LE BEVUTE DI GENNAIO 2021

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Avatar utente
Ludi
Messaggi: 3222
Iscritto il: 22 lug 2008 10:02
Località: Roma

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO 2021

Messaggioda Ludi » 19 gen 2021 09:21

gianni femminella ha scritto:
Ludi ha scritto:[b]Castello di Volpaia, Chianti Classico Gran Selezione Coltassala 2013[/b]: penso fossero cinque-sei anni che non bevevo un CC.


E pensare che ti stimavo.
Addio.


ahahahah!
Hai ragione....tipologia che ho ingiustamente trascurato. A onor del vero - e qui perderò definitivamente la tua stima - ultimamente mi sono dedicato poco al Sangiovese, se eccettuiamo qualche Brunello. Ti prometto che recupererò.
Luca castoldi
Messaggi: 392
Iscritto il: 26 ott 2015 13:30
Località: Montepulciano

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO 2021

Messaggioda Luca castoldi » 19 gen 2021 10:23

landmax ha scritto:
Luca castoldi ha scritto:Bardolino Le Fraghe. 2019
Ero a fare un po' di casino nel magazzino, quello lontano da casa, vicino a Serre di Rapolano (siena). Non che abbia fatto un gran lavoro, era più una scusa per girare ma poi è venuta fame. Sono andato in un posto dove la signora sta in cucina e la figlia in sala ( chiamato " lo zozzo", boh) Patate fritte da paura , il pollo farcito un po' salato, la polpetta meravigliosa me il Bardolino li ha accompagnati con successo, anche nel prezzo. Buonissimo, pimpante e succoso, di poco impegno ma di piacevole freschezza. Lo metterò nel listino prima o poi, mi fa allegria e il vino è fatto bene. Molto bene, non so nemmeno quanto costi ma sospetto molto poco visto il conto molto amichevole. A spendere tanto sono bravissimo ma ogni tanto ho dei lampi di genio.
Ciao Luca, Le Fraghe fanno un Bardolino ottimo e ancor più buono è il loro cru "Brol Grande", un piccolo Volnay (absit iniuria verbis).

ora chiedo a Silvia, la mia ex socia che lo ha in listino Italia il Bardolino e chiedo di questo Volnay di noialtri :D . E cmq ho visto il listino e costa una sega, 6.70 mi pare il Bardolino basino. se mi dici che brol grande è buono, ne ordino un po'. Mi fai curioso
Il corriere passa per solito il martedì e venerdì, spedisco appena ricevo i pagamenti e da molti anche prima. Insomma appena posso.
landmax
Messaggi: 1088
Iscritto il: 13 set 2013 17:49

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO 2021

Messaggioda landmax » 19 gen 2021 12:55

Luca castoldi ha scritto:
landmax ha scritto:
Luca castoldi ha scritto:Bardolino Le Fraghe. 2019
Ero a fare un po' di casino nel magazzino, quello lontano da casa, vicino a Serre di Rapolano (siena). Non che abbia fatto un gran lavoro, era più una scusa per girare ma poi è venuta fame. Sono andato in un posto dove la signora sta in cucina e la figlia in sala ( chiamato " lo zozzo", boh) Patate fritte da paura , il pollo farcito un po' salato, la polpetta meravigliosa me il Bardolino li ha accompagnati con successo, anche nel prezzo. Buonissimo, pimpante e succoso, di poco impegno ma di piacevole freschezza. Lo metterò nel listino prima o poi, mi fa allegria e il vino è fatto bene. Molto bene, non so nemmeno quanto costi ma sospetto molto poco visto il conto molto amichevole. A spendere tanto sono bravissimo ma ogni tanto ho dei lampi di genio.
Ciao Luca, Le Fraghe fanno un Bardolino ottimo e ancor più buono è il loro cru "Brol Grande", un piccolo Volnay (absit iniuria verbis).

ora chiedo a Silvia, la mia ex socia che lo ha in listino Italia il Bardolino e chiedo di questo Volnay di noialtri :D . E cmq ho visto il listino e costa una sega, 6.70 mi pare il Bardolino basino. se mi dici che brol grande è buono, ne ordino un po'. Mi fai curioso
A me piacciono entrambi, ma il Brol Grande ha indubbiamente più complessità (costa anche un po' di più, ma comunque poco).
Ziliovino
Messaggi: 3263
Iscritto il: 10 giu 2007 17:48
Località: (Bg)

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO 2021

Messaggioda Ziliovino » 19 gen 2021 19:08

Immagine 

Immagine 

Montepulciano d'Abruzzo 2001 - Santoleri. E' la versione con l'etichetta "edizione limitata", ed è parecchio buono, ancora nel pieno della gioventù e tutto sul frutto, era decisamente un'amarena Fabbri, intenso sia al naso che al sorso, saporito (questo mi è saltato alla mente) e lungo. Peccato averne presa solo una. Gran bel vino.

Chianti Classico 2015 - Bucciareli. Appena stappato sa della classica viola, poi tanta frutta matura, ancora giustamente sui primari, di corpo pieno e rotondo, si sente l'annata ricca ma c'è adeguata freschezza a supporto, Chianti gastronomico direi.

Saumur Champigny Vieilles Vignes 2014 - Chateau de Villeneuve.  Piuttosto ben fatto e piacevole, more e leggera liquirizia al naso, il peperone verde fa capolino ogni tanto, bocca di buon struttura (per un Saumur) e di buona eleganza.

Vino bianco fermo 2018 - Silvano Follador. E' un campo di fiori in primavera, poi pera verde e nocciola verde, ha bisogno di respirare ma la bevibilità fa si che finisca troppo presto... colpa sua. Al sorso è praticamente un Muscadet. Sembra una base spumante ma con un suo bel equilibrio.

Sancerre L'authentique 2011 - Thomas Labaille. Pensavo di trovarlo un po' più maturo, invece sfodera ancora un profilo giovanile, il cote vegetale è leggero, agrumato, fresco e fragrante. Ottimo base direi.

Collio Sauvignon 2018 - Schiopetto. Sempre ben fatto, anche se me lo ricordavo un pelo meglio, declina il vegetale su anice e finocchietto, l'agrume è più maturo del Sancerre precedente, c'è anche più corpo ma resta decisamente su tensione e freschezza, un po' corto.

MSR Eitelsbacher Karthäuserhofberg Riesling Spatlese Trocken 2008 - Karthäuserhof. Un trocken di grande equilibrio, dove forse qualche piccolo grammo residuo è rimasto ed ha aiutato, l'agrume è bello maturo, il cherosene in disparte, per un naso piuttosto tenue. Non me lo aspettavo così "timido".
"Il successo di tavernello invita a riflettere"
(Anonimo, bomboletta spray su muro)

"Il vino non lo scegli... è lui che sceglie te"
markov
Messaggi: 249
Iscritto il: 16 ott 2009 00:34
Località: Padova

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO 2021

Messaggioda markov » 19 gen 2021 21:59

Luigi Maffini Kratos 2018
Naso intenso su note di fiori e frutta gialla, seguono agrumi e erbe aromatiche.
Palato equilibrato e sapido, molto sapido. Chiude con una piacevolissima nota di mandorla dolce.

Giuseppe Cortese Barbaresco Rabajà 2013
Naso raffinato che esordisce con note primarie di violetta e rosa. Segue ciliegia sotto spirito, cuoio, pellame, tabacco, agrume, liquirizia.
Al palato tannino imponente, buona acidità, molto consistente nel senso che si mastica, persistenza infinita.
Piaciuto molto.
giodiui
Messaggi: 406
Iscritto il: 14 set 2018 10:30
Località: Romagna

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO 2021

Messaggioda giodiui » 20 gen 2021 20:26

Eric Morgat Fidès 2013. Uno chenin blanc come piacciono a me. Si apre su note di pietra focaia e pirite intense e complesse a cui seguono profili agrumati dove domina il limone ma senza eccessi citrici. E’ intenso al naso e persistente in bocca, ma con una verticalità netta e tagliente. Gli manca forse un po’ di materia, ma l’annata non è delle migliori. Da retroetichetta sono state prodotte circa 12.500 bottiglie su 5 ettari. Piaciuto.
zarlingo
Messaggi: 196
Iscritto il: 22 mar 2015 17:45

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO 2021

Messaggioda zarlingo » 21 gen 2021 12:12

Brunello Col d'orcia 2002 - non ne avevo sentito parlare benissimo di quest'annata, e, in effetti, non è stata una bevuta esaltante, ma nemmeno di buttar via.
Il frutto c'è, come anche il tannino leggermente pungente, ma il tutto appare un pò sotto tono, manca sia potenza che finezza...
steeve6
Messaggi: 98
Iscritto il: 05 ott 2018 15:17

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO 2021

Messaggioda steeve6 » 21 gen 2021 19:02

(nell' attesa che riconsegnino la macchina dopo la revisione della revisione :evil: :evil: , qualche riflessione sulle bevute degli ultimi mesi )

incuriosito dalle parole di vinogodi (che a quanto ho capito un paio di bottigle le conosce :D ) e vivendo per lavoro a 5 km dalla stessa, faccio un giro in compagnia della consorte alla scoperta di "Azienda Agricola Cascinotta di Rizzolo" , realtà della val nure (non dovrebbe essere ancora val chero) che non conoscevo.
Devo dire che son rimasto assolutamente soddisfatto sia della visita che dei vini comprati (forse uno non era all'altezza, ma su 4 direi che la media non è male).
per rompere il ghiaccio visto il periodo, durante la visita , quello che credo sia uno (o il) vignaiolo, ci spiega un la filosofia dell'azienda e i vini proposti.
Si continua con un paio di assaggi tra cui il macerato Cascinotta 2017 che si distingue per una piacevole nota di miete e caramello al naso e una leggera astringenza in bocca, immagino dovuta alla macerazione , accompagnata da un pelo di ruggine (se si può dire) , : un vino non "da tutti i giorni" , ma che ha fatto ricredere alcuni parenti non amanti del genere (unica pecca, il difficile abbinamento, ma comunque bel vino apprezzato sia da me che da consorte).
Si prosegue con Fauniano 2016, dolcetto di "altura<", nel senso che i vigneti, se non ricordo male, sorgono su colline poste a 500 metri nella zona del bobbiese. che dire, all'impatto del naso si riconoscono i frutti di bosco nella loro quasi totalità e credo proprio che il motivo di questa espressività sia di imputare (e ben venga) alle condizioni climatiche in cui sono fatte crescere le uve. Bella freschezza supportata da un frutto in evidenza. dopo l assaggio convincente, comprate due bottiglie e bevute dopo un mesetto, purtroppo la freschezza era svanita e il vino era scollinato. non so se bottiglia fortunata la prima o sfigate la seconde, ma rimane il vino che mi ha convinto meno.
non degustate, ma comprate :

Sammartino 2015 : assemblaggio di ortrugo, malvasia e sauvignon. gran bel vino! i descrittori li ho persi negli appunti, ma quello che mi è rimasto, e che ricordo benissimo, è la sensazione di vendemmia in bocca, di acino di malvasia schiacciato, del quale rimane poca polpa attaccata alla buccia. questo aspetto mi ha stregato, forse perchè mi ricorda di quando, da bambino ogni 5 grappoli che raccoglievo, 3 finivano nella pancia. :P

Dongardo 2014 : gutturnio ben fatto, buona bevibilità senza aspettarsi fuochi d'artificio.


Cà marcanda - Gaja 2004 : bottiglia di un lotto che mi aveva riservato qualche brutta sorpresa. questa invece è integra. Terziarizzazione avanzata, un bel vino in generale, ma per il prezzo sinceramente avrei voluto qualcosa di più. Pesantuccio e con poco sprint.

Agrapart - Mineral 2012 : antipasto di crudo di pesce di un ristorante stellato della zona (Nido del Picchio) e questo champagne spettacolare per iniziare il cenone (se si può definire così visto che eravamo in casa e in due) di Capodanno. MAMMA MIA! Per onestà intellettuale, ammetto che è il primo champagne che bevo di una certa fascia di prezzo, quindi forse ho una scala di valore non proprio completa, però mi ha emozionato (potrebbe anche essere come la prima volta in cui fumi erba --> non riderai mai più così di gusto con i "cannoni" successivi :D :D ). pasticceria come se ci non fosse domani, acidità che lo tiene "verticàl", note di burro e molto probabilmente tanto altro che non ho associato a gusti conosciuti nell'eccitazione del momento (e per mancanza di competenza/esperienza). Gran bevuta e gran crudo di pesce.

Amiot - Servelle - Chambolle-Musigny 2009 1er cru Les Charmes innanzitutto grazie ad alì65 per la conservazione ottimale. E a pari merito direi un grazie anche al produttore. Mai bevuto un vino così mobile, sia al naso che nel bicchiere. Parte con un bel frutto, sulla spezia e con una buona acidità. poi nel bicchiere si cheta diventando seta, fino ad arrivare cuoio, ammaliando i sensi (e il filetto di maialino miele e senape).

Louis Roederer - Brut Premier bevutina. con la pizza sta da dio. agrumato a bestia, poca complessità. la bottiglia finisce si alla svelta, ma le emozioni (e i pensieri "fantastici")sono altrove.

commenti da (quasi)neofita, quindi se ho scritto baggianate, bastonate pure. :D :D son qui apposta!

non per farmi bastonare, ma per imparare
Avatar utente
gianni femminella
Messaggi: 2878
Iscritto il: 26 nov 2010 14:43
Località: Castiglione della Pescaia - Finale Emilia

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO 2021

Messaggioda gianni femminella » 22 gen 2021 17:33

Visita presso il cotto Manetti all'Impruneta. Producono cotto tradizionale, inclusi magnifici orci che forniscono alle aziende vinicole. Il nesso è che la stessa famiglia Manetti è proprietaria di Fontodi.
A pranzo siamo stati invitati in un posto caratteristico, La Padellina, il cui proprietario sembra sappia a memoria la Divina commedia. Insieme a una stupenda fiorentina ci hanno servito un chianti classico 2017 ovviamente di Fontodi.
Quindi per il mio ormai ex amico Giuliano :mrgreen: spendo due parole su questo stupendo sangiovese, che non sarà tra quelli che fanno emozionare o che regalano descrittori insoliti, ma che si offre in tutta la sua generosità solare, con un bel corredo di spezie e un equilibrio e una pulizia esemplare.
Nexus1990
Messaggi: 841
Iscritto il: 23 feb 2019 23:33

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO 2021

Messaggioda Nexus1990 » 22 gen 2021 18:21

Ludi ha scritto:
gianni femminella ha scritto:
Ludi ha scritto:[b]Castello di Volpaia, Chianti Classico Gran Selezione Coltassala 2013[/b]: penso fossero cinque-sei anni che non bevevo un CC.


E pensare che ti stimavo.
Addio.


ahahahah!
Hai ragione....tipologia che ho ingiustamente trascurato. A onor del vero - e qui perderò definitivamente la tua stima - ultimamente mi sono dedicato poco al Sangiovese, se eccettuiamo qualche Brunello. Ti prometto che recupererò.

Shame on You!
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 9459
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO 2021

Messaggioda zampaflex » 22 gen 2021 19:16

Brezza - Barolo Sarmassa 2010

Annata ancora ingrugnita, il vino ci mette mezza giornata a dare qualche soddisfazione, ma sono solo di sostanza (tanta e solida) piuttosto che di forma, visto che all'olfatto risulta ancora ingarbugliato e poco definito, in generale poco presente. PS: dopo un paio di giorni emerge potente in retrolfazione una bella vena balsamica che promette bene. Alzo la valutazione.
:D :D :D :) +
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
piergi
Messaggi: 2440
Iscritto il: 06 giu 2007 13:41
Località: corigliano calabro
Contatta:

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO 2021

Messaggioda piergi » 23 gen 2021 00:31

Lacryma Christi bianco lavaflava 2017- Bosco de Medici
Naso mineral-vulcanico, col tempo si assesta su note di buccia di mandarino e fiori gialli, senza perdere l'allure sulfurea. Bella corrispondenza al palato, pietra focaia, agrume dolce (arancia navel) e tanto sale sul finale.

NB
Per Gianni Femminella
Oltre a caprettone ci sta una robusta percentuale di falanghina!
Strane luci di pioggia...splende il sole,fa' bel tempo...nell'era democratica.

http://igolosotopi.blogspot.com
http://timpadeilupi.blogspot.com/
http://www.timpadeilupi.it
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 14155
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO 2021

Messaggioda Alberto » 23 gen 2021 08:15

landmax ha scritto:
Luca castoldi ha scritto:
landmax ha scritto:
Luca castoldi ha scritto:Bardolino Le Fraghe. 2019
Ero a fare un po' di casino nel magazzino, quello lontano da casa, vicino a Serre di Rapolano (siena). Non che abbia fatto un gran lavoro, era più una scusa per girare ma poi è venuta fame. Sono andato in un posto dove la signora sta in cucina e la figlia in sala ( chiamato " lo zozzo", boh) Patate fritte da paura , il pollo farcito un po' salato, la polpetta meravigliosa me il Bardolino li ha accompagnati con successo, anche nel prezzo. Buonissimo, pimpante e succoso, di poco impegno ma di piacevole freschezza. Lo metterò nel listino prima o poi, mi fa allegria e il vino è fatto bene. Molto bene, non so nemmeno quanto costi ma sospetto molto poco visto il conto molto amichevole. A spendere tanto sono bravissimo ma ogni tanto ho dei lampi di genio.
Ciao Luca, Le Fraghe fanno un Bardolino ottimo e ancor più buono è il loro cru "Brol Grande", un piccolo Volnay (absit iniuria verbis).

ora chiedo a Silvia, la mia ex socia che lo ha in listino Italia il Bardolino e chiedo di questo Volnay di noialtri :D . E cmq ho visto il listino e costa una sega, 6.70 mi pare il Bardolino basino. se mi dici che brol grande è buono, ne ordino un po'. Mi fai curioso
A me piacciono entrambi, ma il Brol Grande ha indubbiamente più complessità (costa anche un po' di più, ma comunque poco).

Ma scusate a proposito de Le Fraghe e della brava Matilde Poggi...qualcuno ha avuto modo di sentire recentemente il mitico Quaiare, O Sassicaia do Norte del Forum di una quindicina di anni fa? :lol:
Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De André
Avatar utente
gianni femminella
Messaggi: 2878
Iscritto il: 26 nov 2010 14:43
Località: Castiglione della Pescaia - Finale Emilia

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO 2021

Messaggioda gianni femminella » 24 gen 2021 13:20

piergi ha scritto:Lacryma Christi bianco lavaflava 2017- Bosco de Medici
Naso mineral-vulcanico, col tempo si assesta su note di buccia di mandarino e fiori gialli, senza perdere l'allure sulfurea. Bella corrispondenza al palato, pietra focaia, agrume dolce (arancia navel) e tanto sale sul finale.

NB
Per Gianni Femminella
Oltre a caprettone ci sta una robusta percentuale di falanghina!


A me piace anche il caprettone, pensa un po' 8)
Avatar utente
gianni femminella
Messaggi: 2878
Iscritto il: 26 nov 2010 14:43
Località: Castiglione della Pescaia - Finale Emilia

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO 2021

Messaggioda gianni femminella » 24 gen 2021 13:28

Per rimanere in tema
Aperitivo con una falanghina Colle imperatrice 2019 Astroni, una macedonia di frutta sovrastata dall'agrume e da un tocco di ginestra. Freschissima, beverina e con il marchio dei campi Flegrei, che mi ricorda un po' certi bianchi di Santorini, ma in versione più semplice (almeno in questo caso).
Dovrò presto assaggiare anche le loro etichette superiori.
piergi
Messaggi: 2440
Iscritto il: 06 giu 2007 13:41
Località: corigliano calabro
Contatta:

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO 2021

Messaggioda piergi » 24 gen 2021 13:32

Langhe nebbiolo 2018- Ruggeri Corsini
Colore nebbiolescamente didascalico, naso di fiori secchi e arancia navel. Gastronomico con belle note di ciliegia matura, pesca, mentuccia.

Ventinovemaggio 2016- Nolurè
Aglianico di ispirazione naturale ma con giudizio. Bel naso di frutta rossa sotto spirito e cenere. In bocca il tannino è abbastanza scalpitante ma non disturba, tanta arancia rossa e cioccolata fondente, chiusura lunga.
Strane luci di pioggia...splende il sole,fa' bel tempo...nell'era democratica.

http://igolosotopi.blogspot.com
http://timpadeilupi.blogspot.com/
http://www.timpadeilupi.it
Luca castoldi
Messaggi: 392
Iscritto il: 26 ott 2015 13:30
Località: Montepulciano

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO 2021

Messaggioda Luca castoldi » 24 gen 2021 13:42

Alberto ha scritto:
landmax ha scritto:
Luca castoldi ha scritto:
landmax ha scritto:
Luca castoldi ha scritto:Bardolino Le Fraghe. 2019
Ero a fare un po' di casino nel magazzino, quello lontano da casa, vicino a Serre di Rapolano (siena). Non che abbia fatto un gran lavoro, era più una scusa per girare ma poi è venuta fame. Sono andato in un posto dove la signora sta in cucina e la figlia in sala ( chiamato " lo zozzo", boh) Patate fritte da paura , il pollo farcito un po' salato, la polpetta meravigliosa me il Bardolino li ha accompagnati con successo, anche nel prezzo. Buonissimo, pimpante e succoso, di poco impegno ma di piacevole freschezza. Lo metterò nel listino prima o poi, mi fa allegria e il vino è fatto bene. Molto bene, non so nemmeno quanto costi ma sospetto molto poco visto il conto molto amichevole. A spendere tanto sono bravissimo ma ogni tanto ho dei lampi di genio.
Ciao Luca, Le Fraghe fanno un Bardolino ottimo e ancor più buono è il loro cru "Brol Grande", un piccolo Volnay (absit iniuria verbis).

ora chiedo a Silvia, la mia ex socia che lo ha in listino Italia il Bardolino e chiedo di questo Volnay di noialtri :D . E cmq ho visto il listino e costa una sega, 6.70 mi pare il Bardolino basino. se mi dici che brol grande è buono, ne ordino un po'. Mi fai curioso
A me piacciono entrambi, ma il Brol Grande ha indubbiamente più complessità (costa anche un po' di più, ma comunque poco).

Ma scusate a proposito de Le Fraghe e della brava Matilde Poggi...qualcuno ha avuto modo di sentire recentemente il mitico Quaiare, O Sassicaia do Norte del Forum di una quindicina di anni fa? :lol:
appena faccio l'ordine dal momento che inserisco l'azienda in Listino, ne faccio arrivare qualche boccia e lo si prova. Mai bevuto personalmente.
Il corriere passa per solito il martedì e venerdì, spedisco appena ricevo i pagamenti e da molti anche prima. Insomma appena posso.
Luca castoldi
Messaggi: 392
Iscritto il: 26 ott 2015 13:30
Località: Montepulciano

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO 2021

Messaggioda Luca castoldi » 24 gen 2021 16:57

Perdonate la curiosità, mi appoggio a questa sezione non trovando quella originale ma la vicenda Sig Pezzi/Sig Zangrillo come procede? Non trovo aggiornamenti e non nascondo una certa inquietudine. Grazie.

Nebbiolo 2018 e barolo 2016 di Cascina sot in Monforte, sono per me squisiti, ne ho bevuto la campionatura in settimana e non vedo l'ora di bussare alla porta appena sarà possibile. Vini di splendido equilibrio entrambi, non eccedono in estrazioni, consistenti più che potenti per via una bella qualità delle uve. Tattile perfetta. La qualità del tannino restituisce al vino una bella trama, elegante. Limpidi e genuini. Naso tipico. Buono.
Il corriere passa per solito il martedì e venerdì, spedisco appena ricevo i pagamenti e da molti anche prima. Insomma appena posso.
Avatar utente
Ludi
Messaggi: 3222
Iscritto il: 22 lug 2008 10:02
Località: Roma

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO 2021

Messaggioda Ludi » 24 gen 2021 19:33

Domaine Weinbach, Riesling Schlossberg S.te Catherine L'Inedit! 2012: che dire di fronte ad un vino che sfiora la perfezione? Ha il meglio della Mosella (leggero ed equilibrato residuo zuccherino), il meglio della Nahe (mineralità rigorosa), il meglio dell'Alsazia (corpo, spessore). Da rivisitare con gioia tra 10 anni.
Domaine de la Butte, Le Haut de la Butte 2008: sta vivendo una seconda giovinezza, fatta di una speziatura pepata molto rodaniana, di un frutto nitido, di una eleganza senza tempo. Piaciuto tanto.
Vignamaggio, Cabernet Franc 2008: molta macchia mediterranea (specie lavanda) e note balsamiche. Ma dopo due bicchieri ci si torna su solo per accademia, non per gioia. Costa il doppio del Bourgueil. Sufficit.
Guccione, Perricone P 2014: produttore che a volte mi ha regalato bevute indimenticabili, a volte perplessità sul movimento dei naturali. Stavolta, però, non posso dire nulla: l'integrità del frutto, l'equilibrio in bocca, la scioltezza di beva, l'assenza di difetti mi stampano il sorriso sulla bocca. Mi ha ricordato alcuni naturali còrsi (Clos Canarelli in particolare). Gran bel vino.
giodiui
Messaggi: 406
Iscritto il: 14 set 2018 10:30
Località: Romagna

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO 2021

Messaggioda giodiui » 24 gen 2021 21:04

Luca castoldi ha scritto:Perdonate la curiosità, mi appoggio a questa sezione non trovando quella originale ma la vicenda Sig Pezzi/Sig Zangrillo come procede? Non trovo aggiornamenti e non nascondo una certa inquietudine. Grazie.


Confesso di non essere stato un assiduo frequentatore di quel thread e di non essere in ansia per le nuove puntate, ma Luca ha ragione: il thread è letteralmente scomparso dal forum!!! Divorato dal Gambero Rosso? Rimosso dalla CIA? Azzerato da Titanium per violazione delle sacre regole del forum? Colpa dei poteri forti?
Gomblottoooo!!! :shock: :shock: :shock:
Avatar utente
Tex Willer
Messaggi: 7895
Iscritto il: 18 mag 2008 17:52

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO 2021

Messaggioda Tex Willer » 24 gen 2021 21:38

giodiui ha scritto:
Luca castoldi ha scritto:Perdonate la curiosità, mi appoggio a questa sezione non trovando quella originale ma la vicenda Sig Pezzi/Sig Zangrillo come procede? Non trovo aggiornamenti e non nascondo una certa inquietudine. Grazie.


Confesso di non essere stato un assiduo frequentatore di quel thread e di non essere in ansia per le nuove puntate, ma Luca ha ragione: il thread è letteralmente scomparso dal forum!!! Divorato dal Gambero Rosso? Rimosso dalla CIA? Azzerato da Titanium per violazione delle sacre regole del forum? Colpa dei poteri forti?
Gomblottoooo!!! :shock: :shock: :shock:

Il thread ha deciso di scomparire per timore che il Sig. Pezza adisse le vie legali contro di lui.
Ad oggi tutti gli interventi su qualunque thread di qualsiasi forum sono inviati ai legali del gruppo Extrawine per verificare la presenza di estremi passibili di azioni penali e civili.
Anche maxer appare piu'cauto del solito,pur confidando nella lentezza del sistema giudiziario italiano.
Se qualcosa è gratis, il prodotto sei tu
Luca castoldi
Messaggi: 392
Iscritto il: 26 ott 2015 13:30
Località: Montepulciano

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO 2021

Messaggioda Luca castoldi » 24 gen 2021 22:08

Ci sta che la chiusura del fine settimana dei tribunali abbia contribuito a mettere in secondo piano questa imprescindibile querelle, ma ormai mi ero abituato a seguire la cosa e ,ammetto, mi manca un po' la terra sotto i piedi, come se mi togliessero un nebbiolo o un pinot. Ridatemi Pezzi vs Zangrillo se potete. Interceda con Titanium, chi ne ha autorità. Io rivoglio il signor Pezzi e Zangrillo.
Il corriere passa per solito il martedì e venerdì, spedisco appena ricevo i pagamenti e da molti anche prima. Insomma appena posso.
Messner
Messaggi: 1117
Iscritto il: 05 lug 2017 12:05
Località: Mantova

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO 2021

Messaggioda Messner » 25 gen 2021 23:42

Chianti Classico Val Delle Corti Riserva 2016: :D :D :D :)
Marasca, cedro, pepe, vaniglia, cuoio, chiodi di garofano. Tannino fitto all'inverosimile, colpisce ma poi ti accarezza facendosi perdonare per il gesto. Persistenza veramente interessante con una buona morbidezza glicerica. Acidità e sapidità che invogliano la beva. Probabilmente una delle migliori uscite di sempre per il produttore. Ripassare tra 5-8 anni

Sassella Riserva Rocce Rosse 2007 :D :D :D :D
Frutta rossa candita, arancia, rosa appassita, ruggine, camino spento. Tannino addomesticato, presente ma completamente integrato. Acidità ancora importante, leggero ma non esile, come si confà ad un Sassella. Finale lungo.
Non si è mosso di una virgola da 3 anni fa, ultima bevuta sulla 2007. Sul plateau, da bere o conservare un altro paio di lustri
Luca castoldi
Messaggi: 392
Iscritto il: 26 ott 2015 13:30
Località: Montepulciano

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO 2021

Messaggioda Luca castoldi » 26 gen 2021 17:24

Dopo aver spallettato tutto, morivo dalla curiosità di bere i due vini presi al buio da 2 produttori che però conosco bene , con cui lavoro da anni.

Christian Bergeret et fille ( Clothilde), Bourgogne Chardonnay 2018. Si presenta vestito di un giallo diafano dai riflessi verdi accesi. Tipico di uno chardonnay giovane e di bell'auspicio. La mano sui legni quasi impercettibile, meglio così che coi bianchi borgognoni di fascia entry level faccio presto ad innervosirmi. Un bel profumo di anice fresco e finocchio appena accennati, mela verde e scorsa di agrume delicata. il sorso è illegale, ricco, con un finale sapido e netto. Mi ha così intrigato che ne ho aperta immediatamente un'altra appena arrivato a casa. Non mi ricordo chi lo ha messo nel groupage ma ci confronteremo volentieri.

Pavelot Luc et lise, Bourgogne 2019. Un pinot tipico della cdb,che non ha tradito le mie attese. Declinato al femminile ma di bella personalità, rubino vinoso e luminoso, dai bei profumi di arancia e frutti di bosco Qualche bella nota vegetale conferita dal gamay, carciofo e foglie di qualche pianta, ci sta anche mediterranea, succoso e di beva spigliata. Un leggero finale con note amare che lo rendono decisamente piacevole e non convenzionale. Spero non deluderà chi lo ho acquistato al buio con me.
Magari ho preso un abbaglio ma le due bocce sono evaporate sul tavolo in un amen, complice forse la bella giornata di sole e la consueta sete. cmq mi sono piaciute.
Il corriere passa per solito il martedì e venerdì, spedisco appena ricevo i pagamenti e da molti anche prima. Insomma appena posso.
Luca castoldi
Messaggi: 392
Iscritto il: 26 ott 2015 13:30
Località: Montepulciano

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO 2021

Messaggioda Luca castoldi » 26 gen 2021 22:59

Devo obtorto collo fare riferimento ai vini bevuti in giornata, che sono miei produttori, non potendo troppo girare a assagiare qua e là altri produttori. Non è facile,

Ho bevuto appena arrivato Sirugue 2018 Pinot noir, ed ho così ripensato al suo 2017, che ben conosco. Rassicurante come i due vini siano così diversi, frutto di due millesimi così differenti.
La 18 ci riporta ad un millesimo "italiano", di bella concentrazione e maturità. Le vigne sono situate nelle piane di Chambolle, Vougeot e Vosne. La 17 elegante . Io credo che la 18 darà buone soddisfazioni
Il frutto è di bella integrità. Lo stile è Vosne.

Jenniard 2018 Bourgogne pn. Qui ci avviciniamo più a Nuits Saint George,, zona Corgoloin/ Comblanchein, vini certamente meno eterei ma di bella digestività, tipico di Nuits. Il rubino qui si fa più scuro e denso, il vino più terragno. Corroborante e digestivo come da tradizione per Nuits. Tannino più fitto , duro fino al suo definitivo integramento. Lo stile è Morey. " non faccio vini per signorine e novizi". Beh, io voglio bene ad Alain, per un milione di motivi. Da sempre in Via dei lupi a Morey Saint Denis. Nomen omen.
Jeanniard va sempre un po aspettato.
L
Il corriere passa per solito il martedì e venerdì, spedisco appena ricevo i pagamenti e da molti anche prima. Insomma appena posso.

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Alberto, artchef, Bart, brontosauro, ckholn, connis, elephant, Enoteca, ioenontu, M.Sangiorgi, MarcelloR, Ronniejut, win_67 e 1 ospite