importanza ma comunque sempre di tanta roba parliamo ma comunque che vale la pena prendere, tra l'altro è valutato veramente molto ma molto bene da RVF che gli da se non sbaglio 18/20...cosa non da poco visto cosa da agli altri produttori

il vino non costa troppo, se ne hai la possibilità io un paio per annata le prenderei, se il prezzo è buono anzi mi unisco all'acquistoi volentieri


Anche perchè della stessa annata avevo bevuto già il "Fronhoz" e mi era decisamente piaciuto. Sono contento che l'annate 2010/2012 siano positive. L'enoteca dovrebbe avere ancora qualcosa. Il Pinot Gris purtroppo mai trovato e provato... mi metterò alla ricerca.. :wink:
paperofranco
Messaggi: 5966
Iscritto il: 20 gen 2010 19:16
Località: Poggibonsi

Re: Abbiamo bevuto a Dicembre

Messaggioda paperofranco » 08 dic 2014 16:58

TheDude ha scritto:
paperofranco ha scritto:
Chianti Classico ris. "Il Poggio" 1968 Monsanto.
Prima annata.
Apre al naso con un alloro e una menta da manuale, poi vira su note catramose e di sottobosco; in bocca è seta, ma vibra di sensazioni minerali, con un'acidità ancora viva, su cui si regge tutta l'impalcatura gustativa.
Un vino dal fascino indiscutibile e senza tempo; contestualizzando, un gran vino.




Ciao Papero, una domanda... qualche giorno fa mi sono preso ad un ristorante quassù a Castellina una bottiglia del Poggio 91, beh una delusione totale. Bottiglia assolutamente sottoperformante. Vino completamente decrepito, vorrei capire se è il millesimo sfigato, o se sono stato sfigato io :? .
Ho visto che sei di Poggibonsi :D :D anche io, ma sono "emigrato" a Castellina, sai l'amour. Hai visto la nuova enoteca in via Maestra?


Annata di merda, ma potrebbe anche essere bottiglia mal conservata. Se te lo posso chiedere, dove l'hai presa?

Considera che la mia proveniva direttamente dalla cantina aziendale, con tanto di rabboccatura e cambio del sughero certificati, non so di quando, gentile omaggio di un caro amico.
TheDude
Messaggi: 16
Iscritto il: 02 dic 2014 23:39
Località: Castellina in Chianti

Re: Abbiamo bevuto a Dicembre

Messaggioda TheDude » 08 dic 2014 17:02

paperofranco ha scritto:
TheDude ha scritto:
paperofranco ha scritto:
Chianti Classico ris. "Il Poggio" 1968 Monsanto.
Prima annata.
Apre al naso con un alloro e una menta da manuale, poi vira su note catramose e di sottobosco; in bocca è seta, ma vibra di sensazioni minerali, con un'acidità ancora viva, su cui si regge tutta l'impalcatura gustativa.
Un vino dal fascino indiscutibile e senza tempo; contestualizzando, un gran vino.




Ciao Papero, una domanda... qualche giorno fa mi sono preso ad un ristorante quassù a Castellina una bottiglia del Poggio 91, beh una delusione totale. Bottiglia assolutamente sottoperformante. Vino completamente decrepito, vorrei capire se è il millesimo sfigato, o se sono stato sfigato io :? .
Ho visto che sei di Poggibonsi :D :D anche io, ma sono "emigrato" a Castellina, sai l'amour. Hai visto la nuova enoteca in via Maestra?


Annata di merda, ma potrebbe anche essere bottiglia mal conservata. Se te lo posso chiedere, dove l'hai presa?

Considera che la mia proveniva direttamente dalla cantina aziendale, con tanto di rabboccatura e cambio del sughero certificati, non so di quando, gentile omaggio di un caro amico.



Certo che me lo puoi chiedere e che mi frega... L'ho presa al fondaccio dai dottori, un ristorante quassù sul poggio. La carta dei vini non è male, peccato che gli manchi una e vera e propria cantina, quindi le bottiglie vengono conservate un po' così. Ci sono rimasto male anche un'altra volta con un Montevertine 98. Il tappo del Poggio 91 mi ha dato proprio l'impressione che fosse passato da momenti super secchi a momenti super umidi, compromettendo del tutto l'elasticità.
La rabboccatura è una pratica comune anche a Monsanto?? credevo la facessero solo al Greppo!
paperofranco
Messaggi: 5966
Iscritto il: 20 gen 2010 19:16
Località: Poggibonsi

Re: Abbiamo bevuto a Dicembre

Messaggioda paperofranco » 08 dic 2014 17:06

kubik ha scritto:Ricognizione Sangiovese 2001 Toscana in quel di Torino ..

Cieca assoluta per tutti, anche per me che ho organizzato, alcuni fondi sono giunti fino al giorno dopo per un riesame fortunato..
Ero un po preso dal tutto, quindi non rilassatissimo nel seguire i vini.
il servizio è stato nell’ordine seguente, due tornate : 1-6 e 7-11

1. Castellina -> F. Rodàno, Chianti Classico riserva Viacosta
Naso compresso, cupo, inizia con note di porcino secco, terra e sottobosco, il giorno dopo cuoio e pellame, un legno vecchio, vaghi segni di riscossa a tratti ma mai la luce piena, nel complesso una maturità fiacca e non completa pulizia, ha bocca di buon piglio succoso ma ancora arcigna e un po’ bloccata, tannino fiero, un po’ polveroso e amaro. naso 84, bocca 86

2. Barberino Val d’Elsa -> Castello di Monsanto, Chianti Classico riserva Il Poggio
chiusissimo attacca con vaghe note balsamiche, frutto in confettura, anch’egli al naso mostra però una maturità incipiente che non si scrollerà mai di dosso pur arrivando un tocco arioso di arancia amara, tabacco dolce oltre che le tonalità terrose. Dà sicuramente di più al palato, dove succo e sapore sono ben espressi in un volume fluente e dinamico, tannino appuntito e in via di risoluzione, accenno di alcol, torna però vaghezza al retronasale di una maturità più avanzata. Peccato, avevo grandi aspettative, sottotono nel complesso. naso 86, bocca 90

3. Castelnuovo Berardenga -> F.Felsina, Chianti classico riserva Rancia
nella prima tornata è stata quella che mi è piaciuta di più in prima battuta (salvo poi arrivare il n°5), naso appena più invitante e dolce nel ricordo ancora del frutto, ma poi anche qui il pellame e la terrosità si fanno sotto, barlumi di mon cheri e spezia appena dolce. E’ in bocca che dà il meglio di se, tutto all’insegna di un gran bel succo e sapore, infiltrante, con tannino dolce e di buona risoluzione, tutto in tensione e allungo forse deficitario solo di un pò di volume a centro bocca ma gran bel sangiovese, mi è molto piaciuto, a metà platea no. naso 87, bocca 92

4. Greve-Panzano -> Fontodi, Toscana IGT Flaccianello
colore più scuro com’era d’aspettarsi, naso balsamico e contratto, legno avvertibile, giovane, compresso, bocca coesa e massiva, lievemente monolitica ma non priva di una bella spinta acida che apporta articolazione e discreta dinamica, tannino tosto, un vino che si farà, sono sicuro, le premesse sono molto buone. naso 86, bocca 91

5. Gaiole sud ->F. S.Giusto a Rentennano Toscana IGT Percarlo
inizia anch’egli balsamico e subito denota una profondità fatta di integrità e al contempo chiusura annunciatrice, pian piano si leva verso note ariose e leggiadre, erbe officinali tra cui rosmarino, ancora qualcosa del frutto, anche se rimane sostanzialmente taciturno e raccolto (e la cosa non mi dispiace tutto sommato). Il giorno dopo si è scrollato di dosso solo un pò di chiusura ma non un accenno di cedimento o sbracamento, rimanendo tutto d’un pezzo! In bocca un caterpillar di razza avviatosi sulla via della felice fruibilità, gran bel succo e sapidità a far trottare una materia di prim’ordine, con un tannino ancora appena appuntito ma dolce e di qualità. Un vino di grande caratura, un signore sangiovese, ancora giovane e in divenire. naso 92, bocca 94

6. Gaiole sud-Monti -> Badia a Coltibuono, Toscana IGT Sangioveto
attacca con un naso molto diverso dagli altri, petali bagnati, in infusione, c’è il frutto rosso “acido”, qualcosa di legno non smaccato che compone con il resto un quadro di una certa sensualità con alcune note di karkadè. Offre una bocca di ricamo, c’è un ottimo equilibrio delle sue parti dove una certa morbidezza, non piaciona peraltro, dispiega bene un corredo fenolico maturo e dolce ancora appena incisivo. Manca solo un pò di cattiveria e profondità o forse è semplicemente venuto dopo il Percarlo, tant’è che il giorno dopo da solo è stato ben più apprezzato al sorso. Naso 90 , bocca 91

