LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
maxer
Messaggi: 2595
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: nordico

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda maxer » 13 mag 2019 20:24

lloyd142 ha scritto:... sono sicuro che qualche fuoriclasse esista ... ma anch'io ho smesso di prenderli ormai da anni. A fronte di un naso quasi sempre pirotecnico, la bocca era sempre eterea...esile...anoressica. Avro' sempre sbagliato il timing bevendoli nella finestra tra i 3 e i 30 anni ???? :D :D :mrgreen:

..... scusa eh, ma non ti avevo sempre detto che i bordolesi veneti bisognava aspettarli qualche anno ?
E invece tu, con la tua solita fretta di aprire tutto subito :evil: :D :evil: .....
carpe diem 8)
lucastoner
Messaggi: 347
Iscritto il: 20 giu 2009 09:59

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda lucastoner » 14 mag 2019 09:02

Sabato sera...a quantità super contingentate che manco nelle crisi del carburante degli anni 70 :cry:
Perrier Jouet Gran Brut
Paglierino tenue , perlage finissimo, delicato e persistente.
Naso inizialmente tutto sugli agrumi e i fiori , scaldandosi vira su note di burro...ma la complessità non è il suo forte.
Bocca giocata tutta sulla delicatezza e sulla beva, senza acidità monstre.
Ottimo aperitivo non impegnativo, specialmente se penso al fatto che costa come uno dei "calibri medi" dei miei compaesani franciacortini :|

Le Macchiole, Messorio 2008
Rubino cupo ed impenetrabile , sicuramente affascinante al momento della mescita.
Al naso parte come una spremuta di mirtillo e marmellata di frutti di bosco , bacche di vaniglia per poi andare su spezie ed erbe balsamiche.
In bocca parte in maniera spiazzante con una nota amarognola e con un tannino poco levigato. Il legno si sente un pelo troppo per i miei gusti e non mi invita a versare il secondo bicchiere (manco se potessi :cry: )
Non è decisamente il mio vino...ma per l'amico a cui l'abbiamo regalato, che apprezza i merlot un po' barocchi, è stata una bellissima sorpresa, ed è quel che conta di più.
maxer
Messaggi: 2595
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: nordico

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda maxer » 14 mag 2019 09:15

lucastoner ha scritto:Sabato sera...a quantità super contingentate che manco nelle crisi del carburante degli anni 70 :cry:

..... certo che con 2 bottiglie in 8, altro che crisi del petrolio ..... :?
carpe diem 8)
Avatar utente
Ludi
Messaggi: 2733
Iscritto il: 22 lug 2008 10:02
Località: Roma

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda Ludi » 14 mag 2019 09:16

lloyd142 ha scritto:
Viste le note di Ludi, sono sicuro che qualche fuoriclasse esista... ma anch'io ho smesso di prenderli ormai da anni. A fronte di un naso quasi sempre pirotecnico , la bocca era sempre eterea...esile...anoressica. Avro' sempre sbagliato il timing bevendoli nella finestra tra i 3 e i 30 'anni???? :D :D :mrgreen:


se vai sugli Hermitage di Chapoutier, in genere hai opulenza ed impeto che spesso allontanano qualcuno....l'esilità è più di Chave. Sono comunque vini che fanno discutere, e questo sotto un certo profilo è sempre un bene :D
lucastoner
Messaggi: 347
Iscritto il: 20 giu 2009 09:59

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda lucastoner » 14 mag 2019 09:37

maxer ha scritto:
lucastoner ha scritto:Sabato sera...a quantità super contingentate che manco nelle crisi del carburante degli anni 70 :cry:

..... certo che con 2 bottiglie in 8, altro che crisi del petrolio ..... :?

E dove sta scritto che eravamo in 8? :shock: Maxer , hai già preso le pastiglie stamattina? :mrgreen: :mrgreen:

Eravam in 3 , con 3 bottiglie, una era uno champagne a me sconosciuto che però , proprio per le mie vicessitudini, non ho potuto neanche assaggiare (ma sembrerebbe non mi sia perso assolutamente niente) e di cui non ho quindi le note.
maxer
Messaggi: 2595
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: nordico

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda maxer » 14 mag 2019 09:44

lucastoner ha scritto:
maxer ha scritto:
lucastoner ha scritto:Sabato sera...a quantità super contingentate che manco nelle crisi del carburante degli anni 70 :cry:

..... certo che con 2 bottiglie in 8, altro che crisi del petrolio ..... :?

E dove sta scritto che eravamo in 8? :shock: Maxer , hai già preso le pastiglie stamattina? :mrgreen: :mrgreen:

Eravam in 3 , con 3 bottiglie, una era uno champagne a me sconosciuto che però , proprio per le mie vicessitudini, non ho potuto neanche assaggiare (ma sembrerebbe non mi sia perso assolutamente niente) e di cui non ho quindi le note.

:!:
:?
carpe diem 8)
Nexus1990
Messaggi: 141
Iscritto il: 23 feb 2019 23:33

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda Nexus1990 » 14 mag 2019 13:06

lucastoner ha scritto:
maxer ha scritto:
lucastoner ha scritto:Sabato sera...a quantità super contingentate che manco nelle crisi del carburante degli anni 70 :cry:

..... certo che con 2 bottiglie in 8, altro che crisi del petrolio ..... :?

E dove sta scritto che eravamo in 8? :shock: Maxer , hai già preso le pastiglie stamattina? :mrgreen: :mrgreen:

Eravam in 3 , con 3 bottiglie, una era uno champagne a me sconosciuto che però , proprio per le mie vicessitudini, non ho potuto neanche assaggiare (ma sembrerebbe non mi sia perso assolutamente niente) e di cui non ho quindi le note.

Anche io non capivo dove avesse letto che eravate in 8 :mrgreen:
maxer
Messaggi: 2595
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: nordico

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda maxer » 14 mag 2019 14:05

Nexus1990 ha scritto:
lucastoner ha scritto:
maxer ha scritto:
lucastoner ha scritto:Sabato sera...a quantità super contingentate che manco nelle crisi del carburante degli anni 70 :cry:

..... certo che con 2 bottiglie in 8, altro che crisi del petrolio ..... :?

Eravam in 3 , con 3 bottiglie, una era uno champagne a me sconosciuto che però , proprio per le mie vicessitudini, non ho potuto neanche assaggiare (ma sembrerebbe non mi sia perso assolutamente niente) e di cui non ho quindi le note.

Anche io non capivo dove avesse letto che eravate in 8 :mrgreen:

..... le solite allucinazioni mattutine : ehh, vedrete, vedrete anche voi ..... 8)
carpe diem 8)
Nexus1990
Messaggi: 141
Iscritto il: 23 feb 2019 23:33

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda Nexus1990 » 14 mag 2019 14:11

maxer ha scritto:
Nexus1990 ha scritto:
lucastoner ha scritto:
maxer ha scritto:
lucastoner ha scritto:Sabato sera...a quantità super contingentate che manco nelle crisi del carburante degli anni 70 :cry:

..... certo che con 2 bottiglie in 8, altro che crisi del petrolio ..... :?

Eravam in 3 , con 3 bottiglie, una era uno champagne a me sconosciuto che però , proprio per le mie vicessitudini, non ho potuto neanche assaggiare (ma sembrerebbe non mi sia perso assolutamente niente) e di cui non ho quindi le note.

Anche io non capivo dove avesse letto che eravate in 8 :mrgreen:

..... le solite allucinazioni mattutine : ehh, vedrete, vedrete anche voi ..... 8)

:mrgreen: :mrgreen:
Mike76
Messaggi: 993
Iscritto il: 23 nov 2011 09:53
Località: Pontedera (PI)

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda Mike76 » 15 mag 2019 12:13

Le Ragnaie - Brunello di Montalcino "Fornace" 2008
Struttura fine ed eleganza per questo bel Brunello. Annata non facile, ma tira fuori profumi di arancia rossa e china, ma soprattutto erbe fini ad arricchire il quadro.
Molto equilibrato, appagante, il tannino è dolce, ben risolto, ma non rinuncia ad una certa freschezza. Da bere ora e per i prossimi anni con soddisfazione.
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 11390
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda Alberto » 16 mag 2019 14:52

:lol:
Ultima modifica di Alberto il 16 mag 2019 15:11, modificato 1 volta in totale.
Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De Andrè
Nexus1990
Messaggi: 141
Iscritto il: 23 feb 2019 23:33

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda Nexus1990 » 16 mag 2019 15:03

Alberto ha scritto:Difficile attraverso una tastiera raffigurare in maniera plastica l'integrità, la . Terra scura, foglia di pomodoro, bocca t...finale su una fragolina di bosco appena colta semplicementr impensabile in un vino di 42 anni. L

Molto esaustivo
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 11390
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda Alberto » 16 mag 2019 15:10

Venegazzù Della Casa, Loredan-Gasparini, 1977 (13%)
Difficile attraverso una tastiera raffigurare in maniera plastica l'integrità, la pulizia, la poesia. Rubino con riflessi granati neppure troppo accentuati, compatto, "caldo". Naso da subito franco, espressivo ma delicato: terra scura, foglia di pomodoro, mille spezie tutte fuse tra loro e con le reminiscenze del frutto, ancora non completamente sostituite dai terziari. In bocca, che dire...un velluto: equlibratissima, levigata, senza la minima rugosità da acidità scissa, o la minima defaillance ossidativa, con una sensazione leggermente glicerica che aggiunge un'ulteriore dimensione. Finale su una fragolina di bosco appena colta semplicemente impensabile in un vino di 42 anni. Da lacrime.
Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De Andrè
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 11390
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda Alberto » 16 mag 2019 15:12

Nexus1990 ha scritto:
Alberto ha scritto:Difficile attraverso una tastiera raffigurare in maniera plastica l'integrità, la . Terra scura, foglia di pomodoro, bocca t...finale su una fragolina di bosco appena colta semplicementr impensabile in un vino di 42 anni. L

Molto esaustivo

A Fio', abbi nu poc'e pazienza... :mrgreen:
Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De Andrè
Nexus1990
Messaggi: 141
Iscritto il: 23 feb 2019 23:33

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda Nexus1990 » 16 mag 2019 15:17

Alberto ha scritto:
Nexus1990 ha scritto:
Alberto ha scritto:Difficile attraverso una tastiera raffigurare in maniera plastica l'integrità, la . Terra scura, foglia di pomodoro, bocca t...finale su una fragolina di bosco appena colta semplicementr impensabile in un vino di 42 anni. L

Molto esaustivo

A Fio', abbi nu poc'e pazienza... :mrgreen:

A te che sei un appassionato di musica (lo capisco dalla firma) ti consiglio la canzone La Pazienza del tuo omonimo Alberto Fortis: aiuta a sfatare il mito che identifica la pazienza come un'indiscutibile virtù, quando invece è un morbo incurabile :mrgreen:
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 11390
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda Alberto » 17 mag 2019 14:11

Hrvatska Istra Malvazija, Kabola, 2017 (13%)
Dalla c.d. "Istria Bianca" (Buie). Color verdolino appena venato di giallo. Pera, cipria, glicine, un tocco di pepe bianco, il tutto alquanto leziosetto, ma alla fine sicuramente seducente nella sua freschezza estrema. Bocca di media taglia, coerente col naso, manca il guizzo pur rimanendo un vino indubbiamente valido nella sua (studiatissima, a parer mio) posatezza. Non tirato dietro, qui da noi, ma ad ogni modo di sicuro superiore alla media delle malvasie "base" in zona (infatti è classificato Vrhunsko Vino, "vino di sommità", invece che Kvaliterno Vino).
Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De Andrè
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7252
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda zampaflex » 17 mag 2019 14:26

Fino - Es 2010

Una cosa che ho sempre detestato nei primitivo, e che tuttora mi rovina la degustazione, è che quasi sempre la terziarizzazione vira su note di tamarindo / carruba. Per questo vino il processo è agli inizi, e nei primi due giorni (bottiglia bevuta a ritmo lento, ce ne ho messi quattro per finirla) è stato così. Poi è sfumato abbastanza da lasciare più spazio al frutto primario, preferibile per me.
Dove invece il vino spacca è nella struttura, potente e gradatamente sempre più integrata, solidissima, non un cedimento durante i quattro giorni, con una bella freschezza che agita il sorso e lo accompagna bene durante tutto l'arco del passaggio.

Bel potenziale d'invecchiamento.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
maxer
Messaggi: 2595
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: nordico

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda maxer » 17 mag 2019 14:28

Alberto ha scritto:... (infatti è classificato Vrhunsko Vino, "vino di sommità", invece che Kvaliterno Vino) ...

..... ahhh, ecco !

Ora ricordo di quando mi avevano fatto pagare un Kvaliterno come un Vrhunsko (e io c' ero cascato come un ingenuo polliterno :oops: )

:evil: :evil: :evil:
carpe diem 8)
Avatar utente
l'oste
Messaggi: 12381
Iscritto il: 06 giu 2007 14:41
Località: campagna

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda l'oste » 17 mag 2019 14:43

Alberto ha scritto:Venegazzù Della Casa, Loredan-Gasparini, 1977 (13%)
Difficile attraverso una tastiera raffigurare in maniera plastica l'integrità, la pulizia, la poesia. Rubino con riflessi granati neppure troppo accentuati, compatto, "caldo". Naso da subito franco, espressivo ma delicato: terra scura, foglia di pomodoro, mille spezie tutte fuse tra loro e con le reminiscenze del frutto, ancora non completamente sostituite dai terziari. In bocca, che dire...un velluto: equlibratissima, levigata, senza la minima rugosità da acidità scissa, o la minima defaillance ossidativa, con una sensazione leggermente glicerica che aggiunge un'ulteriore dimensione. Finale su una fragolina di bosco appena colta semplicemente impensabile in un vino di 42 anni. Da lacrime.

Complimenti Alberto e un filino di sana invidia.
Grande produttore fuori dalle mode e dalle pettinate inutili.
Non importa chi sarà l'ultimo a spegnere la luce. E' già buio.


Iir Boon Gesùuu/ ciii/ fuuur/ mini
Vinos
Messaggi: 955
Iscritto il: 09 feb 2015 23:26

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda Vinos » 17 mag 2019 16:34

Eravamo 5 amici al bar:

Selosse substance deg 2017: gli champagne di selosse fanno sempre discutere, da un lato chi apprezza la loro potenza sconfinata , dall’altro chi crede che la mano del produttore prenda il sopravvento creando una certa omologazione anche tra i suoi lieux dits.
Lo champagne di ieri era fantastico, meno estremo del solito, pur mantenendo un timbro riconoscibilissimo.

Jamet cote rotie 1999: esplodono dal bicchiere profumi di pasta di olive, more sotto spirito,sangue.
Il profilo è di un ventenne ancora incazzato, ha tannini fitti che si insinuano con vigore a centro bocca accompagnati da un traccia minerale ferrosa che ne dilata la percezione tattile, è energico e di impatto.
Potenza senza peso.

Chave hermitage 1998: una lieve deviazione aromatica turba l’animo a inizio degustazione, l’ossigeno gli è amico.
Con il passare del tempo inizia a pulsare profumi di fiori, incenso, affumicatura.... se jamet strilla, chave racconta.
Avvolge con un mantello di seta il palato, la trama è di un’eleganza ultraterrena, se la 99 bevuta sabato era contraddistinta da un’acidità importante, la 98 gode di una fase di equilibrio maggiore che si traduce in un vino più sensuale e pronto.

Cos d’estournel 1982: frutti di bosco, cola, balsamo, un leggero brett ad ampliare lo spettro olfattivo. È sempre un grande vino e appena versato tutti ne abbiamo tessuto le lodi. Purtroppo dopo pochi minuti abbiamo accostato il naso al bicchiere di cheval blanc 85 e.... cos è stato eclissato. I problemi del confronto..

Cheval blanc 1985: elegantissimo...sottobosco, cuoio e agrumi si intrecciano in una fusione perfetta, nessuno prevale sull’altro. Stessa percezione di equilibrio si avverte in bocca, sale e dolcezze scorrono legate tra loro, lasciando un ricordo soave di persistenza infinita. Il miglior cheval blanc bevuto in vita mia e il vino della serata.

Sassicaia 2000:non ho scritto note, è ancora giovane e rispetto agli altri era meno elegante e scorrevole...


Barolo monvigliero 2011: i 2011 godono di una fase di apertura impressionante, stappato e versato, è esplosivo e di bevibilità disarmante. Non teme minimamente il confronto con le grandi bottiglie che aveva di fianco. Applausi a cielo aperto per Fabio Alessandra, uno dei migliori produttori di barolo in assoluto.
alì65
Messaggi: 11381
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda alì65 » 17 mag 2019 17:37

Vinos ha scritto:Eravamo 5 amici al bar:

... Applausi a cielo aperto per Fabio Alessandra, uno dei migliori produttori di barolo in assoluto.


applausi per chi erano, Fabio o per Alessandra!!! :D :D (Vince, si scherza, ne...)
futuro incerto...ma w la gnocca!!!
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 11390
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda Alberto » 17 mag 2019 17:47

l'oste ha scritto:
Alberto ha scritto:Venegazzù Della Casa, Loredan-Gasparini, 1977 (13%)
Difficile attraverso una tastiera raffigurare in maniera plastica l'integrità, la pulizia, la poesia. Rubino con riflessi granati neppure troppo accentuati, compatto, "caldo". Naso da subito franco, espressivo ma delicato: terra scura, foglia di pomodoro, mille spezie tutte fuse tra loro e con le reminiscenze del frutto, ancora non completamente sostituite dai terziari. In bocca, che dire...un velluto: equlibratissima, levigata, senza la minima rugosità da acidità scissa, o la minima defaillance ossidativa, con una sensazione leggermente glicerica che aggiunge un'ulteriore dimensione. Finale su una fragolina di bosco appena colta semplicemente impensabile in un vino di 42 anni. Da lacrime.

Complimenti Alberto e un filino di sana invidia.
Grande produttore fuori dalle mode e dalle pettinate inutili.

Grazie mille Andrea... :D
Pensare che il livello era un filino basso ed ho voluto "sacrificarla" per prima (avendone un'altra messa - sulla carta - meglio) pensando di trovare un vino messo un po' in difficoltà da troppo ossigeno negli anni. Difficoltà un piffero!!!
Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De Andrè
Vinos
Messaggi: 955
Iscritto il: 09 feb 2015 23:26

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda Vinos » 17 mag 2019 17:51

alì65 ha scritto:
Vinos ha scritto:Eravamo 5 amici al bar:

... Applausi a cielo aperto per Fabio Alessandra, uno dei migliori produttori di barolo in assoluto.


applausi per chi erano, Fabio o per Alessandra!!! :D :D (Vince, si scherza, ne...)


Mi sono mangiato una i , per fortuna che Fabio Alessandria non è social :-)
landmax
Messaggi: 998
Iscritto il: 13 set 2013 17:49

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda landmax » 17 mag 2019 19:33

Vinos ha scritto:Selosse substance deg 2017: gli champagne di selosse fanno sempre discutere, da un lato chi apprezza la loro potenza sconfinata , dall’altro chi crede che la mano del produttore prenda il sopravvento creando una certa omologazione anche tra i suoi lieux dits.
Lo champagne di ieri era fantastico, meno estremo del solito, pur mantenendo un timbro riconoscibilissimo.

E infatti per me Substance è forse il vino più centrato di Selosse: ricercando uno stile così "personale", così spinto sulle maturità e le ossidazioni nobili, mi pare che il metodo solera, applicato a un blend di annate, dia un equilibrio, una potenza e una sfericità che non mi pare di ritrovare nei lieux dits e nei millesimati (per quei pochissimi che ho bevuto sinora, almeno).
ZEL WINE
Messaggi: 7053
Iscritto il: 06 giu 2007 16:36

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2019

Messaggioda ZEL WINE » 17 mag 2019 19:40

landmax ha scritto:
Vinos ha scritto:Selosse substance deg 2017: gli champagne di selosse fanno sempre discutere, da un lato chi apprezza la loro potenza sconfinata , dall’altro chi crede che la mano del produttore prenda il sopravvento creando una certa omologazione anche tra i suoi lieux dits.
Lo champagne di ieri era fantastico, meno estremo del solito, pur mantenendo un timbro riconoscibilissimo.

E infatti per me Substance è forse il vino più centrato di Selosse: ricercando uno stile così "personale", così spinto sulle maturità e le ossidazioni nobili, mi pare che il metodo solera, applicato a un blend di annate, dia un equilibrio, una potenza e una sfericità che non mi pare di ritrovare nei lieux dits e nei millesimati (per quei pochissimi che ho bevuto sinora, almeno).


E’ proprio così
fama di loro il mondo esser non lassa;
misericordia e giustizia li sdegna:
non ragioniam di lor, ma guarda e passa.

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti