LE BEVUTE DI OTTOBRE 2017

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Spectator
Messaggi: 3740
Iscritto il: 06 giu 2007 11:36

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2017

Messaggioda Spectator » 21 ott 2017 12:57

..Borgogna rossa 2015,Leroy. Bottiglia comprata piu' x darmi delle arie e dirmi ''hai bevuto Leroy anche se..negoce'',che altro :) . Nulla di particolarmente ricco o complesso,ma buona bevibilita' ,estrema pulizia ed equilibrio.Per me,valeva il..cinquantino pagato.
Messner
Messaggi: 680
Iscritto il: 05 lug 2017 12:05
Località: Mantova

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2017

Messaggioda Messner » 21 ott 2017 16:59

gbaenergiaeco10 ha scritto:
Messner ha scritto:Giulio Ferrari 2006: Arancia, cedro, cardamomo, crosta di pane, burroso e leggiadro, elegante e persistente, bel prodotto.


testato qualche volta e non mi ritrovo neanche per sbaglio..ma nemmeno nelle virgole..burroso e persistente proprio mai..ma magari ho beccato bocce sfigate, o magari non ci capisco una mazza quando si tratta di ferrari..a questo punto sono quasi rassegnato :mrgreen: :mrgreen:


Il vino è chimica: dato che ad un sentore ben preciso deve essere associato un ben definito precursore molecolare (in concentrazioni che variano in funzione della capacità di tale molecole di legarsi a particolari chemocettori presenti nel bulbo olfattivo; l'intensità odorosa è funzione sia dell'interazione che si instaura fra molecole e recettore sia della concentrazione del precursore) tramite analisi GC-MS dovrei trovare dei precursori riconducibili a quanto descritto olfattivamente: dubito fortemente che tutto quello che ho percepito sia realmente riconducibile a tutti quei precursori associati ad arancia, cedro e così via, nonostante il mio naso ed il mio cervello abbiano interpretato così questo nettare (può darsi anche erroneamente).
Sicuramente nel vino ci sono sentori facilmente riconoscibili associati a determinati precursori molecolari (il pepe nero del syrah è ricondubile al rotundone, il caffè tostato in alcuni merlot è associato al furanmetantiolo, il petrolio del riesling è associato al TDN, la rosa del gewurtztraminer è associata al linalolo, e ce ne sono a bizzeffe) ma dubito che tutto ciò che concretamente noi percepiamo, o presunto tale, sia effettivamente presente nel bicchiere. Magari non c'è quasi niente in quel fantomatico GF di tutto ciò che io ho percepito :D :D
Vinos
Messaggi: 960
Iscritto il: 09 feb 2015 23:26

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2017

Messaggioda Vinos » 22 ott 2017 11:43

La la la in ottima compagnia:

Bruno paillard npu 2003: nulla fa pensare al calore dell'annata, il naso è compresso e poco dinamico, ma in bocca recupera grazie ad una bella materia spinta da un'inaspettata freschezza e dal finale salino che richiama il sorso senza pausa. Ho poca esperienza con il vino in questione ho bevuto solo una 1996.

Guigal La moulin 2004: femminile, floreale, ematico, suadente, a centro bocca è il più sottile, una carezza, manca di profondità e persistenza, ma può sedurre gli amanti del genere.

Guigal La turque 2004: il più restio a concedersi, un signore riservato, misterioso, sfoga tutta la sua cattiveria in bocca dove un tannino dal profilo nebbioleggiante picchia duro e verticale, ficcante,cazzuto.

Guigal La landonne 2000: un camaleonte, cola, sangue, ferro, olive, frutta scura, sembra che sia tutto al posto giusto , ma scaldandosi l'alcol infastidisce e penalizza un naso altrimenti da manuale, in bocca il tannino è meno fitto del la turque, risulta più rilassanto e più ampio,molto persistente ma meno personale del cote brune
vinogodi
Messaggi: 28218
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2017

Messaggioda vinogodi » 22 ott 2017 12:06

Messner ha scritto:
gbaenergiaeco10 ha scritto:
Messner ha scritto:Giulio Ferrari 2006: Arancia, cedro, cardamomo, crosta di pane, burroso e leggiadro, elegante e persistente, bel prodotto.


