greco-fiano

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Avatar utente
Dedalus
Messaggi: 12916
Iscritto il: 07 giu 2007 10:57

Re: greco-fiano

Messaggioda Dedalus » 09 apr 2009 00:20

Io spero di non avere mai più la sgradevole esperienza di incontrare ketto di persona.

Mi compiaccio paradossalmente del fatto che ogni giorno si ripeta con interventi come quelli che si leggono anche in questo thread. Ogni parola che aggiunge rende sempre più chiaramente manifesto chi sia, costui. Lui dirà lo stesso di me. Proprio su questo conto.

Il tempo è galantuomo.
“La cultura è organizzazione, disciplina del proprio io interiore; è presa di possesso della propria personalità, e conquista di coscienza superiore, per la quale si riesce a comprendere la propria funzione nella vita, i propri diritti e i propri doveri.”
cesmic
Messaggi: 3925
Iscritto il: 06 giu 2007 11:15
Località: Ho deciso di dare a de Hades la "paghetta" di 1 euro al giorno per fare: "up"..

Re: greco-fiano

Messaggioda cesmic » 09 apr 2009 09:30

Vi ricordo che non siete a casa vostra.......
Sarebbe il caso che la finiste qui.
L'argomento (se tale si può definire) è noioso ripetitivo nonché poco edificante per tutti gli attori in gioco.
Fate basta per dovere e non per cortesia......
Ora e per sempre.
E poi, che barbarie, brodo vegetale ad un bambino dell'asilo... vuoi mettere con un paio di tubi di Pringles??? (Un amico)
Avatar utente
de magistris
Messaggi: 4495
Iscritto il: 14 lug 2007 13:33

Re: greco-fiano

Messaggioda de magistris » 09 apr 2009 09:34

Ketto ha scritto:de magistris son pienamente d'accordo con te.. ognuno si giudica per quello che è..
tu ti esprimi con linguaggio aggressivo e a tratti vistosamente scurrile.. io no..

ho fatto notare molto civilmente che io esprimo giudizi indipendenti.. mentre chi è intervenuto per gettare discredito sul sottoscritto per darti manforte.. guarda caso appartiene al tuo stesso "gruppo". in quanto collabora anche lui con la rivista gambero rosso.

solo questo mi premeva sottolineare.. e poi scusa.. perchè mai dire che collabori col gambero dovrebbe essere motivo di discredito?? :shock: davvero non capisco.. anzi.. per molti è piuttosto un motivo di vanto..
perchè mai lo ritieni una critica o un insulto o chissà cosa?
guarda che se fai così qualcuno (cattivo e malizioso) potrebbe pensare che volevi tenere tutto nascosto..

sinceramente a me interessa poco.. non credo di esser pericoloso semplicemente se ho voluto sottolineare che:
a) che chi è intervenuto a darti manforte insultandomi è tuo "collega"
b) che io parlo da semplice appassionato.. che non collabora col gambero rosso.. (nè con qualsivoglia altra rivista vinicola).. nè tantomeno con qualsivoglia produttore.. quindi non ho conflitti di interesse.. limiti da rispettare.. e posso permettermi di esprimere i miei giudizi su un'azienda a prescindere di quanta pubblicità compri sul giornale con cui collaboro.. o da come è impostata la linea editoriale nei confronti di quel produttore.. sono libero di contestare le opinioni di qualsiasi forumista.. perchè non collaboro con lui alla rivista proprietaria di questo spazio.. e non mi sento in dovere di difendere nessun collega se è in difficoltà..perchè colleghi al gambero non ne ho..

tutto qui..

per come sono fatto.. se fossi collaboratore del gambero.. lo direi palesemente.. riportandolo in calce.. così come direi chiaramente se fossi il commerciale di un'azienda vinicola, ecc. ecc. perchè a mio parere deve essere chiaro a chi legge se si appartiene ad un gruppo.. o se si sta promuovendo la propria azienda.. un pò come quando alcuni deputati (o senatori) giornalisti, nel firmare i propri articoli sui principali quotidiani, mettono in calce il partito a cui appartengono.. io lo trovo doveroso. ma ripeto.. è questione di stile.. ed ognuno è libero di fare ciò che vuole..

spiace solo che ogni qualvolta la discussione ritorna su binari civili.. e si parla di vino.. qualcuno si sente in dovere di intervenire in questo modo.. il paolo appassionato non aveva più aggiunto nulla alla discussione per settimane.. e ora ritorna non già per discutere di falanghina e di coda di volpe.. ma per insultare.. ammetterai che è difficile confrontarsi con un appassionato che si palesa in maniera scurrile non già per discuter di vino.. ma per insultare..


per l'ennesima volta ti lascio volentieri l'ultima parola, come si fa con un bambino viziato col suo giocattolo.
ma stai attento perché oltre ad essere scurrile e insultanto sono anche un violento e uno squilibrato.. :lol:
Paolo De Cristofaro

http://www.tipicamente.it/

Ci si può divertire anche senza alcool. Ma perché correre il rischio? (Roy Hodgson)

Auspico una guida che non metta i vini DRC al vertice. Sarà la migliore. (Edoardo Francvino)
Avatar utente
mbrown
Messaggi: 4422
Iscritto il: 06 giu 2007 11:01
Località: Modena

Re: greco-fiano

Messaggioda mbrown » 09 apr 2009 09:47

Posso dire in Francese che mi avete sfracellato la minchia? :roll:
Forse ho sbagliato a giudicare Stromberg. Un uomo che beve Dom Perignon del '52 non può essere cattivo. (Bond)
Io nella guida dell'Emilia a 'sto Masseto gli dò 84!
Avatar utente
de magistris
Messaggi: 4495
Iscritto il: 14 lug 2007 13:33

Re: greco-fiano

Messaggioda de magistris » 09 apr 2009 10:10

zacinto ha scritto:Complimenti a de magistris e agli altri che sono intervenuti sul tema del thread. A volte il forum fornisce straordinarie opportunità di approfondimento. Grazie.
Provo a fare una domanda collegata all'argomento di questa discussione: quali sono le principali affinità/differenze di Fiano e Greco con gli altri vitigni bianchi campani, in particolare Falanghina e Coda di Volpe?

Grazie mille.


Nonostante siano vitigni profondamente diversi, i bianchi campani sono in qualche modo legati da un tratto comune che è fatto di sapidità e freschezza, molto probabilmente attribuibile ai terreni di origine vulcanica e alla natura abbastanza tardiva delle varietà coltivate.
La falanghina è un vero mondo da esplorare: come il fiano ha un carattere sempre molto riconoscibile ma allo stesso tempo molto diverso da zona a zona, da altitudine ad altitudine, da terreno a terreno. Il trait d'union è dato dai profumi floreali e delicatamente fruttati, talvolta erbacei, talvolta più "dolci", abbinati ad un gusto sottile ed acidulo. Ce ne sono tante però che invece vanno su note cariche di frutta tropicale e strutture gustative ricche e gliceriche; così come ce ne sono altre che sembrano quasi neutre con profumi lievitosi e bocche tendente all'inconsistenza. Al momento la differenza nelle varie riuscite sembrano farla soprattutto le scelte nel vigneto e il manico, mentre è più difficile dividere campioni più o meno omogenei per sottozone e ricorrenze. Su questo aspetto, comunque, in linea di massima si può dire che le Falanghine del Taburno sono quelle più dotate sotto il profilo acido, mentre sono molto fruttate quelle della zona del Falerno Bianco (ma anche abbastanza "marine"), di Guardia Sanframondi, di Solopaca. La tipica pera e ginestra che si legge sui manuali, associata a note di felce, si ritrova con costanza a Sant'Agata dei Goti. Sfumature minerali si avvertono spesso in quelle di Roccamonfina e ancor di più in quelle dei Campi Flegrei, sicuramente le più salmastre e saporite. Ancora troppo piccola la produzione in Irpinia per poter delineare un quadro: quella di Terredora e quella di Mastroberardino sono troppo diverse.
La coda di volpe è stata per molti anni essenzialmente un vitigno da taglio, utilizzato per far abbassare l'acidità del greco e a volte della falanghina. Oggi ce ne sono tante in purezza, soprattutto in Irpinia e nel Beneventano, senza dimenticare quelle del Vesuvio dove, però, pare sia un vitigno completamente differente. La caratteristica più evidente della coda di volpe è il suo frutto caldo ed espressivo fin da subito, pera williams soprattutto, che nelle varie interpretazioni si combina a volte con caratteri terrosi, a volte con timbri quasi bucciosi, altre ancora con toni di frutta secca. E' tutt'altro un vitigno da associare a mineralità e freschezza anche da un punto di vista gustativo, dove spicca più per il frutto e l'alcool che per l'acidità, tendenzialmente piuttosto bassa. Poi ci sono ovviamente le eccezioni e qualche coda di volpe si mimetizza abbastanza bene anche in mezzo a qualche greco. Penso prima di tutto a quella di Vadiaperti ma anche a quella di Di Prisco. Però se dovessi far capire a chi beve per la prima volta una coda di volpe che cos'è, stapperei sicuramente quella di Tenuta Ponte: agile, dolcemente fruttata, acidità integrata fin da subito, sapida e col suo finale ammandorlato. Al momento non trovo molte differenze fra le code di volpe irpine e quelle sannite, forse c'è solo un pizzico di acidità in più generalmente in quelle irpine. Ocone e La Rivolta sono tra le mie preferite in provincia di Benevento, generalmente.
Paolo De Cristofaro

http://www.tipicamente.it/

Ci si può divertire anche senza alcool. Ma perché correre il rischio? (Roy Hodgson)

Auspico una guida che non metta i vini DRC al vertice. Sarà la migliore. (Edoardo Francvino)
Avatar utente
de magistris
Messaggi: 4495
Iscritto il: 14 lug 2007 13:33

Re: greco-fiano

Messaggioda de magistris » 09 apr 2009 10:22

mbrown ha scritto:Posso dire in Francese che mi avete sfracellato la minchia? :roll:


E io posso dire che la colpa è anche vostra perché con questi appelli e osservazioni (vedi Vignadelmar) date la possibilità a questo personaggio di ricominciare da capo dicendo "io non ho fatto niente e gli altri sono cattivi e ce l'hanno con me. Unguèèèèè. "?
Avevo già lasciato cadere due volte le offese e le insinuazioni, devo farmi insultare in eterno per il bene del forum?
Lasciate cadere e vedrete che si ritornerà a parlare di vino, soprattutto se avete capito che il personaggio in questione deve avere sempre l'ultima parola, soprattutto se lo invitate a smetterla.
Paolo De Cristofaro

http://www.tipicamente.it/

Ci si può divertire anche senza alcool. Ma perché correre il rischio? (Roy Hodgson)

Auspico una guida che non metta i vini DRC al vertice. Sarà la migliore. (Edoardo Francvino)
Avatar utente
vignadelmar
Messaggi: 20857
Iscritto il: 06 giu 2007 11:44
Località: Monopoli
Contatta:

Re: greco-fiano

Messaggioda vignadelmar » 09 apr 2009 12:55

de magistris ha scritto:
mbrown ha scritto:Posso dire in Francese che mi avete sfracellato la minchia? :roll:


E io posso dire che la colpa è anche vostra perché con questi appelli e osservazioni (vedi Vignadelmar) date la possibilità a questo personaggio di ricominciare da capo dicendo "io non ho fatto niente e gli altri sono cattivi e ce l'hanno con me. Unguèèèèè. "?
Avevo già lasciato cadere due volte le offese e le insinuazioni, devo farmi insultare in eterno per il bene del forum?
Lasciate cadere e vedrete che si ritornerà a parlare di vino, soprattutto se avete capito che il personaggio in questione deve avere sempre l'ultima parola, soprattutto se lo invitate a smetterla.



:shock: :shock: :shock: :shock: :shock:


Non capisco ma mi adeguo. Già non scrivo quasi più. Vorrà dire che scriverò sempre meno.

Ciao

.
Pigigres 20/09/'10 "A me è capitato con il Tildin....ho capito Nebbiolo turbomodernista. Poi usando un pò di cervello.... ho detto Gaja."
Tessera n.1 e Presidente Lenin Fans Club
Tessera n°0 e Presidente Circolo Conviviale Colonna Pugliese
Avatar utente
Guly
Messaggi: 807
Iscritto il: 06 giu 2007 12:19
Località: Piacenza

Re: greco-fiano

Messaggioda Guly » 09 apr 2009 15:45

COOMBE ha scritto:bando alle ciance:
ps: ribadisco: perchè tra i 50 bianchi d'italia del gambero non c'è ne un fiano ne un greco?


Michelà, ri-bando alle ciance .... la butto lì: perchè non fare una comparazione dei migliori produttori dei vitigni citati (fiano e greco) in una degustazione tra forumisti? Dove? Naturalmente nella terra d' elezione degli stessi ..... 8)
A l
Avatar utente
birrachiara
Messaggi: 3068
Iscritto il: 30 ott 2007 13:19
Località: Roma

Re: greco-fiano

Messaggioda birrachiara » 09 apr 2009 23:22

Fra i Coda di volpe preferiti : Serra docile di Cantine del Taburno, bel fruttato di pesca e di ananas, su un corpo abbastanza sostenuto, aiutato da un legno non sovrabbondante, una bella mineralità e una discreta longevità, nel vino che attende 2 anni in bottiglia non valorizziamo solo la freschezza, comunque discreta ma non eccellente, ma anche profumi ed aromi più evoluti. Più fresca e pronta la Coda di Volpe La Rivolta, della quale mi piace, oltre al fruttato abbondante e non scontato, dato il vitigno, una buona mineralità ed un corpo robusto.
Fra le Falanghine tanti buoni prodotti, interessanti le differenze fra prodotti flegrei, da vitigni a piede franco, più fruttati, meno strutturati, rispetto ai beneventani più robusti ,una parola in più per il Folius delle Cantine del taburno, sentori fruttati di ananas maturo, corpo irrobustito dal trattamento in legno non sovrabbondante, morbidezza e persistenza elevate. Molta curiosità per il Beneventano 2001 fatto da Angelo Pizzi per Fontanavecchia, ne ho sentito parlare a lungo, nasce per caso,ma permette di riprendere il discorso sulla longevità di questo vitigno, se qualcuno lo conosce mi farebbe piacere qualche nota, così come mi piacerebbe un approfondimento sul legame stretto fra Lacryma Christi ( caprettone) e Coda di volpe
paolo
L'ottimismo della volontà
Il pessimismo della ragione
Volli, sempre volli, fortissimamente volli
Avatar utente
COOMBE
Messaggi: 3649
Iscritto il: 06 giu 2007 12:16

Re: greco-fiano

Messaggioda COOMBE » 10 apr 2009 00:18

Guly ha scritto:
COOMBE ha scritto:bando alle ciance:
ps: ribadisco: perchè tra i 50 bianchi d'italia del gambero non c'è ne un fiano ne un greco?


Michelà, ri-bando alle ciance .... la butto lì: perchè non fare una comparazione dei migliori produttori dei vitigni citati (fiano e greco) in una degustazione tra forumisti? Dove? Naturalmente nella terra d' elezione degli stessi ..... 8)


http://www.youtube.com/watch?v=rdkecMOT ... re=related
"stiamo bene nella misura in cui le nostre idee sono umane" Kilgore Trout aka Kurt Vonnegut
Avatar utente
Guly
Messaggi: 807
Iscritto il: 06 giu 2007 12:19
Località: Piacenza

Re: greco-fiano

Messaggioda Guly » 10 apr 2009 10:17



:mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: ogni tanto va rivisto, è fantastico!
A l
Avatar utente
zacinto
Messaggi: 249
Iscritto il: 19 nov 2007 13:27

Re: greco-fiano

Messaggioda zacinto » 10 apr 2009 12:57

zacinto ha scritto:Provo a fare una domanda collegata all'argomento di questa discussione: quali sono le principali affinità/differenze di Fiano e Greco con gli altri vitigni bianchi campani, in particolare Falanghina e Coda di Volpe?
Grazie mille.


Ketto ha scritto:il filo conduttore di questi vitigni è la mineralità. trovo la falanghina .....


de magistris ha scritto:Nonostante siano vitigni profondamente diversi, i bianchi campani sono...


birrachiara ha scritto:Fra i Coda di volpe preferiti...


Grazie mille!
Forumista 2: "La Barbera più di così non ce la fa".
Avatar utente
de magistris
Messaggi: 4495
Iscritto il: 14 lug 2007 13:33

Re: greco-fiano

Messaggioda de magistris » 10 apr 2009 13:39

Ketto ha scritto:aggiungo un'azienda che tempo fa faceva un'ottima falanghina.. Masseria Frattasi.
l'azienda è di montesarchio/bonea.. dove è proprio questo vitigno a farla da padrone..
le sue uscite iniziali erano a dir poco entusiasmanti.. poi ha avuto vicende alterne.. però penso che meriti comunque una menzione


quoto, la prima uscita del 2003 fu veramente sorprendente, forse una delle falanghine più minerali che mi sia mai capitato di assaggiare. Poi qualche uscita più altalenante, in compenso stanno migliorando anche i rossi, specialmente un'etichetta che pare sia stata ideata direttamente da Vignadelmar: il Taburno Aglianico Iovi Tonant Riserva (non è uno scherzo, è il loro rosso di punta) :D
Paolo De Cristofaro

http://www.tipicamente.it/

Ci si può divertire anche senza alcool. Ma perché correre il rischio? (Roy Hodgson)

Auspico una guida che non metta i vini DRC al vertice. Sarà la migliore. (Edoardo Francvino)
Avatar utente
vignadelmar
Messaggi: 20857
Iscritto il: 06 giu 2007 11:44
Località: Monopoli
Contatta:

Re: greco-fiano

Messaggioda vignadelmar » 10 apr 2009 14:23

de magistris ha scritto: specialmente un'etichetta che pare sia stata ideata direttamente da Vignadelmar: il Taburno Aglianico Iovi Tonant Riserva (non è uno scherzo, è il loro rosso di punta) :D



Dunque pongo due punti alla vostra attenzione:

1) pensate possa chiedere i diritti d'autore su detto nome ???

2) secondo me se lo viene a sapere il Giove Tonante dell'Enologia Italiana se la prende a male !!!!

A proposito, mi sono giunte voci che a Verona i festeggiamenti per il 150° anniversario della Gaja siano stati bellissimi. Con un Angelo Gaja in grande spolvero che inneggia e plaude a molti suoi colleghi langaroli.....evidentemente la classe non è acqua...è barbaresco....pardon langhe nebbiolo !!!.......con buona pace dei suoi tanti detrattori !!!!!

Ciao

.
Pigigres 20/09/'10 "A me è capitato con il Tildin....ho capito Nebbiolo turbomodernista. Poi usando un pò di cervello.... ho detto Gaja."
Tessera n.1 e Presidente Lenin Fans Club
Tessera n°0 e Presidente Circolo Conviviale Colonna Pugliese
Avatar utente
Francvino
Messaggi: 4743
Iscritto il: 06 giu 2007 11:26

Re: greco-fiano

Messaggioda Francvino » 10 apr 2009 14:37

vignadelmar ha scritto:
de magistris ha scritto: specialmente un'etichetta che pare sia stata ideata direttamente da Vignadelmar: il Taburno Aglianico Iovi Tonant Riserva (non è uno scherzo, è il loro rosso di punta) :D



Dunque pongo due punti alla vostra attenzione:

1) pensate possa chiedere i diritti d'autore su detto nome ???


E se loro li chiedono a te?


Immagine


Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine
:mrgreen:
La tradizione è la custodia del fuoco, non l'adorazione della cenere. [Gustav Mahler]
Avatar utente
vignadelmar
Messaggi: 20857
Iscritto il: 06 giu 2007 11:44
Località: Monopoli
Contatta:

Re: greco-fiano

Messaggioda vignadelmar » 10 apr 2009 14:39

Fra marchigiani ci si dovrebbe difendere !!!!

:P :P :P :P :P


.
Pigigres 20/09/'10 "A me è capitato con il Tildin....ho capito Nebbiolo turbomodernista. Poi usando un pò di cervello.... ho detto Gaja."
Tessera n.1 e Presidente Lenin Fans Club
Tessera n°0 e Presidente Circolo Conviviale Colonna Pugliese
Avatar utente
Francvino
Messaggi: 4743
Iscritto il: 06 giu 2007 11:26

Re: greco-fiano

Messaggioda Francvino » 10 apr 2009 14:42

vignadelmar ha scritto:Fra marchigiani ci si dovrebbe difendere !!!!

:P :P :P :P :P


.


Era un modo per ridere.
Onori ar compagno Vignadelmar, terore di tutte le vigne e di tutti i mari!
La tradizione è la custodia del fuoco, non l'adorazione della cenere. [Gustav Mahler]
Avatar utente
vignadelmar
Messaggi: 20857
Iscritto il: 06 giu 2007 11:44
Località: Monopoli
Contatta:

Re: greco-fiano

Messaggioda vignadelmar » 10 apr 2009 15:04

Francvino ha scritto:
vignadelmar ha scritto:Fra marchigiani ci si dovrebbe difendere !!!!

:P :P :P :P :P


.


Era un modo per ridere.
Onori ar compagno Vignadelmar, terore di tutte le vigne e di tutti i mari!


Per fare la rima perfetta dovresti togliere le i finale !!!!

:lol: :lol: :lol: :lol: :lol:

.
Pigigres 20/09/'10 "A me è capitato con il Tildin....ho capito Nebbiolo turbomodernista. Poi usando un pò di cervello.... ho detto Gaja."
Tessera n.1 e Presidente Lenin Fans Club
Tessera n°0 e Presidente Circolo Conviviale Colonna Pugliese
Avatar utente
LivorneseDoc
Messaggi: 154
Iscritto il: 28 mar 2009 13:05
Località: Livorno

Re: greco-fiano

Messaggioda LivorneseDoc » 10 apr 2009 15:20

ciao,
qualcuno conosce l'azienda VIGNE SANNITE ?

i loro Fiano di Avellino e Greco di tufo si possono definire quantomeno accettabili?

un saluto e grazie
Luca
Avatar utente
peter pan
Messaggi: 107
Iscritto il: 18 ott 2007 15:45
Località: rimini

Re: greco-fiano

Messaggioda peter pan » 11 apr 2009 15:20

Aggiungo i miei complimenti per lo splendido tread, utilissimo per chi come me è lontano da questi territori, un po' meno per le polemiche, che è vero sono il sale della vita, ma troppo sale fa male.
Vorrei chiedere cosa ne pensate della Falanghina Roccamonfina vendemmia tardiva di Telaro che è una delle poche che conosco.
grazie
voglio tornar bambinooo!
Avatar utente
bruber73
Messaggi: 582
Iscritto il: 01 nov 2008 16:58
Località: Bolzano

Re: greco-fiano

Messaggioda bruber73 » 14 apr 2009 22:14

Curiosità a proposito di fiano:
Dopo numerosi assaggi di bianchi campani (grazie per i vostri consigli), a fine giornata al vinitaly decidiamo di andare ad assaggiare le barbera di braida e casualmente incontriamo il titolare di Rigoloccio (mi sfugge il nome), che avevamo conosciuto anni prima in un'enoteca di BZ. Subito ci torna in mente che lui produce in toscana un bianco chardonnay-fiano del quale ricordo la freschezza e la sapidità.
Comunque, a suo dire, l'ultima annata di questo bianco è al top. Qualcuno lo ha assaggiato?

PS: dopo tutti gli assaggi di VR l'accostamento fiano - gewurztraminer rimane per me un mistero, sarà il fumè, le note agrumate ...l'amaro boh... a me sembra un accostamento tirato per i capelli.
Avatar utente
gallia
Messaggi: 1165
Iscritto il: 24 ott 2008 14:49
Località: Maremma

Re: greco-fiano

Messaggioda gallia » 14 apr 2009 22:53

bruber73 ha scritto:Curiosità a proposito di fiano:
Dopo numerosi assaggi di bianchi campani (grazie per i vostri consigli), a fine giornata al vinitaly decidiamo di andare ad assaggiare le barbera di braida e casualmente incontriamo il titolare di Rigoloccio (mi sfugge il nome), che avevamo conosciuto anni prima in un'enoteca di BZ. Subito ci torna in mente che lui produce in toscana un bianco chardonnay-fiano del quale ricordo la freschezza e la sapidità.
Comunque, a suo dire, l'ultima annata di questo bianco è al top. Qualcuno lo ha assaggiato?

PS: dopo tutti gli assaggi di VR l'accostamento fiano - gewurztraminer rimane per me un mistero, sarà il fumè, le note agrumate ...l'amaro boh... a me sembra un accostamento tirato per i capelli.

Il proprietario si chiama Puggelli e l'azienda si trova a Gavorrano...nella stessa zona di Rocca di Frassinello...e dubito che mai troverai un produttore che parli male di un suo vino... :wink:
"Vino rosso col pesce. Avrei dovuto capirlo da questo" James Bond - Dalla Russia con Amore
Avatar utente
bruber73
Messaggi: 582
Iscritto il: 01 nov 2008 16:58
Località: Bolzano

Re: greco-fiano

Messaggioda bruber73 » 15 apr 2009 19:15

gallia ha scritto:hai domandato ai produttori cosa ne pensano di questo accostamento? se anche loro ritengono che il fiano sia il gewurtztraminer campano?
e se secondo loro la mandorla amara è uno dei tratti caratteristici di questo vino?


Dunque personalmente, più che dell'abbinamento, mi interessava maggiormente capire gli aromi tipici comunque ad alcuni l'ho chiesto (a Piccariello, da Pietracupa e a qualcun'altro che non ricordo. Devo essere sincero, le risposte sono state un pò vage, non so se per scarsa conoscenza del gewurztraminer o perchè anche per loro è un accostamento che non sta in piedi.
Venedo agli aromi per quanto riguarda il naso hanno nominato tutti la nocciola tostata e in bocca ho sentito parlare di mandorla (generica) soprattutto se il vino ha qualche anno sulle spalle, di banana, mela, pera, menta, agrumi, tiglio, acacia ecc.
Personalmente non tutti li ho riconosciuti ma direi che confermo... :)
stecca
Messaggi: 377
Iscritto il: 01 nov 2008 12:49
Località: BS

falanghina Corte normanna

Messaggioda stecca » 15 apr 2009 20:05

Ok, scusate se forse è un po' OT, ma visto che si è parlato anche di Coda di volpe, mi permetto di chiedere lumi anche sulla Falanghina,
Qualcuno ha assaggiato bottiglie della azienda agricola Corte Normanna?
Mi è capitato di assaggiare la loro falanghina passita alla fiera dei passiti che si svolge a Volta Mantovana e mi aveva fatto una buona impressione,
me la ricordo buona, non stucchevole, anche se non ho altri termini di paragone poichè è l'unica falanghina passita che ho bevuto.
Sarei curioso di assaggiare il loro bianco "secco", la falanghina non passita insomma,
Qualcuno l'ha assaggiata? com'è?
Avatar utente
birrachiara
Messaggi: 3068
Iscritto il: 30 ott 2007 13:19
Località: Roma

Re: falanghina Corte normanna

Messaggioda birrachiara » 15 apr 2009 20:39

stecca ha scritto:Ok, scusate se forse è un po' OT, ma visto che si è parlato anche di Coda di volpe, mi permetto di chiedere lumi anche sulla Falanghina,
Qualcuno ha assaggiato bottiglie della azienda agricola Corte Normanna?
Mi è capitato di assaggiare la loro falanghina passita alla fiera dei passiti che si svolge a Volta Mantovana e mi aveva fatto una buona impressione,
me la ricordo buona, non stucchevole, anche se non ho altri termini di paragone poichè è l'unica falanghina passita che ho bevuto.
Sarei curioso di assaggiare il loro bianco "secco", la falanghina non passita insomma,
Qualcuno l'ha assaggiata? com'è?


Corte Normanna è una bella azienda della zona Guardia Sanframondi, ed in questa zona è probabilmente l'azienda più all'avanguardia.Produce 2 tipologie di falanghine, un cru ed un base.
Palombaia è il loro cru di Falanghina, ottenuto con uva raccolta a metà ottobre, con parziale appassimento sul vitigno, fermenta in barrique e sosta per 6 mesi in barrique. Colore giallo paglierino carico, olfatto di confettura di pere, di fiori bianchi e di spezie, buona acidità e discreta sapidità, buona persistenza e corpo rotondo, equilibrato ed armonico.
La Falanghina base è invece prodotta con uve raccolte ad inizio ottobre,non subisce trattamenti in legno, anch'essa ha buona acidità e discreta sapidità
Della falanghina base di Corte Normanna, mi piacciono molto i profumi,puliti e molto intensi( anche se a volte, in qualche millesimo gli alcoli superiori sono troppi, e sentori di smalto o vernice o solventi diventano evidenti)di pera, mela e banana e floreali, buona l' acidità e discreta la sapidità, ottimo il rapporto qualità/prezzo.
Anche l'Aglianico Tre Pietre, nell'ambito degli aglianici amari beneventani è un prodotto molto interessante.

Un altro nome "Beneventano 2001" di Fontanavecchia, una falanghina del 2001, venuta fuori per caso, prodotto dalla sapidità trabordante e sorprendente ,da profumi fruttati sorprendenti ( siamo a 7-8 anni dalla vendemmia)e da un buon corpo e un buon equilibrio, che da ragione della possibile longevità di questo vitigno ancora poco noto.
Ultima modifica di birrachiara il 15 apr 2009 21:19, modificato 1 volta in totale.
paolo
L'ottimismo della volontà
Il pessimismo della ragione
Volli, sempre volli, fortissimamente volli

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 12 ospiti