CRONACHE D'OSTERIA

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Avatar utente
l'oste
Messaggi: 12568
Iscritto il: 06 giu 2007 14:41
Località: campagna

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda l'oste » 04 apr 2010 02:07

winedoc74 ha scritto:
l'oste ha scritto:Devo dire che però non ho ancora provato quello di Roumier e non è mancanza da poco.


malissimo! :D allora diciamo che l'occasione per conoscersi per una bevuta insieme la propongo io con un 2006 :roll:

Gran bella proposta. Come poter rifiutare...
Sorrisone.


Gran bella bevuta e mangiata pre pasquale stasera, ma troppo cotto per mettere note, appena mi riprendo.
La colpa è delle cinque bottiglie, di quelle che strizzi la goccia, bevute in sei.
Ssenza contare che domani si ricomincia...

Sorriso biascicante.
Non importa chi sarà l'ultimo a spegnere la luce. E' già buio.


Iir Boon Gesùuu/ ciii/ fuuur/ mini
vinogodi
Messaggi: 28881
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda vinogodi » 04 apr 2010 11:53

winedoc74 ha scritto:
l'oste ha scritto:
marcolandia ha scritto:
l'oste ha scritto:
Devo dire che però non ho ancora provato quello di Roumier e non è mancanza da poco.


malissimo! :D allora diciamo che l'occasione per conoscersi per una bevuta insieme la propongo io con un 2006 :roll:

... 8) ...
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
Avatar utente
winedoc74
Messaggi: 954
Iscritto il: 14 feb 2010 10:53
Località: Bologna, ma Parma sempre nel cuore

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda winedoc74 » 04 apr 2010 17:26

vinogodi ha scritto:
winedoc74 ha scritto:
l'oste ha scritto:
marcolandia ha scritto:
l'oste ha scritto:
Devo dire che però non ho ancora provato quello di Roumier e non è mancanza da poco.


malissimo! :D allora diciamo che l'occasione per conoscersi per una bevuta insieme la propongo io con un 2006 :roll:

... 8) ...

:wink: si organizza?
"...Se vi ritroverete soli a cavalcare su verdi praterie con il sole sulla faccia, non preoccupatevi troppo, perché vi troverete nei campi Elisi e sarete già morti!"
Avatar utente
l'oste
Messaggi: 12568
Iscritto il: 06 giu 2007 14:41
Località: campagna

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda l'oste » 04 apr 2010 19:39

Un po' telegrafico.
Ieri sera cena pre pasquale in sei amici, con verdure gratinate al forno, fondue à la chinoise (quella con il brodo insomma), con salsine fatte in casa, tra le quali spiccava la cipollì (maionese al cipollotto), una mayocurry e una rivisitazione "meridionalizzata" del bagnet vert.
Nella pentolotta di ghisa in cui c'era il brodo ho messo anche qualche manciata di riso crudo che ci siamo mangiati alla fine.
Solito Col Vetoraz d'apripista, poi:

Puligny-Montrachet 2002 - Leflaive
Dizionario base di bianco di borgogna. Piaciuto.

Gevrey-Chambertin 1er Lavaut St.Jacques 2007 - Drouhin-Laroze
Terza mia esperienza con il la nouvelle vague del produttore.
Tanti e sfaccettati profumi puliti, fruttini ma anche dell'anice; mi ha ricordato altri manici che mi piacciono, giovane ma responsabile in bocca. Piaciuto.

Clos de Vougeot 2001 - Domaine Engel
Giudizio fuorviato dal mio amore per il produttore e per i vini fatti bene, che durano e dureranno nel tempo. Piaciuto un bel po'.

Crozes Hermitage Domaine de Thalabert 1999 - Paul Jaboulet
Inizio ossidatuzzo, poi torna a pulsare e a sentirsi il sangue e le erbe, alla cieca sembrava un sangiovese. Bocca ancor più bella, piena e ricca di acidità e gusto. Piaciuto proprio.

* * *

Oggi pranzo di familgia, con ravioli fatti in casa al radicchio e speck (bellissimo il colore rosso radicchio della pasta), poi cosciotto di agnello (peso 1,200 kg) e patate con timo al forno.

Trebbiano 2004 - Valentini
Meno ricco e debordante del solito, un po' metallico al palato, tanta acidità, profumi di esili fiori appassiti. Piaciutino

Haut-Marbuzet 1988
Chissà com'era prima di scollinare tremendamente.

Brunello di Montalcino 1999 - Poggio di Sotto
Colore luminosissimo, che bello. E stavolta nessun sentore dolciotto o lattico, molte spezie, erbe e terra invece. Il frutto si sente quasi di più al palato, succoso, c'è anche dell'arancia rossa. Finale lungo e gustoso. Piaciuto proprio.

Chateau Lynch Bages 2000 - Pauillac
Non ho ancora bevuto un bordeaux 2000 che non mi sia piaciuto. Anche questo, pure di più, con tanto tabacco in evidenza e tanta materia ricca e cremosa al palato. Piaciuto molto.
Non importa chi sarà l'ultimo a spegnere la luce. E' già buio.


Iir Boon Gesùuu/ ciii/ fuuur/ mini
Avatar utente
marcolandia
Messaggi: 4388
Iscritto il: 06 giu 2007 12:30
Località: Milano
Contatta:

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda marcolandia » 04 apr 2010 21:58

l'oste ha scritto:Brunello di Montalcino 1999 - Poggio di Sotto
Colore luminosissimo, che bello. E stavolta nessun sentore dolciotto o lattico, molte spezie, erbe e terra invece. Il frutto si sente quasi di più al palato, succoso, c'è anche dell'arancia rossa. Finale lungo e gustoso. Piaciuto proprio.


Non l'hai trovato un po' debole in bocca? Lo dico perchè -in comparata con altri pari annata- mostrò proprio questo limite.

Ammetto che ultimamente in fatto di persistenza&co sono diventato alquanto pignolo, ma questo giudizio fu condiviso da gran parte degli astanti.
Marco Grossi
Jó bornak nem kell cégér.

Adoss!!!!!
Avatar utente
winedoc74
Messaggi: 954
Iscritto il: 14 feb 2010 10:53
Località: Bologna, ma Parma sempre nel cuore

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda winedoc74 » 04 apr 2010 22:34

[quote="l'oste"]
Gevrey-Chambertin 1er Lavaut St.Jacques 2007 - Drouhin-Laroze
Terza mia esperienza con il la nouvelle vague del produttore.
Tanti e sfaccettati profumi puliti, fruttini ma anche dell'anice; mi ha ricordato altri manici che mi piacciono, giovane ma responsabile in bocca. Piaciuto.

bel domaine, la letteratura dice che la virata decisiva è stata dal 2001 (bevuto il bonnes mares, impressionante per profondità ed eleganza) ; difficilissimo reperire il musigny... cmq dove si può trovare un po' di 2007? :roll:
"...Se vi ritroverete soli a cavalcare su verdi praterie con il sole sulla faccia, non preoccupatevi troppo, perché vi troverete nei campi Elisi e sarete già morti!"
Avatar utente
l'oste
Messaggi: 12568
Iscritto il: 06 giu 2007 14:41
Località: campagna

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda l'oste » 05 apr 2010 02:24

winedoc74 ha scritto:
l'oste ha scritto:Gevrey-Chambertin 1er Lavaut St.Jacques 2007 - Drouhin-Laroze
Terza mia esperienza con il la nouvelle vague del produttore.
Tanti e sfaccettati profumi puliti, fruttini ma anche dell'anice; mi ha ricordato altri manici che mi piacciono, giovane ma responsabile in bocca. Piaciuto.


bel domaine, la letteratura dice che la virata decisiva è stata dal 2001 (bevuto il bonnes mares, impressionante per profondità ed eleganza) ; difficilissimo reperire il musigny... cmq dove si può trovare un po' di 2007? :roll:

Anche a me un caro amico ha detto che la svolta parte dal 2001. Infatti delle mie, comunque poche, esperienze con millesimi precedenti, non ricordo nulla, a parte il nome perchè mi rammentava i tanti Drouhin (c'è pure in Oregon).
Il loro Bonnes Mares mai bevuto, post 2001 ho provato solo il village base e il Clos de Beze 2006 un annetto fa e mi erano piaciuti (il CdB davvero molto) per la grande pulizia ed eleganza aromatica, anche se ho trovato maggior durezza al palato rispetto a molti altri 2006.
Siccome anche il Lavaut 2007 mi è sembrato bello dritto in bocca, a parte la estrema giovinezza, magari conta anche lo stile, le parcelle o un segno di longevità futura; sinceramente con così poche bevute non mi viene in mente molto da collegare.
Non importa chi sarà l'ultimo a spegnere la luce. E' già buio.


Iir Boon Gesùuu/ ciii/ fuuur/ mini
Avatar utente
Aramis
Messaggi: 3883
Iscritto il: 06 giu 2007 15:50

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda Aramis » 05 apr 2010 11:43

l'oste ha scritto:
winedoc74 ha scritto:
l'oste ha scritto:Gevrey-Chambertin 1er Lavaut St.Jacques 2007 - Drouhin-Laroze
Terza mia esperienza con il la nouvelle vague del produttore.
Tanti e sfaccettati profumi puliti, fruttini ma anche dell'anice; mi ha ricordato altri manici che mi piacciono, giovane ma responsabile in bocca. Piaciuto.


bel domaine, la letteratura dice che la virata decisiva è stata dal 2001 (bevuto il bonnes mares, impressionante per profondità ed eleganza) ; difficilissimo reperire il musigny... cmq dove si può trovare un po' di 2007? :roll:

Anche a me un caro amico ha detto che la svolta parte dal 2001. Infatti delle mie, comunque poche, esperienze con millesimi precedenti, non ricordo nulla, a parte il nome perchè mi rammentava i tanti Drouhin (c'è pure in Oregon).
Il loro Bonnes Mares mai bevuto, post 2001 ho provato solo il village base e il Clos de Beze 2006 un annetto fa e mi erano piaciuti (il CdB davvero molto) per la grande pulizia ed eleganza aromatica, anche se ho trovato maggior durezza al palato rispetto a molti altri 2006.
Siccome anche il Lavaut 2007 mi è sembrato bello dritto in bocca, a parte la estrema giovinezza, magari conta anche lo stile, le parcelle o un segno di longevità futura; sinceramente con così poche bevute non mi viene in mente molto da collegare.


Cercate i 2002, sono strepitosi. Un nome? Il Latricières-Chambertin, solita bocca lapidaria ma il naso è un jolly strafatto e ipercinetico.
"L’appellation d’origine constitue un patrimoine collectif, et ne peut donc pas être la propriété d’opérateurs économiques à titre privatif, contrairement à une marque, par exemple." (INAO, Institut National des Appellations d'Origine)
Avatar utente
l'oste
Messaggi: 12568
Iscritto il: 06 giu 2007 14:41
Località: campagna

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda l'oste » 06 apr 2010 01:58

Aramis ha scritto:
l'oste ha scritto:
winedoc74 ha scritto:
l'oste ha scritto:Gevrey-Chambertin 1er Lavaut St.Jacques 2007 - Drouhin-Laroze
Terza mia esperienza con il la nouvelle vague del produttore.
Tanti e sfaccettati profumi puliti, fruttini ma anche dell'anice; mi ha ricordato altri manici che mi piacciono, giovane ma responsabile in bocca. Piaciuto.


bel domaine, la letteratura dice che la virata decisiva è stata dal 2001 (bevuto il bonnes mares, impressionante per profondità ed eleganza) ; difficilissimo reperire il musigny... cmq dove si può trovare un po' di 2007? :roll:

Anche a me un caro amico ha detto che la svolta parte dal 2001. Infatti delle mie, comunque poche, esperienze con millesimi precedenti, non ricordo nulla, a parte il nome perchè mi rammentava i tanti Drouhin (c'è pure in Oregon).
Il loro Bonnes Mares mai bevuto, post 2001 ho provato solo il village base e il Clos de Beze 2006 un annetto fa e mi erano piaciuti (il CdB davvero molto) per la grande pulizia ed eleganza aromatica, anche se ho trovato maggior durezza al palato rispetto a molti altri 2006.
Siccome anche il Lavaut 2007 mi è sembrato bello dritto in bocca, a parte la estrema giovinezza, magari conta anche lo stile, le parcelle o un segno di longevità futura; sinceramente con così poche bevute non mi viene in mente molto da collegare.


Cercate i 2002, sono strepitosi. Un nome? Il Latricières-Chambertin, solita bocca lapidaria ma il naso è un jolly strafatto e ipercinetico.

Abbiamo la fortuna di conoscere un Bottle's Detective che legge il forum, caro amico.
Tempo un mese e la trova.
Sono molto curioso di capire che naso viene fuori da un incrocio tra Joker Nicholson e Joker Ledger.
Come per i vini "One Hit", sarebbe interessante un thread su quelli dai nasi jolly (strafatti, ipercinetici, ipnotici, litanici, liturgici e quant'altro).
Non importa chi sarà l'ultimo a spegnere la luce. E' già buio.


Iir Boon Gesùuu/ ciii/ fuuur/ mini
Avatar utente
winedoc74
Messaggi: 954
Iscritto il: 14 feb 2010 10:53
Località: Bologna, ma Parma sempre nel cuore

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda winedoc74 » 06 apr 2010 08:41

l'oste ha scritto:
Aramis ha scritto:
l'oste ha scritto:
winedoc74 ha scritto:
l'oste ha scritto:Gevrey-Chambertin 1er Lavaut St.Jacques 2007 - Drouhin-Laroze
Terza mia esperienza con il la nouvelle vague del produttore.
Tanti e sfaccettati profumi puliti, fruttini ma anche dell'anice; mi ha ricordato altri manici che mi piacciono, giovane ma responsabile in bocca. Piaciuto.


bel domaine, la letteratura dice che la virata decisiva è stata dal 2001 (bevuto il bonnes mares, impressionante per profondità ed eleganza) ; difficilissimo reperire il musigny... cmq dove si può trovare un po' di 2007? :roll:

Anche a me un caro amico ha detto che la svolta parte dal 2001. Infatti delle mie, comunque poche, esperienze con millesimi precedenti, non ricordo nulla, a parte il nome perchè mi rammentava i tanti Drouhin (c'è pure in Oregon).
Il loro Bonnes Mares mai bevuto, post 2001 ho provato solo il village base e il Clos de Beze 2006 un annetto fa e mi erano piaciuti (il CdB davvero molto) per la grande pulizia ed eleganza aromatica, anche se ho trovato maggior durezza al palato rispetto a molti altri 2006.
Siccome anche il Lavaut 2007 mi è sembrato bello dritto in bocca, a parte la estrema giovinezza, magari conta anche lo stile, le parcelle o un segno di longevità futura; sinceramente con così poche bevute non mi viene in mente molto da collegare.


Cercate i 2002, sono strepitosi. Un nome? Il Latricières-Chambertin, solita bocca lapidaria ma il naso è un jolly strafatto e ipercinetico.

Abbiamo la fortuna di conoscere un Bottle's Detective che legge il forum, caro amico.
Tempo un mese e la trova.
Sono molto curioso di capire che naso viene fuori da un incrocio tra Joker Nicholson e Joker Ledger.
Come per i vini "One Hit", sarebbe interessante un thread su quelli dai nasi jolly (strafatti, ipercinetici, ipnotici, litanici, liturgici e quant'altro).

eh..un D-L 2002 mi piacerebbe molto sentirlo.... :roll:
"...Se vi ritroverete soli a cavalcare su verdi praterie con il sole sulla faccia, non preoccupatevi troppo, perché vi troverete nei campi Elisi e sarete già morti!"
Avatar utente
alexer3b
Messaggi: 10554
Iscritto il: 06 giu 2007 11:45
Località: Roma

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda alexer3b » 06 apr 2010 11:16

winedoc74 ha scritto:
l'oste ha scritto:Gevrey-Chambertin 1er Lavaut St.Jacques 2007 - Drouhin-Laroze
Terza mia esperienza con il la nouvelle vague del produttore.
Tanti e sfaccettati profumi puliti, fruttini ma anche dell'anice; mi ha ricordato altri manici che mi piacciono, giovane ma responsabile in bocca. Piaciuto.


bel domaine, la letteratura dice che la virata decisiva è stata dal 2001 (bevuto il bonnes mares, impressionante per profondità ed eleganza) ; difficilissimo reperire il musigny... cmq dove si può trovare un po' di 2007? :roll:

In cantina mia , Musigny compreso ! :D

Alex
Oggi, in latino...l'ha pijata ar culo. (Romano ad honorem 08-10-2008)

... a Nossiter (come ai suoi compaesani) bisognerebbe spiegare che quando avrà capito l’importanza di usare il bidet sarà sempre troppo tardi… :lol: (anonimo 07-02-2012)
Avatar utente
winedoc74
Messaggi: 954
Iscritto il: 14 feb 2010 10:53
Località: Bologna, ma Parma sempre nel cuore

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda winedoc74 » 06 apr 2010 11:20

alexer3b ha scritto:
winedoc74 ha scritto:
l'oste ha scritto:Gevrey-Chambertin 1er Lavaut St.Jacques 2007 - Drouhin-Laroze
Terza mia esperienza con il la nouvelle vague del produttore.
Tanti e sfaccettati profumi puliti, fruttini ma anche dell'anice; mi ha ricordato altri manici che mi piacciono, giovane ma responsabile in bocca. Piaciuto.


bel domaine, la letteratura dice che la virata decisiva è stata dal 2001 (bevuto il bonnes mares, impressionante per profondità ed eleganza) ; difficilissimo reperire il musigny... cmq dove si può trovare un po' di 2007? :roll:

In cantina mia , Musigny compreso ! :D

Alex

alex, ma ti ci hanno mai mandato....? ah già sì! un sacco di volte! :mrgreen:
"...Se vi ritroverete soli a cavalcare su verdi praterie con il sole sulla faccia, non preoccupatevi troppo, perché vi troverete nei campi Elisi e sarete già morti!"
Avatar utente
alexer3b
Messaggi: 10554
Iscritto il: 06 giu 2007 11:45
Località: Roma

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda alexer3b » 06 apr 2010 12:46

winedoc74 ha scritto:
alexer3b ha scritto:
winedoc74 ha scritto:
l'oste ha scritto:Gevrey-Chambertin 1er Lavaut St.Jacques 2007 - Drouhin-Laroze
Terza mia esperienza con il la nouvelle vague del produttore.
Tanti e sfaccettati profumi puliti, fruttini ma anche dell'anice; mi ha ricordato altri manici che mi piacciono, giovane ma responsabile in bocca. Piaciuto.


bel domaine, la letteratura dice che la virata decisiva è stata dal 2001 (bevuto il bonnes mares, impressionante per profondità ed eleganza) ; difficilissimo reperire il musigny... cmq dove si può trovare un po' di 2007? :roll:

In cantina mia , Musigny compreso ! :D

Alex

alex, ma ti ci hanno mai mandato....? ah già sì! un sacco di volte! :mrgreen:

Fa sempre piacere dotto' ! :lol:

Alex
Oggi, in latino...l'ha pijata ar culo. (Romano ad honorem 08-10-2008)

... a Nossiter (come ai suoi compaesani) bisognerebbe spiegare che quando avrà capito l’importanza di usare il bidet sarà sempre troppo tardi… :lol: (anonimo 07-02-2012)
barone79
Messaggi: 3391
Iscritto il: 04 gen 2008 03:22
Località: arezzo/perugia

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda barone79 » 06 apr 2010 15:37

Aramis ha scritto:
l'oste ha scritto:
winedoc74 ha scritto:
l'oste ha scritto:Gevrey-Chambertin 1er Lavaut St.Jacques 2007 - Drouhin-Laroze
Terza mia esperienza con il la nouvelle vague del produttore.
Tanti e sfaccettati profumi puliti, fruttini ma anche dell'anice; mi ha ricordato altri manici che mi piacciono, giovane ma responsabile in bocca. Piaciuto.


bel domaine, la letteratura dice che la virata decisiva è stata dal 2001 (bevuto il bonnes mares, impressionante per profondità ed eleganza) ; difficilissimo reperire il musigny... cmq dove si può trovare un po' di 2007? :roll:

Anche a me un caro amico ha detto che la svolta parte dal 2001. Infatti delle mie, comunque poche, esperienze con millesimi precedenti, non ricordo nulla, a parte il nome perchè mi rammentava i tanti Drouhin (c'è pure in Oregon).
Il loro Bonnes Mares mai bevuto, post 2001 ho provato solo il village base e il Clos de Beze 2006 un annetto fa e mi erano piaciuti (il CdB davvero molto) per la grande pulizia ed eleganza aromatica, anche se ho trovato maggior durezza al palato rispetto a molti altri 2006.
Siccome anche il Lavaut 2007 mi è sembrato bello dritto in bocca, a parte la estrema giovinezza, magari conta anche lo stile, le parcelle o un segno di longevità futura; sinceramente con così poche bevute non mi viene in mente molto da collegare.


Cercate i 2002, sono strepitosi. Un nome? Il Latricières-Chambertin, solita bocca lapidaria ma il naso è un jolly strafatto e ipercinetico.

io ho un clos vougeot 2006....
che mi dici???
è figlio unico,dovrei aspettare ancora un po' o posso gia' prendere per le orecchie tranquillamente??? :D
barone79
Messaggi: 3391
Iscritto il: 04 gen 2008 03:22
Località: arezzo/perugia

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda barone79 » 06 apr 2010 15:38

Aramis ha scritto:
l'oste ha scritto:
winedoc74 ha scritto:
l'oste ha scritto:Gevrey-Chambertin 1er Lavaut St.Jacques 2007 - Drouhin-Laroze
Terza mia esperienza con il la nouvelle vague del produttore.
Tanti e sfaccettati profumi puliti, fruttini ma anche dell'anice; mi ha ricordato altri manici che mi piacciono, giovane ma responsabile in bocca. Piaciuto.


bel domaine, la letteratura dice che la virata decisiva è stata dal 2001 (bevuto il bonnes mares, impressionante per profondità ed eleganza) ; difficilissimo reperire il musigny... cmq dove si può trovare un po' di 2007? :roll:

Anche a me un caro amico ha detto che la svolta parte dal 2001. Infatti delle mie, comunque poche, esperienze con millesimi precedenti, non ricordo nulla, a parte il nome perchè mi rammentava i tanti Drouhin (c'è pure in Oregon).
Il loro Bonnes Mares mai bevuto, post 2001 ho provato solo il village base e il Clos de Beze 2006 un annetto fa e mi erano piaciuti (il CdB davvero molto) per la grande pulizia ed eleganza aromatica, anche se ho trovato maggior durezza al palato rispetto a molti altri 2006.
Siccome anche il Lavaut 2007 mi è sembrato bello dritto in bocca, a parte la estrema giovinezza, magari conta anche lo stile, le parcelle o un segno di longevità futura; sinceramente con così poche bevute non mi viene in mente molto da collegare.


Cercate i 2002, sono strepitosi. Un nome? Il Latricières-Chambertin, solita bocca lapidaria ma il naso è un jolly strafatto e ipercinetico.
Avatar utente
winedoc74
Messaggi: 954
Iscritto il: 14 feb 2010 10:53
Località: Bologna, ma Parma sempre nel cuore

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda winedoc74 » 06 apr 2010 17:43

barone79 ha scritto:
Aramis ha scritto:
l'oste ha scritto:
winedoc74 ha scritto:
l'oste ha scritto:Gevrey-Chambertin 1er Lavaut St.Jacques 2007 - Drouhin-Laroze
Terza mia esperienza con il la nouvelle vague del produttore.
Tanti e sfaccettati profumi puliti, fruttini ma anche dell'anice; mi ha ricordato altri manici che mi piacciono, giovane ma responsabile in bocca. Piaciuto.


bel domaine, la letteratura dice che la virata decisiva è stata dal 2001 (bevuto il bonnes mares, impressionante per profondità ed eleganza) ; difficilissimo reperire il musigny... cmq dove si può trovare un po' di 2007? :roll:

Anche a me un caro amico ha detto che la svolta parte dal 2001. Infatti delle mie, comunque poche, esperienze con millesimi precedenti, non ricordo nulla, a parte il nome perchè mi rammentava i tanti Drouhin (c'è pure in Oregon).
Il loro Bonnes Mares mai bevuto, post 2001 ho provato solo il village base e il Clos de Beze 2006 un annetto fa e mi erano piaciuti (il CdB davvero molto) per la grande pulizia ed eleganza aromatica, anche se ho trovato maggior durezza al palato rispetto a molti altri 2006.
Siccome anche il Lavaut 2007 mi è sembrato bello dritto in bocca, a parte la estrema giovinezza, magari conta anche lo stile, le parcelle o un segno di longevità futura; sinceramente con così poche bevute non mi viene in mente molto da collegare.


Cercate i 2002, sono strepitosi. Un nome? Il Latricières-Chambertin, solita bocca lapidaria ma il naso è un jolly strafatto e ipercinetico.

io ho un clos vougeot 2006....
che mi dici???
è figlio unico,dovrei aspettare ancora un po' o posso gia' prendere per le orecchie tranquillamente??? :D

aspetta..
"...Se vi ritroverete soli a cavalcare su verdi praterie con il sole sulla faccia, non preoccupatevi troppo, perché vi troverete nei campi Elisi e sarete già morti!"
barone79
Messaggi: 3391
Iscritto il: 04 gen 2008 03:22
Località: arezzo/perugia

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda barone79 » 06 apr 2010 21:33

:wink:
giama
Messaggi: 1080
Iscritto il: 06 giu 2007 13:33
Località: Roma

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda giama » 07 apr 2010 11:20

Ketto ha scritto: scherzi a parte di drouhin-laroze consiglio il clos de beze, osate andare indietro tranquillamente.. ho bevuto un paio di volte un 96 come diresti tu "da manuale" di borgogna! piaciuto parecchio! diciamo che lo colloco tranquillamente a livello di uno chambertin di trapet, e/o pari livello.. equilibrio ed eleganza.. forse anche con un pizzico di materia in più.

sconsiglio invece il loro musigny, grande delusione.


Mi dici cortesemente quali annate, e quando le hai bevute, del Musigny di Drouhin-Laroze, e cosa non ti è piaciuto?
Se sei stato da loro, mi diresti anche cosa ti è parso dei loro vini nel complesso?
Iir Boon Gesuù/cii/fuur/mini
giama
Messaggi: 1080
Iscritto il: 06 giu 2007 13:33
Località: Roma

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda giama » 07 apr 2010 11:56

Ketto ha scritto:il musigny incriminato è il 2003, un vino davvero imbarazzante.. come si fà in un'ananta calda a fare un vino "acerbo" rimane un mistero.. la bottiglia è rimasta imbevuta.. (certo a tavola c'erano altri grossi calibri.. ma il vino era veramente terribile).
un commensale (di cui ho stima immensa come degustatore) ci ha detto che era la sua seconda esperienza negativa.. allora mi capirai se non ho voluto investire oltre.. e ho continuato ad acquistare il clos de beze (ed un paio di clos vougeot).
p.s. non ho preconcetti verso la 2003, che anzi a mio avviso è una grande annata. nè il difetto in questione era a mio avviso da attribuirsi alla giovinezza del vino. rimane veramente un mistero..



Quindi, se ho capito bene, hai bevuto una sola volta il solo Musigny 2003.
Da come ne parlavi, e soprattutto dalla perentorietà del giudizio, sembrava che ne avessi bevuti diversi.
Tra l'altro mi pare di capire che, preconcetti a parte, l'annata 2003 non sia tra le tue preferite (a dire il vero neanche tra le mie, con poche eccezioni, Engel tra gli altri), quindi potrebbe essere un "problema" legato all'annata piuttosto che al produttore o al cru, o no?
Non era forse più corrispondente al tuo pensiero dire che ti era sembrato orribile il Musigny 2003?
Avrai forse capito che le mie esperienze con il Musigny di Drouhin-Laroze non collimano con le (vabbè....LA) tue esperienze. Tra gli ultimi in particolare, i miei compagni mi corriggeranno se sbaglio, il 2006 mi sembrò superbo e il 2007, che probabilmente non sarà mai un grande vino, schifo schifo non fa, semmai disattende le aspettative che è logico avere da un cru così nobile.
Mi dici, comunque, quali altri vini di Drouhin-Laroze hai bevuto? Vorrei capire se quando consigli il Clos de Beze lo fai perchè lo hai raffrontato con gli altri della gamma oppure è l'unico, insieme al Musigny 2003, che hai provato. Detto ciò, sono comunque daccordo che, mediamente, il Clos de Beze è il suo vino migliore. Da ultimo, ho bevuto recentemente, tre volte, il Gevrey Chambertin 2007 e, confesso...con un minimo di sorpresa, l'ho trovato ottimo, molto territoriale e piacevolissimo da bere oggi. Mi pento di averne prese così poche.
Iir Boon Gesuù/cii/fuur/mini
Il Comandante
Messaggi: 5946
Iscritto il: 11 giu 2007 13:51

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda Il Comandante » 07 apr 2010 12:02

giama ha scritto:Da ultimo, ho bevuto recentemente, tre volte, il Gevrey Chambertin 2007 e, confesso...con un minimo di sorpresa, l'ho trovato ottimo, molto territoriale e piacevolissimo da bere oggi. Mi pento di averne prese così poche.


Io ne ho, ma indietro non te le do... :P
Tra l'altro non ci crederai ma, Erode come sono, non ne ho ancora aperta neanche una. Certo che dopo questo tuo post la loro aspettativa di vita residua nella mia cantina si è accorciata di colpo... :D
AKA J. L. Picard
"Lungi da me fare la vittima" - unadomanda (ketto reloaded)
giama
Messaggi: 1080
Iscritto il: 06 giu 2007 13:33
Località: Roma

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda giama » 07 apr 2010 12:10

Il Comandante ha scritto:
giama ha scritto: Tra l'altro non ci crederai ma, Erode come sono, non ne ho ancora aperta neanche una. Certo che dopo questo tuo post la loro aspettativa di vita residua nella mia cantina si è accorciata di colpo... :D


Conoscendo le tue tendenze, credo che lo troverai...defunto :lol:
La prima bottiglie l'ho portata da amici che non avevano mai bevuto nulla di Borgogna, le altre due...dagli stessi amici dopo qualche tempo su precisa richiesta...
Comunque, ne ho ancora :P , che berrò in attesa di aprire, dopo adeguata attesa,gli altri 2006 e 2007 che ho ancora in cantina. L'impressione è che i vini di Drouhin-Laroze, con poche eccezioni, tendano a chiudersi molto presto.
Iir Boon Gesuù/cii/fuur/mini
Avatar utente
pippuz
Messaggi: 20278
Iscritto il: 06 giu 2007 11:05
Località: MilanoMilano

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda pippuz » 07 apr 2010 12:20

giama ha scritto:che i vini di Drouhin-Laroze, con poche eccezioni, tendano a chiudersi molto presto.

Si, vabbè. Se gli dici così se li beve tutti tra stasera e domani. :mrgreen:
over the mountain watching the watcher
breaking the darkness waking the grapevine
one inch of love is one inch of shadow
love is the shadow that ripens the wine
giama
Messaggi: 1080
Iscritto il: 06 giu 2007 13:33
Località: Roma

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda giama » 07 apr 2010 12:23

pippuz ha scritto:
giama ha scritto:che i vini di Drouhin-Laroze, con poche eccezioni, tendano a chiudersi molto presto.

Si, vabbè. Se gli dici così se li beve tutti tra stasera e domani. :mrgreen:


Mi sa che hai ragione, l'ho sentito al telefono e in sottofondo sentivo rumori di cavatappi :mrgreen:
Iir Boon Gesuù/cii/fuur/mini
slow ciccio
Messaggi: 401
Iscritto il: 06 giu 2007 11:52

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda slow ciccio » 07 apr 2010 12:24

giama ha scritto:... il Musigny di Drouhin-Laroze... il 2007, che probabilmente non sarà mai un grande vino, schifo schifo non fa...

Dal mio punto di vista, l'assaggio più fulmicotonico dell'intera gitarella datata - ormai - Luglio 2008.
Mo' non ho idea di cosa fosse il 2006, ma nella mia personalissima scala (vabbè, scaletta... :lol: ) di esperienze, mai prima d'allora da una botte contenente vino mi era stato spillato qualcosa di più ipnotico.
Poi si tornò in loco, l'anno dopo, e allora... :shock:

Sempre da botte, trovai impressionanti:
a) la chiusura di bocca del Clos De Bèze, la perfezione fatta vino
b) le dimensioni titaniche del Clos Vougeot, una specie di "All Black" di due metri x 130 chili intento a spararsi i 100 metri in 12 secondi a mascella serrata, perfettamente coordinato, con la palla ovale incastrata sotto l'ascellona che vajela a levà se cc'hai coraggio... :lol:
c) l'irrequietezza del Bonnes Mares, un'amazzone nevrile e sfrontata, nella sua "imperfezione" (Musigny a parte, fuori concorso) l'assaggio che forse mi colpì di più.

Just my 2 lire. :lol:
Iir / boon / Gesùùù / ci / fuuur-minì
Avatar utente
Aramis
Messaggi: 3883
Iscritto il: 06 giu 2007 15:50

Re: CRONACHE D'OSTERIA

Messaggioda Aramis » 07 apr 2010 12:28

For my 2 lire, credo di aver già detto, dato e scritto...!
"L’appellation d’origine constitue un patrimoine collectif, et ne peut donc pas être la propriété d’opérateurs économiques à titre privatif, contrairement à une marque, par exemple." (INAO, Institut National des Appellations d'Origine)

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: duccio82, lucalupo, MarcelloR, mofise, samuele77, Spectator e 17 ospiti