il thread pallonaro

Dove discutere, confrontarsi o scherzare sempre in modo civile su argomenti attinenti al mondo del food&wine e non solo.

maxer
Messaggi: 4188
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: emisfero boreale

Re: il thread pallonaro

Messaggioda maxer » 12 lug 2020 13:35

..... vedrete, vedrete, attenti a Commisso ..... :mrgreen:

ché se poi gli lasciano fare il suo stadio :roll:
carpe diem 8)
Avatar utente
Wineduck
Messaggi: 4316
Iscritto il: 06 giu 2007 15:16

Re: il thread pallonaro

Messaggioda Wineduck » 12 lug 2020 13:50

MarcelloR ha scritto:Insomma, contano solo i soldi....


A parte il fatto che potremmo fare un elenco lungo un chilometro di gente ha speso una marea di soldi senza vincere in modo proporzionale agli investimenti effettuati (in Europa PSG e Manch. City solo per citare i casi più clamorosi e recenti ma anche in Italia l'Inter e la Roma non scherzano nel rapporto soldi spesi/risultati ottenuti), il che sarebbe sufficiente a dimostrare che servono altri ingredienti oltre ai "soldi": se non hai capacità manageriali, visione sul lungo periodo, capacità di gestire le squadre giovanili, se non hai una rete internazionale di osservatori e talent-scout onesti e capaci, uno stadio di proprietà per diversificare i ricavi, una profonda conoscenza del marketing moderno, la capacità di creare alleanze sinergiche fra il business prioritario della proprietà e quello del calcio, ecc. ecc. non vinci un bel niente.
Ma facendo finta che tutto questo non esista (un gioco di pura fantasia cioè), mi dici in quale parte dell'universo chi investe soldi (in qualunque tipologia di attività che preveda l'inserimento di denaro e non solo di conchiglie, perline colorate, e sassi di fiume) non avrebbe il sacrosanto diritto di ottenere dei risultati in grado di ripagare il suo investimento.
A tutti quelli che scrivono o dicono questa frase, vorrei chiedere: ma tu li metteresti tutti i tuoi soldi in qualcosa che ti genera puro divertimento senza alcun ritorno? Finchè si parla di spiccioli, siamo tutti bravi a fare gli "splendidi", ma quando poi arrivano i soldi veri, quelli a 6 zeri?
Io un mondo dello sport fatto di "mecenati" che pagano di tasca propria il divertimento per il "popolino", esattamente come gli imperatori romani pagavano "panem et circenses" per la plebe, sinceramente non lo voglio. Non sono un suddito ma un cliente delle attività di intrattenimento: pago volentieri per ciò che mi fa divertire di più. E' quindi giusto che dall'altra parte ci siano imprenditori che mettano soldi nel business dell'intrattenimento a fronte di possibili, legittimi, guadagni (o perlomeno non perdite contenute). Sarei piuttosto favorevole a capire quali vantaggi ottenagno quei presidenti che per anni gestiscono "in perdita pesante" delle società calcistiche: che nessuno mi venga a raccoltare che lo facciano per "amore del calcio", la passione per lo sport o addirittura l'amore per la citta di quella determinata squadra. "Accà nisciuno è fess"! Ci sono interessi occulti che dovrebbero invece emergere e che noi "tifosi" (che siamo anche cittadini, lavoratori ed imprenditori tassati, utenti dei servizi pubblici, ecc.) dovremmo conoscere e monitorare: appalti pubblici, concessioni, licenze di costruzioni, varianti ai piani regolatori, per non parlare di altri meccanismi che vanno oltre la linea di confine fra legale ed illegale.
Se volessimo "cambiare il calcio", i primi a cambiare dovremmo essere noi!
"Sperare è rischiare di essere delusi. Provare è rischiare di fallire. Rischiare è una necessità. Solo chi osa rischiare è veramente libero."
A. Merini


follow my tasting notes and pics on http://instagram.com/wineleaner/
MarcelloR
Messaggi: 36
Iscritto il: 22 gen 2018 12:35

Re: il thread pallonaro

Messaggioda MarcelloR » 14 lug 2020 22:10

Wineduck ha scritto:
MarcelloR ha scritto:Insomma, contano solo i soldi....


