Pagina 8 di 9

Re: Sfide

Inviato: 19 gen 2019 12:14
da ZEL WINE
Smarco ha scritto:
ZEL WINE ha scritto:WC 2008
Clos des Goisses 2008
DP Legacy 2008
Cristal 2008
Ca’d’Gal VV 2010

Vittoria di CDG?


Cristal
WC
DP - CdG

Re: Sfide

Inviato: 19 gen 2019 15:05
da Andyele
Smarco ha scritto:
ZEL WINE ha scritto:WC 2008
Clos des Goisses 2008
DP Legacy 2008
Cristal 2008
Ca’d’Gal VV 2010

Vittoria di CDG?


mi avrebbe stupito assai

Re: Sfide

Inviato: 19 gen 2019 15:15
da Smarco
Andyele ha scritto:
Smarco ha scritto:
ZEL WINE ha scritto:WC 2008
Clos des Goisses 2008
DP Legacy 2008
Cristal 2008
Ca’d’Gal VV 2010

Vittoria di CDG?


mi avrebbe stupito assai

Mi sarebbe piaciuto

Re: Sfide

Inviato: 19 gen 2019 18:24
da ZEL WINE
Tutti champagne abbondantemente sopra i 90, alcuni pagano la mancanza di equilibrio e la variabile dosaggio a far capolino a fase alterne. Si conferma un’annata importante, precisa con nasi puliti, affilati, bocche piene e saporite.
Cristal in questo momento e’ il più completo, grande armonia naso bocca, bollicina d’autore, con tutte le cosine al loro posto. 94+

Re: Sfide

Inviato: 19 gen 2019 20:24
da ilvinaio
Domanda, avendone poche bottiglie conviene aspettare o vale la pena iniziare ad aprirle?

Re: Sfide

Inviato: 19 gen 2019 20:32
da ZEL WINE
ilvinaio ha scritto:Domanda, avendone poche bottiglie conviene aspettare o vale la pena iniziare ad aprirle?


Hai ragione e’ una domandona: io credo che per chi ama lo champagne queste bevute “giovanili” siano propedeutiche alla conoscenza e diano una risposta più che soddisfacente sia al palato che alla mente.
E’ palese che il meglio lo daranno in futuro. Il cristal e’ già pienamente godibile, WC ha una bocca estremamente solida e gastronomica con il Pinot che spinge forte. Forse dom ha una bocca ancora debole e poco complessa ma un naso tostato molto intigrante. CdG e’ una meteora ancora in divenire.
L’idea sull’annata invece si riesce a delineare piuttosto chiaramente, anche se tutti i 100 che vedo volare mi lasciano perplesso.

Re: Sfide

Inviato: 19 gen 2019 21:18
da report
180 contatti e migliaia di visualizzazioni per 4 champagne dolci :D :D :D

sei un fenomeno :mrgreen:

Re: Sfide

Inviato: 19 gen 2019 21:31
da ilvinaio
ZEL WINE ha scritto:
ilvinaio ha scritto:Domanda, avendone poche bottiglie conviene aspettare o vale la pena iniziare ad aprirle?


Hai ragione e’ una domandona: io credo che per chi ama lo champagne queste bevute “giovanili” siano propedeutiche alla conoscenza e diano una risposta più che soddisfacente sia al palato che alla mente.
E’ palese che il meglio lo daranno in futuro. Il cristal e’ già pienamente godibile, WC ha una bocca estremamente solida e gastronomica con il Pinot che spinge forte. Forse dom ha una bocca ancora debole e poco complessa ma un naso tostato molto intigrante. CdG e’ una meteora ancora in divenire.
L’idea sull’annata invece si riesce a delineare piuttosto chiaramente, anche se tutti i 100 che vedo volare mi lasciano perplesso.




Grazie Zel molto esaustvo

Re: Sfide

Inviato: 19 gen 2019 22:08
da ZEL WINE
report ha scritto:180 contatti e migliaia di visualizzazioni per 4 champagne dolci :D :D :D

sei un fenomeno :mrgreen:


Tu sei brutto

Re: Sfide

Inviato: 21 gen 2019 11:53
da zampaflex
ZEL WINE ha scritto:
ilvinaio ha scritto:Domanda, avendone poche bottiglie conviene aspettare o vale la pena iniziare ad aprirle?


Hai ragione e’ una domandona: io credo che per chi ama lo champagne queste bevute “giovanili” siano propedeutiche alla conoscenza e diano una risposta più che soddisfacente sia al palato che alla mente.


E' quello che noi appassionati dovremmo sempre riuscire a fare, testando sul campo le aperture a volte futuristiche a volte decisamente arrembanti dei giornalisti / bloggari vari.
Personalmente avevo la vaga impressione che DP avesse spinto molto commercialmente, anche come tiratura, e che la loro 2008 non sarà così stellare. Da quanto scrivi potrebbe anche essere, magari mi sbaglio, ed è il desiderio inconscio di fare il monello e tirare un sasso per il gusto di rompere un vetro, vedremo. Nel dubbio, io ho preso Cristal e Krug 164^ :D

Tu te le metteresti tutte in cantina, queste quattro?

Re: Sfide

Inviato: 21 gen 2019 12:11
da ZEL WINE
zampaflex ha scritto:
ZEL WINE ha scritto:
ilvinaio ha scritto:Domanda, avendone poche bottiglie conviene aspettare o vale la pena iniziare ad aprirle?


Hai ragione e’ una domandona: io credo che per chi ama lo champagne queste bevute “giovanili” siano propedeutiche alla conoscenza e diano una risposta più che soddisfacente sia al palato che alla mente.


E' quello che noi appassionati dovremmo sempre riuscire a fare, testando sul campo le aperture a volte futuristiche a volte decisamente arrembanti dei giornalisti / bloggari vari.
Personalmente avevo la vaga impressione che DP avesse spinto molto commercialmente, anche come tiratura, e che la loro 2008 non sarà così stellare. Da quanto scrivi potrebbe anche essere, magari mi sbaglio, ed è il desiderio inconscio di fare il monello e tirare un sasso per il gusto di rompere un vetro, vedremo. Nel dubbio, io ho preso Cristal e Krug 164^ :D

Tu te le metteresti tutte in cantina, queste quattro?


Per ora si', forse ho esagerato con DP, ma e' un pezzo di cuore e alla distanza non mi ha mai tradito, anzi.

Re: Sfide

Inviato: 02 feb 2019 19:06
da ZEL WINE
Clos des goisses 90
Coulée de Serrant joly 88
Lafite 51
Cheval Blanc 53 54
Haut Brion 53 57
La mission 64
Mounton 57
Quintarelli recioto 88

Re: Sfide

Inviato: 02 feb 2019 19:36
da BarbarEdo
ZEL WINE ha scritto:Clos des goisses 90
Coulée de Serrant joly 88
Lafite 51
Cheval Blanc 53 54
Haut Brion 53 57
La mission 64
Mounton 57
Quintarelli recioto 88

Wow..... :shock:
Testa a testa tra i due bordeaux del '53?

Re: Sfide

Inviato: 03 feb 2019 09:34
da george7179
ZEL WINE ha scritto:Clos des goisses 90
Coulée de Serrant joly 88
Lafite 51
Cheval Blanc 53 54
Haut Brion 53 57
La mission 64
Mounton 57
Quintarelli recioto 88

Tanti complimenti... a questo punto però, alcuni commenti almeno sui 6 ultrasessantenni sono d'obbligo.
Grazie

Re: Sfide

Inviato: 03 feb 2019 16:18
da ZEL WINE
BarbarEdo ha scritto:
ZEL WINE ha scritto:Clos des goisses 90
Coulée de Serrant joly 88
Lafite 51
Cheval Blanc 53 54
Haut Brion 53 57
La mission 64
Mounton 57
Quintarelli recioto 88

Wow..... :shock:
Testa a testa tra i due bordeaux del '53?


Affascinanti, ma Lafite 51 li ha castigati tutti.

Re: Sfide

Inviato: 03 feb 2019 23:20
da l'oste
ZEL WINE ha scritto:
BarbarEdo ha scritto:
ZEL WINE ha scritto:Clos des goisses 90
Coulée de Serrant joly 88
Lafite 51
Cheval Blanc 53 54
Haut Brion 53 57
La mission 64
Mounton 57
Quintarelli recioto 88

Wow..... :shock:
Testa a testa tra i due bordeaux del '53?


