COSA SI BEVE IN APRILE?

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
AmoSlade
Messaggi: 476
Iscritto il: 18 nov 2014 10:55

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda AmoSlade » 28 apr 2018 19:30

Cornas Cuvée des Côteaux 2006 - Robert Michel: ero molto curioso di provarlo per diversi motivi: primo per avere un'idea di dove vanno a parare i Cornas con qualche annetto di bottiglia, secondo perché proveniente dalla parcella Les Chaillots, da cui nasce anche il Cornas di Gilles che mi aveva recentemente colpito assaggiandone la giovanissima 2015. Colore giovanissimo, rubino limpido con cedimenti verso il granato quasi nulli. Profumi intensi dove predomina la florealità, poi i frutti rossi e una leggera oliva completano un bouquet di grande purezza. Bocca, come dicono i francesi, molto gourmand, snella ma saporita e lunga, con tannini ancora fitti ma non appuntiti.
Non posso pronunciarmi sulla tipicità per mancanza di esperienza, ma che eleganza! Se questo è un second vin il signor Robert Michel non se la cavava male :lol:
Avatar utente
Ludi
Messaggi: 2835
Iscritto il: 22 lug 2008 10:02
Località: Roma

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda Ludi » 29 apr 2018 00:50

Straordinaria giornata con Gianfranco Soldera, iniziata alle 11.30 e finita (a malincuore) alle 17 passate....pranzo sublime e grandi chiacchierate, ma si è bevuto:
Soldera, Sangiovese 2013: naso inizialmente ritroso e leggermente ridotto che però si apre presto alla fragola, alla mora, alla macchia toscana. Ma è soprattutto in bocca che impressiona, con un equilibrio magico ed un tannino che sarebbe un understatement definire setoso. Grandissimo vino, abbinato incredibilmente ad una piovra cotta nel suo succo con un filo di olio Case Basse.
Soldera, Sangiovese 2017 (da botte): lo avevo assaggiato ancora in fermentazione, ed il bimbo sta crescendo bene, sano e vigoroso, cosciente che sarà uno dei pochi (annata con una produzione di 6.000 bottiglie, non di più).
Soldera, Sangiovese 2015 (da botte): sarà uno dei più grandi vini mai prodotti in Italia. Mi sbilancio e mi espongo a rischio di sbeffeggiamento, lo so, ma l'emozione di quell'assaggio mi rimarrà dentro a lungo, molto a lungo. Parossistico.
alì65
Messaggi: 11769
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda alì65 » 29 apr 2018 08:57

Ludi ha scritto:Straordinaria giornata con Gianfranco Soldera, iniziata alle 11.30 e finita (a malincuore) alle 17 passate....pranzo sublime e grandi chiacchierate, ma si è bevuto:
Soldera, Sangiovese 2013: naso inizialmente ritroso e leggermente ridotto che però si apre presto alla fragola, alla mora, alla macchia toscana. Ma è soprattutto in bocca che impressiona, con un equilibrio magico ed un tannino che sarebbe un understatement definire setoso. Grandissimo vino, abbinato incredibilmente ad una piovra cotta nel suo succo con un filo di olio Case Basse.
Soldera, Sangiovese 2017 (da botte): lo avevo assaggiato ancora in fermentazione, ed il bimbo sta crescendo bene, sano e vigoroso, cosciente che sarà uno dei pochi (annata con una produzione di 6.000 bottiglie, non di più).
Soldera, Sangiovese 2015 (da botte): sarà uno dei più grandi vini mai prodotti in Italia. Mi sbilancio e mi espongo a rischio di sbeffeggiamento, lo so, ma l'emozione di quell'assaggio mi rimarrà dentro a lungo, molto a lungo. Parossistico.


