Nebbiolata 1971

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Avatar utente
gianni femminella
Messaggi: 2063
Iscritto il: 26 nov 2010 14:43
Località: Castiglione della Pescaia - Finale Emilia

Re: In Piemonte si beve bene (...il bollito nella neve...)

Messaggioda gianni femminella » 17 mag 2011 01:16

Montrachet 1983 Ramonet: che dire, imbarazzante...miglior bianco delle mia vita, forse il mio miglior vino. E'un'emozione..., no, è un privilegio poter bere una bottiglia cosi', dopo 23 anni di cantina a Cuneo, comprata (penso a due lire) da chi, unico su questo forum 23 anni fa comprendeva le potenzialità di questi vini. grazie e ancora grazie a Renzo, nonostante io ci abbia impiegato gli ultimi due anni telefonandoti praticamente tutte le settimane a convincerti a stappare questa tuo ultimo 83. Tornando al vino, non credevo fosse possibile coniugare la perfezione olfattiva del Bienvenue bevuto qualche bicchiere prima ad una bocca tesa, grassa e acida, minerale e piena. Lunghissimo, interminabile, impossibile resettare il naso dopo che era stato saturato dei fiori, dalla frutta, dalla pietra, dalla menta. Si, forse si, ho ancora un piccolo dubbio, ma questo è il primo 100/100 della mia vita e sapevo che sarebbe arrivato da un Borgogna bianco. Ora potrei smettere di bere vino.

Caspita! Esistono vini così?????????????????? :D
Foied vino pipafo cra carefo
Oggi bevo vino domani non ne avrò
vinogodi
Messaggi: 28448
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: In Piemonte si beve bene (...il bollito nella neve...)

Messaggioda vinogodi » 17 mag 2011 20:40

gianni femminella ha scritto:Montrachet 1983 Ramonet: che dire, imbarazzante....... Si, forse si, ho ancora un piccolo dubbio, ma questo è il primo 100/100 della mia vita e sapevo che sarebbe arrivato da un Borgogna bianco. Ora potrei smettere di bere vino.

Caspita! Esistono vini così?????????????????? :D

...quanti anni hai , Gianni? :roll: ...
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
paolo7505
Messaggi: 1627
Iscritto il: 14 giu 2007 12:33
Località: parma

Re: In Piemonte si beve bene

Messaggioda paolo7505 » 18 mag 2011 02:31

Baroloonline ha scritto:Al Castello di Magliano Alfieri, ristorante alla corte degli Alfieri, sabato 14 Maggio a pranzo retrospettiva Borgogna 2004:

Carillon Puligny Montrachet 1er cru Perrieres 2004
Sauzet Puligny Montrachet 1er cru Champ Canet 2004
Meursault village 2004 Dugat Py

Raveneau Chablis Clos grand cru 2004
Dauvissat Chablis Clos grand cru 2004
Fevre Chablis Clos grand cru 2004

Leflaive Chevalier Montrachet grand cru 2004
Niellon Chevalier Montrachet grand cru 2004
Boillot Chevalier Montrachet grand cru 2004
Auvenay Chevalier Montrachet grand cru 2004
Ramonet Chevalier Montrachet grand cru 2004
Pierre Yves Colin Montrachet grand cru 2004



tante, tantissime conferme....


Grandissima bevuta e ottima mangiata (grandi gli agnolotti) grazie Francesco!
Per me su tutti Ramonet e P. Y. Colin ottimo Boillot, stavolta invece non mi è piaciuto Niellon, che parte male ma per me non migliora più di tanto, troppo evoluto!
Solito stile Leflaive, esattamente uguale al mio ricordo di quello bevuto da Vinogodi 2 anni fa! A chi piace (come a me) credo piacerà sempre anche se la nota pirica è effettivamente marcata ma non coprente, il vino è equilibrato e la bocca è immensa!
Di Madame che dire, la pecca più grossa per me rimane il prezzo, e non è una pecca da poco.........
Quindici contro quindici, e una palla ovale. Non c'è bisogno d'altro, neanche dell'arbitro.

Ci arrabbiamo se vinciamo senza stile. E non prendiamo neppure in considerazione l'eventualità di perdere.
Josh Kronfeld (All Black)
Avatar utente
Pigigres
Messaggi: 3757
Iscritto il: 10 feb 2010 20:17
Località: Mediolanum

Re: In Piemonte si beve bene (...il bollito nella neve...)

Messaggioda Pigigres » 18 mag 2011 10:00

gianni femminella ha scritto:Ora potrei smettere di bere vino.


Come ora potrei smettere di bere vino? :shock:
Se questo è l'effetto che fa un Montrachet 83 di Ramonet allora me ne guarderò bene dal berlo... :roll:
In this land
There shall be one cigarette to two men,
To two women one half pint of bitter
Ale. In this land
No man has hired us.
Our life is unwelcome, our death
Unmentioned in "The Times."
Avatar utente
alexer3b
Messaggi: 10554
Iscritto il: 06 giu 2007 11:45
Località: Roma

Re: In Piemonte si beve bene (...il bollito nella neve...)

Messaggioda alexer3b » 18 mag 2011 10:40

Pigigres ha scritto:
gianni femminella ha scritto:Ora potrei smettere di bere vino.


Come ora potrei smettere di bere vino? :shock:
Se questo è l'effetto che fa un Montrachet 83 di Ramonet allora me ne guarderò bene dal berlo... :roll:

In realtà l'ha scritto Francesco in prima pagina , non gianni femminella
Baroloonline ha scritto:continuiamo...


Chateau Lafite 1990: grande Lafite, un po' sottovalutato forse dalla critica americana, ma scintillante di frutto e mineralità. Beva travolgente, migliora via via a contatto con l'aria. 94/100. Se la gioca per il miglior vino della giornata, anni luce dai vinoni concentrati usciti questi ultimi anni dal Medoc. Questo è un premier cru di Bordeaux.

Montrachet 1983 Ramonet: che dire, imbarazzante...miglior bianco delle mia vita, forse il mio miglior vino. E'un'emozione..., no, è un privilegio poter bere una bottiglia cosi', dopo 23 anni di cantina a Cuneo, comprata (penso a due lire) da chi, unico su questo forum 23 anni fa comprendeva le potenzialità di questi vini. grazie e ancora grazie a Renzo, nonostante io ci abbia impiegato gli ultimi due anni telefonandoti praticamente tutte le settimane a convincerti a stappare questa tuo ultimo 83. Tornando al vino, non credevo fosse possibile coniugare la perfezione olfattiva del Bienvenue bevuto qualche bicchiere prima ad una bocca tesa, grassa e acida, minerale e piena. Lunghissimo, interminabile, impossibile resettare il naso dopo che era stato saturato dei fiori, dalla frutta, dalla pietra, dalla menta. Si, forse si, ho ancora un piccolo dubbio, ma questo è il primo 100/100 della mia vita e sapevo che sarebbe arrivato da un Borgogna bianco. Ora potrei smettere di bere vino. Ma no..., c'è ancora il Montrachet del Domaine Leflaive 92 da stappare, e con due /tre anni lo convinco. La Borgogna

Chambertin Clos de Beze 1983 Rousseau: paga sicuramente la versatura contemporanea in batteria con Ramonet, da solo avrebbe vinto a mani basse la maggior parte delle serate. E' piu' pulito, piiu' giovane, piu' vivo di Trapet, in bocca snello, acido , abbastanza lungo. Manca della matière delle grandi annate di Rousseau, ma che vino di Gevrey è, quasi didattico con il suo lampone, il suo sottobosco, la sua liquirizia. Un campioncino. 94/100

Clos de la Roche 2001 Leroy: qui siamo tra i grand cru e si sente: naso alla Leroy, intenso e incenso. Fruttini, beva travolgente. Molto ma molto simile al Richebourg 2001 bevuto a Ottobre. Troppo simile? Forse. La nota verde finale, ben integrata nel quadro olfattivo ricorda che l'annata è fredda. Non penso possa crescere piu' di questo, non sempre riusciamo a bere i 2001 di Leroy, Renzo non li sgancia, queste bottiglie le devo portare io. Miglior rosso della giornata, non è una novità, anche 95/100. Grande vino della Leroy, ma l'emozione dei due Ramonet è oggi molto piu' viva.
Oggi, in latino...l'ha pijata ar culo. (Romano ad honorem 08-10-2008)

... a Nossiter (come ai suoi compaesani) bisognerebbe spiegare che quando avrà capito l’importanza di usare il bidet sarà sempre troppo tardi… :lol: (anonimo 07-02-2012)
Avatar utente
Pigigres
Messaggi: 3757
Iscritto il: 10 feb 2010 20:17
Località: Mediolanum

Re: In Piemonte si beve bene (...il bollito nella neve...)

Messaggioda Pigigres » 18 mag 2011 11:00

alexer3b ha scritto:
Pigigres ha scritto:
gianni femminella ha scritto:Ora potrei smettere di bere vino.


Come ora potrei smettere di bere vino? :shock:
Se questo è l'effetto che fa un Montrachet 83 di Ramonet allora me ne guarderò bene dal berlo... :roll:

In realtà l'ha scritto Francesco in prima pagina , non gianni femminella
Baroloonline ha scritto:Montrachet 1983 Ramonet: che dire, imbarazzante...miglior bianco delle mia vita, forse il mio miglior vino. E'un'emozione..., no, è un privilegio poter bere una bottiglia cosi', dopo 23 anni di cantina a Cuneo, comprata (penso a due lire) da chi, unico su questo forum 23 anni fa comprendeva le potenzialità di questi vini. grazie e ancora grazie a Renzo, nonostante io ci abbia impiegato gli ultimi due anni telefonandoti praticamente tutte le settimane a convincerti a stappare questa tuo ultimo 83. Tornando al vino, non credevo fosse possibile coniugare la perfezione olfattiva del Bienvenue bevuto qualche bicchiere prima ad una bocca tesa, grassa e acida, minerale e piena. Lunghissimo, interminabile, impossibile resettare il naso dopo che era stato saturato dei fiori, dalla frutta, dalla pietra, dalla menta. Si, forse si, ho ancora un piccolo dubbio, ma questo è il primo 100/100 della mia vita e sapevo che sarebbe arrivato da un Borgogna bianco. Ora potrei smettere di bere vino. Ma no..., c'è ancora il Montrachet del Domaine Leflaive 92 da stappare, e con due /tre anni lo convinco. La Borgogna


Cazzo Alex c'hai ragione! :shock:

Ma gianni femminella ha copiato pari pari le note di Baroloonline? :shock:
Oppure è un clone di Baroloonline :lol:

O forse non sa quotare... :roll:
In this land
There shall be one cigarette to two men,
To two women one half pint of bitter
Ale. In this land
No man has hired us.
Our life is unwelcome, our death
Unmentioned in "The Times."
Avatar utente
alexer3b
Messaggi: 10554
Iscritto il: 06 giu 2007 11:45
Località: Roma

Re: In Piemonte si beve bene (...il bollito nella neve...)

Messaggioda alexer3b » 18 mag 2011 17:45

Pigigres ha scritto:
alexer3b ha scritto:
Pigigres ha scritto:
gianni femminella ha scritto:Ora potrei smettere di bere vino.


Come ora potrei smettere di bere vino? :shock:
Se questo è l'effetto che fa un Montrachet 83 di Ramonet allora me ne guarderò bene dal berlo... :roll:

In realtà l'ha scritto Francesco in prima pagina , non gianni femminella
Baroloonline ha scritto:Montrachet 1983 Ramonet: che dire, imbarazzante...miglior bianco delle mia vita, forse il mio miglior vino. E'un'emozione..., no, è un privilegio poter bere una bottiglia cosi', dopo 23 anni di cantina a Cuneo, comprata (penso a due lire) da chi, unico su questo forum 23 anni fa comprendeva le potenzialità di questi vini. grazie e ancora grazie a Renzo, nonostante io ci abbia impiegato gli ultimi due anni telefonandoti praticamente tutte le settimane a convincerti a stappare questa tuo ultimo 83. Tornando al vino, non credevo fosse possibile coniugare la perfezione olfattiva del Bienvenue bevuto qualche bicchiere prima ad una bocca tesa, grassa e acida, minerale e piena. Lunghissimo, interminabile, impossibile resettare il naso dopo che era stato saturato dei fiori, dalla frutta, dalla pietra, dalla menta. Si, forse si, ho ancora un piccolo dubbio, ma questo è il primo 100/100 della mia vita e sapevo che sarebbe arrivato da un Borgogna bianco. Ora potrei smettere di bere vino. Ma no..., c'è ancora il Montrachet del Domaine Leflaive 92 da stappare, e con due /tre anni lo convinco. La Borgogna


Cazzo Alex c'hai ragione! :shock:

Ma gianni femminella ha copiato pari pari le note di Baroloonline? :shock:
Oppure è un clone di Baroloonline :lol:

O forse non sa quotare... :roll:

Non lo so ma la cosa certa è che hai scritto cazzo.

Alex
Oggi, in latino...l'ha pijata ar culo. (Romano ad honorem 08-10-2008)

... a Nossiter (come ai suoi compaesani) bisognerebbe spiegare che quando avrà capito l’importanza di usare il bidet sarà sempre troppo tardi… :lol: (anonimo 07-02-2012)
Avatar utente
ugc
Messaggi: 1701
Iscritto il: 05 dic 2008 19:36
Località: 'UCC - Polacchia

Re: In Piemonte si beve bene (...il bollito nella neve...)

Messaggioda ugc » 18 mag 2011 17:52

Pigigres ha scritto:O forse non sa quotare... :roll:

ecco, forse forse :wink: :lol:
Rien n'y fait, menace ou prière, l'un parle bien, l'autre se tait;
et c'est l'autre que je préfère, il n'a rien dit, mais il me plaît.
Avatar utente
Baroloonline
Messaggi: 3293
Iscritto il: 06 giu 2007 11:59
Località: Langhe

Re: In Piemonte si beve bene

Messaggioda Baroloonline » 25 mag 2011 01:39

Stasera la mia vita ha incrociato un grande vino.
Reduce da 12 ore di lavoro in ufficio, condite di grane a non finire, torno a casa e mi trovo mia moglie distrutta sul divano, mia figlia (8 mesi) che piange ininterrottamente senza motivo comprensibile da 4 ore, mio figlio (4 anni) messo a rimbecillirsi per necessità davanti all'ennesimo cartone animato per deficienti.
Nell'altra stanza un mare di piatti sporchi nel lavandino, niente sulla tavola se non il solito caos di buste, di posta, di giacche buttate sul tavolo della cucina, di cibo neanche l'ombra; il cane affamato, il cellulare che squilla senza sosta...devo essere abbastanza uomo...devo riuscire a sopravvivere all'ennesima serata in cui ti domandi perche' hai deciso di avere figli, in cui ti chiedi come la tua vita sentimentale con tua moglie possa sopravvivere. Devo essere uomo, ma ho bisogno di qualcosa per tirarmi su di morale.
Allora scendo sotto in cantina, diretto verso lo scaffale dei top gun: dove non conduce la serenità familiare puo' condurre il Latour. Poi mi viene lo scrupolo economico, sono 3 mesi che nessuno dei miei debitori vuole pagarmi, e allora, di istinto e a malincuore, mi rivolgo verso lo scaffale di vini che comunque non riuscirei mai a vendere. Ecco tra i tanti, tantissimi, mi salta all'occhio questa bottiglia, dall'etichetta anonima, che tanto mi aveva colpito a Marzo ai Grandes Jourstra una miriade di assaggi e una miriade di caos. Un vino che all'epoca mi aveva scosso, facendomi spendere 70 euro per una bottiglia da riassaggiare con calma, a casa, senza la bolgia, senza i giapponesi che spintonavano con il bicchiere in mano e le gote rosse.
Ora con "calma" lo riassaggio, e tutto cambia, tutto si rasserena. Mia figlia non urla piu', o perlomeno non mi fora i timpani come prima, mia moglia la sento meno acida, capita pure che mio figlio, tra un disastro e l'altro, riesca a farmi uscire un sorriso.
Ma è nel bicchiere che stasera trovo cio' che mi lega alla passione per questo mondo, che sempre piu' raramente ti coglie con il passare del tempo, dopo i fittizzi 100 punti, o dopo i 1000 euro a bottiglia stappati. Quella sensazione di piacere, di distacco, piacevolmente insensibile, che ti conduce la dolcezza del naso: essenza di lamponi e di menta selvatica, femminilità, ma la femminilità senza trucco, pulita, fresca, mai provocante e mai eccessiva. Non stacco la punta del naso dall'orlo del bicchiere, trovo densità, il ricordo del sole di montagna in Agosto, radiante e sereno. In bocca è potenza e leggerezza, infinita lunghezza. Spolvera qualche angolo di cervello non piu' frequentato da tempo, e ti conferma che quando il pinot nero, quando Chambolle, decide di concedersi a te, allora la tua passione ne rimarrà sempre segnata, indelebilmente.

Che magnifica serata.
Living well is the best revenge

Francesco Oddenino alias "baroloonline"

info @ baroloonline.it
info @ bourgogneonline.it
Avatar utente
kubik
Messaggi: 2108
Iscritto il: 22 nov 2007 01:20
Località: piemonte

Re: In Piemonte si beve bene

Messaggioda kubik » 25 mag 2011 01:54

Baroloonline ha scritto:....

Che magnifica serata.

Grazie Francesco per condividere con noi
un intimo spicchio di vita vera (e difficile a volte come stasera), ma
infine riequilibratasi e domata grazie ad una boccia di gran buon vino.
Che potere il vino in chi lo sa ascoltare!
Ciao
Avatar utente
Baroloonline
Messaggi: 3293
Iscritto il: 06 giu 2007 11:59
Località: Langhe

Re: In Piemonte si beve bene

Messaggioda Baroloonline » 25 mag 2011 02:02

Immagine

Uploaded with ImageShack.us




fino a qualche mese fa non l'avrei mai considerato possibile, da questa cantina, visto gli assaggi pre 2007, invece è vero, invece ora è tutto diverso qui....c'est du grand grand vin
Living well is the best revenge

Francesco Oddenino alias "baroloonline"

info @ baroloonline.it
info @ bourgogneonline.it
vittoxx
Messaggi: 3696
Iscritto il: 22 gen 2009 13:04

Re: In Piemonte si beve bene

Messaggioda vittoxx » 25 mag 2011 04:16

Baroloonline ha scritto:Stasera la mia vita ha incrociato un grande vino.
Reduce da 12 ore di lavoro in ufficio, condite di grane a non finire, torno a casa e mi trovo mia moglie distrutta sul divano, mia figlia (8 mesi) che piange ininterrottamente senza motivo comprensibile da 4 ore, mio figlio (4 anni) messo a rimbecillirsi per necessità davanti all'ennesimo cartone animato per deficienti.
Nell'altra stanza un mare di piatti sporchi nel lavandino, niente sulla tavola se non il solito caos di buste, di posta, di giacche buttate sul tavolo della cucina, di cibo neanche l'ombra; il cane affamato, il cellulare che squilla senza sosta...devo essere abbastanza uomo...devo riuscire a sopravvivere all'ennesima serata in cui ti domandi perche' hai deciso di avere figli, in cui ti chiedi come la tua vita sentimentale con tua moglie possa sopravvivere. Devo essere uomo, ma ho bisogno di qualcosa per tirarmi su di morale.
Allora scendo sotto in cantina, diretto verso lo scaffale dei top gun: dove non conduce la serenità familiare puo' condurre il Latour. Poi mi viene lo scrupolo economico, sono 3 mesi che nessuno dei miei debitori vuole pagarmi, e allora, di istinto e a malincuore, mi rivolgo verso lo scaffale di vini che comunque non riuscirei mai a vendere. Ecco tra i tanti, tantissimi, mi salta all'occhio questa bottiglia, dall'etichetta anonima, che tanto mi aveva colpito a Marzo ai Grandes Jourstra una miriade di assaggi e una miriade di caos. Un vino che all'epoca mi aveva scosso, facendomi spendere 70 euro per una bottiglia da riassaggiare con calma, a casa, senza la bolgia, senza i giapponesi che spintonavano con il bicchiere in mano e le gote rosse.
Ora con "calma" lo riassaggio, e tutto cambia, tutto si rasserena. Mia figlia non urla piu', o perlomeno non mi fora i timpani come prima, mia moglia la sento meno acida, capita pure che mio figlio, tra un disastro e l'altro, riesca a farmi uscire un sorriso.
Ma è nel bicchiere che stasera trovo cio' che mi lega alla passione per questo mondo, che sempre piu' raramente ti coglie con il passare del tempo, dopo i fittizzi 100 punti, o dopo i 1000 euro a bottiglia stappati. Quella sensazione di piacere, di distacco, piacevolmente insensibile, che ti conduce la dolcezza del naso: essenza di lamponi e di menta selvatica, femminilità, ma la femminilità senza trucco, pulita, fresca, mai provocante e mai eccessiva. Non stacco la punta del naso dall'orlo del bicchiere, trovo densità, il ricordo del sole di montagna in Agosto, radiante e sereno. In bocca è potenza e leggerezza, infinita lunghezza. Spolvera qualche angolo di cervello non piu' frequentato da tempo, e ti conferma che quando il pinot nero, quando Chambolle, decide di concedersi a te, allora la tua passione ne rimarrà sempre segnata, indelebilmente.

Che magnifica serata.

Minchia Francesco: ho tutto uguale tranne quel vino. Mandamene una cassa j+1ora, pago quello che vuoi. Dico sul serio...
Avatar utente
Südtiroler Spitzbua
Messaggi: 590
Iscritto il: 06 giu 2007 14:43
Località: Südtirol

Re: In Piemonte si beve bene

Messaggioda Südtiroler Spitzbua » 25 mag 2011 12:36

Chissá che si sarà pensata tua moglie, sfinita sul divano, i figli che rompono i coglioni da ore, il marito che arriva a casa dal lavoro che fa? si scola una bottiglia di vino a stomaco vuoto e si mette pure a fotografarla... :lol:
soren
Messaggi: 183
Iscritto il: 20 nov 2007 18:11

Re: In Piemonte si beve bene

Messaggioda soren » 25 mag 2011 12:42

Südtiroler Spitzbua ha scritto:Chissá che si sarà pensata tua moglie, sfinita sul divano, i figli che rompono i coglioni da ore, il marito che arriva a casa dal lavoro che fa? si scola una bottiglia di vino a stomaco vuoto e si mette pure a fotografarla... :lol:

post dell'anno.
Avatar utente
Baroloonline
Messaggi: 3293
Iscritto il: 06 giu 2007 11:59
Località: Langhe

Re: In Piemonte si beve bene

Messaggioda Baroloonline » 25 mag 2011 13:23

Südtiroler Spitzbua ha scritto:Chissá che si sarà pensata tua moglie, sfinita sul divano, i figli che rompono i coglioni da ore, il marito che arriva a casa dal lavoro che fa? si scola una bottiglia di vino a stomaco vuoto e si mette pure a fotografarla... :lol:

:lol:
Living well is the best revenge

Francesco Oddenino alias "baroloonline"

info @ baroloonline.it
info @ bourgogneonline.it
Avatar utente
pippuz
Messaggi: 20234
Iscritto il: 06 giu 2007 11:05
Località: MilanoMilano

Re: In Piemonte si beve bene

Messaggioda pippuz » 25 mag 2011 13:31

Baroloonline ha scritto:
Südtiroler Spitzbua ha scritto:Chissá che si sarà pensata tua moglie, sfinita sul divano, i figli che rompono i coglioni da ore, il marito che arriva a casa dal lavoro che fa? si scola una bottiglia di vino a stomaco vuoto e si mette pure a fotografarla... :lol:

:lol:

Ridi ridi, che domani ti fa le scaloppine con quelle bottiglie di rosso con l'etichetta rossa.
Francesco, ho preso questo perchè è vecchio, è del 1982 ... :lol:
over the mountain watching the watcher
breaking the darkness waking the grapevine
one inch of love is one inch of shadow
love is the shadow that ripens the wine
Massimiliano Nicli
Messaggi: 2520
Iscritto il: 10 giu 2007 17:22
Località: �?rzig e Weissenkirchen

Re: In Piemonte si beve bene

Messaggioda Massimiliano Nicli » 25 mag 2011 13:41

Baroloonline ha scritto:Immagine

Uploaded with ImageShack.us




fino a qualche mese fa non l'avrei mai considerato possibile, da questa cantina, visto gli assaggi pre 2007, invece è vero, invece ora è tutto diverso qui....c'est du grand grand vin

Qualcosa di primi anni novanta ho bevuto del produttore (vini trovati in enoteca dimenticati con prezzo vecchio e conservati in maniera non perfetta) e non mi erano sembrati scadenti anzi.Ora vedo se riesco a recuperare cosa ho bevuto.
Quei vini che tu definisci "pure espressioni di sangiovese" per me sono invece "pure espressioni di Gambelli" (della sua ricetta, del suo standard, chiamalo come vuoi)."L'anatra del vino"
Avatar utente
Aramis
Messaggi: 3882
Iscritto il: 06 giu 2007 15:50

Re: In Piemonte si beve bene

Messaggioda Aramis » 25 mag 2011 13:52

Viva i bravi négociants e che Dio ce li conservi!
"L’appellation d’origine constitue un patrimoine collectif, et ne peut donc pas être la propriété d’opérateurs économiques à titre privatif, contrairement à une marque, par exemple." (INAO, Institut National des Appellations d'Origine)
Avatar utente
Baroloonline
Messaggi: 3293
Iscritto il: 06 giu 2007 11:59
Località: Langhe

Re: In Piemonte si beve bene

Messaggioda Baroloonline » 25 mag 2011 13:55

Max, la mia frase è interpretabile in effetti.
Non intendo dire che i vini di Faiveley ante 2006 fossero pessimi, non lo erano, ma erano i classici vini mai pronti: troppa estrazione, troppo tannino (per un pinot nero), vini spesso crudi all'inizio. Delle volte troppo legno nuovo da giovani. Vini da lunghissimo invecchiamento, quindi poco godibili per gran parte della loro vita. E' chiaro che erano vini che uscivano con il tempo, mi parlano di grandi 93 ora, ma probabilmente la vinificazione era troppo "buia" per un pinot nero. Probabilmente se ne sono accorti e con l'annata 2007 hanno cambiato radicalmente tutto, lo stile è opposto a prima, vini radiosi, frutti sempre molto chiari, fin pochi tannini, rotondità e mano piu' leggera che quindi legge meglio il terroir. Ora sono prodotti che secondo me vale la pena comprare per mettersi in cantina, i 2008 sono straordinari, con i due Chambolle premier (Fuees e Combe d'Orveaux che io ho assaggiato) e mi dicono ci sia anche un grandissimo Latricieres. Il loro vino di punta, a parte una produzione infinitesima di Musigny comunque rimane il Corton Clos de Corton. I bianchi invece non li conosco.
Ultima modifica di Baroloonline il 25 mag 2011 14:01, modificato 1 volta in totale.
Living well is the best revenge

