LE BEVUTE DI GIUGNO 2019

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Avatar utente
Kalosartipos
Messaggi: 13145
Iscritto il: 07 giu 2007 13:57
Località: Cremona
Contatta:

LE BEVUTE DI GIUGNO 2019

Messaggioda Kalosartipos » 03 giu 2019 09:18

Uppete!
"La vita è breve e bisogna che uno se la beva tutta".
Osvaldo Soriano - "L'ora senz'ombra"
Avatar utente
Ludi
Messaggi: 2815
Iscritto il: 22 lug 2008 10:02
Località: Roma

Re: LE BEVUTE DI GIUGNO 2019

Messaggioda Ludi » 03 giu 2019 10:11

Domaine Saparale, Casteddu Blanc 2017: si sente che è un Vermentino isolano, ma rispetto alle controparti sarde ha decisamente più nerbo acido a sostenere la mineralità salina. Il legno è ben dosato, e si esprime soprattutto con sentori nocciolati e di zucchero a velo.
Piaggia, Poggio de' Colli 2009: al di là del fatto che apprezzo sempre di meno i tagli bordolesi toscani, mi è piaciuto il fatto che, tra i sentori inequivocabili di macchia mediterranea, fosse ben avvertibile il ribes rosso del vitigno. Niente male.
E. Lefevre, Champagne Brut Rosé: acquistato dal produttore per 17 €, bevuto con grandissimo gusto. Incredibile equilibrio nel dosaggio, bevibilità davvero notevole.
Tollot-Beaut, Savigny Lavieres 2007: mai sentito tanto nettamente la nota di ruggine in un vino. Il manico del produttore si sente, eccome, e con una fiorentina di scottona sapientemente pepata fa un figurone.
Consorzio Produttori di S. Marino, Oro dei Goti 2015: passito più che onesto e gradevole.
Avatar utente
Kalosartipos
Messaggi: 13145
Iscritto il: 07 giu 2007 13:57
Località: Cremona
Contatta:

Re: LE BEVUTE DI GIUGNO 2019

Messaggioda Kalosartipos » 04 giu 2019 15:14

Nessun altro beve a giugno?
:shock:
"La vita è breve e bisogna che uno se la beva tutta".
Osvaldo Soriano - "L'ora senz'ombra"
vinogodi
Messaggi: 28500
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: LE BEVUTE DI GIUGNO 2019

Messaggioda vinogodi » 04 giu 2019 16:08

Kalosartipos ha scritto:Nessun altro beve a giugno?
:shock:
...è enoramadan , per i fondamentalisti del berealto. Si salta direttamente a Luglio... 8)
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
andrea_boch
Messaggi: 14
Iscritto il: 13 mag 2019 12:51

Re: LE BEVUTE DI GIUGNO 2019

Messaggioda andrea_boch » 04 giu 2019 18:11

Sauvignon 1990 - Gravner
Pre anfora, no macerazione e a quanto si dice, senza solfiti aggiunti.
Al naso una leggerissima ossidazione, nocciola, miele, note burrose e camomilla. In bocca bella acidità, avvolgente, grasso ma freschissimo allo stesso tempo. Finale lunghissimo. :D
supersonic76
Messaggi: 736
Iscritto il: 16 gen 2013 18:38
Località: Bologna

Re: LE BEVUTE DI GIUGNO 2019

Messaggioda supersonic76 » 05 giu 2019 12:49

E' che si è passati da 15° a 32°in due giorni :shock:

Sto superando lo schock, con vagonate di baffo Moretti
Memento Audere Semper
merlotto85
Messaggi: 122
Iscritto il: 07 mar 2017 15:18
Località: Firenze

Re: LE BEVUTE DI GIUGNO 2019

Messaggioda merlotto85 » 05 giu 2019 20:40

Dolcetto 16 Rivella

Naso di frutto rosso e scuro con cenni di tabacco , bocca fresca ma importante , si avverte il tannino ma chiude pulito, con una bella beva ,elegante  e complesso per un dolcetto
maxer
Messaggi: 3067
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: nordico

Re: LE BEVUTE DI GIUGNO 2019

Messaggioda maxer » 05 giu 2019 23:42

merlotto85 ha scritto:Dolcetto 16 Rivella

Naso di frutto rosso e scuro con cenni di tabacco , bocca fresca ma importante , si avverte il tannino ma chiude pulito, con una bella beva ,elegante  e complesso per un dolcetto

..... "per un Dolcetto" :!: :?: :!:

Ma hai bevuto il Dolcetto d' Alba di 'Baldo' Rivella, da sempre il miglior vino di questa denominazione ! (secondo me)
E poi l' annata 2016, tra le sue più riuscite ...

(se poi provi il suo Barbaresco Montestefano ...
:shock: :lol: :shock: )
carpe diem 8)
GabrieleB.
Messaggi: 889
Iscritto il: 02 lug 2012 14:57

Re: LE BEVUTE DI GIUGNO 2019

Messaggioda GabrieleB. » 06 giu 2019 11:20

Qualche bottiglia degli ultimi giorni complice il caldo...
Fiano di Avellino Guido Marsella 2011
Apro con curiosità ed aspettative,l’ho aspettata alcuni anni per valutarne la maturazione.E’ancora molto giovane e darà il meglio di sè tra un po’ di tempo,ma già adesso stacca la maggior parte dei pari tipologia di fascia medio-alta,alcuni sicuramente molto buoni.La gioventù si palesa dal colore,giallo oro scarico,il naso è piuttosto reticente ad aprirsi,ma comunque interessante,su note eleganti di agrume,una mineralità di roccia bagnata e con il passare dei minuti un’affumicato sempre più presente ed elegante.In bocca esplode con una tensione palatale notevole,una struttura assai equlibrata,freschissimo,minerale,finale molto lungo di agrume e fumè.Già adesso una grande esperienza,penso con piacere a cosa potrà regalare negli anni a venire.
Fiano di Avellino Vadiaperti Traerte 2013
Giallo paglierino,naso restìo a concedersi subito,ha bisogno di tempo e qualche grado in più.Inizia ad uscire una nota affumicata che diverrà sempre più presente con il passare dei minuti,agrume e una leggera nota di frutta a pasta gialla.In bocca è salino,affilato ed agrumato,appena all’inizio del suo percorso evolutivo,ma già equilibrato e con una beva straordinaria.Finale lungo e affumicato.Bella bottiglia,ancora giovane ma già molto buona e godibile.
Champagne Fleury BdN sboccatura 05 /2017
Bottiglia ancora giovane ma giocata sulla freschezza e sulla bevibilità,accattivante e fragrante.Naso e bocca di pari passo,agrume rosa,ribes,mela,nocciola fresca.Perlage non aggressivo,bei profumi e bocca equilibrata,la bottiglia finisce presto.In questa fase davvero piacevole.In questa fascia di prezzo nettamente un best buy
Avatar utente
sbrega
Messaggi: 3953
Iscritto il: 03 lug 2007 14:53

Re: LE BEVUTE DI GIUGNO 2019

Messaggioda sbrega » 06 giu 2019 11:28

Barbera Conterno cerretta 2015
Come al solito, barbera di conterno, non si sbaglia.
Se Francia gioca più sul corpo... questa gioca più sulla eleganza.
Bevibile già adesso ma, se non ne avete tante, aspettate ALMENO un paio d'anni.
Non esistono brutte donne... esiste solo poco RUM!

Abbuffino N°1

21 Giugno: IO C'ERO!
21 Giugno BIS: IO C'ERO!
21 Giugno TRIS: IO l'HO ORGANIZZATO
21 Giugno IV: IO C'ERO!
Alessio
Messaggi: 198
Iscritto il: 03 gen 2008 16:55

Re: LE BEVUTE DI GIUGNO 2019

Messaggioda Alessio » 06 giu 2019 11:42

Durante la recente escursione nell'Aube, in un ristorante molto bello dove abbiamo mangiato proprio bene, la Garde Champetre di Gyé sur Seine, ho ordinato un Sève BdN 2012 di Olivier Horiot. Appena ordinato la cameriera fa un enorme sorriso e mi dice "excellent choix, vin remarquable". Un po' stupito le chiedo perché e lei mi dice che ama molto gli champagne di Horiot e che quella sera Olivier Horiot sarebbe venuto per cena. Infatti l'ho conosciuto ed abbiamo scambiato qualche battuta!
Tornando al vino mi é piaciuto decisamente, la cosa piu' incredibile era la sapidità, non ricordo in vita mia uno champagne piu' salato. Il sorso era davvero intrigante peccato non aver avuto il tempo di farlo evolvere un po' di piu nel bicchiere. Oltre alla sapidità infinita tantissima nocciola e pane tostato.
Nexus1990
Messaggi: 319
Iscritto il: 23 feb 2019 23:33

Re: LE BEVUTE DI GIUGNO 2019

Messaggioda Nexus1990 » 06 giu 2019 11:56

Chablis William Fevre 2017
Bevuto Venerdì sera su un sushi di altissimo livello. Al naso lo definirei "il mare in un bicchiere", incredibile. Poi una bella nota di nocciola (?), sorso molto affilato, sapido come pochi, molto ma molto lungo. Un vino di grande personalità. Primo Chablis che bevo, adesso mi regalo qualche 1er Cru di Fevre, chè se questo è il base...
:D :D :D :) ++
merlotto85
Messaggi: 122
Iscritto il: 07 mar 2017 15:18
Località: Firenze

Re: LE BEVUTE DI GIUGNO 2019

Messaggioda merlotto85 » 06 giu 2019 12:03

maxer ha scritto:
merlotto85 ha scritto:Dolcetto 16 Rivella

Naso di frutto rosso e scuro con cenni di tabacco , bocca fresca ma importante , si avverte il tannino ma chiude pulito, con una bella beva ,elegante  e complesso per un dolcetto

..... "per un Dolcetto" :!: :?: :!:

Ma hai bevuto il Dolcetto d' Alba di 'Baldo' Rivella, da sempre il miglior vino di questa denominazione ! (secondo me)
E poi l' annata 2016, tra le sue più riuscite ...

(se poi provi il suo Barbaresco Montestefano ...
:shock: :lol: :shock: )


Infatti ho trovato un bel vino , rispetto hai dolcetto in circolazione sicuramente il migliore, concordo sulla 16...
Bevuto il Montestefano 12 , si sente l' annata più calda ma rimane un bel vino...assaggiato a cerea qualche anno fa il 13 ottimo , una bott la conservo in cantina :D
Avatar utente
Ludi
Messaggi: 2815
Iscritto il: 22 lug 2008 10:02
Località: Roma

Re: LE BEVUTE DI GIUGNO 2019

Messaggioda Ludi » 06 giu 2019 17:25

A pranzo, per i 21 anni di mia figlia....
Dom Perignon 2002: rispetto ad alcuni dubbi espressi in merito alla effettiva eccezionalità dell'annata, debbo dire che questa versione contribuisce a fare, in positivo, chiarezza. Rigoroso, giovanissimo, sferzantemente acido, con queste meravigliose note di nocciola che prevalgono nettamente su ogni tentazione di opulenza....grande Champagne, forse da aspettare ancora per un lustro.
Chapoutier, Cote Rotie Mordorée 2003: sono i miei vini, e penso che lo saranno sempre. Frutto goloso, tannino quasi letteralmente dolce, ma al tempo stesso una meravigliosa, incipiente terziarizzazione speziata. Tra cinque anni sarà ancora più buono.
Cossart, Malmsley Colheta 1998: giustamente, un vino del suo millesimo a mia figlia non lo potevamo far mancare....e, inutile dire, ha strappato applausi soprattutto per la vivacità fresca che tiene a bada la ricchezza del caramello. Buonissimo.
Messner
Messaggi: 758
Iscritto il: 05 lug 2017 12:05
Località: Mantova

Re: LE BEVUTE DI GIUGNO 2019

Messaggioda Messner » 06 giu 2019 20:03

maxer ha scritto:
merlotto85 ha scritto:Dolcetto 16 Rivella

Naso di frutto rosso e scuro con cenni di tabacco , bocca fresca ma importante , si avverte il tannino ma chiude pulito, con una bella beva ,elegante  e complesso per un dolcetto

..... "per un Dolcetto" :!: :?: :!:

Ma hai bevuto il Dolcetto d' Alba di 'Baldo' Rivella, da sempre il miglior vino di questa denominazione ! (secondo me)
E poi l' annata 2016, tra le sue più riuscite ...

(se poi provi il suo Barbaresco Montestefano ...
:shock: :lol: :shock: )


Se prova la 2016 si porta via la botte grande in cui è contenuta... 8)
merlotto85
Messaggi: 122
Iscritto il: 07 mar 2017 15:18
Località: Firenze

Re: LE BEVUTE DI GIUGNO 2019

Messaggioda merlotto85 » 06 giu 2019 22:11

Messner ha scritto:
maxer ha scritto:
merlotto85 ha scritto:Dolcetto 16 Rivella

Naso di frutto rosso e scuro con cenni di tabacco , bocca fresca ma importante , si avverte il tannino ma chiude pulito, con una bella beva ,elegante  e complesso per un dolcetto

..... "per un Dolcetto" :!: :?: :!:

Ma hai bevuto il Dolcetto d' Alba di 'Baldo' Rivella, da sempre il miglior vino di questa denominazione ! (secondo me)
E poi l' annata 2016, tra le sue più riuscite ...

(se poi provi il suo Barbaresco Montestefano ...
:shock: :lol: :shock: )


Se prova la 2016 si porta via la botte grande in cui è contenuta... 8)


:D
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7659
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: LE BEVUTE DI GIUGNO 2019

Messaggioda zampaflex » 07 giu 2019 09:20

Mas des Caprices - Fitou Oufti 2013

Nella fascia di prezzo per tutte le tasche il Roussillon occupa un posto d'onore in Francia, potendo contare per di più, spesso, su vigne vecchie e uvaggi interessanti. Questo taglio di grenache, carignan e mourvèdre è intrigante al naso, fitto di fruttini neri, erbe aromatiche, sangue e pietra. Bocca molto agile, quasi svelta, e adatta quindi a questi primi grandi caldi. si beve facilmente ma non è detrattivo: si fa notare il giusto.

12 euro trasporto incluso.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Spectator
Messaggi: 3762
Iscritto il: 06 giu 2007 11:36

Re: LE BEVUTE DI GIUGNO 2019

Messaggioda Spectator » 07 giu 2019 11:18

..Cote Rotie,Les Grandes Places 2016,Michele Gerin.Vino di medio corpo con timidi aromi di frutta rossa matura e spezie,al momento neanche il..famoso pepe..si intravede
.Buona beva..tannino gia' aggraziato..finale lungo;ancora tutto sul frutto,al momento;piu' in la'..sara' un altro vino.
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7659
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: LE BEVUTE DI GIUGNO 2019

Messaggioda zampaflex » 07 giu 2019 12:42

Spectator ha scritto:..Michele Gerin..


ah, ma allora xe veneto… :mrgreen: :wink:
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Spectator
Messaggi: 3762
Iscritto il: 06 giu 2007 11:36

Re: LE BEVUTE DI GIUGNO 2019

Messaggioda Spectator » 07 giu 2019 12:47

zampaflex ha scritto:
Spectator ha scritto:..Michele Gerin..


ah, ma allora xe veneto… :mrgreen: :wink:


..Assieme a Ciro..tipico campano :lol: .
Ziliovino
Messaggi: 3129
Iscritto il: 10 giu 2007 17:48
Località: (Bg)

Re: LE BEVUTE DI GIUGNO 2019

Messaggioda Ziliovino » 08 giu 2019 10:34

Gevrey-Chambertin Vieilles Vignes 2007 - Fourrier. Parte sulle radici amare e cola, col tempo si rischiara con belle note floreali e di frutti rossi, sorso fresco, appena stappato ha un cenno di carbonica, di media struttura. Avrei preferito qualcosa in più in bocca, resta un buon vino se acquistato ai prezzi di 10 anni fa, a quelli di oggi anche no... peccato perchè era/è uno dei miei produttori preferiti in zona, ma ormai fuori budget.

Rheingau Johannisberger Klaus Riesling Spatlese 1989 - Weingut Johannishof. Parte su gasolio e resine, poi la frutta tropicale si guadagna spazio, sorso fresco dove l'acidità si è fatta più placida anche se spinge ancora. Non lunghissimo, naso piuttosto tenue e anche se privo di ossidazioni non attenderei oltre.

Barbaresco Rabajà 1998 - Bruno Rocca. Notevole l'integrità di colore e frutto, come anche del tannino ancora incredibilmente incazzato, il quadro resta però moderno con tanto frutto, liquirizia e bocca rotonda e piena, niente di fastidioso, però non ho ancora deciso se mi è piaciuto oppure no...

Champagne Blanc de Blancs 2008 - Guy Charlemagne. Dal vicino di casa di Salon una bollicina senza infamia e senza lode, che non disdegna una certa ciccia, naso classico con frutta gialla e creme, bolla un poco scorbutica, ma da un millesimato in (pare) grande annata voglio qualcosa in più. A questo punto della maison molto meglio il sans année.

Toscana Rosato Syrosa 2016 - Stefano Amerighi. Bottiglia che ha un pizzico di carbonica da smaltire, floreale e frutta fresca, col tempo un bel pepe rosa, sorso fresco e sapido. Ottimo rosé.

Verdicchio di Matelica 2012 - Collestefano. da magnum. E' sempre lui, agrumi e mela verde, freschezza, un po' di sale e giusto corpo. Ottima riuscita direi, ed ancora giovane.

Colli Tortonesi Monleale 2001 - Walter Massa. Barbera cristallizzata a come era una decina di anni fa, con un bel frutto croccante di mirtilli e poi ciliegie, sorso in equilibrio tra freschezza e corpo, ottima bevibilità, leggero tannino ormai risolto. Era una delle mie barbere preferite, ho perso però di vista le ultime annate, come sono?
"Il successo di tavernello invita a riflettere"
(Anonimo, bomboletta spray su muro)

"Il vino non lo scegli... è lui che sceglie te"
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7659
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: LE BEVUTE DI GIUGNO 2019

Messaggioda zampaflex » 09 giu 2019 15:31

Clos Cristal - Saumur-Champigny Les Murs 2011

Tappo ceralaccato, per cui mutissimo il primo giorno, vivace il secondo. Loira rossa classica, quella che sembra non arrivare mai a maturazione ma che stavolta ce l'ha fatta: fruttini rossi, toni erbacei, anche dei fiori, con una bocca agile, di media presenza.
Bene con questi caldi estivi. :D :D :D :) -
Caratteristica credo unica nel panorama mondiale, questo vecchio clos, proprietà dell'ospedale di Saumur per la cui coltivazione e vinificazione ci si affidava a vigneron esterni e ora approdato in nuove mani, ha le viti che passano attraverso dei buchi nei muri, da nord a sud, per fare sì che la pianta prenda quanto più caldo possibile.

https://www.wineterroirs.com/2011/07/clos_cristal_saumur_champigny.html
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Ziliovino
Messaggi: 3129
Iscritto il: 10 giu 2007 17:48
Località: (Bg)

Re: LE BEVUTE DI GIUGNO 2019

Messaggioda Ziliovino » 10 giu 2019 09:30

zampaflex ha scritto:Clos Cristal - Saumur-Champigny Les Murs 2011

Tappo ceralaccato, per cui mutissimo il primo giorno, vivace il secondo. Loira rossa classica, quella che sembra non arrivare mai a maturazione ma che stavolta ce l'ha fatta: fruttini rossi, toni erbacei, anche dei fiori, con una bocca agile, di media presenza.
Bene con questi caldi estivi. :D :D :D :) -
Caratteristica credo unica nel panorama mondiale, questo vecchio clos, proprietà dell'ospedale di Saumur per la cui coltivazione e vinificazione ci si affidava a vigneron esterni e ora approdato in nuove mani, ha le viti che passano attraverso dei buchi nei muri, da nord a sud, per fare sì che la pianta prenda quanto più caldo possibile.

https://www.wineterroirs.com/2011/07/clos_cristal_saumur_champigny.html


storia affascinante, grazie della condivisione :wink:
Acquistato in loco? o web?
"Il successo di tavernello invita a riflettere"
(Anonimo, bomboletta spray su muro)

"Il vino non lo scegli... è lui che sceglie te"
Avatar utente
Ludi
Messaggi: 2815
Iscritto il: 22 lug 2008 10:02
Località: Roma

Re: LE BEVUTE DI GIUGNO 2019

Messaggioda Ludi » 10 giu 2019 09:33

Vodopivec, Vitovska classica 2006: ancora straordinariamente buono, fresco, giustamente tannico, con un grado di finezza e verticalità che, nella tipologia, associo in genere solo a Gravner. Volatile e difetti pari a zero, ed in compenso una soave frutta matura che incanta.
Barbacarlo 2011: sono solo io a non essere del tutto convinto sui vini di Maga? Per carità, è di grande fascino, ma rifementazione e vinosità finiscono un po' per stancare e lasciare perplessi. Mi trovo meglio sulle vecchie annate, ma non grido al miracolo.
Zerbina, Scacco Matto 2013: si conferma uno dei migliori muffati d'Italia: Zafferano sotto controllo, più spazio alle note iodate ed empireumatiche. Scolato in un attimo.
Quacquarini, Petronio 2012: mah.....scompostamente vinoso, ai limiti del difetto.
Alfred de Rothschild, Brut Rosé: bene, ma non benissimo. Un po' banale.
Chateau Lilian Ladouys 2009: la grande annata si sente, eccome. Freschissimo, potente ma scorrevole, con una nota di mentuccia a donare straordinaria bevibilità. Vino giocoso.
Domaine Fiumicicoli, Muscadeddu Fut de Chene: un divertentissimo aleatico còrso, a meraviglia con biscotti secchi artigianali.
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7659
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: LE BEVUTE DI GIUGNO 2019

Messaggioda zampaflex » 10 giu 2019 10:00

Ziliovino ha scritto:
zampaflex ha scritto:Clos Cristal - Saumur-Champigny Les Murs 2011

Tappo ceralaccato, per cui mutissimo il primo giorno, vivace il secondo. Loira rossa classica, quella che sembra non arrivare mai a maturazione ma che stavolta ce l'ha fatta: fruttini rossi, toni erbacei, anche dei fiori, con una bocca agile, di media presenza.
Bene con questi caldi estivi. :D :D :D :) -
Caratteristica credo unica nel panorama mondiale, questo vecchio clos, proprietà dell'ospedale di Saumur per la cui coltivazione e vinificazione ci si affidava a vigneron esterni e ora approdato in nuove mani, ha le viti che passano attraverso dei buchi nei muri, da nord a sud, per fare sì che la pianta prenda quanto più caldo possibile.

https://www.wineterroirs.com/2011/07/clos_cristal_saumur_champigny.html


storia affascinante, grazie della condivisione :wink:
Acquistato in loco? o web?


Comprato in loco, ero lì in vacanza fra i castelli qualche anno fa.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: lorenzo000, Ziliovino e 1 ospite