Pagina 3 di 12

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Inviato: 02 apr 2018 16:07
da zampaflex
maxer ha scritto:
maxer ha scritto:
zampaflex ha scritto:AUTOCRITICA , Luciano , AUTOCRITICA !

Se invece si vuole discutere di ciò che poteva essere detto o fatto diversamente, migliorando il risultato, allora ci sono.

Se vuoi, cambio termine : togliamo "autocritica" (forse un po' troppo datata, non sia mai, potrebbe ricordare una sinistra ormai del tutto rimossa) e rimettiamo la domanda iniziale : PD. ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?
Se fossi del PD, dopo le continue e progressive sconfitte, io una domandina me la farei : "Ma qua, amici e amiche, abbiamo sbagliato qualcosa o no ?"
Dal 22 marzo sono ancora qui che aspetto qualche tuo commento che non sia solo di critica nei confronti di chi è fuori dal recinto.
A meno che, ma non lo voglio pensare perché ti stimo, tu non sia convinto che, solo con qualche piccolo aggiustamento, le politiche economiche e sociali attuate negli ultimi anni sarebbero state il meglio possibile, al di là dei classici errori di comunicazione ("non ci siamo fatti capire"... "il territorio"... "le periferie"... bla bla bla) dietro a cui ci si trincera quando non si sa cosa dire. O meglio, non si vuole dire.
Attendo fiducioso.


Se vuoi una chiave di lettura "alta" (ma non necessariamente corretta, perché l'autore pensa di vivere in una nazione migliore e più leggibile rispetto a quanto in realtà sia), leggi l'editoriale di Galli della Loggia sul Corriere di giovedì scorso.

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Inviato: 02 apr 2018 18:25
da maxer
zampaflex ha scritto:
maxer ha scritto:
maxer ha scritto:
zampaflex ha scritto:AUTOCRITICA , Luciano , AUTOCRITICA !

Se invece si vuole discutere di ciò che poteva essere detto o fatto diversamente, migliorando il risultato, allora ci sono.

Se vuoi, cambio termine : togliamo "autocritica" (forse un po' troppo datata, non sia mai, potrebbe ricordare una sinistra ormai del tutto rimossa) e rimettiamo la domanda iniziale : PD. ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?
Se fossi del PD, dopo le continue e progressive sconfitte, io una domandina me la farei : "Ma qua, amici e amiche, abbiamo sbagliato qualcosa o no ?"
Dal 22 marzo sono ancora qui che aspetto qualche tuo commento che non sia solo di critica nei confronti di chi è fuori dal recinto.
A meno che, ma non lo voglio pensare perché ti stimo, tu non sia convinto che, solo con qualche piccolo aggiustamento, le politiche economiche e sociali attuate negli ultimi anni sarebbero state il meglio possibile, al di là dei classici errori di comunicazione ("non ci siamo fatti capire"... "il territorio"... "le periferie"... bla bla bla) dietro a cui ci si trincera quando non si sa cosa dire. O meglio, non si vuole dire.
Attendo fiducioso.


Se vuoi una chiave di lettura "alta" (ma non necessariamente corretta, perché l'autore pensa di vivere in una nazione migliore e più leggibile rispetto a quanto in realtà sia), leggi l'editloriale di Galli della Loggia sul Corriere di giovedì scorso.

Ti dirò: sarà un mio limite, ma visceralmente non ho mai sopportato le analisi di Galli della Loggia.
Ti i prometto che leggerò comunque con ogni buona volontà l' editoriale suggerito e poi ne parleremo.
Intanto resto sempre in fiduciosa attesa ... non farmi perdere tutte le speranze :D

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Inviato: 02 apr 2018 18:58
da zampaflex
maxer ha scritto:
zampaflex ha scritto:
maxer ha scritto:
maxer ha scritto:
zampaflex ha scritto:AUTOCRITICA , Luciano , AUTOCRITICA !

Se invece si vuole discutere di ciò che poteva essere detto o fatto diversamente, migliorando il risultato, allora ci sono.

Se vuoi, cambio termine : togliamo "autocritica" (forse un po' troppo datata, non sia mai, potrebbe ricordare una sinistra ormai del tutto rimossa) e rimettiamo la domanda iniziale : PD. ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?
Se fossi del PD, dopo le continue e progressive sconfitte, io una domandina me la farei : "Ma qua, amici e amiche, abbiamo sbagliato qualcosa o no ?"
Dal 22 marzo sono ancora qui che aspetto qualche tuo commento che non sia solo di critica nei confronti di chi è fuori dal recinto.
A meno che, ma non lo voglio pensare perché ti stimo, tu non sia convinto che, solo con qualche piccolo aggiustamento, le politiche economiche e sociali attuate negli ultimi anni sarebbero state il meglio possibile, al di là dei classici errori di comunicazione ("non ci siamo fatti capire"... "il territorio"... "le periferie"... bla bla bla) dietro a cui ci si trincera quando non si sa cosa dire. O meglio, non si vuole dire.
Attendo fiducioso.


Se vuoi una chiave di lettura "alta" (ma non necessariamente corretta, perché l'autore pensa di vivere in una nazione migliore e più leggibile rispetto a quanto in realtà sia), leggi l'editloriale di Galli della Loggia sul Corriere di giovedì scorso.

Ti dirò: sarà un mio limite, ma visceralmente non ho mai sopportato le analisi di Galli della Loggia.
Ti i prometto che leggerò comunque con ogni buona volontà l' editoriale suggerito e poi ne parleremo.
Intanto resto sempre in fiduciosa attesa ... non farmi perdere tutte le speranze :D


Ah, un po' più rispettabile delle dotte elucubrazioni del barbuto di cui sopra, intervista a Occhetto su 7 dello stesso giorno.
Tra Galli e Occhetto, ci sono alcuni spunti critici che si possono analizzare per giustificare (in parte ) l'ultimo risultato elettorale.
Ma la causa maggiore è, per me, la maledizione del governare: dal 1994 ad oggi chiunque lo ha fatto ha perso le elezioni successive, perché la situazione italiana è grave (ma non è seria, citazione ) e l'elettore medio in era post muro è ondivago. Non ha più appartenenze granitiche come prima. Vota di pancia, e la pancia questa volta ha detto tre cose: basta immigrati, meno tasse, più sussidi.
Il PD non le diceva, o lo ha fatto debolmente (giustamente dal mio punto di vista, perché motivato da realismo ), gli altri le hanno urlate, gli altri hanno vinto.

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Inviato: 02 apr 2018 21:32
da Timoteo
zampaflex ha scritto:Il PD non le diceva, o lo ha fatto debolmente (giustamente dal mio punto di vista, perché motivato da realismo ), gli altri le hanno urlate, gli altri hanno vinto.


da cui se ne ricava che gli itagliani so' sordi.

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Inviato: 03 apr 2018 11:08
da tenente Drogo 2
un'ottima analisi, lunga, ma vale la pena leggerla

https://www.idemlab.org/perche-la-sinistra-perso/

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Inviato: 04 apr 2018 19:08
da Tex Willer
Finite le balle elettorali(con noi il Paese è ripartito)un altro perchè del tracollo PD; dopo 5 anni di governo andiamo così....
https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/0 ... e/4269810/

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Inviato: 05 apr 2018 07:55
da zampaflex
Tex Willer ha scritto:Finite le balle elettorali(con noi il Paese è ripartito)un altro perchè del tracollo PD; dopo 5 anni di governo andiamo così....
https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/0 ... e/4269810/

Tutto sommato, un articolo del Fatto che distorce poco la realtà.
Il punto saliente però è che questa revisione del deficit e del debito ha un effetto meramente contabile, ma per le correzioni di bilancio contano i saldi tendenziali, che sono quelli pre aggiustamento.
Cosa spiegata molto bene ieri a radio24 ma si sa, quella è la radio dei padroni :roll:

Non hai però rilevato come lo scorso anno siano aumentati reddito complessivo e pro capite. E il calo del risparmio va letto come ritorno alla propensione agli acquisti, segno di maggiore fiducia.

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Inviato: 05 apr 2018 08:08
da zampaflex

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Inviato: 01 set 2018 01:31
da Dedalus
Qualcuno ha già detto che il tracollo del PD è dovuto al semplice fatto che la classe borghese di cui è rappresentante da ormai trent'anni è molto meno numerosa di quella che rappresentava prima e che ha tradito nella più sfacciata delle maniere, quella dei lavoratori, e che finalmente la maggior parte degli Italiani se ne sta accorgendo?

Spero di sì.

p.s. specifico che quando parlo di classe borghese vi includo la classe media, la cui consistenza e forza era stata la colonna portante del modello sociale ed economico italiano, che è stata portata a pochi passi dall'estinzione dalle politiche ordo-liberali sostenute principalmente dal PD ma anche da... tutti gli altri partiti della seconda repubblica. La cosa da sottolineare è che fra questi c'è anche la Lega, e che il M5S pur essendo l'ultimo arrivato è pure un partito della seconda repubblica a tutti gli effetti, al di là degli aspetti cosmetici studiati dall'ufficio marketing.

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Inviato: 01 set 2018 10:47
da tenente Drogo 2
"le politiche ordoliberali" :lol: :lol: :lol: :lol:

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Inviato: 01 set 2018 14:58
da zampaflex
Caro Rossano, si apre un dibattito che potrebbe durare mesi.
Per me, stringendo, il capitalismo ha vinto e nel vincere ha imposto il libero mercato che ha ovviamente portato a spostare molte produzioni in Asia. Farlo ha implicato ridurre i posti di lavoro tipici della classe media, impoverendola e riducendola.
La sinistra europea, dopo avere perso la battaglia storica contro il capitalismo, ha cercato una modernità nella terza via ma si è illusa che bastasse guidare i fenomeni economici per garantire la maggiore occupazione e benessere possibili.
Invece le classi meno istruite, quelle che competono più direttamente col lavoro meno qualificato dell'est del mondo, sono state marginalizzate e, di fronte al venire meno della speranza di migliorare il proprio status, si sono buttate mani e piedi in pasto ai populisti che in tutto il mondo occidentale sguazzano a destra. Perfino negli USA. White trash. "America first" come "prima gli italiani".
La sequenza delle generazioni ha aiutato, portando al voto gente che ignora sia le schifezze fatte dai politici del post boom sia i motivi dei sacrifici ultimamente imposti.

Per questo, non sono molto fiducioso nella possibilità che la sinistra o centrosinistra risorga a breve, soprattutto qui.
Prima l'elettore deve rendersi conto che quando i tedeschi ci danno delle cicale hanno ragione.
E solo dopo, forse, tornerà a votare con raziocinio.
Perché le soluzioni sudamericane di cui vaneggiano Stanlio e Ollio comprendono il fallimento finale. Vedasi Venezuela e Argentina, per parlare di due esempi recenti.

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Inviato: 01 set 2018 16:28
da tenente Drogo 2
sei ottimista
la gente crede a questi qua

http://www.affaritaliani.it/economia/ag ... 57582.html

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Inviato: 01 set 2018 18:50
da maxer
zampaflex ha scritto:Caro Rossano, si apre un dibattito che potrebbe durare mesi.
Per me, stringendo, il capitalismo ha vinto e nel vincere ha imposto il libero mercato che ha ovviamente portato a spostare molte produzioni in Asia. Farlo ha implicato ridurre i posti di lavoro tipici della classe media, impoverendola e riducendola.
La sinistra europea, dopo avere perso la battaglia storica contro il capitalismo, ha cercato una modernità nella terza via ma si è illusa che bastasse guidare i fenomeni economici per garantire la maggiore occupazione e benessere possibili.
Invece le classi meno istruite, quelle che competono più direttamente col lavoro meno qualificato dell'est del mondo, sono state marginalizzate e, di fronte al venire meno della speranza di migliorare il proprio status, si sono buttate mani e piedi in pasto ai populisti che in tutto il mondo occidentale sguazzano a destra. Perfino negli USA. White trash. "America first" come "prima gli italiani".
La sequenza delle generazioni ha aiutato, portando al voto gente che ignora sia le schifezze fatte dai politici del post boom sia i motivi dei sacrifici ultimamente imposti.

Per questo, non sono molto fiducioso nella possibilità che la sinistra o centrosinistra risorga a breve, soprattutto qui.
Prima l'elettore deve rendersi conto che quando i tedeschi ci danno delle cicale hanno ragione.
E solo dopo, forse, tornerà a votare con raziocinio.
Perché le soluzioni sudamericane di cui vaneggiano Stanlio e Ollio comprendono il fallimento finale. Vedasi Venezuela e Argentina, per parlare di due esempi recenti.

Insomma, stringi stringi, la 'colpa" è sempre di chi vota !
Troppo facile e direi anche con un fondo tipicamente elitario all' eccesso.
Autoassoluzione forever :evil:

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Inviato: 01 set 2018 19:13
da tenente Drogo 2
Zampa, occorre confrontarsi con un elettorato che abbocca a queste sirene
il compito è immane, la gente si dovrebbe informare e riflettere
invece gli raccontano che lo spread è un complotto dei cattivoni, che l'Italia senza Euro sarebbe ricchissima perché potrebbe stampare tutto il denaro che vuole ... e cosa vuoi fare?

Immagine

e intanto Borghi Aquilini ha investito all'estero
e un mio amico "sovranista" che lavora in Germania ha convinto i genitori a mettere i loro risparmi in una banca tedesca
son tutti sovranisti con i soldi degli altri

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Inviato: 01 set 2018 19:26
da tenente Drogo 2
nell'illustre parterre di ospiti c'è Mario Improta detto Marione
vignettista grillino con tendenze fascismo 2.0

Marione è uno che scrive roba così

Immagine

capite, ottimo Zampa e miei trenta lettori che ben poco si può fare per convincere i tanti allievi dell'università della vita che le cose non stanno così
continueranno a credere alle favole

e se facciamo la fine di un paese sovranista, tipo l'Argentina o la Turchia, diranno che è colpa di Soros o dei poteri forti

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Inviato: 02 set 2018 09:24
da zampaflex
maxer ha scritto:
zampaflex ha scritto:Caro Rossano, si apre un dibattito che potrebbe durare mesi.
Per me, stringendo, il capitalismo ha vinto e nel vincere ha imposto il libero mercato che ha ovviamente portato a spostare molte produzioni in Asia. Farlo ha implicato ridurre i posti di lavoro tipici della classe media, impoverendola e riducendola.
La sinistra europea, dopo avere perso la battaglia storica contro il capitalismo, ha cercato una modernità nella terza via ma si è illusa che bastasse guidare i fenomeni economici per garantire la maggiore occupazione e benessere possibili.
Invece le classi meno istruite, quelle che competono più direttamente col lavoro meno qualificato dell'est del mondo, sono state marginalizzate e, di fronte al venire meno della speranza di migliorare il proprio status, si sono buttate mani e piedi in pasto ai populisti che in tutto il mondo occidentale sguazzano a destra. Perfino negli USA. White trash. "America first" come "prima gli italiani".
La sequenza delle generazioni ha aiutato, portando al voto gente che ignora sia le schifezze fatte dai politici del post boom sia i motivi dei sacrifici ultimamente imposti.

Per questo, non sono molto fiducioso nella possibilità che la sinistra o centrosinistra risorga a breve, soprattutto qui.
Prima l'elettore deve rendersi conto che quando i tedeschi ci danno delle cicale hanno ragione.
E solo dopo, forse, tornerà a votare con raziocinio.
Perché le soluzioni sudamericane di cui vaneggiano Stanlio e Ollio comprendono il fallimento finale. Vedasi Venezuela e Argentina, per parlare di due esempi recenti.

Insomma, stringi stringi, la 'colpa" è sempre di chi vota !
Troppo facile e direi anche con un fondo tipicamente elitario all' eccesso.
Autoassoluzione forever :evil:

Ma io SONO elitista.
Il voto nazional popolare mi ha confermato che ho ragione.
Guarda Singapore, guarda la Cina, guarda Corea e Giappone e poi dimmi se dobbiamo farci guidare da quattro scemi al bar.

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Inviato: 02 set 2018 09:54
da maxer
maxer ha scritto:
zampaflex ha scritto:Insomma, stringi stringi, la 'colpa" è sempre di chi vota !
Troppo facile e direi anche con un fondo mtipicamente elitario all' eccesso.
Autoassoluzione forever :evil:

Ma io SONO elitista.
Il voto nazional popolare mi ha confermato che ho ragione.
Guarda Singapore, guarda la Cina, guarda Corea e Giappone e poi dimmi se dobbiamo farci guidare da quattro scemi al bar.

Luciano, se ricordi tempo fa ti ho dichiarato anch'io la mia appartenenza alla setta degli elitari.
Solo che io milito nella corrente moderata, tu invece in quella (almeno qui .....) massimalista :D

E poi, ti confesso, gli esempi di società orientali che mi hai portato non sono proprio il mio modello : troppi soldatini inquadrati e controllati dall' alto con un solo scopo nella vita, a tutti i livelli.
Produrre.

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Inviato: 02 set 2018 10:41
da zampaflex
maxer ha scritto:
maxer ha scritto:
zampaflex ha scritto:Insomma, stringi stringi, la 'colpa" è sempre di chi vota !
Troppo facile e direi anche con un fondo mtipicamente elitario all' eccesso.
Autoassoluzione forever :evil:

Ma io SONO elitista.
Il voto nazional popolare mi ha confermato che ho ragione.
Guarda Singapore, guarda la Cina, guarda Corea e Giappone e poi dimmi se dobbiamo farci guidare da quattro scemi al bar.

Luciano, se ricordi tempo fa ti ho dichiarato anch'io la mia appartenenza alla setta degli elitari.
Solo che io milito nella corrente moderata, tu invece in quella (almeno qui .....) massimalista :D

E poi, ti confesso, gli esempi di società orientali che mi hai portato non sono proprio il mio modello : troppi soldatini inquadrati e controllati dall' alto con un solo scopo nella vita, a tutti i livelli.
Produrre.


Gli asiatici li ho citati non come modello di vita ma come esempio di regimi poco democratici (in politica ) ma di successo in campo economico.
In un numero di giugno de Internazionale c'era un saggio proprio su questo tema. Il confronto tra il modello anglosassone e quello orientale di approccio al libero mercato. Molto interessante.

Poi io sono un libertario, non vivrei bene sotto costrizioni. Ma sempre meglio che i fasciocitrulli.

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Inviato: 02 set 2018 16:04
da tenente Drogo 2
speriamo ascoltino Calenda

"Parlare con una sola voce forte dopo aver deciso insieme la linea da seguire. E poi fare rapidissimamente il congresso che dia mandato al nuovo segretario di costruire una grande lista progressista che abbia come principi fondanti il fatto che l’Italia deve rimanere una grande democrazia liberale occidentale, rispettosa dei principi dello stato di diritto, saldamente piantata in Europa, legata a un’idea di sviluppo e progresso, certamente da cambiare rispetto agli ultimi trent’anni, ma senza ripiegamenti disastrosi come vorrebbero Lega e 5 stelle."

https://roma.corriere.it/notizie/politi ... 592c.shtml

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Inviato: 02 set 2018 18:25
da Tex Willer
tenente Drogo 2 ha scritto:speriamo ascoltino Calenda

"Parlare con una sola voce forte dopo aver deciso insieme la linea da seguire. E poi fare rapidissimamente il congresso che dia mandato al nuovo segretario di costruire una grande lista progressista che abbia come principi fondanti il fatto che l’Italia deve rimanere una grande democrazia liberale occidentale, rispettosa dei principi dello stato di diritto, saldamente piantata in Europa, legata a un’idea di sviluppo e progresso, certamente da cambiare rispetto agli ultimi trent’anni, ma senza ripiegamenti disastrosi come vorrebbero Lega e 5 stelle."

https://roma.corriere.it/notizie/politi ... 592c.shtml

Quando parla di un nuovo segretario pensa a se stesso.... con lui,piovuto chissà da dove(anzi,si sa da dove)le bastonate che ha preso il PD con Renzi saranno considerate un successo.

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Inviato: 02 set 2018 19:53
da maxer
Tex Willer ha scritto:
tenente Drogo 2 ha scritto:speriamo ascoltino Calenda

"Parlare con una sola voce forte dopo aver deciso insieme la linea da seguire. E poi fare rapidissimamente il congresso che dia mandato al nuovo segretario di costruire una grande lista progressista che abbia come principi fondanti il fatto che l’Italia deve rimanere una grande democrazia liberale occidentale, rispettosa dei principi dello stato di diritto, saldamente piantata in Europa, legata a un’idea di sviluppo e progresso, certamente da cambiare rispetto agli ultimi trent’anni, ma senza ripiegamenti disastrosi come vorrebbero Lega e 5 stelle."

https://roma.corriere.it/notizie/politi ... 592c.shtml

Quando parla di un nuovo segretario pensa a se stesso.... con lui, piovuto chissà da dove (anzi,si sa da dove), le bastonate che ha preso il PD con Renzi saranno considerate un successo.

Il tutto a fianco di quella frazione "illuminata" di Forza Italia sopravvissuta alla fuga verso la Lega :shock:

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Inviato: 02 set 2018 20:43
da Tex Willer
maxer ha scritto:
Tex Willer ha scritto:
tenente Drogo 2 ha scritto:speriamo ascoltino Calenda

"Parlare con una sola voce forte dopo aver deciso insieme la linea da seguire. E poi fare rapidissimamente il congresso che dia mandato al nuovo segretario di costruire una grande lista progressista che abbia come principi fondanti il fatto che l’Italia deve rimanere una grande democrazia liberale occidentale, rispettosa dei principi dello stato di diritto, saldamente piantata in Europa, legata a un’idea di sviluppo e progresso, certamente da cambiare rispetto agli ultimi trent’anni, ma senza ripiegamenti disastrosi come vorrebbero Lega e 5 stelle."

https://roma.corriere.it/notizie/politi ... 592c.shtml

Quando parla di un nuovo segretario pensa a se stesso.... con lui, piovuto chissà da dove (anzi,si sa da dove), le bastonate che ha preso il PD con Renzi saranno considerate un successo.

Il tutto a fianco di quella frazione "illuminata" di Forza Italia sopravvissuta alla fuga verso la Lega :shock:

Certamente non potrà andare da solo il PD. Dovrà allearsi con qualcuno, per contrastare la deriva della Lega che è la cosa più preoccupante in assoluto.
A questo punto va bene tutto, anche gli ex monarchici, gli juventini,tutti.
Però ricominciare da Calenda no, quella sarebbe la pietra tombale,alla nuova Lega a trazione Salvini non servono i regali.

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Inviato: 02 set 2018 21:20
da maxer
Tex Willer ha scritto:
maxer ha scritto:
Tex Willer ha scritto:
tenente Drogo 2 ha scritto:speriamo ascoltino Calenda

"Parlare con una sola voce forte dopo aver deciso insieme la linea da seguire. E poi fare rapidissimamente il congresso che dia mandato al nuovo segretario di costruire una grande lista progressista che abbia come principi fondanti il fatto che l’Italia deve rimanere una grande democrazia liberale occidentale, rispettosa dei principi dello stato di diritto, saldamente piantata in Europa, legata a un’idea di sviluppo e progresso, certamente da cambiare rispetto agli ultimi trent’anni, ma senza ripiegamenti disastrosi come vorrebbero Lega e 5 stelle."

https://roma.corriere.it/notizie/politi ... 592c.shtml

Quando parla di un nuovo segretario pensa a se stesso.... con lui, piovuto chissà da dove (anzi,si sa da dove), le bastonate che ha preso il PD con Renzi saranno considerate un successo.

Il tutto a fianco di quella frazione "illuminata" di Forza Italia sopravvissuta alla fuga verso la Lega :shock:

Certamente non potrà andare da solo il PD. Dovrà allearsi con qualcuno, per contrastare la deriva della Lega che è la cosa più preoccupante in assoluto.
A questo punto va bene tutto, anche gli ex monarchici, gli juventini, tutti.
Però ricominciare da Calenda no, quella sarebbe la pietra tombale, alla nuova Lega a trazione Salvini non servono i regali.

Nooooooooo, almeno gli juventini no !

Ma chi pensi che abbia spalancato le porte del successo all' attuale strapotere Lega-M5S, se non la serie infinita di errori dei governi di centrosinistra a trazione Pd ? Ma Salvini e Di Maio sono caduti dal cielo all' improvviso ?

Il simpatico e umile Calenda sarebbe solo l' espressione del naturale esito finale, e letale, di un partito ormai da anni completamente snaturato nelle sue iniziali (e storiche) fondamenta.
O sperano nei nuovi astri nascenti, il laziocentrico 'bravo amministratore' Zingaretti o il 'combattivo' Bentivogli, ultimamente mandato notte e giorno in tv con l' esplicito scopo di farlo conoscere in attesa della future primarie ?

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Inviato: 02 set 2018 22:48
da tenente Drogo 2
inutile contare su elettori come Tex
con tutti gli altri c'è speranza

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Inviato: 02 set 2018 23:05
da tenente Drogo 2
Calenda è molto efficace su Twitter e Facebook, a me sembra uno dei pochi nel PD in sintonia con questo secolo