RIP Citrico

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
merlotto85
Messaggi: 120
Iscritto il: 07 mar 2017 15:18
Località: Firenze

Re: RIP Citrico

Messaggioda merlotto85 » 03 set 2018 15:43

Grave perdita... dispiace molto :cry:
maxer
Messaggi: 2716
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: nordico

Re: RIP Citrico

Messaggioda maxer » 03 set 2018 21:54

Sto finendo di bermi lentamente una bottiglia del tuo magnifico Brunate 2010.
Non serve che te lo descriva, tanto lo conoscevi bene : era uno dei tuoi Barolo che preferivi, me lo dicevi spesso.
Ma sì, voglio condividere con te le mie sensazioni : continua ad evolvere, ha una persistenza lunghissima, una struttura decisa, dei tannini perfetti.
Lui è vivo e tu vivi con lui.
Non voglio finirlo
carpe diem 8)
Avvinazzato1970
Messaggi: 377
Iscritto il: 01 feb 2018 22:50

Re: RIP Citrico

Messaggioda Avvinazzato1970 » 03 set 2018 22:22

maxer ha scritto:Sto finendo di bermi lentamente una bottiglia del tuo magnifico Brunate 2010.
Non serve che te lo descriva, tanto lo conoscevi bene : era uno dei tuoi Barolo che preferivi, me lo dicevi spesso.
Ma sì, voglio condividere con te le mie sensazioni : continua ad evolvere, ha una persistenza lunghissima, una struttura decisa, dei tannini perfetti.
Lui è vivo e tu vivi con lui.
Non voglio finirlo


Che bella immagine Maxer...
R. I. P. Citrico
Biavo
Messaggi: 427
Iscritto il: 11 nov 2016 12:46
Località: Parma

Re: RIP Citrico

Messaggioda Biavo » 03 set 2018 22:52

maxer ha scritto:Sto finendo di bermi lentamente una bottiglia del tuo magnifico Brunate 2010.
Non serve che te lo descriva, tanto lo conoscevi bene : era uno dei tuoi Barolo che preferivi, me lo dicevi spesso.
Ma sì, voglio condividere con te le mie sensazioni : continua ad evolvere, ha una persistenza lunghissima, una struttura decisa, dei tannini perfetti.
Lui è vivo e tu vivi con lui.
Non voglio finirlo



Bello :wink:
La Tache
Messaggi: 356
Iscritto il: 06 giu 2007 16:10

Re: RIP Citrico

Messaggioda La Tache » 04 set 2018 12:26

Riposa in pace grande vignaiolo......
mastrantonio
Messaggi: 11226
Iscritto il: 06 giu 2007 15:41

Re: RIP Citrico

Messaggioda mastrantonio » 04 set 2018 19:19

Mi spiace molto, :cry:
champagnelover
Messaggi: 227
Iscritto il: 22 feb 2015 22:44

Re: RIP Citrico

Messaggioda champagnelover » 04 set 2018 21:42

Ebbi il piacere di conoscerlo durante una visita tre anni fa. Sua figlia Carlotta ci guidava e lui dopo si riuniva. Prima un po' a distante ma più per direi timidezza. Persona di grande umiltà e passione per il vino. Manmano comincio a sciogliersi e raccontavo di più e di tutto. persona squisita. Alla fine della visita ci diede persino un chinotto fatto da lui. Visita speciale. requiescat in pace.
maxer
Messaggi: 2716
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: nordico

Re: RIP Citrico

Messaggioda maxer » 05 set 2018 13:40

Il testamento di Beppe sul Barolo e le Langhe

https://cucina.corriere.it/notizie/18_s ... e5f1.shtml

L' ipocrita ricordo di Angelo Gaja

https://cucina.corriere.it/divini/18_se ... 6229.shtml
carpe diem 8)
vino.curioso
Messaggi: 80
Iscritto il: 18 ott 2017 14:59

Re: RIP Citrico

Messaggioda vino.curioso » 05 set 2018 15:36

maxer ha scritto:
L' ipocrita ricordo di Angelo Gaja



correva cattivo sangue tra i due, Max?
Avatar utente
tenente Drogo 2
Messaggi: 670
Iscritto il: 24 nov 2017 18:03

Re: RIP Citrico

Messaggioda tenente Drogo 2 » 05 set 2018 15:40

maxer ha scritto:Il testamento di Beppe sul Barolo e le Langhe

https://cucina.corriere.it/notizie/18_s ... e5f1.shtml

L' ipocrita ricordo di Angelo Gaja

https://cucina.corriere.it/divini/18_se ... 6229.shtml


eppure la prima, e ahimè unica, volta che sono stato ospite di Gaja a Barbaresco con alcuni forumisti, ci offrì proprio un Brunate - Le Coste del 1999
I comunisti mi trattavano da fascista, i fascisti da comunista.
Tutto questo ha aiutato il film.
(Sam Fuller, a proposito di "The Steel Helmet")
landmax
Messaggi: 1004
Iscritto il: 13 set 2013 17:49

Re: RIP Citrico

Messaggioda landmax » 05 set 2018 18:41

maxer ha scritto:Il testamento di Beppe sul Barolo e le Langhe

https://cucina.corriere.it/notizie/18_s ... e5f1.shtml


Non ho verità in tasca, ma come elemento di riflessione mi sembra interessante leggere anche l'articolata replica di Daniel Thomases su Winesurf:

https://www.winesurf.it/caro-citrico-sc ... ti-sbagli/
vinogodi
Messaggi: 28112
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: RIP Citrico

Messaggioda vinogodi » 05 set 2018 21:15

landmax ha scritto:
maxer ha scritto:Il testamento di Beppe sul Barolo e le Langhe

https://cucina.corriere.it/notizie/18_s ... e5f1.shtml


Non ho verità in tasca, ma come elemento di riflessione mi sembra interessante leggere anche l'articolata replica di Daniel Thomases su Winesurf:

https://www.winesurf.it/caro-citrico-sc ... ti-sbagli/
... Sensato, ' sto Thomases...
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
maxer
Messaggi: 2716
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: nordico

Re: RIP Citrico

Messaggioda maxer » 06 set 2018 02:49

vino.curioso ha scritto:
maxer ha scritto:
L' ipocrita ricordo di Angelo Gaja



Correva cattivo sangue tra i due, Max?

"Cattivo" certamente no.
Di sicuro non erano amici. Beppe rispettava i grandi vini rossi (rossi) storici di Gaja, come Gaia rispettava il grande Barolo di Rinaldi, questo sì.
Ma per quanto riguarda una visione generale sulle Langhe, la difesa delle tradizioni del territorio, l' eccessiva ricerca del profitto ricavato dal vino (ricordiamoci che il prezzo di vendita di un suo Barolo era sempre rimasto negli ultimi anni fra i 35 e i 40 €uro !), il "No barrique, no Berlusconi" di Beppe, i due personaggi non potevano essere che diversi e agli antipodi.

Rinaldi un pauperista romantico e sanguigno, semplice e schietto, attaccato alla sua terra, alle sue vigne, alle sue botti, alla sua nebbia.
Gaja grande produttore manager, che gira il mondo per sponsorizzare il suo grande vino, con una visione certo più internazionale e più legata ai successi economici (leggi soldi), che sa di essere l' ago della bilancia di ogni scelta che viene fatta neele Langhe.

E inoltre caratteri diversi, storie diverse, culture diverse, scelte diverse : non potevano essere amici, non c' è stata un' occasione o una situazione in cui si siano trovati in accordo.

Ecco perché mi è sembrato freddo, falso e un po' altezzoso il ricordo di Gaia alla morte di Beppe. Tutto qui. È solo una mia impressione, ricordando soprattutto i lunghi racconti che Beppe mi faceva davanti a un bicchiere, in cantina o seduti sul suo divanetto giallo senape.
carpe diem 8)
maxer
Messaggi: 2716
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: nordico

Re: RIP Citrico

Messaggioda maxer » 06 set 2018 03:17

vinogodi ha scritto:
landmax ha scritto:
maxer ha scritto:Il testamento di Beppe sul Barolo e le Langhe

https://cucina.corriere.it/notizie/18_s ... e5f1.shtml


Non ho verità in tasca, ma come elemento di riflessione mi sembra interessante leggere anche l'articolata replica di Daniel Thomases su Winesurf:

https://www.winesurf.it/caro-citrico-sc ... ti-sbagli/
... Sensato, ' sto Thomases...

Ma 'sto Thomases (?), li ha visti e assaggiati tutti quegli imbevibili Barolo esposti in ogni supermercato d' Italia (e in tanti d' Europa e Usa), imbottigliati, ma NON PRODOTTI, da decine di pseudo-aziende dai nomi terre di qua duchesse di là oppure celati dietro strane sigle numeriche ?
Sarebbe questa la qualità media che si è elevata, quando queste bottiglie rappresentano ormai la stragrande maggioranza dei Barolo presenti sul mercato ?

Ma per favore ..... :evil:
carpe diem 8)
Patatasd
Messaggi: 655
Iscritto il: 23 lug 2012 11:17

Re: RIP Citrico

Messaggioda Patatasd » 06 set 2018 08:29

Mortacci sua... non ha capito un'emerito cazzo della lettera.
O più probabilmente l'ha capito ma ha voluto fare quest'articolo fatto solo per contraddire punto per punto il pensiero di Beppe con una forzatura dietro l'altra.
Ha pure avuto il pessimo gusto di pubblicarlo il giorno della sua morte non lasciando possibilità a nessuna replica.

Oh... ma d'altronde lui è semplicemente il giornalista che ha insegnato a molti, se non a tutti, il mestiere. Una delle vere colonne della critica enogastronomica in Italia.

Ma vaffanculo va!
Avatar utente
bobbisolo
Messaggi: 279
Iscritto il: 08 set 2017 10:31
Località: Campagnolacucchiaio&stagnola

Re: RIP Citrico

Messaggioda bobbisolo » 06 set 2018 09:41

"ha stilato con una penna imbevuta di veleno..." , chi, Thomases?

il registro tenuto fa incazzare, ma un po' di vergogna? Demokristiano liberàle!!
maxer
Messaggi: 2716
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: nordico

Re: RIP Citrico

Messaggioda maxer » 06 set 2018 09:44

Patatasd ha scritto:Mortacci sua... non ha capito un'emerito cazzo della lettera.
O più probabilmente l'ha capito ma ha voluto fare quest'articolo fatto solo per contraddire punto per punto il pensiero di Beppe con una forzatura dietro l'altra.
Ha pure avuto il pessimo gusto di pubblicarlo il giorno della sua morte non lasciando possibilità a nessuna replica.

Oh... ma d'altronde lui è semplicemente il giornalista che ha insegnato a molti, se non a tutti, il mestiere. Una delle vere colonne della critica enogastronomica in Italia.

Ma vaffanculo va!

Konkordo con te su questo bel vaffa.
L' unico appunto che ti faccio è che certamente l' articolo sarà stato scritto molto prima e che la sua pubblicazione è caduta proprio nel giorno sbagliato del tutto casualmente.
Ciò non toglie che purtroppo il povero Beppe a questo punto non potrà più rispondere.
E si inkazzerà molto. :(
carpe diem 8)
landmax
Messaggi: 1004
Iscritto il: 13 set 2013 17:49

Re: RIP Citrico

Messaggioda landmax » 06 set 2018 09:54

Eccoli, i leoni da tasteria (e mi dispiace sinceramente, Maxer, che ti sia accodato anche tu)... ormai cercare di ragionare in Italia è diventato impossibile... :roll:

p.s. come ho già detto, non ho un'opinione definitiva sull'argomento e, aggiungo, diverse affermazioni di Thomases non mi convincono, però replicare a dei ragionamenti sia pure errati con gli insulti personali è il segno del declino di un paese... divertitevi pure ad insultare chi volete adesso, io non intervengo più (accidenti a me quella volta!)
Avatar utente
bobbisolo
Messaggi: 279
Iscritto il: 08 set 2017 10:31
Località: Campagnolacucchiaio&stagnola

Re: RIP Citrico

Messaggioda bobbisolo » 06 set 2018 10:16

Io ho la coda di paglia e sono anche parakulo, ma se "democristiano liberale" è ritenuta un'offesa allora qui qualcuno ha un fienile lungo il fondoschiena :lol:
maxer
Messaggi: 2716
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: nordico

Re: RIP Citrico

Messaggioda maxer » 06 set 2018 10:32

landmax ha scritto:Eccoli, i leoni da tasteria (e mi dispiace sinceramente, Maxer, che ti sia accodato anche tu)... ormai cercare di ragionare in Italia è diventato impossibile... :roll:

p.s. come ho già detto, non ho un'opinione definitiva sull'argomento e, aggiungo, diverse affermazioni di Thomases non mi convincono, però replicare a dei ragionamenti sia pure errati con gli insulti personali è il segno del declino di un paese... divertitevi pure ad insultare chi volete adesso, io non intervengo più (accidenti a me quella volta!)

Beh, un unico vaffa meritato non mi sembra così eccessivo, dai .....
Con tutto quello che di peggio si legge purtroppo sulla rete, non mi ritengo certo più "leone" da tastiera, al massimo un anziano "gatto".

E poi, leggi bene, il grande critico mastro Thomases l' ho persino difeso dall' accusa, che erroneamente gira, riguardo alla contemporanea e sciagurata uscita del suo articolo nel giorno sbagliato.
Su, non essere così accusatorio.
E soprattutto continua a scrivere : se non lo fai lo avrei sulla coscienza :wink:
carpe diem 8)
Patatasd
Messaggi: 655
Iscritto il: 23 lug 2012 11:17

Re: RIP Citrico

Messaggioda Patatasd » 06 set 2018 11:36

landmax ha scritto:Eccoli, i leoni da tasteria (e mi dispiace sinceramente, Maxer, che ti sia accodato anche tu)... ormai cercare di ragionare in Italia è diventato impossibile... :roll:


Caro landmax, leone da tastiera per un vaffanculo di sfogo mi sembra un tantino fuori luogo.

Come già scritto, l'articolo è forzatamente scritto per contraddire punto per punto la lettera di Beppe, travisando il messaggio che vuole passare e portando esempi che non c'entrano una cippa, questo è il punto del discorso.

Se poi ti scandalizzi per un vaffanculo, tra l'altro manco indirizzato ad un utente del forum... chetteddevoddi? Mi spiace, ma da qua a parlare di declino di un paese, ahimè mi sembra che stai prendendo ispirazione dalle forzature del buon maestro di tutti i giornalisti.
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7327
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: RIP Citrico

Messaggioda zampaflex » 06 set 2018 11:59

Ho letto la lettera di Beppe e la risposta di Thomases. Ho trovato, a turno, ambedue convincenti. Sarebbe opportuno che sui temi ci sia un ampio dibattito in stile cineforum degli anni 70 :mrgreen:
Seriamente, Thomases solleva obiezioni razionali rispetto ai lamenti più emozionali di Rinaldi, e proprio perché razionali andrebbero esaminati, ed eventualmente confutati, con lo stesso metro.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Patatasd
Messaggi: 655
Iscritto il: 23 lug 2012 11:17

Re: RIP Citrico

Messaggioda Patatasd » 06 set 2018 14:04

Razionali?



Questo dice Beppe:
E’ quasi tutto un vigneto, si sono già persi non il bucolico, l’agreste ma i fazzoletti di colore, la diversità a beneficio del monotono, della monocoltura esasperata.


Questo dice il vate:
Temo di dover dire che la monocolture “esasperata” (passi questo aggettivo che è tutto un programma di pensiero) è proprio ciò che distingue le grandi zone viticole del mondo, il bordolese non è altro che un oceano di viti a perdita d’occhio e idem dicasi per la Borgogna, ad eccezione, non di “fazzoletti di terra” ma di cave di marmo. Lo stesso si può dire della Champagne.


Queste sono le immagini delle zone:

Immagine Immagine Immagine Immagine

Notate qualche differenza?
Francesco M
Messaggi: 265
Iscritto il: 12 apr 2017 12:03

Re: RIP Citrico

Messaggioda Francesco M » 06 set 2018 14:18

ci sono due o tre passaggi del thomases completamente antitetici al mio pensiero (che per alcuni versi è in accordo con quello di rinaldi), soprattutto i punti 3, 4, quello sull'espansione, quello sulla forbice.
il catalizzatore che determina le opinioni dell'autore a me sembra solamente "il mercato"; riduttivo.

alcune risposte non sono a tono, sono cacofoniche.
La ragione ha torto
Avatar utente
bobbisolo
Messaggi: 279
Iscritto il: 08 set 2017 10:31
Località: Campagnolacucchiaio&stagnola

Re: RIP Citrico

Messaggioda bobbisolo » 06 set 2018 14:47

poi la "colta" citazione molto generalizzata del manifesto... boh, mi fa sorridere l'utilizzo fazioso di Marx (da un liberale democristiano)... specifichi (il narciso) se intende comunicare un messaggio

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti