Sherry

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Avatar utente
pumpkin
Messaggi: 1634
Iscritto il: 11 giu 2007 11:55
Località: milano

Sherry

Messaggioda pumpkin » 11 set 2020 14:59

Qualche consiglio su come avvicinarsi a questi vini?

Caratteristiche, abbinamenti, qualche indicazione d'acquisto per le varie tipologie (mi interessano in particolare Fino e Oloroso)?
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 13339
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: Sherry

Messaggioda Alberto » 11 set 2020 21:03

Dunque, consiglio spassionato: più che al Fino jerezano, comparto un po' in crisi negli ultimi tempi (soprattutto a livello commerciale, ma anche tecnico-produttivo*), punterei all'espressione più estrema della tipologia stessa, ovverosia la Manzanilla de Sanlucar, che invece continua ad essere di gran lunga l'aperitivo preferito degli andalusi...per me da provare Herederos de Argueso (tutte), Alvaro Domecq (La Jaca) e la ubiqua ma validissima Solear di Barbadillo.

Oloroso: premettendo che rigorosamente dev'essere un vino secco (cioè senza "aggiuntine" di PX per addolcire la pillola, perché allora si parla di Sherry di tipologia Medium) ci vogliono gli invecchiamenti "seri" per cominciare a godere a modo; dipende dalla bodega, ma spesso hanno sul mercato 3 livelli, base, intermedio (alcuni già belli maturi, ad esempio il Romate Don Josè sui 18-20 anni) e "VORS" che vuol dire 30 anni di invecchiamento...età ovviamente da computarsi tenendo conto del metodo solera e dei vari passaggi in cui la "criadera" di una solera più vecchia (prima fila di botti in alto da dove parte la cascata dei "rinfreschi" delle file sottostanti) è di solito foraggiata con il prelievo dalla solera (in questo caso l'ultima fila in basso) più giovane, da dove contemporaneamente si imbottiglia magari il vino di entrata. Se si parla di un Oloroso VORS credo che sia praticamente impossibile bere male, tale è la cura generalizzata del prodotto (chiaro che non costano 2 lire, però). Stesso discorso per gli Amontillado VORS e per i Palo Cortado VORS ovviamente.

*Il cambiamento climatico generale degli ultimi decenni fa sì che nella città di Jerez, interna rispetto al mare, dove ha sede gran parte delle cantine, il velo di "flor", che rende il Fino quel particolarissimo vino che è, sia praticamente impossibile da mantenere intatto e vitale lungo tutto il corso dell'anno, principalmente in estate (e l'assenza di protezione causa ovviamente l'ossidazione del vino nella botte). Si "salvano" l'area costiera del Puerto de Santa Maria ed ovviamente Sanlucar de Barrameda che è luogo ancora più esposto agli influssi atlantici, e dove la locale Manzanilla (di fatto una DOC a parte rispetto a Jerez/Sherry) beneficia di un'integrità della "flor" per 12 mesi all'anno. Quindi, per farla in breve: Manzanilla forever!!! :D
Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De Andrè
pudepu
Messaggi: 1198
Iscritto il: 06 giu 2007 18:09

Re: Sherry

Messaggioda pudepu » 15 set 2020 21:00

Grazie mille Alberto per la spiegazione. Hai anche qualche consiglio su dove si possano acquistare in Italia ?
patetico valutatore di etichette
Avatar utente
andrea
Messaggi: 8191
Iscritto il: 06 giu 2007 11:38
Località: Bassa Brianza

Re: Sherry

Messaggioda andrea » 16 set 2020 09:27

La Bota de Manzanilla di Equipo Navazos se volete una grande Manzanilla
Tutta la linea di Equipo comunque è la mia prima scelta, insieme ad alcuni Almacenista di Lustau
Ti amo Licia!!!
mangè mangè nu sèi chi ve mangià

Spedisco entro 5 giorni lavorativi, sempre che riesca a trovare i vini nel casino della mia cantina
Avatar utente
pumpkin
Messaggi: 1634
Iscritto il: 11 giu 2007 11:55
Località: milano

Re: Sherry

Messaggioda pumpkin » 16 set 2020 10:43

Alberto ha scritto:Dunque, consiglio spassionato: più che al Fino jerezano, comparto un po' in crisi negli ultimi tempi (soprattutto a livello commerciale, ma anche tecnico-produttivo*), punterei all'espressione più estrema della tipologia stessa, ovverosia la Manzanilla de Sanlucar, che invece continua ad essere di gran lunga l'aperitivo preferito degli andalusi...per me da provare Herederos de Argueso (tutte), Alvaro Domecq (La Jaca) e la ubiqua ma validissima Solear di Barbadillo.

Oloroso: premettendo che rigorosamente dev'essere un vino secco (cioè senza "aggiuntine" di PX per addolcire la pillola, perché allora si parla di Sherry di tipologia Medium) ci vogliono gli invecchiamenti "seri" per cominciare a godere a modo; dipende dalla bodega, ma spesso hanno sul mercato 3 livelli, base, intermedio (alcuni già belli maturi, ad esempio il Romate Don Josè sui 18-20 anni) e "VORS" che vuol dire 30 anni di invecchiamento...età ovviamente da computarsi tenendo conto del metodo solera e dei vari passaggi in cui la "criadera" di una solera più vecchia (prima fila di botti in alto da dove parte la cascata dei "rinfreschi" delle file sottostanti) è di solito foraggiata con il prelievo dalla solera (in questo caso l'ultima fila in basso) più giovane, da dove contemporaneamente si imbottiglia magari il vino di entrata. Se si parla di un Oloroso VORS credo che sia praticamente impossibile bere male, tale è la cura generalizzata del prodotto (chiaro che non costano 2 lire, però). Stesso discorso per gli Amontillado VORS e per i Palo Cortado VORS ovviamente.

*Il cambiamento climatico generale degli ultimi decenni fa sì che nella città di Jerez, interna rispetto al mare, dove ha sede gran parte delle cantine, il velo di "flor", che rende il Fino quel particolarissimo vino che è, sia praticamente impossibile da mantenere intatto e vitale lungo tutto il corso dell'anno, principalmente in estate (e l'assenza di protezione causa ovviamente l'ossidazione del vino nella botte). Si "salvano" l'area costiera del Puerto de Santa Maria ed ovviamente Sanlucar de Barrameda che è luogo ancora più esposto agli influssi atlantici, e dove la locale Manzanilla (di fatto una DOC a parte rispetto a Jerez/Sherry) beneficia di un'integrità della "flor" per 12 mesi all'anno. Quindi, per farla in breve: Manzanilla forever!!! :D


Ma grazie mille! :D Avevo perso il post ... molto chiaro ed esaustivo. Copio subito. :mrgreen:
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 13339
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: Sherry

Messaggioda Alberto » 16 set 2020 11:18

pudepu ha scritto:Grazie mille Alberto per la spiegazione. Hai anche qualche consiglio su dove si possano acquistare in Italia ?

Prego.
In Italia? :roll: Meglio online in Spagna, bottiglie sempre "fresche" (cosa determinante per Finos e Manzanillas) e si spende meno anche considerando le spese di trasporto.
Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De Andrè
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 13339
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: Sherry

Messaggioda Alberto » 16 set 2020 11:24

E comunque, per documentarsi il sito di gran lunga più aggiornato e completo è sherrynotes.com :wink:
Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De Andrè
Avatar utente
gianni femminella
Messaggi: 2591
Iscritto il: 26 nov 2010 14:43
Località: Castiglione della Pescaia - Finale Emilia

Re: Sherry

Messaggioda gianni femminella » 16 set 2020 11:33

Alberto ha scritto:
pudepu ha scritto:Grazie mille Alberto per la spiegazione. Hai anche qualche consiglio su dove si possano acquistare in Italia ?

Prego.
In Italia? :roll: Meglio online in Spagna, bottiglie sempre "fresche" (cosa determinante per Finos e Manzanillas) e si spende meno anche considerando le spese di trasporto.


Fresche nel senso di ben conservate? Un vino ossidato di per sé non è meno sensibile ai "maltrattamenti“?
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 13339
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: Sherry

Messaggioda Alberto » 16 set 2020 12:19

gianni femminella ha scritto:
Alberto ha scritto:
pudepu ha scritto:Grazie mille Alberto per la spiegazione. Hai anche qualche consiglio su dove si possano acquistare in Italia ?

Prego.
In Italia? :roll: Meglio online in Spagna, bottiglie sempre "fresche" (cosa determinante per Finos e Manzanillas) e si spende meno anche considerando le spese di trasporto.


Fresche nel senso di ben conservate? Un vino ossidato di per sé non è meno sensibile ai "maltrattamenti“?

Fresche nel senso di imbottigliate da poco.

Fino e Manzanilla NON sono vini ossidativi, ed in genere NON migliorano una volta bottiglia. :wink:
Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De Andrè

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Alessio, Baloo1926, Mirko77, Pako, shingo tamai, tenente Drogo e 1 ospite