Giuliano...sai meglio di me che i campioni da botte (a volte) tradiscono e la parte emozionale è cattiva consigliera... :wink:
staremo a vedere cosa diranno le bt...certo che a questi prezzi la cosa comincia ad essere impegnativa...purtroppo
futuro incerto...ma w la gnocca!!!
Avatar utente
Ludi
Messaggi: 2835
Iscritto il: 22 lug 2008 10:02
Località: Roma

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda Ludi » 29 apr 2018 09:10

alì65 ha scritto:
Giuliano...sai meglio di me che i campioni da botte (a volte) tradiscono e la parte emozionale è cattiva consigliera... :wink:
staremo a vedere cosa diranno le bt...certo che a questi prezzi la cosa comincia ad essere impegnativa...purtroppo


sono d'accordo Claudio, certamente, ma debbo dire che in passato il paragone assaggio da botte/ assaggio da bottiglia con Soldera ha dato sempre conferme; penso soprattutto alla 2013, che avevo "seguito" da botte e che è davvero grande.
Sui prezzi sono d'accordo, purtroppo....la domanda dall'estero è altissima, e la 2013 la mette a 270+IVA franco cantina. Se tuttavia penso a quanto costa il Masseto e a quanto vale, mi sembra quasi un regalo :lol:
alì65
Messaggi: 11769
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda alì65 » 29 apr 2018 11:42

Ludi ha scritto:
alì65 ha scritto:
Giuliano...sai meglio di me che i campioni da botte (a volte) tradiscono e la parte emozionale è cattiva consigliera... :wink:
staremo a vedere cosa diranno le bt...certo che a questi prezzi la cosa comincia ad essere impegnativa...purtroppo


sono d'accordo Claudio, certamente, ma debbo dire che in passato il paragone assaggio da botte/ assaggio da bottiglia con Soldera ha dato sempre conferme; penso soprattutto alla 2013, che avevo "seguito" da botte e che è davvero grande.
Sui prezzi sono d'accordo, purtroppo....la domanda dall'estero è altissima, e la 2013 la mette a 270+IVA franco cantina. Se tuttavia penso a quanto costa il Masseto e a quanto vale, mi sembra quasi un regalo :lol:


2013 è una conferma della zona tutta...
sul prezzo ho un mio paragone (che per me calza meglio); è come se te lo infilassero piccolo, pensando a J.Holmes ti è andata bene!!! :mrgreen: :mrgreen:
futuro incerto...ma w la gnocca!!!
Avatar utente
Ludi
Messaggi: 2835
Iscritto il: 22 lug 2008 10:02
Località: Roma

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda Ludi » 29 apr 2018 12:35

alì65 ha scritto:[

2013 è una conferma della zona tutta...
sul prezzo ho un mio paragone (che per me calza meglio); è come se te lo infilassero piccolo, pensando a J.Holmes ti è andata bene!!! :mrgreen: :mrgreen:


:lol: :lol: :lol:
Avatar utente
Wineduck
Messaggi: 4188
Iscritto il: 06 giu 2007 15:16

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda Wineduck » 29 apr 2018 13:05

alì65 ha scritto:
Ludi ha scritto:Straordinaria giornata con Gianfranco Soldera, iniziata alle 11.30 e finita (a malincuore) alle 17 passate....pranzo sublime e grandi chiacchierate, ma si è bevuto:
Soldera, Sangiovese 2013: naso inizialmente ritroso e leggermente ridotto che però si apre presto alla fragola, alla mora, alla macchia toscana. Ma è soprattutto in bocca che impressiona, con un equilibrio magico ed un tannino che sarebbe un understatement definire setoso. Grandissimo vino, abbinato incredibilmente ad una piovra cotta nel suo succo con un filo di olio Case Basse.
Soldera, Sangiovese 2017 (da botte): lo avevo assaggiato ancora in fermentazione, ed il bimbo sta crescendo bene, sano e vigoroso, cosciente che sarà uno dei pochi (annata con una produzione di 6.000 bottiglie, non di più).
Soldera, Sangiovese 2015 (da botte): sarà uno dei più grandi vini mai prodotti in Italia. Mi sbilancio e mi espongo a rischio di sbeffeggiamento, lo so, ma l'emozione di quell'assaggio mi rimarrà dentro a lungo, molto a lungo. Parossistico.