Seconda tornata:

7. Montalcino-Castelnuovo dell’Abate-> Poggio di Sotto, Brunello
apre con i fiocchi la seconda tornata, naso molto bello ed articolato, molto espressivo, fatto di rimandi sobri alla dolcezza del frutto e ad altre tonalità ariose e sensuali di erbe aromatiche, al sorso sprizza davvero tanta energia fatta di sapore e succo, eleganza, pregnanza e lunghezza, più agile e indomito del successivo, da bere a secchiate. naso 93, bocca 94

8. Barberino Val d’Elsa-> Isole e Olena, Toscana IGT Cepparello
anche qui un vino di tempra e carattere incredibili che non mi sarei aspettato (alla cieca in due abbiamo pensato fosse Poggio di Sotto), naso poliedrico e non lontano dal precedente, forse solo con una profondità lievemente maggiore, sicuramente al palato è appena più completo dove ad un assetto sostanzialmente paritario affianca più centro bocca e maggiore rigore per una profondità lievemente più materica ed articolata che gli fa guadagnare un punto in più. Naso 93 bocca 95

9. Gaiole-Monti-> Podere il Palazzino, Chianti Classico Grosso Sanese
ecco il vino monster (in accezione non proprio positiva) della serata, quasi irreale già dal colore ancora rubino talmente carico da essere impenetrabile! Naso scuro e compresso, più del Flaccianello, dove il legno fa da padrone di brutto. Bocca materica, contratta, tannino furioso, non difetta di acidità ma chissà quando e se troverà evoluzione e districherà tale massa. C’è a chi è piaciuto ma in generale ne è uscito un giudizio trasversale di palese poca tipicità, non per la presenza di chissà quali vitigni esogeni quanto per una tecnica enologica eccessiva ed ingessante. Naso 81, bocca 84

10. Radda-> Montevertine, Toscana IGT Pergole Torte
Beh, la delusione è palese. Un vino crepuscolare e un po’ fiacco, almeno per il naso, terroso, umido, in bocca più tonico e dritto ma non così incisivo e reattivo. Bottiglia un po’ sfortunata o il Pergole 01 è già a questo punto? E’ anche vero che è venuta per ultima e in questa tornata impegnativa.. naso 87, bocca 88

11. S.Gimignano-> Cesani, Toscana IGT Luenzo
Aperto per sostituire il Bucerchiale tappato, anch’egli è uscito malconcio, naso stanco e brodoso, in bocca ingolfato e tannino scorbutico e un po’ amaro, torna la stanchezza. n.c.

12. Rufina-> F. Selvapiana, Chianti Rufina riserva Bucerchiale
TAPPATO !!!! Che peccato, per testarne la levatura l’ho assaggiato e la bocca mi è parsa di notevole grinta e progressione!


Chi ha vinto? :mrgreen:
Avatar utente
b.severini
Messaggi: 87
Iscritto il: 03 dic 2014 20:18
Località: Milano

Re: Abbiamo bevuto a Dicembre

Messaggioda b.severini » 08 dic 2014 17:10

Festa dell'Immacolata con i fratelli con l'obbligo di portare due bottiglie a testa..

- Les Jardins de Babylone Dagueneau 2008 :D :D :D :D :D
- Alteni di Brassica Gaja 2004 :D :D :D :D
- Petite Arvin Les Cretes 2010 :D :D :D :D :D

- Dolcetto d'alba Barturot Ca' Viola 2013 :D :D :D :D :D
- Le Pergole Torte 1998 :D :D :D :D :D
- Barolo Cerretta Conterno 2010 :D :D :D :D :D
- Clos de la Roche 2010 :D :D :D :D

e per i bambini...

- Moscato d'Asti 2012 Vajra :D :D :D :D :D


Buona Festa a tutti!!!
BS
CiccioCH
Messaggi: 104
Iscritto il: 17 nov 2014 15:48

Re: Abbiamo bevuto a Dicembre

Messaggioda CiccioCH » 08 dic 2014 17:14

[quote="b.severini"]Festa dell'Immacolata con i fratelli con l'obbligo di portare due bottiglie a testa..

- Petite Arvin Les Cretes 2010 :D :D :D :D :D

Si possono avere due note su questo? Grazie! :wink:
ZEL WINE
Messaggi: 7202
Iscritto il: 06 giu 2007 16:36

Re: Abbiamo bevuto a Dicembre

Messaggioda ZEL WINE » 08 dic 2014 17:16

b.severini ha scritto:Festa dell'Immacolata con i fratelli con l'obbligo di portare due bottiglie a testa..

- Les Jardins de Babylone Dagueneau 2008 :D :D :D :D :D
- Alteni di Brassica Gaja 2004 :D :D :D :D
- Petite Arvin Les Cretes 2010 :D :D :D :D :D

- Dolcetto d'alba Barturot Ca' Viola 2013 :D :D :D :D :D
- Le Pergole Torte 1998 :D :D :D :D :D
- Barolo Cerretta Conterno 2010 :D :D :D :D :D
- Clos de la Roche 2010 :D :D :D :D

e per i bambini...

- Moscato d'Asti 2012 Vajra :D :D :D :D :D


Buona Festa a tutti!!!
BS


Buone feste anche a te, ma un moscato non puo' avere le stesse faccine del JdB :mrgreen:
fama di loro il mondo esser non lassa;
misericordia e giustizia li sdegna:
non ragioniam di lor, ma guarda e passa.
pstrada75
Messaggi: 656
Iscritto il: 13 gen 2011 23:44
Località: Losanna - Svizzera

Re: Abbiamo bevuto a Dicembre

Messaggioda pstrada75 » 08 dic 2014 18:21

CiccioCH ha scritto:
davidef ha scritto:
CiccioCH ha scritto:
davidef ha scritto:
CiccioCH ha scritto:Delusioni

Riesling GC Muenchenberg A. Ostertag 2008 Bott.Nr.1: :evil: :evil: :evil: :evil: Tappazzo

Riesling GC Muenchenberg A. Ostertag 2008 Bott.Nr.2: Un giallo scuro al colore. Frutta esotica sciroppata in evidenza. Manca di freschezza e acidità. L'ho trovato di difficile abbinamento a tavola.



probabilissimo che anche la seconda bottiglia abbia avuto un problema di tappo, considera che l'annata 20087 ha dato vini molto freschi con acidità in evidenza e longevità non di poco conto, leggere di una bottiglia messa così mi fa solo pensare ad un difetto (a partire dal colore che ovviamente è tutto tranne che scuro se il vino è a posto)

ad esempio ho finito 3 mesi fa i 2009 Muenchenberg che avevo preso, annata ovviamente più pronta della 2008, il vino era cristallino e buonissimo

se non sbaglio qualche Ostertag con problemi di chiusure/evoluzione di quel periodo è già passato da queste parti


Avevo grandi aspettative su questo vino, ho letto diverse recensione positive. Ho la possibilità di comprarne ancora, ero indeciso se dargli un'altra possibilità. Leggendo il tuo messaggio e fidandomi del tuo giudizio gliela voglio dare.
PS: 2010 e 2012 anche buone?



2010 è annata grande per il Riesling Alsazia, in occasione di quella uscita sono stato in cantina da Oestertag e non posso che dirti che il Muenchenberg era buonissimo, surclassato solo da un impressionante Pinot Gris AP360

la 2012 è altra annata importante (a differenza della debole 2011), un filo sotto alla 2010 per importanza ma comunque sempre di tanta roba parliamo ma comunque che vale la pena prendere, tra l'altro è valutato veramente molto ma molto bene da RVF che gli da se non sbaglio 18/20...cosa non da poco visto cosa da agli altri produttori

il vino non costa troppo, se ne hai la possibilità io un paio per annata le prenderei, se il prezzo è buono anzi mi unisco all'acquistoi volentieri


Anche perchè della stessa annata avevo bevuto già il "Fronhoz" e mi era decisamente piaciuto. Sono contento che l'annate 2010/2012 siano positive. L'enoteca dovrebbe avere ancora qualcosa. Il Pinot Gris purtroppo mai trovato e provato... mi metterò alla ricerca.. :wink:


Ciao Ciccio, dato che mi sembra tu viva in territorio elvetico ti segnalo che in questo posto che si trova a Gland (canton de Vaud) http://www.cavesa.ch hanno il Pinot Gris A360P. Spediscono in tutta la Svizzera e puoi acquistare online, uno dei miei shop preferiti. IO ci lavoro di fianco e ci passo spesso a comprarmi qualche chicca......
Nebbiolino
Messaggi: 6732
Iscritto il: 06 feb 2008 21:53

Re: Abbiamo bevuto a Dicembre

Messaggioda Nebbiolino » 08 dic 2014 18:22

ZEL WINE ha scritto:
b.severini ha scritto:Festa dell'Immacolata con i fratelli con l'obbligo di portare due bottiglie a testa..

- Les Jardins de Babylone Dagueneau 2008 :D :D :D :D :D
- Alteni di Brassica Gaja 2004 :D :D :D :D
- Petite Arvin Les Cretes 2010 :D :D :D :D :D

- Dolcetto d'alba Barturot Ca' Viola 2013 :D :D :D :D :D
- Le Pergole Torte 1998 :D :D :D :D :D
- Barolo Cerretta Conterno 2010 :D :D :D :D :D
- Clos de la Roche 2010 :D :D :D :D

e per i bambini...

- Moscato d'Asti 2012 Vajra :D :D :D :D :D


Buona Festa a tutti!!!
BS


Buone feste anche a te, ma un moscato non puo' avere le stesse faccine del JdB :mrgreen:


Che poi... Era la versione secca o il dolce? Visto il posizionamento, direi la prima, ma si sa mai.

Due note?
alì65
Messaggi: 11755
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: Abbiamo bevuto a Dicembre

Messaggioda alì65 » 08 dic 2014 19:30

paperofranco ha scritto:
Mike76 ha scritto:
paperofranco ha scritto:Alcune cose bevute nei giorni scorsi.

...
Brunello di Montalcino "vigna schiena d'asino" 2001 Mastrojanni.
Un paradigma della denominazione, terroso e sanguigno al meglio. Anche questo giovane, ma meno arruffato del precedente, con tutte le cose al posto giusto. Ha ancora tanto da dire, e sa catturare l'attenzione con maestria. Un gran brunello.

Chianti Classico ris. "Il Poggio" 1968 Monsanto.
Prima annata.
Apre al naso con un alloro e una menta da manuale, poi vira su note catramose e di sottobosco; in bocca è seta, ma vibra di sensazioni minerali, con un'acidità ancora viva, su cui si regge tutta l'impalcatura gustativa.
Un vino dal fascino indiscutibile e senza tempo; contestualizzando, un gran vino.
...


Il Brunello Mastrojanni, mai bevuto, l'ho assaggiato più volte a Terre di Toscana, e tra i "fratelli" è quello che mi ha sempre più affascinato per il lato speziato-terroso insieme ad una succosità di frutto davvero viva. Una curiosità: a quanto si trova attualmente?

Per il Poggio, davvero una fortuna poter assaggiare una chicca del genere...


L'ho preso qui sul forum, da una lista di Alì65, non ricordo bene il prezzo. Ti dico solo che lui solitamente è molto caro, ma io avevo voglia di bere questo vino e così mi sono lasciato prendere per il collo.
:mrgreen:


papero......mo va a cagher!!!! :mrgreen: :mrgreen:
futuro incerto...ma w la gnocca!!!
Avatar utente
Sydney
Messaggi: 5926
Iscritto il: 06 giu 2007 11:28
Località: Venezia

Re: Abbiamo bevuto a Dicembre

Messaggioda Sydney » 08 dic 2014 19:32

Le vecchie annate del Poggio in azienda hanno prezzi peggio delle riserve di biondi santi.
Avatar utente
kubik
Messaggi: 2109
Iscritto il: 22 nov 2007 01:20
Località: piemonte

Re: Abbiamo bevuto a Dicembre

Messaggioda kubik » 08 dic 2014 19:46

paperofranco ha scritto:
Chi ha vinto? :mrgreen:

Direi, anche se un pò tutti li ... :
1° Cepparello , in beva con ancora bel margine
2° Poggio di Sotto, in beva pazzesca
3° Percarlo, con la maggior prospettiva di crescita
Avatar utente
Kalosartipos
Messaggi: 13168
Iscritto il: 07 giu 2007 13:57
Località: Cremona
Contatta:

Re: Abbiamo bevuto a Dicembre

Messaggioda Kalosartipos » 08 dic 2014 22:02

b.severini ha scritto:
- Clos de la Roche 2010 :D :D :D :D

Di quale produttore?
"La vita è breve e bisogna che uno se la beva tutta".
Osvaldo Soriano - "L'ora senz'ombra"

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Alberto, littlewood, rossobarbagia, seeionoou2, stemolino, zampaflex, Ziliovino e 18 ospiti