CRONACHE D'OSTERIA

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Avatar utente
l'oste
Messaggi: 12773
Iscritto il: 06 giu 2007 14:41
Località: campagna

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda l'oste » 12 dic 2009 02:36

davidef ha scritto:mi sembra chiaro dalle tue parole, anche se non mi rispondi chiaramente, che l'aspetto "umanistico" legato alla figura del produttore assorba la quota di morti o feriti disseminati sul cammino di degustazione delle sue bottiglie, è una visione la tua che va accettata perchè strettamente personale....io invece preferisco separare gli aspetti (sono un freddo, ricordalo :lol: ) valutando il bevuto ed escludendo la eventuale stima per il lavoro (e non solo) fatto dal produttore e nel mio bevuto gli incidenti di percorso ci sono ed in quantità superiore alla casistica media di un produttore top.

per questo motivo ritengo che il valore della produzione vinicola di Valentini sia sovrastimata, perchè faccio la media tra bevute molto buone (ci sono state) e bevute deludenti; sul valore poi del vignaiolo o quant'altro non discuto.

Ho scritto che ho valutato in primo luogo il mio bevuto e che ci sono state anche bottiglie/annate deludenti.
La stima per il produttore e l'uomo sono solo per spiegare il Maestro. Come indubbiamente lo è Quintarelli, ugualmente e valorosamente alto, come del resto la critica seria gli riconosce.
Purtroppo, come ho detto più volte, non ho dimestichezza nè slancio verso i vini potenti e/o opulenti, ma le rare rare volte che ho bevuto Quintarelli è indubbio che mi sono trovato davanti ad un vino "seminale", unico, nell'accezione più elevata.
In generale, permetti, valuta però la possibilità che, ad ugual passione, si possano anche avere gusti, sensibilià e calore dissimili.
Non importa chi sarà l'ultimo a spegnere la luce. E' già buio.


Iir Boon Gesùuu/ ciii/ fuuur/ mini
davidef
Messaggi: 7792
Iscritto il: 06 giu 2007 17:23
Località: Vicenza

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda davidef » 12 dic 2009 02:50

l'oste ha scritto:
davidef ha scritto:mi sembra chiaro dalle tue parole, anche se non mi rispondi chiaramente, che l'aspetto "umanistico" legato alla figura del produttore assorba la quota di morti o feriti disseminati sul cammino di degustazione delle sue bottiglie, è una visione la tua che va accettata perchè strettamente personale....io invece preferisco separare gli aspetti (sono un freddo, ricordalo :lol: ) valutando il bevuto ed escludendo la eventuale stima per il lavoro (e non solo) fatto dal produttore e nel mio bevuto gli incidenti di percorso ci sono ed in quantità superiore alla casistica media di un produttore top.

per questo motivo ritengo che il valore della produzione vinicola di Valentini sia sovrastimata, perchè faccio la media tra bevute molto buone (ci sono state) e bevute deludenti; sul valore poi del vignaiolo o quant'altro non discuto.

Ho scritto che ho valutato in primo luogo il bevuto.
La stima per il produttore e lìuomo sono solo per spiegare il Maestro. Come indubbiamente lo è Quintarelli, ugualmente e valorosamente alto, come del resto la critica seria gli riconosce.
Purtroppo, come ho detto più volte, non ho dimestichezza nè slancio verso i vini potenti e/o opulenti, ma le rare rare volte che ho bevuto Quintarelli è indubbio che mi sono trovato davanti ad un vino "seminale", unico, nell'accezione più elevata.In generale, però, permetti, valuta però la possibilità che si possono avere gusti, sensibilià e calore dissimili
.



io sono democratico di fondo *** :mrgreen: , valuto ed accetto ogni parere se appunto inquadrato come personale e non generale, però il mio bevuto personale mi racconta purtroppo un film diverso dal tuo, magari abbiamo una visione del "difetto" o della sua concezione diversa ad esempio e mi sa che non ne usciamo mica da questo duetto.

quindi posso solo augurarti buona notte e continuare a comperare (poco) Valentini per provare e (molto) Quintarelli per godere :lol: :lol:

a nanna che anche domani si deve ndare a bere, è una dura passione questa :roll: :roll:



*** c'è per caso in corso una congiura sulla mia non democraticità ? :lol: :lol: , sarò a volte poco simpatico (chissenefrega :twisted: ) ma leggo e valuto tutto con attenzione quando posso cercando sempre di carpire qualcosa di positivo od utile alla crescita, non è che il forum si stia mammolizzando un pochino e se non si è buoni e belli e paciosi si sembra un cattivone ? 8) 8)

'notte
Avatar utente
l'oste
Messaggi: 12773
Iscritto il: 06 giu 2007 14:41
Località: campagna

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda l'oste » 12 dic 2009 03:47

davidef ha scritto:io sono democratico di fondo *** :mrgreen: , valuto ed accetto ogni parere se appunto inquadrato come personale e non generale, però il mio bevuto personale mi racconta purtroppo un film diverso dal tuo, magari abbiamo una visione del "difetto" o della sua concezione diversa ad esempio e mi sa che non ne usciamo mica da questo duetto.

Nel tuo bevuto personale il trebbiano di Valentini non è uno dei più grandi bianchi italiani?
Non mi metto a dare le annate, aprirei un sondaggio, forse aiuterebbe ad uscire dal duetto.

Sul film montepulciano non nebbiolo o pinot noir, quindi consideriamo il coefficiente e persino il prezzo che aveva fino a pochi anni fa, leggi pre scomparsa di Edoardo. Cercherei come un pazzo se sapessi di poter riprovare il naso complesso del '92 di pochi giorni fa (e che avevo già bevuto una volta con piacere). Per non parlare della pulita marinità minerale e austera del '94 bevuto con parecchi forumisti. Sul '95 due piaciute, con bocca sferzante e senza bolle, solo un solleticare il palato particolare e molto naturale, naso cangiante e fragolinesco selvatico; però anche un'altra troppo evoluta che se anche c'erano, le bolle erano il meno.
Anche '88 e '90 ad una mini verticale le ricordo senza difetti. Minori forse, ma precisi e senza sbavature. Non ricordo se le ho ribevute, forse la '90.
Il 2000 non mi è piaciuto in tutte e due le volte bevuto, rustico, riottoso, senza meriti. E' quest'annata che alimenta certe voci, secondo me.
Il '97 bevuto due volte senza aver capito se è un giovane di talento, un giovane o un montepulciano qualsiasi. Il 2002 è giovane ma sembra determinato a crescere.
Il 2001 l'ho bevuto una sola volta ma non ricordo bene, non so se è un cattivo segno o il segno che gli anni di bevute -ahimè- sono tanti.

davidef ha scritto:sarò a volte poco simpatico (chissenefrega :twisted: )

Ma no dai, anche qui, è questione di gusti.
Sorriso e occhiolino.
Non importa chi sarà l'ultimo a spegnere la luce. E' già buio.


Iir Boon Gesùuu/ ciii/ fuuur/ mini
vinogodi
Messaggi: 30358
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda vinogodi » 12 dic 2009 10:41

... due anni (o più) fa feci una verticale Valentini in Bue House sotto il diretto consiglio del figlio di Edoardo , che mi inviò anche un paio di vecchie bocce che mancavano nella verticale a suo giudizio ( 1977 e 1985) . Quella verticale fece lacrimare di gioia i presenti , senza eccezioni . Penso che Valentini sia uno dei grandissimi produttori italiani , esattamente accostandolo ai nomi che ho letto e avete scritto sul forum , dove ne aggiungerei qualcun'altro ma non più di tanti (Conterno , Mastroberardino , Livio Felluga , Schioppetto , Soldera , Incisa della Rocchetta e , solo la storia e i posteri daranno loro merito , Casolanetti , Franchetti e DalForno , se si da una raddrizzata pensando e concentrandosi più al vino che ai "castelli" che che lo devono contenere ... qualche dimenticanza? Senz'altro...) . Accostare Valentini a Quintarelli non è certo blasfemo , così come conosco bene l'aura mitica che riveste il Bepi nella sua zona . Paradossalmente più disincantato Quintarelli del vecchio Edoardo , più legato ad una tradizione di vinificatore che di contadino tout court . Non scordiamoci che Quintarelli è un fenomeno , come lo furono Giacosa e Conterno , a sceglierle le uve per i propri vini e la loro forza è e fu la bravura di preservare con maestria di cantina la qualità delle uve scelte accuratamente come le migliori in circolazione . Per questo non riesco a divinizzare la "bravura in vigna " di alcuni produttori , quando ciò non si riscontra nella bottiglia . La bravura del "manico" nell'arte della vinificazione , secondo me , fa la vera differenza fra i grandi artisti del vino , più della bravura ( indispensabile per avere dei grandissimi vini ) in vigna ...
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
Avatar utente
l'oste
Messaggi: 12773
Iscritto il: 06 giu 2007 14:41
Località: campagna

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda l'oste » 12 dic 2009 12:22

vinogodi ha scritto:... due anni (o più) fa feci una verticale Valentini in Bue House sotto il diretto consiglio del figlio di Edoardo , che mi inviò anche un paio di vecchie bocce che mancavano nella verticale a suo giudizio ... 1977

Questa è uno dei miei piccoli Graal enologici, che inseguo da tempo e che c'era anche alla mini verticale di cui accennavo ma purtroppo era evoluta come lo sono le bottiglie conservate male, non difettose. Ma è introvabile oggi.

vinogodi ha scritto:Mastroberardino , Livio Felluga , Schioppetto.

Nel citare nomi ho messo eccetera, impossibile ricordarli tutti, quindi ho scritto i primi e più noti, ma chiedo venia per aver dimenticato i due friulani (e il campano) tra i "grandi vecchi", già così poco celebrati e nominati sul forum.
Se poi pensiamo alla langa da Bartolo a Cavallotto, passando persino per Elio Altare la lista è infinita. Ce ne sono anche tanti altri, che pur non avendo magari le stigmate del vecchio vigneron o i migliori terroir dello stivale, hanno dato lustro ad intere zone e tipologie, credendo in vigna e innovazione e creato vini che ancora vengono apprezzati. Definirli minori sarebbe irriguardoso, perchè sono solo più giovani o di minor "lignaggio" ampelografico. Per questo non ho citato tra "gli storici" i nomi Casolanetti, Pallanti, Campolmi, Bologna, Maga, Gravner, Geraci, Antoniolo, Conti, Dettori, Correggia...ecc ecc.
Senza ironia ma con rami di ulivo (it's Xmas, baby) e speranzosi auguri per il futuro, dico anche Cornellisen.
L'elenco è infinito e secondo me è il bello di non avere solo i tre/quattro grandi terroir nazionali; la ricchezza di vitigni, stili, uomini e quindi idee, è per me il nostro massimo patrimonio.
Fare classifiche di merito o paragoni di "maestrìa" mi sembra ingeneroso e inutile.
Tanto più che nessuno nega l'importanza storica di nessuno degli storici "grandi artisti" pionieri o dei loro epigoni.
Forse non sarebbe male far nascere una cultura Nazionale del vino che oltre a criticare giustamente, sia tesa nche a sostenere e proteggere.
Non importa chi sarà l'ultimo a spegnere la luce. E' già buio.


Iir Boon Gesùuu/ ciii/ fuuur/ mini
Avatar utente
l'oste
Messaggi: 12773
Iscritto il: 06 giu 2007 14:41
Località: campagna

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda l'oste » 12 dic 2009 19:28

La preparazione della tradizionale cena di Natale di stasera con amici, è praticamente fatta.
I consigli di abbinamento di amici romani li ho messi in atto.
Il brodetto di gallinella è uscito proprio buono.
Vado ad aprire le bottiglie, credo bastino due ore abbondanti, di Valentini non ce ne sono...
A domani, buona serata a todos.
Non importa chi sarà l'ultimo a spegnere la luce. E' già buio.