Giuliano...sai meglio di me che i campioni da botte (a volte) tradiscono e la parte emozionale è cattiva consigliera... :wink:
staremo a vedere cosa diranno le bt...certo che a questi prezzi la cosa comincia ad essere impegnativa...purtroppo



Scusa Claudio io però sui prezzi provereia pensarla diversamente: un conto sono le nosre tasche ed un altro il prezzo cheil prodotto spunta sul mercato globale. Io Soldera facevo fatica a potermelo permettere quando costava 90-120 figurati adesso che siamo abbondantemente sopra i 400 euro. Quindi non ne faccio una questione personale ma semplicemente di valore che il prodotto ha sul mercato. Non capisco la sudditanza psicologica verso i vini francesi che negli ultimi anni hanno moltiplicato per 3-4-5 il prezzo franco cantina, anche quello di prodotti che non hanno certo la qualità dei nostri Monfortino, Soldera, Roagna, Poggio di Sotto, Gaja, ecc. Quindi perchè loro si ed i nostri no? I nostri produttori dovrebbero lasciare solo alla speculazione i margini che si generano con i prezzi a cui attualmente il mercato quota i loro vini? Prendi il caso di MT Mascarello o di Beppe Rinaldi: io se fossi in loro triplicherei il prezzo franco cantina per "tagliare i margini" a tutti coloro che triplicano i prezzo non appena metto piede fuori dalla loro cantina. Poi se uno vuole essere coerente con i propri valori "di sinistra" trova sicuramente il modo per destinare quel "plusvalore" (come lo avrebbe chiamato K.M.) ad Emergency, Medici senza Frontiere oppure un ospizio per senza tetto nel centro di Torino.
Diverso è il fatto che noi non ci possiamo più permettere quei vini: fa "girar le balle" ma è una naturale evoluzione del mercato. Io sono 25 anni che avverto tutti che l'italia avrebbe fatto questa fine senza adeguati correttivi. Ma noi continuiamo a ripetere glie rrori che stanno facendo impoverire la nostra classe media. E queste sono le conseguenze...
Il resto del mondo però cresce e ci sono ogni anno milioni di nuovi ricchi: anceh loro vogliono assaggiare queste delizie, la pressione sulla domanda cresce (le quantità sono bloccate) e di conseguenza il prezzo cresce.
Economia di base, roba che si dovrebbe insegnare in tutte le scuole elementari. Ma non le nostre, purtroppo.
"People call me rude, I wish we all were nude, I wish there was no black and white, I wish there were no rules" [Controversy]

follow my tasting notes and pics on http://instagram.com/wineleaner/
alì65
Messaggi: 11769
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda alì65 » 29 apr 2018 16:09

Wineduck ha scritto:
alì65 ha scritto:
Ludi ha scritto:Straordinaria giornata con Gianfranco Soldera, iniziata alle 11.30 e finita (a malincuore) alle 17 passate....pranzo sublime e grandi chiacchierate, ma si è bevuto:
Soldera, Sangiovese 2013: naso inizialmente ritroso e leggermente ridotto che però si apre presto alla fragola, alla mora, alla macchia toscana. Ma è soprattutto in bocca che impressiona, con un equilibrio magico ed un tannino che sarebbe un understatement definire setoso. Grandissimo vino, abbinato incredibilmente ad una piovra cotta nel suo succo con un filo di olio Case Basse.
Soldera, Sangiovese 2017 (da botte): lo avevo assaggiato ancora in fermentazione, ed il bimbo sta crescendo bene, sano e vigoroso, cosciente che sarà uno dei pochi (annata con una produzione di 6.000 bottiglie, non di più).
Soldera, Sangiovese 2015 (da botte): sarà uno dei più grandi vini mai prodotti in Italia. Mi sbilancio e mi espongo a rischio di sbeffeggiamento, lo so, ma l'emozione di quell'assaggio mi rimarrà dentro a lungo, molto a lungo. Parossistico.


Giuliano...sai meglio di me che i campioni da botte (a volte) tradiscono e la parte emozionale è cattiva consigliera... :wink:
staremo a vedere cosa diranno le bt...certo che a questi prezzi la cosa comincia ad essere impegnativa...purtroppo



Scusa Claudio io però sui prezzi provereia pensarla diversamente: un conto sono le nosre tasche ed un altro il prezzo cheil prodotto spunta sul mercato globale. Io Soldera facevo fatica a potermelo permettere quando costava 90-120 figurati adesso che siamo abbondantemente sopra i 400 euro. Quindi non ne faccio una questione personale ma semplicemente di valore che il prodotto ha sul mercato. Non capisco la sudditanza psicologica verso i vini francesi che negli ultimi anni hanno moltiplicato per 3-4-5 il prezzo franco cantina, anche quello di prodotti che non hanno certo la qualità dei nostri Monfortino, Soldera, Roagna, Poggio di Sotto, Gaja, ecc. Quindi perchè loro si ed i nostri no? I nostri produttori dovrebbero lasciare solo alla speculazione i margini che si generano con i prezzi a cui attualmente il mercato quota i loro vini? Prendi il caso di MT Mascarello o di Beppe Rinaldi: io se fossi in loro triplicherei il prezzo franco cantina per "tagliare i margini" a tutti coloro che triplicano i prezzo non appena metto piede fuori dalla loro cantina. Poi se uno vuole essere coerente con i propri valori "di sinistra" trova sicuramente il modo per destinare quel "plusvalore" (come lo avrebbe chiamato K.M.) ad Emergency, Medici senza Frontiere oppure un ospizio per senza tetto nel centro di Torino.
Diverso è il fatto che noi non ci possiamo più permettere quei vini: fa "girar le balle" ma è una naturale evoluzione del mercato. Io sono 25 anni che avverto tutti che l'italia avrebbe fatto questa fine senza adeguati correttivi. Ma noi continuiamo a ripetere glie rrori che stanno facendo impoverire la nostra classe media. E queste sono le conseguenze...
Il resto del mondo però cresce e ci sono ogni anno milioni di nuovi ricchi: anceh loro vogliono assaggiare queste delizie, la pressione sulla domanda cresce (le quantità sono bloccate) e di conseguenza il prezzo cresce.
Economia di base, roba che si dovrebbe insegnare in tutte le scuole elementari. Ma non le nostre, purtroppo.


il tuo scritto non fa una grinza e, quando Case Basse assieme a Monfortino & co. costavano molto meno, ero il primo a dire che per la qualità loro rispetto agli altri top mondiali il prezzo era basso anche perchè confrontati varie volte la differenza era minima a volte superiore l'italica
detto questo il mio prurito di deretano e dato dall'aumento improvviso, chi il doppio, chi oltre e chi meno ma sempre molto molto alto rispetto all'annata precedente....il mio guadagnare annuo non è mai aumentato del doppio...dimmi dove insegnano questo che mi iscrivo subito al corso
poi, per carità, vendono tutto, hanno ragione loro, punto...inutile lamentarsi...me ne sono fatto una ragione da tempo e so benissimo che non si ribalterà....amen
futuro incerto...ma w la gnocca!!!
Avatar utente
MARAUDER
Messaggi: 89
Iscritto il: 09 dic 2017 15:51

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda MARAUDER » 29 apr 2018 21:34

Krug GC sul tappo il codice V821 la maison mi ha detto che è una 158.... Mah... L'etichetta non ha ovviamente ne ID ne indicazioni tipo 168th etc.... Ditemi voi se lo sapete cosa ho bevuto... Io l'ho trovata mostruosa... Intensa persistente tostata ma anche freschissima più che uno champagne quasi un vino rosso.... Aspetto volentieri commenti grazie
- Chi si accontenta gode... ma chi gode non si accontenta MAI!
- "... Rayas è uno Str*#zo..." {Bue House 28-10-18}
- Follow my tasting notes on Instagram @thewinegarage
Avatar utente
videodrome
Messaggi: 3410
Iscritto il: 14 apr 2008 19:25
Località: Mantova

