Bollettino AVR - " Never Ending Tour "

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Avatar utente
manichi
Messaggi: 1480
Iscritto il: 06 giu 2007 12:45
Località: A.V.R.

Re: Bollettino AVR - " Bisogna calare " da pag.205

Messaggioda manichi » 09 lug 2012 21:35

Sydney ha scritto:Toglietemi una curiosità: come le organizzate sto bevute?
Onguno porta 1 (o 2/3) bozza?

Di base ognuno porta una/due bott poi ci sono integrazioni , provocazioni libere
Dalle foto mancano le bott. del terzo tempo : metodo Classico in rosso Cantina della Volta e Jacquesson 2000 , più varie birre : Saison Dupont , Orval 2008 , Iris 2007 Cantillon
Finii con i campi alle ortiche
finii con un flauto spezzato
e un ridere rauco
ricordi tanti
e nemmeno un rimpianto.
enogastronauta
Messaggi: 1750
Iscritto il: 06 giu 2007 19:12
Località: lucca

Re: Bollettino AVR - " Bisogna calare " da pag.205

Messaggioda enogastronauta » 10 lug 2012 10:47

bravi ragazzi, quando bisogna farsi del male tanto vale farlo per bene !


attendo note grazie
42195mt in 3h13'23"
Avatar utente
de magistris
Messaggi: 4495
Iscritto il: 14 lug 2007 13:33

Re: Bollettino AVR - " Bisogna calare " da pag.205

Messaggioda de magistris » 11 lug 2012 08:57

sarebbe possibile avere qualche nota o dobbiamo considerare il bollettino un fotoalbum ormai? :oops: :shock: :D
Paolo De Cristofaro

http://www.tipicamente.it/

Ci si può divertire anche senza alcool. Ma perché correre il rischio? (Roy Hodgson)

Auspico una guida che non metta i vini DRC al vertice. Sarà la migliore. (Edoardo Francvino)
Avatar utente
Palma
Messaggi: 6700
Iscritto il: 06 giu 2007 12:29

Re: Bollettino AVR - " Bisogna calare " da pag.205

Messaggioda Palma » 11 lug 2012 09:31

de magistris ha scritto:sarebbe possibile avere qualche nota o dobbiamo considerare il bollettino un fotoalbum ormai? :oops: :shock: :D

Vabbè dai, posso dirti che Krug 1996 era meglio di entrambi i vini di Cantina della Volta :mrgreen:
Ho davvero poco tempo, appena posso integro (spero...).
ex Victor
Extreme fighet du chateau
Avatar utente
Dedalus
Messaggi: 12916
Iscritto il: 07 giu 2007 10:57

Re: Bollettino AVR - " Bisogna calare " da pag.205

Messaggioda Dedalus » 12 lug 2012 09:51

Io sono curioso di sapere qualcosa di Solaia 1998.
“La cultura è organizzazione, disciplina del proprio io interiore; è presa di possesso della propria personalità, e conquista di coscienza superiore, per la quale si riesce a comprendere la propria funzione nella vita, i propri diritti e i propri doveri.”
Avatar utente
Palma
Messaggi: 6700
Iscritto il: 06 giu 2007 12:29

Re: Bollettino AVR - " Bisogna calare " da pag.205

Messaggioda Palma » 12 lug 2012 10:59

Chablis 1^er La Forest 2009 Dauvissat : buon riuscita, meno rustico e decisamente più preciso che in altre annate. Rimane pur sempre uno Chablis, ma si beve davvero volentieri.
Silex 2007 Dagenau : gran bel vino. Il Sauvignon al suo massimo ed inarrivabile livello, davvero ottimo anche il RQO (perché in un rapporto conta anche il numeratore)
Montrachet 2001 Chartron & Trebuchet : bocca davvero imponente, il naso forse un filo troppo caldo, un filo di legno lo si avverte, ma non è che disturbi più di tanto. Promosso.
Barolo Riserva S.Giuseppe 2001 Cavallotto : non mi ha entusiasmato, ricordo bottiglie migliori, ma al stagione non lo aiuta.
Clos de Beze 2009 Drouhin Laroze : molto, troppo giovane. Si conferma che i GC almeno, almeno una decina d'anni sulle spalle debbano averli per poterli gustare appieno, 2007 e poche altre annate a parte. Comunque schifo non fa di sicuro.
Richebourg 2006 AF Gros :non il mio Richebourg ed abbastanza atipico anche come 2006, me lo sarei aspettato decisamente più potente ed incacchiato. Buona bevibilità, ma mi aspettavo di più.
Vin Santo 1989 Avignonesi: sempre a livelli altissimi. Assolutamente hors categorie tra i vini da fine pasto/meditazione italiani. Mi chiedo come sia possibile che nessun altro produttore di Vin Santo abbia neanche mai avvicinato per sbaglio una tale qualità.
ex Victor

Extreme fighet du chateau
Avatar utente
Palma
Messaggi: 6700
Iscritto il: 06 giu 2007 12:29

Re: Bollettino AVR - " Bisogna calare " da pag.205

Messaggioda Palma » 12 lug 2012 13:02

Se almeno i pelandroni avessero scritto la lista coi nomi :twisted:

- Champagne Marc Chauvet: discreto aperitivo, null'altro da aggiungere
- Brut 2002 Paul Bara: Champagne molto giocato sull'immediatezza, decisamente meno acido e più rotondo rispetto a tanti altri pari annata,comunque non smaccato riesce comunque a preservare una discreta bevibilità.
- Metodo classico Vigna della Volta: nonostante fosse ciecato ho capito subito che non era Champagne :D Interessante prodotto, dal colore diafano ed acidità assai elevata. Si beve.
- Saint Vincent 1996 Legras: molto meglio che in una precedente occasione (ma lì l'aveva portato Jossik :mrgreen: ), molto equilibrato ed elegante senza quelle acidità assassine tipiche di tanti vini dell'annata, sconta solo l'ingombrante vicino.
- Krug 1996: la miglior bottiglia di questo Champagne fin qua bevuta. Un fuoriclasse assoluto che sale di sicuro tra i migliori 5 1996 fin qua provati. Naso più fresco che altre volte, pur non venendo meno la classica nota Kruggiana, è la bocca ad impressionare, soprattutto grazie al finale sapidissimo e tagliente. Gran boccia.
ex Victor

Extreme fighet du chateau
Avatar utente
il chiaro
Messaggi: 6204
Iscritto il: 07 giu 2007 00:24

Re: Bollettino AVR - " Bisogna calare " da pag.205

Messaggioda il chiaro » 12 lug 2012 13:31

Dedalus ha scritto:Io sono curioso di sapere qualcosa di Solaia 1998.


E pure due note sul Bordeaux.
Thanx
let me put my love into you babe
let me put my love on the line

let me put my love into you babe
let me cut your cake with my knife

Brian Johnson
Avatar utente
Palma
Messaggi: 6700
Iscritto il: 06 giu 2007 12:29

Re: Bollettino AVR - " Bisogna calare " da pag.205

Messaggioda Palma » 12 lug 2012 16:27

- Meursault Les Chevalieres 2007 Voillot: evidentemente c'è chi è più portato a fare i rossi che i bianchi :mrgreen: In un'annata come la 2007 un simile capolavoro non deve essere stato facile da realizzare.
- Meursault Les Perrires 2006 P.Y. Colin: e neppure un vino del genere deve essere stato facile da ottenere nell'annata del cacchio quasi epr antonomasia. Una menta decisamente accesa al naso, unita ad una grande potenza di bocca, senza mai perdere in equilibrio od in bevibilità me lo hanno fatto davvero apprezzare. Finora il miglior 2006 bianco sentito (e dico migliore, non meno peggio).
- Chevalier Montrachet 2002 Leflaive: direi che mi è discretamente piaciuto :mrgreen: Non sarà un Collestefano od un Timorasso, ma si è lasciato bere. :mrgreen:
- Volnay 1er Les Fremiets 2007 Voillot: serata non proprio facile per questo produttore, dopo il bianco scambiato per Planeta ecco il rosso preso per Etna (solo da qualcuno). A me non è dispiaciuto in assoluto, anzi non un mostro di complessità, ma l'ho bevuto volentieri.
- Chambolle Musigny Les Fuees 2007 Mugnier: buono assai, ma mi sarei aspettato anche qualcosa di più. Naso intrigante, non pulitissimo inizialmente con note rodaneggiante che si pulisce nel tempo, appagante e godurioso in bocca, paga però dazio un frutto un tantino più scuro del necessario.
- Chambertin 2001 Tapet: le Monprivèe de Bourgogne.
- Solaia 1998: si conferma tra i bordolesi italiani più eleganti e meno peperonosi (il record assoluto appartiene proprio al 1998 di Peperonaia che tanti consensi miete), però da quest'annata mi attendevo di più. Pulito, preciso, appagante, svolge il compitino, ma gli manca qualcosa sul lato emozionale.
- Gruaud Larose 2000: tanto, molto giovane, ma la classe non è acqua (infatti è un vino) e la si nota tutta. I sentori pirazinici ci sono, ma sono quasi delicati e ben amalgamati al resto, massa tannica imponente, ma senza astringenze a fine bocca. A me questo vino piace quasi sempre molto, onestamente ammetto più (quindi forse troppo) che ad altri.
- Erdener Pralat Auslese 2006 Weins Prum: svolge bene la sua funzione di rinfrescante finale.

Poi si è proseguito con l'altro vino di cantina della Volta che non sono riuscito a capire ed apprezzare come certamente avrebbe meritato (a causa della stanchezza, ovviamente :mrgreen: ) e Jacquesson 200 che forse anche avvantaggiato dall'impervio confronto e nonostante un lieve deficit di acidità non mi ha affatto mal impressionato.
Tra le birre Saison Dupont sempre una sicurezza, Orval 2008 meglio della 2011 ed Iris che si conferma la migliore tra le tris.. ehm scusate acide.

That's all folks.

Le note sono assolutamente precise e dettagliate, per cui non rompete i cosidetti con richieste di precisazioni ed integrazioni :mrgreen:
ex Victor

Extreme fighet du chateau
paperofranco
Messaggi: 5966
Iscritto il: 20 gen 2010 19:16
Località: Poggibonsi

Re: Bollettino AVR - " Bisogna calare " da pag.205

Messaggioda paperofranco » 12 lug 2012 16:41

Palma ha scritto:- - Chambolle Musigny Les Fuees 2007 Mugnier: buono assai, ma mi sarei aspettato anche qualcosa di più. Naso intrigante, non pulitissimo inizialmente con note rodaneggiante che si pulisce nel tempo, appagante e godurioso in bocca, paga però dazio un frutto un tantino più scuro del necessario.
- Chambertin 2001 Tapet: le Monprivèe de Bourgogne.
]


Sul primo: mi ritrovo solo in "naso intrigante....appagante e godurioso in bocca"(e comunque mi pare sia sufficiente :mrgreen: ) . Sul frutto scuro e sulle note rodanesche invece non mi ritrovo(bevuto a marzo di quest'anno).
Per me gran vino.

Sul secondo: ......quanto mi garberebbe berlo :!: :mrgreen:
vittoxx
Messaggi: 3696
Iscritto il: 22 gen 2009 13:04

Re: Bollettino AVR - " Bisogna calare " da pag.205

Messaggioda vittoxx » 12 lug 2012 17:01

Palma ha scritto:- Chambertin 2001 Tapet: le Monprivèe de Bourgogne.

Tapet e monprivee nel senso che era l'ennesima bottiglia tapè?
Avatar utente
manichi
Messaggi: 1480
Iscritto il: 06 giu 2007 12:45
Località: A.V.R.

Re: Bollettino AVR - " Bisogna calare " da pag.205

Messaggioda manichi » 12 lug 2012 21:21

vittoxx ha scritto:
Palma ha scritto:- Chambertin 2001 Tapet: le Monprivèe de Bourgogne.

Tapet e monprivee nel senso che era l'ennesima bottiglia tapè?

Diciamo parecchio problematica :evil:
Finii con i campi alle ortiche
finii con un flauto spezzato
e un ridere rauco
ricordi tanti
e nemmeno un rimpianto.
Avatar utente
Palma
Messaggi: 6700
Iscritto il: 06 giu 2007 12:29

Re: Bollettino AVR - " Bisogna calare " da pag.205

Messaggioda Palma » 13 lug 2012 09:34

paperofranco ha scritto:
Palma ha scritto:- - Chambolle Musigny Les Fuees 2007 Mugnier: buono assai, ma mi sarei aspettato anche qualcosa di più. Naso intrigante, non pulitissimo inizialmente con note rodaneggiante che si pulisce nel tempo, appagante e godurioso in bocca, paga però dazio un frutto un tantino più scuro del necessario.
- Chambertin 2001 Tapet: le Monprivèe de Bourgogne.
]


Sul primo: mi ritrovo solo in "naso intrigante....appagante e godurioso in bocca"(e comunque mi pare sia sufficiente :mrgreen: ) . Sul frutto scuro e sulle note rodanesche invece non mi ritrovo(bevuto a marzo di quest'anno).
Per me gran vino.

Sul secondo: ......quanto mi garberebbe berlo :!: :mrgreen:


Infatti concordo che quelle note di solito non ci sono, comunque avercene... :mrgreen:
Sullo Chambertin Trapet scegli un'altra annata che su questa la statistica è impietosa. Ne ho ancora una bottiglia io, a breve stappo e vediamo se si fa l'en plein
ex Victor

Extreme fighet du chateau
Avatar utente
manichi
Messaggi: 1480
Iscritto il: 06 giu 2007 12:45
Località: A.V.R.

Re: Bollettino AVR - " Bisogna calare " da pag.205

Messaggioda manichi » 23 lug 2012 12:19

Ieri a pranzo :
Champagne Cuvee 555 Vourin Jourmel : champagne giocato sulla dolcezza , non male ma preferisco altri stili
Malvasia Istriana 2009 I Clivi : bel naso , minerale , fiori bianchi , in bocca un tantino molle
Gruner Veltliner Smaragd Loibner Berg 2006 F.X. Pichler : un vinone sia come struttura che grado alcoolico (15%) nonostante questo mantiene un suo equilibrio e una discreta bevibilità nonostante il residuo ben presente
Riesling G.G. Hermannshohle 2010 Donnhof : giovanissimo , di belle prospettive , da aspettare
Barbaresco Santo Stefano 2009 Giacosa : molto apprezzato dagli altri non mi ha convinto a pieno : al naso parte sul fruttato maturo poi si apre lasciando vedere anche altro ma in bocca ha una chiusura repentina
Decennale 2001 Palmucci : buon sangiovese , forse un tantino maturo per l'età ma si beve con piacere .
Finii con i campi alle ortiche
finii con un flauto spezzato
e un ridere rauco
ricordi tanti
e nemmeno un rimpianto.
alì65
Messaggi: 11761
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: Bollettino AVR - " Bisogna calare " da pag.205

Messaggioda alì65 » 23 lug 2012 12:34

eri solo per sturare così poche bt!? :D
futuro incerto...ma w la gnocca!!!
alì65
Messaggi: 11761
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: Bollettino AVR - " Bisogna calare " da pag.205

Messaggioda alì65 » 23 lug 2012 12:51

dimmi un pò del Decennale, l'ultima volta bevuto mi è sembrato molto chiuso più che maturo....vero che rispetto alle annate un pò più carico lo è ma in tutte le ris. ho trovato più carne tranne la 99 e 95
futuro incerto...ma w la gnocca!!!
Avatar utente
manichi
Messaggi: 1480
Iscritto il: 06 giu 2007 12:45
Località: A.V.R.

Re: Bollettino AVR - " Bisogna calare " da pag.205

Messaggioda manichi » 23 lug 2012 13:02

alì65 ha scritto:dimmi un pò del Decennale, l'ultima volta bevuto mi è sembrato molto chiuso più che maturo....vero che rispetto alle annate un pò più carico lo è ma in tutte le ris. ho trovato più carne tranne la 99 e 95


Al colore era già leggermente mattonato sull'unghia , naso già un tantino evoluto su note di sottobosco e frutta scura, bocca piacevole con buona acidità , alla cieca si era detto sangiovese chiantigiano e pensavo con qualche anno in più , bott. molto diversa da quella provata qualche anno fa dove pareva un sangio più elegante in stile quasi "borgognone" .
Finii con i campi alle ortiche
finii con un flauto spezzato
e un ridere rauco
ricordi tanti
e nemmeno un rimpianto.
davidef
Messaggi: 7791
Iscritto il: 06 giu 2007 17:23
Località: Vicenza

Re: Bollettino AVR - " Bisogna calare " da pag.205

Messaggioda davidef » 23 lug 2012 13:08

manichi ha scritto:
alì65 ha scritto:dimmi un pò del Decennale, l'ultima volta bevuto mi è sembrato molto chiuso più che maturo....vero che rispetto alle annate un pò più carico lo è ma in tutte le ris. ho trovato più carne tranne la 99 e 95


Al colore era già leggermente mattonato sull'unghia , naso già un tantino evoluto su note di sottobosco e frutta , bocca piacevole con buona acidità , alla cieca si era detto sangiovese chiantigiano e pensavo con qualche anno in più , bott. molto diversa*** da quella provata qualche anno fa dove pareva un sangio più elegante in stile quasi "borgognone" .



la descrizione mi preoccupa, poteva essere la singola bottiglia non perfetta o ti sembra che sia l'impostazione che lo rende già un filo avanti ? ricordo il Decennale come un vino abbastanza elegante e quasi salino, meno "dolce" del Brunello abituale...


*** questa parte invece, non so perchè, mi inquieta... :lol:
Avatar utente
manichi
Messaggi: 1480
Iscritto il: 06 giu 2007 12:45
Località: A.V.R.

Re: Bollettino AVR - " Bisogna calare " da pag.205

Messaggioda manichi » 23 lug 2012 13:14

davidef ha scritto:
manichi ha scritto:
alì65 ha scritto:dimmi un pò del Decennale, l'ultima volta bevuto mi è sembrato molto chiuso più che maturo....vero che rispetto alle annate un pò più carico lo è ma in tutte le ris. ho trovato più carne tranne la 99 e 95


Al colore era già leggermente mattonato sull'unghia , naso già un tantino evoluto su note di sottobosco e frutta , bocca piacevole con buona acidità , alla cieca si era detto sangiovese chiantigiano e pensavo con qualche anno in più , bott. molto diversa*** da quella provata qualche anno fa dove pareva un sangio più elegante in stile quasi "borgognone" .



la descrizione mi preoccupa, poteva essere la singola bottiglia non perfetta o ti sembra che sia l'impostazione che lo rende già un filo avanti ? ricordo il Decennale come un vino abbastanza elegante e quasi salino, meno "dolce" del Brunello abituale...


*** questa parte invece, non so perchè, mi inquieta... :lol:


La mia sensazione è di una bottiglia "particolare" anche vittoxx che l'ha portato ha detto che le ultime aperte erano piuttosto diverse , non ho però altri assaggi molto recenti del decennale .
Finii con i campi alle ortiche
finii con un flauto spezzato
e un ridere rauco
ricordi tanti
e nemmeno un rimpianto.
Avatar utente
JohnnyTheFly
Messaggi: 2373
Iscritto il: 11 giu 2007 20:33
Località: Porretta Terme (BO), capitale dell'AVR

Re: Bollettino AVR - " Wine 'n' Soul " da pag.206

Messaggioda JohnnyTheFly » 24 lug 2012 01:00

Wine 'n' Soul

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine
" Parlando e piangendo appese la giacca al muro poi chiese una birra mettendosi al sicuro " - MASSIMO BUBOLA [tratto dall'incipit della canzone MARIA CHE CI CONSOLA, 1979]
alì65
Messaggi: 11761
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: Bollettino AVR - " Wine 'n' Soul " da pag.206

Messaggioda alì65 » 24 lug 2012 07:39

il Chambertin era picardato?
futuro incerto...ma w la gnocca!!!
Avatar utente
manichi
Messaggi: 1480
Iscritto il: 06 giu 2007 12:45
Località: A.V.R.

Re: Bollettino AVR - " Wine 'n' Soul " da pag.206

Messaggioda manichi » 24 lug 2012 07:48

alì65 ha scritto:il Chambertin era picardato?

Ossidato
Finii con i campi alle ortiche
finii con un flauto spezzato
e un ridere rauco
ricordi tanti
e nemmeno un rimpianto.
Avatar utente
arnaldo
Messaggi: 8675
Iscritto il: 07 giu 2007 08:21
Località: Bassano del Grappa

Re: Bollettino AVR - " Bisogna calare " da pag.205

Messaggioda arnaldo » 24 lug 2012 08:26

manichi ha scritto:Ile
Gruner Veltliner Smaragd Loibner Berg 2006 F.X. Pichler : un vinone sia come struttura che grado alcoolico (15%) nonostante questo mantiene un suo equilibrio e una discreta bevibilità nonostante il residuo ben presente
.


Uhmmm....questo ha tutte le caratteristiche di un vino che mi piace!TRa l'altro dovrei averne una o due...... :P
follow my tasting notes and pics on http://instagram.com/ARNALDO2262/
Avatar utente
Palma
Messaggi: 6700
Iscritto il: 06 giu 2007 12:29

Re: Bollettino AVR - " Wine 'n' Soul " da pag.206

Messaggioda Palma » 24 lug 2012 09:59

Come sempre poco tempo, anticipo (poi integro) solo che difficilmente potrei allontanarmi di più dai giudizi manichesci, eprsino il Decennale io lo ricordavo proprio così.
Dico solo che mi stanno veramente stancando i vini come quel Giacosa lì, non posso tutte le volte finire ubriaco, ben vengano i vini stile Es che non danno certo questi problemi... :mrgreen:
ex Victor

Extreme fighet du chateau
Avatar utente
Palma
Messaggi: 6700
Iscritto il: 06 giu 2007 12:29

Re: Bollettino AVR - " Bisogna calare " da pag.205

Messaggioda Palma » 24 lug 2012 09:59

arnaldo ha scritto:
manichi ha scritto:Ile
Gruner Veltliner Smaragd Loibner Berg 2006 F.X. Pichler : un vinone sia come struttura che grado alcoolico (15%) nonostante questo mantiene un suo equilibrio e una discreta bevibilità nonostante il residuo ben presente
.


Uhmmm....questo ha tutte le caratteristiche di un vino che mi piace!TRa l'altro dovrei averne una o due...... :P

Stavolta avrai mica da ridire che beviamo sempre Borgogna eh? :wink:
ex Victor

Extreme fighet du chateau

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: addre_91, gpetrus, karroth, pie2014, simone.dg7 e 9 ospiti