Champagne, il thread definitivo

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
davidef
Messaggi: 7791
Iscritto il: 06 giu 2007 17:23
Località: Vicenza

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda davidef » 07 mag 2009 08:57

non so se si può dire senza essere bannati da questa discussione...

....ma domenica sera sotto il portico in quel bel anticipo die state che c'era con del sushi da asporto mi sono sparato una buona mezza bottiglia di Bellavista Pas-Operè 2000 con molto godimento.

continuo a ritenere che questo vino sia veramente molto buono e che vada bevuto sempre con alcuni anni di sboccatura, ha sicuramente registri diversi dagli champagne come li intendete ultimamente sotto il profilo della acidità taglia lingua e quindi non va raffrontato a mio avviso con la tipologia, però ha una bella complessità ed un equilibrio in bocca ammirabile
Avatar utente
fable_81
Messaggi: 3256
Iscritto il: 15 ott 2008 11:07
Località: Manerba del Garda (BS)

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda fable_81 » 07 mag 2009 09:39

davidef ha scritto:non so se si può dire senza essere bannati da questa discussione...

....ma domenica sera sotto il portico in quel bel anticipo die state che c'era con del sushi da asporto mi sono sparato una buona mezza bottiglia di Bellavista Pas-Operè 2000 con molto godimento.

continuo a ritenere che questo vino sia veramente molto buono e che vada bevuto sempre con alcuni anni di sboccatura, ha sicuramente registri diversi dagli champagne come li intendete ultimamente sotto il profilo della acidità taglia lingua e quindi non va raffrontato a mio avviso con la tipologia, però ha una bella complessità ed un equilibrio in bocca ammirabile


Credo sia normale che si possa apprezzare anche dei bolla nostrani, in fondo i primi vini con le bolle che ho apprezzato maggiormento, sono il bellavista Pas-Operè, il dosaggio zero di Ca' del Bosco ed il Cabochon di Monterossa, si potrebbe aprire un thread specifico per le bolle italiane, franciacortine e non?
Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma.
https://instagram.com/fable_81/
Avatar utente
biscowar
Messaggi: 260
Iscritto il: 28 ott 2008 18:55

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda biscowar » 07 mag 2009 10:31

davidef ha scritto:non so se si può dire senza essere bannati da questa discussione...

....ma domenica sera sotto il portico in quel bel anticipo die state che c'era con del sushi da asporto mi sono sparato una buona mezza bottiglia di Bellavista Pas-Operè 2000 con molto godimento.

continuo a ritenere che questo vino sia veramente molto buono e che vada bevuto sempre con alcuni anni di sboccatura, ha sicuramente registri diversi dagli champagne come li intendete ultimamente sotto il profilo della acidità taglia lingua e quindi non va raffrontato a mio avviso con la tipologia, però ha una bella complessità ed un equilibrio in bocca ammirabile



BANNATO SUBITO DA GREMUL :D

Assaggiato al vinitaly. Veramente buono, il problema secondo me è il prezzo che non regge il pari di champagne sullo stesso livello di spesa.
"... guarda il calor del sol che si fa vino giunto dall'umor che dalla vite cola"
Avatar utente
gremul
Messaggi: 12641
Iscritto il: 06 giu 2007 14:01
Località: Lainate (MI), Comabbio (VA)

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda gremul » 07 mag 2009 10:47

vabbè dai perchè siete voi non vi banno... :D :D

però un nuovo thread solo sul Franciacorta no dai, vi ospito qui qualche volta sarò buono :D
La diversità di ognuno di noi non è un'arma per discriminare, etichettare, ma una ricchezza (P.P. Pasolini)
A Broccolino i rom eravamo noi (M. Pannella)
SIAMO TUTTI STRANIERI
Avatar utente
ugc
Messaggi: 1701
Iscritto il: 05 dic 2008 19:36
Località: 'UCC - Polacchia

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda ugc » 07 mag 2009 22:37

paolo72 ha scritto:
davidef ha scritto:
ho bevuto qualche settimana fa il loro BdB base alla cieca assieme ad amici, di cui uno che conosci pure te che importa diversa roba...il risultato è stato stupefacente, proprio un buon vino altro che

...
Ci credo, ci credo, evidentemente qualcosa è cambiato a livello qualitativo.
Meno male.


