Diario economico

Dove discutere, confrontarsi o scherzare sempre in modo civile su argomenti attinenti al mondo del food&wine e non solo.

Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 11917
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: Diario economico

Messaggioda zampaflex » 22 dic 2023 12:56

Prendo a prestito dal Corriere una spiegazione sufficientemente estesa di cosa sia il MES.
Ma prima di tutto bisogna capire che è il primo passo per l'Unione Bancaria, e che questa sarebbe il primo passo successivo verso una armonizzazione fiscale, quindi verso il sostegno diretto di bilancio, e poi verso gli Stati Uniti d'Europa.
Negando questo primo atto si vuole dire che si sceglie la strada sovranista della pura e semplice unione doganale stile CEE, cioé quel periodo storico nel quale abbiamo svalutato la lira a ripetizione senza venire a capo dei problemi di produttività, competitività, bilancio pubblico.
Si vuole dire che "siamo forti", battendosi il petto nudo e muscoloso, una battaglia della grana un secolo dopo, quando basta un modesto rialzo dei tassi per farci cagare sotto.
Miope ed irresponsabile.

E sottolineo l'ipocrisia di un governo che afferma "Il Mes non ci serve, serve alla Germania, le nostre banche sono solide" non più tardi di pochi mesi dopo avere detto che le nostre banche gaglioffe avevano rubato soldi ai clienti col rialzo dei tassi e pertanto bisognava tassarne gli extraprofitti (che peraltro sono già tassati ordinariamente), salvo fare marcia indietro consentendo l'accantonamento a patrimonio.

1 Che cos’è il Mes?
Il Meccanismo europeo di stabilità è una struttura istituita con un Trattato intergovernativo del 2012 tra i Paesi dell’area euro. I membri oggi sono 20, compresa l’Italia. Lo scopo del Mes è quello di concedere, a precise condizioni, aiuti finanziari ai Paesi membri che, pur avendo un debito sostenibile, trovino temporanee difficoltà a finanziarsi.
2 Quante risorse ha e come sono state usate finora?
Il capitale del Mes è di 809 miliardi di euro, di cui 80 versati, il resto a chiamata. L’Italia ha il 17,9% e ha versato finora 14,3 miliardi. Il Mes è stato utilizzato per sostenere Irlanda, Grecia, Spagna, Portogallo e Cipro.
3 Che cosa ha bocciato il Parlamento italiano?
La ratifica di un accordo firmato nel 2021 dai governi dei Paesi membri del Mes per estenderne e rafforzarne le funzioni.
4 Cosa prevedeva la riforma?
Intanto l’utilizzo di una parte delle risorse del Mes, circa 70 miliardi, come sostegno del Fondo europeo di risoluzione, che interviene nelle crisi delle grandi banche. Poi un rafforzamento del ruolo del Mes nel seguire e valutare la situazione economica e finanziaria dei suoi membri, compresa la sostenibilità del debito. Si prevedeva, poi, l’applicazione a tutti i nuovi titoli di Stato di una clausola per rendere più agevole l’eventuale ristrutturazione del debito.
5 In che modo?
In caso di crisi, e la necessità di modificare i termini di pagamento del debito di un paese membro, si prevedeva una maggioranza più semplice, da parte dei creditori, per approvarle.
6 Che cosa succede dopo il no del Parlamento?
Per entrare in vigore, le modifiche proposte avrebbero dovuto essere ratificate dai Parlamenti di tutti i 20 Paesi entro il 31 dicembre di quest’anno. Con il no italiano, dunque, la riforma non entra in vigore. E si ritorna alle regole del vecchio Mes, quello già intervenuto in passato.
7 Chi sosterrà la gestione delle crisi bancarie?
Ogni Paese provvederà ai suoi problemi, principalmente con l’utilizzo dei Fondi di garanzia dei depositi, poi applicando
le regole Ue sulle risoluzioni bancarie (il famoso bail-in) e in ultima istanza attraverso il Meccanismo di risoluzione unico europeo, alimentato dai contributi delle stesse banche.
8 La sorveglianza sui conti pubblici si indebolisce?
Non viene rafforzato il Mes, ma al tempo stesso c’è il nuovo patto di Stabilità, che dovrebbe fornire ampie garanzie sul rispetto degli obiettivi di bilancio dei Paesi membri.
Non progredi est regredi
Avatar utente
tenente Drogo
Messaggi: 27170
Iscritto il: 06 giu 2007 11:23
Località: Roma
Contatta:

Re: Diario economico

Messaggioda tenente Drogo » 22 dic 2023 20:14

pagheremo carissimo il nostro isolamento la prossima volta che si dovrà trattare con l'Europa su questioni economiche
I comunisti mi trattavano da fascista, i fascisti da comunista.
Tutto questo ha aiutato il film.
(Sam Fuller, a proposito di "The Steel Helmet")

http://fortezza-bastiani.blogspot.com
Avatar utente
Tex Willer
Messaggi: 8439
Iscritto il: 18 mag 2008 17:52

Re: Diario economico

Messaggioda Tex Willer » 23 dic 2023 11:34

La democrazia è una bellissima cosa, ma quando si inizia la campagna elettorale il giorno dopo aver fatto le elezioni i risultati sono questi qui.
Con l'Europa dobbiamo per forza fare passi cauti, nella nostra situazione: respingere il MES è una dichiarazione di guerra che parla alla pancia dei tanti nostalgici dei bei tempi della liretta che si svalutava e faceva ripartire l'export(al Nord principalmente). Uno spottone pro Lega e pro Salvini che la Meloni pagherà al altissismo prezzo(echissenefrega)ma che pagheremo tutti alla prima turbolenza dei mercati.
Se qualcosa è gratis, il prodotto sei tu
"E’ più facile imbrogliare la gente che convincere la gente che è stata imbrogliata” Mark Twain
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 11917
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: Diario economico

Messaggioda zampaflex » 23 dic 2023 14:30

Tex Willer ha scritto:La democrazia è una bellissima cosa, ma quando si inizia la campagna elettorale il giorno dopo aver fatto le elezioni i risultati sono questi qui.
Con l'Europa dobbiamo per forza fare passi cauti, nella nostra situazione: respingere il MES è una dichiarazione di guerra che parla alla pancia dei tanti nostalgici dei bei tempi della liretta che si svalutava e faceva ripartire l'export(al Nord principalmente). Uno spottone pro Lega e pro Salvini che la Meloni pagherà al altissismo prezzo(echissenefrega)ma che pagheremo tutti alla prima turbolenza dei mercati.


Per nostra fortuna quel cretino di Salvini al massimo passerà dall'8% al 9%, io suo tempo lo ha fatto, è una cartolina dal passato recente.
Non vedo l'ora che lui e chi la pensa come lui nella Lega spariscano, sono una palla al piede per il futuro della nazione. Peggio dei Fratellici (e con questo ho detto tutto).
Non progredi est regredi
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 11917
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: Diario economico

Messaggioda zampaflex » 23 dic 2023 23:42

Non credete a quei cialtroni al governo, specie se vanno in tv a farsi belli.
Qui le stime del think tank Bruegel sugli aggiustamenti al bilancio italiano necessari col nuovo patto di stabilità (che non è il MES). Disclosure, sono altissimi.

https://phastidio.net/2023/12/22/fazzolari-e-i-risparmi-letali/
Non progredi est regredi
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 11917
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: Diario economico

Messaggioda zampaflex » 02 gen 2024 22:47

Ennesimo esempio di bacino elettorale da proteggere in barba alle norme europee ed ai principi della concorrenza e del libero mercato.

Come per le concessioni ai balneari, un anno fa, ora anche per quelle agli ambulanti contenute nella legge sulla Concorrenza il Capo dello Stato ravvisa “rilevanti perplessità di ordine costituzionale”.
Mattarella stila un lungo elenco, molto tecnico, di incongruenze, lamentando che la legge è basata su una concezione tale da premiare l’esistente, garantendo chi ha già.
Ciò è avvenuto “introducendo nel commercio su aree pubbliche la proroga automatica della concessioni in essere, per un periodo lungo”. Il periodo lungo è di dodici anni. “Una proroga eccessiva e sproporzionata”, bacchetta il Quirinale. Con “l’incongruenza di prevedere una proroga automatica per quelle in essere (dodici anni, appunto) rispetto a quelle delle nuove concessioni”.
C'è già una prima risposta, di sfida: “Lega impegnata, come da anni anche in questi giorni, per garantire diritti e futuro alle migliaia di lavoratori e imprenditori del commercio ambulante e del settore balneare. Non ci arrendiamo a chi, nel nome dell'Europa, ha provato a svendere lavoro e sacrifici di migliaia di italiani”.

Che fanfaronata autarchica. E perché allora Salvini non sale di livello e proibisce le vendite di qualunque bene prodotto all'estero? Non sono mica le importazioni, figlie di lavoro straniero? Che perciò riduce quello locale?
E perché i cittadini italiani devono restare ancorati a questa casta, questo sistema corporativo degno del medioevo?
Non progredi est regredi
Avatar utente
tenente Drogo
Messaggi: 27170
Iscritto il: 06 giu 2007 11:23
Località: Roma
Contatta:

Re: Diario economico

Messaggioda tenente Drogo » 03 gen 2024 00:24

zampaflex ha scritto:Che fanfaronata autarchica.

strano, eh?

E perché allora Salvini non sale di livello e proibisce le vendite di qualunque bene prodotto all'estero?

non gli dare idee
I comunisti mi trattavano da fascista, i fascisti da comunista.
Tutto questo ha aiutato il film.
(Sam Fuller, a proposito di "The Steel Helmet")

http://fortezza-bastiani.blogspot.com
Avatar utente
mennella
Messaggi: 750
Iscritto il: 06 giu 2007 13:47
Località: Napoli-Firenze-Trento

Re: Diario economico

Messaggioda mennella » 03 gen 2024 11:21

A differenza di quanto sosteneva E.Cuccia in politica i voti si contano e non si pesano.

Tassisti, balneari, ambulanti a quando la prossima "corporazione" da difendere dall'aggressione della UE?
mavis59 [ agosto 2003 ]
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 11917
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: Diario economico

Messaggioda zampaflex » 07 gen 2024 11:17

Mario Seminerio smonta le sfrenate fantasie del Governo sul MES.
Quante palle inventate per fini di propaganda autarchica e deficit libero...

https://phastidio.net/2023/12/28/cattivissimo-mes-o-dellitalico-stupidario/
Non progredi est regredi
Avatar utente
tenente Drogo
Messaggi: 27170
Iscritto il: 06 giu 2007 11:23
Località: Roma
Contatta:

Re: Diario economico

Messaggioda tenente Drogo » 12 gen 2024 12:23

tenente Drogo ha scritto:
zampaflex ha scritto:https://www.huffingtonpost.it/esteri/2023/12/16/news/houthi_israele_mar_rosso-14600468/

Adesso ci si mettono pure gli Houthi a fare danni.
Ovviamente sono filo iraniani.
Ovviamente gli iraniani hanno interesse a provocare danni al resto del mondo.
Ayatollah da fare sparire dalla faccia della terra come Hamas, quanto prima possibile.


adesso ci pensa zio Sam


ci stanno pensando
insieme a GB

è una guerra mondiale scomposta
I comunisti mi trattavano da fascista, i fascisti da comunista.
Tutto questo ha aiutato il film.
(Sam Fuller, a proposito di "The Steel Helmet")

http://fortezza-bastiani.blogspot.com
Avatar utente
tenente Drogo
Messaggi: 27170
Iscritto il: 06 giu 2007 11:23
Località: Roma
Contatta:

Re: Diario economico

Messaggioda tenente Drogo » 16 gen 2024 23:15

Vi ricordate quelli che qualche anno fa rompevano le palle con il ritornello del "surplus tedesco" che danneggiava le altre economie europee?