testato qualche volta e non mi ritrovo neanche per sbaglio..ma nemmeno nelle virgole..burroso e persistente proprio mai..ma magari ho beccato bocce sfigate, o magari non ci capisco una mazza quando si tratta di ferrari..a questo punto sono quasi rassegnato :mrgreen: :mrgreen:


...Il vino è chimica...
...beh , insomma ... così tranchant mi scade un pò la poesia... 8)
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
paperofranco
Messaggi: 5966
Iscritto il: 20 gen 2010 19:16
Località: Poggibonsi

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2017

Messaggioda paperofranco » 22 ott 2017 17:37

[b]Morellino di Scansano 2016 Antonio Camillo[/b].
Il ciliegiolo non mi è mai piaciuto, giustamente, ma questo è davvero buono. Succoso e gastronomico, con un bel frutto in eviidenza, non privo di una certa complessità. Tipologia che non sentivo da tantissimo tempo. Assolutamente da provare.
eutopia
Messaggi: 43
Iscritto il: 25 set 2017 10:59

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2017

Messaggioda eutopia » 22 ott 2017 18:16

gbaenergiaeco10 ha scritto:
montepulciano pepe 2003: :twisted: porcaccia schifosa..bottiglia andata..naso povero, bocca inconsistente, ritorni marsalati, c'è un tannino che resiste ma è decrepito anche lui..la sensazione è quella di un vino vecchio.. il tappo era integro, perfettamente elastico, per nulla imbevuto, e anche il livello era ok...quindi ad esclusione credo che possa essere una botta di caldo durante il trasporto (presa tra maggio e giugno se non ricordo male)...che peccato cazzo


versione docg colline teramane?
Avatar utente
giucas
Messaggi: 247
Iscritto il: 23 gen 2012 00:13
Località: bologna

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2017

Messaggioda giucas » 22 ott 2017 20:10

..ieri sera tra amici, verifica della tenuta ed evoluzione di qualche bottiglia. Pescati dalla cantinetta..:..
BAROLO RISERVA PERNANNO SOBRERO 2007 magnum e BAROLO S.CATERINA PORRO 2007. Piena soddisfazione per due bei vini . Maturo, denso, elegante, ma ancora con una certa spinta il Pernanno, seppur ormai pienamente in beva. Piu' verticale ed incisivo il S.Caterina, con tannini serralunga style ancora un po' da smussare. Qualche anno di vita ancora davanti. Non saprei se sia Langa quasi TOP, medio TOP o che altro. Però, dopo dieci anni e vista l'annata se non erro calda, mi sono parsi parecchio buoni. Anche per quanto hanno gravato sui costi cantinetta :D .
merlotto85
Messaggi: 120
Iscritto il: 07 mar 2017 15:18
Località: Firenze

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2017

Messaggioda merlotto85 » 22 ott 2017 20:33

Saint joseph 2014 Darnaud Emmanuel
Naso di spezie con cenni vinosi , in bocca la materia c é ma é bilanciata da una bella freschezza, vino gastronomico e di bella beva
gbaenergiaeco10
Messaggi: 1461
Iscritto il: 24 feb 2015 20:07

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2017

Messaggioda gbaenergiaeco10 » 23 ott 2017 08:02

eutopia ha scritto:
gbaenergiaeco10 ha scritto:
montepulciano pepe 2003: :twisted: porcaccia schifosa..bottiglia andata..naso povero, bocca inconsistente, ritorni marsalati, c'è un tannino che resiste ma è decrepito anche lui..la sensazione è quella di un vino vecchio.. il tappo era integro, perfettamente elastico, per nulla imbevuto, e anche il livello era ok...quindi ad esclusione credo che possa essere una botta di caldo durante il trasporto (presa tra maggio e giugno se non ricordo male)...che peccato cazzo


versione docg colline teramane?


No in realtà versione doc
....nei giorni a seguire si è incredibilmente ripreso..naso solare, peperoni, olive e spezie calde..anche la bocca sembrava più viva...di certo non si è trasformato in un capolavoro ma non era neanche il cugino di quello stappato giorni prima...non so..è la prima volta che mi capita un cambiamento così radicale a seguito dell'ossigenazione...bah
Lorenzo
Avatar utente
Ludi
Messaggi: 2770
Iscritto il: 22 lug 2008 10:02
Località: Roma

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2017

Messaggioda Ludi » 23 ott 2017 08:38

Massavecchia, Rosato 2007: lo dico da sempre: compete ad armi pari con il Cerasuolo di Valentini, e molto spesso lo supera. Ancora estremamente affascinante, anche se autunnale...goduto.
Siepi 2003: parte bene, ma dopo un'oretta nel bicchiere si sfalda su sensazioni di brodo vegetale. Ma l'annata è quello che è.
F. X Pichler, Gruner Veltliner Loibner Loibnerberg Smaragd 2012: al naso faceva curiosamente pensare ad un grande Greco di Tufo, poi la bocca, con la sua vena salina e citrina, lo colloca correttamente. Buono.
Lokoya, Cabernet Sauvignon Mount Veeder 2006: didattico nelle sue note parkeriane, con un mirtillone che accompagna costantemente il sorso. Non posso dire che sia cattivo, ma la sensazione è quella di vedere oggi gli effetti speciali di Spazio 1999.
Clos Haut Peyraguey 2006: appena aperto è di una inespressività davvero impressionante: residuo zuccherino a parte, non sa di nulla. Il giorno dopo si affacciano scorza di mandarino e zafferano. Decisamente troppo poco per un 1er.
F. Boulard, Blanc de Blancs Brut: il simpaticissimo Boulard è anche un gran vigneron, e la stoffa di questo base (sboccatura 2011) lo testimonia in pieno.
Chapoutier, Ermitage Le Meal Rouge 1998: molto più verticale e sottile del Pavillon, di una gioventù quasi imbarazzante. Bottiglia grandissima, sparita in un attimo, che a lasciato argomenti di conversazione per tutto il resto del giorno.
Avatar utente
gianni femminella
Messaggi: 1964
Iscritto il: 26 nov 2010 14:43
Località: Castiglione della Pescaia - Finale Emilia

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2017

Messaggioda gianni femminella » 23 ott 2017 16:36

paperofranco ha scritto:Morellino di Scansano 2016 Antonio Camillo.
Il ciliegiolo non mi è mai piaciuto, giustamente, ma questo è davvero buono. Succoso e gastronomico, con un bel frutto in eviidenza, non privo di una certa complessità. Tipologia che non sentivo da tantissimo tempo. Assolutamente da provare.


Sai che questo produttore è un mio piccolo punto di riferimento.
Purtroppo ho invece bevuto di recente una 2014 da dimenticare. Ne ho ancora in cantina, e ora che ci penso mi sa che stasera potrei fare una controprova visto che ho già l'olio nuovo da bruschettare.

Domanda: la 2016 non era troppo giovane?

Ad ogni modo il Morellino ti è piaciuto perché non lo hai confrontato alla cieca con uno Ciliegiolo di un piccolo produttore emergente Sudafricano :mrgreen: ne sarebbe uscito distrutto :mrgreen: :mrgreen:
Foied vino pipafo cra carefo
Oggi bevo vino domani non ne avrò
paperofranco
Messaggi: 5966
Iscritto il: 20 gen 2010 19:16
Località: Poggibonsi

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2017

Messaggioda paperofranco » 23 ott 2017 16:55

gianni femminella ha scritto:
paperofranco ha scritto:Morellino di Scansano 2016 Antonio Camillo.
Il ciliegiolo non mi è mai piaciuto, giustamente, ma questo è davvero buono. Succoso e gastronomico, con un bel frutto in eviidenza, non privo di una certa complessità. Tipologia che non sentivo da tantissimo tempo. Assolutamente da provare.


Sai che questo produttore è un mio piccolo punto di riferimento.
Purtroppo ho invece bevuto di recente una 2014 da dimenticare. Ne ho ancora in cantina, e ora che ci penso mi sa che stasera potrei fare una controprova visto che ho già l'olio nuovo da bruschettare.

Domanda: la 2016 non era troppo giovane?