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda videodrome » 29 apr 2018 21:40

alì65 ha scritto:
Ludi ha scritto:Straordinaria giornata con Gianfranco Soldera, iniziata alle 11.30 e finita (a malincuore) alle 17 passate....pranzo sublime e grandi chiacchierate, ma si è bevuto:
Soldera, Sangiovese 2013: naso inizialmente ritroso e leggermente ridotto che però si apre presto alla fragola, alla mora, alla macchia toscana. Ma è soprattutto in bocca che impressiona, con un equilibrio magico ed un tannino che sarebbe un understatement definire setoso. Grandissimo vino, abbinato incredibilmente ad una piovra cotta nel suo succo con un filo di olio Case Basse.
Soldera, Sangiovese 2017 (da botte): lo avevo assaggiato ancora in fermentazione, ed il bimbo sta crescendo bene, sano e vigoroso, cosciente che sarà uno dei pochi (annata con una produzione di 6.000 bottiglie, non di più).
Soldera, Sangiovese 2015 (da botte): sarà uno dei più grandi vini mai prodotti in Italia. Mi sbilancio e mi espongo a rischio di sbeffeggiamento, lo so, ma l'emozione di quell'assaggio mi rimarrà dentro a lungo, molto a lungo. Parossistico.


Giuliano...sai meglio di me che i campioni da botte (a volte) tradiscono e la parte emozionale è cattiva consigliera... :wink:
staremo a vedere cosa diranno le bt...certo che a questi prezzi la cosa comincia ad essere impegnativa...purtroppo

Claudio, se era capace di fare i vini prima, non è che ha disimparato di farli ora....è la seconda parte del discorso che fa la differenza per i comuni mortali tra prima e ora..... e fare , come diceva Ludi, paragoni col prezzo del Masseto, uno dei vini col peggiore rapporto qp sul globo terracqueo, è fuorviante, se non consolatorio. Io trovo stimolante cercare i piccoli di oggi che (forse) diventeranno Soldera (forse) di domani.
GabrieleB.
Messaggi: 891
Iscritto il: 02 lug 2012 14:57

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda GabrieleB. » 30 apr 2018 10:20

Bella doppietta ieri...il valore aggiunto è il condividere certe bottiglie con grandi persone in amicizia
Trebbiano Valentini 2013.Bottiglia offerta da un carissimo amico quindi l’abbiamo aperta con grande piacere pur sapendo che era un infanticidio.Bottiglia a posto,nessun problema,puzzette eccetera,no carbonica.Naso all’inizio totalmente muto,non abbiamo fretta e nel giro di due o tre ore si apre su classiche note Valentiniane,caffè,camomilla,fieno,terra smossa già molto preciso e definito a dispetto della gioventù.Il colore è un bel giallo oro pallido.La bocca molto fine,elegante,fresca,dritta e verticale.Molto bello il finale in cui tornano note di caffè e camomilla.Grande bottiglia.
Dom Perignon 2006.Questi amici non avevano mai assaggiato DP quindi decido di fargli un regalo e aprirne una.La scelta cade sul 2006 su cui avevo letto note contrastanti(c’è chi lo ritiene fin troppo pronto,chi invece con buona strada da percorrere),Marco Vinogodi sentito l’altro giorno mi ha detto stappa tranquillo e aveva ragione.Giallo paglierino,perlage molto fine e continuo subito espressivo al naso con un bell’agrume giallo,terra smossa,minerale.Si continua a complessare ed escono belle note di tostature(caffè),l’agrume diventa leggermente candito,frutta a pasta gialla non matura.Naso comunque ricco e variegato.La bocca non è eccessivamente acida,molto equilibrata,il vino ha struttura e si sente,è un bel sorso ricco,con ottimi ritorni di caffè ed agrume,lungo il finale, bollicina che accarezza veramente il palato.A mio sommesso parere è un vino che oggi dà grande soddisfazione,pronto,sicuramente non avrà la longevità di altri millesimi però magari un’altra bottiglia da risentire tra quattro o cinque anni giusto per capire l’effetto che fa…
landmax
Messaggi: 1030
Iscritto il: 13 set 2013 17:49