Iir Boon Gesùuu/ ciii/ fuuur/ mini
Avatar utente
vignadelmar
Messaggi: 20861
Iscritto il: 06 giu 2007 11:44
Località: Monopoli
Contatta:

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda vignadelmar » 12 dic 2009 19:44

davidef ha scritto:
invece il mio riferimento a Quintarelli reale ultimo Maestro di cantina vivente è proprio deciso ed insistito...ti chiedo, ad oggi in Italia, di produttori storici che hanno segnato indelebilmente il mondo del vino e con costanza di risultati, quanti ce ne sono rimasti ancora ? quanti sono quelli ancora vivi che hanno plasmato una tipologia e creato una leggenda su alcuni vini ?

a parte Quintarelli nessuno, penso sia un dato di fatto...ok, mettiamo pure se su piani diversi Giacosa, Soldera e Biondi Santi (pure se quest'ultimo ha continuato un cammino già iniziato da altri)...


A me ne vengono per ora in mente due:

Giove Tonante dell'Enologia Italiana

e

Severino Garofano con i suoi Patriglione e Graticciaia prima, Le braci, poi......vero ed unico Principe del negroamaro assieme all' immenso Cosimo Taurino

Ciao

.
Pigigres 20/09/'10 "A me è capitato con il Tildin....ho capito Nebbiolo turbomodernista. Poi usando un pò di cervello.... ho detto Gaja."
Tessera n.1 e Presidente Lenin Fans Club
Tessera n°0 e Presidente Circolo Conviviale Colonna Pugliese
Avatar utente
vignadelmar
Messaggi: 20861
Iscritto il: 06 giu 2007 11:44
Località: Monopoli
Contatta:

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda vignadelmar » 12 dic 2009 19:54

Poi, fra qualche anno, quando la sua probabile ed auspicabile altissima costanza qualitativa avrà dimostrato di essere duratura, divideremo la storia del Primitivo di Manduria in A.G.F. e D.G.F.

Ante Gianfranco Fino e Dopo Gianfranco Fino

Ciao

.
Pigigres 20/09/'10 "A me è capitato con il Tildin....ho capito Nebbiolo turbomodernista. Poi usando un pò di cervello.... ho detto Gaja."
Tessera n.1 e Presidente Lenin Fans Club
Tessera n°0 e Presidente Circolo Conviviale Colonna Pugliese
Avatar utente
JohnnyTheFly
Messaggi: 2373
Iscritto il: 11 giu 2007 20:33
Località: Porretta Terme (BO), capitale dell'AVR

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda JohnnyTheFly » 12 dic 2009 20:00

l'oste ha scritto:
JohnnyTheFly ha scritto:
Il Comandante ha scritto:LA cosa fastidiosa è che il mullah JtF, durante l'addestramento, ci costringeva sempre ad ascoltare 'sti cippa de Beach Boys...

Confermo. Con in più i Mamas&Papas, Everly Bros., Cooke e tutti i gruppi doo-wop anni '50. Sapeste dopo come ripudiavano Waits....... :lol:

Fanno bene a ripudiarlo.
Ai bambini da spiaggia (traduzione), sono vietate le emozioni da grandi.
I grandi piaceri sono per chi aspetta (traduzione).

E comunque, per andare d'accordo caro JtF, dopo una seratina con arrosto e due vini del più grande e storico (oggettivo) produttore italiano, mi sto ascoltando qualcosa di giovane (traduzione).

Immagine

Ti tratti bene, eh? Un altro grande album del Giovane Nello è On The Beach del '74. Non ho mai capito perché fosse stato per molto tempo fuori catalogo. Basta solo(?) Ambulance Blues con il violino di Kershaw per diventare un must. Da possedere, assolutamente.

http://www.youtube.com/watch?v=pXAaNQjgMA8
" Parlando e piangendo appese la giacca al muro poi chiese una birra mettendosi al sicuro " - MASSIMO BUBOLA [tratto dall'incipit della canzone MARIA CHE CI CONSOLA, 1979]
Dudley
Messaggi: 4911
Iscritto il: 06 giu 2007 15:24
Località: Genova

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda Dudley » 12 dic 2009 22:19

In effetti il riff di Cinnamon Girl é uno dei più belli di tutto il rock and roll.
Mi scuserà l'Oste, ma i Beach Boys, specie quelli di Pet Sounds, ti trasportano in una dimensione soffice, pura, uno stato di coscienza alternativo davvero divertente.
Roberto Dal Ponte
Avatar utente
l'oste
Messaggi: 12773
Iscritto il: 06 giu 2007 14:41
Località: campagna

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda l'oste » 13 dic 2009 03:29

Dudley ha scritto:In effetti il riff di Cinnamon Girl é uno dei più belli di tutto il rock and roll.

Neil Young è un chitarrista di razza e creatività essenziale. Come solista (Live rust per sentire) è semplice e teso, un brivido elettrico; come ritmica, testi e composizioni è uno dei primi di tutti i tempi. La lista di canzoni/esempio è troppo lunga per essere supportata da questa platform.
Da amante del mood di "Alta fedeltà", libro e anche film, ho una playlist psiomedicalecurativa nell'Ipod. Sono dieci canzoni, solo una per ogni artista, solo dieci, meno di una squadra di calcio.
Di Neil Young c'è Cowgirl in the sand.
Di Tom Waits dopo sudate riflessioni ho messo Hold on.
Per Bob Dylan, altra scelta dura, la canzone perfetta , non la sua più bella, che le songs non sono mica miss. La canzone. Like a rolling stone
Ne mancano sette. Ho la sensazione che JtF sia curioso. Dipende cosa offre.


Dudley ha scritto:Mi scuserà l'Oste, ma i Beach Boys, specie quelli di Pet Sounds, ti trasportano in una dimensione soffice, pura, uno stato di coscienza alternativo davvero divertente.

Nessuna scusa, alza il volume.
I Beach Boys sono la macchina decappottabile col sole in faccia della musica moderna.
Il genio di Brian Wilson è seminale oggi come ieri. Chiedere a Macca.
Ma secondo me, nonostante Pet sounds, manca il loro Album bianco per intenderci.
Manca il contorcimento della consapevolezza umana e artistica, ma forse è giusto così.
I Beach Boys devono essere così, limpidamente positivi, loro sono quei colori che non sono grigio e nero, la voglia di vivere anche sognando. Ringraziamo gli dei della musica che ce li hanno mandati, perchè mica ci si può solo struggere, incazzare, rilassare o introspettare con la musica. Alza il volume, è estate e fa caldo, vivitela felice, fai ballare il sole. Fun, fun, fun.
Non importa chi sarà l'ultimo a spegnere la luce. E' già buio.


Iir Boon Gesùuu/ ciii/ fuuur/ mini
Avatar utente
JohnnyTheFly
Messaggi: 2373
Iscritto il: 11 giu 2007 20:33
Località: Porretta Terme (BO), capitale dell'AVR

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda JohnnyTheFly » 13 dic 2009 13:12

l'oste ha scritto:Ne mancano sette. Ho la sensazione che JtF sia curioso. Dipende cosa offre.

Sì, sono curioso. Mi lancio sui possibili artisti:

- Van Morrison
- Grateful Dead (ma forse no)
- Johnny Cash
- Rolling Stones
- The Who
- Clash
- Capossela

Cosa ti offro per saperlo? Per una settimana non parlo di Waits. :lol:
" Parlando e piangendo appese la giacca al muro poi chiese una birra mettendosi al sicuro " - MASSIMO BUBOLA [tratto dall'incipit della canzone MARIA CHE CI CONSOLA, 1979]
Dudley
Messaggi: 4911
Iscritto il: 06 giu 2007 15:24
Località: Genova

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda Dudley » 13 dic 2009 14:48

JohnnyTheFly ha scritto:
l'oste ha scritto:Ne mancano sette. Ho la sensazione che JtF sia curioso. Dipende cosa offre.

Sì, sono curioso. Mi lancio sui possibili artisti:

- Van Morrison
- Grateful Dead (ma forse no)
- Johnny Cash
- Rolling Stones
- The Who
- Clash
- Capossela

Cosa ti offro per saperlo? Per una settimana non parlo di Waits. :lol:


Bella traccia la Sua, Monsieur JTF.

Correggo secondo ispirazione

- Van Morrison
- Beatles
- Allman Bros
- Clash
- Paolo Conte
- Nick Cave
- Steve Wynn
Roberto Dal Ponte
Avatar utente
l'oste
Messaggi: 12773
Iscritto il: 06 giu 2007 14:41
Località: campagna

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda l'oste » 13 dic 2009 15:06

Clash - Janie Jones
Non importa chi sarà l'ultimo a spegnere la luce. E' già buio.


Iir Boon Gesùuu/ ciii/ fuuur/ mini
stecca
Messaggi: 379
Iscritto il: 01 nov 2008 12:49
Località: BS

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda stecca » 13 dic 2009 15:08

JohnnyTheFly ha scritto:
l'oste ha scritto:Ne mancano sette. Ho la sensazione che JtF sia curioso. Dipende cosa offre.

Sì, sono curioso. Mi lancio sui possibili artisti:

- Van Morrison
- Grateful Dead (ma forse no)
- Johnny Cash
- Rolling Stones
- The Who
- Clash
- Capossela

Cosa ti offro per saperlo? Per una settimana non parlo di Waits. :lol:

Direi molto bene, solo qualche appunto.
Gratefull dead: anche io qui avrei qualche dubbio.
Johnny cash: curioso di sapere se è un pezzo pre o post la cura di Rubin?
Capossela: l'unico che mi sembra stoni un po': ma non perchè non lo ami.
Se si predilige l'anda curativa dell'Oste ci può stare (Scivola vai via???...io metterei quella), ma in mezzo a tutti sti angloammericani comunque rocchettari mi sembra poco a suo agio. Lo sostituirei con un Buckley figlio.
:)
Chiedo scusa per l'intromissione in Osteria così senza presentazioni.
La musica comunque mi piace molto, il vino pure.
Ho colto l'occasione per uscire allo scoperto:))
Avatar utente
l'oste
Messaggi: 12773
Iscritto il: 06 giu 2007 14:41
Località: campagna

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda l'oste » 13 dic 2009 15:19

stecca ha scritto:
JohnnyTheFly ha scritto:
l'oste ha scritto:Ne mancano sette. Ho la sensazione che JtF sia curioso. Dipende cosa offre.

Sì, sono curioso. Mi lancio sui possibili artisti:

- Van Morrison
- Grateful Dead (ma forse no)
- Johnny Cash
- Rolling Stones
- The Who
- Clash
- Capossela

Cosa ti offro per saperlo? Per una settimana non parlo di Waits. :lol:

Direi molto bene, solo qualche appunto.
Gratefull dead: anche io qui avrei qualche dubbio.
Johnny cash: curioso di sapere se è un pezzo pre o post la cura di Rubin?
Capossela: l'unico che mi sembra stoni un po': ma non perchè non lo ami.
Se si predilige l'anda curativa dell'Oste ci può stare (Scivola vai via???...io metterei quella), ma in mezzo a tutti sti angloammericani comunque rocchettari mi sembra poco a suo agio. Lo sostituirei con un Buckley figlio.
:)
Chiedo scusa per l'intromissione in Osteria così senza presentazioni.
La musica comunque mi piace molto, il vino pure.
Ho colto l'occasione per uscire allo scoperto:))

Intromettiti, intromettiti Maurizio.
Pare che la musica buona piaccia ancora a tanti.
Comunque Capossela, non c'è.
Jeff Buckley - Halleluyah, invece si.
I Dead, Dark Star, anche.
E siamo a sei.
Intanto metto giù due righe sulla serata di ieri, ma che pezzo ci sarà dei Beatles?
Non importa chi sarà l'ultimo a spegnere la luce. E' già buio.


Iir Boon Gesùuu/ ciii/ fuuur/ mini
Avatar utente
JohnnyTheFly
Messaggi: 2373
Iscritto il: 11 giu 2007 20:33
Località: Porretta Terme (BO), capitale dell'AVR

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda JohnnyTheFly » 13 dic 2009 15:20

Dudley ha scritto:
JohnnyTheFly ha scritto:
l'oste ha scritto:Ne mancano sette. Ho la sensazione che JtF sia curioso. Dipende cosa offre.

Sì, sono curioso. Mi lancio sui possibili artisti:

- Van Morrison
- Grateful Dead (ma forse no)
- Johnny Cash
- Rolling Stones
- The Who
- Clash
- Capossela

Cosa ti offro per saperlo? Per una settimana non parlo di Waits. :lol:


Bella traccia la Sua, Monsieur JTF.

Correggo secondo ispirazione

- Van Morrison
- Beatles
- Allman Bros
- Clash
- Paolo Conte
- Nick Cave
- Steve Wynn

Sì, può essere che abbia scelto Nicola Caverna. Altro pupillo di Carù. 8)
" Parlando e piangendo appese la giacca al muro poi chiese una birra mettendosi al sicuro " - MASSIMO BUBOLA [tratto dall'incipit della canzone MARIA CHE CI CONSOLA, 1979]
stecca
Messaggi: 379
Iscritto il: 01 nov 2008 12:49
Località: BS

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda stecca » 13 dic 2009 15:25

Ps. al posto dei grateful dead, ca va sans dire....PINK FLOYD.
Poi per me in una compilation curativa non dovrebbero mancare i Morphine, ma forse non dovrebbero mancare in nessuna compilation.
Cure for pain??

Beatles...mmm l provo the long and winding road?
Ultima modifica di stecca il 13 dic 2009 15:33, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
JohnnyTheFly
Messaggi: 2373
Iscritto il: 11 giu 2007 20:33
Località: Porretta Terme (BO), capitale dell'AVR

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda JohnnyTheFly » 13 dic 2009 15:30

Forse anche il Boss, Willie Nelson e DeVille......
" Parlando e piangendo appese la giacca al muro poi chiese una birra mettendosi al sicuro " - MASSIMO BUBOLA [tratto dall'incipit della canzone MARIA CHE CI CONSOLA, 1979]
Avatar utente
l'oste
Messaggi: 12773
Iscritto il: 06 giu 2007 14:41
Località: campagna

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda l'oste » 13 dic 2009 15:33

JohnnyTheFly ha scritto:Sì, può essere che abbia scelto Nicola Caverna. Altro pupillo di Carù. 8)

Non siamo così allineati Paolo ed io, non sempre.
Riepilogando e concludendo:

Neil Young - Cowgirl in the sand
Bob Dylan - Like a rolling stone
Tom Waits - Hold on
Jeff Buckley - Halleluyah
Grateful Dead - Dark star
Clash - Janie Jones
Beatles - Happiness is a warm gun
Rolling Stones - Gimme shelter
David Bromberg - As the years go passing by (live)
Van Morrison - Full force gale

Le esclusioni sono troppe, dai Pink Floyd agli Stones, Ramones, Iggy Pop, Johnny Cash, Elvis, Elvis Costello, Stevie Ray Vaughan, Ry Cooder, Ryan Adams, ...
Ma dieci è il numero fisso (Nick Hornby rules).
Ma tanti stanno in un'altra playlist, quella energetica.
Non importa chi sarà l'ultimo a spegnere la luce. E' già buio.


Iir Boon Gesùuu/ ciii/ fuuur/ mini
stecca
Messaggi: 379
Iscritto il: 01 nov 2008 12:49
Località: BS

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda stecca » 13 dic 2009 15:34

Ho editato il mio vecchio post:))
Avatar utente
JohnnyTheFly
Messaggi: 2373
Iscritto il: 11 giu 2007 20:33
Località: Porretta Terme (BO), capitale dell'AVR

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda JohnnyTheFly » 13 dic 2009 15:42

l'oste ha scritto:
JohnnyTheFly ha scritto:Sì, può essere che abbia scelto Nicola Caverna. Altro pupillo di Carù. 8)

Non siamo così allineati Paolo ed io, non sempre.
Riepilogando e concludendo:

Neil Young - Cowgirl in the sand
Bob Dylan - Like a rolling stone
Tom Waits - Hold on
Jeff Buckley - Halleluyah
Grateful Dead - Dark star
Clash - Janie Jones
Beatles - Happiness is a warm gun
Rolling Stones - Gimme shelter
David Bromberg - As the years go passing by (live)
Van Morrison - Full force gale

Le esclusioni sono troppe, dai Pink Floyd agli Stones, Ramones, Iggy Pop, Johnny Cash, Elvis, Elvis Costello, Stevie Ray Vaughan, Ry Cooder, Ryan Adams, ...
Ma dieci è il numero fisso (Nick Hornby rules).
Ma tanti stanno in un'altra playlist, quella energetica.

Gli Stones non li hai esclusi......grande album In To The Music. Sarei curioso di sapere se senza Carù avresti conosciuto Bromberg....... 8)
" Parlando e piangendo appese la giacca al muro poi chiese una birra mettendosi al sicuro " - MASSIMO BUBOLA [tratto dall'incipit della canzone MARIA CHE CI CONSOLA, 1979]
Avatar utente
l'oste
Messaggi: 12773
Iscritto il: 06 giu 2007 14:41
Località: campagna

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda l'oste » 13 dic 2009 15:50

JohnnyTheFly ha scritto:Gli Stones non li hai esclusi......grande album In To The Music. Sarei curioso di sapere se senza Carù avresti conosciuto Bromberg....... 8)

Opps, credevo di aver messo Thepassenger di Iggy and the Stooges.
Into the music è il mio album preferito dell'irlandese, c'è dentro anche Ry Cooder, suona la slide proprio in Full force gale.
Hai assolutamente ragione su Bromberg, così come per molti altri artisti, la funzione e merito maggiore di Mucchio prima e Buscadero poi, sono stati proprio portare più alla luce, fenomeni misconociuti.
Poi magari in certi casi sono diventati un po' conservatori su alcuni nomi, ma va bene così.
Non importa chi sarà l'ultimo a spegnere la luce. E' già buio.


Iir Boon Gesùuu/ ciii/ fuuur/ mini
Avatar utente
JohnnyTheFly
Messaggi: 2373
Iscritto il: 11 giu 2007 20:33
Località: Porretta Terme (BO), capitale dell'AVR

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda JohnnyTheFly » 13 dic 2009 16:17

l'oste ha scritto:Into the music è il mio album preferito dell'irlandese, c'è dentro anche Ry Cooder, suona la slide proprio in Full force gale.

Anche il mio. Su quello di Ry sono indeciso. Posso solo dire di aver ascoltato Chicken Skin Music più degli altri.
" Parlando e piangendo appese la giacca al muro poi chiese una birra mettendosi al sicuro " - MASSIMO BUBOLA [tratto dall'incipit della canzone MARIA CHE CI CONSOLA, 1979]
Avatar utente
l'oste
Messaggi: 12773
Iscritto il: 06 giu 2007 14:41
Località: campagna

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda l'oste » 13 dic 2009 16:28

JohnnyTheFly ha scritto:
l'oste ha scritto:Into the music è il mio album preferito dell'irlandese, c'è dentro anche Ry Cooder, suona la slide proprio in Full force gale.

Anche il mio. Su quello di Ry sono indeciso. Posso solo dire di aver ascoltato Chicken Skin Music più degli altri.

Anche il mio vinile di Chicken Skin Music è consumatissimo. Un po' di più di Bop til you drop. Paradise and lunch e Jazz. Che quartetto di capolavori assoluti però...
Non importa chi sarà l'ultimo a spegnere la luce. E' già buio.


Iir Boon Gesùuu/ ciii/ fuuur/ mini

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: ESwine, teknopadre e 1 ospite