Ad ogni modo il Morellino ti è piaciuto perché non lo hai confrontato alla cieca con uno Ciliegiolo di un piccolo produttore emergente Sudafricano :mrgreen: ne sarebbe uscito distrutto :mrgreen: :mrgreen:


:mrgreen: :wink:

Caro Gianni, non so come sia andata in Maremma, ma in chianti Montalcino e montepulciano la 14 ha fatto schifo al cazzo, mentre la 16, almeno per il chianti, mi sembra un' annata molto buona.
Era giovane ovviamente, ma a me il sangiovese mi garba quando scalpita, e questo per me era buonissimo. Lo ricompro di certo.
Avatar utente
arnaldo
Messaggi: 8640
Iscritto il: 07 giu 2007 08:21
Località: Bassano del Grappa

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2017

Messaggioda arnaldo » 23 ott 2017 17:01

Purtroppo raga....tutto quello che sto bevendo di 2014, bianca o rossa che sia....toscana o veneto o friuli o quello che vuoi.....sembra di bere acqua.vino annacquato, pochi profumi, bocche diluite....saro' al decimo WD con decine di produttori.......oggi l'ennesimo produttore toscana DI FAMA tra l altro....beh..i rossi purtroppo erano moooolto deludenti..... :oops:
follow my tasting notes and pics on http://instagram.com/ARNALDO2262/
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7386
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2017

Messaggioda zampaflex » 23 ott 2017 17:04

arnaldo ha scritto:Purtroppo raga....tutto quello che sto bevendo di 2014, bianca o rossa che sia....toscana o veneto o friuli o quello che vuoi.....sembra di bere acqua.vino annacquato, pochi profumi, bocche diluite....saro' al decimo WD con decine di produttori.......oggi l'ennesimo produttore toscana DI FAMA tra l altro....beh..i rossi purtroppo erano moooolto deludenti..... :oops:


Etna e Barbaresco a quanto pare si sarebbero abbastanza salvati, hai assaggi di questi due?
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
paperofranco
Messaggi: 5966
Iscritto il: 20 gen 2010 19:16
Località: Poggibonsi

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2017

Messaggioda paperofranco » 23 ott 2017 17:13

zampaflex ha scritto:
arnaldo ha scritto:Purtroppo raga....tutto quello che sto bevendo di 2014, bianca o rossa che sia....toscana o veneto o friuli o quello che vuoi.....sembra di bere acqua.vino annacquato, pochi profumi, bocche diluite....saro' al decimo WD con decine di produttori.......oggi l'ennesimo produttore toscana DI FAMA tra l altro....beh..i rossi purtroppo erano moooolto deludenti..... :oops:


Etna e Barbaresco a quanto pare si sarebbero abbastanza salvati, hai assaggi di questi due?


Io il Vinupetra 14, buonissimo.
pstrada75
Messaggi: 621
Iscritto il: 13 gen 2011 23:44
Località: Losanna - Svizzera

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2017

Messaggioda pstrada75 » 23 ott 2017 17:53

paperofranco ha scritto:
zampaflex ha scritto:
arnaldo ha scritto:Purtroppo raga....tutto quello che sto bevendo di 2014, bianca o rossa che sia....toscana o veneto o friuli o quello che vuoi.....sembra di bere acqua.vino annacquato, pochi profumi, bocche diluite....saro' al decimo WD con decine di produttori.......oggi l'ennesimo produttore toscana DI FAMA tra l altro....beh..i rossi purtroppo erano moooolto deludenti..... :oops:


Etna e Barbaresco a quanto pare si sarebbero abbastanza salvati, hai assaggi di questi due?


Io il Vinupetra 14, buonissimo.


Ma scusa la Sicilia non è già troppo esotica per te??? :lol:
Avatar utente
gianni femminella
Messaggi: 1964
Iscritto il: 26 nov 2010 14:43
Località: Castiglione della Pescaia - Finale Emilia

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2017

Messaggioda gianni femminella » 23 ott 2017 18:05

arnaldo ha scritto:Purtroppo raga....tutto quello che sto bevendo di 2014, bianca o rossa che sia....toscana o veneto o friuli o quello che vuoi.....sembra di bere acqua.vino annacquato, pochi profumi, bocche diluite....saro' al decimo WD con decine di produttori.......oggi l'ennesimo produttore toscana DI FAMA tra l altro....beh..i rossi purtroppo erano moooolto deludenti..... :oops:


Durante l'estate abito in campagna. Diciamo che ho un osservatorio molto vicino alla natura. Per come ho vissuto quella strana annata ( la frutta intorno a casa non era maturata ) ricordo che mi ero riproposto di non comprare vini 2014. Poi tra una cosa e l'altra, anche per un interesse documentario, un po' di bottiglie le ho prese.
Diciamo che quel po' che ho in cantina può bastare, per quanto riguarda Chianti, rosso di Montalcino, annessi e connessi.
Foied vino pipafo cra carefo
Oggi bevo vino domani non ne avrò
Avatar utente
gianni femminella
Messaggi: 1964
Iscritto il: 26 nov 2010 14:43
Località: Castiglione della Pescaia - Finale Emilia

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2017

Messaggioda gianni femminella » 23 ott 2017 18:06

pstrada75 ha scritto:
paperofranco ha scritto:
zampaflex ha scritto:
arnaldo ha scritto:Purtroppo raga....tutto quello che sto bevendo di 2014, bianca o rossa che sia....toscana o veneto o friuli o quello che vuoi.....sembra di bere acqua.vino annacquato, pochi profumi, bocche diluite....saro' al decimo WD con decine di produttori.......oggi l'ennesimo produttore toscana DI FAMA tra l altro....beh..i rossi purtroppo erano moooolto deludenti..... :oops:


Etna e Barbaresco a quanto pare si sarebbero abbastanza salvati, hai assaggi di questi due?


Io il Vinupetra 14, buonissimo.


Ma scusa la Sicilia non è già troppo esotica per te??? :lol:


Non sa dove sia. Ora che glielo fai notare smette anche con quella :D
Ultima modifica di gianni femminella il 23 ott 2017 18:49, modificato 1 volta in totale.
Foied vino pipafo cra carefo
Oggi bevo vino domani non ne avrò
BarbarEdo
Messaggi: 718
Iscritto il: 25 apr 2017 23:11

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2017

Messaggioda BarbarEdo » 23 ott 2017 18:15

paperofranco ha scritto:
zampaflex ha scritto:
arnaldo ha scritto:Purtroppo raga....tutto quello che sto bevendo di 2014, bianca o rossa che sia....toscana o veneto o friuli o quello che vuoi.....sembra di bere acqua.vino annacquato, pochi profumi, bocche diluite....saro' al decimo WD con decine di produttori.......oggi l'ennesimo produttore toscana DI FAMA tra l altro....beh..i rossi purtroppo erano moooolto deludenti..... :oops:


Etna e Barbaresco a quanto pare si sarebbero abbastanza salvati, hai assaggi di questi due?


Io il Vinupetra 14, buonissimo.


Sicilia, Sardegna e Salento, per quanto ho assaggiato, sono un discorso a parte e la '14 penso possa considerarsi un'annata da abbastanza a molto buona.
Per il resto -dico una cosa banale, lo so- dipende dal produttore e dal suo stile: per restare in Toscana, il Syrah '14 di Amerighi molto buono e ricco, mentre il CC Ama '14 del C.di Ama... una figuraccia colossale... mia, che l'ho consigliato a degli amici. Davvero diluito e inconsistente.
Primum bibere deinde philosophari
Avatar utente
venicka
Messaggi: 395
Iscritto il: 01 nov 2016 14:14

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2017

Messaggioda venicka » 23 ott 2017 18:22

2014 a chablis annata semplicemente della madonna a mio parere.
Avatar utente
Kalosartipos
Messaggi: 12950
Iscritto il: 07 giu 2007 13:57
Località: Cremona
Contatta:

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2017

Messaggioda Kalosartipos » 23 ott 2017 18:26

venicka ha scritto:2014 a chablis annata semplicemente della madonna a mio parere.

Beh.. per la 2014 i cuginastri d'oltralpe non si possono lamentare..
"La vita è breve e bisogna che uno se la beva tutta".
Osvaldo Soriano - "L'ora senz'ombra"
maxer
Messaggi: 2826
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: nordico

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2017

Messaggioda maxer » 23 ott 2017 20:10

zampaflex ha scritto:
arnaldo ha scritto:Purtroppo raga....tutto quello che sto bevendo di 2014, bianca o rossa che sia....toscana o veneto o friuli o quello che vuoi.....sembra di bere acqua.vino annacquato, pochi profumi, bocche diluite....saro' al decimo WD con decine di produttori.......oggi l'ennesimo produttore toscana DI FAMA tra l altro....beh..i rossi purtroppo erano moooolto deludenti..... :oops:


Etna e Barbaresco a quanto pare si sarebbero abbastanza salvati, hai assaggi di questi due?

Teobaldo Ribella mi ha dato un' unica bottiglia di Barbaresco 2014 da provare: sono combattuto fra il berla subito per curiosità e il lasciarla qualche anno in cantina.
Mi sa che optero' per la seconda ipotesi ... Sbaglio ?
carpe diem 8)
supersonic76
Messaggi: 675
Iscritto il: 16 gen 2013 18:38
Località: Bologna

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2017

Messaggioda supersonic76 » 23 ott 2017 20:55

Barbera Francia 2015 Conterno

Ignorerà pure le speculazioni sul Monfortino 2010 :lol:
Ma quando sono i vini (a parlare) non ce n'è.
Appena aperto buono, niente di trascendentale.Sembra quelle barbere "fighette" dai costi spropositati che alcune cantine producono dai loro vigneti migliori.
Col passare dei minuti diventa qualcosa di trascendentale.Al naso è complesso, abbastanza intenso ma niente di esagerato.
In bocca è pazzesco.Nonostante sia appena uscito ha ciascun elemento fuso alla perfezione.Freschissimo ma avvolgente, morbido.Lunghissimo.Spettacolare
Memento Audere Semper
Avatar utente
Ludi
Messaggi: 2770
Iscritto il: 22 lug 2008 10:02
Località: Roma

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2017

Messaggioda Ludi » 23 ott 2017 21:17

zampaflex ha scritto:
arnaldo ha scritto:Purtroppo raga....tutto quello che sto bevendo di 2014, bianca o rossa che sia....toscana o veneto o friuli o quello che vuoi.....sembra di bere acqua.vino annacquato, pochi profumi, bocche diluite....saro' al decimo WD con decine di produttori.......oggi l'ennesimo produttore toscana DI FAMA tra l altro....beh..i rossi purtroppo erano moooolto deludenti..... :oops:


Etna e Barbaresco a quanto pare si sarebbero abbastanza salvati, hai assaggi di questi due?


2014 in Etna grandissima annata, decisamente superiore alla 2015.
Barbaresco 2014 pronto e molto floreale, vini di charme che non invecchieranno benissimo ma che ora si bevono alla grande. Esattamente l’opposto, nella mia esperienza, dei Barolo 2013, chiusi a riccio (ma saranno grandi)
miccel
Messaggi: 533
Iscritto il: 10 mar 2014 20:29

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2017

Messaggioda miccel » 23 ott 2017 21:29

Vignai Da Duline - Morus Nigra 2009
Produttori che ultimamente interessano me come diversi forumisti. Il mio primo loro rosso è questa rara bottiglia di refosco.
I profumi sono ottimi e variegati, centrati sulla frutta rossa, ma poi ad ogni snasata viene fuori qualcosa di differente. In bocca la prima sensazione che ho è di una estrema pulizia e di morbidezza dovuta alla dolcezza del frutto, contrastata dalla salinità più che dall’acidità, e poi seguita da tannini un po’ asciutti e da una leggera nota amara. Va avanti espandendosi su note di frutta sotto spirito, tabacco, lieve caramello e cacao, con legno direi “ben gestito”, ma l’insieme risulta un po’ faticoso. Un vino in cui ho trovato lampi di grande classe, ma che non mi è piaciuto fino in fondo.

Noelia Ricci – Sangiovese di Romagna Sup. Godenza 2013
Fantastico. Al colore è trasparente, con il rosso che sfuma nel marrone, al naso è dolce e irresistibile, in bocca è di seta, tutto in eleganza e vivacizzato da una sapidità particolare, persistente e goloso sul finale, senza alcun ritorno pseudo-liquoroso. Anziché invadere il campo dei sangiovese toscani, mi sembra avere un assetto più affine a quei nebbioli del nord-piemonte a media gittata tipo Carema, Coste della Sesia ecc.; uno dei quali buono così, però, io non l’ho mai bevuto. Altra similitudine forse più azzeccata potrebbe essere con un village della Cote d'Or,ma di quelli boni. Vino ottimo.
Indovinata, per questo periodo dell’anno in cui ci apprestiamo a commemorare i nostri cari estinti, anche l’etichetta.

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: landmax, Spectator e 22 ospiti