Beh, a quanto pare è la recessione tedesca che le danneggia.
I comunisti mi trattavano da fascista, i fascisti da comunista.
Tutto questo ha aiutato il film.
(Sam Fuller, a proposito di "The Steel Helmet")

http://fortezza-bastiani.blogspot.com
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 11917
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: Diario economico

Messaggioda zampaflex » 18 gen 2024 00:14

Escono oggi un paio di articoli sull'evasione e sull'aiuto dato dal governo agli evasori con il concordato fiscale, una procedura giurassica, dannosa, capziosa, furfantesca, acchiappavoti.

Su 2,42 milioni di autonomi censiti sono 1,34 milioni, cioè il 55,4%, a fermarsi sotto la sufficienza, rappresentata dall’«8», delle pagelle fiscali. Ma in questo gruppo il reddito medio dichiarato si ferma a 23.530 euro all’anno, il 68,5% in meno dei 74.698 euro dichiarati dai contribuenti «affidabili »: in pratica, questi ultimi dichiarano mediamente più del triplo degli altri.
Ma sia promossi che bocciati potranno beneficiare del concordato preventivo.

Nella versione finale che arriverà in consiglio dei ministri entro la fine del mese, il concordato biennale chiamato a far siglare tra fisco e autonomi accordi preventivi sul reddito da dichiarare (e quindi sulle imposte da pagare) aprirà le porte a tutte le partite Iva, senza escludere quelle considerate «inaffidabili» in base agli indici sintetici come previsto dal testo approvato in prima lettura dal Governo il 3 novembre. Ma nel costruire le proprie proposte, l’amministrazione finanziaria non sarà vincolata alla richiesta di non superare del 10% il reddito dichiarato dal contribuente nell’ultimo anno utile.
Si concluderà insomma con un pareggio la partita fra il Governo e il Parlamento su uno degli snodi chiave della riforma fiscale per gli autonomi. Messa in questi termini, sembra una battaglia teorica da addetti ai lavori: ma rivela immediatamente il suo
fitto risvolto pratico quando si guardano i numeri reali o, per dire meglio, i redditi dichiarati dalle diverse categorie di partite Iva. Per capire il punto, è bene partire dalla morale della favola: si tratta di decidere se il nuovo strumento dovrà puntare a recuperare il maggior gettito possibile o a evitare troppi problemi ai diretti interessati, in un equilibrio delicato fra lotta all’evasione e sanatoria preventiva che andrà trovato nella formulazione delle proposte sui redditi. L’obiettivo è di «stimolare sempre di più la gente ad adeguarsi e a essere confidenti con il fisco», ha assicurato ieri al Senato il viceministro all’Economia Maurizio Leo (FdI), il regista della riforma.
Il fatto è che il mondo delle partite Iva è diviso in due gruppi, separati da quello che a tutti gli effetti appare un baratro enorme. Il confine oggi è tracciato dalle pagelle fiscali, gli «indici sintetici di affidabilità» che dal 2018 hanno sostituito i vecchi studi di settore nel tentativo di fotografare i redditi effettivi di lavoratori autonomi, professionisti e microaziende. In base a una serie di indicatori che tengono conto, oltre ovviamente che del settore di attività, di parametri congiunturali
e territoriali, gli Isa assegnano a ogni contribuente un voto in base al reddito dichiarato. Dall’8 in su si è considerati «affidabili», sotto si è giudicati a rischio evasione e più esposti agli accertamenti.
In questa condizione si trova la maggioranza delle partite Iva interessate dagli studi di settore. Nella radiografia delle dichiarazioni 2022 sui redditi 2021, in base agli ultimi dati resi disponibili dal dipartimento Finanze sul proprio sito ufficiale, su 2,42 milioni di autonomi censiti erano 1,34 milioni, cioè il 55,4%, a fermarsi sotto la sufficienza rappresentata dall’«8». Ma, e qui arriva il dato chiave, in questo gruppo il reddito medio dichiarato si ferma a 23.530 euro all’anno, vale a dire il 68,5% in
meno dei 74.698 euro dichiarati dai contribuenti «affidabili». Questi ultimi, in pratica, dichiarano mediamente più del triplo (3,17 volte per la precisione) le cifre comunicate al Fisco dagli altri. La distanza è allargata anche dal fatto che in maggioranza chi si colloca sopra l’8 si avvicina in genera ai pieni voti (10), mentre chi è sotto si divide a sua volta in due gruppi, più o meno paritari, tra chi è a un passo dalla sufficienza e chi invece si ferma sui primissimi scalini nella graduatoria
dei giudizi (e del rischio evasione).
La media generale è il frutto di forbici che si ripetono in tutte le 175 categorie indicate dagli Isa. Nelle società immobiliari, il gruppo più numeroso, gli «affidabili» dichiarano in media 65.503 euro all’anno, mentre chi si ferma prima dell’«8» indica 13.816 euro (il 78,9% in meno). Nella ristorazione commerciale si passa dai 38.387 euro lordi annui medi dei contribuenti «virtuosi» ai soli 3.362 degli insufficienti (-91,2%), nei negozi di abbigliamento si va da 34.889 a 4.424 euro (-87,3%) e in bar e pasticcerie il primo gruppo dichiara 29.107 euro mentre il secondo non va oltre i 5.633 (-80,6%); uno stabilimento balneare giudicato fedele al Fisco indica in media 46.401 euro all’anno, gli altri dicono di accontentarsi di 13.853 euro. Le quote più
ampie di dichiarazioni «insufficienti» si incontrano tra lavanderie (82,9%), noleggi auto (78,2%) e servizi di assistenza (76,1%), mentre all’altro capo della classifica studi medici e farmacie sono gli unici a raccogliere più del 75% di voti sopra l’8.
Dati come questi aiutano a indicare dove cresce quel «tax gap» che anche l’ultimo rapporto del ministero dell’Economia sul tema indica in un 68,8% (cioè: 68,8 euro ogni 100 teoricamente dovuti sfuggono alle casse dello Stato) che negli ultimi tre anni monitorati ha sottratto mediamente 31,2 miliardi l’anno di Irpef da lavoro autonomo o impresa al bilancio pubblico. Il nuovo concordato preventivo biennale deve partire da qui: trovando il modo di far aderire, nel tempo, la quota più ampia possibile di contribuenti anche senza presentare loro offerte troppo generose per essere rifiutate.
Anche perché fra i suoi compiti ci sarà anche quello di far maturare almeno una parte delle coperture strutturali che servono a confermare e far avanzare nei prossimi anni la riforma dell’Irpef per chi la paga.

Dopo la revisione di settembre dell’Istat dei dati sul pil, il Mef a inizio anno ha pubblicato l’aggiornamento della relazione sull’evasione fiscale per gli anni 2016-2021. Si tratta, quindi, del periodo che precede il governo Meloni.
I dati, che forse avrebbero meritato un maggiore risalto e una discussione più ampia, sono positivi.
L’evasione fiscale e contributiva risulta ancora molto elevata (83,7 miliardi nel 2021), ma in forte calo (era 107,7 miliardi nel 2016): 24 miliardi in meno.
Questo trend che dura ormai un periodo ampio dimostra che diversi provvedimenti di contrasto all’evasione (split payment, reverse charge, fatturazione elettronica) hanno funzionato, come è evidente dalla forte riduzione del tax gap dell’Iva (-16 miliardi).
Dall’aggiornamento della relazione emergono due aspetti rilevanti.
Il primo è che la forte riduzione dell’evasione che si è registrata nel 2020 (da 100 a 86 miliardi) è proseguita anche nel 2021, con un ulteriore calo in valore assoluto (83,7 miliardi) nonostante il forte rimbalzo. Si poteva pensare che il calo del sommerso fosse dovuto solo ai lockdown, alle restrizioni per contrastare la pandemia e alla conseguente recessione, e invece con la ripresa post-Covid non c’è stato un ritorno alle abitudini precedenti: il tax gap (cioè il rapporto tra imposte evase e quelle teoriche) si è ulteriormente ridotto di circa due punti (dal 17,2 al 15,3 per cento).
L’altra notizia positiva riguarda proprio questo indicatore, che è più basso dell’obiettivo del Pnrr per il 2024.
L’obiettivo quantitativo del Pnrr, che era ritenuto ambizioso, indicava un calo della propensione al gap (al netto di Imu e accise) almeno al 15,8 per cento entro il 2024, con una riduzione del 15 per cento rispetto al 2019: i dati dicono che già nel 2021 questo indicatore è al 15,2 per cento, con una riduzione del 18,2 per cento rispetto al 2019. In pratica, il governo Meloni ha ereditato il raggiungimento di un difficile obiettivo con largo anticipo.
La principale nota negativa della relazione riguarda l’evasione degli autonomi. C’è una riduzione in valore assoluto di 3,3 miliardi dell’evasione, ma la propensione all’evasione che è elevatissima non solo non è diminuita ma è addirittura aumentata (dal 66 al 67 per cento). Questi numeri sfatano le teorie e le infelici dichiarazioni di Giorgia Meloni sul “pizzo di stato”, secondo cui la lotta all’evasione va fatta “dove sta davvero: le big company, le banche, le frodi sull’Iva, non il piccolo commerciante”. La lotta all’evasione delle società è stata fatta (tax gap su Ires e Iva sono in forte calo), mentre è tra gli autonomi che non si registrano progressi. E va anche al di là dell’Irpef, visto che come ha segnalato su Domani Alessandro Santoro, che è presidente della Commissione che elabora Relazione sull’evasione del Mef, la flat tax per gli autonomi “è esemplare” per come abbia incentivato “la massiccia sottodichiarazione del fatturato” per restare sotto la soglia che garantisce l’aliquota agevolata.



Tutti i governi vorrebbero spendere molto e tassare poco. I governi si distinguono però tra quelli che, almeno a parole, vogliono recuperare soldi dall’evasione fiscale e quelli che invece degli evasori fiscali ne fanno un serbatoio di voti. In un paese come il nostro, con un numero molto elevato di lavoratori autonomi e dove l’evasione fiscale del lavoro autonomo raggiunge il 70 per cento del reddito stimato, la tentazione è forte. Peccato perché una delle novità proposte dal governo Meloni, il concordato preventivo biennale (cioè l’accordo tra Agenzia delle entrate e contribuente su una dichiarazione “ragionevole” per i prossimi due anni), poteva essere un modo promettente per convincere “con le buone”gli evasori a dichiarare volontariamente qualcosa di più con la promessa, in cambio, di minori accertamenti.
Invece rischia di essere solo un aiuto agli evasori.
Oggi il fisco ha a disposizione una mole di dati pressoché infinita per capire dove sta l’evasione e ha strumenti nuovi come la fatturazione elettronica (che già ha fatto molto in passato per ridurre l’evasione) e le comunicazioni giornaliere delle banche sulle transazioni dei Pos che sono potenzialmente decisive per stanare gli evasori. Per ora l’Agenzia delle entrate usa come strumenti presuntivi gli Isa (Indici sintetici di affidabilità), degli indicatori da 1 a 10 a seconda della “affidabilità” della dichiarazione che scaturiscono dalla combinazione di dati di un modulo che ogni contribuente compila sulla base del suo bilancio e di poche altre informazioni aggiuntive (come il numero dei dipendenti e la superficie della sua attività).
Per essere utile, il concordato deve essere basato su dati obiettivi, migliorando gli Isa e aggiungendo anche qualche verifica sul campo, non può essere basato sulle dichiarazioni passate. Per il motivo banale che un evasore è uno che dichiara poco, se basi il suo concordato sulle sue dichiarazioni passate vuol dire che lo stai autorizzando a continuare a dichiarare poco: la maggioranza parlamentare sta proponendo esattamente questo. Si noti che il governo non aveva ancora specificato come intendesse declinare la delega e quindi applicare in pratica il concordato preventivo e la maggioranza parlamentare gli sta suggerendo il modo sbagliato di farlo.
La commissione Finanze guidata dal senatore Massimo Garavaglia (Lega) propone di emendare la proposta del governo sul concordato fiscale biennale che consentiva l’accesso al concordato solo a coloro i quali avessero un punteggio Isa uguale o superiore a 8 (un attestato di affidabilità relativa al reddito dichiarato). In un precedente articolo obiettavamo il fatto che, se si crede che gli Isa effettivamente consentano di distinguere tra contribuenti affidabili (sopra il punteggio di 8 ) e poco affidabili (sotto il punteggio di 8 ), non aveva molto senso proporre un concordato fiscale a coloro i quali risultavano affidabili. Il concordato, se si voleva recuperare gettito, si sarebbe dovuto proporre ai meno affidabili. Ma come sempre il diavolo sta nei dettagli, ovvero nella proposta di concordato da fare ai contribuenti non affidabili. Nel nostro articolo proponevamo che l’Agenzia delle entrate offrisse al contribuente con Isa minore di 8 un concordato che si concretizzasse in una somma da dichiarare pari a quella che guadagna un contribuente simile in tutto e per tutto (caratteristiche dell’attività e della sua localizzazione) ma con un Isa di 8 o superiore, usando così tutte le informazioni e i dati a disposizione dell’Agenzia non per punire i contribuenti, ma per confrontarsi con loro su una dichiarazione “ragionevole”in una fase di dichiarazione spontanea che non comporta nessun vincolo e nessun accertamento.
Ovviamente il contribuente con Isa basso accetterebbe solo se la minaccia dei controlli in caso di rifiuto del concordato fosse credibile. E’ vero che la commissione guidata da Garavaglia propone di estendere il concordato anche a coloro i quali hanno un Isa inferiore a 8, e fa bene, ma propone che l’Agenzia delle entrate possa chiedere a coloro i quali aderiscono al concordato di dichiarare un reddito pari a un valore non superiore al 10 per cento di quanto dichiarato l’anno precedente alla stipula del concordato. Cioè un concordato tutto basato sulle dichiarazioni del passato, quindi potenzialmente infedele al 70 per cento come indica la percentuale di reddito evaso, con buona pace del ruolo che avrebbero potuto giocare gli Isa. Questo, per coloro i quali hanno un Isa molto basso rappresenta un incentivo, ad esempio, per il 2024 a tenersi su un livello molto basso di reddito, che sarà poi il riferimento su cui si calcolerà il possibile incremento da dichiarare nell’anno successivo in
cui si aderirà al concordato, che permetterà di congelare le imposte da pagare per due anni. Sarebbe il meccanismo perfetto, non già per recuperare l’evasione, ma per giustificarla.
Non progredi est regredi
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 11917
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: Diario economico

Messaggioda zampaflex » 18 gen 2024 00:27

Il sistema previdenziale italiano è «sostenibile» con 1,44 lavoratori per ogni pensionato. E lo sarà «anche tra 10-15 anni», quando la maggior parte dei baby boomer, nati dal dopoguerra al 1980, si sarà pensionato.
Lo sarebbe ancora di più, per l’XI Rapporto di Itinerari previdenziali presentato ieri alla Camera, se la spesa per l’assistenza fosse scorporata da quella per la previdenza. Vorrebbe dire un’Italia virtuosa che per le pensioni spende il 13% del Pil, «in linea con la media europea del 12,6%». E non il 16,7%, come comunicato da Roma a Bruxelles nel 2022.
Alberto Brambilla, autore del Rapporto e presidente di Itinerari Previdenziali, crede da anni nello scorporo delle due voci di spesa. Per un motivo ben preciso: «È fondamentale evitare che eccessive sovrastime convincano l’Europa a imporre tagli alle pensioni che presentano invece una spesa tutto sommato sotto controllo». Posizione condivisa dai sindacati. Sul punto, il leader della Cisl Luigi Sbarra torna a chiedere con urgenza al governo «un’operazione verità » e di «riaprire il confronto».
Questo non significa che sulle pensioni non ci sia niente da fare.
Anzi il professor Brambilla, un tempo consigliere di Matteo Salvini, ha rotto con la Lega proprio quando nel 2019 l’allora vicepremier si inventò Quota 100, seguita poi da Quota 102 e Quota 103. «Le pensioni devono smettere di essere terreno di conquista e facili consensi, ci vuole un patto di non belligeranza », dice. «L’Italia prenda consapevolezza di essere dinanzi alla più grande transizione demografica di tutti i tempi».
Per Brambilla le soluzioni sono tre.
Primo: «Limitare le numerose forme di anticipazione a pochi ed efficaci strumenti, come fondi esubero, isopensione e contratti di solidarietà ».
Secondo: «Bloccare l’anzianità contributiva a 42 anni e 10 mesi per gli uomini, un anno in meno per le donne» con sconti per le madri e i lavoratori precoci e un «superbonus per quanti scelgono di restare al lavoro fino a 71 anni».
Terzo: «Equiparare le regole di pensionamento dei contributivi puri (i post-1996) a quelle degli altri lavoratori».
Nel 2022 l’Italia ha speso 559 miliardi per le prestazioni sociali: pensioni, sanità e assistenza. Il 6,2% in più del 2021, pari ad oltre la metà della spesa pubblica totale. Di questi però “solo” 248 miliardi riguardano le pensioni, coperte dai contributi versati da lavoratori e imprese. Se leviamo anche l’Irpef, si scende a 165 miliardi netti, l’8,64% del Pil. L’assistenza invece pesa per 157 miliardi: 4 milioni di prestazioni pagate dallo Stato a 3,7 milioni di beneficiari totalmente assistiti e altre 6,7 milioni di prestazioni per 2,8 milioni di soggetti parzialmente assistiti, con una qualche dote di contributi.
In totale, «i pensionati totalmente o parzialmente assistiti sono 6,6 milioni, il 41% del totale» dei 16,1 milioni di pensionati italiani, a cui va quasi la metà (46%) delle prestazioni erogate da Inps. «Una percentuale che non sembra rispecchiare le reali condizioni socio-economiche del Paese», sottolinea Brambilla. «A differenza delle pensioni finanziate dai contributi sociali, questi trattamenti gravano del tutto sulla fiscalità generale, senza neppure essere soggetti a tassazione».
Parliamo di invalidità civile, accompagnamento, assegni sociali, pensioni di guerra, integrazioni al minimo, maggiorazioni sociali. Istituti che servono a sostenere i più deboli, ma dove si annidano anche indebiti a danno di chi ha veramente bisogno.
Ecco perché Brambilla propone di separare assistenza e previdenza.
Per capire come mai in dieci anni (2012-2022) la spesa per assistenza è lievitata del 126%. Nel 2008 era a 73 miliardi. Ora siamo a più del doppio, con un tasso di crescita annuo di quasi l’8%, tre volte superiore a quello delle pensioni.
Nel frattempo la povertà non arretra, visto che i poveri assoluti erano 2,1 milioni nel 2008 e 5,6 milioni nel 2021. «Spendiamo molto e spendiamo male», dice Brambilla che rilancia l’idea di una banca dati dell’assistenza e di un’anagrafe
centralizzata dei lavoratori attivi.
Non progredi est regredi
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 11917
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: Diario economico

Messaggioda zampaflex » 20 gen 2024 13:10

Polemiche furibonde a Bologna per il nuovo limite di velocità a 30 kmh sulla maggior parte delle vie cittadine, però questa indagine di Sky dimostra che è talmente bassa la velocità media di percorrenza, per via del traffico, che non ci sono svantaggi sui tempi a fronte di una forte riduzione degli incidenti.
A Londra questi limiti sono in vigore da tempo. E in molte altre città europee.
Io a questa andatura divento idrofobo, ma per fortuna non abito a Bologna :D

https://tg24.sky.it/cronaca/2024/01/20/bologna-30-km-velocita-auto-citta-italiane
Non progredi est regredi
Avatar utente
tenente Drogo
Messaggi: 27170
Iscritto il: 06 giu 2007 11:23
Località: Roma
Contatta:

Re: Diario economico

Messaggioda tenente Drogo » 20 gen 2024 16:13

zampaflex ha scritto:Polemiche furibonde a Bologna per il nuovo limite di velocità a 30 kmh sulla maggior parte delle vie cittadine, però questa indagine di Sky dimostra che è talmente bassa la velocità media di percorrenza, per via del traffico, che non ci sono svantaggi sui tempi a fronte di una forte riduzione degli incidenti.
A Londra questi limiti sono in vigore da tempo. E in molte altre città europee.
Io a questa andatura divento idrofobo, ma per fortuna non abito a Bologna :D

https://tg24.sky.it/cronaca/2024/01/20/bologna-30-km-velocita-auto-citta-italiane


vorrei approfondire questa storia delle altre città europee
probabilmente il limite è in vigore solo in certe strade strette

intanto Salvini, per la prima volta nella vita, fa una cosa giusta
https://bologna.repubblica.it/cronaca/2 ... G-P2-S1-T1
I comunisti mi trattavano da fascista, i fascisti da comunista.
Tutto questo ha aiutato il film.
(Sam Fuller, a proposito di "The Steel Helmet")

http://fortezza-bastiani.blogspot.com
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 11917
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: Diario economico

Messaggioda zampaflex » 21 gen 2024 00:57

tenente Drogo ha scritto:
zampaflex ha scritto:Polemiche furibonde a Bologna per il nuovo limite di velocità a 30 kmh sulla maggior parte delle vie cittadine, però questa indagine di Sky dimostra che è talmente bassa la velocità media di percorrenza, per via del traffico, che non ci sono svantaggi sui tempi a fronte di una forte riduzione degli incidenti.
A Londra questi limiti sono in vigore da tempo. E in molte altre città europee.
Io a questa andatura divento idrofobo, ma per fortuna non abito a Bologna :D

https://tg24.sky.it/cronaca/2024/01/20/bologna-30-km-velocita-auto-citta-italiane


vorrei approfondire questa storia delle altre città europee
probabilmente il limite è in vigore solo in certe strade strette

intanto Salvini, per la prima volta nella vita, fa una cosa giusta
https://bologna.repubblica.it/cronaca/2 ... G-P2-S1-T1


Sono appena stato a Londra e ti assicuro che è in vigore anche in quelle larghe.
Due anni fa nei centri di molte città tedesche, pure.
Friburgo in Svizzera, visto un servizio oggi.
Parigi sta estendendo.
Insomma aumentano.
Non progredi est regredi
Avatar utente
tenente Drogo
Messaggi: 27170
Iscritto il: 06 giu 2007 11:23
Località: Roma
Contatta:

Re: Diario economico

Messaggioda tenente Drogo » 21 gen 2024 12:15

follia pura
provateci ad andare a 30
è praticamente impossibile
poi, sempre con le marce basse, si inquina di più
I comunisti mi trattavano da fascista, i fascisti da comunista.
Tutto questo ha aiutato il film.
(Sam Fuller, a proposito di "The Steel Helmet")

http://fortezza-bastiani.blogspot.com
Avatar utente
tenente Drogo
Messaggi: 27170
Iscritto il: 06 giu 2007 11:23
Località: Roma
Contatta:

Re: Diario economico

Messaggioda tenente Drogo » 21 gen 2024 12:35

Immagine
I comunisti mi trattavano da fascista, i fascisti da comunista.
Tutto questo ha aiutato il film.
(Sam Fuller, a proposito di "The Steel Helmet")

http://fortezza-bastiani.blogspot.com
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 11917
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: Diario economico

Messaggioda zampaflex » 22 gen 2024 18:22

https://www.ilpost.it/2024/01/21/corea-del-sud-anziani-poverta/

Una nazione rampante alle prese con una realtà sociale estremamente disagiata.
Non progredi est regredi
Avatar utente
tenente Drogo
Messaggi: 27170
Iscritto il: 06 giu 2007 11:23
Località: Roma
Contatta:

Re: Diario economico

Messaggioda tenente Drogo » 22 gen 2024 18:30

zampaflex ha scritto:https://www.ilpost.it/2024/01/21/corea-del-sud-anziani-poverta/

Una nazione rampante alle prese con una realtà sociale estremamente disagiata.


purtuttavia

Immagine
I comunisti mi trattavano da fascista, i fascisti da comunista.
Tutto questo ha aiutato il film.
(Sam Fuller, a proposito di "The Steel Helmet")

http://fortezza-bastiani.blogspot.com
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 11917
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: Diario economico

Messaggioda zampaflex » 22 gen 2024 20:32

tenente Drogo ha scritto:
zampaflex ha scritto:https://www.ilpost.it/2024/01/21/corea-del-sud-anziani-poverta/

Una nazione rampante alle prese con una realtà sociale estremamente disagiata.


purtuttavia

Immagine


Vivono meglio dei cugini, ma sempre molto peggio di noi occidentali. Tra le derive ideologiche e sociali orientali, la strapotenza delle chaebol, il parossismo produttivista e lo stato sociale pressoché inesistente, non vorrei mai essere nato coreano.
Non progredi est regredi
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 11917
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: Diario economico

Messaggioda zampaflex » 23 gen 2024 09:38

Cerasa sempre arguto sulla questione dei limiti a 30

Il nuovo bipolarismo è ormai chiaro: l’autovelox è di sinistra, la velocità è di destra. Nelle ultime settimane, la politica italiana
si è ritrovata a fare i conti con una nuova lacerante divisione relativa a un tema che ha fortissimamente appassionato i dirigenti dei principali partiti italiani. La divisione è legata al differente approccio maturato attorno a una tematica a suo modo interessante: è giusto o no, come ha fatto il sindaco di Bologna e come hanno fatto già altre sessantasei città in giro per l’Italia, abbassare nel cuore dei centri urbani il limite di velocità delle auto a trenta chilometri orari?
Il mondo progressista, che domina le città italiane, si è schierato più o meno in massa con il sindaco del Pd, Matteo Lepore, che a gennaio ha esteso sulla maggior parte delle strade del comune il divieto di andare oltre i trenta chilometri orari, e ha trasformato i limiti alla velocità in una nuova bandiera dell’antifascismo militante. Il leader della Lega, nonché ministro delle Infrastrutture, Matteo Salvini, ha criticato la scelta del comune di Bologna e ha dedicato un intenso video sui social per ridicolizzare Lepore sostenendo che il sindaco abbia voluto introdurre il limite solo affinché i cittadini potessero “sentire il canto degli uccellini”. Salvini avrebbe potuto scegliere altre strade per criticare la scelta fatta dal sindaco di Bologna –e anche da alcuni comuni guidati dalla Lega, come Treviso – e avrebbe per esempio potuto dire che, come ha scritto Guglielmo Barone sul nostro giornale, non vi è alcuna prova scientifica definibile che certifichi quali sono gli effetti dell’abbassamento del limite sull’incidentalità, sull’inquinamento, sui tempi di percorrenza, gli effetti collaterali di tale scelta. Nulla di tutto questo. Per Salvini era necessario ribadire il concetto: la destra difende la velocità, la sinistra difende la lentezza. E per Salvini, e per l’idea di destra che ha in mente, difendere la velocità è così importante da averlo spinto in questi giorni a non dedicare neppure un tweet al prezioso lavoro che le forze dell’ordine stanno portando avanti per cercare di acciuffare il così detto Fleximan, il Vannacci degli autovelox, che da settimane sta girando il nord Italia per distruggere quanti più autovelox tra le strade italiane. E si capisce perché per la destra che ha in mente Salvini limitare il potere stalinista degli autovelox è fondamentale: la destra, quando si parla di strade, non difende solo la velocità, ma difende anche la sburocratizzazione dell’Italia, e nella logica salviniana limitare gli autovelox e non abbassare in città i limiti è un manifesto perfetto della destra se non futurista certamente velocista. Il problema però, come capita spesso a Salvini, è nei numeri e nella comprensione degli stessi. E la destra velocista amata dalla Lega è una destra che ha scelto di ignorare la ragione per cui vi sono comuni che abbassano i limiti di velocità e prefetti che autorizzano gli autovelox nelle strade d’Italia: provare a salvare non il canto degli uccellini ma le vite delle persone. A questo servono i limiti più bassi nelle città. A questo servono gli autovelox. A questo dovrebbero servire anche i codici della strada. Se non fosse che anche qui il ministro Salvini, quando a giugno ha varato il Codice della strada, ha scelto di puntare più sulle bandiere che sulla realtà, concentrandosi cioè solo sull’aumento delle pene per chi guida dopo avere assunto alcol e droghe legali (responsabili del 9,9 per cento e del 3 per cento degli incidenti registrati nel 2022) e poco o nulla sulla principale causa delle morti sulle strade, la velocità, responsabile del 13,4 per cento degli incidenti (dati Istat, novembre 2023). Nessuno può impedire al ministro Salvini di essere contro i limiti orari, qualcuno dovrebbe però iniziare a spiegare cosa succede a un ministro quando sceglie di schierarsi sistematicamente contro i numeri, contro la logica e contro la realtà. Meno Vannacci, più autovelox, grazie.
Non progredi est regredi
Avatar utente
tenente Drogo
Messaggi: 27170
Iscritto il: 06 giu 2007 11:23
Località: Roma
Contatta:

Re: Diario economico

Messaggioda tenente Drogo » 23 gen 2024 13:20

Salvini è il solito cretino, ma il problema che solleva è reale

la sinistra dei 30 all'ora, delle auto elettriche, del no al nucleare nell'illusione che fotovoltaico ed eolico siano sufficienti è una sinistra che va a sbattere contro un muro di trattori e fa vincere l'estrema destra in tutta Europa

avrebbero bisogno di un bagno di realismo e meno idelologia
I comunisti mi trattavano da fascista, i fascisti da comunista.
Tutto questo ha aiutato il film.
(Sam Fuller, a proposito di "The Steel Helmet")

http://fortezza-bastiani.blogspot.com
Avatar utente
Tex Willer
Messaggi: 8439
Iscritto il: 18 mag 2008 17:52

Re: Diario economico

Messaggioda Tex Willer » 23 gen 2024 13:38

tenente Drogo ha scritto:follia pura
provateci ad andare a 30
è praticamente impossibile
poi, sempre con le marce basse, si inquina di più

Andrebbe bene anche 50km/h come limite ma se venisse rispettato. Invece nessuno controlla , a Roma non ho visto autovelox se non dopo qualche incidente mortale e per qualche giorno. Se non si controla e non si punisce ognuno è autorizzato a fare come vuole.
Quindi 30km/h senza controlli non servono a niente.
Se qualcosa è gratis, il prodotto sei tu
"E’ più facile imbrogliare la gente che convincere la gente che è stata imbrogliata” Mark Twain
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 11917
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: Diario economico

Messaggioda zampaflex » 23 gen 2024 17:10

La società che gestisce la rete elettrica nazionale, Terna, ha pubblicato oggi i dati di sintesi sulla performance del sistema elettrico nell’ultimo anno, documentando una crescita ancora insufficiente nell’installazione di nuovi impianti rinnovabili.

Nel corso del 2023 sono infatti entrati in esercizio 5.677 MW di nuovi impianti rinnovabili, in robusto aumento rispetto al 2022 (2.642 MW, +87%) ma neanche la metà di quanto servirebbe per raggiungere gli obiettivi europei di decarbonizzazione al 2030, ovvero circa +12 GW l’anno.

Obiettivi che l’Italia non sta raggiungendo non solo coi fatti, ma neanche con le intenzioni. A dicembre il Piano nazionale integrato energia e clima (Pniec) presentato a Bruxelles dal Governo Meloni è stato infatti bocciato dalla Commissione europea: in primis risultano insufficienti le ambizioni sul fronte della decarbonizzazione, e anche gli sviluppi delle fonti rinnovabili si prevedono inferiori al dato medio richiesto a livello continentale.

Ciò non toglie che il 2023 sia stato un anno di timidi miglioramenti, con una crescita della produzione rinnovabile (+15,4%) che ha riguardato quasi tutte le fonti (idroelettrico+36,1%, eolico +15,1%, fotovoltaico +10,6%, geotermia -1,9%). Spicca il contributo della produzione idroelettrica, che è tornata in linea coi valori storici dopo la siccità record del 2022.

Complessivamente le rinnovabili hanno coperto il 36,8% della domanda (nel 2022 era il 31%), anche perché nel frattempo è calata (-2,8%) a 306,1 miliardi di kWh; a ridursi in modo ancora più marcato sono stati i consumi industriali, con quelli legati alle imprese energivore a segnare -3,9%.
Non progredi est regredi

Torna a “La piazza dei forumisti”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 50 ospiti