Francesco Oddenino alias "baroloonline"

info @ baroloonline.it
info @ bourgogneonline.it
Avatar utente
Baroloonline
Messaggi: 3293
Iscritto il: 06 giu 2007 11:59
Località: Langhe

Re: In Piemonte si beve bene

Messaggioda Baroloonline » 25 mag 2011 14:00

Aramis ha scritto:Viva i bravi négociants e che Dio ce li conservi!


penso che abbia oramai riacquistato tutte le parcelle che aveva in affitto/acquisto di uva. Mi risulta solo che parte dei village siano di Negoce, il resto è tutto Domaine.
Living well is the best revenge

Francesco Oddenino alias "baroloonline"

info @ baroloonline.it
info @ bourgogneonline.it
Massimiliano Nicli
Messaggi: 2520
Iscritto il: 10 giu 2007 17:22
Località: �?rzig e Weissenkirchen

Re: In Piemonte si beve bene

Messaggioda Massimiliano Nicli » 25 mag 2011 14:02

Baroloonline ha scritto:Max, la mia frase è interpretabile in effetti.
Non intendo dire che i vini di Faiveley ante 2006 fossero pessimi, non lo erano, ma erano i classici vini mai pronti: troppa estrazione, troppo tannino (per un pinot nero), vini spesso crudi all'inizio. Vini da lunghissimo invecchiamento, quindi poco godibili per gran parte della loro vita. E' chiaro che erano vini che uscivano con il tempo, mi parlano di grandi 93 ora, ma probabilmente la vinificazione era troppo "buia" per un pinot nero. Probabilmente se ne sono accorti e con l'annata 2007 hanno cambiato radicalmente tutto, lo stile è opposto a prima, vini radiosi, frutti sempre molto chiari, fin pochi tannini, rotondità e mano piu' leggera che quindi legge meglio il terroir. Ora sono prodotti che secondo me vale la pena comprare per mettersi in cantina, i 2008 sono straordinari, con i due Chambolle premier (Fuees e Combe d'Orveaux che io ho assaggiato) e mi dicono ci sia anche un grandissimo Latricieres. Il loro vino di punta, a parte una produzione infinitesima di Musigny comunque rimane il Corton Clos de Corton. I bianchi invece non li conosco.

Comunque io di Borgogna non ci capisco molto anzi quasi nulla.
Quei vini che tu definisci "pure espressioni di sangiovese" per me sono invece "pure espressioni di Gambelli" (della sua ricetta, del suo standard, chiamalo come vuoi)."L'anatra del vino"
vinogodi
Messaggi: 28448
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: In Piemonte si beve bene

Messaggioda vinogodi » 25 mag 2011 14:11

Baroloonline ha scritto:Max, la mia frase è interpretabile in effetti.
Non intendo dire che i vini di Faiveley ante 2006 fossero pessimi, non lo erano, ma erano i classici vini mai pronti: troppa estrazione, troppo tannino (per un pinot nero), vini spesso crudi all'inizio. Vini da lunghissimo invecchiamento, quindi poco godibili per gran parte della loro vita. E' chiaro che erano vini che uscivano con il tempo, mi parlano di grandi 93 ora, ma probabilmente la vinificazione era troppo "buia" per un pinot nero. Probabilmente se ne sono accorti e con l'annata 2007 hanno cambiato radicalmente tutto, lo stile è opposto a prima, vini radiosi, frutti sempre molto chiari, fin pochi tannini, rotondità e mano piu' leggera che quindi legge meglio il terroir. Ora sono prodotti che secondo me vale la pena comprare per mettersi in cantina, i 2008 sono straordinari, con i due Chambolle premier (Fuees e Combe d'Orveaux che io ho assaggiato) e mi dicono ci sia anche un grandissimo Latricieres. Il loro vino di punta, a parte una produzione infinitesima di Musigny comunque rimane il Corton Clos de Corton. I bianchi invece non li conosco.
...a me non hanno mai pienamente convinto : ho bevuto praticamente tutta la sterminata gamma a cavallo del nuovo millennio in quanto una notissima enoteca di Parma aveva praticamente solo questo di Borgogna ( senza fare nome , in via Farini) così come similmente feci con Jadot che aveva un'altra enoteca quasi in esclusiva a Parma ( senza fare nomi , sulla Via Emilia vicino all'arco di S.Lazzaro) . Incuriosito , anche per i prezzi non da taglio di vene , li provai in rapida successione e mai mi fecero scoccare scintilla alcuna : rigorosi si , ma con poco brio , a volte cupi , a volte ritrosi , il più delle volte difficilmente intelleggibili anche vicino gli uni agli altri di zone diverse . Dato che poi i prezzi aumentarono in maniera significativa e ben altre tentazioni ebbi dalla zona , abbandonai e più ritornai sui miei passi . Forse è ora di riprovare?
PS: così come con Louis Latour che acquisto abbastanza regolarmente dal distributore , andrò pure in controtendenza ma i Nègociants "quasi puri" (aggiungo anche Drohuin) mi lasciano sempre con un senso di incompiuto o di poco emozionale : grande tecnica svolta , precisissimi , senza mai vere cadute di stile ...però ... e non è un aspetto psicologico o di condizionamento , credetemi ...
PPS: anch'io in momenti di parziale debacle umorale a volte esalto vini che in quel momento mi sorridono e mi coccolano pur non avendo un pedegree ultrareferenziato... 8)
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7577
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: In Piemonte si beve bene

Messaggioda zampaflex » 25 mag 2011 14:36

Baroloonline ha scritto:Reduce da 12 ore di lavoro in ufficio, condite di grane a non finire, torno a casa e mi trovo mia moglie distrutta sul divano, mia figlia (8 mesi) che piange ininterrottamente senza motivo comprensibile da 4 ore, mio figlio (4 anni) messo a rimbecillirsi per necessità davanti all'ennesimo cartone animato per deficienti.
Nell'altra stanza un mare di piatti sporchi nel lavandino, niente sulla tavola se non il solito caos di buste, di posta, di giacche buttate sul tavolo della cucina, di cibo neanche l'ombra; il cane affamato, il cellulare che squilla senza sosta...devo essere abbastanza uomo...devo riuscire a sopravvivere all'ennesima serata in cui ti domandi perche' hai deciso di avere figli, in cui ti chiedi come la tua vita sentimentale con tua moglie possa sopravvivere. Devo essere uomo, ma ho bisogno di qualcosa per tirarmi su di morale.


Ci sarebbero mille cose da dirti, dal consolatorio al cameratesco, dall'umoristico al triste. Ma stamattina è un nuovo giorno... :wink:

Immagine
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
davidef
Messaggi: 7791
Iscritto il: 06 giu 2007 17:23
Località: Vicenza

Re: In Piemonte si beve bene

Messaggioda davidef » 25 mag 2011 16:14

ma voi quando siete demoralizzati o abbacchiati perchè qualcosa gira storto riuscite veramente a sedervi e stappare una bottiglia di vino ed apprezzarla ? e pure da soli ?

chiedo per curiosità perchè io amo bere solo quando sono sereno e sto bene, se ho problemi vari (e seri) per la testa mi passa la voglia...però leggo che alcuni trovano conforto in questo, come fate ?

domanda non retorica e nemmeno ironica, sono serio...per me il vino è un accompagnamento di altro, è un catalizzatore che si somma ad altri elementi e poi svolge la sua funzione ma rarissimamente è l'elemento assoluto, se il contesto è sbagliato qualsiasi vino per me ne uscirà male.
vinogodi
Messaggi: 28448
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: In Piemonte si beve bene

Messaggioda vinogodi » 25 mag 2011 16:26

davidef ha scritto:ma voi quando siete demoralizzati o abbacchiati perchè qualcosa gira storto riuscite veramente a sedervi e stappare una bottiglia di vino ed apprezzarla ? e pure da soli ?

chiedo per curiosità perchè io amo bere solo quando sono sereno e sto bene, se ho problemi vari (e seri) per la testa mi passa la voglia...però leggo che alcuni trovano conforto in questo, come fate ?

domanda non retorica e nemmeno ironica, sono serio...per me il vino è un accompagnamento di altro, è un catalizzatore che si somma ad altri elementi e poi svolge la sua funzione ma rarissimamente è l'elemento assoluto, se il contesto è sbagliato qualsiasi vino per me ne uscirà male.
...per me è funzionale a secondo della tipologia , mai comunque per ragioni edonistiche personali :
- Se bolla come calamutande generalista
- se bianco come calamutande per le bionde
- se rosso come calamutande per le more
- se rosé come calamutande per le rosse

Fanno eccezione i vini dolci che solitamente sono funzionali a ...ahem... :oops: ...
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: cavallo bianco, cskdv, declar, lucastoner, marco.f11, Max1991, Nexus1990, Nitrox, Piduwinelover, trotri e 15 ospiti