Strano. Assaggiato il BdB in francia a capodanno, comprato in enoteca fidata da un amico. Scandaloso. Bisolfito permanente, e nulla più.
Ce ci siano in giro dei lotti buoni?
Rien n'y fait, menace ou prière, l'un parle bien, l'autre se tait;
et c'est l'autre que je préfère, il n'a rien dit, mais il me plaît.
Avatar utente
ugc
Messaggi: 1701
Iscritto il: 05 dic 2008 19:36
Località: 'UCC - Polacchia

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda ugc » 07 mag 2009 22:42

peter pan ha scritto:Mi sto preparando ad acquistare alcune bottiglie di Clos de Goisses e mi trovo a dover scegliere tra 1998 e 1999,
pensavo di orientarmi verso il 99 che credevo un annata migliore, ma il prezzo del 98 abbastanza superiore mi ha messo il dubbio. in genere in francia il prezzo è indice di qualità, Vi chiedo gentilmente un aiuto.
grazie


Mio modesto parere: tra i due senza dubbio il 98. Troppo giovani cmq. Se proprio vuoi prova a scaraffare delicatamente per una mezzora e in ogni caso non usare flutes ma bicchieri da chardonnay.
Il prezzo cmq non è così spesso indice di qualità come si crede.
Rien n'y fait, menace ou prière, l'un parle bien, l'autre se tait;
et c'est l'autre que je préfère, il n'a rien dit, mais il me plaît.
Avatar utente
ugc
Messaggi: 1701
Iscritto il: 05 dic 2008 19:36
Località: 'UCC - Polacchia

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda ugc » 08 mag 2009 12:39

Settimana scorsa giretto in champagne, qua sotto le prime impressioni, ne seguiranno altre. Per intanto spetto commenti!

René Geoffroy: Interessante cantina, un po' disordinata in quanto si stanno preparando al trasloco. Jean Baptiste, non un gran anfitrione, ci riceve di corsa a mezzogiorno del primo maggio con due delle sue cinque figlie (a ciascuna delle quali ha dedicato una sua cuvée). Interessanti l'Empreinte, bella cuvée vinosa e fruttata allo stesso tempo, mentre l'Expression è piacevole nella sua semplicità. Del rosè impressiona la struttura al primo impatto naso/bocca ma non convince fino in fondo, specie in bocca, troppo corta. Sono un po' deluso. Anche il millesimo 00 è troppo elaborato e perde un po' il contatto col terroir. Prezzi un pelino alti per la qualità assaggiata. Da rivedere dopo qualche anno. Voto visita: 5. Voto produzione: 6,5

Raymond Boulard: In assenza di Francis, sua sorella Hélène ci riceve nella casa di famiglia e, dopo una bella chiacchierata introduttiva, ci fa assaggiare tutta la produzione. Del BdB non ricordo molto, il Reserve un pelo meglio, mentre sono rimasto deluso dal Mailly GC, forse non pronto (credo da base 05). Buono il rosé. Si nota però un salto notevole tra la prima parte della gamma e le riserve, assolutamente superiori. Il Rachais 04 paga la recente sboccatura con un naso ancora coperto da residui di solfiti, la stoffa però c'è, e mi aspetto buone cose in futuro. Il Petraea MMV, da solera, è sicuramente interessante anche se patisce il suo carico di materia e non riesce a liberarsi ed andare in progressione come dovrebbe. Su tutti, il Prestige Tradition è quello che merita l'applauso incondizionato e la dovuta scorta...Voto visita 8. Produzione:7,5

Egly-Ouriet: niente visita, degustazione limitata al Tradition, comunque eccellente. Interessante chiacchierata con Francis che nonostante la boria (peraltro tipicamente francese) dimostra di saperci fare e di avere una buona visione. A tratti sembra combattuto dal fastidio di riceverci e la consapevolezza che alla fine siamo noi clienti quelli che hanno reso possibile il suo successo. Moglie antipatica che si comporta da serva adorante ("debbo chiedere a Francis", "no Francis assolutamente non sarebbe d'accordo", "Francis ha in via eccezionale deciso di ricevervi", etc...). Miracolo che abbia scucito qualche bottiglia (e solo perché sono belga). Prezzi in aumento, specie sul VV. Resta, a differenza di altri, la serietà del produttore che non mette in commercio le bocce se non le ritiene pronte. Voto visita:4,5 Produzione:7,5

Jean Milan: disastro. Mai vista una gamma così scadente da un produttore comunque reputato, perlomeno in Belgio. Le cuvée di base erano insignificanti. Le riserve un pelo meglio ma tutte con un comun denominatore di vaniglia stucchevole in bocca. Problemi di dosaggio? In ogni caso, vade retro. Voto visita 3. Produzione: 3
Rien n'y fait, menace ou prière, l'un parle bien, l'autre se tait;
et c'est l'autre que je préfère, il n'a rien dit, mais il me plaît.
Avatar utente
ugc
Messaggi: 1701
Iscritto il: 05 dic 2008 19:36
Località: 'UCC - Polacchia

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda ugc » 08 mag 2009 13:53

seconda parte
Claude Cazals: Madame Cazals in persona ci ha aperto la sua dimora nel centro di Oger e dopo aver visto le meraviglie del Clos (3,6 ettari attorno alla villa padronale di una bellezza sconvolgente) ci svela una meravigliosa cantina che purtroppo sarà man mano abbandonata per la relativa scomodità, visto che la vinificazione vien fatta nella sede di Le Mesnil ed è già stato trovato un deposito adiacente di accesso molto più agevole. Colpisce l'umiltà e disponibilità della signora, con la quale abbiamo passato le due ore più piacevoli del weekend. All'assaggio una Cuvée Vive stratosferica, minerale, gesso, bocca tesa, viva come il nome, pura. Applauso. Niente male anche il Millesime 01, più briochato, maturo, lunghissimo, pronto al consumo. Unica nota: prezzi in aumento. Voto visita 9. Produzione 9

Larmandier-Bernier: confesso mi aspettavo di più. Pierre Larmandier è sicuramente un buon vigneron, non simpatico né affabulatore come Selosse, purtroppo altrettanto supponente. La nuova cantina sembra più una finanziaria, moderna ed impersonale, che un posto dove nascono prodotti così estremamente legati al terroir come i suoi. Le chiacchiere procedono a fatica. Talvolta sembra scocciato di ricevere visite, però poi ti fa assaggiare tutta la produzione. Talvolta ti guarda dall'alto al basso, però poi ascolta quel che dici. Spesso non è aperto alla critica, nonostante a parole si professi umile. Stock esauriti, sboccature recentissime (mar09), batteria assolutamente non pronta alla degustazione. Naso assente o "bisolfito", si intravede solamente in bocca l'ottima mano di Pierre e il potenziale del Vertus e soprattutto del VV di Cramant. Prezzi in cantina da furto (eguali al prezzo in enoteca in Belgio), mi chiedo che senso abbia questo genere di politica commerciale. Per adesso però, contando che ha finito tutto, ha ragione lui. Voto visita 3. Produzione 5

Bénard Pitois: un classico per me e sempre un piacere. Batteria minore quest'anno, la reserve solo discreta e il millesimo 04 un po' scorbutico. Mi sembra che anche loro abbiano un po' fatto il passo più lungo della gamba, quindi posso solamente rallegrarmi della crisi che permetterà/costringerà loro a lasciar riposare con calma le cuvée. La Gourmandine pur sottotono resta cmq uno dei migliori demi-sec "base" da me assaggiati, specie dopo qualche anno di riposo. Voto visita 6. Produzione 6

Marie Noëlle Ledru: Ad Ambonnay difficile trovare miglior rapporto Q/P. Visita organizzata di fretta con la segretaria di madame che ci riceve e stancamente apre tutte le bottiglie a disposizione. Dopo un po'arriva un omaccione burbero che si siede davanti a noi senza dire una parola. Noi assaggiavamo, lui ci guardava. Avevano paura che selvaggiassimo la cantina? In ogni caso l'Extra brut è tra i migliori non dosati mai assaggiati in zona, teso, quasi brutale, e il millesimo 99 non dosato è veramente piacevole, lunghissimo. Quando si va sui dosati invece il discorso cambia, e l'assaggio si fa meno interessante, il base è semplice mentre il Goulté 05 non convince ancora ma è sicuramente giovane...ne riparleremo. Voto visita 7. Produzione 8,5
Rien n'y fait, menace ou prière, l'un parle bien, l'autre se tait;
et c'est l'autre que je préfère, il n'a rien dit, mais il me plaît.
Avatar utente
gremul
Messaggi: 12641
Iscritto il: 06 giu 2007 14:01
Località: Lainate (MI), Comabbio (VA)

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda gremul » 08 mag 2009 14:33

I miei più vivi complimenti, ugc, per le note e le visite!!!!!

Qualche veloce commento: da Boulard sono stato anche io anni fa e confermo le tue positive impressioni, serbo il ricordo di uno splendido pomeriggio passato con Francis (e l'assaggio di tutti i suoi vini base). Oggi come oggi sono un po' più dubbioso sui suoi prodotti...

Jean Milan lo visitai anche io, visita più commerciale, prodotti molto fini ed eleganti (senza strapparsi i capelli), è qualche anno che non lo assaggio più mi spiace questa deriva del dosaggio che non ricordavo così elevato

Su Egly Ouriet sono altalenente nei giudizi come già detto più volte, c'è la boccia che mi piace e quella che invece trovo pesante

Claude Cazals è uno dei più grandi produttori di Champagne, punto. Eleganza e finezza, cremosità incredibili, il suo Clos Cazals è attualmente splendido

Larmandier Bernier fa alcuni degli Champagne che preferisco in assoluto per tensione minerale e acidità, mi spiace che l'accoglienza sia stata così scorbutica e le cuvée in assaggio così giovani (sboccature Marzo 09 sono assolutamente ingiudicabili)

M.N. Ledru confermo la splendida lama tagliente dei suoi non dosati!!

Benard Pitois prodotti corretti ma in effetti lo 04 non mi ha fatto gridare al miracolo, un filo troppo semplice
La diversità di ognuno di noi non è un'arma per discriminare, etichettare, ma una ricchezza (P.P. Pasolini)
A Broccolino i rom eravamo noi (M. Pannella)
SIAMO TUTTI STRANIERI
Avatar utente
ugc
Messaggi: 1701
Iscritto il: 05 dic 2008 19:36
Località: 'UCC - Polacchia

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda ugc » 08 mag 2009 14:54

Non abbiamo mica finito!

Patrick Soutiran: Piacevole sorpresa, gamma corretta ed interessante. Manca un po' il guizzo che spero sia nascosto nelle riserve Precieuse d'Argent 92 e 96 (chardonnay 100%) che gli ho preso alla cieca. Miglior bottiglia assaggiata il millesime 2002, prontissimo e fine, mentre la Precieuse d'Argent 04 non è sufficientemente equilibrata. Voto visita 7. Produzione 7

André Beaufort: Visita fuori programma (passavamo di lì e ci abbiamo provato...è andata bene), abbiamo degustato per un'oretta abbondante una ventina di bottiglie, alcune aperte in faccia, altre conservate anche qualche mese nella leggendaria borsa frigo da campeggio, refrigerata a circa 10gradi tramite una bottiglia di plastica con acqua ghiacciata. Jacques è un contadino vecchio stile. Rustico e furbo (moolto furbo), grezzo e filosofo (moolto filosofo). Dosaggi sempre elevati, anche sul brut che io considero un "sec", qualità però molto oscillante tra boccie eccellenti e altre solo discrete. In generale, meglio la gamma di Polisy (Aube) che non Ambonnay grand cru, che troppo spesso ha delle strane punte di amaro. Su tutti un Polisy millesime 96 brut e demi sec da far girar la testa per la ricchezza, la complessità e la durata infinita. Incredibilmente scarso invece lo stesso millesimo su Ambonnay, mentre è eccellente Ambonnay millesime 90 brut. Bio-dinamico da una vita, è curioso che vinifichi separatamente i due filari esterni del proprio appezzamento di Ambonnay. La ragione è che sono a contatto con vicini che usano ancora prodotti chimici, e lo specifica in etichetta. Bio-taliban! Per la cronaca, si trattava del millesimo 00 ed era una boccia abbastanza scadente. Altra curiosità: le boccie in assaggio sono tutte di sboccature anteriori a quelle in vendita. Voto visita 7. Produzione 7

Agrapart: Solo tre vini degustati ma, a parte un 6 vigne semplice e corretto, gli altri due sono da applausi. Terroir (base 05) è strepitoso per intensità e struttura mentre Mineral 03 (non dosato), nonostante l'annata infelice, rivela una delicatezza e una freschezza piacevolissime. Peccato che l'Avizoise e il Venus non fossero più disponibili. In compenso la foto di Kyla Cole con magnum di Venus è fuori categoria e ti fa venir voglia di ritornare :mrgreen: . Voto visita 7 Produzione 8

Guy Charlemagne: Mi aspettavo di più. Buona accoglienza del titolare che ci intrattiene per un'oretta, moglie antipatica e presuntuosa. Cuvée Charlemagne 04 solo discreta, un po' meglio con il Mesnillesime 02, molto agrumato al naso ed in bocca. I base non hanno lasciato impronta. Ho scippato una jero Charlemagne 1999 ad un buon prezzo e dovrei aprirla tra non troppo tempo. Vediamo. Voto visita 6 Produzione 6,5

Pierre Gimonnet: Al solito ottima gamma. Buoni il Cuis 1er cru, semplice ed affidabile, e il Gastronome 04, perfettamente bilanciato, facile e di pronta beva, forse una delle migliori versioni. Solo discreto il Fleuron 04, un po' brusco e discontinuo in bocca. In ogni caso continuo a preferire gli Oenophile, su tutti un 2002 strepitoso per ricchezza e mineralità. Da prenderne a casse. Se lo Special Club 00 è sicuramente piacevole, strutturato e minerale ma abbastanza semplice, lo Special Club Oenophile 99 è invece tutta un'altra pasta: quasi etereo, delicatissimo. Non mi stupisco di aver snobbato in precedenza la versione dosata...qua bisogna fare attenzione con gli abbinamenti e soprattutto aprire le papille...non è il genere di vini che mi fa impazzire ma a mente fredda non posso non riconoscere l'ottima mano. In ogni caso non vedo l'ora arrivi la versione 02, che son sicuro mi farà saltar giù dalla sedia...Voto visita 8. Produzione 8
Rien n'y fait, menace ou prière, l'un parle bien, l'autre se tait;
et c'est l'autre que je préfère, il n'a rien dit, mais il me plaît.
Avatar utente
gremul
Messaggi: 12641
Iscritto il: 06 giu 2007 14:01
Località: Lainate (MI), Comabbio (VA)

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda gremul » 08 mag 2009 15:07

ugc ha scritto:Non abbiamo mica finito!



AZZ hai fatto proprio un girettino :D :D

allora continuo con qualche altro commento

Soutiran lo conosco solo di nome ma non ho assaggiato nulla, lo terrò presente la prossima volta :)

Con gli Champagne di Beaufort purtroppo non è mai scattato il feeling (molto buono il Demi Sec 1988 assaggiato tempo fa grazie ad Aldo, ma l'annata 88 è a parte), non riesco ad innamorarmi di quella mela che sento sempre e di quesi sentori strani (come per, cambiando le carte in tavola, mi accade con Selosse)

Agrapart sono stato da lui l'anno scorso, davvero bei prodotti, dritti e senza fronzoli come piacciono a me

Pierre Gimonnet è uno dei miei produttori preferiti, talvolta, lo riconosco, al limite della semplicità ma la mano è di un'eleganza e finezza estrema; vermanente ottimo, come giustamente scrivi, l'Oenophile 99, uno Champagne che migliorerà ancora con gli anni, bisogna aver la pazienza di aspettare i suoi vini

Guy Charlemagne buono ma concordo sostanzialmente con le tue valutazioni
La diversità di ognuno di noi non è un'arma per discriminare, etichettare, ma una ricchezza (P.P. Pasolini)
A Broccolino i rom eravamo noi (M. Pannella)
SIAMO TUTTI STRANIERI
Avatar utente
gremul
Messaggi: 12641
Iscritto il: 06 giu 2007 14:01
Località: Lainate (MI), Comabbio (VA)

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda gremul » 08 mag 2009 15:10

riflettevo che alla luce degli utlimi assaggi e di quanto letto mi sa che l'annata 04 forse andrà un po' ridimensionata (tenendo ben presente che naturalmente è ancora presto per giudicarla definitivamente)
La diversità di ognuno di noi non è un'arma per discriminare, etichettare, ma una ricchezza (P.P. Pasolini)
A Broccolino i rom eravamo noi (M. Pannella)
SIAMO TUTTI STRANIERI
Avatar utente
ugc
Messaggi: 1701
Iscritto il: 05 dic 2008 19:36
Località: 'UCC - Polacchia

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda ugc » 08 mag 2009 15:12

ultimo!

Marc Hebrart: fuori programma graditissimo in attesa di Philipponnat in pausa pranzo (sono di fronte...). Ottima gamma a prezzi imbattibili e con un Prestige 2002 favoloso, vaniglia e crema, elegante e lungo. Ancora meglio la versione 1998 di cui per sbaglio madame ha aperto una bottiglia...ce ne siamo scolati una buona metà ed eravamo felici e pronti a sbranare Charles...Voto visita 7. Produzione 8

Philipponnat: nonostante tutto mi emoziono sempre quando passo davanti al Clos des Goisses ed entro da Philipponnat. Oramai mi sento di casa, e quando apro il frigo per le degustazioni ho sempre la speranza di imbattermi in una qualche piacevole sorpresa. Questa volta ahimé...sono arrivato con qualche ora di ritardo e ho potuto solo annusare una decina di cadaveri sul tavolo. Non dico cos'erano perché c'è da star male. Per noi era rimasto poco: abbiamo assaggiato il rosé (normale), la nuova cuvée non dosata (discreta) e il Clos 00, potentissimo in bocca, come forse mai dal 90 in poi, ma totalmente penalizzato in fase olfattiva dalla sboccatura recente ed in ogni caso dal breve invecchiamento. Oramai non è un mistero: dalla metà degli anni 90 la mano in cantina è cambiata e dovrò farmene una ragione. Però il Clos è sempre quello, vuole il suo tempo, 15 anni almeno. Purtroppo sembra che le esigenze di mercato siano più importanti. O forse sono io che non capisco. In ogni caso, per chi voglia berlo, consiglio vivamente una scaraffatura delicata e una attesa di almeno mezz'ora per farlo respirare. Siamo comunque ad un livello superiore al 98 e 99. Che sia un passo verso il ritorno sui livelli consoni a questa cuvée? Come tutti gli amanti traditi, lo spero vivamente, e attendo il 2002. Voto visita 7 Produzione 6

Bereche et Fils: simpaticissima e cordialissima visita da un produttore che tenta di mediare tra una clientela storica e affezionata alla vecchia maniera di fare champagne più amabili e pronti alla beva, e la clientela moderna, che ricerca invece specie nei piccoli produttori il terroir, la sostanza. Due cuvée classiche: il base e il millesimato, entrambi buoni. Tre "moderne": Extra brut (base 06: eccellente, speziato e molto lungo), Reflet d'Antan, forse la migliore tra i metodi solera che abbia assaggiato, mentre purtroppo non è disponibile fino al 2010 il Beaux Regards. Curioso l'assaggio del liqueur d'expedition, rigorosamente a base di champagne e zucchero di canna. Secondo Bereche bisogna evitare il mosto concentrato perché oltre ai 2-3g/l cambia la consistenza in bocca e rischia di rovinare l'equilibrio. Da riassaggiare con calma. Voto visita 8. Produzione 8

Sadi Malot: buon produttore a prezzi modici. Su tutti il base non dosato e il millesimo 04 che però, come molti altri di quell'annata sconta un amalgama non ancora raggiunta tra la componente acida e quella minerale. Il riassaggio da sobri delle bottiglie potrebbe stupirci favorevolmente. Voto visita 6. Produzione 6

Questo è quanto!
Rien n'y fait, menace ou prière, l'un parle bien, l'autre se tait;
et c'est l'autre que je préfère, il n'a rien dit, mais il me plaît.
Avatar utente
ugc
Messaggi: 1701
Iscritto il: 05 dic 2008 19:36
Località: 'UCC - Polacchia

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda ugc » 08 mag 2009 15:16

gremul ha scritto:riflettevo che alla luce degli utlimi assaggi e di quanto letto mi sa che l'annata 04 forse andrà un po' ridimensionata (tenendo ben presente che naturalmente è ancora presto per giudicarla definitivamente)


QUOTO! Sono rimasto anzi stupito del livello così "basso". Forse è ancora presto per trarre delle conclusioni, però il fatto che molti produttori siano andati in rottura di stock e abbiano forzato questo millesimo sul mercato contribuisce non poco a dare un'impressione negativa.
Rien n'y fait, menace ou prière, l'un parle bien, l'autre se tait;
et c'est l'autre que je préfère, il n'a rien dit, mais il me plaît.
Avatar utente
gremul
Messaggi: 12641
Iscritto il: 06 giu 2007 14:01
Località: Lainate (MI), Comabbio (VA)

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda gremul » 08 mag 2009 15:21

ugc ha scritto:Questo è quanto!


e dici poco!!! ancora i miei più sinceri complimenti!!! :)

ultimi commenti:

straquoto Hebrart, ho bevuto recentemente il suo Special Club 02 bello agrumato, vivo, teso, davvero bbono

su Philipponnat mi sa che anche io sono del parere che, oggi come oggi, tolto il CdG che reputo sempre una delle migliori Cuvées de Prestige di tutta la Champagne, il resto della gamma sia un po' in affanno...speriamo bene...

Bereche ho trovato bottiglie buone e altre che mi sono piaciute meno, non so... non mi fa impazzire al momento...

Sadi Malot quoto, onesto produttore
La diversità di ognuno di noi non è un'arma per discriminare, etichettare, ma una ricchezza (P.P. Pasolini)
A Broccolino i rom eravamo noi (M. Pannella)
SIAMO TUTTI STRANIERI
Avatar utente
ugc
Messaggi: 1701
Iscritto il: 05 dic 2008 19:36
Località: 'UCC - Polacchia

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda ugc » 08 mag 2009 15:29

gremul ha scritto:
ugc ha scritto:Questo è quanto!


e dici poco!!! ancora i miei più sinceri complimenti!!! :)


8)
Un weekend lungo come questo era da sfruttare...è stato un vero tour de force, sia fisicamente sia finanziariamente. Perfortuna alla domenica ci siamo rilassati in quanto più che visitare enoteche non si poteva fare. Altrimenti non sarei sopravvissuto!
In ogni caso nei prossimi mesi ho un po' di "materiale" da assaggiare con calma per vedere se ero ancora lucido alle ultime degustazioni :wink:
Rien n'y fait, menace ou prière, l'un parle bien, l'autre se tait;
et c'est l'autre que je préfère, il n'a rien dit, mais il me plaît.
gmi
Messaggi: 363
Iscritto il: 06 giu 2007 14:16
Località: modena/cento

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda gmi » 08 mag 2009 15:30

ugc ha scritto:
gremul ha scritto:riflettevo che alla luce degli utlimi assaggi e di quanto letto mi sa che l'annata 04 forse andrà un po' ridimensionata (tenendo ben presente che naturalmente è ancora presto per giudicarla definitivamente)


QUOTO! Sono rimasto anzi stupito del livello così "basso". Forse è ancora presto per trarre delle conclusioni, però il fatto che molti produttori siano andati in rottura di stock e abbiano forzato questo millesimo sul mercato contribuisce non poco a dare un'impressione negativa.


Ho letto che c'é stato un raccolto record in termini di quantitá, forse questo puó aver influito in qualche modo negativamente.
Chiedevo a chi é piú informato di mé se la 2004 é giá un'annata che ha usufruito dell'aumento delle rese e dell'allargamento delle zone di produzione, questo potrebbe essere un brutto segnale...
Avatar utente
ugc
Messaggi: 1701
Iscritto il: 05 dic 2008 19:36
Località: 'UCC - Polacchia

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda ugc » 08 mag 2009 15:30

gremul ha scritto:straquoto Hebrart, ho bevuto recentemente il suo Special Club 02 bello agrumato, vivo, teso, davvero bbono

Mi è sembrato di capire dalle mezze parole che lo SC e il Prestige sono praticamente lo stesso assemblaggio...avete conferme?
Rien n'y fait, menace ou prière, l'un parle bien, l'autre se tait;
et c'est l'autre que je préfère, il n'a rien dit, mais il me plaît.
Avatar utente
gremul
Messaggi: 12641
Iscritto il: 06 giu 2007 14:01
Località: Lainate (MI), Comabbio (VA)

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda gremul » 08 mag 2009 15:34

ugc ha scritto:
gremul ha scritto:straquoto Hebrart, ho bevuto recentemente il suo Special Club 02 bello agrumato, vivo, teso, davvero bbono

Mi è sembrato di capire dalle mezze parole che lo SC e il Prestige sono praticamente lo stesso assemblaggio...avete conferme?


no, non lo so
La diversità di ognuno di noi non è un'arma per discriminare, etichettare, ma una ricchezza (P.P. Pasolini)
A Broccolino i rom eravamo noi (M. Pannella)
SIAMO TUTTI STRANIERI
Avatar utente
gremul
Messaggi: 12641
Iscritto il: 06 giu 2007 14:01
Località: Lainate (MI), Comabbio (VA)

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda gremul » 08 mag 2009 15:38

gmi ha scritto:
ugc ha scritto:
gremul ha scritto:riflettevo che alla luce degli utlimi assaggi e di quanto letto mi sa che l'annata 04 forse andrà un po' ridimensionata (tenendo ben presente che naturalmente è ancora presto per giudicarla definitivamente)


QUOTO! Sono rimasto anzi stupito del livello così "basso". Forse è ancora presto per trarre delle conclusioni, però il fatto che molti produttori siano andati in rottura di stock e abbiano forzato questo millesimo sul mercato contribuisce non poco a dare un'impressione negativa.


Ho letto che c'é stato un raccolto record in termini di quantitá, forse questo puó aver influito in qualche modo negativamente.
Chiedevo a chi é piú informato di mé se la 2004 é giá un'annata che ha usufruito dell'aumento delle rese e dell'allargamento delle zone di produzione, questo potrebbe essere un brutto segnale...


non credo, da quello che ho capito ci vorranno ancora parecchi anni prima che possano entrare in produzione effettiva e quindi in commercio le parcelle della zona allargata, non voglio dire eresie ma avevo letto da qualche parte, se non ricordo male, addirittura 2015
La diversità di ognuno di noi non è un'arma per discriminare, etichettare, ma una ricchezza (P.P. Pasolini)
A Broccolino i rom eravamo noi (M. Pannella)
SIAMO TUTTI STRANIERI
Avatar utente
ugc
Messaggi: 1701
Iscritto il: 05 dic 2008 19:36
Località: 'UCC - Polacchia

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda ugc » 08 mag 2009 15:41

gremul ha scritto:Qualche veloce commento: da Boulard sono stato anche io anni fa e confermo le tue positive impressioni, serbo il ricordo di uno splendido pomeriggio passato con Francis (e l'assaggio di tutti i suoi vini base). Oggi come oggi sono un po' più dubbioso sui suoi prodotti...


Le impressioni sono buone sulle riserve, un po' meno sul resto e diciamo pure che il Tradition assaggiato ha trainato il giudizio. Non volevo essere troppo severo con il Mailly GC, ma veramente mi aspettavo qualcosa di meglio.

gremul ha scritto:Jean Milan lo visitai anche io, visita più commerciale, prodotti molto fini ed eleganti (senza strapparsi i capelli), è qualche anno che non lo assaggio più mi spiace questa deriva del dosaggio che non ricordavo così elevato


Io sono rimasto sbalordito...non pensavo che si potesse arrivare a questo livello. Forse le boccie all'assaggio non erano idonee...mah.

gremul ha scritto:Larmandier Bernier fa alcuni degli Champagne che preferisco in assoluto per tensione minerale e acidità, mi spiace che l'accoglienza sia stata così scorbutica e le cuvée in assaggio così giovani (sboccature Marzo 09 sono assolutamente ingiudicabili)


Anche a me piace LB, e avevo delle aspettative enormi. In ogni caso ho comprato in enoteca delle sboccature 07...le assaggerò con la dovuta calma!
Rien n'y fait, menace ou prière, l'un parle bien, l'autre se tait;
et c'est l'autre que je préfère, il n'a rien dit, mais il me plaît.
Avatar utente
ugc
Messaggi: 1701
Iscritto il: 05 dic 2008 19:36
Località: 'UCC - Polacchia

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda ugc » 08 mag 2009 15:45

gremul ha scritto:
gmi ha scritto:Ho letto che c'é stato un raccolto record in termini di quantitá, forse questo puó aver influito in qualche modo negativamente.
Chiedevo a chi é piú informato di mé se la 2004 é giá un'annata che ha usufruito dell'aumento delle rese e dell'allargamento delle zone di produzione, questo potrebbe essere un brutto segnale...


non credo, da quello che ho capito ci vorranno ancora parecchi anni prima che possano entrare in produzione effettiva e quindi in commercio le parcelle della zona allargata, non voglio dire eresie ma avevo letto da qualche parte, se non ricordo male, addirittura 2015


Non credo neanch'io, però la resa è stata effettivamente molto molto alta, la più alta dagli anni 50 secondo quanto mi è stato detto.
Rien n'y fait, menace ou prière, l'un parle bien, l'autre se tait;
et c'est l'autre que je préfère, il n'a rien dit, mais il me plaît.
Avatar utente
ugc
Messaggi: 1701
Iscritto il: 05 dic 2008 19:36
Località: 'UCC - Polacchia

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda ugc » 08 mag 2009 15:48

gremul ha scritto:Claude Cazals è uno dei più grandi produttori di Champagne, punto.


STRAQUOTO. Colpisce la combinazione di umiltà e disponibilità della madame con la qualità evidentemente elevatissima del prodotto. Abbiamo incontrato un angelo e ci ha portato in paradiso.
Rien n'y fait, menace ou prière, l'un parle bien, l'autre se tait;
et c'est l'autre que je préfère, il n'a rien dit, mais il me plaît.
Avatar utente
ugc
Messaggi: 1701
Iscritto il: 05 dic 2008 19:36
Località: 'UCC - Polacchia

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda ugc » 08 mag 2009 16:14

gremul ha scritto:Pierre Gimonnet è uno dei miei produttori preferiti, talvolta, lo riconosco, al limite della semplicità ma la mano è di un'eleganza e finezza estrema; vermanente ottimo, come giustamente scrivi, l'Oenophile 99, uno Champagne che migliorerà ancora con gli anni, bisogna aver la pazienza di aspettare i suoi vini


Sai cos'è? Mi ha spiazzato all'inizio la sua ecletticità nel proporre prodotti molto diversi e non sempre di facile lettura. Non avevo uno "zero" di riferimento. Adesso che l'ho capito va molto meglio. Resta il fatto che, per me, dà il meglio nelle versioni Oenophile, e questo sia per lo Special club 99, sia per il Fleuron 2002.
Rien n'y fait, menace ou prière, l'un parle bien, l'autre se tait;
et c'est l'autre que je préfère, il n'a rien dit, mais il me plaît.
Avatar utente
ugc
Messaggi: 1701
Iscritto il: 05 dic 2008 19:36
Località: 'UCC - Polacchia

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda ugc » 08 mag 2009 16:16

gremul ha scritto:
ugc ha scritto:
gremul ha scritto:straquoto Hebrart, ho bevuto recentemente il suo Special Club 02 bello agrumato, vivo, teso, davvero bbono

Mi è sembrato di capire dalle mezze parole che lo SC e il Prestige sono praticamente lo stesso assemblaggio...avete conferme?


no, non lo so


sarebbe curioso fare un parallelo e verificare. Potrebbe anche darsi che il Prestige parta in vantaggio per aver passato più tempo sui lieviti...
Rien n'y fait, menace ou prière, l'un parle bien, l'autre se tait;
et c'est l'autre que je préfère, il n'a rien dit, mais il me plaît.

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: andrea_boch, Jurko e 1 ospite