Due parole su alcune mangiate romane ( no blasonati ) cap. 3

Questo spazio è dedicato solo ai racconti delle vostre esperienze enogastronomiche nei ristoranti, pizzerie, trattorie, wine bar dove siete stati, che vi hanno soddisfatto molto, abbastanza o per niente. E' importante motivare sempre le critiche positive o negative.

Avatar utente
zupino
Messaggi: 576
Iscritto il: 06 giu 2007 11:32
Località: Roma N.S.

Messaggioda zupino » 11 set 2008 12:18

flec ha scritto:A tale proposito, vi segnalo l'Osteria dell'Arco a Porta Pia.


Finalmente, hai preso coraggio e ci sei andata :lol: passando, ho visto sulla lavagnetta fuori svariati piatti invitanti.
Pero' dentro, e' sempre vuoto. Sara' un caso? :roll:
La fretta in amore lascia un bruciore d'ira nell' anima, e la fretta nel pasto,
altera gli umori fondamentali della digestione..

Allineatevi !! ( Simone aka Rui) Pratovecchio 4.11.2006
master
Messaggi: 1175
Iscritto il: 10 lug 2007 16:01

Messaggioda master » 11 set 2008 12:19

flec ha scritto:
esaù ha scritto:Flec, non desistere. C'è sempre più bisogno di educatori del gusto. Sii intransigente e non mascherare anzi ostenta un certo disprezzo per l'ignoranza gastronomica. Spero che al messicano tu abbia volutamente e ripetutamente sottolineato che hai mangiato da schifo.


Per carità, io non dico che se uno non ha soldi debbe risparmiare sula spesa settimanale per andare solo in posti da minimo 40 euro a persona. Poi ognuno ogni tanto va da qualche Peppe 'o zozzone dove si trova a suo agio. Ma appunto, lo si fa sapendo che è Peppe 'o zozzone, e non ci porti gli amici dicendo "Qua se magna na cifra bene"!
E poi anche spendendo cifre ragionevoli (attorno ai 25 euro) ci sono posti meno squallidi (quel posto è de 'na tristezza allucinante) e più "mangiabili".
Se mangio un piatto di nachos banali e uno di pollo "bah", dolce e birra leggerina e spendo sui 25 euro, allora conosco posti dove prendo un bell'antipasto, un primo e un dolce, e col vino della casa sto sui 30 massimo massimo. Ma avrò mangiato bene.
A tale proposito, vi segnalo l'Osteria dell'Arco a Porta Pia.


è passato il proprietario, fabio, qualche giorno fa qui da me, e mi ha detto che ha cambiato cuoco e che è contentissimo del nuovo che dice essere bravissimo, e ho avuto riscontro da un mio cliente del salto di qualità.. tu lo hai provato di recente??
Avatar utente
flec
Messaggi: 1786
Iscritto il: 16 lug 2007 10:38
Località: Roma
Contatta:

Messaggioda flec » 11 set 2008 12:29

Sono stata all'Osteria dell'Arco a metà agosto. Soddisfattissima.
Il posto è carino, curato e tranquillo; la verandina fuori è in una via senza casino quindi si mangia all'aperto senza cagnara.
I piatti in menu sono invitanti, e le proposte del giorno ancora di più. Ricordo un eccellente filetto di maccarello in crosta di pane, e una crostatina di ricotta e visciole stratosferica.
I prezzi sono buoni, quindi spero che non li impennino, così potrò iniziare a portarci le amichette mie :D
La cosa che al momento li penalizza un po' secondo me è la visibilità 0 a livello di Internet. Come ho scritto nella sezione Ristoratori, urge che si attrezzino di un sito internet con qualche foto e un menu aggiornato.
Lo consiglio a tutti.
Se dovessi definirlo con un aggettivo, direi "aggraziato".
Cave canem!

EIL school
Avatar utente
flec
Messaggi: 1786
Iscritto il: 16 lug 2007 10:38
Località: Roma
Contatta:

Messaggioda flec » 11 set 2008 12:31

PS nota ecologica: e ci posso andare in tutta tranquillità la sera col 360! :D
Cave canem!

EIL school
Avatar utente
zupino
Messaggi: 576
Iscritto il: 06 giu 2007 11:32
Località: Roma N.S.

Messaggioda zupino » 11 set 2008 12:46

flec ha scritto:PS nota ecologica: e ci posso andare in tutta tranquillità la sera col 360! :D


piu' che ecologica, direi enologica. con quelle "giraffe" che ve sparate... :lol:
La fretta in amore lascia un bruciore d'ira nell' anima, e la fretta nel pasto,

altera gli umori fondamentali della digestione..



Allineatevi !! ( Simone aka Rui) Pratovecchio 4.11.2006
Avatar utente
tenente Drogo
Messaggi: 25138
Iscritto il: 06 giu 2007 11:23
Località: Roma
Contatta:

Messaggioda tenente Drogo » 11 set 2008 12:50

ieri di nuovo cenetta al ristorantino di pesce "Il piccolo capriccio" in piazza Gozzano a Talenti

antipasti misti: ottimo il carpaccio di polpo, cozze, tre ostriche (le mangio solo io), insalata di mare, alici e salmone

a seguire, io calamari fritti e mia moglie rombo al forno in crosta di patate e carciofi

acqua, vino (Canayli 2007), sgroppino e fil 'e ferru

75 euri scontati a 70

soliti sfotto' con cuoco sardo interista e cameriere polacco romanista

ci torno sempre volentieri


N.
I comunisti mi trattavano da fascista, i fascisti da comunista.
Tutto questo ha aiutato il film.
(Sam Fuller, a proposito di "The Steel Helmet")

http://fortezza-bastiani.blogspot.com
Avatar utente
esaù
Messaggi: 1958
Iscritto il: 11 apr 2008 13:01
Località: Roma

Messaggioda esaù » 11 set 2008 13:53

flec ha scritto:Sono stata all'Osteria dell'Arco a metà agosto. Soddisfattissima.
Il posto è carino, curato e tranquillo; la verandina fuori è in una via senza casino quindi si mangia all'aperto senza cagnara.
I piatti in menu sono invitanti, e le proposte del giorno ancora di più. Ricordo un eccellente filetto di maccarello in crosta di pane, e una crostatina di ricotta e visciole stratosferica.
I prezzi sono buoni, quindi spero che non li impennino, così potrò iniziare a portarci le amichette mie :D
La cosa che al momento li penalizza un po' secondo me è la visibilità 0 a livello di Internet. Come ho scritto nella sezione Ristoratori, urge che si attrezzino di un sito internet con qualche foto e un menu aggiornato.
Lo consiglio a tutti.
Se dovessi definirlo con un aggettivo, direi "aggraziato".


porta pia è un po' generico, dove si trova esattamante, la mancanza di un sito internet, come dicevi, rende difficile la localizzazione
Esaù fu il primo gourmet della storia: ha venduto la primogenitura per un piatto di lenticchie

Ogni cosa, per quanto è in sé, si sforza di perseverare nel suo essere (Baruch Spinoza)
Avatar utente
flec
Messaggi: 1786
Iscritto il: 16 lug 2007 10:38
Località: Roma
Contatta:

Messaggioda flec » 11 set 2008 14:01

Perdonami, hai ragione:
Osteria dell’Arco
Via G.Pagliari 11 – Roma
06 854 84 38 osteriarco@tiscali.it
:D
Cave canem!

EIL school
Avatar utente
tenente Drogo
Messaggi: 25138
Iscritto il: 06 giu 2007 11:23
Località: Roma
Contatta:

Messaggioda tenente Drogo » 20 set 2008 19:26

ancora Charly's Sauciere ieri sera
mancavo da un po' di tempo e i primi freddi mi hanno fatto tornare la voglia

un coq au vin veramente splendido, accompagnato da un Vieux Telegraphe del 2003 di una corposita' pazzesca (estratti secchi vinogodiani) che se la batteva benissimo con la bella salsa, per niente light, del galletto


N.
I comunisti mi trattavano da fascista, i fascisti da comunista.

Tutto questo ha aiutato il film.

(Sam Fuller, a proposito di "The Steel Helmet")



http://fortezza-bastiani.blogspot.com
Avatar utente
Tex Willer
Messaggi: 7634
Iscritto il: 18 mag 2008 17:52

Messaggioda Tex Willer » 28 set 2008 11:54

Due pranzi di lavoro imn due ristoranti non male.
1)La Greppia a Viale Tiziano dove con modica spesa ho preso una ottima pasta con le vongole,polpo con patate(polpo morbido,ma temperatura di servizio troppo bassa)e spuma di limone di Amalfi con salsa ai frutti di bosco. In due con un bianco della casa 65 Euro. Unici appunti:il luogo un pochino squallido ed il cameriere che dopo 10 sec. che ci ha dato il menu ci chiede di ordinare,spingendo sui piatti del giorno fuori lista.

2)Trattoria Monti. Ottima esperienza,localino di buon tono,cucina misto romana-marchigiana. Ho preso e ricordo con grande piacere:tortino di cipolle rosse (super),raviolone di ricotta e spinaci con rosso d'uovo al crudo(idem)cervella di abbacchio fritte(frittura un pochino unta ma grande piatto)in fine semifreddo di torrone ed amaretto con salsa al cioccolato(più freddo che semi).Servizio ottimo e poliglotta,conto sconosciuto perchè non ho pagato io,ma da menu dovrebbe essere non più di 50 Euro a persona.
Dopo pranzo un pochino pesante(prego nessun commento.. :lol: )ma nel complesso una piacevole sorpresa.
Quando ero piccolo i miei genitori hanno cambiato casa una decina di volte,ma io sono sempre riuscito a trovarli.
Woody Allen
marcorandy
Messaggi: 115
Iscritto il: 06 giu 2007 15:05
Località: roma ex pasty

Messaggioda marcorandy » 28 set 2008 19:48

ti confermo la Greppia è di fronte il mio ufficio e ci vado spesso per pranzi di lavoro sempre ottimo il cibo camerieri lentissimi ma prezzo ottimo

non ci farei una serata però.

sempre ottimo il voy a ponte milvio poco prima del fù ziro
passa il tempo cambiano i forum...
Avatar utente
flec
Messaggi: 1786
Iscritto il: 16 lug 2007 10:38
Località: Roma
Contatta:

Messaggioda flec » 20 ott 2008 15:33

sabato sera da Charly sauciere. Che carino!
Il posto mi è piaciuto un sacco ed abbiamo mangiato davvero bene.
Piatto gourmand da dividerci con i vari patè, poi zuppa di cipolle e escargot, poi fonduta bourguignonne e infine creme brulée. Accompagnato da un Gewurtz alsaziano del 2006.
Spesa totale altina ma ancora ragionevole, 135 euro in due.
Peccato che la porzione della zuppa di cipolle sia esigua (un ciotolino), io ne mangerei a litri! :lol:
Cave canem!

EIL school
arcangelo dandini
Messaggi: 527
Iscritto il: 06 giu 2007 14:36

Messaggioda arcangelo dandini » 20 ott 2008 19:49

flec ha scritto:sabato sera da Charly sauciere. Che carino!
Il posto mi è piaciuto un sacco ed abbiamo mangiato davvero bene.
Piatto gourmand da dividerci con i vari patè, poi zuppa di cipolle e escargot, poi fonduta bourguignonne e infine creme brulée. Accompagnato da un Gewurtz alsaziano del 2006.
Spesa totale altina ma ancora ragionevole, 135 euro in due.
Peccato che la porzione della zuppa di cipolle sia esigua (un ciotolino), io ne mangerei a litri! :lol:
Dimentico sempre di fare i complimenti a Stefano ,che gestisce uno dei ristoranti, di cui a mio avviso si parla sempre troppo poco ,e che ha uno standard qualitativo nel tempo elevatissimo.
Bravo!!!!!
minardi
Messaggi: 1508
Iscritto il: 30 giu 2008 19:05
Località: Roma

Messaggioda minardi » 20 ott 2008 19:52

arcangelo dandini ha scritto:
flec ha scritto:sabato sera da Charly sauciere. Che carino!
Il posto mi è piaciuto un sacco ed abbiamo mangiato davvero bene.
Piatto gourmand da dividerci con i vari patè, poi zuppa di cipolle e escargot, poi fonduta bourguignonne e infine creme brulée. Accompagnato da un Gewurtz alsaziano del 2006.
Spesa totale altina ma ancora ragionevole, 135 euro in due.
Peccato che la porzione della zuppa di cipolle sia esigua (un ciotolino), io ne mangerei a litri! :lol:
Dimentico sempre di fare i complimenti a Stefano ,che gestisce uno dei ristoranti, di cui a mio avviso si parla sempre troppo poco ,e che ha uno standard qualitativo nel tempo elevatissimo.
Bravo!!!!!


Quoto
L'unico problema di quel locale (per come io intendo la ristorazione) è l'immobilismo assoluto del menù, che è sempre lo stesso da 15 anni. Ma in fondo fa parte del suo fascino
master
Messaggi: 1175
Iscritto il: 10 lug 2007 16:01

Messaggioda master » 20 ott 2008 22:04

minardi ha scritto:
arcangelo dandini ha scritto:
flec ha scritto:sabato sera da Charly sauciere. Che carino!
Il posto mi è piaciuto un sacco ed abbiamo mangiato davvero bene.
Piatto gourmand da dividerci con i vari patè, poi zuppa di cipolle e escargot, poi fonduta bourguignonne e infine creme brulée. Accompagnato da un Gewurtz alsaziano del 2006.
Spesa totale altina ma ancora ragionevole, 135 euro in due.
Peccato che la porzione della zuppa di cipolle sia esigua (un ciotolino), io ne mangerei a litri! :lol:
Dimentico sempre di fare i complimenti a Stefano ,che gestisce uno dei ristoranti, di cui a mio avviso si parla sempre troppo poco ,e che ha uno standard qualitativo nel tempo elevatissimo.
Bravo!!!!!


Quoto
L'unico problema di quel locale (per come io intendo la ristorazione) è l'immobilismo assoluto del menù, che è sempre lo stesso da 15 anni. Ma in fondo fa parte del suo fascino


Infatti io nel caso specifico non lp considero un difetto anzi..
minardi
Messaggi: 1508
Iscritto il: 30 giu 2008 19:05
Località: Roma

Messaggioda minardi » 20 ott 2008 22:10

master ha scritto:
minardi ha scritto:
arcangelo dandini ha scritto:
flec ha scritto:sabato sera da Charly sauciere. Che carino!
Il posto mi è piaciuto un sacco ed abbiamo mangiato davvero bene.
Piatto gourmand da dividerci con i vari patè, poi zuppa di cipolle e escargot, poi fonduta bourguignonne e infine creme brulée. Accompagnato da un Gewurtz alsaziano del 2006.
Spesa totale altina ma ancora ragionevole, 135 euro in due.
Peccato che la porzione della zuppa di cipolle sia esigua (un ciotolino), io ne mangerei a litri! :lol:
Dimentico sempre di fare i complimenti a Stefano ,che gestisce uno dei ristoranti, di cui a mio avviso si parla sempre troppo poco ,e che ha uno standard qualitativo nel tempo elevatissimo.
Bravo!!!!!


Quoto
L'unico problema di quel locale (per come io intendo la ristorazione) è l'immobilismo assoluto del menù, che è sempre lo stesso da 15 anni. Ma in fondo fa parte del suo fascino


Infatti io nel caso specifico non lp considero un difetto anzi..


Sì, in fondo anche per me è così. Certo però che in questo modo si configura più come bistrot che come ristorante. Qualche piatto nuovo ogni tanto non sarebbe male
zorren
Messaggi: 23
Iscritto il: 04 nov 2007 21:18

Messaggioda zorren » 21 ott 2008 01:27

salve ragazzi....ma bisogna essere per forza amici del proprietario del ristorante per essere trattati nel modo migliore???!!!!!la mia esperienza da mamma angelina non stata proprio delle migliori, oltre alla mediocrità della cucina, era impossibile parlare con chi cenava con me, giusto la cantina merita nota, ma il resto??!!!!Stefano si impegna al massimo, ma effettivamente il menù dovrebbe essere aggiornato, ma tutto sommato quando voglio fuggire dalla solita pappa "romana"(o almeno definita tale), per me è un buon ritrovo. Ma per il resto molti ristoranti dovrebbero risfogliare Fabrizi, per capire che la vera cucina romana, quella della nonna è un altra cosa, per me a causa di un assurdo competere con il finger food!!!!lo faccia chi è in grado, come si può pensare di creare un piccolo momento di estasi che le Macadamia se non sai fare una pasta e patate come si deve!!!! :twisted: :twisted:
Avatar utente
tenente Drogo
Messaggi: 25138
Iscritto il: 06 giu 2007 11:23
Località: Roma
Contatta:

Messaggioda tenente Drogo » 21 ott 2008 13:04

zorren ha scritto:salve ragazzi....ma bisogna essere per forza amici del proprietario del ristorante per essere trattati nel modo migliore???!!!!!la mia esperienza da mamma angelina non stata proprio delle migliori, oltre alla mediocrità della cucina, era impossibile parlare con chi cenava con me, giusto la cantina merita nota, ma il resto??!!!!Stefano si impegna al massimo, ma effettivamente il menù dovrebbe essere aggiornato, ma tutto sommato quando voglio fuggire dalla solita pappa "romana"(o almeno definita tale), per me è un buon ritrovo. Ma per il resto molti ristoranti dovrebbero risfogliare Fabrizi, per capire che la vera cucina romana, quella della nonna è un altra cosa, per me a causa di un assurdo competere con il finger food!!!!lo faccia chi è in grado, come si può pensare di creare un piccolo momento di estasi che le Macadamia se non sai fare una pasta e patate come si deve!!!! :twisted: :twisted:


??
stai parlando di Mamma Angelina, di Charlie o tutti e due?
I comunisti mi trattavano da fascista, i fascisti da comunista.

Tutto questo ha aiutato il film.

(Sam Fuller, a proposito di "The Steel Helmet")



http://fortezza-bastiani.blogspot.com
zorren
Messaggi: 23
Iscritto il: 04 nov 2007 21:18

Messaggioda zorren » 21 ott 2008 15:03

di entrambi!!!!! :wink: :wink: :wink:
Avatar utente
Judasric
Messaggi: 3070
Iscritto il: 06 giu 2007 13:26
Località: Roma
Contatta:

Messaggioda Judasric » 21 ott 2008 16:04

Al Vecchio Lotto - via Veio 43 ( San Giovanni )

Rigatoni con pomodoro, melanzane, scamorza e mozzarella di bufala: niente male

Alici fritte accompagnate da lattuga: niente male

Pastiera: molto buona

Anonimo chardonnay: potabile.

Locale senza pretese, con cucina di ispirazione napoletana. Carta dei vini inesistente.
Buono per una pausa pranzo.

25 euro per due piatti principali più il dolce, acqua pane e caffè inclusi; vino a 12 euro la bottiglia ( qualsiasi sia delle 3 o 4 disponibili ) no.

Promosso con un 6 e 1/2.
Avatar utente
flec
Messaggi: 1786
Iscritto il: 16 lug 2007 10:38
Località: Roma
Contatta:

Messaggioda flec » 21 ott 2008 16:23

Grande! Era una vita che ne cercavo notizie affidabili. Grazie!
Lo avrei fatto + caro di così. Per 25 euro + bevande, se po fà.
Cave canem!

EIL school
arcangelo dandini
Messaggi: 527
Iscritto il: 06 giu 2007 14:36

Messaggioda arcangelo dandini » 21 ott 2008 19:46

minardi ha scritto:
master ha scritto:
minardi ha scritto:
arcangelo dandini ha scritto:
flec ha scritto:sabato sera da Charly sauciere. Che carino!
Il posto mi è piaciuto un sacco ed abbiamo mangiato davvero bene.
Piatto gourmand da dividerci con i vari patè, poi zuppa di cipolle e escargot, poi fonduta bourguignonne e infine creme brulée. Accompagnato da un Gewurtz alsaziano del 2006.
Spesa totale altina ma ancora ragionevole, 135 euro in due.
Peccato che la porzione della zuppa di cipolle sia esigua (un ciotolino), io ne mangerei a litri! :lol:
Dimentico sempre di fare i complimenti a Stefano ,che gestisce uno dei ristoranti, di cui a mio avviso si parla sempre troppo poco ,e che ha uno standard qualitativo nel tempo elevatissimo.
Bravo!!!!!


Quoto
L'unico problema di quel locale (per come io intendo la ristorazione) è l'immobilismo assoluto del menù, che è sempre lo stesso da 15 anni. Ma in fondo fa parte del suo fascino


Infatti io nel caso specifico non lp considero un difetto anzi..


Sì, in fondo anche per me è così. Certo però che in questo modo si configura più come bistrot che come ristorante. Qualche piatto nuovo ogni tanto non sarebbe male
Neanche io lo considero un difetto, anzi.
L'equazione forzata tra nuovo uguale buono ha portato a volte a sperimentazioni azzardate che hanno sfociato vieppiu' verso il folclore gastronomico che nella sostanza gustativa dei piatti.
Non in tutti i casi ovvio, ma negli ultimi quindici anni abbiamo assistito, in linea di massima piu a cuochi che correvano dietro le "novita'" che badare alla quadratura delle loro ricette...fatte le debite eccezzioni ripeto.
Plauso dunque di chi fa' dell'immobilismo gastronomico, ma quando ti siedi alla sua tavola godi di piatti ben preparati e ben riusciti.
minardi
Messaggi: 1508
Iscritto il: 30 giu 2008 19:05
Località: Roma

Messaggioda minardi » 21 ott 2008 19:54

arcangelo dandini ha scritto:
minardi ha scritto:
master ha scritto:
minardi ha scritto:
arcangelo dandini ha scritto:
flec ha scritto:sabato sera da Charly sauciere. Che carino!
Il posto mi è piaciuto un sacco ed abbiamo mangiato davvero bene.
Piatto gourmand da dividerci con i vari patè, poi zuppa di cipolle e escargot, poi fonduta bourguignonne e infine creme brulée. Accompagnato da un Gewurtz alsaziano del 2006.
Spesa totale altina ma ancora ragionevole, 135 euro in due.
Peccato che la porzione della zuppa di cipolle sia esigua (un ciotolino), io ne mangerei a litri! :lol:
Dimentico sempre di fare i complimenti a Stefano ,che gestisce uno dei ristoranti, di cui a mio avviso si parla sempre troppo poco ,e che ha uno standard qualitativo nel tempo elevatissimo.
Bravo!!!!!


Quoto
L'unico problema di quel locale (per come io intendo la ristorazione) è l'immobilismo assoluto del menù, che è sempre lo stesso da 15 anni. Ma in fondo fa parte del suo fascino


Infatti io nel caso specifico non lp considero un difetto anzi..


Sì, in fondo anche per me è così. Certo però che in questo modo si configura più come bistrot che come ristorante. Qualche piatto nuovo ogni tanto non sarebbe male


Neanche io lo considero un difetto, anzi.
L'equazione forzata tra nuovo uguale buono ha portato a volte a sperimentazioni azzardate


Non è il caso del tuo locale. Che io visito periodicamente, trovando sempre qualcosa di nuovo. E questo mi stimola a frequentarlo con maggiore frequenza di un locale nel quale so che non troverò mai, dico mai, un piatto nuovo, un nuovo prodotto, una ricetta leggermente modificata. Tutte cose che apputno, in un locale come il tuo trovo

Non è che nuovo è uguale a buono. Ma in un locale di buona qualità una certa mobilità del menu (non fosse altro che una mobilità stagionale) io lo vedo come un pregio

Insomma, a parità di qualità di ristoranti, un certa dose di rinnovamento lo trovo salutare, e più stimolante per i clienti
E sono sicuro che anche tu la pensi così :wink:
arcangelo dandini
Messaggi: 527
Iscritto il: 06 giu 2007 14:36

Messaggioda arcangelo dandini » 21 ott 2008 20:14

minardi ha scritto:
arcangelo dandini ha scritto:
minardi ha scritto:
master ha scritto:
minardi ha scritto:
arcangelo dandini ha scritto:
flec ha scritto:sabato sera da Charly sauciere. Che carino!
Il posto mi è piaciuto un sacco ed abbiamo mangiato davvero bene.
Piatto gourmand da dividerci con i vari patè, poi zuppa di cipolle e escargot, poi fonduta bourguignonne e infine creme brulée. Accompagnato da un Gewurtz alsaziano del 2006.
Spesa totale altina ma ancora ragionevole, 135 euro in due.
Peccato che la porzione della zuppa di cipolle sia esigua (un ciotolino), io ne mangerei a litri! :lol:
Dimentico sempre di fare i complimenti a Stefano ,che gestisce uno dei ristoranti, di cui a mio avviso si parla sempre troppo poco ,e che ha uno standard qualitativo nel tempo elevatissimo.
Bravo!!!!!


Quoto
L'unico problema di quel locale (per come io intendo la ristorazione) è l'immobilismo assoluto del menù, che è sempre lo stesso da 15 anni. Ma in fondo fa parte del suo fascino


Infatti io nel caso specifico non lp considero un difetto anzi..


Sì, in fondo anche per me è così. Certo però che in questo modo si configura più come bistrot che come ristorante. Qualche piatto nuovo ogni tanto non sarebbe male


Neanche io lo considero un difetto, anzi.
L'equazione forzata tra nuovo uguale buono ha portato a volte a sperimentazioni azzardate


Non è il caso del tuo locale. Che io visito periodicamente, trovando sempre qualcosa di nuovo. E questo mi stimola a frequentarlo con maggiore frequenza di un locale nel quale so che non troverò mai, dico mai, un piatto nuovo, un nuovo prodotto, una ricetta leggermente modificata. Tutte cose che apputno, in un locale come il tuo trovo

Non è che nuovo è uguale a buono. Ma in un locale di buona qualità una certa mobilità del menu (non fosse altro che una mobilità stagionale) io lo vedo come un pregio

Insomma, a parità di qualità di ristoranti, un certa dose di rinnovamento lo trovo salutare, e più stimolante per i clienti
E sono sicuro che anche tu la pensi così :wink:
Scusami ma non so' quotare bene e ripeto tutta la frase.
La mia era una" boutade" in generale per stigmatizzare certi attegiamenti nei confronti di ristoratori che fanno della tradizione il loro riferimento.
Certo che concordo con te.. a me qualche volta piace sperimentare anche nella tradizione.
Vorrei raccontare qualche aneddoto di quando con con Gabriele Bonci , una dozzina di anni fa' mettemmo a punto la versione di Matriciana( che ancora oggi servo), quante critiche anche in famiglia.....boccaccia mia statte zitta..... :D :D :D
Avatar utente
harmattan
Messaggi: 5436
Iscritto il: 13 apr 2008 13:56
Località: Roma San Giovanni

Messaggioda harmattan » 21 ott 2008 20:15

Judasric ha scritto:Al Vecchio Lotto - via Veio 43 ( San Giovanni )

Anonimo chardonnay: potabile.



Certo, se si considera che a due passi c'è Off-License, non avere un vino decente significa solo pigrizia!!!

Torna a “Ristoranti: le vostre opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite