Dolceacqua: com'è andata

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Avatar utente
marcolandia
Messaggi: 4388
Iscritto il: 06 giu 2007 12:30
Località: Milano
Contatta:

Re: Dolceacqua: com'è andata

Messaggioda marcolandia » 13 set 2013 18:25

Deruj ha scritto:preparo il terreno per lunedì, sperando che qualcuno voglia condividere qualcosa del we...


Divertitevi (dubbi non ne ho)

:roll:
Marco Grossi
Jó bornak nem kell cégér.

Adoss!!!!!
Avatar utente
andrea
Messaggi: 8005
Iscritto il: 06 giu 2007 11:38
Località: Bassa Brianza

Re: Dolceacqua: com'è andata

Messaggioda andrea » 16 set 2013 11:06

Bella festa, bono vino... :mrgreen: :mrgreen:
Ti amo Licia!!!
mangè mangè nu sèi chi ve mangià

Spedisco entro 5 giorni lavorativi, sempre che riesca a trovare i vini nel casino della mia cantina
easyrider
Messaggi: 58
Iscritto il: 14 gen 2011 17:18
Località: Varese

Re: Dolceacqua: com'è andata

Messaggioda easyrider » 16 set 2013 11:16

Bella gente, bono vino.... :mrgreen: :mrgreen:
Avatar utente
pippuz
Messaggi: 20252
Iscritto il: 06 giu 2007 11:05
Località: MilanoMilano

Re: Dolceacqua: com'è andata

Messaggioda pippuz » 16 set 2013 11:18

Soprattutto poco vino. :shock: :mrgreen:
over the mountain watching the watcher
breaking the darkness waking the grapevine
one inch of love is one inch of shadow
love is the shadow that ripens the wine
Avatar utente
andrea
Messaggi: 8005
Iscritto il: 06 giu 2007 11:38
Località: Bassa Brianza

Re: Dolceacqua: com'è andata

Messaggioda andrea » 16 set 2013 14:26

Il bello è che il vino della serata non è stato un Dolceacqua, ma il Boca 08 di Antico Borgo dei Cavalli. Comunque anche gli 8 Rossese bevuti si sono difesi bene 8)
Ti amo Licia!!!
mangè mangè nu sèi chi ve mangià

Spedisco entro 5 giorni lavorativi, sempre che riesca a trovare i vini nel casino della mia cantina
Avatar utente
megaMAX
Messaggi: 2912
Iscritto il: 02 lug 2007 22:00
Contatta:

Re: Dolceacqua: com'è andata

Messaggioda megaMAX » 03 nov 2014 22:55

Up
http://ilbarbieredellabirra.forumfree.it/

"Un sogno, ero davanti ad Allah: "Sei stato un buon uomo, ti offro il Paradiso e 72 vergini per te". "Preferirei 48 troione e una cassa di vino..." Mi ha scacciato!"(cit. Francone)
Avatar utente
arnaldo
Messaggi: 8674
Iscritto il: 07 giu 2007 08:21
Località: Bassano del Grappa

Re: Dolceacqua: com'è andata

Messaggioda arnaldo » 04 nov 2014 10:10

Ok Up ma se nessuno scrive piu' niente di Rossese che ci possiamo fare ????? Le ultime annate come sono ??? BOH......
follow my tasting notes and pics on http://instagram.com/ARNALDO2262/
Avatar utente
picenum
Messaggi: 886
Iscritto il: 10 nov 2011 13:50
Località: Roma

Re: Dolceacqua: com'è andata

Messaggioda picenum » 04 nov 2014 11:03

arnaldo ha scritto:Ok Up ma se nessuno scrive piu' niente di Rossese che ci possiamo fare ????? Le ultime annate come sono ??? BOH......

2012 da comprare
Non ho memoria storica della tipologia, però gli assaggi che ho fatto del 2012 sono tutti (al netto delle specifiche peculiarità) positivi o quasi. Questi i vini bevuti:
1) Classico "Galeae" 2012, Ka Manciné :D :D :D
2) Superiore "Migliarina" 2011, Tenute Rondelli :D :D :)
3) Superiore "Luvaira" 2012, Maccario-Dringenberg :D :D :D :D
4) Superiore "Poggio Pini" 2012, Tenute Anfosso :D :D :D :D
5) Superiore "Bricco Arcagna" 2012, Terre Bianche :D :D :D :D
6) Classico "Arcagna" 2012, Testalonga :D :D :D :D
7) Superiore "Vigneto Morghe" 2008, Mandino Cane :shock: :shock: :shock: :shock:
a cui vanno aggiunti gli assaggi del Posau ( :D :D :D :D ) ed del base della Maccario ( :D :D );
Chi presenta maggiori note marine, chi balsamicità di macchia mediterranea, etc, etc...
chi mi ha emozionato come detto nelle bevute del mese è stato l'intruso, di cui riporto anche qui le mie impressioni:
Oggi durante un'interessante panoramica sul Rossese, ho bevuto per la prima volta il Vigna Morghe vino oramai estinto di Mandino Cane, da Magnum annata 2008:
ma che bello!
Elegante, profondo, equilibrato, "ellittico", colore rubino scarico tendente al granato, naso veramente incantevole, mutevole, una movida continua tra fruttini rossi, leggeri sentori speziati e più accentuati sentori balsamici di macchia mediterranea, floreale ma anche marino, all'assaggio ancora una fantastica sapidità con il sorso di una finezza incredibile, avvolgente, setoso, con tutti gli angoli oramai smussati e con alcol completamente integrato, finale lungo.
In una parola, Coinvolgente.
alleg
Messaggi: 544
Iscritto il: 10 feb 2014 22:26
Località: Parma/Milano

Re: Dolceacqua: com'è andata

Messaggioda alleg » 04 nov 2014 11:26

picenum ha scritto:
arnaldo ha scritto:Ok Up ma se nessuno scrive piu' niente di Rossese che ci possiamo fare ????? Le ultime annate come sono ??? BOH......

2012 da comprare
Non ho memoria storica della tipologia, però gli assaggi che ho fatto del 2012 sono tutti (al netto delle specifiche peculiarità) positivi o quasi. Questi i vini bevuti:
1) Classico "Galeae" 2012, Ka Manciné :D :D :D
2) Superiore "Migliarina" 2011, Tenute Rondelli :D :D :)
3) Superiore "Luvaira" 2012, Maccario-Dringenberg :D :D :D :D
4) Superiore "Poggio Pini" 2012, Tenute Anfosso :D :D :D :D
5) Superiore "Bricco Arcagna" 2012, Terre Bianche :D :D :D :D
6) Classico "Arcagna" 2012, Testalonga :D :D :D :D
7) Superiore "Vigneto Morghe" 2008, Mandino Cane :shock: :shock: :shock: :shock:
a cui vanno aggiunti gli assaggi del Posau ( :D :D :D :D ) ed del base della Maccario ( :D :D );
Chi presenta maggiori note marine, chi balsamicità di macchia mediterranea, etc, etc...
chi mi ha emozionato come detto nelle bevute del mese è stato l'intruso, di cui riporto anche qui le mie impressioni:
Oggi durante un'interessante panoramica sul Rossese, ho bevuto per la prima volta il Vigna Morghe vino oramai estinto di Mandino Cane, da Magnum annata 2008:
ma che bello!
Elegante, profondo, equilibrato, "ellittico", colore rubino scarico tendente al granato, naso veramente incantevole, mutevole, una movida continua tra fruttini rossi, leggeri sentori speziati e più accentuati sentori balsamici di macchia mediterranea, floreale ma anche marino, all'assaggio ancora una fantastica sapidità con il sorso di una finezza incredibile, avvolgente, setoso, con tutti gli angoli oramai smussati e con alcol completamente integrato, finale lungo.
In una parola, Coinvolgente.


2013 invece annata con pochissima produzione, ad agosto quasi nessun produttore aveva ancora vino in cantina... anche le enoteche del centro avevano finito quasi tutto... Sono riuscito ad assaggiare solo il base di Dringenberg: piacevole come sempre ma senza sussulti.
gp
Messaggi: 2662
Iscritto il: 22 apr 2008 11:39

Re: Dolceacqua: com'è andata

Messaggioda gp » 04 nov 2014 11:30

Leggendo di corsa la guida L'Espresso, sembrerebbe che l'annata 2013 in zona sia andata particolarmente bene in termini di qualità. Sarà un caso, ma il base 2013 di Maccario Dringenberg mi è sembrato decisamente interessante: inattesi ma per me positivi i tannini decisi, gradazione (12,5°) coerente con l'agilità complessiva -- mentre faccio fatica con i Rossese a 14,5° come Anfosso in certe annate e giro alla larga da quelli a 15°, come il Sup. Luvaira 2012 dello stesso Maccario Dringenberg che hai citato.
Un produttore con cui mi trovo bene di solito è Kà Mancinè, anche perchè consente di scegliere di volta in volta tra il cru più sottile e agile (Beragna) e quello più strutturato e forse con maggiori margini d'invecchiamento (Galeae).

Per la cronaca, la tipologia Classico in questa denominazione non esiste, c'è solo la Superiore.

L'Arcagna di Testalonga sarebbe un'etichetta a parte rispetto al base?
Ultima modifica di gp il 04 nov 2014 11:59, modificato 1 volta in totale.
gp
alleg
Messaggi: 544
Iscritto il: 10 feb 2014 22:26
Località: Parma/Milano

Re: Dolceacqua: com'è andata

Messaggioda alleg » 04 nov 2014 11:46

gp ha scritto:Leggendo di corsa la guida L'Espresso, sembrerebbe che l'annata 2013 in zona sia andata particolarmente bene in termini di qualità. Sarà un caso, ma il base 2013 di Maccario Dringenberg mi è sembrato decisamente interessante: inattesi ma per me positivi i tannini decisi, gradazione (12,5°) coerente con l'agilità complessiva -- mentre faccio fatica con i Rossese a 14,5° come Anfosso in certe annate e giro alla larga da quelli a 15°, come il Sup. Luvaira 2012 dello stesso Maccario Dringenberg che hai citato.
Un produttore con cui mi trovo bene di solito è Kà Mancinè, anche perchè consente di scegliere di volta in volta tra il cru più sottile e agile (Beragna) e quello più strutturato e forse con maggiori margini d'invecchiamento (Galeae).

Per la cronaca, la tipologia Classico in questa denominazione non esiste, c'è solo la Superiore.

L'Arcagna di Testalonga è un'etichetta a parte rispetto al base?


Sulla qualità non discuto, non ne ho i mezzi. Come detto ho bevuto un solo vino, che mi è piaciuto parecchio, come in tutte le altre annate che ho assaggiato. Vino molto piacevole ma abbastanza semplice, per quello dicevo senza sussulti.

Sulla quantità prodotta posso assicurare che negli anni precedenti non avevo mai avuto così difficolta a recuperare qualche bottiglia in loco.
gp
Messaggi: 2662
Iscritto il: 22 apr 2008 11:39

Re: Dolceacqua: com'è andata

Messaggioda gp » 04 nov 2014 11:58

Beh, il vino è già migliorato, passando da "piacevole" a "molto piacevole"... :D
Per me il base, se viene prodotto, è un biglietto da visita importante, nonché una tipologia che ha un senso preciso. Certo se bisogna sempre misurarlo rispetto all'asticella delle selezioni, "piacevole, ma" diventa inevitabilmente un ritornello.
gp
alleg
Messaggi: 544
Iscritto il: 10 feb 2014 22:26
Località: Parma/Milano

Re: Dolceacqua: com'è andata

Messaggioda alleg » 04 nov 2014 12:16

gp ha scritto:Beh, il vino è già migliorato, passando da "piacevole" a "molto piacevole"... :D
Per me il base, se viene prodotto, è un biglietto da visita importante, nonché una tipologia che ha un senso preciso. Certo se bisogna sempre misurarlo rispetto all'asticella delle selezioni, "piacevole, ma" diventa inevitabilmente un ritornello.


Piacevole/Molto piacevole... Insomma il vino è bbbbbono, per la cronaca ne ho prese 6 bottiglie! Un po' perchè appunto è uno dei pochi che ancora aveva qualcosa in cantina, un po' perchè sono affezionato alla tipologia ed un po' perchè quando si vuole bere qualcosa di "semplice e non troppo impegnativo" questo vino mi ha sempre dato soddisfazione... tuttavia, ripeto, non mi ha fatto saltare sulla sedia (come invece aveva fatto a suo tempo il 2010 di Terre Bianche, ad esempio)
Avatar utente
picenum
Messaggi: 886
Iscritto il: 10 nov 2011 13:50
Località: Roma

Re: Dolceacqua: com'è andata

Messaggioda picenum » 04 nov 2014 12:26

gp ha scritto:
Per la cronaca, la tipologia Classico in questa denominazione non esiste, c'è solo la Superiore.

L'Arcagna di Testalonga sarebbe un'etichetta a parte rispetto al base?

E' vero esiste solo la superiore... era per distinguere (ho fatto copia incolla dall'evento).

Non lo so per certo ma suppongo di si perchè ho visto che in etichetta era specificato "vigneti d'arcagna" mentre altre bottiglie non lo riportano... se qualcuno sa si faccia avanti.
Avatar utente
picenum
Messaggi: 886
Iscritto il: 10 nov 2011 13:50
Località: Roma

Re: Dolceacqua: com'è andata

Messaggioda picenum » 08 mar 2015 21:57

Ieri sera fatta una bella panoramica dei vini di Giovanna Maccario, che ha brillantemente presenziato all'evento; veramente tanta troppa roba... su tutti un Luvaira 2001 veramente fantastico, molto affascinante il Curli (prima volta che lo bevo) ma comunque qualità diffusa per cru ed annate.
Tutto questo per dire, a chi interessa, che la 2014 è stata per la doc un'annata fantastica, e darà vini equilibrati in tutte le loro sfaccettature, insomma darà grandi vini.
Concludo dicendo che la serata è stata allietata dai numerosi finger di Catia Saletti (che i più qui conoscono bene) e dalla presenza anche di Giancarlo Marino di cui sono stato molto onorato di fare la conoscenza, persona veramente squisita.
Allegati
11033182_10206062370940557_4389208219681929311_n.jpg
11033182_10206062370940557_4389208219681929311_n.jpg (73.87 KiB) Visto 7620 volte
AmoSlade
Messaggi: 473
Iscritto il: 18 nov 2014 10:55

Re: Dolceacqua: com'è andata

Messaggioda AmoSlade » 03 mar 2016 21:54

Buonasera,
qualcuno mi sa dire qualcosa sul Posau 2014 e sul Curli 2013 e 2014 della Maccario? Non si trova molto in rete... :roll:
AmoSlade
Messaggi: 473
Iscritto il: 18 nov 2014 10:55

Re: Dolceacqua: com'è andata

Messaggioda AmoSlade » 28 mar 2016 21:13

Buonasera,
a fine aprile vorrei passare un fine settimana a Dolceacqua e dintorni, e visitare un paio di cantine. Un produttore che mi piacerebbe visitare sarebbe Antonio Perrino, ma ancora non ho provato a contattarlo. Per il resto, secondo la vostra esperienza, e tenendo conto sia della piacevolezza dei vini che della visita, chi mi consigliereste? Grazie
AmoSlade
Messaggi: 473
Iscritto il: 18 nov 2014 10:55

Re: Dolceacqua: com'è andata

Messaggioda AmoSlade » 29 mar 2016 23:01

Ok, ritento con un'altra domanda. Dato che a quanto pare il Rossese non lo beve più nessuno, almeno sapete consigliarmi qualche posticino in zona dove mangiare qualcosa di tipico senza spendere troppo? :D
alleg
Messaggi: 544
Iscritto il: 10 feb 2014 22:26
Località: Parma/Milano

Re: Dolceacqua: com'è andata

Messaggioda alleg » 30 mar 2016 10:36

AmoSlade ha scritto:Buonasera,
a fine aprile vorrei passare un fine settimana a Dolceacqua e dintorni, e visitare un paio di cantine. Un produttore che mi piacerebbe visitare sarebbe Antonio Perrino, ma ancora non ho provato a contattarlo. Per il resto, secondo la vostra esperienza, e tenendo conto sia della piacevolezza dei vini che della visita, chi mi consigliereste? Grazie


Perrino assolutamente disponibilissimo a visite in cantina cosi come Terre Bianche (sempre nella valle di Dolceacqua). Maccario invece è nella valle di Soldano. Terre bianche probabile che trovi qualcuno senza avvisare, gli altri due sono da chiamare.
Per mangiare ti direi il ristorante delle vecchie terme di pigna o baci ad Apricale. dovrebbe esserci qualcosa di interessante a Dolceaqua paese ma mai provato.
Avatar utente
andrea
Messaggi: 8005
Iscritto il: 06 giu 2007 11:38
Località: Bassa Brianza

Re: Dolceacqua: com'è andata

Messaggioda andrea » 30 mar 2016 11:21

Come produttori non ha che l'imbarazzo della scelta, come gia detto Perrino disponibilissimo e gentilissimo, i cugini Rondelli, Terre Bianche su ad Arcagna e Roberto Rondelli, oppure da Du Nemu.
In val Verbone Maccario a San Biagio, tenuta Anfosso a Soldano e Ka Mancine sempre a Soldano.
Mangiare, oltre gli ottimi gia citati anche da Delio ad Apricale e la Vecchia Ostaia a San Biagio della Cima
Ti amo Licia!!!
mangè mangè nu sèi chi ve mangià

Spedisco entro 5 giorni lavorativi, sempre che riesca a trovare i vini nel casino della mia cantina
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7741
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: Dolceacqua: com'è andata

Messaggioda zampaflex » 30 mar 2016 12:32

andrea ha scritto:Mangiare, oltre gli ottimi gia citati anche da Delio ad Apricale


Quotone.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
AmoSlade
Messaggi: 473
Iscritto il: 18 nov 2014 10:55

Re: Dolceacqua: com'è andata

Messaggioda AmoSlade » 30 mar 2016 20:10

Grazie davvero a tutti per i preziosi consigli! Sono molto curioso di assaggiare un po' di questi vini che conosco poco ma devo dire mi affascinano abbastanza! :-)
Avatar utente
gobrish
Messaggi: 1891
Iscritto il: 27 ago 2010 09:58
Località: Milano

Re: Dolceacqua: com'è andata

Messaggioda gobrish » 01 apr 2016 15:56

A me era piaciuto anche Case e Bottega:

http://www.ristocasaebottega.it/#_=_
AmoSlade
Messaggi: 473
Iscritto il: 18 nov 2014 10:55

Re: Dolceacqua: com'è andata

Messaggioda AmoSlade » 26 apr 2016 21:20

Piccolo resoconto su quanto provato durante lo scorso fine settimana in Val Nervia e Val Verbone.
Prima permettetemi una piccola parentesi sulla bellezza dei luoghi, davvero mozzafiato, che fanno da cornice a vigneti vecchissimi e affascinanti, fatti di alberelli nodosi e contorti. Vale davvero la pena di avventurarsi per le anguste stradine alla ricerca dei vigneti storici, in particolare la strada vicinale della Cresta, con le localita' Luvaira, Posau', Pini ecc. che offrono innumerevoli scorci di rara suggestione (un solo consiglio, se non avete dimestichezza con strade impervie meglio lasciar perdere, o andare a piedi :lol: ).

Detto questo, veniamo alle note sui vini.
Da Anfosso ho provato il Luvaira e il Poggio Pini 2014, non ancora usciti. Mi sono piaciuti entrambi, dei due mi e' parso piu' pronto, rotondo e maturo il Luvaira, piu' nervoso invece il Poggio Pini. Ho comprato un po' di tutto (tranne il Pini, finito) e sono molto curioso di provare il Rossese Bianco, prodotto da rare piante centenarie in pochissime bottiglie. Molto disponibili e gentili i coniugi Anfosso, che ci hanno raccontato interessantissimi aneddoti.

A Dolceacqua memorabile visita ad Antonio Perrino, sarei stato ore ad ascoltarlo. Ho assaggiato il Bianco Testalonga 2013 da uve vermentino, che fa macerazione di 4-5 giorni sulle bucce e che non puo' fregiarsi della DOC a causa del colore che ne scaturisce. Mi e' parso un vino davvero particolare ed interessante, mutevole nel bicchiere ed estremamente sapido, marino, essenziale.
Il rossese Testalonga 2014 e' il rossese piu' strutturato fra quelli che ho assaggiato. Vinificato con i raspi, accanto alle rusiticita' e vinosita' giovanili, presenta note evidenti di fragola e di macchia mediterranea. In bocca e' abbastanza tannico, corposo e promette un buon futuro.
Infine, dalla centenaria Vigna Pozzuolo in localita' Arcagna, ormai espiantata a causa anche dei cinghiali e caprioli che ne hanno resa difficile la coltivazione, il coup de coeur: un Rossese del 1981! Colpisce per il colore granato profondo, per il frutto sotto spirito che si mischia a note un po' ossidate ma soprattutto ad una evidentissima liquirizia. In bocca non ha nulla di un vino stanco, conserva un inaspettato grip tannico ed una lunghissima persistenza. Un'emozione.

Terza ed ultima visita Terre Bianche. Partendo dai bianchi, il Vermentino 2014 e' l' antitesi di quello di Perrino, parecchio aromatico, facile (e un po' ruffiano) al naso, mi ha dato l'idea di essere un po' costruito, ma posso ovviamente sbagliarmi. Piaciuto di piu' invece il Pigato, sempre 2014. Il rossese di Dolceacqua 2015 e' un po' ridotto, ma d'altronde e' in bottiglia da pochissimo. Il Rossese di Dolceacqua Terrabianca 2014, dal cru da cui prende il nome, ha un bellissimo colore rubino luminoso e mi e' piaciuto con i suoi profumi nitidi e fini di frutti rossi, quasi agrumati. Interessante notare la differenza stilistica con il rossese di Perrino. Finito e quindi non assaggiato purtroppo il Bricco Arcagna.

Al ristorante da Delio ad Apricale ho bevuto il Beragna di Ka Mancine', avevo ordinato il 2014 come da carta dei vini, mi sono ritrovato il 2015, in bottiglia credo da pochissimo. Profumi al limite dell'insistente, ha acidita' e sapidita' ma poco di piu', ma voglio credere che sia dovuto, almeno in parte, all'eccessiva gioventu'. Pero' non riesco a capire il motivo di far uscire i vini cosi' presto, rischiando di fare cattiva impressione quando magari non lo si merita. Almeno ho mangiato abbastanza bene, in particolare molto buona la capra con i fagioli bianchi di Pigna.

Che dire, non vedo l'ora di riprovarmi un po' tutto a casa con calma :D
Avatar utente
picenum
Messaggi: 886
Iscritto il: 10 nov 2011 13:50
Località: Roma

Re: Dolceacqua: com'è andata

Messaggioda picenum » 27 apr 2016 16:03

grazie delle note.

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Alberto, Ale Lenzi, alemusci, cavallo bianco, gbaenergiaeco10, glo882, rn_andre, rossobarbagia, Yahoo e 19 ospiti