Tannico: Bottiglie da collezione

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Kevmit
Messaggi: 406
Iscritto il: 19 ott 2012 12:16

Re: Tannico: Bottiglie da collezione

Messaggioda Kevmit » 12 giu 2019 16:45

Biavo ha scritto:Su alcuni prodotti altro che 30%...

Uno dei miei champagne preferiti: SAINT VINCENT RL LEGRAS 2008, su un sito francese piuttosto noto 69 euro (lo pagavo 57 fino a 2/3 mesi fa), su Tannico 133,30... :shock:



si chiama "minimo ricarico" :mrgreen:
Smarco
Messaggi: 3499
Iscritto il: 18 nov 2012 15:01
Località: Ascoli Piceno

Re: Tannico: Bottiglie da collezione

Messaggioda Smarco » 12 giu 2019 17:16

Kevmit ha scritto:
Biavo ha scritto:Su alcuni prodotti altro che 30%...

Uno dei miei champagne preferiti: SAINT VINCENT RL LEGRAS 2008, su un sito francese piuttosto noto 69 euro (lo pagavo 57 fino a 2/3 mesi fa), su Tannico 133,30... :shock:



si chiama "minimo ricarico" :mrgreen:

se vabbè... io in Francia ho visto Luce della Vite 2016 a 92+iva... è normale che cercare un prodotto francese in un enoteca Italiana non sarà mai conveniente... idem il contrario
p.s. non per difendere Tannico è! sinceramente non me ne pò frega di meno :D
Biavo
Messaggi: 457
Iscritto il: 11 nov 2016 12:46
Località: Parma

Re: Tannico: Bottiglie da collezione

Messaggioda Biavo » 12 giu 2019 18:30

Smarco ha scritto:
Kevmit ha scritto:
Biavo ha scritto:Su alcuni prodotti altro che 30%...

Uno dei miei champagne preferiti: SAINT VINCENT RL LEGRAS 2008, su un sito francese piuttosto noto 69 euro (lo pagavo 57 fino a 2/3 mesi fa), su Tannico 133,30... :shock:



si chiama "minimo ricarico" :mrgreen:

se vabbè... io in Francia ho visto Luce della Vite 2016 a 92+iva... è normale che cercare un prodotto francese in un enoteca Italiana non sarà mai conveniente... idem il contrario
p.s. non per difendere Tannico è! sinceramente non me ne pò frega di meno :D



In un'enoteca (fisica) a Parma è a 85... :wink:
alì65
Messaggi: 11577
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: Tannico: Bottiglie da collezione

Messaggioda alì65 » 12 giu 2019 18:58

si, insomma, signori di Tannico, non ne uscite bene da questa vicenda
uno va sul web per risparmiare ed invece la prende in c@@o......ma non credo siano tutti con i paraocchi, almeno spero, e se vende (Tannico) han ragione loro
futuro incerto...ma w la gnocca!!!
sburtt
Messaggi: 307
Iscritto il: 24 mag 2017 12:29

Re: Tannico: Bottiglie da collezione

Messaggioda sburtt » 12 giu 2019 19:32

Certo mica vi capisco... ma perche' vi accanite tanto con TANNICO??
Premessa che forse negli ultimi 10 anni da Tannico avro' comprato 1 volta agli inizi, ma sono liberi di fare quello che vogliono, ed inoltre se hanno fatto questa iniziativa probabilmente credono che il business gli possa funzionare.... venderanno all'estero, mentre per chi vuol vendere e' un canale di sbocco nuovo, quindi benvenga e crepi l'avarizia, invece di essere critici cerchiamo di apprezzare chi fa business in un paese come l'Italia dove il business tende a morire... ed invece di lamentarsi perche' quelli sul forum che ricevono le bottiglie in allocazione i baroli di G. Rinaldi a 47.50+iva non le offrono ad altri forumisti a 65-75euro come qualche anno fa ed invece fanno tutti i furbetti e chiedono 150+??? che differenza c'e con TANNICO??? O esempio Sassicaia e tanti altri??? Azzoo.. andate a lavorare invece che lamentarvi :wink: :D :D
Smarco
Messaggi: 3499
Iscritto il: 18 nov 2012 15:01
Località: Ascoli Piceno

Re: Tannico: Bottiglie da collezione

Messaggioda Smarco » 12 giu 2019 20:00

Biavo ha scritto:
Smarco ha scritto:
Kevmit ha scritto:
Biavo ha scritto:Su alcuni prodotti altro che 30%...

Uno dei miei champagne preferiti: SAINT VINCENT RL LEGRAS 2008, su un sito francese piuttosto noto 69 euro (lo pagavo 57 fino a 2/3 mesi fa), su Tannico 133,30... :shock:



si chiama "minimo ricarico" :mrgreen:

se vabbè... io in Francia ho visto Luce della Vite 2016 a 92+iva... è normale che cercare un prodotto francese in un enoteca Italiana non sarà mai conveniente... idem il contrario
p.s. non per difendere Tannico è! sinceramente non me ne pò frega di meno :D



In un'enoteca (fisica) a Parma è a 85... :wink:

Bè si sai come è?... stare in un enoteca a Parma non è proprio come stare su internet spendendo migliaia di euro in posizionamento...
Smarco
Messaggi: 3499
Iscritto il: 18 nov 2012 15:01
Località: Ascoli Piceno

Re: Tannico: Bottiglie da collezione

Messaggioda Smarco » 12 giu 2019 20:02

sburtt ha scritto:ed invece di lamentarsi perche' quelli sul forum che ricevono le bottiglie in allocazione i baroli di G. Rinaldi a 47.50+iva non le offrono ad altri forumisti a 65-75euro come qualche anno fa ed invece fanno tutti i furbetti e chiedono 150+??? che differenza c'e con TANNICO???

Che tannico paga le tasse e loro no :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol:
alì65
Messaggi: 11577
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: Tannico: Bottiglie da collezione

Messaggioda alì65 » 12 giu 2019 21:22

sburtt ha scritto:Certo mica vi capisco... ma perche' vi accanite tanto con TANNICO??
Premessa che forse negli ultimi 10 anni da Tannico avro' comprato 1 volta agli inizi, ma sono liberi di fare quello che vogliono, ed inoltre se hanno fatto questa iniziativa probabilmente credono che il business gli possa funzionare.... venderanno all'estero, mentre per chi vuol vendere e' un canale di sbocco nuovo, quindi benvenga e crepi l'avarizia, invece di essere critici cerchiamo di apprezzare chi fa business in un paese come l'Italia dove il business tende a morire... ed invece di lamentarsi perche' quelli sul forum che ricevono le bottiglie in allocazione i baroli di G. Rinaldi a 47.50+iva non le offrono ad altri forumisti a 65-75euro come qualche anno fa ed invece fanno tutti i furbetti e chiedono 150+??? che differenza c'e con TANNICO??? O esempio Sassicaia e tanti altri??? Azzoo.. andate a lavorare invece che lamentarvi :wink: :D :D


a dire il vero sono loro che hanno scritto il ricarico minimo sulle bt top di gamma; o non sanno acquistare oppure hanno la coda di paglia
a parte tutto il problema è comune e l'unica via affidabile è sempre l'enoteca sotto casa
futuro incerto...ma w la gnocca!!!
maxer
Messaggi: 2888
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: nordico

Re: Tannico: Bottiglie da collezione

Messaggioda maxer » 12 giu 2019 21:37

Biavo ha scritto:Su alcuni prodotti altro che 30%...

Uno dei miei champagne preferiti: SAINT VINCENT RL LEGRAS 2008, su un sito francese piuttosto noto 69 euro (lo pagavo 57 fino a 2/3 mesi fa), su Tannico 133,30... :shock:

..... sì, ma l' Iva ? ..... :mrgreen:
carpe diem 8)
sburtt
Messaggi: 307
Iscritto il: 24 mag 2017 12:29

Re: Tannico: Bottiglie da collezione

Messaggioda sburtt » 12 giu 2019 22:21

alì65 ha scritto:
sburtt ha scritto:Certo mica vi capisco... ma perche' vi accanite tanto con TANNICO??
Premessa che forse negli ultimi 10 anni da Tannico avro' comprato 1 volta agli inizi, ma sono liberi di fare quello che vogliono, ed inoltre se hanno fatto questa iniziativa probabilmente credono che il business gli possa funzionare.... venderanno all'estero, mentre per chi vuol vendere e' un canale di sbocco nuovo, quindi benvenga e crepi l'avarizia, invece di essere critici cerchiamo di apprezzare chi fa business in un paese come l'Italia dove il business tende a morire... ed invece di lamentarsi perche' quelli sul forum che ricevono le bottiglie in allocazione i baroli di G. Rinaldi a 47.50+iva non le offrono ad altri forumisti a 65-75euro come qualche anno fa ed invece fanno tutti i furbetti e chiedono 150+??? che differenza c'e con TANNICO??? O esempio Sassicaia e tanti altri??? Azzoo.. andate a lavorare invece che lamentarvi :wink: :D :D


a dire il vero sono loro che hanno scritto il ricarico minimo sulle bt top di gamma; o non sanno acquistare oppure hanno la coda di paglia
a parte tutto il problema è comune e l'unica via affidabile è sempre l'enoteca sotto casa


premessa che io sono un appassionato bevitore con una bella cantina quindi non ho nessun interesse a prender le difese di tannico.... ma secondo sono molto peggio i privati che comprano e rivendono come parassiti, mentre tannico ha costi di struttura, personale, publicita' etc ed inoltre paga anche le tasse... alla fine dei conti certo non campa vendendo qualche bottiglia in piu' cosi, ma al contrario sui grandi volumi, e se non ci credi e' perche' non capisci come funziona questo business.

Riguardo all'enoteca sotto casa, beato tu che ti accontenti o magari hai una gran bella enoteca sotto casa, perche' secondo me ci sono molti canali interessanti (specialmente all'estero) dove comprar vino di qualita' e tenuto bene (o forse io sono sempre stato fortunato), mentre spesso le enoteche in italia con il caldo e tenendo il vino sullo scaffale... hmmm, poi certo non farei di tutta l'erba un fascio, ma il mondo e' cambiato negli ultimi 20 anni e anche quello del commercio del vino
alì65
Messaggi: 11577
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: Tannico: Bottiglie da collezione

Messaggioda alì65 » 13 giu 2019 06:34

sburtt ha scritto:
alì65 ha scritto:
sburtt ha scritto:Certo mica vi capisco... ma perche' vi accanite tanto con TANNICO??
Premessa che forse negli ultimi 10 anni da Tannico avro' comprato 1 volta agli inizi, ma sono liberi di fare quello che vogliono, ed inoltre se hanno fatto questa iniziativa probabilmente credono che il business gli possa funzionare.... venderanno all'estero, mentre per chi vuol vendere e' un canale di sbocco nuovo, quindi benvenga e crepi l'avarizia, invece di essere critici cerchiamo di apprezzare chi fa business in un paese come l'Italia dove il business tende a morire... ed invece di lamentarsi perche' quelli sul forum che ricevono le bottiglie in allocazione i baroli di G. Rinaldi a 47.50+iva non le offrono ad altri forumisti a 65-75euro come qualche anno fa ed invece fanno tutti i furbetti e chiedono 150+??? che differenza c'e con TANNICO??? O esempio Sassicaia e tanti altri??? Azzoo.. andate a lavorare invece che lamentarvi :wink: :D :D


a dire il vero sono loro che hanno scritto il ricarico minimo sulle bt top di gamma; o non sanno acquistare oppure hanno la coda di paglia
a parte tutto il problema è comune e l'unica via affidabile è sempre l'enoteca sotto casa


premessa che io sono un appassionato bevitore con una bella cantina quindi non ho nessun interesse a prender le difese di tannico.... ma secondo sono molto peggio i privati che comprano e rivendono come parassiti, mentre tannico ha costi di struttura, personale, publicita' etc ed inoltre paga anche le tasse... alla fine dei conti certo non campa vendendo qualche bottiglia in piu' cosi, ma al contrario sui grandi volumi, e se non ci credi e' perche' non capisci come funziona questo business.

Riguardo all'enoteca sotto casa, beato tu che ti accontenti o magari hai una gran bella enoteca sotto casa, perche' secondo me ci sono molti canali interessanti (specialmente all'estero) dove comprar vino di qualita' e tenuto bene (o forse io sono sempre stato fortunato), mentre spesso le enoteche in italia con il caldo e tenendo il vino sullo scaffale... hmmm, poi certo non farei di tutta l'erba un fascio, ma il mondo e' cambiato negli ultimi 20 anni e anche quello del commercio del vino


compro solo da Mario, vero bottegaio e vinaio superappassionato del bere e mangiare; da lui tante belle cose tenute bene a prezzi corretti.....Mario a parte (che sono rari) Parma pullula di importatori di champo, PAGANO LE TASSE (lo evidenzio perchè non vorrei pensassi male) e hanno prezzi che manco in francia trovi
ognuno ha lo spazio che merita, il web è diventato una giungla anche se aperta al mondo, forse unico pro
per il resto pensala come vuoi ma io acquisto dove costa meno, le bt sono uguali per tutti
saluti
futuro incerto...ma w la gnocca!!!
sburtt
Messaggi: 307
Iscritto il: 24 mag 2017 12:29

Re: Tannico: Bottiglie da collezione

Messaggioda sburtt » 13 giu 2019 10:56

alì65 ha scritto:
sburtt ha scritto:
alì65 ha scritto:
sburtt ha scritto:Certo mica vi capisco... ma perche' vi accanite tanto con TANNICO??
Premessa che forse negli ultimi 10 anni da Tannico avro' comprato 1 volta agli inizi, ma sono liberi di fare quello che vogliono, ed inoltre se hanno fatto questa iniziativa probabilmente credono che il business gli possa funzionare.... venderanno all'estero, mentre per chi vuol vendere e' un canale di sbocco nuovo, quindi benvenga e crepi l'avarizia, invece di essere critici cerchiamo di apprezzare chi fa business in un paese come l'Italia dove il business tende a morire... ed invece di lamentarsi perche' quelli sul forum che ricevono le bottiglie in allocazione i baroli di G. Rinaldi a 47.50+iva non le offrono ad altri forumisti a 65-75euro come qualche anno fa ed invece fanno tutti i furbetti e chiedono 150+??? che differenza c'e con TANNICO??? O esempio Sassicaia e tanti altri??? Azzoo.. andate a lavorare invece che lamentarvi :wink: :D :D


a dire il vero sono loro che hanno scritto il ricarico minimo sulle bt top di gamma; o non sanno acquistare oppure hanno la coda di paglia
a parte tutto il problema è comune e l'unica via affidabile è sempre l'enoteca sotto casa


premessa che io sono un appassionato bevitore con una bella cantina quindi non ho nessun interesse a prender le difese di tannico.... ma secondo sono molto peggio i privati che comprano e rivendono come parassiti, mentre tannico ha costi di struttura, personale, publicita' etc ed inoltre paga anche le tasse... alla fine dei conti certo non campa vendendo qualche bottiglia in piu' cosi, ma al contrario sui grandi volumi, e se non ci credi e' perche' non capisci come funziona questo business.

Riguardo all'enoteca sotto casa, beato tu che ti accontenti o magari hai una gran bella enoteca sotto casa, perche' secondo me ci sono molti canali interessanti (specialmente all'estero) dove comprar vino di qualita' e tenuto bene (o forse io sono sempre stato fortunato), mentre spesso le enoteche in italia con il caldo e tenendo il vino sullo scaffale... hmmm, poi certo non farei di tutta l'erba un fascio, ma il mondo e' cambiato negli ultimi 20 anni e anche quello del commercio del vino


compro solo da Mario, vero bottegaio e vinaio superappassionato del bere e mangiare; da lui tante belle cose tenute bene a prezzi corretti.....Mario a parte (che sono rari) Parma pullula di importatori di champo, PAGANO LE TASSE (lo evidenzio perchè non vorrei pensassi male) e hanno prezzi che manco in francia trovi
ognuno ha lo spazio che merita, il web è diventato una giungla anche se aperta al mondo, forse unico pro
per il resto pensala come vuoi ma io acquisto dove costa meno, le bt sono uguali per tutti
saluti


e fai bene... anche perche' sono impazziti quasi tutti... questa mattina comprato le vongole, vado da un enotecaio dove 2 mesi fa comprai chablis di raveneau 2015 a 50 eur, ora lo ha sullo scaffale a 105 eur... gli dico cosa e' successo??? mi dice il mercato... gli dico, ok tienitela che mi bevo altro... peccato! Poi magari se passo dalle tue parti mi presenti Mario!
Avatar utente
bobbisolo
Messaggi: 297
Iscritto il: 08 set 2017 10:31
Località: Campagnolacucchiaio&stagnola

Re: Tannico: Bottiglie da collezione

Messaggioda bobbisolo » 13 giu 2019 11:19

Smarco ha scritto:se vabbè... io in Francia ho visto Luce della Vite 2016 a 92+iva... è normale che cercare un prodotto francese in un enoteca Italiana non sarà mai conveniente... idem il contrario


...basta cercare :arrow:
br1861
Messaggi: 158
Iscritto il: 06 giu 2007 14:22
Località: Milano - Bologna

Re: Tannico: Bottiglie da collezione

Messaggioda br1861 » 13 giu 2019 23:52

TANNICO . IT ha scritto:Grazie a tutti per i preziosi feedback.
Provo a rispondere ad alcune vostre osservazioni, in particolare sul tema prezzi che sembra starvi molto a cuore.
E' ovvio che Tannico non sia una ONLUS e che dunque quando intraprende un nuovo progetto pensa che possa ricavarne un beneficio. In questo caso però il beneficio per noi risiede molto più nella fidelizzazione dei clienti e nelle possibilità di upselling piuttosto che nei margini che possiamo generare intermediando vini rari, che rimarranno sempre una nicchia rispetto al nostro core business.
Il nostro ricarico è molto limitato e finalizzato a coprire i costi di spedizione, movimentazione merce in magazzino (in ingresso e in uscita), scatti fotografici e produzione dei contenuti sul sito. Inoltre, essendo Tannico una società, sui prezzi di vendita dobbiamo applicare il 22% di iva di legge che negli scambi tra privati non è dovuta. Per rimanere sull'esempio del Tignanello il nostro incasso è 135 euro (30 sono IVA), togliendo i costi di cui sopra si arriva al prezzo che possiamo offrire ai nostri fornitori: intorno ai 105 euro. Se avete Tignanello 1997 che siete disposti a cedere a meno scrivete davvero a collezionisti@tannico.it e valuteremo le vostre bottiglie.
Scattiamo con attrezzatura professionale ogni singola bottiglia e garantiamo che venga consegnata al cliente esattamente la bottiglia ordinata. Sono foto scattate in altissima risoluzione, cliccando sulla stessa è possibile espanderle per poter giudicare tutti i dettagli.

Ma poi ditemi voi dove si trova un'altra bottiglia come questa, se non si ha la fortuna di aver avuto un avo appassionato? Noi cerchiamo di accontentare persone che avvicinatosi al mondo del vino vorrebbero poter avere accesso a queste rarità:

https://www.tannico.it/taurasi-riserva-1968-mastroberardino-57236.html

Un caro saluto

Claudio


Buonasera,

ringrazio per la risposta e mi scuso se non riesco a rispondere con maggiore tempestività.
Di nuovo, metterci la faccia e rispondere è molto apprezzato ma bisogna valutare anche come si risponde, e vedo alcune imprecisioni nella sua riposta che sembrano mirate a fare un po' di confusione intorno al vostro ricarico "molto limitato" che invece ad alcuni di noi non sembra essere tale. Ricordando che siete liberissimi di guadagnare, ed anche tanto se ci riuscite.
Comunque:
1)
L' IVA la paga sempre il cliente finale, quindi io sulla mia bottiglia di Tignanello l'ho pagata, e se la rivendo ad un amico al prezzo di acquisto la sta pagando anche lui. Quello che manca eventualmente è l'iva sul maggior valore (valore aggiunto appunto) se io vendessi la bottiglia ad un prezzo più alto.
2)
Se io le vendo il mio Tignanello a 105 euro, lei lo sta pagando 86 + iva (quando abbiamo venduto bottiglie a qualche azienda ci hanno chiesto una dichiarazione che fossimo privati proprio per poter scorporare l'IVA). Quindi se lo pagate 86 e lo vendete a 135 il vostro margine è di 49 € e non 30 € come da lei indicato
3)
Ultima considerazione, che aiuta però a far sospettare che non sia vero che vi accontentate di un margine molto limitato per il nostro piacere: lei ha elencato una serie di costi (fissi) da coprire che giustificano il vostro prezzo, da cui si capisce che tali costi saranno più o meno 15 € a bottiglia (nel suo esempio ne avrebbe 30 di margine e diciamo che metà siano costi e l'altro effettivo margine). Non posso sapere se siano davvero 15 €, ma se fosse vero quello che lei scrive più cresce il valore della bottiglia che vendete e più si abbassa il vostro ricarico.
Me lo confermi che ho qualche bottiglia di Mouton 2000 da proporvi........

Saluti

PS: appassionati sì, ma (forse proprio per questo) i conti li sappiamo fare anche noi
ioenontu
Messaggi: 22
Iscritto il: 18 mar 2019 21:41

Re: Tannico: Bottiglie da collezione

Messaggioda ioenontu » 14 giu 2019 09:14

br1861 ha scritto:
TANNICO . IT ha scritto:Grazie a tutti per i preziosi feedback.
Provo a rispondere ad alcune vostre osservazioni, in particolare sul tema prezzi che sembra starvi molto a cuore.
E' ovvio che Tannico non sia una ONLUS e che dunque quando intraprende un nuovo progetto pensa che possa ricavarne un beneficio. In questo caso però il beneficio per noi risiede molto più nella fidelizzazione dei clienti e nelle possibilità di upselling piuttosto che nei margini che possiamo generare intermediando vini rari, che rimarranno sempre una nicchia rispetto al nostro core business.
Il nostro ricarico è molto limitato e finalizzato a coprire i costi di spedizione, movimentazione merce in magazzino (in ingresso e in uscita), scatti fotografici e produzione dei contenuti sul sito. Inoltre, essendo Tannico una società, sui prezzi di vendita dobbiamo applicare il 22% di iva di legge che negli scambi tra privati non è dovuta. Per rimanere sull'esempio del Tignanello il nostro incasso è 135 euro (30 sono IVA), togliendo i costi di cui sopra si arriva al prezzo che possiamo offrire ai nostri fornitori: intorno ai 105 euro. Se avete Tignanello 1997 che siete disposti a cedere a meno scrivete davvero a collezionisti@tannico.it e valuteremo le vostre bottiglie.
Scattiamo con attrezzatura professionale ogni singola bottiglia e garantiamo che venga consegnata al cliente esattamente la bottiglia ordinata. Sono foto scattate in altissima risoluzione, cliccando sulla stessa è possibile espanderle per poter giudicare tutti i dettagli.

Ma poi ditemi voi dove si trova un'altra bottiglia come questa, se non si ha la fortuna di aver avuto un avo appassionato? Noi cerchiamo di accontentare persone che avvicinatosi al mondo del vino vorrebbero poter avere accesso a queste rarità:

https://www.tannico.it/taurasi-riserva-1968-mastroberardino-57236.html

Un caro saluto

Claudio


Buonasera,

ringrazio per la risposta e mi scuso se non riesco a rispondere con maggiore tempestività.
Di nuovo, metterci la faccia e rispondere è molto apprezzato ma bisogna valutare anche come si risponde, e vedo alcune imprecisioni nella sua riposta che sembrano mirate a fare un po' di confusione intorno al vostro ricarico "molto limitato" che invece ad alcuni di noi non sembra essere tale. Ricordando che siete liberissimi di guadagnare, ed anche tanto se ci riuscite.
Comunque:
1)
L' IVA la paga sempre il cliente finale, quindi io sulla mia bottiglia di Tignanello l'ho pagata, e se la rivendo ad un amico al prezzo di acquisto la sta pagando anche lui. Quello che manca eventualmente è l'iva sul maggior valore (valore aggiunto appunto) se io vendessi la bottiglia ad un prezzo più alto.
2)
Se io le vendo il mio Tignanello a 105 euro, lei lo sta pagando 86 + iva (quando abbiamo venduto bottiglie a qualche azienda ci hanno chiesto una dichiarazione che fossimo privati proprio per poter scorporare l'IVA). Quindi se lo pagate 86 e lo vendete a 135 il vostro margine è di 49 € e non 30 € come da lei indicato
3)
Ultima considerazione, che aiuta però a far sospettare che non sia vero che vi accontentate di un margine molto limitato per il nostro piacere: lei ha elencato una serie di costi (fissi) da coprire che giustificano il vostro prezzo, da cui si capisce che tali costi saranno più o meno 15 € a bottiglia (nel suo esempio ne avrebbe 30 di margine e diciamo che metà siano costi e l'altro effettivo margine). Non posso sapere se siano davvero 15 €, ma se fosse vero quello che lei scrive più cresce il valore della bottiglia che vendete e più si abbassa il vostro ricarico.
Me lo confermi che ho qualche bottiglia di Mouton 2000 da proporvi........

Saluti

PS: appassionati sì, ma (forse proprio per questo) i conti li sappiamo fare anche noi


scusa se mi permetto di difendere Tannico ma un paio di cose che hai scritto non stanno in piedi...

1) ad essere pignoli il tuo amico non la paga a meno che tu non versi parte della cifra incassata ma dubito fortemente che tu lo faccia
2) non puoi determinare il margine di Tannico usando il prezzo di acquisto senza IVA ed il prezzo di vendita IVA inclusa.... o ontrambi con, o entrambi senza IVA... di quei 49 EUR una buona parte é infatti rappresentata dall'IVA. Per la precisione su 135 EUR ci sono 24 EUR di IVA per cui il margine di Tannico su tale bottiglia é di 25 EUR, praticamente la metà di quello che sostieni tu...


com'era il tuo PS??? appassionati sì, ma (forse proprio per questo) i conti li sappiamo fare anche noi?? :D :D :D
alì65
Messaggi: 11577
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: Tannico: Bottiglie da collezione

Messaggioda alì65 » 14 giu 2019 09:40

ragazzi, l'iva è una partita di giro, non andrebbe mai menzionata nei margini/ricavi
poi le spese sostenute per l'attività (tranne in rari casi come il regime forfettario) si detraggono, se non integralmente, in gran parte
fare i conti in tasca ad una attività diventa difficile se non si conoscono a fondo le varie dinamiche...e non mi pare corretto e Tannico non deve dimostrare nulla del proprio guadagno, ci mancherebbe; tutti traiamo il massimo profitto dalle nostre attività altrimenti saremmo dei pirla
i conti dell'oste (non Andrea, il nostro oste :wink: ) vanno bene fino a mezzodì
a difesa degli appassionati posso solo dire che l'acquisto è dato dal miglior prezzo, mi sembra normale e più che giustificato
futuro incerto...ma w la gnocca!!!
scrio
Messaggi: 9936
Iscritto il: 06 giu 2007 18:20

Re: Tannico: Bottiglie da collezione

Messaggioda scrio » 14 giu 2019 10:27

Tignanello 2010 cl 75 190,00

p.s iva compresa :mrgreen:
Tutti i pacchi che spedisco sono assicurati, prima di firmare, controllate ed annotate evnt anomalie sulla lettera di vettura. La merce parte subito dopo aver ricevuto il pagamento.
alì65
Messaggi: 11577
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: Tannico: Bottiglie da collezione

Messaggioda alì65 » 14 giu 2019 12:08

scrio ha scritto:Tignanello 2010 cl 75 190,00

p.s iva compresa :mrgreen:


niente da fare; mi sembrano indifendibili... :mrgreen:
futuro incerto...ma w la gnocca!!!
ZEL WINE
Messaggi: 7134
Iscritto il: 06 giu 2007 16:36

Re: Tannico: Bottiglie da collezione

Messaggioda ZEL WINE » 14 giu 2019 12:43

Qualche professore di ragioneria 1 si deve essere suicidato
fama di loro il mondo esser non lassa;
misericordia e giustizia li sdegna:
non ragioniam di lor, ma guarda e passa.
Avatar utente
Andyele
Messaggi: 5111
Iscritto il: 06 feb 2009 17:21
Località: Massa

Re: Tannico: Bottiglie da collezione

Messaggioda Andyele » 14 giu 2019 13:54

br1861 ha scritto:
TANNICO . IT ha scritto:Grazie a tutti per i preziosi feedback.
Provo a rispondere ad alcune vostre osservazioni, in particolare sul tema prezzi che sembra starvi molto a cuore.
E' ovvio che Tannico non sia una ONLUS e che dunque quando intraprende un nuovo progetto pensa che possa ricavarne un beneficio. In questo caso però il beneficio per noi risiede molto più nella fidelizzazione dei clienti e nelle possibilità di upselling piuttosto che nei margini che possiamo generare intermediando vini rari, che rimarranno sempre una nicchia rispetto al nostro core business.
Il nostro ricarico è molto limitato e finalizzato a coprire i costi di spedizione, movimentazione merce in magazzino (in ingresso e in uscita), scatti fotografici e produzione dei contenuti sul sito. Inoltre, essendo Tannico una società, sui prezzi di vendita dobbiamo applicare il 22% di iva di legge che negli scambi tra privati non è dovuta. Per rimanere sull'esempio del Tignanello il nostro incasso è 135 euro (30 sono IVA), togliendo i costi di cui sopra si arriva al prezzo che possiamo offrire ai nostri fornitori: intorno ai 105 euro. Se avete Tignanello 1997 che siete disposti a cedere a meno scrivete davvero a collezionisti@tannico.it e valuteremo le vostre bottiglie.
Scattiamo con attrezzatura professionale ogni singola bottiglia e garantiamo che venga consegnata al cliente esattamente la bottiglia ordinata. Sono foto scattate in altissima risoluzione, cliccando sulla stessa è possibile espanderle per poter giudicare tutti i dettagli.

Ma poi ditemi voi dove si trova un'altra bottiglia come questa, se non si ha la fortuna di aver avuto un avo appassionato? Noi cerchiamo di accontentare persone che avvicinatosi al mondo del vino vorrebbero poter avere accesso a queste rarità:

https://www.tannico.it/taurasi-riserva-1968-mastroberardino-57236.html

Un caro saluto

Claudio


Buonasera,

ringrazio per la risposta e mi scuso se non riesco a rispondere con maggiore tempestività.
Di nuovo, metterci la faccia e rispondere è molto apprezzato ma bisogna valutare anche come si risponde, e vedo alcune imprecisioni nella sua riposta che sembrano mirate a fare un po' di confusione intorno al vostro ricarico "molto limitato" che invece ad alcuni di noi non sembra essere tale. Ricordando che siete liberissimi di guadagnare, ed anche tanto se ci riuscite.
Comunque:
1)
L' IVA la paga sempre il cliente finale, quindi io sulla mia bottiglia di Tignanello l'ho pagata, e se la rivendo ad un amico al prezzo di acquisto la sta pagando anche lui. Quello che manca eventualmente è l'iva sul maggior valore (valore aggiunto appunto) se io vendessi la bottiglia ad un prezzo più alto.
2)
Se io le vendo il mio Tignanello a 105 euro, lei lo sta pagando 86 + iva (quando abbiamo venduto bottiglie a qualche azienda ci hanno chiesto una dichiarazione che fossimo privati proprio per poter scorporare l'IVA). Quindi se lo pagate 86 e lo vendete a 135 il vostro margine è di 49 € e non 30 € come da lei indicato
3)
Ultima considerazione, che aiuta però a far sospettare che non sia vero che vi accontentate di un margine molto limitato per il nostro piacere: lei ha elencato una serie di costi (fissi) da coprire che giustificano il vostro prezzo, da cui si capisce che tali costi saranno più o meno 15 € a bottiglia (nel suo esempio ne avrebbe 30 di margine e diciamo che metà siano costi e l'altro effettivo margine). Non posso sapere se siano davvero 15 €, ma se fosse vero quello che lei scrive più cresce il valore della bottiglia che vendete e più si abbassa il vostro ricarico.
Me lo confermi che ho qualche bottiglia di Mouton 2000 da proporvi........

Saluti

PS: appassionati sì, ma (forse proprio per questo) i conti li sappiamo fare anche noi


No br1861, hai detto veramente tante inesattezze.
Smarco
Messaggi: 3499
Iscritto il: 18 nov 2012 15:01
Località: Ascoli Piceno

Re: Tannico: Bottiglie da collezione

Messaggioda Smarco » 14 giu 2019 14:08

ZEL WINE ha scritto:Qualche professore di ragioneria 1 si deve essere suicidato

:lol: :lol: :lol: :lol:
Smarco
Messaggi: 3499
Iscritto il: 18 nov 2012 15:01
Località: Ascoli Piceno

Re: Tannico: Bottiglie da collezione

Messaggioda Smarco » 14 giu 2019 14:12

br1861 ha scritto:L' IVA la paga sempre il cliente finale, quindi io sulla mia bottiglia di Tignanello l'ho pagata, e se la rivendo ad un amico al prezzo di acquisto la sta pagando anche lui. Quello che manca eventualmente è l'iva sul maggior valore (valore aggiunto appunto) se io vendessi la bottiglia ad un prezzo più alto.
2)
Se io le vendo il mio Tignanello a 105 euro, lei lo sta pagando 86 + iva (quando abbiamo venduto bottiglie a qualche azienda ci hanno chiesto una dichiarazione che fossimo privati proprio per poter scorporare l'IVA). Quindi se lo pagate 86 e lo vendete a 135 il vostro margine è di 49 € e non 30 € come da lei

PS: appassionati sì, ma (forse proprio per questo) i conti li sappiamo fare anche noi

Certo che se i conti li fate così auguri :mrgreen: :lol: :lol:
Avatar utente
Kalosartipos
Messaggi: 13037
Iscritto il: 07 giu 2007 13:57
Località: Cremona
Contatta:

Re: Tannico: Bottiglie da collezione

Messaggioda Kalosartipos » 14 giu 2019 14:33

Il mio prof di ragioneria ripeteva spesso: "poche idee, ma ben confuse!"
:mrgreen:
"La vita è breve e bisogna che uno se la beva tutta".
Osvaldo Soriano - "L'ora senz'ombra"
TANNICO . IT
Messaggi: 5
Iscritto il: 08 set 2017 17:44

Re: Tannico: Bottiglie da collezione

Messaggioda TANNICO . IT » 14 giu 2019 15:22

Vedo che mi avete preceduto con le risposte.
In definitiva, per rimanere sull'esempio di Tignanello, il prezzo di 105 euro è Iva esclusa. Se acquistiamo da un fornitore che può emettere fattura gli liquidiamo 105 euro + IVA (128 euro) mentre se si tratta di un privato Tannico emette una autofattura per poter versare correttamente l'imposta.
La differenza reale se volete calcolare il nostro margine è quella tra 105 euro (costo iva escusa) e 135 euro (prezzo di vendita iva esclusa).
E' evidente che un privato ha convenienza a vendere ad un altro privato o comunque a qualcuno che non emetterà fattura perché potrà realizzare un prezzo più alto non versando nessuno le imposte di competenza.
Per contro vendendo a Tannico può monetizzare velocemente quantità più importanti, non paga costi per imballi e spedizioni (che spesso facendo i conti della serva vengono "dimenticati") i costi per l'inserzione su eBay o altra piattaforma e il tempo che impiega a gestire le vendite e gli incassi.
Possiamo acquistare bene o male, siamo umani anche noi e in base a quello le bottiglie possono essere vendute a prezzi diversi, a volte come ci state facendo notare, anche fuori mercato.

Spero con questo di aver chiarito i vostri dubbi, se ancora ce ne fosse bisogno.

Buona giornata a tutti

Claudio
Avatar utente
Chicco76
Messaggi: 10510
Iscritto il: 25 ago 2008 18:01
Località: Padova

Re: Tannico: Bottiglie da collezione

Messaggioda Chicco76 » 14 giu 2019 15:28

È meglio che diciate anche questo, che le bottiglie le acquistate in conto vendita, ergo un privato vi deve mandare la bottiglia a sue spese e aspettare che voi la vendiate per incassare il pattuito. Così, giusto per dare un quadro generale a chi legge

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: emigrato, george7179, gpetrus, pai mei e 14 ospiti