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda landmax » 30 apr 2018 11:35

GabrieleB. ha scritto:Dom Perignon 2006. ... però magari un’altra bottiglia da risentire tra quattro o cinque anni giusto per capire l’effetto che fa…

Sarà ancor più buono di oggi, sono pronto a scommetterci.
dc87
Messaggi: 441
Iscritto il: 28 feb 2012 16:47

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda dc87 » 30 apr 2018 20:14

landmax ha scritto:
GabrieleB. ha scritto:Dom Perignon 2006. ... però magari un’altra bottiglia da risentire tra quattro o cinque anni giusto per capire l’effetto che fa…

Sarà ancor più buono di oggi, sono pronto a scommetterci.


Speriamo!
Avatar utente
andrea
Messaggi: 8014
Iscritto il: 06 giu 2007 11:38
Località: Bassa Brianza

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda andrea » 30 apr 2018 21:39

MARAUDER ha scritto:Krug GC sul tappo il codice V821 la maison mi ha detto che è una 158.... Mah... L'etichetta non ha ovviamente ne ID ne indicazioni tipo 168th etc.... Ditemi voi se lo sapete cosa ho bevuto... Io l'ho trovata mostruosa... Intensa persistente tostata ma anche freschissima più che uno champagne quasi un vino rosso.... Aspetto volentieri commenti grazie

Se è davvero la 158, e non ho motivo per dubitarne, è davvero mostruosa, è base 2002 che è un'annata coi controcoglioni.
Ti amo Licia!!!
mangè mangè nu sèi chi ve mangià

Spedisco entro 5 giorni lavorativi, sempre che riesca a trovare i vini nel casino della mia cantina
Avatar utente
videodrome
Messaggi: 3410
Iscritto il: 14 apr 2008 19:25
Località: Mantova

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda videodrome » 30 apr 2018 22:59

MARAUDER ha scritto:Krug GC sul tappo il codice V821 la maison mi ha detto che è una 158.... Mah... L'etichetta non ha ovviamente ne ID ne indicazioni tipo 168th etc.... Ditemi voi se lo sapete cosa ho bevuto... Io l'ho trovata mostruosa... Intensa persistente tostata ma anche freschissima più che uno champagne quasi un vino rosso.... Aspetto volentieri commenti grazie

Ho qualche dubbio (non sulla bontà, chiaro :D ) ma sull'annata base. Infatti è vero che dal V-code si evince l'annata, ma attenzione, non l'annata base che costituisce lo champagne in questione, ma il degorgement. Il V code seguito da un codice di 3 numeri, sta ad indicare (il 1^ numero indica l'anno, il secondo e il terzo la settimana del degorgio) nel tuo caso che il degorgio è avvenuto la 1^ settimana di Maggio del 2008. Ora, considerando che la G.C. sta 6 anni sui lieviti prima del degorgio, potrebbe (il condizionale è d'obbligo) avere come annata base la 2001. (cfr https://winetomas.wordpress.com/2015/02/08/krug-grande-cuvee-vertical-tasting/)
Avatar utente
andrea
Messaggi: 8014
Iscritto il: 06 giu 2007 11:38
Località: Bassa Brianza

