LE BEVUTE DI LUGLIO 2020

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Messner
Messaggi: 1074
Iscritto il: 05 lug 2017 12:05
Località: Mantova

Re: LE BEVUTE DI LUGLIO 2020

Messaggioda Messner » 23 lug 2020 14:18

Alberto ha scritto:
zampaflex ha scritto:Garcia - Bierzo Aires de Vendimia 2016
...
Bocca sapida (me l'aspettavo) ma poco acida (strano) e di medio corpo.

Acidità da un godello? Coraggio... :roll:


Suoli sabbiosi, affinamento in barrique, tendono a farne perdere di acidità.. Ma è un uva che la possiede. Ps: non viene fatto solo in Bierzo ma anche in Valdeorras ci sono ottimi godello..
Bevi Ortega e vedrai che è una lametta rispetto agli altri, vigna su calcare... Alla cieca è più uno Chablis che un godello...
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 8938
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: LE BEVUTE DI LUGLIO 2020

Messaggioda zampaflex » 23 lug 2020 14:21

Alberto ha scritto:
Alessio ha scritto:Kriek Morte subite :D :) volevamo pulire la bocca prima dei dolci di Cédric Grolet (da paura!!!) non é una vera Kriek é troppo stucchevole ma c'é di peggio

Certo, c'è sempre la Corona Light... :roll:


Io detesto le acide, avrei subito preso la Corona :mrgreen:
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
fabrizio leone
Messaggi: 781
Iscritto il: 06 giu 2012 15:00
Località: san Colombano al lambro ( MI )

Re: LE BEVUTE DI LUGLIO 2020

Messaggioda fabrizio leone » 23 lug 2020 20:54

Malvasia 'Vigna 80 Anni' I Clivi 2018

che vino buonissimo. con frittata e verdure dell'orto. W l' Italia
Avatar utente
supersonic76
Messaggi: 888
Iscritto il: 16 gen 2013 18:38
Località: Bologna

Re: LE BEVUTE DI LUGLIO 2020

Messaggioda supersonic76 » 24 lug 2020 21:16

Chianti dei colli fiorentini 2016 Ottomani

In montagna, dopo aver 'sssaggiato lagrein e blauburgunder, l'uno più schifoso dell'altro, torno in pace col nettare con sta boccia.
Al naso...è un profumo di Christian Dior; in bocca è morbidissimo e di una freschezza commovente.Non vorrei essere ripetitivo fino alla pallosità ma non bevo nulla di 2016 che non sia godimento puro.Non una struttura possente ma una piacevolezza e lunghezza incredibili.Ottimo
Memento Audere Semper
Mike76
Messaggi: 1099
Iscritto il: 23 nov 2011 09:53
Località: Pontedera (PI)

Re: LE BEVUTE DI LUGLIO 2020

Messaggioda Mike76 » 25 lug 2020 00:36

Un paio di settimane fa, allo Scoglietto di Rosignano, ci siamo divertiti a sbocciare alla cieca (anche troppo) qualche bianchino sul mare...
Questo il posticino...

Immagine

Dopo una bolla di disimpegno per togliere il salmastro dai bicchieri (Tagliamare di Argiolas), si comincia con...

Immagine

Diogene Tissier è maturo e rilassato, ma Prevostat scalpita e vince la batteria. Due bolle diverse, ma buone entrambe.

Immagine

Appena saputo di un millesimato 2008 al tavolo, ho portato il mio Abate Cuvée, che aspettava nascosto nell'armadio... un 8-0 senza storia e scontato...certo una debacle così, per certi versi la prevedevo, ma speravo di sbagliarmi...no, in realtà ne ero certo..

Immagine

Poi, metto questo Chassagne 1er contro lo sciardonné abruzzese...altro 0-8 inevitabile...Colin in forma, giovanisimo, tagliente, burroso, minerale e floreale...l'altro non pervenuto...

Immagine

Poi, la casualità...un Verdicchio maturo contro un Meursault embrionale...non ci può essere un vincitore, o forse lo sono entrambi...un Verdicchio di 22 anni in questa forma per me vince...il Meursault si sente che ha tanta strada davanti, ma ad oggi è molto indietro ed atipico...piaciuti molto entrambi, per motivi diversi...

Immagine

Qui si spinge il tasto reset...il nipote di Jayer...
Aghi di pino, incenso, ciliegia...e anche moltro altro, ma forse eravamo troppo cotti per dargli l'attenzione giusta...grande vino, in ogni caso.

Immagine

Sul dessert si mette Saracco e non si sbaglia mai...
Riepilogo:

Immagine

Alla prossima...
Fedevarius
Messaggi: 423
Iscritto il: 24 mag 2016 14:47
Località: Firenze

Re: LE BEVUTE DI LUGLIO 2020

Messaggioda Fedevarius » 25 lug 2020 08:21

Mike76 ha scritto:Un paio di settimane fa, allo Scoglietto di Rosignano, ci siamo divertiti a sbocciare alla cieca...


Una curiosità (anzi due): avevate portato voi le bottiglie o le avete fatte scegliere e stagnolare dal ristorante?

(e come vi sembrato il posto dal punto di vista del cibo?)
"E poi se la gente sa, e la gente lo sa che sai suonare, suonare ti tocca per tutta la vita, e ti piace lasciarti ascoltare…"
https://www.instagram.com/winerumors/
Mike76
Messaggi: 1099
Iscritto il: 23 nov 2011 09:53
Località: Pontedera (PI)

Re: LE BEVUTE DI LUGLIO 2020

Messaggioda Mike76 » 25 lug 2020 10:26

Fedevarius ha scritto:Una curiosità (anzi due): avevate portato voi le bottiglie o le avete fatte scegliere e stagnolare dal ristorante?

(e come vi sembrato il posto dal punto di vista del cibo?)


Risposto in pvt... :wink:
rossobarbagia
Messaggi: 270
Iscritto il: 07 giu 2017 10:27

Re: LE BEVUTE DI LUGLIO 2020

Messaggioda rossobarbagia » 26 lug 2020 00:33

Aperto un Sagrantino di Montefalco il Colleallodole di M.Antano del 1998...se non sbaglio la sua prima annata di questo cru.
Vino che sembra morto...piatto. Zero emozioni.
Son vini che van bevuti prima. Ne avevo preso 3 bottiglie...questa è la 2di3...la prima uguale. Dalla 3a mi aspetto lo stesso. Staremo a vedere.
Quel che è sicuro è che il Sagrantino non regge / peggiora dopo tutti questi anni.
rossobarbagia
Messaggi: 270
Iscritto il: 07 giu 2017 10:27

Re: LE BEVUTE DI LUGLIO 2020

Messaggioda rossobarbagia » 26 lug 2020 00:36

Stappata stasera...per la prima volta...un palette rosè di Chateau Simone 2014.
Bevuto in abbinamento ad una paella di pollo. Gran bel abbinamento e gran bel rosè.
Il migliore mai assaggiato. Di pericolosa beva. Colore bellissimo.
Gran bella bottiglia.
piergi
Messaggi: 2372
Iscritto il: 06 giu 2007 13:41
Località: corigliano calabro
Contatta:

Re: LE BEVUTE DI LUGLIO 2020

Messaggioda piergi » 26 lug 2020 12:44

Fiano di Avellino 09- Pietracupa
Vino salgariano. Mari che non ho mai solcato, frutta che non ho mai assaggiato, fiori che non ho mai odorato. Tutto parla di viaggi esotici, spezie orientali e libri di tanti anni fa.
Strane luci di pioggia...splende il sole,fa' bel tempo...nell'era democratica.

http://igolosotopi.blogspot.com
http://timpadeilupi.blogspot.com/
http://www.timpadeilupi.it
Avatar utente
Ludi
Messaggi: 3081
Iscritto il: 22 lug 2008 10:02
Località: Roma

Re: LE BEVUTE DI LUGLIO 2020

Messaggioda Ludi » 26 lug 2020 20:37

Colin Seguin, Nuits St Georges 1er cru Blanc 2010: tutto sommato non male, trattandosi di un vino non certo iperblasonato.....relativamente semplice, ma ben fatto.
Querciabella, Chianti Classico 2009: da il meglio di se un giorno dopo l'apertura quando oltre una speziatura sin troppo accentuata fa risaltare un bel frutto.
Valle Reale, Cerasuo d'Abruzzo Notte 2015: semplice e scorrevole, ma sembra più un rosato della costa toscana che un Cerasuolo.
Marques de Murrieta, Rioja Blanco Capellania 2011: regge ancora bene, grazie ad un notevole spunto sapido-acido. Legno assorbito (ma c'è voluto un po'.....)
Cantina La Spina, Rosso Spina 2012: Montepulciano con saldo di Nebbiolo (!). Ammicca un po' al gusto internazionale, ed in particolar modo ai vini merlotizzati. Lo ricordavo meglio.
Ultima modifica di Ludi il 27 lug 2020 12:56, modificato 1 volta in totale.
alleg
Messaggi: 646
Iscritto il: 10 feb 2014 22:26
Località: Parma/Milano

Re: LE BEVUTE DI LUGLIO 2020

Messaggioda alleg » 27 lug 2020 12:04

Sabato sera con aggiughe del cantabrico in guazzetto, linguine vongole e bottarga, polipo alla luciana, gamberoni lardellati e passati in padella con burro e riduzione di Chateu Musar (si veda sotto):

Bollinger Special Cuvee: secondo in pochi mesi, grande goduta, comfort wine per eccellenza biscottoso senza essere pesante, acido il giusto. La bellezza della normalità...

Larmandier Berniere Terre de Vertus 2012: una katana di salinità e acidità super sgrassante accompagnato da un frutto non pesante ma ben presente. Equilibrio notevole sebbene cercato in maniera ben diversa dal precedente.

Chateau Musar Blanc 2006: ossidato ed utilizzato per sfumare i gamberoni tuttavia manteneva comunque una certa eleganza e piacevolezza. Fosse stato un Jura non si sarebbe lamentato nessuno ed infatti la bottiglia è finita comunque.

Cascina Baricchi VN03 (lotto 2013): timorasso macerato qualche giorno, molto sauvage ma con acetica e puzzette ben dentro i limiti tollerabili (per me). Abbisogna di un po' di aria ma si distende egregiamente arrivando ad una persistenza mirabile e senza il carattere eccessivamente boteriano di alcuni timorasso.

Georg Mosbacher UNGEHEUER GG 2016: infanticidio, acidità assassina, limonoso. La materia c'è ma è tanto tanto compressa. Ha da riposare ancora parecchio.

Aires de Vendimia 2017 Bierzo: confermo le mie impressioni precedenti. Tanto sale, poco frutto ma non poco corpo. Vino che dimostra comunque un certo peso che regge bene l'abbinamento col polipo.

La Ca Nova Barbaresco 2016 Montefico: rapporto qualità prezzo strepitoso, frutto puro, stratificato, viola secca e classicismo a profusione. Bello bello.

Bevuti anche uno champo millesimato 2014 veramente piacevole (di cui però non ricordo il produttore) che fa ricredere sul fatto che sia stata annata terribile in zona e un macon verze trascurabile, con sapori quasi chimici.
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 8938
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: LE BEVUTE DI LUGLIO 2020

Messaggioda zampaflex » 28 lug 2020 10:45

Barbaglia - Boca 2010

Non mi è piaciuto. Rigido, un poco verde, ispido, dal tannino ancora irsuto, per nulla concessivo, aromaticamente modesto e nemmeno un campione di lunghezza.

:D :D :)
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Ziliovino
Messaggi: 3191
Iscritto il: 10 giu 2007 17:48
Località: (Bg)

Re: LE BEVUTE DI LUGLIO 2020

Messaggioda Ziliovino » 28 lug 2020 10:48

Immagine  

Rioja Rosado Gran Reserva 2010 - Lopez de HerediaSaumur Champigny 
Cristal Closed 2015 - Come Isambert
MoselPundericher Marienburg Riesling auslese*** 2003 - Weingut Clemens Busch

Ero curioso di stappare l'annata appena uscita del rosado: è sempre lui, grande, anzi grandissimo, fiori e frutta fresca, spezie e leggera ruggine, fresco elegante e lungo al sorso. Il Saumur si conferma buono, ma meno performante della bottiglia gemella stappata l'anno scorso, sempre sui frutti di rovo e dalla bocca agile che ha permesso di reggere uno spaghetto aio-oio-peperoncino. Placido e disteso l'auslese, necessita di aria per aprirsi sulle pesche, albicocche disidratate e spezia dolce.
"Il successo di tavernello invita a riflettere"
(Anonimo, bomboletta spray su muro)

"Il vino non lo scegli... è lui che sceglie te"
lucastoner
Messaggi: 536
Iscritto il: 20 giu 2009 09:59

Re: LE BEVUTE DI LUGLIO 2020

Messaggioda lucastoner » 28 lug 2020 10:59

Poderi Aldo Conterno , Barolo Cicala 1997
Che belli i nebbioli fatti bene...
Goloso da rubarsi la bottiglia dalle mani. Terziarizzato ma vivo e con ancora prospettiva evolutiva. Già dal colore c'eran belle speranze, in quanto da un nebbiolo di 23 anni ti aspetti un po' più di granato, che qui invece era solo nell'unghia.
Naso che gioca tra spezie tabacco e fiori secchi. Bocca vellutata , con tannino risolto , ancora tanta vivacità e un bel corpo assolutamente non esile.
Avercene... :mrgreen:
Avatar utente
pumpkin
Messaggi: 1634
Iscritto il: 11 giu 2007 11:55
Località: milano

Re: LE BEVUTE DI LUGLIO 2020

Messaggioda pumpkin » 28 lug 2020 12:31

rossobarbagia ha scritto:Aperto un Sagrantino di Montefalco il Colleallodole di M.Antano del 1998...se non sbaglio la sua prima annata di questo cru.
Vino che sembra morto...piatto. Zero emozioni.
Son vini che van bevuti prima. Ne avevo preso 3 bottiglie...questa è la 2di3...la prima uguale. Dalla 3a mi aspetto lo stesso. Staremo a vedere.
Quel che è sicuro è che il Sagrantino non regge / peggiora dopo tutti questi anni.


Lo hai comprato all'uscita o di recente? Nel secondo caso. tieni conto che potrebbe essere anche il risultato di una cattiva conservazione.
Lungi da me l'idea di difendere il Sagrantino, vino che non è molto nelle mie corde, ma ho bevuto un paio di mesi fa un Collepiano 2000 che avevo dimenticato di avere ed era ancora integro.
rossobarbagia
Messaggi: 270
Iscritto il: 07 giu 2017 10:27

Re: LE BEVUTE DI LUGLIO 2020

Messaggioda rossobarbagia » 28 lug 2020 14:14

pumpkin ha scritto:
rossobarbagia ha scritto:Aperto un Sagrantino di Montefalco il Colleallodole di M.Antano del 1998...se non sbaglio la sua prima annata di questo cru.
Vino che sembra morto...piatto. Zero emozioni.
Son vini che van bevuti prima. Ne avevo preso 3 bottiglie...questa è la 2di3...la prima uguale. Dalla 3a mi aspetto lo stesso. Staremo a vedere.
Quel che è sicuro è che il Sagrantino non regge / peggiora dopo tutti questi anni.


Lo hai comprato all'uscita o di recente? Nel secondo caso. tieni conto che potrebbe essere anche il risultato di una cattiva conservazione.
Lungi da me l'idea di difendere il Sagrantino, vino che non è molto nelle mie corde, ma ho bevuto un paio di mesi fa un Collepiano 2000 che avevo dimenticato di avere ed era ancora integro.


Acquistato qualche anno fa...ho preso un rischio.
Da non rifare con un sagrantino.
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 8938
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: LE BEVUTE DI LUGLIO 2020

Messaggioda zampaflex » 28 lug 2020 14:25

Arici - Franciacorta Franciacorta Dosaggio Zero zeronero 2015

Sboccatura luglio 2019.
Naso grazioso, sui frutti rossi, un filo di lievito appena aperto, poco intenso. Appena si scalda esce la tipica nota franciacortina di fieno/miele.
Bocca male male: non c'è molto sapore, è acida senza contrappesi, di poco corpo e chiude brutta amara e metallica. Implora il cibo per cavarsela.

Un altro FC scartato. Next please.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 13345
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: LE BEVUTE DI LUGLIO 2020

Messaggioda Alberto » 28 lug 2020 14:28

VdT Bianco Vino di Buccia, Luciano Capellini, 2006? (solo L. BC 06 in etichetta), 15%
Ottenuto col tradizionale metodo del ripasso di un Cinque Terre secco sulle vinacce dello Sciacchetrà.
Ambrato con curiosi riflessi rossi, brillantissimo. Iodio sparato all'inizio, poi elastico/copertone, scorza d'arancia essiccata, un tocco di vernice, e tutto il ventaglio della frutta secca possibile; bocca dall'attacco mediamente dolce (ipotizzo un residuo di 60-70 g/l) sull'albicocca disidratata, ma che poi si asciuga notevolmente, complice un'acidità veramente alta. Finale apertamente tannico. Ah, dimenticavo: una bevibilità devastante...altro che mezza bottiglia, ci sarebbe stata bene una magnum!!!
Clamoroso poi l'abbinamento con un'"orizzontale" di alici: 1) marinate 6 giorni con olio limone sale e pepe dal sottoscritto; 2) Cantabriche in olio di oliva (Consorcio); 3) Mediterranee in olio di semi (Scalia)...con le due sott'olio (soprattutto con le cantabriche) sembrava letteralmente di sgranocchiare una nocciola tostata, mai sentita una cosa del genere.
Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De Andrè
Nexus1990
Messaggi: 730
Iscritto il: 23 feb 2019 23:33

Re: LE BEVUTE DI LUGLIO 2020

Messaggioda Nexus1990 » 29 lug 2020 11:30

Per il mio compleanno una bella bevuta di tagli bordolesi, Lunedì sera:
Sull’antipasto (salumi e formaggi)
Fiano di Avellino Vigna Guadagno 2014
Al naso sembra quasi un greco, con un filo d’idrocarburo, una consistenza “rocciosa” accompagnata da un bel frutto. Bocca molto tesa e affilata, freschissima. In grande beva ma ancora molto giovane, bellissima sopresa
Sul primo (Pappardelle al ragù di agnello)
Serro Il Mottolo 2016
Solita certezza, vorrei berlo tra qualche anno per vedere l’evoluzione ma a questi ritmi non mi rimarrà nulla :D
Bella presenza di cioccolato, bocca morbida ma che non difetta in freschezza, paga i 15 anni in meno rispetto al vicino di batteria.
Chateau Sociando Mallet 2001
Colore irreale, ancora rubino intensissimo, impenetrabile.
Inizialmente un po’ arcigno, si apre in mezz’oretta: freschezza alle stelle data da grande apporto di erbe balsamiche bilanciate da un ricordo di carne affumicata. In bocca gioventù incredibile, tannino quasi maleducato, si conferma la freschezza con ottima aciditá e grande balsamicità in retrolfattiva. Finale alla liquirizia e una bella persistenza carnosa.
Sul secondo: grigliata mista (salsiccia, coppa di maiale, Costata, T-Bone)
Montevetrano 1999
Naso della serata: speziatissimo, spazia da pepe a chiodi di garofano, con il tempo più peperoncino che peperone verde e qualche rimando floreale. Complessità olfattiva impressionante. In bocca bello vivo, aciditá presente, tannino ancora presente ma mansueto. Buona lunghezza con riverberi vegetali. In definitiva il vino più espresso della serata, bocca con intensità decisamente inferiore al suo compagno di tavola.
Chateau PontetCanet 1990
Naso all’inzio molto austero, dopo un po’ esce un frutto inopinato, accompagnato da una bella nota di cioccolato fondente e qualcosa di floreale (uno degli astanti ha proposto la viola, forse sì ma non ci giurerei). In bocca tannini di qualità sopraffina, quasi “vegetali”, legano un sorso incredibilmente vivo ma compiuto, lunghissimo, viscoso, con un equilibrio mirabile in cui si rincorrono, in ordine sparso il frutto, la mandorla, l’affumicatura. Alla cieca non gli avrei mai dato 30 anni. Grande vino, piccola critica al naso, meno intenso di quanto mi aspettavo ma la compiutezza della bocca cancella tutto.
Ziliovino
Messaggi: 3191
Iscritto il: 10 giu 2007 17:48
Località: (Bg)

Re: LE BEVUTE DI LUGLIO 2020

Messaggioda Ziliovino » 29 lug 2020 17:10

Immagine
 
 
Immagine


Qualche bottiglia per il mio compleanno:

Champagne Brut - Lilbert-Fils. Davvero un ottimo base da aperitivo, fresco e sapido, molto piacevole, si comporta pienamente da Blanc de Blancs come da etichetta, produttore che non conoscevo, sarebbe da approfondire direi...

Champagne Couvée Louise 1999 - Pommery. Ancora nel pieno della giovinezza, intenso e cremoso, il passaggio in legno si nota ma non in modo invadente, nel complesso non male, ma le emozioni stanno altrove.

Champagne Texas Sesquicentennial Cuvée 1980 Brut - Veuve Clicquot Ponsardin. Allo stappo fa ancora pppffssssttt e la bolla c'è ancora, ma lo abbiamo preso un po' per i capelli, o forse era appena un passo oltre, con l'ossidazione che comincia a farsi sentire senza coprire del tutto l'agrume che ritorna al sorso al sorso insieme a ritorni di cognac, bocca ancora fresca comunque.

Venezia Giulia Chardonnay 2009 - Kante. Sviluppo molto classico con agrume-burro-frutta gialla matura, e bocca di medio corpo e buona grassezza, forse un pelo perfettino ma stupisce comunque per la tenuta nel tempo, sembra ancora giovane e pimpante. Fosse riportato in etichetta il village di Prepottoigny-Montrachet probabilmente si sprecherebbero le lodi :-)

Venezia Giulia Ribolla Gialla 1997 - Gravner. Questo mi è proprio piaciuto, inizialmente chiuso, diventa poi un mix tra un tè di Ceylon ed il tamarindo Carlo Erba, equilibrato e di buon corpo al sorso, regge perfino l'abbinamento con degli arroganti hamburger-bacon-cipolla alla griglia. 

Venezia Giulia bianco Vintage Tunina 1996 - Jermann. tappaccio malefico ed imprecazioni in diverse lingue antiche...

Champagne L'Overture Brut - Savart. sb.2018. Bolla esuberante, m'è parso uno Champagne ancora in divenire, con belle cose da dire in futuro, ricco e con una bella sapidità, in questa fase sembra forse meno pinot noir di quanto in realtà non sia (100%).

Mosel Piesporter Goldtropfchen Riesling Spatlese 2002 - Haart. Davvero ottimo da stappare oggi, disteso e di ottimo equilibrio tra grassezza-freschezza-residuo, da bere a garganella direi, con un naso tra agrume, uva spina e sentori tropicali, pochissimo idrocarburo.

Inzolia di Samperi vino liquoroso - De Bartoli. Scovato in una vecchia cantina insieme ad altri vecchi De Bartoli, secondo il produttore è un imbottigliamento di circa 35 anni fa, al sorso si comporta da Marsala semi-secco se vogliamo, con buona freschezza, e con fico secco, liquirizia e caramello al naso. Un'esperienza.
"Il successo di tavernello invita a riflettere"
(Anonimo, bomboletta spray su muro)

"Il vino non lo scegli... è lui che sceglie te"
Avatar utente
Kalosartipos
Messaggi: 13513
Iscritto il: 07 giu 2007 13:57
Località: Cremona
Contatta:

Re: LE BEVUTE DI LUGLIO 2020

Messaggioda Kalosartipos » 29 lug 2020 19:37

Ziliovino ha scritto:
Champagne Brut - Lilbert-Fils. Davvero un ottimo base da aperitivo, fresco e sapido, molto piacevole, si comporta pienamente da Blanc de Blancs come da etichetta, produttore che non conoscevo, sarebbe da approfondire direi....


Lunedì sera ne ho bevuto un paio di calici pure io e confermo la gradevolezza.. nota gessosa evidente, per me..
"La vita è breve e bisogna che uno se la beva tutta".
Osvaldo Soriano - "L'ora senz'ombra"
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 13345
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: LE BEVUTE DI LUGLIO 2020

Messaggioda Alberto » 30 lug 2020 19:39

Mosel Bernkastel Lay VDP.Grosse Lage Riesling Feinherb, Wegeler, 2015 (12,5%)
Paglierino consistente, con lievissima carbonica residua, che presto svanisce girando il bicchiere. Decisamente maturo nel frutto, senza però mai perdere la coloritura verde di fondo al naso (mela renetta); bocca sicuramente concentrata, speziata, lievitosa, con bei richiami agrumati verso il finale, che però nel complesso manca di un filino di freschezza e di "zing". Giusta la scelta di modulare il residuo zuccherino come feinherb (tendente comunque al secco), se l'avessero tirato a zero avrebbero ottenuto probabilmente un GG anche troppo carico e alcolico. Mano senza particolari colpi di genio, un po' da "cantinone" qual è Wegeler, ma nemmeno senza sbavature, direi un'espressione della Mittel-Mosel in annata ricca didascalica, e un po' "volemose bene".
Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De Andrè
ale1984
Messaggi: 438
Iscritto il: 10 gen 2018 15:40

Re: LE BEVUTE DI LUGLIO 2020

Messaggioda ale1984 » 30 lug 2020 23:26

In mezzo al marasma dei vini dimenticabili e dimenticati:

Valentini - Trebbiano 2014
Frutta gialla matura, fiori recisi, fieno, camomilla, cereali (sensazioni quasi “birrose “), salamoia/salsedine. In bocca spinge forte, acidità ancora tagliente, sorso piccante. Ritornano tutti i sentori e ne escono di nuovi, legati in particolar modo alla famiglia degli agrumi. Persistenza da misurare in minuti. Sul gradino più alto del podio mensile, accompagnato da Paul Bara - Brut Millesimè GC 2008 (indietrissimo) e Bruno Clair - Marsannay Les Vaudenelles 2015.

Subito sotto al podio Marilena Barbera - Dietro le case 2018 (Inzolia della zona di Menfi).
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 8938
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: LE BEVUTE DI LUGLIO 2020

Messaggioda zampaflex » 31 lug 2020 20:31

Castel Juval - Riesling Windbichel 2008

Dopo qualche chiacchiera qui avevo voglia di provarlo anziano, sto riesling nostrano. Che finora ho bevuto mai sopra i quattro anni dall'imbottigliamento. Spettacolo.
Idrocarburo, pesca, erbe, attacca piuttosto largo e invadente con la pesca ed una sensazione di residuo, sottofondo vegetale e di zagara e scorza di limone, ritmata arriva l'onda salina che conclude in una grande lunga retrolfazione a tono.
Non avrà la puntuta acidità krukka, non avrà la smanceria fruttata alsaziana, ma è un gran bel riesling.
Con scappellamento all'enoteca che l'ha conservato così bene.

:D :D :D :D
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Ale Lenzi, dani23, teo777full e 1 ospite