Diario economico

Dove discutere, confrontarsi o scherzare sempre in modo civile su argomenti attinenti al mondo del food&wine e non solo.

Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7866
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: Diario economico

Messaggioda zampaflex » 31 dic 2019 10:43

bpdino ha scritto:
zampaflex ha scritto:Le Poste tra le altre cose prestano anche soldi. E chi si fa dare i soldi dalla Posta è spesso un disperato che non ottiene credito dalle banche,
Risultato ovvio? Elevate perdite su crediti incagliati.

I crediti che Poste I. vantava nel 2018 verso i clienti privati ammontano a 1,188 mld, in crescita di 153 mln sul 2017. E'' quanto emerge dalla relazione della Sezione controllo enti della Corte dei Conti sul Gruppo guidato dall''a.d. Matteo Del Fante. Nell''aggregato si rilevano crediti per conti correnti con saldo debitore per 153 mln (148 mln nel 2017), in gran parte oggetto di svalutazione in quanto attinenti a rapporti pregressi. Nel corso dell''anno, si legge nella relazione, la societa'' ha intrapreso azioni di sollecito e di recupero del credito con tutte le funzioni aziendali coinvolte ma il permanere delle sofferenze e delle crisi aziendali rende difficilmente recuperabili i crediti pregressi. A fronte di tali crediti e'' stanziato un Fondo a copertura delle perdite attese per un valore complessivo di 355 mln.

Magari faranno dei concorsi per assumere degli “spezza pollici” :lol:


Qualche percettore del reddito di cittadinanza, ben indirizzato dai navigator 8)
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7866
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: Diario economico

Messaggioda zampaflex » 31 dic 2019 17:30

Aggiornamento sul reddito di cittadinanza

Pervenute 1,623 mln domande
in lavorazione ancora 112 k
respinte 449 k
accolte 1,066 mln

Tra i beneficiari ci sono 791k persone ritenute abili al lavoro (gli altri no)
di queste ne sono state convocate 422k
di queste se ne sono presentate 332k

...e come dicevamo poco sopra, solo 28.800 hanno trovato un lavoro qualsiasi, di cui solo il 18% a tempo indeterminato.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Avatar utente
harmattan
Messaggi: 5474
Iscritto il: 13 apr 2008 13:56
Località: Roma San Giovanni

Re: Diario economico

Messaggioda harmattan » 07 gen 2020 13:05

Il sogno di una crescita infinita, che avrebbe condotto ognuno a stare meglio dei propri genitori, mostra il suo aspetto menzognero in questi dati USA (FED St. Louis). Un'amara prospettiva che vale anche per il nostro paese.


Immagine


Immagine
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7866
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: Diario economico

Messaggioda zampaflex » 07 gen 2020 14:34

harmattan ha scritto:Il sogno di una crescita infinita, che avrebbe condotto ognuno a stare meglio dei propri genitori, mostra il suo aspetto menzognero in questi dati USA (FED St. Louis). Un'amara prospettiva che vale anche per il nostro paese.


C'è un fortissimo legame tra il capitalismo di matrice anglosassone, teso al conseguimento del profitto con costante crescita trimestrale, e l'abbassamento dei redditi della classe media che in America è testimoniato da numerose indagini statistiche, figlio sia della compressione dei costi che del trasferimento di comparti produttivi o di funzioni costose all'estero * .
Già quello francotedesco sta meglio, figuriamoci quello scandinavo, da sempre attento alle responsabilità sociali.
Di quello ex terzo mondo meglio non parlare.

* Leggevo qualche giorno fa di come la Boeing avesse tagliato i propri software engineers per affidare il lavoro di sviluppo del 737 MAX a degli appaltatori indiani. Ovviamente privi di contesto e conoscenze specifiche. Risultato? Due disastri aerei e una flotta ferma a terra.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7866
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: Diario economico

Messaggioda zampaflex » 08 gen 2020 10:33

Rottura prolungata per l'industria tedesca, alla quale siamo molto legati.