A parte il fatto che potremmo fare un elenco lungo un chilometro di gente ha speso una marea di soldi senza vincere in modo proporzionale agli investimenti effettuati (in Europa PSG e Manch. City solo per citare i casi più clamorosi e recenti ma anche in Italia l'Inter e la Roma non scherzano nel rapporto soldi spesi/risultati ottenuti), il che sarebbe sufficiente a dimostrare che servono altri ingredienti oltre ai "soldi": se non hai capacità manageriali, visione sul lungo periodo, capacità di gestire le squadre giovanili, se non hai una rete internazionale di osservatori e talent-scout onesti e capaci, uno stadio di proprietà per diversificare i ricavi, una profonda conoscenza del marketing moderno, la capacità di creare alleanze sinergiche fra il business prioritario della proprietà e quello del calcio, ecc. ecc. non vinci un bel niente.
Ma facendo finta che tutto questo non esista (un gioco di pura fantasia cioè), mi dici in quale parte dell'universo chi investe soldi (in qualunque tipologia di attività che preveda l'inserimento di denaro e non solo di conchiglie, perline colorate, e sassi di fiume) non avrebbe il sacrosanto diritto di ottenere dei risultati in grado di ripagare il suo investimento.
A tutti quelli che scrivono o dicono questa frase, vorrei chiedere: ma tu li metteresti tutti i tuoi soldi in qualcosa che ti genera puro divertimento senza alcun ritorno? Finchè si parla di spiccioli, siamo tutti bravi a fare gli "splendidi", ma quando poi arrivano i soldi veri, quelli a 6 zeri?
Io un mondo dello sport fatto di "mecenati" che pagano di tasca propria il divertimento per il "popolino", esattamente come gli imperatori romani pagavano "panem et circenses" per la plebe, sinceramente non lo voglio. Non sono un suddito ma un cliente delle attività di intrattenimento: pago volentieri per ciò che mi fa divertire di più. E' quindi giusto che dall'altra parte ci siano imprenditori che mettano soldi nel business dell'intrattenimento a fronte di possibili, legittimi, guadagni (o perlomeno non perdite contenute). Sarei piuttosto favorevole a capire quali vantaggi ottenagno quei presidenti che per anni gestiscono "in perdita pesante" delle società calcistiche: che nessuno mi venga a raccoltare che lo facciano per "amore del calcio", la passione per lo sport o addirittura l'amore per la citta di quella determinata squadra. "Accà nisciuno è fess"! Ci sono interessi occulti che dovrebbero invece emergere e che noi "tifosi" (che siamo anche cittadini, lavoratori ed imprenditori tassati, utenti dei servizi pubblici, ecc.) dovremmo conoscere e monitorare: appalti pubblici, concessioni, licenze di costruzioni, varianti ai piani regolatori, per non parlare di altri meccanismi che vanno oltre la linea di confine fra legale ed illegale.
Se volessimo "cambiare il calcio", i primi a cambiare dovremmo essere noi!




Solo qualche numero.....campionato in corso....

Monte ingaggi:
JUVENTUS 294 milioni €
INTER 139 milioni €
ROMA 125 milioni €
MILAN 115 milioni €
NAPOLI 103 milioni €

In Premier il MC ha vinto 4 titoli negli ultimi 10 anni ed è stato stabilmente sempre nelle prime 3 ad eccezione di un solo anno. Ovviamente è la squadra che ha vinto di più in questi anni in PL.


In Francia il PSG ha vinto 7 degli ultimi 10 campionati.....

Ad occhio direi che Real e Barca sono le squadre che più spendono nella Liga.....
Avatar utente
Marco
Messaggi: 5301
Iscritto il: 06 giu 2007 11:21
Località: Castelli Romani

Re: il thread pallonaro

Messaggioda Marco » 15 lug 2020 13:24

l'oste ha scritto:Temo che la Lazzie non vincerà lo scudetto.
Ohh nooo...
Risate, sparse.


Temo che il barca vedrà dalla costa i festeggiamenti a Madrid.
Risate e pernacchie a go go....

Ma c'è sempre la championse...se son rose, fioriranno.
Avatar utente
Tex Willer
Messaggi: 7772
Iscritto il: 18 mag 2008 17:52

Re: il thread pallonaro

Messaggioda Tex Willer » 15 lug 2020 14:05

MarcelloR ha scritto:
Wineduck ha scritto:
MarcelloR ha scritto:Insomma, contano solo i soldi....


A parte il fatto che potremmo fare un elenco lungo un chilometro di gente ha speso una marea di soldi senza vincere in modo proporzionale agli investimenti effettuati (in Europa PSG e Manch. City solo per citare i casi più clamorosi e recenti ma anche in Italia l'Inter e la Roma non scherzano nel rapporto soldi spesi/risultati ottenuti), il che sarebbe sufficiente a dimostrare che servono altri ingredienti oltre ai "soldi": se non hai capacità manageriali, visione sul lungo periodo, capacità di gestire le squadre giovanili, se non hai una rete internazionale di osservatori e talent-scout onesti e capaci, uno stadio di proprietà per diversificare i ricavi, una profonda conoscenza del marketing moderno, la capacità di creare alleanze sinergiche fra il business prioritario della proprietà e quello del calcio, ecc. ecc. non vinci un bel niente.
Ma facendo finta che tutto questo non esista (un gioco di pura fantasia cioè), mi dici in quale parte dell'universo chi investe soldi (in qualunque tipologia di attività che preveda l'inserimento di denaro e non solo di conchiglie, perline colorate, e sassi di fiume) non avrebbe il sacrosanto diritto di ottenere dei risultati in grado di ripagare il suo investimento.
A tutti quelli che scrivono o dicono questa frase, vorrei chiedere: ma tu li metteresti tutti i tuoi soldi in qualcosa che ti genera puro divertimento senza alcun ritorno? Finchè si parla di spiccioli, siamo tutti bravi a fare gli "splendidi", ma quando poi arrivano i soldi veri, quelli a 6 zeri?
Io un mondo dello sport fatto di "mecenati" che pagano di tasca propria il divertimento per il "popolino", esattamente come gli imperatori romani pagavano "panem et circenses" per la plebe, sinceramente non lo voglio. Non sono un suddito ma un cliente delle attività di intrattenimento: pago volentieri per ciò che mi fa divertire di più. E' quindi giusto che dall'altra parte ci siano imprenditori che mettano soldi nel business dell'intrattenimento a fronte di possibili, legittimi, guadagni (o perlomeno non perdite contenute). Sarei piuttosto favorevole a capire quali vantaggi ottenagno quei presidenti che per anni gestiscono "in perdita pesante" delle società calcistiche: che nessuno mi venga a raccoltare che lo facciano per "amore del calcio", la passione per lo sport o addirittura l'amore per la citta di quella determinata squadra. "Accà nisciuno è fess"! Ci sono interessi occulti che dovrebbero invece emergere e che noi "tifosi" (che siamo anche cittadini, lavoratori ed imprenditori tassati, utenti dei servizi pubblici, ecc.) dovremmo conoscere e monitorare: appalti pubblici, concessioni, licenze di costruzioni, varianti ai piani regolatori, per non parlare di altri meccanismi che vanno oltre la linea di confine fra legale ed illegale.
Se volessimo "cambiare il calcio", i primi a cambiare dovremmo essere noi!




Solo qualche numero.....campionato in corso....

Monte ingaggi:
JUVENTUS 294 milioni €
INTER 139 milioni €
ROMA 125 milioni €
MILAN 115 milioni €
NAPOLI 103 milioni €

In Premier il MC ha vinto 4 titoli negli ultimi 10 anni ed è stato stabilmente sempre nelle prime 3 ad eccezione di un solo anno. Ovviamente è la squadra che ha vinto di più in questi anni in PL.


In Francia il PSG ha vinto 7 degli ultimi 10 campionati.....

Ad occhio direi che Real e Barca sono le squadre che più spendono nella Liga.....

Roma 125 milioni
Atalanta quanto? Lazio quanto?
Se la struttura organizzativa di una societa' vale poco, puoi pagare quanto vuoi i calciatori i risultati sono questi.
Quando ero piccolo i miei genitori hanno cambiato casa una decina di volte,ma io sono sempre riuscito a trovarli.
Woody Allen
"I pazzi e i saggi sono ugualmente innocui. Sono i semipazzi e semisaggi che sono pericolosi”
Avatar utente
Marco
Messaggi: 5301
Iscritto il: 06 giu 2007 11:21
Località: Castelli Romani

Re: il thread pallonaro

Messaggioda Marco » 15 lug 2020 15:31

La verità è nell'insieme dei due concetti.
Senza spendere non si vince, ma non basta spendere tanto per vincere, specialmente in Europa.
Avatar utente
l'oste
Messaggi: 12695
Iscritto il: 06 giu 2007 14:41
Località: campagna

Re: il thread pallonaro

Messaggioda l'oste » 15 lug 2020 16:27

Marco ha scritto:
l'oste ha scritto:Temo che la Lazzie non vincerà lo scudetto.
Ohh nooo...
Risate, sparse.


Temo che il barca vedrà dalla costa i festeggiamenti a Madrid.
Risate e pernacchie a go go....

Ma c'è sempre la championse...se son rose, fioriranno.

Sfottò a parte ti confesso che da come stava giocando prima del virus ero sicuro lo avrebbe vinto e magari meritatamente.
Non importa chi sarà l'ultimo a spegnere la luce. E' già buio.


Iir Boon Gesùuu/ ciii/ fuuur/ mini
Avatar utente
Marco
Messaggi: 5301
Iscritto il: 06 giu 2007 11:21
Località: Castelli Romani

Re: il thread pallonaro

Messaggioda Marco » 16 lug 2020 09:03

l'oste ha scritto:
Marco ha scritto:
l'oste ha scritto:Temo che la Lazzie non vincerà lo scudetto.
Ohh nooo...
Risate, sparse.


Temo che il barca vedrà dalla costa i festeggiamenti a Madrid.
Risate e pernacchie a go go....

Ma c'è sempre la championse...se son rose, fioriranno.

Sfottò a parte ti confesso che da come stava giocando prima del virus ero sicuro lo avrebbe vinto e magari meritatamente.


Un po' tutti, prima della sosta, dicevano che la Lazio giocava bene e meritava di contendere lo scudetto alla Juve.
Che però, in un anno in cui non si ricordano favori arbitrali, era stata sempre avanti...e questo bisogna dirlo per onestà calcistica.
Come sarebbe finita non lo sapremo mai.
Io ero sicuro che alla ripresa la Lazio sarebbe crollata,ed avevo detto in tempi non sospetti che avremmo stiracchiato il quarto posto, cosa che puntualmente sta avvenendo. Con il pareggio di ieri, che mi ha fatto tanto pensare ad un accordo tacito, ci avviciniamo molto, adesso basterà fare tre punti in una delle due partite casalinghe con cagliari o brescia.

Argomento a parte: l'Atalanta.
Come fa a correre così tanto ?C'è da credere ai sospetti che aleggiano su quella squadra ?
Senza polemica, scrivi la tua opinione...
maxer
Messaggi: 4188
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: emisfero boreale

Re: il thread pallonaro

Messaggioda maxer » 16 lug 2020 23:58

Marco ha scritto:
Argomento a parte: l'Atalanta.
Come fa a correre così tanto ?C'è da credere ai sospetti che aleggiano su quella squadra ?
Senza polemica, scrivi la tua opinione...

..... l' Atalanta è attualmente al 9°¦ (nono) posto, fra tutte le squadre di serie A nella media delle distanze percorse nelle partite finora giocate ..... :roll:

(fonte : 90° minuto / Rai2 / mar 14 lug 2020)

abbi il coraggio di dirlo chiaro : Atalanta dopata ? E allora almeno 8 (otto) squadre più dopate dell' Atslants ? E magari le altre più furbe o protette che sanno che non sarebbero colte con le provette nel sacco ?
Può anche essere, eh, con la serietà del sistema del cosiddetto sport-spettacolo attuale che ci ritroviamo :?
carpe diem 8)
Avatar utente
Marco
Messaggi: 5301
Iscritto il: 06 giu 2007 11:21
Località: Castelli Romani

Re: il thread pallonaro

Messaggioda Marco » 17 lug 2020 10:04

maxer ha scritto:
Marco ha scritto:
Argomento a parte: l'Atalanta.
Come fa a correre così tanto ?C'è da credere ai sospetti che aleggiano su quella squadra ?
Senza polemica, scrivi la tua opinione...

..... l' Atalanta è attualmente al 9°¦ (nono) posto, fra tutte le squadre di serie A nella media delle distanze percorse nelle partite finora giocate ..... :roll:

(fonte : 90° minuto / Rai2 / mar 14 lug 2020)

abbi il coraggio di dirlo chiaro : Atalanta dopata ? E allora almeno 8 (otto) squadre più dopate dell' Atslants ? E magari le altre più furbe o protette che sanno che non sarebbero colte con le provette nel sacco ?
Può anche essere, eh, con la serietà del sistema del cosiddetto sport-spettacolo attuale che ci ritroviamo :?


Volevo delle opinioni senza polemica alcuna.
Il tuo è un serio e riscontrato contributo, a me qualche dubbio rimane...ed è legato a due aspetti particolari che mi sono stati fatti notare ed a cui, sinceramente, non avevo fatto caso.
1)nessun giocatore uscito da zingonia ha poi fatto bene nel nuovo club, ed anzi molti si sono rotti, piu' o meno seriamente;
2)il guru' della preparazione fisica dell'atalanta è lo stesso che faceva volare la juve di Lippi.
Avatar utente
Tex Willer
Messaggi: 7772
Iscritto il: 18 mag 2008 17:52

Re: il thread pallonaro

Messaggioda Tex Willer » 17 lug 2020 12:04

Marco ha scritto:
maxer ha scritto:
Marco ha scritto:
Argomento a parte: l'Atalanta.
Come fa a correre così tanto ?C'è da credere ai sospetti che aleggiano su quella squadra ?
Senza polemica, scrivi la tua opinione...

..... l' Atalanta è attualmente al 9°¦ (nono) posto, fra tutte le squadre di serie A nella media delle distanze percorse nelle partite finora giocate ..... :roll:

(fonte : 90° minuto / Rai2 / mar 14 lug 2020)

abbi il coraggio di dirlo chiaro : Atalanta dopata ? E allora almeno 8 (otto) squadre più dopate dell' Atslants ? E magari le altre più furbe o protette che sanno che non sarebbero colte con le provette nel sacco ?
Può anche essere, eh, con la serietà del sistema del cosiddetto sport-spettacolo attuale che ci ritroviamo :?


Volevo delle opinioni senza polemica alcuna.
Il tuo è un serio e riscontrato contributo, a me qualche dubbio rimane...ed è legato a due aspetti particolari che mi sono stati fatti notare ed a cui, sinceramente, non avevo fatto caso.
1)nessun giocatore uscito da zingonia ha poi fatto bene nel nuovo club, ed anzi molti si sono rotti, piu' o meno seriamente;
2)il guru' della preparazione fisica dell'atalanta è lo stesso che faceva volare la juve di Lippi.

L'Atalanta e' forte come squadra, ci giocano calciatori di talento assoluto(Ilicic\Papu) ma senza quel tipo di gioco e quel modo di stare in campo faticherebbero a replicare le stesse prestazioni altrove
Riguardo ai sospetti: in Premier tutte le squadre giocano a 1000 dal primo minuto alla fine,si vedono scatti che dopo una partita intera sarebbero inimmaginabili. Il dubbio c'e' e resta in piedi: tuttavia se le regole vengono osservate,i controlli fatti, va tutto bene .... le ipotesi restano tali. L'impressione e' che ci sia paura di rompere il giocattolo calcio,con le conseguenze che sono rocambolescamente state evitate(in parte)con la ripresa del campionato post Covid.
Anche questo... non so che valore possano avere i risultati oggi,con partite che si giocano senza pubblico, di notte,una ogni tre giorni. Altro evidenza che se si blocca qualcosa fallisce il sistema
Quando ero piccolo i miei genitori hanno cambiato casa una decina di volte,ma io sono sempre riuscito a trovarli.
Woody Allen
"I pazzi e i saggi sono ugualmente innocui. Sono i semipazzi e semisaggi che sono pericolosi”
Nexus1990
Messaggi: 717
Iscritto il: 23 feb 2019 23:33

Re: il thread pallonaro

Messaggioda Nexus1990 » 20 lug 2020 15:59

Wineduck ha scritto:
MarcelloR ha scritto:Insomma, contano solo i soldi....


A parte il fatto che potremmo fare un elenco lungo un chilometro di gente ha speso una marea di soldi senza vincere in modo proporzionale agli investimenti effettuati (in Europa PSG e Manch. City solo per citare i casi più clamorosi e recenti ma anche in Italia l'Inter e la Roma non scherzano nel rapporto soldi spesi/risultati ottenuti), il che sarebbe sufficiente a dimostrare che servono altri ingredienti oltre ai "soldi": se non hai capacità manageriali, visione sul lungo periodo, capacità di gestire le squadre giovanili, se non hai una rete internazionale di osservatori e talent-scout onesti e capaci, uno stadio di proprietà per diversificare i ricavi, una profonda conoscenza del marketing moderno, la capacità di creare alleanze sinergiche fra il business prioritario della proprietà e quello del calcio, ecc. ecc. non vinci un bel niente.
Ma facendo finta che tutto questo non esista (un gioco di pura fantasia cioè), mi dici in quale parte dell'universo chi investe soldi (in qualunque tipologia di attività che preveda l'inserimento di denaro e non solo di conchiglie, perline colorate, e sassi di fiume) non avrebbe il sacrosanto diritto di ottenere dei risultati in grado di ripagare il suo investimento.
A tutti quelli che scrivono o dicono questa frase, vorrei chiedere: ma tu li metteresti tutti i tuoi soldi in qualcosa che ti genera puro divertimento senza alcun ritorno? Finchè si parla di spiccioli, siamo tutti bravi a fare gli "splendidi", ma quando poi arrivano i soldi veri, quelli a 6 zeri?
Io un mondo dello sport fatto di "mecenati" che pagano di tasca propria il divertimento per il "popolino", esattamente come gli imperatori romani pagavano "panem et circenses" per la plebe, sinceramente non lo voglio. Non sono un suddito ma un cliente delle attività di intrattenimento: pago volentieri per ciò che mi fa divertire di più. E' quindi giusto che dall'altra parte ci siano imprenditori che mettano soldi nel business dell'intrattenimento a fronte di possibili, legittimi, guadagni (o perlomeno non perdite contenute). Sarei piuttosto favorevole a capire quali vantaggi ottenagno quei presidenti che per anni gestiscono "in perdita pesante" delle società calcistiche: che nessuno mi venga a raccoltare che lo facciano per "amore del calcio", la passione per lo sport o addirittura l'amore per la citta di quella determinata squadra. "Accà nisciuno è fess"! Ci sono interessi occulti che dovrebbero invece emergere e che noi "tifosi" (che siamo anche cittadini, lavoratori ed imprenditori tassati, utenti dei servizi pubblici, ecc.) dovremmo conoscere e monitorare: appalti pubblici, concessioni, licenze di costruzioni, varianti ai piani regolatori, per non parlare di altri meccanismi che vanno oltre la linea di confine fra legale ed illegale.
Se volessimo "cambiare il calcio", i primi a cambiare dovremmo essere noi!

Aggiungerei un altro concetto importante: spesso anche chi non vince ma investe nel modo giusto va in positivo, vedi il Man Utd che sono 10 anni che vince nulla o quasi ma almeno stando agli ultimi dati che ho letto è la squadra che fa gli utili più alti. Giustissimo anche il discorso sulla “perdita”, molto facile da capire:
Suning perde 100 milioni? Sta perdendo 1/160 del fatturato del gruppo EXTRA-INTER
DeLaurentiis perde 100 milioni? Sta perdendo il triplo del suo fatturato EXTRA-NAPOLI
È facile pensare che il ritorno economico anche solo di immagine, di Suning, dato dal fatto di essere proprietario di uno dei club più importanti/blasonati d’Europa possa tranquillamente essere superiore a 1/160 del fatturato, quello di DeLaurentiis evidentemente no... ecco perché i grandissimi attori economici, specialmente quelli ExtraUE (che pur perdendo allacciano relazioni anche fuori dal proprio bacino originario) possono permettersi certe perdite mentre i piccoli no. Parlo senza cognizione di causa in senso economico/econometrico ma credo che il ragionamento ci possa stare ugualmente.
maxer
Messaggi: 4188
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: emisfero boreale

Re: il thread pallonaro

Messaggioda maxer » 21 lug 2020 01:27

Nexus1990 ha scritto:... credo che il ragionamento ci possa stare ugualmente

..... però, giovane ma già così econometrico ! ..... :shock: :mrgreen:
carpe diem 8)

Torna a “La piazza dei forumisti”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite