Piccole realtà

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
andreac75
Messaggi: 64
Iscritto il: 25 mag 2020 00:07

Piccole realtà

Messaggioda andreac75 » 16 ago 2020 23:46

Mi piacerebbe fare un elenco di vini prodotti da vitigni ‘rari’. Non parlo di docg piccole (es Loazzolo), ma proprio di piccoli vitigni.

Io ne segnalo uno ligure. Pur non amando molto i vini della mia regione, questo mi ha sorpreso in positivo :
Punta Crena - Cruvin. Vitigno Crovino. Scoperto in un ristorante di pesce di Genova, pur essendo un rosso.
vinogodi
Messaggi: 29877
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: Piccole realtà

Messaggioda vinogodi » 17 ago 2020 08:13

...mi ripeto: Spiriti Ebbri . Sostenitori indefessi del recupero di vitigni rari autoctoni , hanno fatto progressi tecnici negli ultimi anni impressionante e sono in prima linea nell'agricoltura sostenibile e nella valorizzazione di vitigni rari e quasi in via di estinzione (pecorello , Greco Bianco e Nero , Mantonico , Trebbiano Giallo e ... tanti altri.) . Vini emozionali... 8)
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
Avatar utente
Kustenland
Messaggi: 265
Iscritto il: 18 ott 2007 12:11
Località: Muia

Re: Piccole realtà

Messaggioda Kustenland » 17 ago 2020 09:23

Dalle mie parti si vinifica la “piccola nera” e la “Borgogna nera”

http://www.nicolinitrieste.com/i-vini/vini-rossi.html
Stefano
andreac75
Messaggi: 64
Iscritto il: 25 mag 2020 00:07

Re: Piccole realtà

Messaggioda andreac75 » 19 ago 2020 22:59

Leggendo qua e là ho trovato questo : Vitovska Zidarich, che però non conosco.
addre_91
Messaggi: 19
Iscritto il: 10 ott 2018 13:21

Re: Piccole realtà

Messaggioda addre_91 » 24 ago 2020 16:57

Ho avuto modo di assaggiare ed apprezzare il Calosso, prodotto dalla Gamba di Pernice (anche detto Gamba Rossa).
gpetrus
Messaggi: 2777
Iscritto il: 21 ott 2009 17:41
Località: Trieste

Re: Piccole realtà

Messaggioda gpetrus » 24 ago 2020 17:13

andreac75 ha scritto:Leggendo qua e là ho trovato questo : Vitovska Zidarich, che però non conosco.

oddio...Zidarich e' piuttosto conosciuto, cosi' come i suoi vini macerati.
Spectator
Messaggi: 3868
Iscritto il: 06 giu 2007 11:36

Re: Piccole realtà

Messaggioda Spectator » 24 ago 2020 18:19

...Coda di Volpe, Caprettone,Olivella ; tutti campani,il primo coltivato in maggioranza nel beneventano,gli altri..nel napoletano e zona laziale. Non conosco..aziende che li abbiano trasformati in eccellenze,vini gradevoli,spensierati,da bere ben 'freddi' nelle serate calde/afose..come queste di adesso.Magari,con l'aggiunta di pesche/percoche e acini d'uva :) .
andreac75
Messaggi: 64
Iscritto il: 25 mag 2020 00:07

Re: Piccole realtà

Messaggioda andreac75 » 24 ago 2020 19:27

gpetrus ha scritto:
andreac75 ha scritto:Leggendo qua e là ho trovato questo : Vitovska Zidarich, che però non conosco.

oddio...Zidarich e' piuttosto conosciuto, cosi' come i suoi vini macerati.


Sì sì, non parlavo del produttore, quanto del vitigno Vitovska, che proprio non conoscevo. Sicuramente è una mia scarsa conoscenza. D’altronde ieri ho scoperto dell’esistenza della nascetta da Braida....
Avatar utente
pier2559
Messaggi: 1055
Iscritto il: 19 feb 2009 20:24
Località: Romagna

Re: Piccole realtà

Messaggioda pier2559 » 24 ago 2020 19:36

In Romagna ti direi il Centesimino tipo quello di Ancarani
https://viniancarani.it/nuovo-centesimino/
e anche il Burson tipo quello di Longanesi
http://www.longanesiburson.com/vitigno.php
Riempi il tuo cranio di vino, prima che si riempia di terra. (Nazim Hikmet)
gpetrus
Messaggi: 2777
Iscritto il: 21 ott 2009 17:41
Località: Trieste

Re: Piccole realtà

Messaggioda gpetrus » 24 ago 2020 20:21

andreac75 ha scritto:
gpetrus ha scritto:
andreac75 ha scritto:Leggendo qua e là ho trovato questo : Vitovska Zidarich, che però non conosco.

oddio...Zidarich e' piuttosto conosciuto, cosi' come i suoi vini macerati.


Sì sì, non parlavo del produttore, quanto del vitigno Vitovska, che proprio non conoscevo. Sicuramente è una mia scarsa conoscenza. D’altronde ieri ho scoperto dell’esistenza della nascetta da Braida....

:D.....interessante la nascetta, alcuni produttori la fanno piuttosto buona :)
MANUZ
Messaggi: 2424
Iscritto il: 12 ago 2008 17:47

Re: Piccole realtà

Messaggioda MANUZ » 25 ago 2020 13:14

In Italia ne hai davvero un numero notevole di vitigni ‘minori’ non per qualità ma per ettari vitati..
Potremmo dirne almeno una decina per regione e dimenticarne probabilmente altri 50...
Sono di rientro dal Molise per lavoro e posso citarti la tintilia ( forse in Claudio cipressi la sua massima espressione)
Montonico in Abruzzo
Verdiso a valdobbiadene
Piculit neri zona pordenonese
Solo per citarne alcune oltre le già citate ...
Nascetta ho assaggiato quella di Ettore germano non malaccio
Gamba rossa o gamba di pernice buona quella di Valter Bosticardo di tenuta dei fiori
Il centesimino passito di ancorani è spettacolare

Poi oramai con L evoluzione che c è stata in agricoltura e quindi gestione agronomica e poi enologica anche com vitigni ‘difficili’ o ostici sono riusciti a tirare fuori delle belle versioni ...
Avete bisogno di barbatelle?
Sono qui...
MANUZ
Messaggi: 2424
Iscritto il: 12 ago 2008 17:47

Re: Piccole realtà

Messaggioda MANUZ » 25 ago 2020 13:23

Quello che molti non sanno e non lo sanno nemmeno i produttori ( a tal proposito sarò a Roma alla Federdoc venerdì) è che L’UE ha imposto che le barbatelle di categoria standard da ora dovranno essere alla pari della categoria certificato , quindi zero virosi zero organismi ritenuti ‘nocivi’
Alcuni potranno dire molto bene piante sane...
Si se non fosse che il 60% delle varietà italiane non hanno in clone e fanno della loro qualità e particolarità L essere proprio virosata..
questo significherà che noi vivaisti non innesteremo più molte varietà perché non sarà più possibile garantire questa ‘sanità’ e di alcune varietà dove esiste un solo clone ci troveremo con vigneti E doc monoclonali ... e non lo so se sia una grande cosa...
Ma tant’è L UE comanda e nessuno a parte noi vivaisti ha contestato questa scelta...
Avete bisogno di barbatelle?
Sono qui...
rossobarbagia
Messaggi: 270
Iscritto il: 07 giu 2017 10:27

Re: Piccole realtà

Messaggioda rossobarbagia » 25 ago 2020 14:16

Della categoria potrebbe farne parte anche il Karamare di Pusole (Ogliastra - Sardegna).
Vino ottenuto da uva Cannonau bianco (vitigno del territorio ottenuto da incrocio di semi di Cannonau con uva Galoppo)
Alessio
Messaggi: 262
Iscritto il: 03 gen 2008 16:55
Località: Paris
Contatta:

Re: Piccole realtà

Messaggioda Alessio » 25 ago 2020 14:35

MANUZ ha scritto:In Italia ne hai davvero un numero notevole di vitigni ‘minori’ non per qualità ma per ettari vitati..
Potremmo dirne almeno una decina per regione e dimenticarne probabilmente altri 50...
Sono di rientro dal Molise per lavoro e posso citarti la tintilia ( forse in Claudio cipressi la sua massima espressione)
Montonico in Abruzzo
Verdiso a valdobbiadene
Piculit neri zona pordenonese
Solo per citarne alcune oltre le già citate ...
Nascetta ho assaggiato quella di Ettore germano non malaccio
Gamba rossa o gamba di pernice buona quella di Valter Bosticardo di tenuta dei fiori
Il centesimino passito di ancorani è spettacolare

Poi oramai con L evoluzione che c è stata in agricoltura e quindi gestione agronomica e poi enologica anche com vitigni ‘difficili’ o ostici sono riusciti a tirare fuori delle belle versioni ...


Quest'estate in vacanza sono passato per ben due volte davanti a Cipressi in bici, nonostante ne abbia assaggiate tante (Cipressi, Di Maio, Terresacre, San Zenone etc) non riesco proprio a farmela piacere la tintilia. Per me il vitigno ha parecchi limiti é sarei curioso di avere il parere di un esperto come te in materia.
MANUZ
Messaggi: 2424
Iscritto il: 12 ago 2008 17:47

Re: Piccole realtà

Messaggioda MANUZ » 25 ago 2020 15:20

ti ringrazio, ma dire che sono esperto in materia è un po troppo... :oops:

guarda ne ho assaggiate ieri oltre alla sua, un paio...
diciamo che la tintilia mi pare di aver capito (assaggiando e parlando con claudio cipressi) che ha bisogno di qualche anno per 'arrotondarsi' e smussare un pò l'alta acidità..
non sarà a mio avviso un vino da olimpo dell'enografia nazionale, ma come detto, al giorno d'oggi fare vini buoni ...diciamo... con vitigni anche minori non è difficile..

La verità comunque è che mi è piaciuto da matti il montepulciano settevigne di cipressi..quello davvero molto buono
Avete bisogno di barbatelle?
Sono qui...
Alessio
Messaggi: 262
Iscritto il: 03 gen 2008 16:55
Località: Paris
Contatta:

Re: Piccole realtà

Messaggioda Alessio » 25 ago 2020 15:33

MANUZ ha scritto:ti ringrazio, ma dire che sono esperto in materia è un po troppo... :oops:

guarda ne ho assaggiate ieri oltre alla sua, un paio...
diciamo che la tintilia mi pare di aver capito (assaggiando e parlando con claudio cipressi) che ha bisogno di qualche anno per 'arrotondarsi' e smussare un pò l'alta acidità..
non sarà a mio avviso un vino da olimpo dell'enografia nazionale, ma come detto, al giorno d'oggi fare vini buoni ...diciamo... con vitigni anche minori non è difficile..

La verità comunque è che mi è piaciuto da matti il montepulciano settevigne di cipressi..quello davvero molto buono


Concordo al 100% sul fatto che sia il Montepulciano che il Trebbiano di Claudio sono davvero buoni :lol:

Per la Tintilia ne ho bevute anche di vecchie ma di soddisfazione sempre pochina, mi voglio illudere di aver beccato bottiglie sfigate o mal conservate.
Grazie
MANUZ
Messaggi: 2424
Iscritto il: 12 ago 2008 17:47

Re: Piccole realtà

Messaggioda MANUZ » 25 ago 2020 15:40

Tempo che riposino le bottiglie 7 gg e poi ne apro un paio di bottiglie di tintilia 66 e macchiarossa e ti dico..
Avete bisogno di barbatelle?
Sono qui...
Alessio
Messaggi: 262
Iscritto il: 03 gen 2008 16:55
Località: Paris
Contatta:

Re: Piccole realtà

Messaggioda Alessio » 25 ago 2020 16:02

MANUZ ha scritto:Tempo che riposino le bottiglie 7 gg e poi ne apro un paio di bottiglie di tintilia 66 e macchiarossa e ti dico..


che annate sono?
MANUZ
Messaggi: 2424
Iscritto il: 12 ago 2008 17:47

Re: Piccole realtà

Messaggioda MANUZ » 25 ago 2020 17:33

2012 e 2014.. che sono quelle in commercio ora..
Perché le ho assaggiate ieri in azienda ma la mia ieri era una visita x lavoro non per piacere e quindi abbiamo assaggiato parlando di altro... quindi non mi sono molto focalizzato sul vino e soprattutto non era una situazione molto ideale
Avete bisogno di barbatelle?
Sono qui...
ryanc82
Messaggi: 414
Iscritto il: 24 ago 2010 12:59

Re: Piccole realtà

Messaggioda ryanc82 » 25 ago 2020 21:25

Spectator ha scritto:...Coda di Volpe, Caprettone,Olivella ; tutti campani,il primo coltivato in maggioranza nel beneventano,gli altri..nel napoletano e zona laziale. Non conosco..aziende che li abbiano trasformati in eccellenze,vini gradevoli,spensierati,da bere ben 'freddi' nelle serate calde/afose..come queste di adesso.Magari,con l'aggiunta di pesche/percoche e acini d'uva :) .


Coda di Volpe serie nè conosco 3:
Michele Perillo a Castelfranci (Av) pochissime bottiglie prodotte e vino di una longevità assurda
Cantina dell'Angelo di Angelo Muto a Tufo (Av) prima annata messa in commercio qualche mese fa... vino stupendo e si sente la mano dell'enologo (Luigi Sarno)
Vadiaperti a Montefredane (Av) fa una "base" davvero buona e un cru "Torama"... vini con una salinità e eleganza strepitosa... il Torama regge gli anni che è una bellezza
Avatar utente
xoan
Messaggi: 1151
Iscritto il: 13 nov 2012 23:58

Re: Piccole realtà

Messaggioda xoan » 25 ago 2020 21:39

Alessio ha scritto:
MANUZ ha scritto:In Italia ne hai davvero un numero notevole di vitigni ‘minori’ non per qualità ma per ettari vitati..
Potremmo dirne almeno una decina per regione e dimenticarne probabilmente altri 50...
Sono di rientro dal Molise per lavoro e posso citarti la tintilia ( forse in Claudio cipressi la sua massima espressione)
Montonico in Abruzzo
Verdiso a valdobbiadene
Piculit neri zona pordenonese
Solo per citarne alcune oltre le già citate ...
Nascetta ho assaggiato quella di Ettore germano non malaccio
Gamba rossa o gamba di pernice buona quella di Valter Bosticardo di tenuta dei fiori
Il centesimino passito di ancorani è spettacolare

Poi oramai con L evoluzione che c è stata in agricoltura e quindi gestione agronomica e poi enologica anche com vitigni ‘difficili’ o ostici sono riusciti a tirare fuori delle belle versioni ...


Quest'estate in vacanza sono passato per ben due volte davanti a Cipressi in bici, nonostante ne abbia assaggiate tante (Cipressi, Di Maio, Terresacre, San Zenone etc) non riesco proprio a farmela piacere la tintilia. Per me il vitigno ha parecchi limiti é sarei curioso di avere il parere di un esperto come te in materia.


mai provato Vinica?
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 13345
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: Piccole realtà

Messaggioda Alberto » 25 ago 2020 22:58

ryanc82 ha scritto:Michele Perillo a Castelfranci (Av) pochissime bottiglie prodotte e vino di una longevità assurda
Cantina dell'Angelo di Angelo Muto a Tufo (Av) prima annata messa in commercio qualche mese fa... vino stupendo e si sente la mano dell'enologo (Luigi Sarno)
Vadiaperti a Montefredane (Av) fa una "base" davvero buona e un cru "Torama"... vini con una salinità e eleganza strepitosa... il Torama regge gli anni che è una bellezza

In Sannio buona anche quella di Ocone.
Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De Andrè
Avatar utente
picenum
Messaggi: 940
Iscritto il: 10 nov 2011 13:50
Località: Roma

Re: Piccole realtà

Messaggioda picenum » 26 ago 2020 10:54

andreac75 ha scritto:Mi piacerebbe fare un elenco di vini prodotti da vitigni ‘rari’. Non parlo di docg piccole (es Loazzolo), ma proprio di piccoli vitigni.

ce ne sono un'infinità. oggi poi il recupero di vecchi vigneti e vecchie varietà non dico che è di moda ma quasi.
parpato, catanese bianca, orisi, lucignola
nivuro nostrale
blatterle
agostinella,
cerreto
slarina
coda di volpe rossa
verdeca
tintore, sciascinoso
questi i primi che mi vengono in mente bevuti non da molto.
l'elenco è lunghissimo, si potrebbe continuare ma basta andare on line e fare ricerche.
rafcot
Messaggi: 254
Iscritto il: 29 dic 2008 14:00
Località: COMO

Re: Piccole realtà

Messaggioda rafcot » 26 ago 2020 11:30

Alessio ha scritto:
MANUZ ha scritto:ti ringrazio, ma dire che sono esperto in materia è un po troppo... :oops:

guarda ne ho assaggiate ieri oltre alla sua, un paio...
diciamo che la tintilia mi pare di aver capito (assaggiando e parlando con claudio cipressi) che ha bisogno di qualche anno per 'arrotondarsi' e smussare un pò l'alta acidità..
non sarà a mio avviso un vino da olimpo dell'enografia nazionale, ma come detto, al giorno d'oggi fare vini buoni ...diciamo... con vitigni anche minori non è difficile..

La verità comunque è che mi è piaciuto da matti il montepulciano settevigne di cipressi..quello davvero molto buono


Concordo al 100% sul fatto che sia il Montepulciano che il Trebbiano di Claudio sono davvero buoni :lol:

Per la Tintilia ne ho bevute anche di vecchie ma di soddisfazione sempre pochina, mi voglio illudere di aver beccato bottiglie sfigate o mal conservate.
Grazie


A me la Tintilia invece generalmente piace, il Macchiarossa di Cipressi l'ho sempre trovata ottima così come le due di Cianfagna o anche quelli più semplici di Cieri e sopratutto quest'anno ho scoperto quella della cantina Herero che è una bomba atomica per me https://www.cantinaherero.com/prodotto/ ... olise-doc/ che tra l'altro fa pure un buon montepulciano.

Tra i vini meno conosciuti citerei anche il Pugnitello ed il Foglia Tonda di Sequerciani
https://www.sequerciani.it/IT/vino-naturale.html
per me cantina favolosa su tutta la linea, vini biologici non filtrati e che sanno d'uva, trovo favolosi i 2 vermentini

Altri che mi vengon in mente son il Violone (montepulciano della Tuscia), il Nasco in Sardegna ottimo per me quello di Meigamma e quello di Santu Teru sempre in sardegna il Semidano ed il Panzale (ottimo quello di Dorgali Berritta), la malvasia puntinata (Donato Giangirolami ne fa una dall'ottimo q/p) ed infine Carmenere e l'Enantio
Alessio
Messaggi: 262
Iscritto il: 03 gen 2008 16:55
Località: Paris
Contatta:

Re: Piccole realtà

Messaggioda Alessio » 26 ago 2020 12:04

xoan ha scritto:
Alessio ha scritto:
MANUZ ha scritto:In Italia ne hai davvero un numero notevole di vitigni ‘minori’ non per qualità ma per ettari vitati..
Potremmo dirne almeno una decina per regione e dimenticarne probabilmente altri 50...
Sono di rientro dal Molise per lavoro e posso citarti la tintilia ( forse in Claudio cipressi la sua massima espressione)
Montonico in Abruzzo
Verdiso a valdobbiadene
Piculit neri zona pordenonese
Solo per citarne alcune oltre le già citate ...
Nascetta ho assaggiato quella di Ettore germano non malaccio
Gamba rossa o gamba di pernice buona quella di Valter Bosticardo di tenuta dei fiori
Il centesimino passito di ancorani è spettacolare

Poi oramai con L evoluzione che c è stata in agricoltura e quindi gestione agronomica e poi enologica anche com vitigni ‘difficili’ o ostici sono riusciti a tirare fuori delle belle versioni ...


Quest'estate in vacanza sono passato per ben due volte davanti a Cipressi in bici, nonostante ne abbia assaggiate tante (Cipressi, Di Maio, Terresacre, San Zenone etc) non riesco proprio a farmela piacere la tintilia. Per me il vitigno ha parecchi limiti é sarei curioso di avere il parere di un esperto come te in materia.


mai provato Vinica?


si un paio di volte quando ho voluto provare anche il loro riesling. Onestamente non ho un ricordo negativo, neanche uno particolarmente positivo. Da me a Montenero di Bisaccia non se ne trova, loro dovrebbero essere verso Campobasso.
Non ho fatto la lista ma ne ho assaggiati un po' anche Catabbo e uno piu' dell'alto Molise che dovrebbe chiamarsi Campi Valerio.

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: teo777full e 1 ospite