A novembre gli ordini di fabbrica della Germania sono in calo su base mensile dell’1,3%, nonostante le attese per un incremento pari allo 0,2 per cento. Il dato di ottobre e' stato rivisto a +0,2% da -0,4 per cento.
Su base annua gli ordini sono in calo del 6,5%, superiori rispetto alle attese (-4,7%) ma in peggioramento rispetto al dato del mese precedente (-5,6%), rivisto da -5,5 per cento.
Il calo pare dovuto agli ordini all'ingrosso, mentre per gli altri c'è stata una discreta ripresa. Uguale differenza nella divisione tra estero (in calo del 3%) e interno (in aumento su ottobre).
Con queste cifre, il 2009 sarà il secondo anno di fila di calo della produzione industriale.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Avatar utente
harmattan
Messaggi: 5474
Iscritto il: 13 apr 2008 13:56
Località: Roma San Giovanni

Re: Diario economico

Messaggioda harmattan » 08 gen 2020 13:52

TRA TRIBUTI E CONTRIBUTI GLI ITALIANI HANNO PAGATO 1 MILIARDO IN PIÙ AL MESE NEI PRIMI 10 MESI DEL 2019

Tra tasse e contributi, nei primi 10 mesi del 2019 gli italiani hanno pagato oltre 10 miliardi di euro in più nel 2019 rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Risultato: la pressione fiscale, in percentuale sul Pil, non cambia, ma le tasse versate allo Stato sì...

https://www.truenumbers.it/pressione-fiscale/
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7866
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: Diario economico

Messaggioda zampaflex » 08 gen 2020 15:53

harmattan ha scritto:TRA TRIBUTI E CONTRIBUTI GLI ITALIANI HANNO PAGATO 1 MILIARDO IN PIÙ AL MESE NEI PRIMI 10 MESI DEL 2019

Tra tasse e contributi, nei primi 10 mesi del 2019 gli italiani hanno pagato oltre 10 miliardi di euro in più nel 2019 rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Risultato: la pressione fiscale, in percentuale sul Pil, non cambia, ma le tasse versate allo Stato sì...

https://www.truenumbers.it/pressione-fiscale/


Ringraziando la fatturazione elettronica che ha in piccola parte ridotto l'evasione o meglio il mancato versamento dei debiti IVA.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7866
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: Diario economico

Messaggioda zampaflex » 08 gen 2020 15:54

Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7866
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: Diario economico

Messaggioda zampaflex » 09 gen 2020 23:31

Dati occupati di novembre.

Occupati ai massimi storici, 23,486 mln (confrontate qui la serie storica dal 2004 al 2018: http://dati.istat.it/Index.aspx?DataSetCode=DCCV_ORELAVMED) con una ripresa dal minimo del 2013 di circa 1,5 mln.
Tasso di occupazione ai massimi storici anche qui, 59,4% della forza disponibile.
Disoccupazione stabile al 9,7% in quanto il mercato del lavoro discretamente attivo invoglia chi non cercava a provarci.

Ma al tempo stesso le ore di cassa integrazione chieste dalle aziende e autorizzate dall'INPS (e non necessariamente usate) sono state fino a novembre 243,3 mln in aumento del 20,5% rispetto al 2018.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Avatar utente
harmattan
Messaggi: 5474
Iscritto il: 13 apr 2008 13:56
Località: Roma San Giovanni

Re: Diario economico

Messaggioda harmattan » 13 gen 2020 14:04

zampaflex ha scritto:Dati occupati di novembre.

Occupati ai massimi storici, 23,486 mln (confrontate qui la serie storica dal 2004 al 2018: http://dati.istat.it/Index.aspx?DataSetCode=DCCV_ORELAVMED) con una ripresa dal minimo del 2013 di circa 1,5 mln.
Tasso di occupazione ai massimi storici anche qui, 59,4% della forza disponibile.
Disoccupazione stabile al 9,7% in quanto il mercato del lavoro discretamente attivo invoglia chi non cercava a provarci........



Contestualizziamo anche in questo caso, altrimenti sembra che le caz zate sull'occupazione sono solo di Renzie & Co.

"Il lavoro cresce? Merito delle politiche che abbiamo attivato in favore dell’occupazione stabile. E i 72 mila inattivi in meno sono il segnale che il Reddito di cittadinanza sta funzionando" (cit. Nunzia Catalfo Ministro del Lavoro)

"Allora, andiamo con ordine e soprattutto con molta pazienza.......Se un lavoratore passa da un contratto a tempo determinato ad uno a tempo indeterminato, di quanto aumenta l’occupazione totale? Coraggio, non è difficile. La aiuto io: di zero. Quindi, piantiamola di dire che “l’occupazione cresce per merito delle politiche che abbiamo attivato sull’occupazione stabile...............
Il tasso di occupazione è il quoziente tra il numero di occupati (al numeratore) e la somma di occupati, disoccupati ed inattivi (al denominatore). Prendiamo questo secondo dato a distanza di un anno, novembre 2019 su novembre 2018. Quello che emerge, inequivocabile, è che il pool si sta restringendo. A novembre 2018 la somma di occupati, disoccupati ed inattivi era pari a 39,187 milioni di persone. Un anno dopo, era sceso a 39,076 milioni. Mancano 111 mila anime. E quindi?, direte voi.

Quindi, quando il denominatore si riduce, il quoziente aumenta. Quindi, con una popolazione di riferimento in calo, basta che il totale degli occupati resti stabile o diminuisca meno ed ecco che, magicamente, il tasso di occupazione si innalza. Ganzo, vero? Andiamo avanti. Il totale degli occupati, in un anno, è aumentato di 285 mila unità. Fa una crescita di circa l’1 per cento. Sapete di quanto è aumentato, nell’ultimo anno, il Pil nominale italiano? Al netto di errori statistici e del relativo rumore, di poco più dell’1%.

Avere uno stock di occupati che cresce in linea col Pil nominale (e viceversa) non è cosa inverosimile. Anzi, è proprio quello che accade in un paese a crescita stagnante della produttività....."
.

https://phastidio.net/2020/01/10/nunzia-catalfo-ed-il-gran-lavoro-di-propaganda/#more-20250
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7866
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: Diario economico

Messaggioda zampaflex » 14 gen 2020 13:34

harmattan ha scritto:
zampaflex ha scritto:Dati occupati di novembre.

Occupati ai massimi storici, 23,486 mln (confrontate qui la serie storica dal 2004 al 2018: http://dati.istat.it/Index.aspx?DataSetCode=DCCV_ORELAVMED) con una ripresa dal minimo del 2013 di circa 1,5 mln.
Tasso di occupazione ai massimi storici anche qui, 59,4% della forza disponibile.
Disoccupazione stabile al 9,7% in quanto il mercato del lavoro discretamente attivo invoglia chi non cercava a provarci........



Contestualizziamo anche in questo caso, altrimenti sembra che le caz zate sull'occupazione sono solo di Renzie & Co.

"Il lavoro cresce? Merito delle politiche che abbiamo attivato in favore dell’occupazione stabile. E i 72 mila inattivi in meno sono il segnale che il Reddito di cittadinanza sta funzionando" (cit. Nunzia Catalfo Ministro del Lavoro)

"Allora, andiamo con ordine e soprattutto con molta pazienza.......Se un lavoratore passa da un contratto a tempo determinato ad uno a tempo indeterminato, di quanto aumenta l’occupazione totale? Coraggio, non è difficile. La aiuto io: di zero. Quindi, piantiamola di dire che “l’occupazione cresce per merito delle politiche che abbiamo attivato sull’occupazione stabile...............
Il tasso di occupazione è il quoziente tra il numero di occupati (al numeratore) e la somma di occupati, disoccupati ed inattivi (al denominatore). Prendiamo questo secondo dato a distanza di un anno, novembre 2019 su novembre 2018. Quello che emerge, inequivocabile, è che il pool si sta restringendo. A novembre 2018 la somma di occupati, disoccupati ed inattivi era pari a 39,187 milioni di persone. Un anno dopo, era sceso a 39,076 milioni. Mancano 111 mila anime. E quindi?, direte voi.

Quindi, quando il denominatore si riduce, il quoziente aumenta. Quindi, con una popolazione di riferimento in calo, basta che il totale degli occupati resti stabile o diminuisca meno ed ecco che, magicamente, il tasso di occupazione si innalza. Ganzo, vero? Andiamo avanti. Il totale degli occupati, in un anno, è aumentato di 285 mila unità. Fa una crescita di circa l’1 per cento. Sapete di quanto è aumentato, nell’ultimo anno, il Pil nominale italiano? Al netto di errori statistici e del relativo rumore, di poco più dell’1%.

Avere uno stock di occupati che cresce in linea col Pil nominale (e viceversa) non è cosa inverosimile. Anzi, è proprio quello che accade in un paese a crescita stagnante della produttività....."
.

https://phastidio.net/2020/01/10/nunzia-catalfo-ed-il-gran-lavoro-di-propaganda/#more-20250


E manca la statistica aggiornata sulle ore lavorate, che evidenzierebbe come molti degli occupati abbiano in realtà impieghi non a tempo pieno.
Però rispetto alla critica di Seminerio devo evidenziare come, in una Italia dove gli investimenti, soprattutto privati, latitano, ottenere una crescita dell'occupazione portandola ai massimi storici pur se con lavori minori, non è cosa da poco. Possiamo solo sperare che il trend continui.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita

Torna a “La piazza dei forumisti”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti