Diario economico

Dove discutere, confrontarsi o scherzare sempre in modo civile su argomenti attinenti al mondo del food&wine e non solo.

Avatar utente
tenente Drogo 2
Messaggi: 780
Iscritto il: 24 nov 2017 18:03

Re: Diario economico

Messaggioda tenente Drogo 2 » 12 ago 2018 11:50

Prima di tutto vennero a prendere quelli che percepivano più di 80.000 euro lordi di pensione, e io non dissi niente perché non percepivo più di 80.000 euro lordi di pensione

https://phastidio.net/2018/08/12/gli-kh ... -pensioni/
I comunisti mi trattavano da fascista, i fascisti da comunista.
Tutto questo ha aiutato il film.
(Sam Fuller, a proposito di "The Steel Helmet")
Avatar utente
harmattan
Messaggi: 5464
Iscritto il: 13 apr 2008 13:56
Località: Roma San Giovanni

Re: Diario economico

Messaggioda harmattan » 13 ago 2018 10:24

tenente Drogo 2 ha scritto:Prima di tutto vennero a prendere quelli che percepivano più di 80.000 euro lordi di pensione, e io non dissi niente perché non percepivo più di 80.000 euro lordi di pensione

https://phastidio.net/2018/08/12/gli-kh ... -pensioni/


Personalmente io sono contrario a queste forme di retroattività coatta. Se proprio servono i soldi, e ne servono tanti, iniziassero a tagliare le partecipate, altro che racimolare 3-400 milioni.
maxer
Messaggi: 3139
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: emisfero boreale

Re: Diario economico

Messaggioda maxer » 13 ago 2018 11:07

Una semplice, bella patrimoniale su immobili, successioni, patrimoni mobiliari (tutti con limiti minimi esenti predefiniti), come in tutto il mondo occidentale.
In più, indagini a tappeto sui capitali all' estero, ché quando si vuole si può ...
Altro che condoni ! :mrgreen:
PAURA, EH ..... 8)
carpe diem 8)
Avatar utente
harmattan
Messaggi: 5464
Iscritto il: 13 apr 2008 13:56
Località: Roma San Giovanni

Re: Diario economico

Messaggioda harmattan » 13 ago 2018 11:32

maxer ha scritto:Una semplice, bella patrimoniale su immobili, successioni, patrimoni mobiliari (tutti con limiti minimi esenti predefiniti), come in tutto il mondo occidentale.
In più, indagini a tappeto sui capitali all' estero, ché quando si vuole si può ...
Altro che condoni ! :mrgreen:
PAURA, EH ..... 8)


In linea di massima sono d'accordo, quando non sei in grado di far ripartire il paese creando delle vere liberalizzazioni ( e non la fuffa di veltroni!) e tagliando la spesa pubblica (in barba a caste e corporazioni!) questo è l'unico metodo. Il problema è che quando inizi a martellare con patrimoniali e tasse (ancor più di adesso!) la gente preferisce fare i fagotti e andarsene via.
Timoteo
Messaggi: 2279
Iscritto il: 04 ott 2009 15:57

Re: Diario economico

Messaggioda Timoteo » 13 ago 2018 13:46

harmattan ha scritto:
maxer ha scritto:Una semplice, bella patrimoniale su immobili, successioni, patrimoni mobiliari (tutti con limiti minimi esenti predefiniti), come in tutto il mondo occidentale.
In più, indagini a tappeto sui capitali all' estero, ché quando si vuole si può ...
Altro che condoni ! :mrgreen:
PAURA, EH ..... 8)


In linea di massima sono d'accordo, quando non sei in grado di far ripartire il paese creando delle vere liberalizzazioni ( e non la fuffa di veltroni!) e tagliando la spesa pubblica (in barba a caste e corporazioni!) questo è l'unico metodo. Il problema è che quando inizi a martellare con patrimoniali e tasse (ancor più di adesso!) la gente preferisce fare i fagotti e andarsene via.


un caro saluto a tutti.

Immagine
Avatar utente
beluga
Messaggi: 8941
Iscritto il: 07 giu 2007 11:21
Località: roma

Re: Diario economico

Messaggioda beluga » 13 ago 2018 17:43

Non mi è chiaro il discorso.
Quando governava Gentiloni tutti a sparare a zero sul Pd che non faceva niente.
Adesso che al Governo ci sono Stanlio e Onlio tutti a invocare condoni o patrimoniali per salvare il Paese.
Per fortuna che sto in Grecia anche io e forse mi fermo qualche mese.
Me ne importo
maxer
Messaggi: 3139
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: emisfero boreale

Re: Diario economico

Messaggioda maxer » 13 ago 2018 18:24

beluga ha scritto:Non mi è chiaro il discorso.
Quando governava Gentiloni tutti a sparare a zero sul Pd che non faceva niente.
Adesso che al Governo ci sono Stanlio e Onlio tutti a invocare condoni o patrimoniali per salvare il Paese.
Per fortuna che sto in Grecia anche io e forse mi fermo qualche mese.

Non è che forse da Gentiloni a Renzi, Letta, Monti, Berlusconi, Craxi e via arretrando (salvo solo Prodi e la meteora D' Alema) il debito pubblico è aumentato a dismisura e riforme vere non se ne sono viste, portando il paese alla pericolosa situazione attuale ?
O anche questa continua deriva è da addebitare alla Raggi ? Faranno cazzate, certo, vedremo : ma siamo un po' seri e onesti sul passato, togliendoci dagli occhi, almeno ogni tanto, le famose fettone di mortadella orfiniana.

P.S.
Consiglio non richiesto a Timoteo e Beluga : in Grecia (beati ... :mrgreen: ) stateci almeno fino a dopo le elezioni europee della primavera 2019, non si sa mai. Deciderete dopo se tornare 8)

(anzi, se avete una stanzetta, anche un piccolo garage, prenotati per giugno prossimo, ok ? :wink: )
carpe diem 8)
Timoteo
Messaggi: 2279
Iscritto il: 04 ott 2009 15:57

Re: Diario economico

Messaggioda Timoteo » 13 ago 2018 18:44

beluga ha scritto:Non mi è chiaro il discorso.
Quando governava Gentiloni tutti a sparare a zero sul Pd che non faceva niente.
Adesso che al Governo ci sono Stanlio e Onlio tutti a invocare condoni o patrimoniali per salvare il Paese.
Per fortuna che sto in Grecia anche io e forse mi fermo qualche mese.


C'e il problema dell'invasione paventata dal prof. Eco.
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7776
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: Diario economico

Messaggioda zampaflex » 13 ago 2018 21:59

maxer ha scritto:Non è che forse da Gentiloni a Renzi, Letta, Monti, Berlusconi, Craxi e via arretrando (salvo solo Prodi e la meteora D' Alema) il debito pubblico è aumentato a dismisura e riforme vere non se ne sono viste, portando il paese alla pericolosa situazione attuale ?

No no no no e ancora no.
Hai fatto una affermazione che più qualunquista non si può.
Vatti a guardare la storia del debito pubblico in Italia, cospargiti il capo di cenere e poi torna qui.
Perché accomunare i primi quattro nomi con B e C è non solo fuorviante, ma persino ignobile da parte di chi, avendo una certa età, dovrebbe invece ricordare ai baldi giòvini fasciocitrulli che le colpe vengono da lontano. *
E insomma!

* nell'era del CAF il debito è passato dal 60 al 100% del pil così, in allegria. Anzi, col pieno godimento e consenso dell'italiano medio che pasteggiava e beveva a tutto spiano, salvo poi incazzarsi una volta partite le confessioni dei mariuoli.
Da allora, stiamo mettendo toppe.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Timoteo
Messaggi: 2279
Iscritto il: 04 ott 2009 15:57

Re: Diario economico

Messaggioda Timoteo » 13 ago 2018 22:48

zampaflex ha scritto:
maxer ha scritto:Non è che forse da Gentiloni a Renzi, Letta, Monti, Berlusconi, Craxi e via arretrando (salvo solo Prodi e la meteora D' Alema) il debito pubblico è aumentato a dismisura e riforme vere non se ne sono viste, portando il paese alla pericolosa situazione attuale ?

No no no no e ancora no.
Hai fatto una affermazione che più qualunquista non si può.
Vatti a guardare la storia del debito pubblico in Italia, cospargiti il capo di cenere e poi torna qui.
Perché accomunare i primi quattro nomi con B e C è non solo fuorviante, ma persino ignobile da parte di chi, avendo una certa età, dovrebbe invece ricordare ai baldi giòvini fasciocitrulli che le colpe vengono da lontano. *
E insomma!

* nell'era del CAF il debito è passato dal 60 al 100% del pil così, in allegria. Anzi, col pieno godimento e consenso dell'italiano medio che pasteggiava e beveva a tutto spiano, salvo poi incazzarsi una volta partite le confessioni dei mariuoli.
Da allora, stiamo mettendo toppe.


Evvabbe'.
maxer
Messaggi: 3139
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: emisfero boreale

Re: Diario economico

Messaggioda maxer » 14 ago 2018 00:11

Non meriti nemmeno di essere citato, giovane saputello.
Solo alcuni dati :

AUMENTO GIORNALIERO MEDIO DEBITO PUBBLICO ITALIA (in mln di €uro) con i vari premier in carica fino al 31.05.2017
(dati Banca d' Italia)

AMATO + 342 mln di €uro giornalieri
GENTILONI + 309
MONTI + 242
DINI + 207
LETTA + 202
BERLUSCONI + 165
GORIA + 159
CRAXI + 159
DE MITA + 155
RENZI + 119
ANDREOTTI + 111
PRODI + 109
SPADOLINI + 97
FORLANI + 76
D' ALEMA + 73
più altri tredici premier fino al 14.07.1946

Dimenticavo (ma a questo punto penso che spreco solo tempo) :
NON PERMETTERTI di darmi dell' ignobile, del qualunquista, di suggerirmi di cospargermi prima il capo di cenere e solo dopo di poter tornare qui :shock:
Ma dopo il 4 marzo, come tutti voi arroganti possessori della Verità e mai sfiorati dal dubbio, non siete diventati un po' troppo nervosi e irascibili ?

P.S. : c' è il presuntuoso "della politica" e c' è il presuntuoso "del vino". Col secondo ho già chiuso definitivamente e con piacere qualche tempo fa; con il primo mi dispiacerebbe un po' :roll:
carpe diem 8)
Avatar utente
tenente Drogo 2
Messaggi: 780
Iscritto il: 24 nov 2017 18:03

Re: Diario economico

Messaggioda tenente Drogo 2 » 14 ago 2018 10:10

le ragioni della sconfitta del PD e più in generale dei partiti socialdemocratici sono chiare: nello smarrimento causato dai vari effetti collaterali della globalizzazione, tra cui la xenofobia, non hanno saputo trovare risposte adeguate, mentre i populisti, parlando alla pancia e proponendo slogan più che rimedi hanno ottenuto larghi consensi

per cui, ottimo Maxer, potremmo anche superare la questione delle fette di mortadella sull'occhio perché mi pare che non ce le abbiamo

cosa debbano fare i non populisti per riguadagnare consenso non ne ho la minima idea

magari fosse una questione di fette di mortadella: uno se le toglie, guarda la realtà e agisce

qui mi sembra che sia una questione di Zeitgeist populista, come opporsi?

quando lo spread salirà - temo - puoi affannarti a spiegare che non è un complotto, ma ci sarà tanta gente che preferirà credere che Soros e l'Europa sono cattivi

che fare? (non sono Lenin)
almeno votare una forza europeista a maggio 2019 in elezioni che saranno un referendum tra europeisti e sovranisti (de 'sta minchia)

speriamo di contare anche sul tuo voto
I comunisti mi trattavano da fascista, i fascisti da comunista.
Tutto questo ha aiutato il film.
(Sam Fuller, a proposito di "The Steel Helmet")
Avatar utente
beluga
Messaggi: 8941
Iscritto il: 07 giu 2007 11:21
Località: roma

Re: Diario economico

Messaggioda beluga » 14 ago 2018 18:47

maxer ha scritto:Non meriti nemmeno di essere citato, giovane saputello.
Solo alcuni dati :

AUMENTO GIORNALIERO MEDIO DEBITO PUBBLICO ITALIA (in mln di €uro) con i vari premier in carica fino al 31.05.2017
(dati Banca d' Italia)

AMATO + 342 mln di €uro giornalieri
GENTILONI + 309
MONTI + 242
DINI + 207
LETTA + 202
BERLUSCONI + 165
GORIA + 159
CRAXI + 159
DE MITA + 155
RENZI + 119
ANDREOTTI + 111
PRODI + 109
SPADOLINI + 97
FORLANI + 76
D' ALEMA + 73
più altri tredici premier fino al 14.07.1946

Dimenticavo (ma a questo punto penso che spreco solo tempo) :
NON PERMETTERTI di darmi dell' ignobile, del qualunquista, di suggerirmi di cospargermi prima il capo di cenere e solo dopo di poter tornare qui :shock:
Ma dopo il 4 marzo, come tutti voi arroganti possessori della Verità e mai sfiorati dal dubbio, non siete diventati un po' troppo nervosi e irascibili ?



Sono numeri a cacchio.
Andreotti governa anni in modo clientelare.
Amato eredita un Paese che sta per fallire e sta lì per un tempo limitato.
Come puoi calcolare il debito giornaliero paragonando situazioni non commensurabili.
Andreotti trova un Paese in salute e lo distrugge.
Amato sta lì per tappare buchi ereditati.
Senza contare che la valuta di 40 anni fa non è la stessa di adesso.
Mah
Non penso tu sia ignobile o qualunquista, forse solo un po’ confuso :lol:
Me ne importo
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7776
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: Diario economico

Messaggioda zampaflex » 14 ago 2018 22:55

maxer ha scritto:Non meriti nemmeno di essere citato, giovane saputello.
Solo alcuni dati :

AUMENTO GIORNALIERO MEDIO DEBITO PUBBLICO ITALIA (in mln di €uro) con i vari premier in carica fino al 31.05.2017
(dati Banca d' Italia)

AMATO + 342 mln di €uro giornalieri
GENTILONI + 309
MONTI + 242
DINI + 207
LETTA + 202
BERLUSCONI + 165
GORIA + 159
CRAXI + 159
DE MITA + 155
RENZI + 119
ANDREOTTI + 111
PRODI + 109
SPADOLINI + 97
FORLANI + 76
D' ALEMA + 73
più altri tredici premier fino al 14.07.1946

Dimenticavo (ma a questo punto penso che spreco solo tempo) :
NON PERMETTERTI di darmi dell' ignobile, del qualunquista, di suggerirmi di cospargermi prima il capo di cenere e solo dopo di poter tornare qui :shock:
Ma dopo il 4 marzo, come tutti voi arroganti possessori della Verità e mai sfiorati dal dubbio, non siete diventati un po' troppo nervosi e irascibili ?

P.S. : c' è il presuntuoso "della politica" e c' è il presuntuoso "del vino". Col secondo ho già chiuso definitivamente e con piacere qualche tempo fa; con il primo mi dispiacerebbe un po' :roll:


Caro Massimo, per fortuna ci conosciamo de visu, altrimenti sai che fatica raddrizzare discussioni solo virtuali. Lo ammetto, sono stato piuttosto rude. Ho esitato prima di premere il tasto invio, ma poi ho deciso.
L'ho fatto proprio perché ti conosco, e so che possiedi gli strumenti cognitivi e logici per prendere, in modo aristotelico, posizione su dichiarazioni di qualunque tipo senza correre il rischio di prendere, invece, cantonate.
Sono rimasto perciò sorpreso dal tuo sostegno alla teoria esposta e poi documentata qui sopra.
Ma, come dicono gli americani che hanno almeno il pregio di essere esperti nei moderni metodi di analisi, ci sono bugie, fottute bugie, e statistiche.
Credo che i numeri sopra citati non siano opera tua, credo piuttosto che tu li abbia ripresi in buona fede.
Beh, sono radicalmente inesatti. Sia nel metodo che nel contesto. E ricordano molto la disinformazione professionale praticata dai fasciocitrulli oggi al potere.
Nel metodo perché dimenticano malamente il potere distorsivo dell'inflazione, che ha trasformato una "lira" di oggi in poco più di venti centesimi del 1980. E quindi i deficit NOMINALI di oggi appaiono maggiori di quelli della disgraziata era craxian-andreottiana:
http://www.caruso.rc.it/Fisco/Inflaz/Calcola.aspx
Se si calcolassero i nuovi debiti a parità di cambio, la classifica verrebbe grandemente modificata.
Secondo, il contesto del nuovo debito è totalmente diverso, opposto direi.
Nell'era della grande abbuffata degli anni 80 così nostalgicamente ricordati da troppi, il deficit annuo ha ripetutamente sfondato quota DIECI per dento.
Avanzo primario? E che è, roba che se magna?
Negli ultimi anni invece il deficit è contenuto, salvo circostanze catastrofiche e perfino talvolta sotto la sprecona gestione di B, entro il 3%. E l'avanzo primario (deficit calcolato PRIMA della spesa per interessi, cioè prima della spesa per pagare gli interessi sui debiti fatti dai precedenti governi ), quasi sempre presente dal 1991 ad oggi (e no, B proprio non ce l'ha fatta a non spendere )
Anche il tanto odiato (pure da te purtroppo ) Renzi ha prodotto questi saldi:
https://scenarieconomici.it/evoluzione-del-saldo-primario-italiano/
Pertanto no, non tutti i debiti sono uguali. Non tutti i governi. E soprattutto non tutte le notizie.
La classifica che hai postato è bugiarda e distorsiva.
Ma sappi che l'unica colpa che ti faccio è di non volere accettare il fatto (fatti alla mano sia chiaro) che Renzi non ha fatto alcun danno economico a questo paese.
Sul danno politico non intendo contestarti alcunché :wink: anche se non sono d'accordo, come ben si sa.

PS: non è corretto addebitare a Monti lo sprofondo di debito effettivamente creatosi sotto la sua presidenza perché a) chi è venuto prima di lui ha lasciato in eredità un paese sull'orlo del fallimento; e b) quando una economia prende un colpo così tremendo, lo Stato deve keynesianamente fare il possibile per rimettere in moto l'economia facendo deficit, da recuperare poi quando ci si riassesta.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7776
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: Diario economico

Messaggioda zampaflex » 17 ago 2018 18:42

Da Il sole 24 ore

Il business della gestione di 27 tratte autostradali in Italia ha generato per Autostrade per l’Italia tra il 2001 e il 2017 ricavi da pedaggio per 43,7 miliardi. È il bilancio degli incassi (al netto degli altri ricavi come le royalties per le aree di servizio e quant’altro) della gestione della famiglia Benetton dalla privatizzazione della concessionaria autostradale, avvenuta nel 2000, ai giorni nostri. Quella somma l’hanno pagata italiani e stranieri che sono transitati con i loro veicoli lungo le maggiori arterie nazionali. Le tariffe autostradali vengono riconosciute ai concessionari dallo Stato (la proprietà della rete è pubblica, privata è solo la gestione) per remunerare manutenzione, investimenti e per coprirne i costi.

Nello stesso periodo Aspi ha investito 5 miliardi in interventi di manutenzione e 13,6 miliardi per la realizzazione di ampliamenti, migliorie e nuove opere. I costi del lavoro sostenuti nel periodo sono pari a circa 7 miliardi. Il sistema tariffario italiano prevede che nella tariffa entri anche un canone riconosciuto all’Anas (cosiddetto sovrapprezzo) che contribuisce alle sue spese di sostentamento e un onere concessorio al ministero dell’Economia: nel periodo questi costi sono stati pari a 3,6 miliardi. Singolare l’aspetto che riguarda il canone Anas: istituito quando la società aveva funzioni di ente concedente e di controllo delle concessionarie autostradali (funzioni attribuite al ministero dei trasporti con le riforme intervenute dopo il 2010) è rimasto comunque in essere anche ora che la società è stata trasferita sotto il controllo delle Fs ed è un concorrente, visto che gestisce 900 chilometri di tratte autostradali.

Tolte queste voci che le tariffe sono chiamati a coprire per ripagare oneri, costi e investimenti alla società restano circa 13 miliardi di margine: nel periodo sono stati pagati allo Stato italiano 5 miliardi di imposte. Ne residuano poco più di 9 miliardi: sempre nel periodo sono stati pagati circa 7,2 miliardi di oneri finanziari a sostegno del debito, nel quale rientra anche quello contratto per l’acquisto di Autostrade in fase di privatizzazione.

I profitti veri e propri di cui la società ha beneficiato in questi 16 anni sono pari a 2,1 miliardi: in sostanza 130 milioni di euro l’anno, di cui buona parte distribuiti agli azionisti sotto forma di dividendi. Al socio di riferimento, la famiglia Benetton, è andato in media il 30% dei dividendi, anche se non tutto è stato distribuito (ci sono ad esempio le quote che vanno alle riserve). In modo molto sommario si può dire che alla famiglia di Ponzano veneto siano andati circa 600 milioni.

Ovviamente stiamo parlando solo di una parte dei profitti di Atlantia, che oltre alle 27 tratte di Aspi ne gestisce altre 5 in Italia. Poi ci sono le varie concessionarie acquistate in Sudamerica; completano il business del gruppo gli scali aeroportuali come quello di Fiumicino e l’aeroporto di Nizza. Mentre il business all’estero sarà ampliato con l’acquisizione della spagnola Abertis. L’accusa che negli anni è arrivata al gruppo è quella di aver beneficiato di extraprofitti garantiti da una convenzione troppo generosa che, tra i vari aspetti, sottostimava le attese di crescita del traffico per riconoscere adeguamenti tariffari più alti.

17 AGOSTO 2018
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
maxer
Messaggi: 3139
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: emisfero boreale

Re: Diario economico

Messaggioda maxer » 17 ago 2018 22:38

Propongo di aprire una sottoscrizione presso il c/c 4738467/35900770/000002Xywkz presso la Banca Popolare di Villorba a favore della famiglia Benetton.
Forse la aiuteremo a scongiurare il fallimento finanziario dopo la sciagurata e non remunerativa concessione ultradecennale.

Ma per favore ..... ma vi siete ridotti a difendere anche i Benetton, oltre che i Marchionne, Caltagirone, Della Valle, Amazon, Microsoft, Confindustria etc etc ?
Perderete altri voti, ma lo volete forsennatamente, mortadellisticamente ...
Ormai mi viene il dubbio (ormai oserei dire una quasi certezza) che la vostra sia una vera e propria missione: distruggere la "sinistra".

Dimenticavo:
17AGOSTO 2018
carpe diem 8)
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7776
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: Diario economico

Messaggioda zampaflex » 18 ago 2018 18:03

Non sto difendendo nessuno. Fornisco dati, come faccio da tempo.
Dati che vi serviranno a confrontarvi con la sterminata platea di fanfaroni esistente là fuori. Ne ho già trovati diversi inventare completamente le cifre.
Detto questo, il problema della rottura del ponte presenta due sole soluzioni :
o era prevedibile e quindi il concessionario va sanzionato;
o era imprevedibile e quindi non ha colpa.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
maxer
Messaggi: 3139
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: emisfero boreale

Re: Diario economico

Messaggioda maxer » 18 ago 2018 22:07

:cry:
zampaflex ha scritto:Non sto difendendo nessuno .....
..... il problema della rottura del ponte presenta due sole soluzioni :
o era prevedibile e quindi il concessionario va sanzionato;
o era imprevedibile e quindi non ha colpa.

Forse ce n' è una terza di soluzione, direi di gran lunga la più frequente e molto più pericolosa, perché è causa di una sfiducia sempre più ampia nella giustizia.

E' l' allungamento dei tempi del processo, anche a causa dei tre gradi di giudizio presenti solo in Italia e in pochissimi altri Paesi, tempi lunghi che raramente consentono una sentenza definitiva chiara e univoca, vuoi per la prescrizione, vuoi per scadenze dei termini, vuoi per leggi ad hoc (le famose leggi ad personam mai abolite dai governi di centro-sinistra, chissà perché ...), vuoi per assoluzioni in Cassazione per vizi di forma cavillosi che spesso fanno ripartire i processi dall' inizio. E sempre quando gli accusati fanno parte di un certo establishment di potere politico-economico ben conosciuto da tutti.

Gli esempi incisi nella storia sono i tanti processi per le innumerevoli tragedie come Vajont, amianto, Val di Stava, Cermis, Ustica, stragi di stato e di mafia, frane, inondazioni, crolli per terremoti di scuole o case costruite con la sabbia, che si sono quasi sempre risolti senza la condanna esemplare di alcun colpevole o alcun mandante.
carpe diem 8)
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7776
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: Diario economico

Messaggioda zampaflex » 18 ago 2018 22:15

Che la giustizia funzioni male, e a macchia di leopardo con molte province dove magistratura, politici locali e imprenditori si tengono a braccetto è evidente.
Ma finora chi ha puntato sul giustizialismo queste storture non solo non le ha corrette.
Non le ha nemmeno denunciate.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7776
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: Diario economico

Messaggioda zampaflex » 18 ago 2018 22:20

Le tasse che pesano di più sui portafogli dei cittadini italiani sono l’Irpef e l’Iva. Nel 2018 il loro peso potrebbe aumentare. E’ quanto afferma la CGIA nel suo report odierno. L’Irpef (Imposta sul reddito delle persone fisiche) nel 2017 ha garantito alle casse dello Stato un gettito di 169,8 miliardi di euro (il 33,8 per cento ovvero un terzo del totale) mentre la seconda è stata pari a 108,8 miliardi di euro (21,6 per cento). Ogni italiano versa mediamente all’erario quasi 8.300 euro di tasse all’anno. L’Irpef e l’Iva incidono sul gettito tributario totale, che nel 2017 è stato di 502,6 miliardi di euro, per oltre la metà: precisamente per il 55,4 per cento.

Se alle tasse aggiungiamo anche i contributi previdenziali, il peso complessivo del fisco su ciascun italiano si aggira attorno ai 12.000 euro all’anno. Nel 2017 la pressione fiscale si è attestata al 42,5 per cento.

«Per capire se nel 2018 pagheremo più o meno tasse dell’anno scorso – dichiara il coordinatore dell’Ufficio studi Paolo Zabeo - dovremo attendere la pubblicazione della nota di aggiornamento al Def prevista per il prossimo mese di settembre. Tuttavia, a seguito del rallentamento del Pil, è molto probabile che rispetto al 2017 la pressione fiscale sia destinata ad aumentare di qualche decimale, nonostante il carico fiscale per l’anno in corso non abbia subito alcun inasprimento. Per il 2019, invece, dovremo attendere la legge di Bilancio che dovrà essere approvata dal Parlamento entro la fine di quest’anno».

E’ importante ricordare che la pressione fiscale è data dalla somma delle entrate tributarie e previdenziali rapportata al Pil.

L’Ufficio studi della CGIA, che da anni monitora il panorama fiscale italiano, è giunto alla conclusione che, nel complesso, il sistema è troppo esoso e molto frammentato, anche se la stragrande maggioranza delle entrate è riconducibile all’applicazione di poche tasse.

Se, come dicevamo, Irpef e Iva assicurano il 55,4 per cento del totale del gettito tributario, quando allarghiamo lo sguardo alle prime 10 imposte elencate per importo riscosso, emerge che l’incidenza sul totale incassato sale addirittura all’85,2 per cento.

Nel confronto con gli altri Paesi, la pressione fiscale (imposte, tasse, tributi e contributi previdenziali sul Pil) in Italia è la sesta più elevata dell’Ue dopo la Francia (48,7 per cento), la Danimarca (47,3), il Belgio (46,5), la Svezia (44,3) e la Finlandia (43,3).
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
maxer
Messaggi: 3139
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: emisfero boreale

Re: Diario economico

Messaggioda maxer » 19 ago 2018 00:28

zampaflex ha scritto:Che la giustizia funzioni male, e a macchia di leopardo con molte province dove magistratura, politici locali e imprenditori si tengono a braccetto è evidente.
Ma finora chi ha puntato sul giustizialismo queste storture non solo non le ha corrette.
Non le ha nemmeno denunciate.

Ma porca putt... , cosa c' entra il giustizialismo con il mio discorso ?

Ho solo descritto alcune gravi caratteristiche tipiche della giustizia in Italia e ricordato il numero elevatissimo di tragici eventi senza colpevoli nel corso degli ultimi 50 anni.
Cos' è, giustizialismo questo ?

Non stravolgere SEMPRE le parole degli altri per confermare i tuoi dogmi, per accusarli più o meno velatamente di "ismi" senza alcun motivo, facendo un' operazione, non solo retorica, oltremodo falsa e scorretta.

Nota : come se le storture del sistema giustizia italiano fossero state denunciate e corrette dai garantisti ..... :shock:
Ma quando mai ?
carpe diem 8)
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7776
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: Diario economico

Messaggioda zampaflex » 19 ago 2018 08:51

maxer ha scritto:
zampaflex ha scritto:Che la giustizia funzioni male, e a macchia di leopardo con molte province dove magistratura, politici locali e imprenditori si tengono a braccetto è evidente.
Ma finora chi ha puntato sul giustizialismo queste storture non solo non le ha corrette.
Non le ha nemmeno denunciate.

Ma porca putt... , cosa c' entra il giustizialismo con il mio discorso ?

Ho solo descritto alcune gravi caratteristiche tipiche della giustizia in Italia e ricordato il numero elevatissimo di tragici eventi senza colpevoli nel corso degli ultimi 50 anni.
Cos' è, giustizialismo questo ?

Non stravolgere SEMPRE le parole degli altri per confermare i tuoi dogmi, per accusarli più o meno velatamente di "ismi" senza alcun motivo, facendo un' operazione, non solo retorica, oltremodo falsa e scorretta.

Nota : come se le storture del sistema giustizia italiano fossero state denunciate e corrette dai garantisti ..... :shock:
Ma quando mai ?

Mi sa che non ci siamo capiti. A me pareva che indicassi, tra (e non come unico) i mali dell'Italia anche l'inefficienza della magistratura.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
vinogodi
Messaggi: 28628
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: Diario economico

Messaggioda vinogodi » 20 ago 2018 08:47

zampaflex ha scritto:...Ma finora chi ha puntato sul giustizialismo queste storture non solo non le ha corrette.
Non le ha nemmeno denunciate.
...proprio perché il "giustizialismo" , in Italia negli ultimi 80 anni, non è mai stato applicato... altrimenti , con il principio irrinunciabile della "certezza della pena" col cazzo che non diminuirebbero i crimini .
PS: nota a parte . Sono contro la violenza, l'indiscriminato uso delle armi ecc ... però... perché non posso ammazzare ( e magari torturare un pochetto , ma senza lasciare segni ... 8) ) chi entra in casa mia per delinquere? I tre che ho mandato in ospedale finora mi hanno solo creato guai , mi passa la voglia di sparare alle gambe e la prossima volta miro direttamente alla testa...
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7776
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: Diario economico

Messaggioda zampaflex » 20 ago 2018 11:21

Nei primi sei mesi del 2018 lo stock di NPL netti (sofferenze) è calato di 22,8 miliardi di euro (-35,6%) a 41,3 miliardi, grazie anche alla First Time Adoption (FTA) degli IFRS9, mentre gli NPL lordi son calati di 35,7 miliardi (-21,3%) a 131,8 miliardi (questi valori non includono ancora le cessioni di portafoglio annunciate ma non ancora completate come gli 10,8 miliardi di Intesa Sanpaolo , i 3,5/9 miliardi di Banco Bpm , e i 2,8 miliardi di Ubi .

Durante i primi 6 mesi dell'anno numerose banche hanno effettuato importanti cessioni di sofferenze grazie alla First Time Adoption degli IFRS9, che ha permesso un significativo incremento delle coperture sugli NPL senza ulteriori significativi impatti a conto economico. Stando alle nostre stime il gross NPE ratio (rapporto tra sofferenze e crediti totali elargiti ) a fine 2018 dovrebbe poter scendere in area 9% dal picco del 17,6% raggiunto nel primo semestre 2015.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7776
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: Diario economico

Messaggioda zampaflex » 20 ago 2018 11:30

vinogodi ha scritto:
zampaflex ha scritto:...Ma finora chi ha puntato sul giustizialismo queste storture non solo non le ha corrette.
Non le ha nemmeno denunciate.
...proprio perché il "giustizialismo" , in Italia negli ultimi 80 anni, non è mai stato applicato... altrimenti , con il principio irrinunciabile della "certezza della pena" col cazzo che non diminuirebbero i crimini .
PS: nota a parte . Sono contro la violenza, l'indiscriminato uso delle armi ecc ... però... perché non posso ammazzare ( e magari torturare un pochetto , ma senza lasciare segni ... 8) ) chi entra in casa mia per delinquere? I tre che ho mandato in ospedale finora mi hanno solo creato guai , mi passa la voglia di sparare alle gambe e la prossima volta miro direttamente alla testa...


Eppure la conta dei reati in Italia, tenuta dal Ministero degli Interni, mostra come tutti i reati siano in calo, e non di poco, da decenni.
Tutti tranne uno: i furti in appartamento. Che dipendono in larga parte, oltre che dai soliti zingari, dalle bande dell'Est Europa.
Che sono organizzati militarmente : scelgono un territorio, ricercano una base, colpiscono a raffica e spariscono.

Di fronte a questi banditi l'uso della violenza per contromisura rischia di provocare più danni, anche fisici, rispetto alla rassegnazione a subire il furto.

Purtroppo per le forze dell'ordine non è facile raccogliere informazioni, identificare, catturare questi qui, dato il loro modo di agire. Quando ci riescono, le condanne fioccano.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita

Torna a “La piazza dei forumisti”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 10 ospiti