Quali sono i migliori spumanti italiani?

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Avatar utente
vignadelmar
Messaggi: 20857
Iscritto il: 06 giu 2007 11:44
Località: Monopoli
Contatta:

Messaggioda vignadelmar » 13 lug 2007 14:44

Caro Paolo 72,

visto che me lo chiedi,
ero stato volutamente reticente.


Le trovo azzardate perchè sottintendono ad almeno 2 "stranezze" che provo ad elencarti:

Le Guide enologiche tutte, che insieme e forse d'accordo con non si sa chi si mettono indebitamente a gonfiare giudizi sulla produzione enologica di quella zona. Dando premi altisonanti, articoli, recensioni ad un comprensorio che altrimenti non se li sarebbe mai ed in alcun modo meritati.

I Produttori che assumono tecnici anche di chiara fama internazionale, investendo tantissimi soldi in attrezzature, cantine etc pur sapendo che non otterranno mai un prodotto minimamente di qualità.
Se fosse solo un'azione di marketing come dite avrebbero investito solo in pubblicità........



Siccome io questo sono sicuro non sia vero, anzi credo che si stia sparando aprioristicamente a zero contro un comprensorio che ancora stenta a trovare una propria identità ma che comunque sta facendo enormi sforzi economici e tecnici per colmare almeno in parte questi deficit. Ripeto proponendo al mercato anche dei prodotti, ancora pochi ma sicuramente non 1,2,3 come dite voi, di eccellenza.
Credo che come sempre in Italia, si spari a zero su chi stà cercando di fare qualcosa di buono e si guarda solo all'estero, a quei territori che sono già da moltissimi anni su quella stessa strada.

Ragionando così secondo me si sta compiendo un'operazione aculturale e profondamente snob.

Per non dire poi del fatto che secondo te alcuni Produttori della zona avrebbero affermato che : "se il consorzio e le singole cantine non avessero lavorato ed investito di marketing come è stato fatto in questi ultimi 15 anni, quella terra continuerebbe a produrre grano come è sempre stato."


Posso dubitarne e non essere d'accordo con quanto tu e Gremul andate affermando con tanta convinzione ??

Ciao
Pigigres 20/09/'10 "A me è capitato con il Tildin....ho capito Nebbiolo turbomodernista. Poi usando un pò di cervello.... ho detto Gaja."
Tessera n.1 e Presidente Lenin Fans Club
Tessera n°0 e Presidente Circolo Conviviale Colonna Pugliese
Avatar utente
vignadelmar
Messaggi: 20857
Iscritto il: 06 giu 2007 11:44
Località: Monopoli
Contatta:

Messaggioda vignadelmar » 13 lug 2007 14:49

Dudley ha scritto:Io più che altro rimango stupito dalla gentilezza e disponibilità altrui.

Come su Gaja, su Magdi Allam e su qualsiasi antani gli passi per la testa lo zar dei Trulli non ama il dibattito costruttivo.

Vuole avere ragione, nonostante qualsiasi evidenza.
Lui ha bevuto più di tutti, ne sa più di tutti, gli altri non sanno un cazzo.

Dighe de sci, dicono qui a Doria City.




Senti Dudley, io parlo con tutti, ascolto tutti, rispondo a tutti.
Visto che già mi conosci dovresti sapere che non bastano due o tre forumisti a farmi cambiare idea.

Tutte queste evidenze che tu citi io non le vedo.

Io argomento, chiedo, penso, valuto rispondo, sempre educatamente senza mai alzare la voce.
Ripeto a te ed agli altri che se desiderate parlare con chi vi da sempre ragione vi conviene parlare con uno specchio.

Quando poi sbaglio sono sempre stato il primo a dirlo, la mia onestà intellettuale non può essere messa in discussione ne da te ne da altri. E' la mia medaglia che porto da sempre con orgoglio e con onore.

Ciao
Pigigres 20/09/'10 "A me è capitato con il Tildin....ho capito Nebbiolo turbomodernista. Poi usando un pò di cervello.... ho detto Gaja."
Tessera n.1 e Presidente Lenin Fans Club
Tessera n°0 e Presidente Circolo Conviviale Colonna Pugliese
Avatar utente
gremul
Messaggi: 12641
Iscritto il: 06 giu 2007 14:01
Località: Lainate (MI), Comabbio (VA)

Messaggioda gremul » 13 lug 2007 15:02

Credo che come sempre in Italia, si spari a zero su chi stà cercando di fare qualcosa di buono e si guarda solo all'estero, a quei territori che sono già da moltissimi anni su quella stessa strada.


ma perchè devi tirare fuori questo argomento intriso di demagogia spicciola?

