Champagne, il thread definitivo

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Avatar utente
amica speck
Messaggi: 2951
Iscritto il: 06 giu 2007 11:57
Località: Roma

Messaggioda amica speck » 30 apr 2008 18:20

L’addio a ben 500g. di peso corporeo merita sempre un adeguato festeggiamento.
Ed è per questo che, ieri sera, ho accettato di incontrare, in una nota enoteca capitolina, un manipolo di brutti ceffi nonché impenitenti alcolizzati.

L’inizio dei lavori ha visto come protagonista un piacevole

Aubry – Premier CRU Jouy-les-Reims – Brut Classic
Consigliatomi da sua effervescenza Gremul I a scopo didattico, a lungo cercato, ardentemente bramato e alla fine bevuto.
Piacevoli le note di pesca, gli evidenti sentori di fragola e la lieve “limonosità” nel finale.
Effervescenza “morbida”, delicata. Forse un po’ troppo delicata.
Non mi è sembrato un vino con grandissima persistenza.

Salumi, formaggi e carpacci sono stati accompagnati da due notevoli recoltants manipulants (che adesso ho capito pure che vuol dire! 8) )

Gatinois – Ay
&
Grand CRU Cuvée Prestige – Bonville

Frutti rossi, mela, lievi note dolci (miele o forse frutta secca … boh?! :? ) il primo,
crema pasticciera, burro e frutta marmellatosa l’altro.
Entrambi con buona persistenza in bocca.
Bonville, per me, numero uno!

Per concludere dolcini al cucchiaio e alla forchetta con bolla rosa, tanto rosa, quasi rossa.

Marie-Noelle Ledru – Grand CRU Ambonnay – Brut Rosé
Di questo Champagne giudizio sospeso causa manifesta perdita di lucidità e knock-out tecnico delle vie nasali e retronasali. Ricordo comunque vaghe note di frutti rossi e una leggera sensazione amarognola dovuta, probabilmente, più ad un non felicissimo abbinamento mangereccio che non ad una effettiva caratteristica del vino.
Vi direi che mi ripropongo di assaggiarlo ancora, ma … non so se ne ho voglia. :?

Dicono che c'è un tempo per seminare
e uno più lungo per aspettare
io dico che c'era un tempo sognato
che bisognava sognare
Avatar utente
alexer3b
Messaggi: 10554
Iscritto il: 06 giu 2007 11:45
Località: Roma

Messaggioda alexer3b » 30 apr 2008 18:28

amica speck ha scritto:crema pasticciera, burro e frutta marmellatosa l’altro.
...
Bonville, per me, numero uno!

Te pareva ! :lol:

Alex
Oggi, in latino...l'ha pijata ar culo. (Romano ad honorem 08-10-2008)

... a Nossiter (come ai suoi compaesani) bisognerebbe spiegare che quando avrà capito l’importanza di usare il bidet sarà sempre troppo tardi… :lol: (anonimo 07-02-2012)
Avatar utente
andrea
Messaggi: 7995
Iscritto il: 06 giu 2007 11:38
Località: Bassa Brianza

Messaggioda andrea » 30 apr 2008 23:14

master ha scritto:
www.vdv-vinodivino.com ha scritto:
esorciccio79 ha scritto:DE CARLINI Cuvée De La Montgolfière

84,111/100


Devi scusarmi ma di punteggi non ne capisco molto.
Vorrei capire se ti e' piaciuto.
Ciao Davide


100% pinot nero i verzenay, molto equibrato con una trama carbonica morbida e avvolgente e una bella struttura piena, gioca molto su note agrumate e floreali che accompagnano la vinosità del pinot nero, i lieviti e il dosaggio di spedizione sono appena percettibili e comunque confermano la ricerca della freschezza. La mongolfiere l'ho sempre considerata uno champagne da cibo. Negli ultimi tre anni ne ho bevuto a scatafascio, l'ho amato fresco su delle polpette fritte di lesso, ma l'ho adorato a due anni dalla sboccatura su dei saltinbocca alla romana.

Assaggiato oggi, con un piatto di pata negra. Decisamente molto buono, vinoso come dici tu, forse il mio, da magnum, aveva meno agrumato (un po' al contrario di Delouwin... :roll: ) ma un bel floreale, il dosaggio è discreto e l'acidità equilibratissima, si sente uno stile di grande equilibrio.
master
Messaggi: 1175
Iscritto il: 10 lug 2007 16:01

Messaggioda master » 02 mag 2008 10:15

mvalto ha scritto:Champagne De Carlini Extra Brut.

Bella interpretazione dello Champagne,dal colore giallo scarico alla bollicina fine e persistente.
Al naso agrumi e lime in primo piano con leggere note mandorlate in un secondo tempo.
Bello l'ingresso della bollicina in bocca,gentilmente avvolge palato e lingua e sempre gentilmente sparisce lasciandoti una freschezza aromatica che ricorda il lime e anche della pesca bianca di inizio stagione,sai quando non è ancora dolce,poi l'acidità da manuale fà il resto.

Sapete la regola della bottiglia che se è buona non ne rimane un goccio,ecco qui abbiamo l'esempio classico,calcolate che in 2 l'abbiamo seccata in neanche trenta minuti 8)



Di de carlinì mi piace molto più o meno tutta la linea, però tra extrabrut e nature preferisco il nature, e tra brut ed extrabrut il brut per esclusione, non ho mai capito perchè li faccia tutti e tre, tenendo conto che già il brut è poco dosato l'extra mi sembra superfluo ora che fa il nature . Lo stile aziendale è molto affine al gusto italiano orientato alla freschezza. Infatti soffre le annate calde chi avesse provato i suoi prodotti con annata base 2000 o anche 2003, in commercio fino all'anno scorso, sa di cosa parlo guadagna in corpo a discapito dell'eleganza più di altri, il millesimato 97 è emblematico molto più stanco e meno elegante ovviamente del 96 ma anche del 98 del 99.
Avatar utente
www.vdv-vinodivino.com
Messaggi: 32759
Iscritto il: 06 giu 2007 18:48
Località: Cadrezzate
Contatta:

Messaggioda www.vdv-vinodivino.com » 02 mag 2008 12:27

master ha scritto:
mvalto ha scritto:Champagne De Carlini Extra Brut.

Bella interpretazione dello Champagne,dal colore giallo scarico alla bollicina fine e persistente.
Al naso agrumi e lime in primo piano con leggere note mandorlate in un secondo tempo.
Bello l'ingresso della bollicina in bocca,gentilmente avvolge palato e lingua e sempre gentilmente sparisce lasciandoti una freschezza aromatica che ricorda il lime e anche della pesca bianca di inizio stagione,sai quando non è ancora dolce,poi l'acidità da manuale fà il resto.

Sapete la regola della bottiglia che se è buona non ne rimane un goccio,ecco qui abbiamo l'esempio classico,calcolate che in 2 l'abbiamo seccata in neanche trenta minuti 8)



Di de carlinì mi piace molto più o meno tutta la linea, però tra extrabrut e nature preferisco il nature, e tra brut ed extrabrut il brut per esclusione, non ho mai capito perchè li faccia tutti e tre, tenendo conto che già il brut è poco dosato l'extra mi sembra superfluo ora che fa il nature . Lo stile aziendale è molto affine al gusto italiano orientato alla freschezza. Infatti soffre le annate calde chi avesse provato i suoi prodotti con annata base 2000 o anche 2003, in commercio fino all'anno scorso, sa di cosa parlo guadagna in corpo a discapito dell'eleganza più di altri, il millesimato 97 è emblematico molto più stanco e meno elegante ovviamente del 96 ma anche del 98 del 99.


Chiaro che e' un discorso troppo soggettivo, adoro il nature e extra brut spero che continui a farli tutti e due, la differenza c'e' e si sente molto bene.
Non concordo con la tua definizione di stanco il 1997, sempre secondo la mia opinione e' invece molto vivo ed elegante, certo che e' diverso del 1998 annata piu' ciccotta e calda ma meno elegante e celebrale, almeno per ora.....
Spedizione immediata a pagamento effettuato
champagne
info@vdv-vinodivino.com Tel 335 5714610
La fattura va richiesta all' ordine, in caso contrario emetto ricevuta fiscale.
Per offerte dirette : http://www.vdv-vinodivino.com/newsletter.asp
master
Messaggi: 1175
Iscritto il: 10 lug 2007 16:01

Messaggioda master » 02 mag 2008 12:47

www.vdv-vinodivino.com ha scritto:
master ha scritto:
mvalto ha scritto:Champagne De Carlini Extra Brut.

Bella interpretazione dello Champagne,dal colore giallo scarico alla bollicina fine e persistente.
Al naso agrumi e lime in primo piano con leggere note mandorlate in un secondo tempo.
Bello l'ingresso della bollicina in bocca,gentilmente avvolge palato e lingua e sempre gentilmente sparisce lasciandoti una freschezza aromatica che ricorda il lime e anche della pesca bianca di inizio stagione,sai quando non è ancora dolce,poi l'acidità da manuale fà il resto.

Sapete la regola della bottiglia che se è buona non ne rimane un goccio,ecco qui abbiamo l'esempio classico,calcolate che in 2 l'abbiamo seccata in neanche trenta minuti 8)



Di de carlinì mi piace molto più o meno tutta la linea, però tra extrabrut e nature preferisco il nature, e tra brut ed extrabrut il brut per esclusione, non ho mai capito perchè li faccia tutti e tre, tenendo conto che già il brut è poco dosato l'extra mi sembra superfluo ora che fa il nature . Lo stile aziendale è molto affine al gusto italiano orientato alla freschezza. Infatti soffre le annate calde chi avesse provato i suoi prodotti con annata base 2000 o anche 2003, in commercio fino all'anno scorso, sa di cosa parlo guadagna in corpo a discapito dell'eleganza più di altri, il millesimato 97 è emblematico molto più stanco e meno elegante ovviamente del 96 ma anche del 98 del 99.


Chiaro che e' un discorso troppo soggettivo, adoro il nature e extra brut spero che continui a farli tutti e due, la differenza c'e' e si sente molto bene.
Non concordo con la tua definizione di stanco il 1997, sempre secondo la mia opinione e' invece molto vivo ed elegante, certo che e' diverso del 1998 annata piu' ciccotta e calda ma meno elegante e celebrale, almeno per ora.....


il 98 ha tutta la freschezza che vorrei, nel 97 non c'è e non c'è mai stata neanche quando era appena uscito, e i toni ossidativi già iniziano a fare capolino, che sia vivo non c'è dubbio, anzi mi rendo conto che potrei essere stato frainteso, si tratta di due prodotti sopra la media e con un rapporto qualità prezzo assoluto.
Per le differenze tra brut ed extrabrut, sono esattamente lo stesso prodotto con un dosaggio diverso, solo che il brut Ha un dosaggio molto basso come brut.
Avatar utente
www.vdv-vinodivino.com
Messaggi: 32759
Iscritto il: 06 giu 2007 18:48
Località: Cadrezzate
Contatta:

Messaggioda www.vdv-vinodivino.com » 02 mag 2008 19:37

Per le differenze tra brut ed extrabrut, sono esattamente lo stesso prodotto con un dosaggio diverso, solo che il brut Ha un dosaggio molto basso come brut.[/quote]

Infatti.
Spedizione immediata a pagamento effettuato
champagne
info@vdv-vinodivino.com Tel 335 5714610
La fattura va richiesta all' ordine, in caso contrario emetto ricevuta fiscale.
Per offerte dirette : http://www.vdv-vinodivino.com/newsletter.asp
Avatar utente
www.vdv-vinodivino.com
Messaggi: 32759
Iscritto il: 06 giu 2007 18:48
Località: Cadrezzate
Contatta:

Messaggioda www.vdv-vinodivino.com » 02 mag 2008 19:47

master ha scritto:
www.vdv-vinodivino.com ha scritto:
master ha scritto:
mvalto ha scritto:Champagne De Carlini Extra Brut.

Bella interpretazione dello Champagne,dal colore giallo scarico alla bollicina fine e persistente.
Al naso agrumi e lime in primo piano con leggere note mandorlate in un secondo tempo.
Bello l'ingresso della bollicina in bocca,gentilmente avvolge palato e lingua e sempre gentilmente sparisce lasciandoti una freschezza aromatica che ricorda il lime e anche della pesca bianca di inizio stagione,sai quando non è ancora dolce,poi l'acidità da manuale fà il resto.

Sapete la regola della bottiglia che se è buona non ne rimane un goccio,ecco qui abbiamo l'esempio classico,calcolate che in 2 l'abbiamo seccata in neanche trenta minuti 8)



Di de carlinì mi piace molto più o meno tutta la linea, però tra extrabrut e nature preferisco il nature, e tra brut ed extrabrut il brut per esclusione, non ho mai capito perchè li faccia tutti e tre, tenendo conto che già il brut è poco dosato l'extra mi sembra superfluo ora che fa il nature . Lo stile aziendale è molto affine al gusto italiano orientato alla freschezza. Infatti soffre le annate calde chi avesse provato i suoi prodotti con annata base 2000 o anche 2003, in commercio fino all'anno scorso, sa di cosa parlo guadagna in corpo a discapito dell'eleganza più di altri, il millesimato 97 è emblematico molto più stanco e meno elegante ovviamente del 96 ma anche del 98 del 99.


Chiaro che e' un discorso troppo soggettivo, adoro il nature e extra brut spero che continui a farli tutti e due, la differenza c'e' e si sente molto bene.
Non concordo con la tua definizione di stanco il 1997, sempre secondo la mia opinione e' invece molto vivo ed elegante, certo che e' diverso del 1998 annata piu' ciccotta e calda ma meno elegante e celebrale, almeno per ora.....


il 98 ha tutta la freschezza che vorrei, nel 97 non c'è e non c'è mai stata neanche quando era appena uscito, e i toni ossidativi già iniziano a fare capolino, che sia vivo non c'è dubbio, anzi mi rendo conto che potrei essere stato frainteso, si tratta di due prodotti sopra la media e con un rapporto qualità prezzo assoluto.
Per le differenze tra brut ed extrabrut, sono esattamente lo stesso prodotto con un dosaggio diverso, solo che il brut Ha un dosaggio molto basso come brut.


Mi spieghi cosa intendi dire con i toni ossidativi già iniziano a fare capolino
Spedizione immediata a pagamento effettuato
champagne
info@vdv-vinodivino.com Tel 335 5714610
La fattura va richiesta all' ordine, in caso contrario emetto ricevuta fiscale.
Per offerte dirette : http://www.vdv-vinodivino.com/newsletter.asp
pil44
Messaggi: 1835
Iscritto il: 24 set 2007 10:34
Località: Rossano Veneto
Contatta:

bereche

Messaggioda pil44 » 02 mag 2008 21:27

ieri sera bevuto bereche reflet d' antan, fatto con il metodo solera quindi è un s.a....

molto buono frsco elegante lunghissimo, grande complessità olfattiva e grande presenza in bocca....

uno dei migliori champagne mai assaggiati...
Luca Mazzoleni
Messaggi: 2990
Iscritto il: 11 giu 2007 04:21
Contatta:

Re: bereche

Messaggioda Luca Mazzoleni » 02 mag 2008 21:39

pil44 ha scritto:ieri sera bevuto bereche reflet d' antan, fatto con il metodo solera quindi è un s.a....

molto buono frsco elegante lunghissimo, grande complessità olfattiva e grande presenza in bocca....

uno dei migliori champagne mai assaggiati...


allora l'amico Francis Boulard ci aveva visto giusto nel raccomandarlo...
prova il 'Petraea' di Francis... :wink:
IP 68.198.106.62
Avatar utente
paipus
Messaggi: 1531
Iscritto il: 04 dic 2007 21:33

Messaggioda paipus » 03 mag 2008 07:53

pierson-cuvelier brut rosè..l'ho trovato veramente buono soprattutto per quanto riguarda rapporto qualità-prezzo..
qualcuno sa dirmi qualcosa in più su questo produttore??
grazie
..quelli che non sbadigliano mai e non dicono mai banalità ma bruciano, bruciano, bruciano come favolosi fuochi d'artificio gialli che esplodono simili a ragni sopra le stelle e nel mezzo si vede scoppiare la luce azzurra e tutti fanno «Oooooh!»..
master
Messaggi: 1175
Iscritto il: 10 lug 2007 16:01

Messaggioda master » 03 mag 2008 11:33

www.vdv-vinodivino.com ha scritto:
master ha scritto:
www.vdv-vinodivino.com ha scritto:
master ha scritto:
mvalto ha scritto:Champagne De Carlini Extra Brut.

Bella interpretazione dello Champagne,dal colore giallo scarico alla bollicina fine e persistente.
Al naso agrumi e lime in primo piano con leggere note mandorlate in un secondo tempo.
Bello l'ingresso della bollicina in bocca,gentilmente avvolge palato e lingua e sempre gentilmente sparisce lasciandoti una freschezza aromatica che ricorda il lime e anche della pesca bianca di inizio stagione,sai quando non è ancora dolce,poi l'acidità da manuale fà il resto.

Sapete la regola della bottiglia che se è buona non ne rimane un goccio,ecco qui abbiamo l'esempio classico,calcolate che in 2 l'abbiamo seccata in neanche trenta minuti 8)



Di de carlinì mi piace molto più o meno tutta la linea, però tra extrabrut e nature preferisco il nature, e tra brut ed extrabrut il brut per esclusione, non ho mai capito perchè li faccia tutti e tre, tenendo conto che già il brut è poco dosato l'extra mi sembra superfluo ora che fa il nature . Lo stile aziendale è molto affine al gusto italiano orientato alla freschezza. Infatti soffre le annate calde chi avesse provato i suoi prodotti con annata base 2000 o anche 2003, in commercio fino all'anno scorso, sa di cosa parlo guadagna in corpo a discapito dell'eleganza più di altri, il millesimato 97 è emblematico molto più stanco e meno elegante ovviamente del 96 ma anche del 98 del 99.


Chiaro che e' un discorso troppo soggettivo, adoro il nature e extra brut spero che continui a farli tutti e due, la differenza c'e' e si sente molto bene.
Non concordo con la tua definizione di stanco il 1997, sempre secondo la mia opinione e' invece molto vivo ed elegante, certo che e' diverso del 1998 annata piu' ciccotta e calda ma meno elegante e celebrale, almeno per ora.....


il 98 ha tutta la freschezza che vorrei, nel 97 non c'è e non c'è mai stata neanche quando era appena uscito, e i toni ossidativi già iniziano a fare capolino, che sia vivo non c'è dubbio, anzi mi rendo conto che potrei essere stato frainteso, si tratta di due prodotti sopra la media e con un rapporto qualità prezzo assoluto.
Per le differenze tra brut ed extrabrut, sono esattamente lo stesso prodotto con un dosaggio diverso, solo che il brut Ha un dosaggio molto basso come brut.


Mi spieghi cosa intendi dire con i toni ossidativi già iniziano a fare capolino


Inizia a dimostrare i suoi anni e la sua annata
Avatar utente
esorciccio79
Messaggi: 6587
Iscritto il: 06 giu 2007 22:11

Messaggioda esorciccio79 » 03 mag 2008 14:09

CHAMPAGNE DE MERIC 1996

90,661/100
"Siamo tutti mortali fino al primo bacio e al secondo bicchiere di vino"(E.Galeano)
Avatar utente
www.vdv-vinodivino.com
Messaggi: 32759
Iscritto il: 06 giu 2007 18:48
Località: Cadrezzate
Contatta:

Messaggioda www.vdv-vinodivino.com » 03 mag 2008 14:20

master ha scritto:
www.vdv-vinodivino.com ha scritto:
master ha scritto:
www.vdv-vinodivino.com ha scritto:
master ha scritto:
mvalto ha scritto:Champagne De Carlini Extra Brut.

Bella interpretazione dello Champagne,dal colore giallo scarico alla bollicina fine e persistente.
Al naso agrumi e lime in primo piano con leggere note mandorlate in un secondo tempo.
Bello l'ingresso della bollicina in bocca,gentilmente avvolge palato e lingua e sempre gentilmente sparisce lasciandoti una freschezza aromatica che ricorda il lime e anche della pesca bianca di inizio stagione,sai quando non è ancora dolce,poi l'acidità da manuale fà il resto.

Sapete la regola della bottiglia che se è buona non ne rimane un goccio,ecco qui abbiamo l'esempio classico,calcolate che in 2 l'abbiamo seccata in neanche trenta minuti 8)



Di de carlinì mi piace molto più o meno tutta la linea, però tra extrabrut e nature preferisco il nature, e tra brut ed extrabrut il brut per esclusione, non ho mai capito perchè li faccia tutti e tre, tenendo conto che già il brut è poco dosato l'extra mi sembra superfluo ora che fa il nature . Lo stile aziendale è molto affine al gusto italiano orientato alla freschezza. Infatti soffre le annate calde chi avesse provato i suoi prodotti con annata base 2000 o anche 2003, in commercio fino all'anno scorso, sa di cosa parlo guadagna in corpo a discapito dell'eleganza più di altri, il millesimato 97 è emblematico molto più stanco e meno elegante ovviamente del 96 ma anche del 98 del 99.


Chiaro che e' un discorso troppo soggettivo, adoro il nature e extra brut spero che continui a farli tutti e due, la differenza c'e' e si sente molto bene.
Non concordo con la tua definizione di stanco il 1997, sempre secondo la mia opinione e' invece molto vivo ed elegante, certo che e' diverso del 1998 annata piu' ciccotta e calda ma meno elegante e celebrale, almeno per ora.....


il 98 ha tutta la freschezza che vorrei, nel 97 non c'è e non c'è mai stata neanche quando era appena uscito, e i toni ossidativi già iniziano a fare capolino, che sia vivo non c'è dubbio, anzi mi rendo conto che potrei essere stato frainteso, si tratta di due prodotti sopra la media e con un rapporto qualità prezzo assoluto.
Per le differenze tra brut ed extrabrut, sono esattamente lo stesso prodotto con un dosaggio diverso, solo che il brut Ha un dosaggio molto basso come brut.


Mi spieghi cosa intendi dire con i toni ossidativi già iniziano a fare capolino


Inizia a dimostrare i suoi anni e la sua annata

ok grazie per la risposta.

Io se oggi devo bere un champagne di De Carlini bevo il 1997, questo dimostra come realmente siamo un po' tutti diversi.
Spedizione immediata a pagamento effettuato
champagne
info@vdv-vinodivino.com Tel 335 5714610
La fattura va richiesta all' ordine, in caso contrario emetto ricevuta fiscale.
Per offerte dirette : http://www.vdv-vinodivino.com/newsletter.asp
Kris Herteleer

Re: bereche

Messaggioda Kris Herteleer » 03 mag 2008 15:01

Luca Mazzoleni ha scritto:
pil44 ha scritto:ieri sera bevuto bereche reflet d' antan, fatto con il metodo solera quindi è un s.a....

molto buono frsco elegante lunghissimo, grande complessità olfattiva e grande presenza in bocca....

uno dei migliori champagne mai assaggiati...


allora l'amico Francis Boulard ci aveva visto giusto nel raccomandarlo...
prova il 'Petraea' di Francis... :wink:


Se voglio ammazzarmi di brett, una Drie Fonteinen costa senz'altro meno.
Luca Mazzoleni
Messaggi: 2990
Iscritto il: 11 giu 2007 04:21
Contatta:

Re: bereche

Messaggioda Luca Mazzoleni » 03 mag 2008 22:34

Kris Herteleer ha scritto:
Luca Mazzoleni ha scritto:
pil44 ha scritto:ieri sera bevuto bereche reflet d' antan, fatto con il metodo solera quindi è un s.a....

molto buono frsco elegante lunghissimo, grande complessità olfattiva e grande presenza in bocca....

uno dei migliori champagne mai assaggiati...


allora l'amico Francis Boulard ci aveva visto giusto nel raccomandarlo...
prova il 'Petraea' di Francis... :wink:


Se voglio ammazzarmi di brett, una Drie Fonteinen costa senz'altro meno.


Mi sa che hai confuso Petraea con Les Rachais... una Drie Fonteinen se lo sogna il Brett di Les Rachais, peraltro... e in particolare tutto quello che ci sta intorno...
IP 68.198.106.62
Kris Herteleer

Re: bereche

Messaggioda Kris Herteleer » 03 mag 2008 23:20

Luca Mazzoleni ha scritto:
Kris Herteleer ha scritto:
Luca Mazzoleni ha scritto:
pil44 ha scritto:ieri sera bevuto bereche reflet d' antan, fatto con il metodo solera quindi è un s.a....

molto buono frsco elegante lunghissimo, grande complessità olfattiva e grande presenza in bocca....

uno dei migliori champagne mai assaggiati...


allora l'amico Francis Boulard ci aveva visto giusto nel raccomandarlo...
prova il 'Petraea' di Francis... :wink:


Se voglio ammazzarmi di brett, una Drie Fonteinen costa senz'altro meno.


Mi sa che hai confuso Petraea con Les Rachais... una Drie Fonteinen se lo sogna il Brett di Les Rachais, peraltro... e in particolare tutto quello che ci sta intorno...


Hai ragione.
Les Rachais era il nome...ammazza che lingua salmistrata !
Luca Mazzoleni
Messaggi: 2990
Iscritto il: 11 giu 2007 04:21
Contatta:

Re: bereche

Messaggioda Luca Mazzoleni » 04 mag 2008 00:40

Kris Herteleer ha scritto:
Luca Mazzoleni ha scritto:
Kris Herteleer ha scritto:
Luca Mazzoleni ha scritto:
pil44 ha scritto:ieri sera bevuto bereche reflet d' antan, fatto con il metodo solera quindi è un s.a....

molto buono frsco elegante lunghissimo, grande complessità olfattiva e grande presenza in bocca....

uno dei migliori champagne mai assaggiati...


allora l'amico Francis Boulard ci aveva visto giusto nel raccomandarlo...
prova il 'Petraea' di Francis... :wink:


Se voglio ammazzarmi di brett, una Drie Fonteinen costa senz'altro meno.


Mi sa che hai confuso Petraea con Les Rachais... una Drie Fonteinen se lo sogna il Brett di Les Rachais, peraltro... e in particolare tutto quello che ci sta intorno...


Hai ragione.
Les Rachais era il nome...ammazza che lingua salmistrata !


Non e' una Drie Fonteinen ma ho trovato le ultime uscite della Pauwel Kwak notevolemte sapide e profonde.
Ho poi scoperto una micro-brewery a Brooklyn gestita da un mastro birraio belga che produce due birre rifermentate in bottiglia 75 cl. veramente notevoli per cremosita' di schiuma e vinosita' pulita: Brooklyn Brewery
IP 68.198.106.62
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 11820
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: bereche

Messaggioda Alberto » 04 mag 2008 10:51

Luca Mazzoleni ha scritto:Non e' una Drie Fonteinen ma ho trovato le ultime uscite della Pauwel Kwak notevolemte sapide e profonde.

Bella birra la Kwak, ma troppo super-ultra-fruttata da poter risultare davvero "seria", secondo me. In compenso, la beva è un po' maggiore rispetto a tante altre belghe di stile e gradazione alcolica assimilabile.

Fine OT. :wink:
Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De Andrè
Avatar utente
paolo72
Messaggi: 2302
Iscritto il: 06 giu 2007 17:01
Località: Hong Kong

Re: bereche

Messaggioda paolo72 » 04 mag 2008 12:52

Luca Mazzoleni ha scritto:
Kris Herteleer ha scritto:
Luca Mazzoleni ha scritto:
Kris Herteleer ha scritto:
Luca Mazzoleni ha scritto:
pil44 ha scritto:ieri sera bevuto bereche reflet d' antan, fatto con il metodo solera quindi è un s.a....

molto buono frsco elegante lunghissimo, grande complessità olfattiva e grande presenza in bocca....

uno dei migliori champagne mai assaggiati...


allora l'amico Francis Boulard ci aveva visto giusto nel raccomandarlo...
prova il 'Petraea' di Francis... :wink:


Se voglio ammazzarmi di brett, una Drie Fonteinen costa senz'altro meno.


Mi sa che hai confuso Petraea con Les Rachais... una Drie Fonteinen se lo sogna il Brett di Les Rachais, peraltro... e in particolare tutto quello che ci sta intorno...


Hai ragione.
Les Rachais era il nome...ammazza che lingua salmistrata !


Non e' una Drie Fonteinen ma ho trovato le ultime uscite della Pauwel Kwak notevolemte sapide e profonde.
Ho poi scoperto una micro-brewery a Brooklyn gestita da un mastro birraio belga che produce due birre rifermentate in bottiglia 75 cl. veramente notevoli per cremosita' di schiuma e vinosita' pulita: Brooklyn Brewery

La società di Brooklyn Brewery è di un mio amico di infanzia italo-americano che viene in vacanza in Liguria dove vado io da quando ho 3 anni, si chiama Robin Ottaway.
A quanto ne so però, il Brewmaster non è belga ma afroamericano, si chiama Garrett Oliver, ed è simpaticissimo e un grande amante del Barolo, tant'è che tutte le estati fa vacanza in Langa...
Immagine
I cook with wine, sometimes I even add it to the food.
davidef
Messaggi: 7791
Iscritto il: 06 giu 2007 17:23
Località: Vicenza

Messaggioda davidef » 04 mag 2008 19:18

oggi a pranzo al ristorante cavalleri BdB...piaciuto, bello spumante

adesso appena aperto Beaufort 1999...bottiglia chiaramente nata male, sarebbe da spaccare in testa diverse bozze a questo produttore per la percentuale di fallacità dei suoi Champagne...mi ha fatto venire i nervi :evil:
Luca Mazzoleni
Messaggi: 2990
Iscritto il: 11 giu 2007 04:21
Contatta:

Messaggioda Luca Mazzoleni » 04 mag 2008 20:11

davidef ha scritto:adesso appena aperto Beaufort 1999...bottiglia chiaramente nata male, sarebbe da spaccare in testa diverse bozze a questo produttore per la percentuale di fallacità dei suoi Champagne...mi ha fatto venire i nervi :evil:


io non ho mai aderito alla fronda beaufortiana... qui si che Franchino, ops Kris Heteleer n'avrebbe ben d'onde a far comparazioni con Gueuze e Lambic...
IP 68.198.106.62
Luca Mazzoleni
Messaggi: 2990
Iscritto il: 11 giu 2007 04:21
Contatta:

Re: bereche

Messaggioda Luca Mazzoleni » 04 mag 2008 20:17

paolo72 ha scritto:
Luca Mazzoleni ha scritto:
Kris Herteleer ha scritto:
Luca Mazzoleni ha scritto:
Kris Herteleer ha scritto:
Luca Mazzoleni ha scritto:
pil44 ha scritto:ieri sera bevuto bereche reflet d' antan, fatto con il metodo solera quindi è un s.a....

molto buono frsco elegante lunghissimo, grande complessità olfattiva e grande presenza in bocca....

uno dei migliori champagne mai assaggiati...


allora l'amico Francis Boulard ci aveva visto giusto nel raccomandarlo...
prova il 'Petraea' di Francis... :wink:


Se voglio ammazzarmi di brett, una Drie Fonteinen costa senz'altro meno.


Mi sa che hai confuso Petraea con Les Rachais... una Drie Fonteinen se lo sogna il Brett di Les Rachais, peraltro... e in particolare tutto quello che ci sta intorno...


Hai ragione.
Les Rachais era il nome...ammazza che lingua salmistrata !


Non e' una Drie Fonteinen ma ho trovato le ultime uscite della Pauwel Kwak notevolemte sapide e profonde.
Ho poi scoperto una micro-brewery a Brooklyn gestita da un mastro birraio belga che produce due birre rifermentate in bottiglia 75 cl. veramente notevoli per cremosita' di schiuma e vinosita' pulita: Brooklyn Brewery

La società di Brooklyn Brewery è di un mio amico di infanzia italo-americano che viene in vacanza in Liguria dove vado io da quando ho 3 anni, si chiama Robin Ottaway.
A quanto ne so però, il Brewmaster non è belga ma afroamericano, si chiama Garrett Oliver, ed è simpaticissimo e un grande amante del Barolo, tant'è che tutte le estati fa vacanza in Langa...
Immagine


sorry, sono i lieviti che sono selezionati dal Belgio, lo staff e' indeed all-american. con mia grande sorpresa la Local 1 ha umiliato, fianco a fianco nel bicchiere, tanto Blanche de Namur che Blanche des Neiges, e di brutto (soprattutto per intensita' aromatica e cremosita'/fittezza di spuma).
IP 68.198.106.62
Avatar utente
esorciccio79
Messaggi: 6587
Iscritto il: 06 giu 2007 22:11

Messaggioda esorciccio79 » 04 mag 2008 20:18

SALON 1988

96,339





CUVEE DES ENCHANTELEURS HENRIOT 1995

91,444
"Siamo tutti mortali fino al primo bacio e al secondo bicchiere di vino"(E.Galeano)
Kris Herteleer

Re: bereche

Messaggioda Kris Herteleer » 04 mag 2008 20:55

Luca Mazzoleni ha scritto:
Kris Herteleer ha scritto:
Luca Mazzoleni ha scritto:
Kris Herteleer ha scritto:
Luca Mazzoleni ha scritto:
pil44 ha scritto:ieri sera bevuto bereche reflet d' antan, fatto con il metodo solera quindi è un s.a....

molto buono frsco elegante lunghissimo, grande complessità olfattiva e grande presenza in bocca....

uno dei migliori champagne mai assaggiati...


allora l'amico Francis Boulard ci aveva visto giusto nel raccomandarlo...
prova il 'Petraea' di Francis... :wink:


Se voglio ammazzarmi di brett, una Drie Fonteinen costa senz'altro meno.


Mi sa che hai confuso Petraea con Les Rachais... una Drie Fonteinen se lo sogna il Brett di Les Rachais, peraltro... e in particolare tutto quello che ci sta intorno...


Hai ragione.
Les Rachais era il nome...ammazza che lingua salmistrata !


Non e' una Drie Fonteinen ma ho trovato le ultime uscite della Pauwel Kwak notevolemte sapide e profonde.
Ho poi scoperto una micro-brewery a Brooklyn gestita da un mastro birraio belga che produce due birre rifermentate in bottiglia 75 cl. veramente notevoli per cremosita' di schiuma e vinosita' pulita: Brooklyn Brewery


Micro...per la Brooklyn...solo in America!
Ottima la Kwak...Bosteels ci sa fare, anche con la Tripel Karmeliet

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: emigrato, iulo, Konstantin_Levin88, Michelasso, vinotec e 14 ospiti