The Drunk Ducks' Nest ... fall-winter 2019-20

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7775
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: The Drunk Ducks' Nest ... summer 2019

Messaggioda zampaflex » 17 ott 2019 20:29

Konstantin_Levin88 ha scritto:Però dai, Marengo sopra Guigal non si può vedere...

Colpa di qualche voto malandrino :mrgreen:
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7775
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: The Drunk Ducks' Nest ... summer 2019

Messaggioda zampaflex » 17 ott 2019 20:31

Alberto ha scritto:Domanda banale...bottiglie coperte o scoperte? :roll:

Non solo coperte, la valletta (nuda, così ci siamo distratti) le ha mischiate nelle batterie.
Solo Ale sapeva quali vini ci sarebbero stati, ma non in che ordine.
Indizi, quasi nessuno.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
maxer
Messaggi: 3138
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: emisfero boreale

Re: The Drunk Ducks' Nest ... summer 2019

Messaggioda maxer » 17 ott 2019 21:36

Alberto ha scritto:
maxer ha scritto:
Wineduck ha scritto:... i bravi degustatori dovrebbero essere capaci di riconoscere la grandezza di un vino anche in gioventù ... potete stare certi che scatteranno diverse "purghe staliniste" ...

..... mi sento proprio una merdaccia :cry: .....

me lo merito il Gulag, me lo merito !

I Gulag...che poi è l'anagramma di...

..... dopo un lungo e animato confronto con l' amico Stefano ( Bartezzaghi ), abbiamo faticosamente concordato che la soluzione coincide con quel giovane vino francese incompreso, la cui valutazione é attualmente oggetto di furiose e insanabili polemiche .....

ulteriore anagramma : GAGIUL
carpe diem 8)
Vinos
Messaggi: 1014
Iscritto il: 09 feb 2015 23:26

Re: The Drunk Ducks' Nest ... summer 2019

Messaggioda Vinos » 18 ott 2019 07:45

arnaldo ha scritto:landonne 06 di Guigal era,come pure Serein Noire 05 di gangloff, straordinariamente GIOVANE, tanto giovane. Purpureo/violaceo alla vista ( e gia' li' capisci molto), al naso note di mora,gelso con tratti ancora quasi vinosi (zio billi)...era impossibile non capire che era indietro. Quindi da qualcuno abituato agli anni 80/90 figuriamoci.....tantopiu' schierato assieme ad altri.........perchè invece se lo bevi da solo, a palato resettato, sorbole che buono....94/100 ah ah ah ah ah :lol: :lol: :lol:


Aldo vorrei solo ricordarti che alla Landonne di Guigal hai dato un voto bassissimo, per poi ricrederti a bottiglia scoperta...
Di landonne giovani ho bevuto 00/01/2004/2008, tutte più buone di questa 2006 che in questo momento è molto sul frutto, ha poca mobilità e dá poche soddisfazioni, magari tra 10/20 anni sará un’altra cosa, ma l’abbiamo valutata adesso ed io risultato è stato quello....
Sia gerin che rostaing erano vini migliori per tutti, quindi c’è poca filosofia da fare....
Ps 2006 per me è un’annata che in questo momento in rodano fa godere, vedi rostaing, gerin, allemand( sia chaillot che reynard) rayas, chave, jamet( sia cote rotie che cote brune), geynale di michel, fonsalette, château des tours vacqueyras. ... per ora solo la landonne 2006 e brunel cuvee centenaire 2006 non mi hanno convinto....
Anche gangloff 2005 era giovanissimo, ma decisamente più buono di guigal in questo momento... infatti ha avuto un punteggio maggiore....
Avatar utente
arnaldo
Messaggi: 8675
Iscritto il: 07 giu 2007 08:21
Località: Bassano del Grappa

Re: The Drunk Ducks' Nest ... summer 2019

Messaggioda arnaldo » 18 ott 2019 18:01

Landonne 06 guidal ho dato 88/100 (chiedo conferma ad Ale). 88/100 è un voto molto alto,non dimentichiamolo. Facile che nei prossimi decenni sia destinato a salire. 8)
follow my tasting notes and pics on http://instagram.com/ARNALDO2262/
Avatar utente
arnaldo
Messaggi: 8675
Iscritto il: 07 giu 2007 08:21
Località: Bassano del Grappa

Re: The Drunk Ducks' Nest ... summer 2019

Messaggioda arnaldo » 18 ott 2019 18:03

ZEL WINE ha scritto:
arnaldo ha scritto:landonne 06 di Guigal era,come pure Serein Noire 05 di gangloff, straordinariamente GIOVANE, tanto giovane. Purpureo/violaceo alla vista ( e gia' li' capisci molto), al naso note di mora,gelso con tratti ancora quasi vinosi (zio billi)...era impossibile non capire che era indietro. Quindi da qualcuno abituato agli anni 80/90 figuriamoci.....tantopiu' schierato assieme ad altri.........perchè invece se lo bevi da solo, a palato resettato, sorbole che buono....94/100 ah ah ah ah ah :lol: :lol: :lol:


tra un landonne 06 e un landonne 85 88 ci sono 10 punti uso ridere. anche tra 20 anni


Infatti ZEL credo di aver dato 88/100 a Landonne 06 contro un 96/100 anni addietro ad unla Landonne 88.
follow my tasting notes and pics on http://instagram.com/ARNALDO2262/
Avatar utente
arnaldo
Messaggi: 8675
Iscritto il: 07 giu 2007 08:21
Località: Bassano del Grappa

Re: The Drunk Ducks' Nest ... summer 2019

Messaggioda arnaldo » 18 ott 2019 18:05

Vinos ha scritto:Sia gerin che rostaing erano vini migliori per tutti, quindi c’è poca filosofia da fare....

Anche gangloff 2005 era giovanissimo, ma decisamente più buono di guigal in questo momento... infatti ha avuto un punteggio maggiore....


Vero. Infatti x me Gerin 96/100 e Rostaing 95/100. me li ricordo tutti,. :lol: :lol:

Attenzione. Su Guigal il voto si è abbassato di media perchè avete votato basso Fabio,Dino e forse te. Ma i voti personali sono per me rispettabilissimi e sacrosanti. :wink:
follow my tasting notes and pics on http://instagram.com/ARNALDO2262/
Vinos
Messaggi: 1014
Iscritto il: 09 feb 2015 23:26

Re: The Drunk Ducks' Nest ... summer 2019

Messaggioda Vinos » 18 ott 2019 19:10

arnaldo ha scritto:
Vinos ha scritto:Sia gerin che rostaing erano vini migliori per tutti, quindi c’è poca filosofia da fare....

Anche gangloff 2005 era giovanissimo, ma decisamente più buono di guigal in questo momento... infatti ha avuto un punteggio maggiore....


Vero. Infatti x me Gerin 96/100 e Rostaing 95/100. me li ricordo tutti,. :lol: :lol:

Attenzione. Su Guigal il voto si è abbassato di media perchè avete votato basso Fabio,Dino e forse te. Ma i voti personali sono per me rispettabilissimi e sacrosanti. :wink:


Io ho dato lo stesso punteggio tuo...
ZEL WINE
Messaggi: 7206
Iscritto il: 06 giu 2007 16:36

Re: The Drunk Ducks' Nest ... summer 2019

Messaggioda ZEL WINE » 18 ott 2019 23:37

arnaldo ha scritto:Landonne 06 guidal ho dato 88/100 (chiedo conferma ad Ale). 88/100 è un voto molto alto,non dimentichiamolo. Facile che nei prossimi decenni sia destinato a salire. 8)

Non diventerà mai principe, fidati.
fama di loro il mondo esser non lassa;
misericordia e giustizia li sdegna:
non ragioniam di lor, ma guarda e passa.
Avatar utente
Wineduck
Messaggi: 4188
Iscritto il: 06 giu 2007 15:16

Re: The Drunk Ducks' Nest ... summer 2019

Messaggioda Wineduck » 19 ott 2019 15:16

Vinos ha scritto:..... ma l’abbiamo valutata adesso ed io risultato è stato quello....

... per ora solo la landonne 2006 e ...... non mi hanno convinto....

... ma decisamente più buono di guigal in questo momento...
:o :oops: :evil:

Vincenzo sai quanto ti stimi e quanto soprattutto apprezzi il tuo entusiasmo per i grandi vini. Su queste affermazioni però sono in totale disaccordo. Se non fosse possibile valutare un vino nelle sue potenzialità evolutive non servirebbe tanta esperienza e competenza per degustare. A pensarci bene non servirebbero neppure i critici con le loro guide o riviste specializzate, anzi nessuno berrebbe un vino prima di 10-20-30-40 anni dalla vendemmia e soprattutto nessuno darebbe un punteggio elevato ad un vino che non fosse totalmente svolto! Solo i miei parenti eno-ignari dicono "giudico quello che ho nel bicchiere"! Che poi cosa significa esattamente? E' normale che uno debba giudicare quello che il vino dice nel bicchiere ma ci sono tanti modi di "interpretare" il bicchiere. Per mettere 12-13 punti di differenza fra il miglior vino della giornata e qualla magnifica Landonne significa giudicare solo con la parte istintiva e viscerale del proprio gusto, abdicando totalmente da quella più tecnica, evoluta e cerebrale.
Il vino era sicuramente compresso, quasi primario in alcuni tratti (e già questo avrebbe dovuto mettere in allerta: quanto vini sono così dopo 13 anni dalla vendemia? Per la mia esperienza solo i più grandi in assoluto!) ma aveva al contempo una freschezza integrata nel frutto mirabolante, una cremosità dolce e lunghissima determinata da tannini di grana finissima e fittissima ed un finale che permeava tutto il palato con quella crema di cassis intarsiato di sentori minerali (non solo scuri ma anche più chiari in alcuni momenti).
In sintesi:
1) equilibrio perfetto fra parti dure e morbide
2) tannini etratti in modo magistrale e di fattura nobile
3) finale saporito e dolce-fresco quasi eterno
E questo sarebbe un vino da meno di 90 punti?
Ma avete presente che sotto i 90 punti oggigiorno fanno fatica a starci i Chianti base o i Nebbiolo d'Alba appena immessi sul mercato?

Sono sempre stato il primo a sostenere che gli appassionati non debbano sciommiottare i critici professionisti ma proprio guardando solo i rapporti relativi e non quelli assoluti, quelle distanze fra i vini di quelle batterie sono per me inaccettabili.
Credo che un piccolo esame della vostra "coscienza enotecnica" ve la dobbiate fare...
"People call me rude, I wish we all were nude, I wish there was no black and white, I wish there were no rules" [Controversy]

follow my tasting notes and pics on http://instagram.com/wineleaner/
vinogodi
Messaggi: 28624
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: The Drunk Ducks' Nest ... summer 2019

Messaggioda vinogodi » 19 ott 2019 16:09

...bevuto relativamente di recente un paio - tre volte sia con amici in relativo stretto gruppo ( eravamo in 4 , in una sera primaverile di un paio d' anni fa ) sia in bicchierate contestualizzato, anche con altri forumisti. ..gran vino, col quale sono notoriamente sessulamente compatibile ( anche se la Turque è il mio preferito) ... forse l' avete trovato in un momento di chiusura, ci sta. Lo vorrei riprovare a breve- brevissimo ( domenica?) così ne parliamo e continuiamo la discussione. Gran bevuta, bravi, anche se ormai Ale , sei una certezza , nella scelta delle bocce...sono certo che non alla cieca un paio di voti in più saltavano fuori in ogni bottiglia... Con una Ceca sotto il tavolo , anche 3 punti.. 8)
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
Vinos
Messaggi: 1014
Iscritto il: 09 feb 2015 23:26

Re: The Drunk Ducks' Nest ... summer 2019

Messaggioda Vinos » 20 ott 2019 10:33

Wineduck ha scritto:
Vinos ha scritto:..... ma l’abbiamo valutata adesso ed io risultato è stato quello....

... per ora solo la landonne 2006 e ...... non mi hanno convinto....

... ma decisamente più buono di guigal in questo momento...
:o :oops: :evil:

Vincenzo sai quanto ti stimi e quanto soprattutto apprezzi il tuo entusiasmo per i grandi vini. Su queste affermazioni però sono in totale disaccordo. Se non fosse possibile valutare un vino nelle sue potenzialità evolutive non servirebbe tanta esperienza e competenza per degustare. A pensarci bene non servirebbero neppure i critici con le loro guide o riviste specializzate, anzi nessuno berrebbe un vino prima di 10-20-30-40 anni dalla vendemmia e soprattutto nessuno darebbe un punteggio elevato ad un vino che non fosse totalmente svolto! Solo i miei parenti eno-ignari dicono "giudico quello che ho nel bicchiere"! Che poi cosa significa esattamente? E' normale che uno debba giudicare quello che il vino dice nel bicchiere ma ci sono tanti modi di "interpretare" il bicchiere. Per mettere 12-13 punti di differenza fra il miglior vino della giornata e qualla magnifica Landonne significa giudicare solo con la parte istintiva e viscerale del proprio gusto, abdicando totalmente da quella più tecnica, evoluta e cerebrale.
Il vino era sicuramente compresso, quasi primario in alcuni tratti (e già questo avrebbe dovuto mettere in allerta: quanto vini sono così dopo 13 anni dalla vendemia? Per la mia esperienza solo i più grandi in assoluto!) ma aveva al contempo una freschezza integrata nel frutto mirabolante, una cremosità dolce e lunghissima determinata da tannini di grana finissima e fittissima ed un finale che permeava tutto il palato con quella crema di cassis intarsiato di sentori minerali (non solo scuri ma anche più chiari in alcuni momenti).
In sintesi:
1) equilibrio perfetto fra parti dure e morbide
2) tannini etratti in modo magistrale e di fattura nobile
3) finale saporito e dolce-fresco quasi eterno
E questo sarebbe un vino da meno di 90 punti?
Ma avete presente che sotto i 90 punti oggigiorno fanno fatica a starci i Chianti base o i Nebbiolo d'Alba appena immessi sul mercato?

Sono sempre stato il primo a sostenere che gli appassionati non debbano sciommiottare i critici professionisti ma proprio guardando solo i rapporti relativi e non quelli assoluti, quelle distanze fra i vini di quelle batterie sono per me inaccettabili.
Credo che un piccolo esame della vostra "coscienza enotecnica" ve la dobbiate fare...





Ciao Ale, grazie per la stima che sai benissimo essere reciproca.
Partiamo dal discorso punteggi che non ho mai dato perchè non mi piace farlo, questa volta mi avete chiesto di stare al gioco e l’ho fatto, ma come puoi immaginare sono stati dati punteggi relativi a alle bottiglie degustate, inoltre tra il vino migliore per me e guigal non c’erano 12 punti, visto che il punteggio più alto che ho dato è stato 94/95...
Bevendo tanti vini giovani li valuto spesso in prospettiva, esempio recentissimo, due giorni fa ho bevuto una magnum di b mascarello 2010, che era sì giovanissimo, ma di una bontá incredibile, e come questo ce ne sono tanti di vini immaturi ma che giá oggi sono di grande bontà , alcuni che mi vengono in mente, monfo 2010, echezeaux 2014 di rouget o les fuues 14 di mugnier, lo chambertin di dujac 17, lo stesso musigny di de vougue 2010, e te ne potrei fare mille di esempi...sai quanti vini bevo... bene Guigal 2006 non fa parte di questa lista, non è un vino che vorrei avere in cantina. Questione di gusti, ricorda che anche Nicola, Dino, Fabio, Aldo hanno dato punteggi bassi....
Ultima modifica di Vinos il 20 ott 2019 12:08, modificato 1 volta in totale.
alì65
Messaggi: 11779
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: The Drunk Ducks' Nest ... summer 2019

Messaggioda alì65 » 20 ott 2019 11:25

Il trittico 2006 l'ho venduto tutto dopo aver bevuto un paio di volte la serie in occasioni varie; dei 3 ho preferito Mouline, più prospettico, che solitamente lo trovo più "debole" rispetto a Landonne e Turque
futuro incerto...ma w la gnocca!!!
apple
Messaggi: 1253
Iscritto il: 18 set 2010 14:52

Re: The Drunk Ducks' Nest ... summer 2019

Messaggioda apple » 20 ott 2019 11:40

Davvero Claudio? Io al contrario trovo sempre mouline una spanna sopra, seguita da turque e Landonne...
"Il salutista è uno che vive da malato per morire sano..."
alì65
Messaggi: 11779
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: The Drunk Ducks' Nest ... summer 2019

Messaggioda alì65 » 20 ott 2019 11:45

:?
apple ha scritto:Davvero Claudio? Io al contrario trovo sempre mouline una spanna sopra, seguita da turque e Landonne...


Per me.....io metto sempre davanti Turque perché Brune e Rozier so o le zone che amo maggiormente, più grossi,,sfaccettati e profondi
È un gusto mio
futuro incerto...ma w la gnocca!!!
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7775
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: The Drunk Ducks' Nest ... summer 2019

Messaggioda zampaflex » 22 ott 2019 22:52

Riporto le mie note, se interessano

Prima batteria

Gangloff - Cote Rotie La Sereine Noire 2005
Parte moderno, con sbuffi di vaniglia, poi si pulisce. Appaiono toni balsamici, sapidi, anche acciuga e (?) vitello tonnato.
C'è tanta freschezza in primo piano, il sorso parte acquoso, poi si asciuga, infine si assesta su una bella cadenza fruttato-acida. 91

Chateau de la tour - Clos De Vougeot Grand Cru vv 2005
Parte subito male: sporco, ridotto; erba bruciata e glutammato. Peccato.
Anche perché la bocca è robusta, solida e definita, ben scandita. Ma il piacere non c'è. NG

Clos des lambrays - Clos des lambrays Grand Cru 2006
Classicissimo pinot nero, tra scorza d'arancia, china, erbe. Sconfina sull'anice stellato e melone-anguria.
Tannino delicatissimo, bocca coerente che ritorna molto precisa, si spegne lentamente col tempo perdendo piano piano forza. 95

Marengo - Barolo vecchia vigna delle brunate 2006
Tabacco, composta, fieno, fiori blu, thé...nient emale, ma alla fine ecco le note sintetiche...
Il tannino qui è decisamente robusto, asciugante in sintonia con l'alcool, infine ruvido, polveroso. Decisamente non all'altezza della competizione. 89

Rostaing - Cote Rotie Cote Blonde 2006
Pelliccia e pesca sciroppata, caffé; impone vigore e costanza.
La retrolfazione è più raffinata, con rimandi agrumati. Il tannino è fine, ben collegato all'acidità che trasporta richiami chinati, oliva, umami, balsamici...veramente una tessitura splendida, una mano raffinata, un vino di grande eleganza. 96

Seconda batteria

Prieur - Musigny gc 2006
Ematico e mirtilloso, all'inizio confonde le acque. Curiosamente giovanile sul succo d'uva, poi balsamico.
In bocca è potente, minerale, succoso, chiude sulla china. Bella Borgogna tradizionale, si capisce. Anche lui però non tiene il tempo e pian piano si affievolisce, si diluisce. 91

Guigal - Cote Rotie La Landonne 2006
Profondo e intenso, la nota di yogurt al mirtillo e l'unghia violacea dovrebbero fare capire che si tratta di un produttore che ci dà con l'élévage; anche balsamico e caramelloso.
Ha bisogno di tempo per sgranchirsi ed organizzarsi, cosicché ritocco il voto verso l'alto a mano a mano che sta nel bicchieree dimostra che la materia non solo c'è, ma è anche ben organizzata. Potente e compresso, ma la complessità è dietro l'angolo. 94

Rostaing - Cote Rotie La Landonne 2006
Classico sulla pelliccia, molto intenso, rodaniano certo. L'insistente nota vegetale che sento me lo fa prendere per un Jamet. Poi appare una curiosa nota di tonno (e ridaje) che ho trovato talvolta su syrah di pregio.
In bocca parte acido, duro, poi acquisisce forza ma senza espandersi: sul palato rimarrà più stretto di altri e la lunghezza è legata giusto alla ottima retro. Secondo me, almeno questa bottiglia non ha il potenziale per superarsi. Comunque, 94

De Vogue - Musigny gc 2006
Fruttini, intenso, poi perde definizione.
Anche lui ematico e chinato (pare proprio che volessero mimetizzarsi), si sente una punta d'alcool. Quando si distende guadagna ciccia ma rimane meno complesso e articola uno sviluppo fin troppo scolastico. 91

Gerin - Cote Rotie La Landonne 2006
Molto fine sui fruttini, un filo d'alcool, strane sfumature medicinali.
Parte male, con acidità limonosa, un poco scissa, e bocca più sporca. Poi si riempie, si assesta, si scrolla di dosso le incertezze e parte come un treno. Balsamico, preciso, saturante. 95

Drouhin-laroze - Musigny gc 2006
Grande finezza, una complessità ancora da svolgere, si intuisce più che percepire.
Equilibrio, gran bella Borgogna tradizionale. Lungo ma delicato, non vanta la potenza dei syrah qui presenti, ma se la gioca in classe ed eleganza. Gran bella PAI. 95
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
maxer
Messaggi: 3138
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: emisfero boreale

Re: The Drunk Ducks' Nest ... summer 2019

Messaggioda maxer » 22 ott 2019 23:05

zampaflex ha scritto:Riporto le mie note, se interessano

Prima batteria

Gangloff - Cote Rotie La Sereine Noire 2005
Parte moderno, con sbuffi di vaniglia, poi si pulisce. Appaiono toni balsamici, sapidi, anche acciuga e (?) vitello tonnato.
C'è tanta freschezza in primo piano, il sorso parte acquoso, poi si asciuga, infine si assesta su una bella cadenza fruttato-acida. 91

Chateau de la tour - Clos De Vougeot Grand Cru vv 2005
Parte subito male: sporco, ridotto; erba bruciata e glutammato. Peccato.
Anche perché la bocca è robusta, solida e definita, ben scandita. Ma il piacere non c'è. NG

Clos des lambrays - Clos des lambrays Grand Cru 2006
Classicissimo pinot nero, tra scorza d'arancia, china, erbe. Sconfina sull'anice stellato e melone-anguria.
Tannino delicatissimo, bocca coerente che ritorna molto precisa, si spegne lentamente col tempo perdendo piano piano forza. 95

Marengo - Barolo vecchia vigna delle brunate 2006
Tabacco, composta, fieno, fiori blu, thé...nient emale, ma alla fine ecco le note sintetiche...
Il tannino qui è decisamente robusto, asciugante in sintonia con l'alcool, infine ruvido, polveroso. Decisamente non all'altezza della competizione. 89

Rostaing - Cote Rotie Cote Blonde 2006
Pelliccia e pesca sciroppata, caffé; impone vigore e costanza.
La retrolfazione è più raffinata, con rimandi agrumati. Il tannino è fine, ben collegato all'acidità che trasporta richiami chinati, oliva, umami, balsamici...veramente una tessitura splendida, una mano raffinata, un vino di grande eleganza. 96

Seconda batteria

Prieur - Musigny gc 2006
Ematico e mirtilloso, all'inizio confonde le acque. Curiosamente giovanile sul succo d'uva, poi balsamico.
In bocca è potente, minerale, succoso, chiude sulla china. Bella Borgogna tradizionale, si capisce. Anche lui però non tiene il tempo e pian piano si affievolisce, si diluisce. 91

Guigal - Cote Rotie La Landonne 2006
Profondo e intenso, la nota di yogurt al mirtillo e l'unghia violacea dovrebbero fare capire che si tratta di un produttore che ci dà con l'élévage; anche balsamico e caramelloso.
Ha bisogno di tempo per sgranchirsi ed organizzarsi, cosicché ritocco il voto verso l'alto a mano a mano che sta nel bicchieree dimostra che la materia non solo c'è, ma è anche ben organizzata. Potente e compresso, ma la complessità è dietro l'angolo. 94

Rostaing - Cote Rotie La Landonne 2006
Classico sulla pelliccia, molto intenso, rodaniano certo. L'insistente nota vegetale che sento me lo fa prendere per un Jamet. Poi appare una curiosa nota di tonno (e ridaje) che ho trovato talvolta su syrah di pregio.
In bocca parte acido, duro, poi acquisisce forza ma senza espandersi: sul palato rimarrà più stretto di altri e la lunghezza è legata giusto alla ottima retro. Secondo me, almeno questa bottiglia non ha il potenziale per superarsi. Comunque, 94

De Vogue - Musigny gc 2006
Fruttini, intenso, poi perde definizione.
Anche lui ematico e chinato (pare proprio che volessero mimetizzarsi), si sente una punta d'alcool. Quando si distende guadagna ciccia ma rimane meno complesso e articola uno sviluppo fin troppo scolastico. 91

Gerin - Cote Rotie La Landonne 2006
Molto fine sui fruttini, un filo d'alcool, strane sfumature medicinali.
Parte male, con acidità limonosa, un poco scissa, e bocca più sporca. Poi si riempie, si assesta, si scrolla di dosso le incertezze e parte come un treno. Balsamico, preciso, saturante. 95

Drouhin-laroze - Musigny gc 2006
Grande finezza, una complessità ancora da svolgere, si intuisce più che percepire.
Equilibrio, gran bella Borgogna tradizionale. Lungo ma delicato, non vanta la potenza dei syrah qui presenti, ma se la gioca in classe ed eleganza. Gran bella PAI. 95

..... fuori tempo massimo ! Inattendibile ..... :mrgreen:
carpe diem 8)
Avatar utente
Wineduck
Messaggi: 4188
Iscritto il: 06 giu 2007 15:16

Re: The Drunk Ducks' Nest ... fall-winter 2019-20

Messaggioda Wineduck » 08 dic 2019 14:39

Ieri sera due piccoli gioielli usciti da due cantine che hanno fatto egregiamente il loro mestiere.

Barolo 1996 Elio Altare
Di una giovinezza surreale, anche solo dal colore: non gli si darebbe più di 10 anni visto che inizia a virare sul granato adesso! Profuma di camino, rose appassite e poutpourri di fiori secchi, bocca energica, mentolata e sempre più precisa mentre l'ossigeno fa il suo lavoro. Dopo mezz'ora diventa una seta tesa, energica e rinfrescante. Uno di quei vini che finisce così in fretta che ti viene da controllare che la bottiglia fosse veramente da 0,75
Grazie a darkshasow che si conferma essere uno dei pochi ristoratori italiani che sa come conservare i vini!

Cabernet Sauvignon 1998 Tasca d'Almerita
Anche questo sembra uscito dalla macchina del tempo...in realtà riposava nella mia cantina dal maggio 2002.
Un altro colore irreale rosso scuro con un minimo accenno granato. Però da un C.S. un po' te lo aspetti, il nebbiolo è più sorprendente da questo punto di vista. È un velluto puro con sbuffi di erbe dolci, un accenno di frutto rosso maturo, molta mentuccia, un pizzico di curcuma... Non ha la densità mostruosa del 1990 o del 1992 (addirittura esagerato) e quindi anche la pai è "medio-lunga" ma si beve così volentieri che i paragoni li mandi subito a quel paese. Eppure sono convinto che avrebbe fatto la sua porca figura in mezzo a tanti Bordeaux classé di livello medio alto di pari annata. Purtroppo ultima delle 6 bottiglie che avevo acquistato all'epoca. Ho però ancora un rosso del Conte che aspetta di essere "immolato"...
"People call me rude, I wish we all were nude, I wish there was no black and white, I wish there were no rules" [Controversy]

follow my tasting notes and pics on http://instagram.com/wineleaner/

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: dani23 e 12 ospiti