ogni volta questa tiritera sulla povera Italia e bla bla bla...

con me hai proprio sbagliato campana, per me se il prodotto è buono è buono sia che venga da Puligny-Montrachet, sia dallo Zimbabwe sia da Shanghai sia da Rovato.

se non mi piace non mi piace e se ho dei dubbi su questo e quel territorio li esprimo tutti.

non me ne frega nulla di difendere qualsiasi bandiera.
Ultima modifica di gremul il 13 lug 2007 15:03, modificato 1 volta in totale.
La diversità di ognuno di noi non è un'arma per discriminare, etichettare, ma una ricchezza (P.P. Pasolini)
A Broccolino i rom eravamo noi (M. Pannella)
SIAMO TUTTI STRANIERI
Avatar utente
paolo72
Messaggi: 2302
Iscritto il: 06 giu 2007 17:01
Località: Hong Kong

Messaggioda paolo72 » 13 lug 2007 15:03

vignadelmar ha scritto:Caro Paolo 72,

1) Le Guide enologiche tutte, che insieme e forse d'accordo con non si sa chi si mettono indebitamente a gonfiare giudizi sulla produzione enologica di quella zona. Dando premi altisonanti, articoli, recensioni ad un comprensorio che altrimenti non se li sarebbe mai ed in alcun modo meritati.

2) I Produttori che assumono tecnici anche di chiara fama internazionale, investendo tantissimi soldi in attrezzature, cantine etc pur sapendo che non otterranno mai un prodotto minimamente di qualità.
Se fosse solo un'azione di marketing come dite avrebbero investito solo in pubblicità........

3) Siccome io questo sono sicuro non sia vero, anzi credo che si stia sparando aprioristicamente a zero contro un comprensorio che ancora stenta a trovare una propria identità ma che comunque sta facendo enormi sforzi economici e tecnici per colmare almeno in parte questi deficit. Ripeto proponendo al mercato anche dei prodotti, ancora pochi ma sicuramente non 1,2,3 come dite voi, di eccellenza.
Credo che come sempre in Italia, si spari a zero su chi stà cercando di fare qualcosa di buono e si guarda solo all'estero, a quei territori che sono già da moltissimi anni su quella stessa strada.

4) Ragionando così secondo me si sta compiendo un'operazione aculturale e profondamente snob.

5) Per non dire poi del fatto che secondo te alcuni Produttori della zona avrebbero affermato che : "se il consorzio e le singole cantine non avessero lavorato ed investito di marketing come è stato fatto in questi ultimi 15 anni, quella terra continuerebbe a produrre grano come è sempre stato."

6) Posso dubitarne e non essere d'accordo con quanto tu e Gremul andate affermando con tanta convinzione ??

Ciao


Caro Luciano,

1) le guide enologiche, come ritengo dicevano giustamente sia Luca Mazzoleni che Luca Furlotti per anni sul forum di porthos, fanno testo solo per i positivisti di stampo agostiniano (credo ut speram), ovvero per chi non ha la voglia, la capacità l'ambizione di confrontarsi di persona e dare giudizi propri, e proprio per questo motivo, ritengo che citare le guide in una discussione come questa (dove gli utenti hanno una certa ambizione/capacità di dare valutazioni proprie) sia quantomeno argomento debole.
Non volendo poi ricordati in pubblico quanto ti dissi in privato (con il tuo consenso, tra l'altro) nell'ultimo post che ci siamo scambiati sul vecchio forum.

2) Non ho mai detto che i prodotti non sono di qualità, ho detto che sono medi o mediocri, e addirittura ho detto che vi sono alcune punte pure di eccellenza. Il problema è che al giorno d'oggi la bontà (soprattutto tecnica) è data per scontata.
La criticà non è tanto nei termini della qualità, ma nei termini della personalità (e del prezzo).
Gli enologi (tantopiù di fama mondiale), se li paghi fanno ciò che vogliono dove vogliono. Ti ricordo quello che disse Rolland: "se mi pagano, il vino buono lo faccio anche sulla luna!!!".

3) Su che basi lo dici? Quali sono le tue motivazioni? Quali sono questi prodotti di eccellenza sicuramente superiori a 1,2,3?

4) No, perchè io ti sto motivando con dati e fatti, non con preconcetti o pregiudizi.

5) Non è una mia opinione, è la verità, spero che tu non mi stia dando del bugiardo...

6) Fin che vuoi, solo.....argomenta con dati e fatti, altrimenti è solo ideologia positivista.
Avatar utente
pippuz
Messaggi: 20191
Iscritto il: 06 giu 2007 11:05
Località: MilanoMilano

Messaggioda pippuz » 13 lug 2007 15:05

gremul ha scritto:con me hai proprio sbagliato campana, per me se il prodotto è buono è buono sia che venga da Puligny-Montrachet, sia dallo Zimbabwe sia da Shanghai sia da Rovato.

Questo è il tuo lato tragico, non sbandierarlo troppo. :D :D :D

Riguardo ai Franciacorta ... quando assaggerò un buon prodotto (buono vuol dire che deve superare gli 85 punti) a meno di 15
over the mountain watching the watcher
breaking the darkness waking the grapevine
one inch of love is one inch of shadow
love is the shadow that ripens the wine
Avatar utente
arnaldo
Messaggi: 8640
Iscritto il: 07 giu 2007 08:21
Località: Bassano del Grappa

Messaggioda arnaldo » 13 lug 2007 15:08

Cacchio....Greg......ma quando siamo entrati qualche settimana fa al megastore della Franciacorta e io ho comprato qualche cartone misto di vari produttori......non potevi stopparmi invece di mandarmi al macero???? :lol: :lol:
follow my tasting notes and pics on http://instagram.com/ARNALDO2262/
Avatar utente
vignadelmar
Messaggi: 20857
Iscritto il: 06 giu 2007 11:44
Località: Monopoli
Contatta:

Messaggioda vignadelmar » 13 lug 2007 15:11

paolo72 ha scritto:
vignadelmar ha scritto:Caro Paolo 72,

1) Le Guide enologiche tutte, che insieme e forse d'accordo con non si sa chi si mettono indebitamente a gonfiare giudizi sulla produzione enologica di quella zona. Dando premi altisonanti, articoli, recensioni ad un comprensorio che altrimenti non se li sarebbe mai ed in alcun modo meritati.

2) I Produttori che assumono tecnici anche di chiara fama internazionale, investendo tantissimi soldi in attrezzature, cantine etc pur sapendo che non otterranno mai un prodotto minimamente di qualità.
Se fosse solo un'azione di marketing come dite avrebbero investito solo in pubblicità........

3) Siccome io questo sono sicuro non sia vero, anzi credo che si stia sparando aprioristicamente a zero contro un comprensorio che ancora stenta a trovare una propria identità ma che comunque sta facendo enormi sforzi economici e tecnici per colmare almeno in parte questi deficit. Ripeto proponendo al mercato anche dei prodotti, ancora pochi ma sicuramente non 1,2,3 come dite voi, di eccellenza.
Credo che come sempre in Italia, si spari a zero su chi stà cercando di fare qualcosa di buono e si guarda solo all'estero, a quei territori che sono già da moltissimi anni su quella stessa strada.

4) Ragionando così secondo me si sta compiendo un'operazione aculturale e profondamente snob.

5) Per non dire poi del fatto che secondo te alcuni Produttori della zona avrebbero affermato che : "se il consorzio e le singole cantine non avessero lavorato ed investito di marketing come è stato fatto in questi ultimi 15 anni, quella terra continuerebbe a produrre grano come è sempre stato."

6) Posso dubitarne e non essere d'accordo con quanto tu e Gremul andate affermando con tanta convinzione ??

Ciao


Caro Luciano,

1) le guide enologiche, come ritengo dicevano giustamente sia Luca Mazzoleni che Luca Furlotti per anni sul forum di porthos, fanno testo solo per i positivisti di stampo agostiniano (credo ut speram), ovvero per chi non ha la voglia, la capacità l'ambizione di confrontarsi di persona e dare giudizi propri, e proprio per questo motivo, ritengo che citare le guide in una discussione come questa (dove gli utenti hanno una certa ambizione/capacità di dare valutazioni proprie) sia quantomeno argomento debole.
Non volendo poi ricordati in pubblico quanto ti dissi in privato (con il tuo consenso, tra l'altro) nell'ultimo post che ci siamo scambiati sul vecchio forum.

2) Non ho mai detto che i prodotti non sono di qualità, ho detto che sono medi o mediocri, e addirittura ho detto che vi sono alcune punte pure di eccellenza. Il problema è che al giorno d'oggi la bontà (soprattutto tecnica) è data per scontata.
La criticà non è tanto nei termini della qualità, ma nei termini della personalità (e del prezzo).
Gli enologi (tantopiù di fama mondiale), se li paghi fanno ciò che vogliono dove vogliono. Ti ricordo quello che disse Rolland: "se mi pagano, il vino buono lo faccio anche sulla luna!!!".

3) Su che basi lo dici? Quali sono le tue motivazioni? Quali sono questi prodotti di eccellenza sicuramente superiori a 1,2,3?

4) No, perchè io ti sto motivando con dati e fatti, non con preconcetti o pregiudizi.

5) Non è una mia opinione, è la verità, spero che tu non mi stia dando del bugiardo...

6) Fin che vuoi, solo.....argomenta con dati e fatti, altrimenti è solo ideologia positivista.






Rispondo solo al punto 4. Il più importante. Sottende tutti gli altri.

Nelle tua risposta dati non li ho visti, fatti nemmeno, solo opinioni.
Come le mie, ne più ne meno che opinioni.

Ciao
Pigigres 20/09/'10 "A me è capitato con il Tildin....ho capito Nebbiolo turbomodernista. Poi usando un pò di cervello.... ho detto Gaja."
Tessera n.1 e Presidente Lenin Fans Club
Tessera n°0 e Presidente Circolo Conviviale Colonna Pugliese
Avatar utente
gremul
Messaggi: 12641
Iscritto il: 06 giu 2007 14:01
Località: Lainate (MI), Comabbio (VA)

Messaggioda gremul » 13 lug 2007 15:19

arnaldo ha scritto:Cacchio....Greg......ma quando siamo entrati qualche settimana fa al megastore della Franciacorta e io ho comprato qualche cartone misto di vari produttori......non potevi stopparmi invece di mandarmi al macero???? :lol: :lol:


per imparare bisogna sperimentare sulla propria pelle!! :D :D :D
La diversità di ognuno di noi non è un'arma per discriminare, etichettare, ma una ricchezza (P.P. Pasolini)
A Broccolino i rom eravamo noi (M. Pannella)
SIAMO TUTTI STRANIERI
Avatar utente
Deruj
Messaggi: 4145
Iscritto il: 06 giu 2007 11:15

Messaggioda Deruj » 13 lug 2007 15:25

vignadelmar ha scritto:Rispondo solo al punto 4. Il più importante. Sottende tutti gli altri.

Nelle tua risposta dati non li ho visti, fatti nemmeno, solo opinioni.
Come le mie, ne più ne meno che opinioni.

Ciao


Ma perché nelle tue argomentazioni c'è sempre un rimando a qualche deus ex machina - le guide - che porti sempre sempre a sostegno?

Sovrastrutture, ricordi?

Semplificando:
si è parlato di mineralità, acidità, conduzione di vigna, condizioni pedoclimatiche e di investimenti, winemaker, tempi futuri e giudizi dati da guide enologiche .

Noti differenze nell
Avatar utente
paolo72
Messaggi: 2302
Iscritto il: 06 giu 2007 17:01
Località: Hong Kong

Messaggioda paolo72 » 13 lug 2007 15:26

vignadelmar ha scritto:

Rispondo solo al punto 4. Il più importante. Sottende tutti gli altri.

Nelle tua risposta dati non li ho visti, fatti nemmeno, solo opinioni.
Come le mie, ne più ne meno che opinioni.

Ciao


Trovi?

Allora ognuno dice quello che gli pare e il mondo è bello perchè è vario.

Allora proviamo così, ti faccio delle domande (su argomenti che pure ho già citato ma che sembri non avere letto):

1) da quanto tempo si vinifica in Franciacorta?

2) quali sono i vitigni autoctoni della Franciacorta?

3) sono stati valorizzati nella DOCG? perchè?

4) perchè la Franciacorta ha avuto la DOCG prima e per che ragione, rispetto a zone (tipo la valpolicella) che la meritano per questioni intinseche di storia cultura e tradizione?

5) chi si vanta in Franciacorta di avere vocazione a fare vini di territorio, selezionando i cru più vocati?

6) quali sono le caratteristiche di composizione del suolo (e come si evidenziano nel vino) dei terreni di Franciacorta perchè si possa dire che la DOCG rende il prodotto attinente ad un territorio?

7) visto che è un argomento a te caro, non ti sembra che proprio parlando di qualità e riconoscimenti vi sia una scollatura PAZZESCA tra la valutazione della stampa internazionale rispetto a quella locale sul prodotto Franciacorta più che in ogni altra tipologia di vino? (se non hai Wine Advocate o Wine Spectator o Decanter con i numeri specifici sulla spumantizzazione in Italia, ti posso dare una mano io) E' un caso?

8 ) che riscontro di mercato ha la franciacorta nel mondo?

9) quali sono i prezzi della franciacorta nel mondo è perchè?

10) sapresti riconoscere un prodotto di franciacorta (diversi brut o saten) alla cieca? e perchè (quali sono le macro differenze che ti vengono prima in mente - solforosa a parte)?

11) i prodotti delle singole aziende della franciacorta hanno personalità, e se si quali?

Questi sono fatti, non proprio mie personali opinioni, a cui vorrei che tu mi dessi delle risposte.
Ultima modifica di paolo72 il 13 lug 2007 15:27, modificato 1 volta in totale.
sasso
Messaggi: 1363
Iscritto il: 06 giu 2007 19:38

Messaggioda sasso » 13 lug 2007 15:27

vignadelmar ha scritto:Ripeto, alla cieca ci sarebbe da divertirsi...........e forse qualcuno si ricrederebbe.


Ciao


Nella mia piccola esaperienza alla cieca e a parità di fascia di prezzo lo champagne sbanca di brutto! Anche nei confronti degli spumanti atesini che personalmente amo molto, lo champagne dona sensazioni tattili-gustative (mineralità, sapidità e freschezza) così perfette, integrate e fini che i nostri italiani se le sognano! Se poi parliamo di riconoscimenti olfattivi e retrolfattivi si entra nel campo del gusto e su quello ognuno è padrone di apprezzare quello che vuole.
In definitiva concordo pienamente con chi sostiene che in franciacorta non manca nulla... se non il terroir, che è l'unico fattore capace di conferire certe caatteristiche ad un vino.

Sasso
Il Comandante
Messaggi: 5946
Iscritto il: 11 giu 2007 13:51

Messaggioda Il Comandante » 13 lug 2007 15:37

Ma basta con queste argomentazioni pro-Champagne!

La mineralità, la sapidità, la freschezza, la finezza, il terroir. Queste sono opinioni.

I tre bicchieri, i 5 grappoli, le stelle delle guide. Questi sono fatti, le guide sono lì da leggere.

C'è mai stato uno Champagne che ha preso tre bicchieri? Ci sarà un motivo, che diamine!

Finalmente anch'io ho visto la luce...
Avatar utente
gremul
Messaggi: 12641
Iscritto il: 06 giu 2007 14:01
Località: Lainate (MI), Comabbio (VA)

Messaggioda gremul » 13 lug 2007 15:39

Il Comandante ha scritto:Ma basta con queste argomentazioni pro-Champagne!

La mineralità, la sapidità, la freschezza, la finezza, il terroir. Queste sono opinioni.

I tre bicchieri, i 5 grappoli, le stelle delle guide. Questi sono fatti, le guide sono lì da leggere.

C'è mai stato uno Champagne che ha preso tre bicchieri? Ci sarà un motivo, che diamine!

Finalmente anch'io ho visto la luce...


mi fa piacere, allora preprati che giovedì sera berrai Franciacorta e Oltrepò spumante (in questa discussione ingiustamente dimenticato!!) a tutto andare!! :D :D
La diversità di ognuno di noi non è un'arma per discriminare, etichettare, ma una ricchezza (P.P. Pasolini)
A Broccolino i rom eravamo noi (M. Pannella)
SIAMO TUTTI STRANIERI
Avatar utente
l'oste
Messaggi: 12413
Iscritto il: 06 giu 2007 14:41
Località: campagna

Messaggioda l'oste » 13 lug 2007 15:43

gremul ha scritto:
Il Comandante ha scritto:Ma basta con queste argomentazioni pro-Champagne!

La mineralità, la sapidità, la freschezza, la finezza, il terroir. Queste sono opinioni.

I tre bicchieri, i 5 grappoli, le stelle delle guide. Questi sono fatti, le guide sono lì da leggere.

C'è mai stato uno Champagne che ha preso tre bicchieri? Ci sarà un motivo, che diamine!

Finalmente anch'io ho visto la luce...


mi fa piacere, allora preprati che giovedì sera berrai Franciacorta e Oltrepò spumante (in questa discussione ingiustamente dimenticato!!) a tutto andare!! :D :D


scherza scherza....allora, metto subito via l'Hermitage che ti avevo preparato e porto una cassa di prosecco (dimenticato pure questo)
Non importa chi sarà l'ultimo a spegnere la luce. E' già buio.


Iir Boon Gesùuu/ ciii/ fuuur/ mini
Avatar utente
vignadelmar
Messaggi: 20857
Iscritto il: 06 giu 2007 11:44
Località: Monopoli
Contatta:

Messaggioda vignadelmar » 13 lug 2007 15:59

paolo72 ha scritto:
vignadelmar ha scritto:

Rispondo solo al punto 4. Il più importante. Sottende tutti gli altri.

Nelle tua risposta dati non li ho visti, fatti nemmeno, solo opinioni.
Come le mie, ne più ne meno che opinioni.

Ciao


Trovi?

Allora ognuno dice quello che gli pare e il mondo è bello perchè è vario.

Allora proviamo così, ti faccio delle domande (su argomenti che pure ho già citato ma che sembri non avere letto):

1) da quanto tempo si vinifica in Franciacorta?

2) quali sono i vitigni autoctoni della Franciacorta?

3) sono stati valorizzati nella DOCG? perchè?

4) perchè la Franciacorta ha avuto la DOCG prima e per che ragione, rispetto a zone (tipo la valpolicella) che la meritano per questioni intinseche di storia cultura e tradizione?

5) chi si vanta in Franciacorta di avere vocazione a fare vini di territorio, selezionando i cru più vocati?

6) quali sono le caratteristiche di composizione del suolo (e come si evidenziano nel vino) dei terreni di Franciacorta perchè si possa dire che la DOCG rende il prodotto attinente ad un territorio?

7) visto che è un argomento a te caro, non ti sembra che proprio parlando di qualità e riconoscimenti vi sia una scollatura PAZZESCA tra la valutazione della stampa internazionale rispetto a quella locale sul prodotto Franciacorta più che in ogni altra tipologia di vino? (se non hai Wine Advocate o Wine Spectator o Decanter con i numeri specifici sulla spumantizzazione in Italia, ti posso dare una mano io) E' un caso?

8 ) che riscontro di mercato ha la franciacorta nel mondo?

9) quali sono i prezzi della franciacorta nel mondo è perchè?

10) sapresti riconoscere un prodotto di franciacorta (diversi brut o saten) alla cieca? e perchè (quali sono le macro differenze che ti vengono prima in mente - solforosa a parte)?

11) i prodotti delle singole aziende della franciacorta hanno personalità, e se si quali?

Questi sono fatti, non proprio mie personali opinioni, a cui vorrei che tu mi dessi delle risposte.



Allora Paolo 72,

non so rispondere alle tue legittime domande. Non sono ne un enologo, ne un tecnico di settore.
Sono prima di tutto un bevitore che esprime giudizi a seconda dei propri gusti personali.
Sono un degustatore medio che si approccia ai prodotti senza saper rispondere a tutte queste domande che detto per inciso non sono fatti, sono domande. Ripeto che di fatti nelle tue risposte non ne leggo.
Ma si sa l'italiano è una lingua difficile........

Comunque provo ad esporti un elenco di prodotti che trovo personalmente eccellenti, premetto che il mio elenco è senza annate sennò ci addentreremmo in una polemica senza fine:

Cuvée Anna maria Clementi Ca' del Bosco (anche gli altri però sono molto buoni)
Satèn, Rosè, Pas Operé, Gran cuvée Brut Bellavista
Electo Majolini (anche il suo rosè)
Cabochon Monterossa
Satèn Gatti
Satèn Contadi Castaldi (qualità/prezzo)
Collezione Cavalleri



Non so come le Guide straniere giudichino i nostri Franciacorta ma credo siano affette dagli stessi difetti nell'approcciarsi alle Guide italiane, o no ?Ti cito dicendo come tu hai affermato prima che "ritengo che citare le guide in una discussione come questa (dove gli utenti hanno una certa ambizione/capacità di dare valutazioni proprie) sia quantomeno argomento debole.".........allora perchè le metti nel mezzo ??

Per quanto già esposto prima non vorrei ripetermi.

Ciao
Pigigres 20/09/'10 "A me è capitato con il Tildin....ho capito Nebbiolo turbomodernista. Poi usando un pò di cervello.... ho detto Gaja."
Tessera n.1 e Presidente Lenin Fans Club
Tessera n°0 e Presidente Circolo Conviviale Colonna Pugliese
Dudley
Messaggi: 4911
Iscritto il: 06 giu 2007 15:24
Località: Genova

Messaggioda Dudley » 13 lug 2007 16:00

gremul ha scritto:
Il Comandante ha scritto:Ma basta con queste argomentazioni pro-Champagne!

La mineralità, la sapidità, la freschezza, la finezza, il terroir. Queste sono opinioni.

I tre bicchieri, i 5 grappoli, le stelle delle guide. Questi sono fatti, le guide sono lì da leggere.

C'è mai stato uno Champagne che ha preso tre bicchieri? Ci sarà un motivo, che diamine!

Finalmente anch'io ho visto la luce...


mi fa piacere, allora preprati che giovedì sera berrai Franciacorta e Oltrepò spumante (in questa discussione ingiustamente dimenticato!!) a tutto andare!! :D :D


Ecco, uno spunto.

La tradizione spumantistica in Oltrepò invece è un fatto che si dimentica facilmente: storicamente la zona invece è quella dove lo spumante - ovviamente da Pinot Nero - di produce dalla secoda metà del secolo XIX.
L'OLTREPO' PAVESE è la zona vocata (dove il Pinot Nero è tradizionale) cui mancano investimenti e manici in cantina.
Certo Casteggio non è la Montagna di Reims, ma il discorso è un altro....

Attendo, copiosi, gli sputi.
Roberto Dal Ponte
Avatar utente
Dedalus
Messaggi: 12916
Iscritto il: 07 giu 2007 10:57

Messaggioda Dedalus » 13 lug 2007 16:02

Alberto ha scritto:
Dedalus ha scritto:Che cosa trovi di tanto cattivo nel Brut Millesimato? Capita che vi siano alcune annate, come la 2002, in cui è persino migliore della Cuvée Golf Club

A dire il vero, l'ho assaggiato una volta sola, sebbene con molta attenzione (ricordo di averlo tenuto molto nel bicchiere). Era un non millesimato, se non erro.
L'ho trovato davvero molto sfuggente, esile, oltre che in qualche modo "immaturo", nel senso di un periodo di affinamento forse un po' insufficiente. E con un profilo complessivamente molto semplice. Un prodotto semplicemente di interesse limitato, insomma.
Mettiamola così...ho esagerato: non cattivo, ma nemmeno da ricordare. Può essere stata certamente una sboccatura particolarmente infelice!


Come hai verificato da solo, i due Metodo Classico sono entrambi millesimati, e credo si possa dire che non difettano nella lunghezza del tempo di presa di spuma.

Quanto alle caratteristiche organolettiche, con i Vin Blanc de Morgex et de La Salle si ripropone amplificato il problema generale della valutazione basata sui parametri dei vini a base di uve champagnotte, Chardonnay e Pinot Noir. Il Prié Blanc è diverso, come sono estremamente diverse dalla media le vigne di Morgex, che sono le più alte d'Europa (1.200 metri di quota). Vigne che evidentemente non si continuano a coltivare perché sappiano dare vini potenti e strutturati. Al contrario, le caratteristiche da ricercare in questi vini sono proprio la leggerezza della struttura e la finezza dei tratti aromatici, uniti ad una forte sapidità minerale, nei Metodo Classico come nei vini fermi. Poi ovviamente possono anche non piacere, per queste caratteristiche.
“La cultura è organizzazione, disciplina del proprio io interiore; è presa di possesso della propria personalità, e conquista di coscienza superiore, per la quale si riesce a comprendere la propria funzione nella vita, i propri diritti e i propri doveri.”
Avatar utente
valino
Messaggi: 736
Iscritto il: 06 giu 2007 12:21

Messaggioda valino » 13 lug 2007 16:04

Io trovo che tutte le opinioni abbiano lo stesso valore. Allora dico la mia.
Vi sono alcuni cru in Franciacorta che non hanno nulla da invidiare a quelli francesi. In particolare i migliori cru franciacortini sono quelli esposti a nord fronte autostrada. (l'uscita non la ricordo)
" in te si correggono le austere doti del tuo maggior fratello.. a te non son misurati i calici, come convensi ai pesanti e capitosi tuoi rivali; a te ogni ora è propizia ed ogni vivanda buona compagna.. "
D. Cavazza
Ode al Barbaresco 1897
Avatar utente
Palma
Messaggi: 6700
Iscritto il: 06 giu 2007 12:29

Messaggioda Palma » 13 lug 2007 16:05

valino ha scritto:Io trovo che tutte le opinioni abbiano lo stesso valore. Allora dico la mia.
Vi sono alcuni cru in Franciacorta che non hanno nulla da invidiare a quelli francesi. In particolare i migliori cru franciacortini sono quelli esposti a nord fronte autostrada. (l'uscita non la ricordo)


:lol: :D Per forza esposti in quel modo sono irraggiati dal sole anche di notte :D
Avatar utente
l'oste
Messaggi: 12413
Iscritto il: 06 giu 2007 14:41
Località: campagna

Messaggioda l'oste » 13 lug 2007 16:06

premesso che ho scarsa esperienza di bolle in generale, per quanto ho bevuto sono daccordo con Gremul.

un solo semi-ot di distinguo nazionalista però lo vorrei fare:
c'è champagne e champagne, ovvero se devo bere i prodotti dei tanti NM in vendita a 30 e passa euro nella maggioranza delle enoteche o nella totalità della GDO allora mi bevo un prosecco, un trentino, un franciacorta o persino un oltrepo'...

le mie due bollicine
:)
Non importa chi sarà l'ultimo a spegnere la luce. E' già buio.


Iir Boon Gesùuu/ ciii/ fuuur/ mini
Avatar utente
vignadelmar
Messaggi: 20857
Iscritto il: 06 giu 2007 11:44
Località: Monopoli
Contatta:

Messaggioda vignadelmar » 13 lug 2007 16:07

Deruj ha scritto:
Ma perché nelle tue argomentazioni c'è sempre un rimando a qualche deus ex machina - le guide - che porti sempre sempre a sostegno?

Nessuno ti vuol convincere per forza, ma se ti femassi al "mio gusto" al "secondo me" sarebbe meglio.



Ma perchè mi sembra che ne stiamo parlando in un forum di appassionati il cui proprietario è il co-editore di una importantissima Guida ai vini Italiani.
Stessa Guida che assieme a tutte le altre afferma con continuità l'esatto contrario di quanto voi affermate.
Se ne parliamo quì ci sarà pure un motivo ? Altrimenti ne avremmo parlato sulla Settimana Enigmistica.

Inoltre io quando necessario dico sempre secondo me, a parte che dovrebbe essere sottinteso che quì ognuno parla a carattere personale.


Ciao
Pigigres 20/09/'10 "A me è capitato con il Tildin....ho capito Nebbiolo turbomodernista. Poi usando un pò di cervello.... ho detto Gaja."
Tessera n.1 e Presidente Lenin Fans Club
Tessera n°0 e Presidente Circolo Conviviale Colonna Pugliese
Avatar utente
vignadelmar
Messaggi: 20857
Iscritto il: 06 giu 2007 11:44
Località: Monopoli
Contatta:

Messaggioda vignadelmar » 13 lug 2007 16:09

Tu Rossano sulla Franciacorta cosa ne pensi ??

Mi piacerebbe leggere la tua opinione.


Ciao
Pigigres 20/09/'10 "A me è capitato con il Tildin....ho capito Nebbiolo turbomodernista. Poi usando un pò di cervello.... ho detto Gaja."
Tessera n.1 e Presidente Lenin Fans Club
Tessera n°0 e Presidente Circolo Conviviale Colonna Pugliese
Avatar utente
gremul
Messaggi: 12641
Iscritto il: 06 giu 2007 14:01
Località: Lainate (MI), Comabbio (VA)

Messaggioda gremul » 13 lug 2007 16:11

vignadelmar ha scritto:
Deruj ha scritto:
Ma perché nelle tue argomentazioni c'è sempre un rimando a qualche deus ex machina - le guide - che porti sempre sempre a sostegno?

Nessuno ti vuol convincere per forza, ma se ti femassi al "mio gusto" al "secondo me" sarebbe meglio.



Ma perchè mi sembra che ne stiamo parlando in un forum di appassionati il cui proprietario è il co-editore di una importantissima Guida ai vini Italiani.
Stessa Guida che assieme a tutte le altre afferma con continuità l'esatto contrario di quanto voi affermate.
Se ne parliamo quì ci sarà pure un motivo ? Altrimenti ne avremmo parlato sulla Settimana Enigmistica.

Inoltre io quando necessario dico sempre secondo me, a parte che dovrebbe essere sottinteso che quì ognuno parla a carattere personale.


Ciao


beh Luciano però attenzione la Guida non mette mica in contrapposizione Champagne e Franciacorta!!
La diversità di ognuno di noi non è un'arma per discriminare, etichettare, ma una ricchezza (P.P. Pasolini)
A Broccolino i rom eravamo noi (M. Pannella)
SIAMO TUTTI STRANIERI
Avatar utente
gremul
Messaggi: 12641
Iscritto il: 06 giu 2007 14:01
Località: Lainate (MI), Comabbio (VA)

Messaggioda gremul » 13 lug 2007 16:13

cioè il 3 bicchieri all'Annamaria Clementi o a certe annate di Cabochon se rapportato al panorama generale delle italiche bolle non lo vedo affatto scandaolso anzi assolutamente condivisibile.
La diversità di ognuno di noi non è un'arma per discriminare, etichettare, ma una ricchezza (P.P. Pasolini)
A Broccolino i rom eravamo noi (M. Pannella)
SIAMO TUTTI STRANIERI
Il Comandante
Messaggi: 5946
Iscritto il: 11 giu 2007 13:51

Messaggioda Il Comandante » 13 lug 2007 16:13

valino ha scritto:Io trovo che tutte le opinioni abbiano lo stesso valore. Allora dico la mia.
Vi sono alcuni cru in Franciacorta che non hanno nulla da invidiare a quelli francesi. In particolare i migliori cru franciacortini sono quelli esposti a nord fronte autostrada. (l'uscita non la ricordo)


Ultimamente il tuo sarcasmo è più sferzante dell'acidità di Krug '88... :lol: :lol:

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: FERRARI, george7179, lorenzodom, MarioC77 e 15 ospiti