Bollettino AVR - " Never Ending Tour "

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Avatar utente
l'oste
Messaggi: 12683
Iscritto il: 06 giu 2007 14:41
Località: campagna

Messaggioda l'oste » 06 apr 2008 18:45

JohnnyTheFly ha scritto:Direttore, che scala ha utilizzato per la valutazione delle due bottiglie piraziniche?


Pensa che io da vero ingenuo, non capendo l'ironia, sorridevo davanti ai voti esagerati che Palma e tu davate ad alcuni vini "minori" e immaginavo che l'alcol gioca brutti scherzi...ora nel leggere Z.A. e AVR Spectator's attiverò maggiormente il registro del paradosso... :D
Non importa chi sarà l'ultimo a spegnere la luce. E' già buio.


Iir Boon Gesùuu/ ciii/ fuuur/ mini
Avatar utente
brozzi
Messaggi: 10085
Iscritto il: 06 giu 2007 16:10
Località: Etruria
Contatta:

Messaggioda brozzi » 06 apr 2008 18:50

JohnnyTheFly ha scritto:FESTA #51 (per i 70000 Km della mia macchina)

Immagine

barolo rocche '88 - Vietti = PROMOSSO (90/100)*
brunello di montalcino '82 - Soldera = PROMOSSO (93/100)*

* scala Windsor


Il Barolo Rocche Vietti 88 all'epoca fu un tre bicchieri
ENOCLUB SIENA
11-12 gennaio - Sangiovese Purosangue. Radisson Blu Hotel, Roma
Avatar utente
JohnnyTheFly
Messaggi: 2373
Iscritto il: 11 giu 2007 20:33
Località: Porretta Terme (BO), capitale dell'AVR

Messaggioda JohnnyTheFly » 06 apr 2008 19:05

brozzi ha scritto:Il Barolo Rocche Vietti 88 all'epoca fu un tre bicchieri

Sghetto?
" Parlando e piangendo appese la giacca al muro poi chiese una birra mettendosi al sicuro " - MASSIMO BUBOLA [tratto dall'incipit della canzone MARIA CHE CI CONSOLA, 1979]
Avatar utente
JohnnyTheFly
Messaggi: 2373
Iscritto il: 11 giu 2007 20:33
Località: Porretta Terme (BO), capitale dell'AVR

Messaggioda JohnnyTheFly » 06 apr 2008 19:30

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine
" Parlando e piangendo appese la giacca al muro poi chiese una birra mettendosi al sicuro " - MASSIMO BUBOLA [tratto dall'incipit della canzone MARIA CHE CI CONSOLA, 1979]
Avatar utente
l'oste
Messaggi: 12683
Iscritto il: 06 giu 2007 14:41
Località: campagna

Messaggioda l'oste » 06 apr 2008 19:57

Che bellissime bottiglie.
Qualche parola su Ponsot e Margaux '70, merci. :D
Non importa chi sarà l'ultimo a spegnere la luce. E' già buio.


Iir Boon Gesùuu/ ciii/ fuuur/ mini
Avatar utente
brozzi
Messaggi: 10085
Iscritto il: 06 giu 2007 16:10
Località: Etruria
Contatta:

Messaggioda brozzi » 06 apr 2008 20:03

anche su Trapet, grazie
ENOCLUB SIENA
11-12 gennaio - Sangiovese Purosangue. Radisson Blu Hotel, Roma
Avatar utente
JohnnyTheFly
Messaggi: 2373
Iscritto il: 11 giu 2007 20:33
Località: Porretta Terme (BO), capitale dell'AVR

Messaggioda JohnnyTheFly » 06 apr 2008 20:17

Signori, vi sembro forse il tipo capace di dir due parole sui vini che ho bevuto oggi? Suvvia, non esageriamo.......A parte Margaux '70 (Immagine, scuola AIS, forse II° livello), dopo aver visto appioppare un bel 94/100 al Barolo GranBussia Riserva 2000 di Aldo Conterno al momento sono in "stato confusionale" anche solo per dare dei punteggi. Debbo assolutamente "resettare" tutte le scale di valutazione.

Lascio la parole agli altri giurati.
" Parlando e piangendo appese la giacca al muro poi chiese una birra mettendosi al sicuro " - MASSIMO BUBOLA [tratto dall'incipit della canzone MARIA CHE CI CONSOLA, 1979]
Il Comandante
Messaggi: 5946
Iscritto il: 11 giu 2007 13:51

Messaggioda Il Comandante » 06 apr 2008 20:29

Margaux probabile tappo, comunque muffetta strana, comunque sotto c'era tanta, tanta roba...

Chambertin '96 Trapet fuoriclasse assoluto, tra i miei grandi Borgogna di sempre. Per me vincitore di giornata insieme al Clos de la Roche, rispetto al quale giganteggia in bocca ma perde qualcosa al naso. Comunque strepitoso, almeno 96/100.
AKA J. L. Picard
"Lungi da me fare la vittima" - unadomanda (ketto reloaded)
Avatar utente
Palma
Messaggi: 6705
Iscritto il: 06 giu 2007 12:29

Messaggioda Palma » 06 apr 2008 20:39

Sono ancora un po' rimbambito a causa del bevuto, ma comunque:

- Grand Dame 1995: un buon champagne, con un evidente evoluzione, ma ancora anche parecchio da dire. Se avesse avuto un dosaggio minore sarebbe stato bellissimo. 62+
- Meursault Les Chevalieres 2002 J. Voillot: forse in una precedente occasione era andato meglio. Dopo un'apertura con un eccesso di legno (mica alla Cervaro, però) evolve bene nel bicchiere esce la mineralità ed alcune belle note di frutta bianca. Bocca sufficientemente ampia e fresca. Buo RQP. 61
- Meursault Luchets 1997 Roulot: questo si dimostra un grandissimo bianco al di là ogni aspettativa. Pietra focaia sparata al naso (una mineralità impensabile per ogni altra zona del mondo), bellissimo anche bocca, no gli manca davvero niente. 64,5
- Gevrey Chambertin 2005 Claude Dugat: dal migliore dei Dugat un village di una materia quasi incredibile. Bello al naso, fruttato, ma sempre con eleganza ed una bocca di grande fittezza. Troppo giovane, ma la scia presagire un grande futuro. 63,5
- Barolo riserva Monfortino 1993: in un'annata sfigata come questa, ecco un grande barolo, non c'è neanche bisogno di dirlo. Al naso non ha molto da invidiare ad altre annate e a qualunque altro vino, in bocca manca un tantino di materia, ma avercene da bere a secchi. Davvero si discute ancora su chi sia il re di Langa? 64,5
- Latricieres Chambertin 2001 Trapet: dà il via ad una delle migliori batterie borgognoni che mi siano mai capitate. Splendido vino dall'elevata bevibilità che avrà come unico limite il confronto con gli altri. 63
- Chambertin 1996 Trapet: mamma mia che bello. Il naso, risulta affascinante, ma allo stesso tempo riottoso, in bocca dà il meglio di sè, finendo per essere uno, se non il migliore della giornata. Nel complesso certamente da podio della giornata. 65,5
- Latricieres Chambertin 1990 Ponsot: quando di Ponsot si azzecca una bottiglia giusta, in un'annata da lui imbroccata si gode parecchio e non si fatica a riconoscerlo tra i più grandi in assoluto. Questo è un vino forse non estremamente complesso, ma di incredibile goduria. 66
- Clos de la Roche 1989 Ponsot: seppur di poco, alla fine svetta come vino della giornata. Un naso veramente difficile da immaginare accompagnato da una bocca semplicemente perfetta. Davvero un grande. 66,5
- Chateau Margaux 1970: peccato, perchè a una puntina di tappo ne inficia la prestazione e da quel che si riesce ad intuire poteva davvero essere un'emozione.
- Chateau Suduiraut 1986: il naso, con zafferano sparato, ma poco altro non mi esalta, molto meglio invece in bocca, potente, ma per nulla stucchevole. 62
ex Victor
Extreme fighet du chateau
Il Comandante
Messaggi: 5946
Iscritto il: 11 giu 2007 13:51

Messaggioda Il Comandante » 06 apr 2008 20:45

Nella scala in settantesimi faccio davvero fatica a capire i punteggi... :lol:

Il mio podio è:

Chambertin '96 Trapet: la bocca della giornata, potente, emozionante: 96/100

Clos de la Roche '89 Ponsot: il naso della giornata (appena sopra Monfortino), bocca forse un po' delicata per me. Stesso voto 96/100

Latricières-Chambertin '90 Ponsot: il vino più diritto e completo, un punticino sotto perché non ha un naso o una bocca da emozione assoluta come i precedenti due. 95/100

Ai piedi del podio, ma naso da urlo, Monfortino '93, da 93/100 (è la quarta volta che lo bevo e questa e la bottiglia più buona).

Due considerazioni, un po' controcorrente rispetto a quanto si legge di solito:

- la grande qualità del Monfortino è il naso, tra i migliori del mondo; la bocca personalmente la trovo sempre inferiore, anche se, ovviamente, il '93 è particolarmente penalizzante da questo punto di vista

- dove i grandi Borgogna riescono a battere i grandi nebbiolo tipicamente è in bocca, dove hanno una succosittà ed una voluttà che difficilmente un nebbiolo riesce a raggiungere
AKA J. L. Picard
"Lungi da me fare la vittima" - unadomanda (ketto reloaded)
Avatar utente
meursault
Messaggi: 5621
Iscritto il: 06 giu 2007 11:55

Messaggioda meursault » 06 apr 2008 20:58

Io mi sono appena stappato , e seccato , un Brunello 2001 Lambardi , in due.
Sono irrecuperabile , lo so.
Dico solo che mi sono divertito un sacco che sono stato bene , che sto sempre bene con voi , che vi voglio bene.
Secondariamente dico che ho bevuto cose mostruose oggi.......finalmente ho avuto la rivelazione del Pinot Noir.
Ricompongo i sensi poi metterò qualche nota di contorno.
Ponsot semplicemente immenso , Trapet a ruota........

ps:certo che vi siete fatti tutti mettere nel sacco da una donna.....
Avatar utente
Baroloonline
Messaggi: 3312
Iscritto il: 06 giu 2007 11:59
Località: Langhe

Messaggioda Baroloonline » 07 apr 2008 10:42

meursault ha scritto:Secondariamente dico che ho bevuto cose mostruose oggi.......finalmente ho avuto la rivelazione del Pinot Noir.


occhio che poi è difficile tornare indietro....
Living well is the best revenge

Francesco Oddenino alias "baroloonline"

info @ baroloonline.it
info @ bourgogneonline.it
Avatar utente
l'oste
Messaggi: 12683
Iscritto il: 06 giu 2007 14:41
Località: campagna

Messaggioda l'oste » 07 apr 2008 10:48

Baroloonline ha scritto:
meursault ha scritto:Secondariamente dico che ho bevuto cose mostruose oggi.......finalmente ho avuto la rivelazione del Pinot Noir.


occhio che poi è difficile tornare indietro....


Impossibile direi. :D
Non importa chi sarà l'ultimo a spegnere la luce. E' già buio.


Iir Boon Gesùuu/ ciii/ fuuur/ mini
Avatar utente
Bart
Messaggi: 916
Iscritto il: 06 giu 2007 11:04

Messaggioda Bart » 07 apr 2008 11:17

meursault ha scritto:Io mi sono appena stappato , e seccato , un Brunello 2001 Lambardi , in due.
Sono irrecuperabile , lo so.
Dico solo che mi sono divertito un sacco che sono stato bene , che sto sempre bene con voi , che vi voglio bene.
Secondariamente dico che ho bevuto cose mostruose oggi.......finalmente ho avuto la rivelazione del Pinot Noir.
Ricompongo i sensi poi metterò qualche nota di contorno.
Ponsot semplicemente immenso , Trapet a ruota........

ps:certo che vi siete fatti tutti mettere nel sacco da una donna.....


Ecco, io questa rivelazione non l'ho ancora avuta, certo ho bevuto ancora troppo poco, ma per esempio una settimana fa ho bevuto al ristorante (lo stesso del Granbussia '82 :wink: -a proposito, com'è il Corton Charlemagne 1989 Bonneau du Martray?) uno Chambertin Vieilles vignes 1990 di Trapet, e pur essendomi piaciuto parecchio non riesco ad assegnarli un voto dell'ultima cinquina; non solo, nella mia classifica lo metto dietro al Monfortino 1993, tanto per citare un altro vino che avete bevuto ieri. A questo punto sarei curioso di assaggiare lo Chambertin 1996 per sapere se il problema sono io o il Pinot nero...
Avatar utente
Bart
Messaggi: 916
Iscritto il: 06 giu 2007 11:04

Messaggioda Bart » 07 apr 2008 11:22

Il Comandante ha scritto:- dove i grandi Borgogna riescono a battere i grandi nebbiolo tipicamente è in bocca, dove hanno una succosittà ed una voluttà che difficilmente un nebbiolo riesce a raggiungere


Pensa che io, dal basso della mia scarsissima esperienza, avrei detto il contrario: certo i Borgogna presentano una bevibilità che forse non ha nessun altro grande vino, ma spesso al mio gusto mancano di quel briciolo di cattiveria in più che finora mi ha fatto preferire i grandi vini da Nebbiolo, finendo per risultare fin troppo semplici. Ok, uccidetemi...
Avatar utente
Baroloonline
Messaggi: 3312
Iscritto il: 06 giu 2007 11:59
Località: Langhe

Messaggioda Baroloonline » 07 apr 2008 11:31

Bart ha scritto:
meursault ha scritto:Io mi sono appena stappato , e seccato , un Brunello 2001 Lambardi , in due.
Sono irrecuperabile , lo so.
Dico solo che mi sono divertito un sacco che sono stato bene , che sto sempre bene con voi , che vi voglio bene.
Secondariamente dico che ho bevuto cose mostruose oggi.......finalmente ho avuto la rivelazione del Pinot Noir.
Ricompongo i sensi poi metterò qualche nota di contorno.
Ponsot semplicemente immenso , Trapet a ruota........

ps:certo che vi siete fatti tutti mettere nel sacco da una donna.....


Ecco, io questa rivelazione non l'ho ancora avuta, certo ho bevuto ancora troppo poco, ma per esempio una settimana fa ho bevuto al ristorante (lo stesso del Granbussia '82 :wink: -a proposito, com'è il Corton Charlemagne 1989 Bonneau du Martray?) uno Chambertin Vieilles vignes 1990 di Trapet, e pur essendomi piaciuto parecchio non riesco ad assegnarli un voto dell'ultima cinquina; non solo, nella mia classifica lo metto dietro al Monfortino 1993, tanto per citare un altro vino che avete bevuto ieri. A questo punto sarei curioso di assaggiare lo Chambertin 1996 per sapere se il problema sono io o il Pinot nero...


Il Domaine Trapet ha avuto delle notevoli difficolta' dalla metà degli anni 80 all'inizio degli anni novanta per la divisione dovuta a motivi ereditari (credo), mi risulta che i vini di quel periodo ne abbiano risentito.
Living well is the best revenge

Francesco Oddenino alias "baroloonline"

info @ baroloonline.it
info @ bourgogneonline.it
Avatar utente
Baroloonline
Messaggi: 3312
Iscritto il: 06 giu 2007 11:59
Località: Langhe

Messaggioda Baroloonline » 07 apr 2008 11:36

Bart ha scritto:
Il Comandante ha scritto:- dove i grandi Borgogna riescono a battere i grandi nebbiolo tipicamente è in bocca, dove hanno una succosittà ed una voluttà che difficilmente un nebbiolo riesce a raggiungere


Pensa che io, dal basso della mia scarsissima esperienza, avrei detto il contrario: certo i Borgogna presentano una bevibilità che forse non ha nessun altro grande vino, ma spesso al mio gusto mancano di quel briciolo di cattiveria in più che finora mi ha fatto preferire i grandi vini da Nebbiolo, finendo per risultare fin troppo semplici. Ok, uccidetemi...


Ti capisco invece, a livello tannico i nebbioli non hanno nulla da invidiare ai grandi vini francesci.
Semmai il problema per il nebbiolo che le grandi, grandissime etichette, si contano sulle dita di una mano, forse su due.
Living well is the best revenge

Francesco Oddenino alias "baroloonline"

info @ baroloonline.it
info @ bourgogneonline.it
Il Comandante
Messaggi: 5946
Iscritto il: 11 giu 2007 13:51

Messaggioda Il Comandante » 07 apr 2008 11:39

Baroloonline ha scritto:Il Domaine Trapet ha avuto delle notevoli difficolta' dalla metà degli anni 80 all'inizio degli anni novanta per la divisione dovuta a motivi ereditari (credo), mi risulta che i vini di quel periodo ne abbiano risentito.


Stavo per rispondere la stessa cosa.
Anche noi avevamo bevuto uno Chambertin '89 assai malmesso, e giama mi aveva poi detto che in quel periodo il Domaine era un po' allo sbando.
AKA J. L. Picard
"Lungi da me fare la vittima" - unadomanda (ketto reloaded)
Avatar utente
meursault
Messaggi: 5621
Iscritto il: 06 giu 2007 11:55

Messaggioda meursault » 07 apr 2008 13:47

- Grand Dame 1995: Buono , senza slanci particolari ma sicuramente piacevole.
- Meursault Les Chevalieres 2002 J. Voillot:Probabilmente questo vino ha bisogno di altro tempo in vetro.
Il fatto che si pulisca bene nel bicchiere è un buon segno , con gli anni dovrebbe assorbire quel poco di legno in eccesso e sfoderare una bella mineralità.
- Meursault Luchets 1997 Roulot: Grade sorpresa , vista l'annata non proprio eccellente.
Probabilmente lo abbiamo preso in cima alla salita , non credo che migliorerà , anche se rimarrà così ancora per un po.
Di ciccia ne ha , ma anche una bella mineralità da polvere da sparo che ne sostiene la bevibilità.
- Gevrey Chambertin 2005 Claude Dugat: Qui di roba ce n'è davvero ma davvero tanta.
Se questo è il village siamo ad alti livelli.....
La cosa che mi ha maggiormente sorpreso è la presenza di una materia notevolissima ma sostenuta da una grande freschezza.
Bisognerebbe avere la forza di non toccarlo per una decina di anni , quando sarà più complesso e meno primario/vinoso.
- Barolo riserva Monfortino 1993: Chevelodicoaffare?
Dal 93 non ci aspettavamo una prestazione così superlativa.
Anche qui siamo ad un punto di maturità quasi ottimale , il naso è da svanimento , uno dei migliori della giornata.
In bocca l'acidità garantisce una bella pulizia ma non è proprio lunghissimo , forse un po scheletrico.
- Latricieres Chambertin 2001 Trapet: Ecco , questo non sono riuscito ad inquadrarlo compiutamente.
Nel mio bicchiere è finito in un paio di minuti , forse c'era un buco sotto..... :D :D :D
Non ha la mobilità al naso e la complessità del fratello maggiore ma è proprio un bel bere.
Molto pericoloso , provoca dipendenza.
- Chambertin 1996 Trapet: Squillano le trombe , rullano i tamburi.
Eccoci nel giardino dell'Eden del piacere olfattivo.
il senso di complessità e stratificazione dei profumi è da sballo.
La bocca è precisa e di grande pulizia , nonchè di bella lunghezza.
Vino perfetto , classico , emozionante.
- Latricieres Chambertin 1990 Ponsot: Qua il naso paga dazio al predecessore , i profumi non sono così cesellati e nitidi.
In bocca però è una forza della natura , satura ogni papilla e non ti lascia più.
- Clos de la Roche 1989 Ponsot: Porcaccia miseria che bestia!!!!
Ha un naso di grande intensità e definizione , forse c'è qualche nota più scura rispetto allo Chambertin 96 ma mostra una profondità disarmante.
Ti entra in testa e non ne esce più.
La bocca è , se possibile , anche meglio del 90 , forse un quid più elegante.
Vino immenso , una grande emozione per me e un bel grazie a Jo.
- Chateau Margaux 1970: A me l'aspetto che non ha convinto meno è sicuramente la bocca , un po svuotata.
Al naso , quando non veniva fuori quella malefica puzzetta , ha detto sicuramente cose interessanti.
- Chateau Suduiraut 1986: Buono , molto zafferano al naso , discerta pulizia.non sono un fans della tipologia.

Abbiamo decisamente beccato parecci vini in forma strepitosa....meglio così.
Picard sembrava aver perso i suoi poteri ma alla fine la zampata del fuoriclasse l'ha piazzata , complimenti anche a lui.
Qualche ottimo piatto , peccato per le porzioni extra large , alla fine dell'appetizer eravamo già pieni.
Considerando sette beventi direi che ci siamo comportati bene , 11 bottiglie seccate fino all'ultima goccia.
E c'era pure chi cercava di strizzare le botiglie fino all'ultimo.......il baratro dell'alcolismo cronico è dietro l'angolo.
Mi parlano di una clinica di disintossicazione a Gevry ,mi sembra un bel posto , almeno dalle foto.
Avatar utente
l'oste
Messaggi: 12683
Iscritto il: 06 giu 2007 14:41
Località: campagna

Messaggioda l'oste » 07 apr 2008 14:27

meursault ha scritto:- Gevrey Chambertin 2005 Claude Dugat: Qui di roba ce n'è davvero ma davvero tanta.
Se questo è il village siamo ad alti livelli.....
La cosa che mi ha maggiormente sorpreso è la presenza di una materia notevolissima ma sostenuta da una grande freschezza.
Bisognerebbe avere la forza di non toccarlo per una decina di anni , quando sarà più complesso e meno primario/vinoso.


Concordo, bevuto già due bottiglie, davvero tra i migliori village mai provati.
Penso però che, al contrario dei costosissimi G.C., il suo godimento sia elevato anche da giovane, vinoso non mi era parso.
Non importa chi sarà l'ultimo a spegnere la luce. E' già buio.


Iir Boon Gesùuu/ ciii/ fuuur/ mini
Avatar utente
gremul
Messaggi: 12641
Iscritto il: 06 giu 2007 14:01
Località: Lainate (MI), Comabbio (VA)

Messaggioda gremul » 07 apr 2008 14:32

l'oste ha scritto:
meursault ha scritto:- Gevrey Chambertin 2005 Claude Dugat: Qui di roba ce n'è davvero ma davvero tanta.
Se questo è il village siamo ad alti livelli.....
La cosa che mi ha maggiormente sorpreso è la presenza di una materia notevolissima ma sostenuta da una grande freschezza.
Bisognerebbe avere la forza di non toccarlo per una decina di anni , quando sarà più complesso e meno primario/vinoso.


Concordo, bevuto già due bottiglie, davvero tra i migliori village mai provati.
Penso però che, al contrario dei costosissimi G.C., il suo godimento sia elevato anche da giovane, vinoso non mi era parso.


prezzo più o meno?
La diversità di ognuno di noi non è un'arma per discriminare, etichettare, ma una ricchezza (P.P. Pasolini)
A Broccolino i rom eravamo noi (M. Pannella)
SIAMO TUTTI STRANIERI
Avatar utente
l'oste
Messaggi: 12683
Iscritto il: 06 giu 2007 14:41
Località: campagna

Messaggioda l'oste » 07 apr 2008 14:36

gremul ha scritto:
l'oste ha scritto:
meursault ha scritto:- Gevrey Chambertin 2005 Claude Dugat: Qui di roba ce n'è davvero ma davvero tanta.
Se questo è il village siamo ad alti livelli.....
La cosa che mi ha maggiormente sorpreso è la presenza di una materia notevolissima ma sostenuta da una grande freschezza.
Bisognerebbe avere la forza di non toccarlo per una decina di anni , quando sarà più complesso e meno primario/vinoso.


Concordo, bevuto già due bottiglie, davvero tra i migliori village mai provati.
Penso però che, al contrario dei costosissimi G.C., il suo godimento sia elevato anche da giovane, vinoso non mi era parso.

prezzo più o meno?


In enoteca in Francia stai sui 65 euro per il 2005 (sei mesi fa), ma trovi facilmente il 2004 (per me ottimo) a molto meno.
Non importa chi sarà l'ultimo a spegnere la luce. E' già buio.


Iir Boon Gesùuu/ ciii/ fuuur/ mini
Avatar utente
Bart
Messaggi: 916
Iscritto il: 06 giu 2007 11:04

Messaggioda Bart » 07 apr 2008 16:43

Il Comandante ha scritto:
Baroloonline ha scritto:Il Domaine Trapet ha avuto delle notevoli difficolta' dalla metà degli anni 80 all'inizio degli anni novanta per la divisione dovuta a motivi ereditari (credo), mi risulta che i vini di quel periodo ne abbiano risentito.


Stavo per rispondere la stessa cosa.
Anche noi avevamo bevuto uno Chambertin '89 assai malmesso, e giama mi aveva poi detto che in quel periodo il Domaine era un po' allo sbando.


Vedi mò l'ignoranza... Uno pensa grand cru, gran produttore, bella annata, e invece... Mi sa che facevo bene a prendere il Granbussia...
Ma nessuno mi sa dire qualcosa sull'89 di Bonneau du Martray (lo so, sono straordinariamente OT, ma non ho voglia di aprire un thread apposta, scusate).
Avatar utente
JohnnyTheFly
Messaggi: 2373
Iscritto il: 11 giu 2007 20:33
Località: Porretta Terme (BO), capitale dell'AVR

Messaggioda JohnnyTheFly » 07 apr 2008 20:49

l'oste ha scritto:
JohnnyTheFly ha scritto:Direttore, che scala ha utilizzato per la valutazione delle due bottiglie piraziniche?


Pensa che io da vero ingenuo, non capendo l'ironia, sorridevo davanti ai voti esagerati che Palma e tu davate ad alcuni vini "minori" e immaginavo che l'alcol gioca brutti scherzi...ora nel leggere Z.A. e AVR Spectator's attiverò maggiormente il registro del paradosso... :D

Direi che ti conviene....... :lol:
" Parlando e piangendo appese la giacca al muro poi chiese una birra mettendosi al sicuro " - MASSIMO BUBOLA [tratto dall'incipit della canzone MARIA CHE CI CONSOLA, 1979]
Avatar utente
Palma
Messaggi: 6705
Iscritto il: 06 giu 2007 12:29

Messaggioda Palma » 09 apr 2008 19:56

Due vinellini per la sezione vini da pasto/quotidiana, che non possono trovare spazio sull'advocate:

- Chianti Rufina 2005 Selvapiana: finora dai chianti (direi pure toscani in genere) dell'annata 2005 solo delusioni, invece questo ha rappresentato una splendida eccezione, soprattutto per un bevibilità imnpressionante (evaporato in un amen), ma non solo.

- Chianti classico 2004 Molino di Grace: dall'annata 2004 , invece generalmente ho sempre trovato ottimi chianti (alla faccia di chi criticava quest'annata) ed anche questo ha fatto la sua porca figura. Appena un tocco di legno in eccesso all'inizio che però è andato via, via sparendo, un volume in bocca maggiore del precedente, ma non a scapito della bevibilità
ex Victor

Extreme fighet du chateau

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: apple, emigrato, lolloco, Ludi, Raido e 1 ospite