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda andrea » 30 apr 2018 23:19

videodrome ha scritto:
MARAUDER ha scritto:Krug GC sul tappo il codice V821 la maison mi ha detto che è una 158.... Mah... L'etichetta non ha ovviamente ne ID ne indicazioni tipo 168th etc.... Ditemi voi se lo sapete cosa ho bevuto... Io l'ho trovata mostruosa... Intensa persistente tostata ma anche freschissima più che uno champagne quasi un vino rosso.... Aspetto volentieri commenti grazie

Ho qualche dubbio (non sulla bontà, chiaro :D ) ma sull'annata base. Infatti è vero che dal V-code si evince l'annata, ma attenzione, non l'annata base che costituisce lo champagne in questione, ma il degorgement. Il V code seguito da un codice di 3 numeri, sta ad indicare (il 1^ numero indica l'anno, il secondo e il terzo la settimana del degorgio) nel tuo caso che il degorgio è avvenuto la 1^ settimana di Maggio del 2008. Ora, considerando che la G.C. sta 6 anni sui lieviti prima del degorgio, potrebbe (il condizionale è d'obbligo) avere come annata base la 2001. (cfr https://winetomas.wordpress.com/2015/02/08/krug-grande-cuvee-vertical-tasting/)

L'articolo che citi parla del codice V821 e non so dire, ma sono certo che la 158 è base 2002.
https://www.krug.com/it/krugid/krug-grande-cuvee/108002
Ti amo Licia!!!
mangè mangè nu sèi chi ve mangià

Spedisco entro 5 giorni lavorativi, sempre che riesca a trovare i vini nel casino della mia cantina
Avatar utente
videodrome
Messaggi: 3410
Iscritto il: 14 apr 2008 19:25
Località: Mantova

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda videodrome » 01 mag 2018 00:41

Si Andrea, la 158 ha base 2002, questo è sicuro, ma quella che bevuto Marauder, dal codice che riferisce, ho dubbi che sia la n. 158.
Avatar utente
MARAUDER
Messaggi: 89
Iscritto il: 09 dic 2017 15:51

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda MARAUDER » 01 mag 2018 09:19

Grazie mille ovviamente per il tempo che mi avete dedicato.... Se non è 158 potrebbe essere 157? O cosa altro....? Grazie ancora ripeto comunque che la stessa maison mi ha risposto 158 ma anche io come ho detto ho i miei dubbi....
- Chi si accontenta gode... ma chi gode non si accontenta MAI!
- "... Rayas è uno Str*#zo..." {Bue House 28-10-18}
- Follow my tasting notes on Instagram @thewinegarage
Avatar utente
videodrome
Messaggi: 3410
Iscritto il: 14 apr 2008 19:25
Località: Mantova

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda videodrome » 01 mag 2018 10:26

MARAUDER ha scritto:Grazie mille ovviamente per il tempo che mi avete dedicato.... Se non è 158 potrebbe essere 157? O cosa altro....? Grazie ancora ripeto comunque che la stessa maison mi ha risposto 158 ma anche io come ho detto ho i miei dubbi....

Potrebbe essere 157 o 158 , siamo li. Se hanno rispettato la permanenza di 6 anni sui lieviti, la 157 se l'hannotenuta meno, allora ci sta sia 158. Partendo dal presupposto che se ti ha risposto ufficialmente la maison c'è da credergli.Posto che la 821 sia la 2002, la fregata è che, anche se se ne trovassero ancora in giro (in qualche ristorante o enoteche che conserva bene) diventa impossibile accertare il codice prina di averla aperta....
marcolanc
Messaggi: 679
Iscritto il: 19 nov 2007 17:40

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda marcolanc » 01 mag 2018 11:53

Domanda: esistono “158ème Edition” con etichette in cui non è riportato il numero? Intendo: che io sappia, la 158ème è stata la prima ad essere messa in commercio con l’etichetta che ne riportava il numero (e ha anche l’ID Code). Per cui, a meno che non siano uscite anche bottiglie identiche che non riportano “158ème Edition” in etichetta, quella bottiglia deve essere qualcosa di diverso per forza di cose.
Spectator
Messaggi: 3774
Iscritto il: 06 giu 2007 11:36

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda Spectator » 01 mag 2018 11:59

..Dolcetto d'Alba 2013,G.Rinaldi.Rosso rubino luminoso,molto bello. Mirtilli,fragolina, rosa e un leggera nota vegetale quello che ho sentito al naso; palato, composto e pulito di buona freschezza ; tannino e alcol in buona evidenza nn ne inficiano piu' di tanto la gradevolezza di beva. Merita sicuramente qualche altro anno di invecchiamento x essere..giudicato appieno. Avendo come riferimento di gradimento i Dolcetto d'Alba di Roddolo e quelli di Dogliani di San Fereolo, questo, devo dire che mi e' piaciuto..abbastanza!
Avatar utente
MARAUDER
Messaggi: 89
Iscritto il: 09 dic 2017 15:51

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda MARAUDER » 01 mag 2018 17:13

Ma infatti prima di aprirla ho tolto la capsula ho scritto alla maison riportando il codice sul tappo ovviamente non credevo che mi dicessero 158th... Ci sono rimasto anche io... Volevo solo sapere l'anno del degorgement per fissarla nel tempo.... Sapere cosa stavo bevendo.... Sono d'accordo con marco sembra che esistano delle 158 senza scritta in etichetta? O la vera 158 fa più anni sui lieviti? Boh... Comunque veramente un vino rosso..!.... Ahahahahahahahaha
- Chi si accontenta gode... ma chi gode non si accontenta MAI!
- "... Rayas è uno Str*#zo..." {Bue House 28-10-18}
- Follow my tasting notes on Instagram @thewinegarage
marcolanc
Messaggi: 679
Iscritto il: 19 nov 2007 17:40

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda marcolanc » 01 mag 2018 17:36

Queste sono le 158ème uscite da poco:
https://www.krug.com/it/krugid/krug-grande-cuvee/108002
Per il dégorgement, è riportato “inverno 2008”. Dopo di che, sono state tenute da Krug parecchio tempo prima di essere messe in commercio.
Forse alcune furono sboccate in primavera e messe in commercio prima? Interessante saperlo...
Avatar utente
andrea
Messaggi: 8014
Iscritto il: 06 giu 2007 11:38
Località: Bassa Brianza

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda andrea » 01 mag 2018 21:58

marcolanc ha scritto:Domanda: esistono “158ème Edition” con etichette in cui non è riportato il numero? Intendo: che io sappia, la 158ème è stata la prima ad essere messa in commercio con l’etichetta che ne riportava il numero (e ha anche l’ID Code). Per cui, a meno che non siano uscite anche bottiglie identiche che non riportano “158ème Edition” in etichetta, quella bottiglia deve essere qualcosa di diverso per forza di cose.

Non ricordo la fonte ma mi pare proprio che, siccome la 158 è la prima con la numerazione in etichetta, ci siano anche bottiglie etichettate senza numerazione ma con uno dei Krug ID che corrisponde alla 158. Se non sbaglio la stessa cosa è vera anche per le cuvée sia precedenti (identificate a partire dalla 154 ma senza numerazione in etichetta) sia successive. La 162 dovrebbe essere la prima che è uscita solamente con numerazione sull'etichetta, ma potrei ricordare male e sul sito non c'è l'informazione
Ti amo Licia!!!
mangè mangè nu sèi chi ve mangià

Spedisco entro 5 giorni lavorativi, sempre che riesca a trovare i vini nel casino della mia cantina
maxer
Messaggi: 3134
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: emisfero boreale

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda maxer » 02 mag 2018 00:18

La discussione si sta facendo aritmeticamente appassionante.
Con umiltà, devo dire che finora ho capito solo che questo DP era davvero buono 8)

(io però preferisco Krug ... :P )
carpe diem 8)

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: AmoSlade, JMB, md78d, Postino, tenente Drogo 2, vinogodi, Vinos e 10 ospiti