Champagne, il thread definitivo

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
darmagi90
Messaggi: 908
Iscritto il: 06 giu 2007 11:02
Località: Emilia Centrale
Contatta:

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda darmagi90 » 08 ago 2016 10:39

Leclerc Briant - Brut
Finalmente un'etichetta con scritto qualcosa. 70% PN e 30% PM.
80% annata 2011, il resto vini di riserva.
Sboccatura giugno 2015 e dosaggio a 6 grammi litro.
Molto buono, piaciuto davvero tanto. Naso non molto complesso ma bella nota vegetale, di viticcio, mela nemmeno tanto ossidata ed una lieve quanto netta nota fungina.
In bocca è cremoso ed avvolgente, fresco ed equilibrato, ha accompagnato molto più che degnamente un pollo intero, disossato e cotto in forno a legna.
Bella chiusura per un fine settimana un po' di m.....
"E' un modo comodo di vivere quello di credersi grandi di una grandezza latente"
Italo Svevo - La coscienza di Zeno

"L'acqua galleggia!"
Parmesan Artist

http://www.oasilamartina.it
https://it-it.facebook.com/oasi.lamartina/
egio
Messaggi: 1182
Iscritto il: 09 set 2009 12:15
Località: Bologna

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda egio » 08 ago 2016 22:36

Sabato merenda memorabile nel cuore della bassa, sullo splendido tavolone di pablo20, ospite prezioso e dallo stile di un tempo che fu.

I salumi e tutte le prelibatezze di contorno, ovviamente ai massimi. Si è bevuto decisamente bene, da cose giovani a altre più mature. Le bottiglie aperte sono state il Carte Blanche di Sadi Malot, il millesimato di Bouquin Dupont, L'Artiste di Leclapart con sboccatura 2007, la Cuvée Louis di Tarlant con sboccatura 2009 e il Blanc de Noirs Crayeres di Egly Ouriet con sboccatura novembre 2009.

Tutte le bottiglie in una forma splendida, che il riposo in cantina e l'apertura saggiamente anticipata han permesso di cogliere in un momento di grazia; con un Tarlant non so se sovraperformante ma veramente strabiliante per complessità sia al naso che in bocca, potenza, armonia e una giovinezza sfrontata. Leclapart in bottiglia di quelle davvero esaltanti. Egly sempre lui, quando è così maturo fa ancor più paura.


Ci siamo predisposti al ritorno con una piacevolissima apertura finale: Le Bas de Saran di Philippe Lancelot, grand cru della zona di Cramant, elegante, floreale, con una bella nota di miele d'acacia al naso e con una bocca freschissima.
darmagi90
Messaggi: 908
Iscritto il: 06 giu 2007 11:02
Località: Emilia Centrale
Contatta:

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda darmagi90 » 09 ago 2016 08:52

egio ha scritto: Bouquin Dupont


Avrei sccommesso due centesimi su questo, come top della "merenda" :mrgreen:

Scherzi a parte, bella bevuta, complimenti!
"E' un modo comodo di vivere quello di credersi grandi di una grandezza latente"
Italo Svevo - La coscienza di Zeno

"L'acqua galleggia!"
Parmesan Artist

http://www.oasilamartina.it
https://it-it.facebook.com/oasi.lamartina/
lapoelcan
Messaggi: 2141
Iscritto il: 06 giu 2007 13:08

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda lapoelcan » 09 ago 2016 09:06

Interessante il post di Egio...Tarlant uno dei miei preferiti...
Mi ricollego chiedendo ai bollofili due cose
A che temperatura servite le bottiglie ( conservate in congelatore e/o frigorifero)??
In caso di apertura anticipata (quanto anticipata?) Come conservate la temperatura
"carne fa carne, pane fa panza e vino fa danza"
"Jean-Paul Sartre ha scritto una frase molto bella che ti dovresti tatuare sul pisello: "Io sono quello che faccio con quello che gli altri hanno fatto di me"
Smarco
Messaggi: 3497
Iscritto il: 18 nov 2012 15:01
Località: Ascoli Piceno

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda Smarco » 09 ago 2016 10:24

egio ha scritto: Leclapart in bottiglia di quelle davvero esaltanti

con questa credo sia la seconda volta che sento parlar bene di Leclapart, solitamente criticato da tutti
lapoelcan ha scritto:A che temperatura servite le bottiglie ( conservate in congelatore :?: :?: :?: e/o frigorifero)??
In caso di apertura anticipata (quanto anticipata?) Come conservate la temperatura
Avatar utente
ilvinaio
Messaggi: 1754
Iscritto il: 06 giu 2007 11:18
Località: Cassina de Pecchi (MI)

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda ilvinaio » 09 ago 2016 10:37

Leclapart io non l'ho mai criticato :D
Io le bottiglie me le servo sempre ad 8-10 gradi e le apro al momento poi le bevo nell'arco di un paio d'ore mantenendole in temperatura, preferenza alle magnum se non son da solo :wink:
Grande bevuta e grande Paolo 8)
Smarco
Messaggi: 3497
Iscritto il: 18 nov 2012 15:01
Località: Ascoli Piceno

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda Smarco » 09 ago 2016 10:48

ilvinaio ha scritto:Leclapart io non l'ho mai criticato :D

appunto... una volta tu e una volta egio :mrgreen: :mrgreen:
vinogodi
Messaggi: 28295
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda vinogodi » 09 ago 2016 11:46

Smarco ha scritto:
egio ha scritto: Leclapart in bottiglia di quelle davvero esaltanti

con questa credo sia la seconda volta che sento parlar bene di Leclapart, solitamente criticato da tutti
lapoelcan ha scritto:A che temperatura servite le bottiglie ( conservate in congelatore :?: :?: :?: e/o frigorifero)??
In caso di apertura anticipata (quanto anticipata?) Come conservate la temperatura
...io , d'estate, lo champagne lo conservo sempre nel congelatore: mi hanno insegnato (in costiera amalfitana) che la granita di Oenoteque non ha eguali , meglio ancora se aggiunta di qualche goccia di limone di Sorrento... 8)
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
Smarco
Messaggi: 3497
Iscritto il: 18 nov 2012 15:01
Località: Ascoli Piceno

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda Smarco » 09 ago 2016 11:55

vinogodi ha scritto:
Smarco ha scritto:
egio ha scritto: Leclapart in bottiglia di quelle davvero esaltanti

con questa credo sia la seconda volta che sento parlar bene di Leclapart, solitamente criticato da tutti
lapoelcan ha scritto:A che temperatura servite le bottiglie ( conservate in congelatore :?: :?: :?: e/o frigorifero)??
In caso di apertura anticipata (quanto anticipata?) Come conservate la temperatura
...io , d'estate, lo champagne lo conservo sempre nel congelatore: mi hanno insegnato (in costiera amalfitana) che la granita di Oenoteque non ha eguali , meglio ancora se aggiunta di qualche goccia di limone di Sorrento... 8)

dicono che presto diventerà aperitivo obbligatorio in bue house :lol: :lol:
c8c4856daff8f23773f729e8309d1234.jpg
lapoelcan
Messaggi: 2141
Iscritto il: 06 giu 2007 13:08

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda lapoelcan » 09 ago 2016 13:03

vinogodi ha scritto:
Smarco ha scritto:
egio ha scritto: Leclapart in bottiglia di quelle davvero esaltanti

con questa credo sia la seconda volta che sento parlar bene di Leclapart, solitamente criticato da tutti
[quote="lapoelcan"]
A che temperatura servite le bottiglie ( conservate in congelatore :?: :?: :?: e/o frigorifero)??
Come siete pignolini.....
Intendevo botta di freddo in congelatore mezzora o un ora e poi frigorifero? ?
"carne fa carne, pane fa panza e vino fa danza"
"Jean-Paul Sartre ha scritto una frase molto bella che ti dovresti tatuare sul pisello: "Io sono quello che faccio con quello che gli altri hanno fatto di me"
vinogodi
Messaggi: 28295
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda vinogodi » 09 ago 2016 13:15

lapoelcan ha scritto:
vinogodi ha scritto:
Smarco ha scritto:
egio ha scritto: Leclapart in bottiglia di quelle davvero esaltanti

con questa credo sia la seconda volta che sento parlar bene di Leclapart, solitamente criticato da tutti
lapoelcan ha scritto:A che temperatura servite le bottiglie ( conservate in congelatore :?: :?: :?: e/o frigorifero)??
Come siete pignolini.....
Intendevo botta di freddo in congelatore mezzora o un ora e poi frigorifero? ?
...dai che ogni tanto un sorriso fa bene... :lol:
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
lapoelcan
Messaggi: 2141
Iscritto il: 06 giu 2007 13:08

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda lapoelcan » 09 ago 2016 13:21

lo so Marco...hai perfettamente ragione :D
"carne fa carne, pane fa panza e vino fa danza"
"Jean-Paul Sartre ha scritto una frase molto bella che ti dovresti tatuare sul pisello: "Io sono quello che faccio con quello che gli altri hanno fatto di me"
Smarco
Messaggi: 3497
Iscritto il: 18 nov 2012 15:01
Località: Ascoli Piceno

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda Smarco » 09 ago 2016 13:37

lapoelcan ha scritto:
vinogodi ha scritto:
Smarco ha scritto:
egio ha scritto: Leclapart in bottiglia di quelle davvero esaltanti

con questa credo sia la seconda volta che sento parlar bene di Leclapart, solitamente criticato da tutti
lapoelcan ha scritto:A che temperatura servite le bottiglie ( conservate in congelatore :?: :?: :?: e/o frigorifero)??
Come siete pignolini.....
Intendevo botta di freddo in congelatore mezzora o un ora e poi frigorifero? ?

In congelatore l ho messo a freddare solo 2 volte
La prima volta l ho dimenticato là dentro.... E va be non racconto altro
La seconda volta ho avuto una visita inaspettata a casa.... Non l ho dimenticato ma non racconto altro nemmeno ora 8)
Comunque solitamente metto in frigo e se troppo freddo lo apro 5/10 max minuti prima senza metterlo nel ghiaccio, tanto per quando finiamo la bottiglia in 2 è ancora freddo e salendo un po' di temperatura puoi apprezzarlo anche meglio
alemusci
Messaggi: 422
Iscritto il: 03 apr 2016 12:24

Re:

Messaggioda alemusci » 25 ago 2016 17:49

paolo72 ha scritto:Non hai capito perchè ha quotato male.

Estrapolo quanto inserito nella frase:

nel tempo le barbatelle per i nuovi impianti se le è prese in borgogna, sostituendo lo chardonnay selezionato per lo champagne con uno chardonnay selezionato in realtà per fare dei borgogna bianchi, ed in cantine per fare i vini base usa delle tecniche di cantina che nello champagne non vengono utilizzate e che sono molto comuni in borgogna come il batonage.


in pratica dice che "l'effetto Selosse" è qualcosa di sicuramente unico nel suo genere per pratiche di agronomia e di cantina innovative.

le considerazioni sono però anche che: prima di tutto non si sa se queste pratiche giovino o meno alla tipicità del prodotto, secondariamente non si sa se a fronte di acclimatazione di questi cloni particolari e la standardizzazione in atto della produzione su schemi più classici (quello che in effetti sta avvenendo, con lo smaltimento delle botti nuove e una massificazione produttiva che lo porta quest'anno ad imbottigliare realmente 200.000 bottiglie, contro le 45.000 dichiarate, la cosa certa è che in giappone, dove condivido l'importatore, ne vanno 20.000 mentre in U.S.A 35.000) questa qualità possa essere mantenuta nel tempo.


Do il mio contributo pur essendo un neofita totale del forum ed un pischello completo al cospetto di super mostri sacri bevitori che leggo in questi lidi. Per quel che ne so in champagne è in atto una rivoluzione/rinnovamento per cui oggi è difficile parlare di "tipicità" ma più che altro ci sono delle correnti o scuole di pensiero tra i produttori. Le principali sono tre:
-stile antico: botti (5-25 anni) x fermentazione/allevamento vin de riserve:
Alfred Gratien (più completo)
Krug (fermentazione legno 5-35 anni, allevamento vdr acciaio)
Roederer (fermentazione acciaio, vdr legno 5-15 anni)
Ployez-Jaquemart liesse d'harbonville millesimato (barrique di legno vecchio)
Bollinger
-stile tradizionale: botti più giovani + acciaio/cemento
Billecart-salmon (5% legno)
Philpponnat (10% legno)
Bruno paillard (15% legno)
Jacky Charpentier (30% legno)
Jacquesson (60% legno + batonnage)
Eric rodez (grande tradizionalista: 80% fermentazione legno, vdr legno non nuovo)
-stile moderno: legno nuovo, batonnage, sosta sulle fecce fini x molti mesi
Anselme Selosse (caposcuola stile)
Bruno Michel
De Sousa
Vouette & Sorbée
vacanze immaginarie nella nuova Cambogia, frantumano l'assalto al cielo di Parigi
Avatar utente
vinnae
Messaggi: 2187
Iscritto il: 27 ott 2013 10:34

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda vinnae » 28 ago 2016 09:06

ilvinaio ha scritto:Leclapart io non l'ho mai criticato :D
Io le bottiglie me le servo sempre ad 8-10 gradi e le apro al momento poi le bevo nell'arco di un paio d'ore mantenendole in temperatura, preferenza alle magnum se non son da solo :wink:
Grande bevuta e grande Paolo 8)

Qualche gradetto in meno a me piace di piu'
Succede sempre qualcosa di bello intorno ad una bottiglia di Champagne.......
Avatar utente
Vinory
Messaggi: 164
Iscritto il: 09 gen 2016 11:07
Località: Lisòndria

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda Vinory » 28 ago 2016 09:11

Io ricordo che l'artiste laclepart bevuto da Marco durante l'impegnativa sfida dell'amarone era piaciuto a tutti, rendendo un Dom 2004 banaluccio...

Sarò un Enopirla, ma mi ha colpito molto, prodotto che si differenzia dalla massa, caratteristico
gmi1
Messaggi: 625
Iscritto il: 19 gen 2010 18:34

Re: Re:

Messaggioda gmi1 » 29 ago 2016 16:19

alemusci ha scritto:
paolo72 ha scritto:Non hai capito perchè ha quotato male.

Estrapolo quanto inserito nella frase:

nel tempo le barbatelle per i nuovi impianti se le è prese in borgogna, sostituendo lo chardonnay selezionato per lo champagne con uno chardonnay selezionato in realtà per fare dei borgogna bianchi, ed in cantine per fare i vini base usa delle tecniche di cantina che nello champagne non vengono utilizzate e che sono molto comuni in borgogna come il batonage.


in pratica dice che "l'effetto Selosse" è qualcosa di sicuramente unico nel suo genere per pratiche di agronomia e di cantina innovative.

le considerazioni sono però anche che: prima di tutto non si sa se queste pratiche giovino o meno alla tipicità del prodotto, secondariamente non si sa se a fronte di acclimatazione di questi cloni particolari e la standardizzazione in atto della produzione su schemi più classici (quello che in effetti sta avvenendo, con lo smaltimento delle botti nuove e una massificazione produttiva che lo porta quest'anno ad imbottigliare realmente 200.000 bottiglie, contro le 45.000 dichiarate, la cosa certa è che in giappone, dove condivido l'importatore, ne vanno 20.000 mentre in U.S.A 35.000) questa qualità possa essere mantenuta nel tempo.


non so cosa intendiate per effetto Selosse, peró ieri un Extra Brut sboccatura 20 Aprile 2005 mi ha fatto capire tante cose su cosa possa raggiungere questo Champagne in termini di goduria gustativa e perfino post gustativa :D ... me lo sento ancora il suo sapore, la sua bella bolla fine e ben presente, il suo colore pieno, ammaliante.... in un aggettivo solo, delizioso
Smarco
Messaggi: 3497
Iscritto il: 18 nov 2012 15:01
Località: Ascoli Piceno

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda Smarco » 29 ago 2016 23:56

Vinory ha scritto:Io ricordo che l'artiste laclepart bevuto da Marco durante l'impegnativa sfida dell'amarone era piaciuto a tutti, rendendo un Dom 2004 banaluccio...

Sarò un Enopirla, ma mi ha colpito molto, prodotto che si differenzia dalla massa, caratteristico

Io credo sia molto incostante, quest anno ribevuto anche qualche giorno fa e la maggior parte dei commensali l ha lasciato.... Lo scorso anno invece non mi dispiaceva affatto
alì65
Messaggi: 11574
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda alì65 » 30 ago 2016 10:56

Smarco ha scritto:
Vinory ha scritto:Io ricordo che l'artiste laclepart bevuto da Marco durante l'impegnativa sfida dell'amarone era piaciuto a tutti, rendendo un Dom 2004 banaluccio...

Sarò un Enopirla, ma mi ha colpito molto, prodotto che si differenzia dalla massa, caratteristico

Io credo sia molto incostante, quest anno ribevuto anche qualche giorno fa e la maggior parte dei commensali l ha lasciato.... Lo scorso anno invece non mi dispiaceva affatto


Appoggio Marco; a volte è grandioso e di gran carattere , a volte troppo scentrato per essere un bel ricordo
Poi su Dom 04 tanti lo asfaltano, non è certo una versione da ricordare
futuro incerto...ma w la gnocca!!!
Avatar utente
Vinory
Messaggi: 164
Iscritto il: 09 gen 2016 11:07
Località: Lisòndria

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda Vinory » 03 set 2016 09:12

Concordo sul dom 04...
Smarco
Messaggi: 3497
Iscritto il: 18 nov 2012 15:01
Località: Ascoli Piceno

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda Smarco » 03 set 2016 10:11

Vinory ha scritto:Concordo sul dom 04...
alì65 ha scritto:
Smarco ha scritto:
Vinory ha scritto:Io ricordo che l'artiste laclepart bevuto da Marco durante l'impegnativa sfida dell'amarone era piaciuto a tutti, rendendo un Dom 2004 banaluccio...

Sarò un Enopirla, ma mi ha colpito molto, prodotto che si differenzia dalla massa, caratteristico

Io credo sia molto incostante, quest anno ribevuto anche qualche giorno fa e la maggior parte dei commensali l ha lasciato.... Lo scorso anno invece non mi dispiaceva affatto


Appoggio Marco; a volte è grandioso e di gran carattere , a volte troppo scentrato per essere un bel ricordo
Poi su Dom 04 tanti lo asfaltano, non è certo una versione da ricordare

anche io concordo sul 2004, invece il 2006 bevuto qualche giorno fa mi è piaciuto un bel po, secondo me apprezzabile sin da ora
marcolanc
Messaggi: 667
Iscritto il: 19 nov 2007 17:40

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda marcolanc » 03 set 2016 17:50

Capitolo Dom Perignon.
Bevuti nell'ultimo mese 2004 (due volte: una qualche ora fa per errore, visto che pensavo di avere preso su una 2006 :mrgreen:) e 2006. Il 2006 ha avuto un'evoluzione anche troppo rapida: l'anno scorso lo ricordavo leggermente acerbo, poi nei mesi successivi sempre più pronto, senza la minima fase di chiusura. Adesso le bottiglie che ho me le bevo senza troppi scrupoli: sicuramente, non ho intenzione di conservarle a lungo.
Il 2004 invece trovo che stia avendo un'evoluzione più lenta, ma, ogni anno che passa, mi convinco che abbia più potenziale della 2006: ha freschezza e mineralità, una bella complessità al palato. Insomma, mi intriga. Per me, a parte la 2002 (che però ho trovato qualche mese fa molto indietro, come tanti altri champagne della medesima annata), tra quelle degli ultimi anni è l'unica che valga la pena di acquistare e conservare(*), anche se so di essere in minoranza qui dentro.

(*)Continuo a comprare anche le 2006, ma per bermele adesso.
Avatar utente
ilvinaio
Messaggi: 1754
Iscritto il: 06 giu 2007 11:18
Località: Cassina de Pecchi (MI)

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda ilvinaio » 03 set 2016 18:57

Benoit Lahaye couvée Violaine sboccatura 20 settembre 2011 senza solfiti aggiunti e naturalmente nature 50% pinot noir e 50% chardonnay a prevalenza vendemmia 2008.
Inizialmente chiuso poi una volta stappato :shock: :D
alì65
Messaggi: 11574
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda alì65 » 15 ott 2016 17:43

porca vacca, avevo scritto alcune considerazioni sulla bevuta di Krug dal Collection 90 alla 2002 e mi ha cancellato tutto.....fanculo, non ho voglia di riscriverlo di nuovo... :evil: :evil: :evil: :evil:
futuro incerto...ma w la gnocca!!!
Smarco
Messaggi: 3497
Iscritto il: 18 nov 2012 15:01
Località: Ascoli Piceno

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda Smarco » 15 ott 2016 18:39

alì65 ha scritto:porca vacca, avevo scritto alcune considerazioni sulla bevuta di Krug dal Collection 90 alla 2002 e mi ha cancellato tutto.....fanculo, non ho voglia di riscriverlo di nuovo... :evil: :evil: :evil: :evil:

E dai fai so sforzo, io ormai prima di inviare copio il testo... mi ha fregato parecchie volte

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: alexer3b, FERRARI, gambero_parlante, JMB, Max1991, maxer, ORSO85, Sal Paradise, simone.dg7, Smarco, teo777full, Trikyred e 13 ospiti