LE BEVUTE DI DICEMBRE 2020

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
fabrizio leone
Messaggi: 963
Iscritto il: 06 giu 2012 15:00
Località: san Colombano al lambro ( MI )

Re: LE BEVUTE DI DICEMBRE 2020

Messaggioda fabrizio leone » 25 dic 2020 18:50

BARBERA D'ASTI SUPERIORE ODDERO 2012

che bel vino. che bella barbera. in splendida forma, naso intenso, sentori di frutti rossi maturi
la bocca è armoniosa ed austera. in vino che conquista la tavola, in punta di piedi. un poco alla volta

un bel vino italiano che non indietreggia davanti alle portate più saporite e complesse

Buon natale !!!
Avatar utente
Ludi
Messaggi: 3222
Iscritto il: 22 lug 2008 10:02
Località: Roma

Re: LE BEVUTE DI DICEMBRE 2020

Messaggioda Ludi » 25 dic 2020 19:58

Pranzo di Natale...
Pecorino sardo fresco con
De Bartoli, Terza Via VS sb. 2019: che direi del Terza Via VS? Difficile anche classificarlo come spumante, perchè la "contaminazione" del Vecchi Samperi è evidente e dà al vino una nota di mandorla e mallo di noce difficile da dimenticare. Freschissimo, con qualche cenno di volatile, e salato nel finale. Spiazzante, ma per me molto buono.
Shepherd's Pie con:
Quintarelli, Amarone 2003: bottiglia in forma smagliante, e incredibilmente buona. Come sempre, l'eleganza predomina nettamente sulla potenza alcolica, e la mobilità del naso è assolutamente stupefacente. Un vino su cui siamo tornati e ritornati per circa un'ora, scoprendo sempre qualcosa di nuovo.
Panettone artigianale alla crema di pistacchio con
De Bartoli, Marsala Riserva 1987: c'è il Marsala, e c'è De Bartoli. Punto. Nulla da invidiare, per me, ad un grande fortificato spagnolo o portoghese, con le note di cera per mobili, propoli, incenso ma anche un terrritoriale cappero. Fantastico.
Ultima modifica di Ludi il 26 dic 2020 08:55, modificato 1 volta in totale.
littlewood
Messaggi: 2379
Iscritto il: 04 mag 2010 10:32
Località: Valpollicella

Re: LE BEVUTE DI DICEMBRE 2020

Messaggioda littlewood » 25 dic 2020 21:17

Ludi ha scritto:Pranzo di Natale...
Pecorino sardo fresco con
De Bartoli, Terza Via VS sb. 2019: che direi del Terza Via VS? Difficile anche classificarlo come spumante, perchè la "contaminazione" del Vecchi Samperi è evidente e dà al vino una nota di mandorla e mallo di noce difficile da dimenticare. Freschissimo, con qualche cenno di volatile, e salato nel finale. Spiazzante, ma per me molto buono.
Shepherd's Pie con:
Quintarelli, Amarone 2003: bottiglia in forma sbagliante, e incredibilmente buona. Come sempre, l'eleganza predomina nettamente sulla potenza alcolica, e la mobilità del naso è assolutamente stupefacente. Un vino su cui siamo tornati e ritornati per circa un'ora, scoprendo sempre qualcosa di nuovo.
Panettone artigianale alla crema di pistacchio con
De Bartoli, Marsala Riserva 1987: c'è il Marsala, e c'è De Bartoli. Punto. Nulla da invidiare, per me, ad un grande fortificato spagnolo o portoghese, con le note di cera per mobili, propoli, incenso ma anche un terrritoriale cappero. Fantastico.

Quintarelli 03...scusa Giuliano ma ci mancherebbe altro che nn fosse in gran forma! Son spaziali quelli degli anni 70' e 80'....
Messner
Messaggi: 1117
Iscritto il: 05 lug 2017 12:05
Località: Mantova

Re: LE BEVUTE DI DICEMBRE 2020

Messaggioda Messner » 26 dic 2020 01:01

Ludi ha scritto:Pranzo di Natale...
Pecorino sardo fresco con
[b]De Bartoli, Terza Via VS sb. 2019: che direi del Terza Via VS? Difficile anche classificarlo come spumante, perchè la "contaminazione" del Vecchi Samperi è evidente e dà al vino una nota di mandorla e mallo di noce difficile da dimenticare. Freschissimo, con qualche cenno di volatile, e salato nel finale. Spiazzante, ma per me molto buono.
Shepherd's Pie con:[/b]
Quintarelli, Amarone 2003: bottiglia in forma sbagliante, e incredibilmente buona. Come sempre, l'eleganza predomina nettamente sulla potenza alcolica, e la mobilità del naso è assolutamente stupefacente. Un vino su cui siamo tornati e ritornati per circa un'ora, scoprendo sempre qualcosa di nuovo.
Panettone artigianale alla crema di pistacchio con
De Bartoli, Marsala Riserva 1987: c'è il Marsala, e c'è De Bartoli. Punto. Nulla da invidiare, per me, ad un grande fortificato spagnolo o portoghese, con le note di cera per mobili, propoli, incenso ma anche un terrritoriale cappero. Fantastico.


Bevuto per la vigilia, stessa sboccatura (base 2017)
Zabaione, miele, cappero, noce, mandorla; diciamo che i descrittori non mancano. Un unicum nel panorama degli spumanti, decisamente atipico e particolare, ben fatto a mio avviso, l'ho apprezzato parecchio. Ogni tanto fa bene bere qualcosa di non convenzionale, soprattutto se il risultato è questo :wink:
Avatar utente
Ludi
Messaggi: 3222
Iscritto il: 22 lug 2008 10:02
Località: Roma

Re: LE BEVUTE DI DICEMBRE 2020

Messaggioda Ludi » 26 dic 2020 08:56

littlewood ha scritto:Quintarelli 03...scusa Giuliano ma ci mancherebbe altro che nn fosse in gran forma! Son spaziali quelli degli anni 70' e 80'....


infatti Franco....avevo solo qualche dubbio di una certa carenza in freschezza vista l'annata....ma era perfetto anche sotto quel punto di vista.
Avatar utente
Ludi
Messaggi: 3222
Iscritto il: 22 lug 2008 10:02
Località: Roma

Re: LE BEVUTE DI DICEMBRE 2020

Messaggioda Ludi » 26 dic 2020 08:57

Messner ha scritto:Zabaione, miele, cappero, noce, mandorla; diciamo che i descrittori non mancano. Un unicum nel panorama degli spumanti, decisamente atipico e particolare, ben fatto a mio avviso, l'ho apprezzato parecchio. Ogni tanto fa bene bere qualcosa di non convenzionale, soprattutto se il risultato è questo :wink:


zabajone descrittore perfetto....
littlewood
Messaggi: 2379
Iscritto il: 04 mag 2010 10:32
Località: Valpollicella

Re: LE BEVUTE DI DICEMBRE 2020

Messaggioda littlewood » 26 dic 2020 09:00

Ludi ha scritto:
littlewood ha scritto:Quintarelli 03...scusa Giuliano ma ci mancherebbe altro che nn fosse in gran forma! Son spaziali quelli degli anni 70' e 80'....


infatti Franco....avevo solo qualche dubbio di una certa carenza in freschezza vista l'annata....ma era perfetto anche sotto quel punto di vista.

No in quell' annata chi ha lavorato bene ha tirato fuori delle gran robe. Penso anche alla mattonara 03 di Zyme' una delle migliori versioni. E pure il nostro recioto versione nn ancora superata
GabrieleB.
Messaggi: 1038
Iscritto il: 02 lug 2012 14:57

Re: LE BEVUTE DI DICEMBRE 2020

Messaggioda GabrieleB. » 26 dic 2020 09:36

Champagne Benoit Lahaye Brut Nature
Champagne Benoit Lahaye Brut Nature GC 90% PN, 10 % Ch. Sboccatura 10 /2016. Buccia di cipolla, carbonica esuberante all'apertura, dieci minuti per prendere un po' d'aria e via...Bottiglia freschissima, senza compromessi, dritta e lineare sia al naso che in bocca. Olfatto che gira su note eleganti e classiche di PN, ribes e lampone, mela, susina, nocciola e mandorla sgusciata, sale. La bocca ha una bollicina cremosa e di una eleganza cesellata, l'assenza di dosaggio lo rende senza filtro, pulizia, salinità e frutto quasi acerbo. Bevibilita' estrema, grande champagne.

Meursault Charmes 1er Cru Domaine François Jobard 2004
Oro lucente, ha bisogno di un'oretta per risevegliarsi al naso, ma quando inizia ad aprirsi è uno spettacolo:polvere pirica, caffè, burro salato, limone fresco, liquirizia. Complesso e stratificato. La bocca si concede prima, ha una tensione con una densità da manuale senza essere pesante, caramello salato, caffè, agrume, burro, ritroviamo tutto. Freschezza, pulizia di sorso, più spostato sulle sensazioni di agrume, sale e caffè che su grassezze burrose, ci sono ma perfettamente integrate. Finale con una persistenza lunghissima. Grandissima bottiglia, un ovvio plauso a Claudio Alì per la conservazione strepitosa.

Champagne Moet et Chandon Grand Vintage 2002
5.5 g/lt. Circa il 50% Chardonnay e il restante equamente diviso tra PN e PM. Giallo oro intenso, perlage fine e continuo. Naso complesso, mela, susina, pesca bianca, frutta secca, frolla e agrume, caffè in polvere. Bocca freschissima, cremosa, equilibrata tra frutto e agrume, grande eleganza e pulizia. Bottiglia che inizia ad avere bei segni di maturità ma lontana dall'apice. Bella bevuta.
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 14155
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: LE BEVUTE DI DICEMBRE 2020

Messaggioda Alberto » 26 dic 2020 13:43

littlewood ha scritto:
Ludi ha scritto:Quintarelli, Amarone 2003: bottiglia in forma sbagliante, e incredibilmente buona. Come sempre, l'eleganza predomina nettamente sulla potenza alcolica, e la mobilità del naso è assolutamente stupefacente. Un vino su cui siamo tornati e ritornati per circa un'ora, scoprendo sempre qualcosa di nuovo.

Eh no Franco, scusa, Giuliano ha scritto in forma SBAGLIANTE, quindi qualsiasi cosa voglia dire mi fido. :lol:
Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De André
Avatar utente
Nightfall
Messaggi: 153
Iscritto il: 01 ago 2016 21:55

Re: LE BEVUTE DI DICEMBRE 2020

Messaggioda Nightfall » 26 dic 2020 19:23

Clape Cornas 2003

Inizialmente molto compresso al naso, si apre dopo qualche ora e rivela bellissime note di mora, oliva nera, liquirizia, carne ed un leggero sentore animale sullo sfondo. A dispetto dell’annata molto calda in bocca è fresco ed energico, l’acidità è ben presente e si integra alla perfezione con un tannino leggero ed elegante, e crea un bellissimo equilibrio con una struttura molto importante.
Molto persistente sul finale, piaciuto moltissimo.
Alcuni non diventano mai folli. I loro vini devono essere proprio noiosi.
Guido_88
Messaggi: 103
Iscritto il: 25 nov 2020 08:56

Re: LE BEVUTE DI DICEMBRE 2020

Messaggioda Guido_88 » 27 dic 2020 02:33

Valpolicella Ripasso Domini Veneti 2018

Bella bevuta, accompagnata ad una lasagna ed a carne mista ha retto benissimo scendendo alla grande. Vino pronto a mio avviso
Avatar utente
Ludi
Messaggi: 3222
Iscritto il: 22 lug 2008 10:02
Località: Roma

Re: LE BEVUTE DI DICEMBRE 2020

Messaggioda Ludi » 27 dic 2020 09:01

Alberto ha scritto:
littlewood ha scritto:
Ludi ha scritto:Quintarelli, Amarone 2003: bottiglia in forma sbagliante, e incredibilmente buona. Come sempre, l'eleganza predomina nettamente sulla potenza alcolica, e la mobilità del naso è assolutamente stupefacente. Un vino su cui siamo tornati e ritornati per circa un'ora, scoprendo sempre qualcosa di nuovo.

Eh no Franco, scusa, Giuliano ha scritto in forma SBAGLIANTE, quindi qualsiasi cosa voglia dire mi fido. :lol:


ero raffreddado :mrgreen:
SommelierSardo
Messaggi: 1648
Iscritto il: 26 mar 2015 20:51
Località: Pisa

Re: LE BEVUTE DI DICEMBRE 2020

Messaggioda SommelierSardo » 27 dic 2020 09:23

Ludi ha scritto:
Alberto ha scritto:
littlewood ha scritto:
Ludi ha scritto:Quintarelli, Amarone 2003: bottiglia in forma sbagliante, e incredibilmente buona. Come sempre, l'eleganza predomina nettamente sulla potenza alcolica, e la mobilità del naso è assolutamente stupefacente. Un vino su cui siamo tornati e ritornati per circa un'ora, scoprendo sempre qualcosa di nuovo.

Eh no Franco, scusa, Giuliano ha scritto in forma SBAGLIANTE, quindi qualsiasi cosa voglia dire mi fido. :lol:


ero raffreddado :mrgreen:


Fai subito un tampone, non si sa mai...
ale1984
Messaggi: 537
Iscritto il: 10 gen 2018 15:40

Re: LE BEVUTE DI DICEMBRE 2020

Messaggioda ale1984 » 27 dic 2020 11:41

Elvio Cogno - Barolo Ravera Bricco Pernice 2010 vs Tortochot - Mazis Chambertin 2009

Bottiglie a posto, dopo un tappazzo malefico qualche mese fa su Cogno.

Naso: tanto riservato ed austero - ed inizialmente muto - il primo quanto pirotecnico il secondo. Il barolo è declinato sulla confettura di frutta rossa e nera, sul floreale di viola e lavanda, su leggeri toni speziati (un tocco di pepe?) e tostati (fondo di caffè?). Il pinot è gelatina di frutta, terra umida (funghi?), sbuffi balsamici (eucalipto? resina?) e qualche leggerissimo tono animale.

Bocca: il tannino del nebbiolo è più incazzato, ma per nulla ruvido, anzi è sferico, setoso. L'acidità, forse per l'annata del pinot, è paragonabile. Ottima la persistenza di entrambi, con richiami retronasali coerenti al naso e definiti (di un cicinin più a fuoco nel barolo).

Due gran belle bottiglie, ma la spunta il Bricco Pernice all'unanimità. (Arrosto di vitello ripieno bello carico + contorni vari)

Due bottigline d'aperitivo:
Renè-Henri Coutier - Champagne Grand Cru Brut Tradition, dosaggio generoso ma bolla cremosa e saporita, forse più da pasto che da aperitivo. 80% pn e 20% ch tutte da Ambonnay.
Laherte Freres - Blanc de blanc brut nature: sempre una bottiglia da grandi soddisfazioni, sopratutto con qualche tempo di riposo in vetro.
Avatar utente
supersonic76
Messaggi: 928
Iscritto il: 16 gen 2013 18:38
Località: Bologna

Re: LE BEVUTE DI DICEMBRE 2020

Messaggioda supersonic76 » 27 dic 2020 11:51

Barolo 2016 Marziano Abbona

Ha tutto.Eleganza, profondità, intensità.
Ma quello che ha dell'incredibile è la pefetta fusione di ogni suo componente.Mai bevuto un barolo così equilibrato all'uscita.
E la veemente spalla acida che accompagna il sorso fa presagire ulteriori progressioni, miglioramenti.
In una parola.Strepitoso.
Da comprarne a casse
Memento Audere Semper
Avatar utente
emigrato
Messaggi: 648
Iscritto il: 12 apr 2014 10:28
Località: Gdansk (Polonia)

Re: LE BEVUTE DI DICEMBRE 2020

Messaggioda emigrato » 27 dic 2020 13:24

supersonic76 ha scritto:Barolo 2016 Marziano Abbona

Ha tutto.Eleganza, profondità, intensità.
Ma quello che ha dell'incredibile è la pefetta fusione di ogni suo componente.Mai bevuto un barolo così equilibrato all'uscita.
E la veemente spalla acida che accompagna il sorso fa presagire ulteriori progressioni, miglioramenti.
In una parola.Strepitoso.
Da comprarne a casse

E' quello che Xtrawine da a € 25,47? sicuro che non ci sia un Serralunga da uve comprate da qualche parte? :lol:
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 9459
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: LE BEVUTE DI DICEMBRE 2020

Messaggioda zampaflex » 27 dic 2020 14:46

Ludi ha scritto:
Messner ha scritto:Zabaione, miele, cappero, noce, mandorla; diciamo che i descrittori non mancano. Un unicum nel panorama degli spumanti, decisamente atipico e particolare, ben fatto a mio avviso, l'ho apprezzato parecchio. Ogni tanto fa bene bere qualcosa di non convenzionale, soprattutto se il risultato è questo :wink:


zabajone descrittore perfetto....


Credo che possa risultare altrettanto spiazzante del Phineas di Arunda, che ha dell'assyrtiko nell'uvaggio. La vostra descrizione me lo ha ricordato.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 9459
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: LE BEVUTE DI DICEMBRE 2020

Messaggioda zampaflex » 27 dic 2020 14:51

Ludi ha scritto:Chateau Simone Blanc : Uno dei grandi bianchi di Francia, ed uno dei migliori rapporti q/p.

Condivido, specie quando raggiunge la maturità.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Avatar utente
supersonic76
Messaggi: 928
Iscritto il: 16 gen 2013 18:38
Località: Bologna

Re: LE BEVUTE DI DICEMBRE 2020

Messaggioda supersonic76 » 27 dic 2020 14:51

emigrato ha scritto:
supersonic76 ha scritto:Barolo 2016 Marziano Abbona

Ha tutto.Eleganza, profondità, intensità.
Ma quello che ha dell'incredibile è la pefetta fusione di ogni suo componente.Mai bevuto un barolo così equilibrato all'uscita.
E la veemente spalla acida che accompagna il sorso fa presagire ulteriori progressioni, miglioramenti.
In una parola.Strepitoso.
Da comprarne a casse

E' quello che Xtrawine da a € 25,47? sicuro che non ci sia un Serralunga da uve comprate da qualche parte? :lol:


Sì, è lui.
Dove compri le uve me ne sbatto i coglioni.
Squisito anche il giorno dopo, forse meglio.
Barolo di grandissima classe.
Memento Audere Semper
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 9459
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: LE BEVUTE DI DICEMBRE 2020

Messaggioda zampaflex » 27 dic 2020 15:06


Tabarrini - Adarmando 2015

Colore vivo, profumi mediterranei come la ginestra con tendenza orientale e tropicale. Non mantiene le premesse al sorso, che risulta un po' carente in forza, dominato com'è da alcool, glicerine e amari fini che chiudono un po' troppo presenti.
:D :D :D :)

Ca' d' Gal - Moscato d'Asti Sant'Ilario 2016
Annata di delicatezza ma ora che le componenti cominciano a fondersi è un bel bere.
:D :D :D :) +
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Avatar utente
Tex Willer
Messaggi: 7895
Iscritto il: 18 mag 2008 17:52

Re: LE BEVUTE DI DICEMBRE 2020

Messaggioda Tex Willer » 27 dic 2020 15:15

supersonic76 ha scritto:
emigrato ha scritto:
supersonic76 ha scritto:Barolo 2016 Marziano Abbona

Ha tutto.Eleganza, profondità, intensità.
Ma quello che ha dell'incredibile è la pefetta fusione di ogni suo componente.Mai bevuto un barolo così equilibrato all'uscita.
E la veemente spalla acida che accompagna il sorso fa presagire ulteriori progressioni, miglioramenti.
In una parola.Strepitoso.
Da comprarne a casse

E' quello che Xtrawine da a € 25,47? sicuro che non ci sia un Serralunga da uve comprate da qualche parte? :lol:


Sì, è lui.
Dove compri le uve me ne sbatto i coglioni.

Condivido del tutto
:wink:
Se qualcosa è gratis, il prodotto sei tu
ale1984
Messaggi: 537
Iscritto il: 10 gen 2018 15:40

Re: LE BEVUTE DI DICEMBRE 2020

Messaggioda ale1984 » 27 dic 2020 15:52

supersonic76 ha scritto:Barolo 2016 Marziano Abbona

Ha tutto.Eleganza, profondità, intensità.
Ma quello che ha dell'incredibile è la pefetta fusione di ogni suo componente.Mai bevuto un barolo così equilibrato all'uscita.
E la veemente spalla acida che accompagna il sorso fa presagire ulteriori progressioni, miglioramenti.
In una parola.Strepitoso.
Da comprarne a casse


Non vorrei dire una scemenza, ma mi sembra di averlo visto a scaffale nei supermercati Coop della mia zona (Lombardia). Mi hai incuriosito, se la trovo ne prendo una bottiglia da assaggiare...
littlewood
Messaggi: 2379
Iscritto il: 04 mag 2010 10:32
Località: Valpollicella

Re: LE BEVUTE DI DICEMBRE 2020

Messaggioda littlewood » 27 dic 2020 16:10

ale1984 ha scritto:Elvio Cogno - Barolo Ravera Bricco Pernice 2010 vs Tortochot - Mazis Chambertin 2009

Bottiglie a posto, dopo un tappazzo malefico qualche mese fa su Cogno.

Naso: tanto riservato ed austero - ed inizialmente muto - il primo quanto pirotecnico il secondo. Il barolo è declinato sulla confettura di frutta rossa e nera, sul floreale di viola e lavanda, su leggeri toni speziati (un tocco di pepe?) e tostati (fondo di caffè?). Il pinot è gelatina di frutta, terra umida (funghi?), sbuffi balsamici (eucalipto? resina?) e qualche leggerissimo tono animale.

Bocca: il tannino del nebbiolo è più incazzato, ma per nulla ruvido, anzi è sferico, setoso. L'acidità, forse per l'annata del pinot, è paragonabile. Ottima la persistenza di entrambi, con richiami retronasali coerenti al naso e definiti (di un cicinin più a fuoco nel barolo).

Due gran belle bottiglie, ma la spunta il Bricco Pernice all'unanimità. (Arrosto di vitello ripieno bello carico + contorni vari)

Due bottigline d'aperitivo:
Renè-Henri Coutier - Champagne Grand Cru Brut Tradition, dosaggio generoso ma bolla cremosa e saporita, forse più da pasto che da aperitivo. 80% pn e 20% ch tutte da Ambonnay.
Laherte Freres - Blanc de blanc brut nature: sempre una bottiglia da grandi soddisfazioni, sopratutto con qualche tempo di riposo in vetro.

Coutier champagnino niente male il tradition 17€ in cantina il top l' henry iii meno di 30€....
Nexus1990
Messaggi: 841
Iscritto il: 23 feb 2019 23:33

Re: LE BEVUTE DI DICEMBRE 2020

Messaggioda Nexus1990 » 27 dic 2020 16:57

Un po’ di robina bevuta prima delle feste
Monteraponi CC 2018 ***1/2-
Inizialmente una leggera riduzione, dopo pochi minuti si apre su piccoli frutti rossi golosi per poi chiudersi a riccio, infine esce oltre al frutto una bella nota floreale accompagnata da una speziatura leggera leggera. Bella bocca molto equilibrata all’inzio con frutto preponderante in entrata ma bilanciato da ottima aciditá. Buono, non un mostro di complessità ma tutto al suo posto.
Castell’in Villa CC 2016 ***1/2
Inizialmente ancorato su note di cuoio, cioccolato, qualcosa che ricorda il pane. Sorso giustamente tannico, acido con agrume in evidenza. Dopo un po’ si apre su un po’ di floreale con viola e qualcos’altro che non riesco a decifrare, infine esce la speziatura e qualche nota affumicata. Indietro ma c’è una materia di grandissima qualità.
Anselmi Realda 1996 ***1/2
Colore rosso rubino impenetrabile con unghia granata appena accennata. Caffè nettissimo, castagne, noce, confettura di amarene: molto evoluto, quasi decadente ma molto bello. In bocca più vivo, tannino ancora percepibile, forse manca un po’ di “peso” nel sorso che peró si difende con agilità e freschezza. Molto buono considerando età e prezzo pagato.
Felsina Chianti Riserva Rancia 2001 ***1/2
Inizio bello su cioccolato e liquirizia, dopo un po’ esce una bella ciliegia molto matura. Poi torna sulle spezie e una nota fumè molto piacevole. Sorso chiantigiano, un po’ rustico, non complessissimo ma di grande bevibilità e freschezza. Ormai non mi stupisco più della Gioventù che dimostra spesso il Sangiovese, soprattutto quando c’è il Manico. Il giorno dopo nonostante ritappato una notevole ossidazione (ne avevo conservato giusto un sorso per scienza e conoscenza).
Schloss Lieser Kabinett Juffer 2015 ***1/2-
Un forte sentore minerale accompagnato da un po’ di frutta tropicale, con la permanenza nel bicchiere fa capolino un timido idrocarburo. Entrata in bocca abbastanza dolce ma equilibrata da sapidità è ottima aciditá che stimola il sorso. Goduto sul sushi, soprattutto sui pochi pezzi più lavorati (anguilla, capasanta piccante). Un po’ spiazzante per me l’abbinamento di un vino “dolce” su un pasto salato ma nel complesso ci sta eccome.
Nexus1990
Messaggi: 841
Iscritto il: 23 feb 2019 23:33

Re: LE BEVUTE DI DICEMBRE 2020

Messaggioda Nexus1990 » 27 dic 2020 17:13

Invece durante le feste
24 Dicembre a cena
Frank Bonville Pur Oger 2012 (Deg. dec. 2019) ***1/2-
Naso inizialmente su durezze minerali, svela dopo un po’ dei toni burrosi e di lieviti. Bocca un po’ verde, bolla molto fine, bella persistenza. Sicuramente indietro.
Dr Loosen Sonnehur 2012 ****
Naso minerale ma con frutta gialla e camomilla, un ricordo di miele. In bocca tripudio di frutta tropicale, fiori gialli, bella sapidità, ritorna il miele. Grande intensità, ancora sui primari, molto lungo, molto buono. Goduto un BEL po’ su una grande grigliata di calamari e gamberoni.
26 Dicembre a pranzo
Chateau Canon La Gaffeliere 1999 ****++
Parte su bacche di ginepro e ciliegia sotto spirito, prosegue su toni vegetali: rosmarino e salvia sempre con frutto sullo sfondo, poi pepe, infine risorge un frutto dolcissimo tipo albicocca, mobile e cangiante come solo i grandi vini. In bocca tannino elegantissimo, sorso fresco ma avvolgente, retrolfattiva con una fortissima liquirizia, intensa ma non preponderante. Alla fine tabacco, una nota di fieno è qualcosa di affumicato. Finale lunghissimo, integro, l’età si percepisce solo grazie ad una complessità che si srotola come un tappeto, Grande Vino. Fantastico sulla genovese d’agnello e sulla carne.
Capo di Stato 2006 ***1/2+
All’inizio solforosa abbastanza spinta, dopo più di mezz’ora nel bicchiere esce una nota di mandorla bellissima, poi vaniglia e un che di caramello. La Bocca invece equilibra con aciditá e freschezza, bella persistenza. Vino sicuramente costruito ma molto bene, con parecchio tempo davanti (ho avuto l’impressione che dovesse smaltire addirittura ancora un po’ di legno...), soffre il confronto con LaGaffelière, francamente di un altro livello.
Salicutti Piaggione 2001 ***1/2+
Colore con unghia aranciata abbastanza pronunciata, un po’ opaco. Naso molto evoluto con noce, noce moscata, un ricordo di oliva. In bocca morbido ma ancora leggermente tannico, goloso, retrolfattiva comunque fresca con un ricordo balsamico. A bottiglia coperta gli avrei dato sicuramente qualche anno in più, bell’abbinamento con un pecorino di carmasciano di livello.

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Alberto, andrea, bobbisolo, emigrato, Enoteca, ioenontu, marco.f11, Pot, steeve6, TheSomm_o, win_67 e 1 ospite