Affascinanti, ma Lafite 51 li ha castigati tutti.

Dei Bordeaux puoi dirmi i rispettivi gradi alcolici in etichetta?
Grazie mille.

Re: Sfide

Inviato: 04 feb 2019 12:05
da ZEL WINE
l'oste ha scritto:
ZEL WINE ha scritto:
BarbarEdo ha scritto:
ZEL WINE ha scritto:Clos des goisses 90
Coulée de Serrant joly 88
Lafite 51
Cheval Blanc 53 54
Haut Brion 53 57
La mission 64
Mounton 57
Quintarelli recioto 88

Wow..... :shock:
Testa a testa tra i due bordeaux del '53?


Affascinanti, ma Lafite 51 li ha castigati tutti.

Dei Bordeaux puoi dirmi i rispettivi gradi alcolici in etichetta?
Grazie mille.

Etichette troppo sdrucite dal tempo, i vetri sono rimasti al ristorante e dalle foto nulla si può carpire.

Re: Sfide

Inviato: 04 feb 2019 16:12
da l'oste
ZEL WINE ha scritto:
l'oste ha scritto:
ZEL WINE ha scritto:
BarbarEdo ha scritto:
ZEL WINE ha scritto:Clos des goisses 90
Coulée de Serrant joly 88
Lafite 51
Cheval Blanc 53 54
Haut Brion 53 57
La mission 64
Mounton 57
Quintarelli recioto 88

Wow..... :shock:
Testa a testa tra i due bordeaux del '53?


Affascinanti, ma Lafite 51 li ha castigati tutti.

Dei Bordeaux puoi dirmi i rispettivi gradi alcolici in etichetta?
Grazie mille.

Etichette troppo sdrucite dal tempo, i vetri sono rimasti al ristorante e dalle foto nulla si può carpire.

Lo temevo, grazie ugualmente e complimenti per il bevuto (a parte la Coulée '88 spettacolo) che degli anni '50 a Bordeaux ho bevuto solo Mouton e Latour '55 quasi ventanni fa, quindi sana invidia.
Sui gradi alcool penso che nessun vino dei vostri stava sopra a 12,5 ad esagerare di molto.
Certo i cambiamenti climatici ma non solo...

Re: Sfide

Inviato: 04 feb 2019 17:27
da ZEL WINE
l'oste ha scritto:
ZEL WINE ha scritto:
l'oste ha scritto:
ZEL WINE ha scritto:
BarbarEdo ha scritto:Wow..... :shock:
Testa a testa tra i due bordeaux del '53?


Affascinanti, ma Lafite 51 li ha castigati tutti.

Dei Bordeaux puoi dirmi i rispettivi gradi alcolici in etichetta?
Grazie mille.

Etichette troppo sdrucite dal tempo, i vetri sono rimasti al ristorante e dalle foto nulla si può carpire.

Lo temevo, grazie ugualmente e complimenti per il bevuto (a parte la Coulée '88 spettacolo) che degli anni '50 a Bordeaux ho bevuto solo Mouton e Latour '55 quasi ventanni fa, quindi sana invidia.
Sui gradi alcool penso che nessun vino dei vostri stava sopra a 12,5 ad esagerare di molto.
Certo i cambiamenti climatici ma non solo...

A parte mounton, decisamente evoluto, ma il tappo aveva fatto già capire tutto. Vini integri, fascinosi, Lafite e Cheval avevano ancora le scarpe da danza, gli atri più scuri e tabaccosi ma tanta roba. Serrant 88 prodigioso.

Re: Sfide

Inviato: 04 feb 2019 18:31
da l'oste
ZEL WINE ha scritto:Serrant 88 prodigioso.

Personalmente la '88 è tra i miei migliori bianchi, ma forse di bianchini ne ho bevuti pochi.
Però riferisco quello che sento dire da ex infatuati di questo vino che hanno bevuto e ribevuto tutti i millesimi, ovvero che come la '88 mai nessuna altra annata della Coulèe è stata così buona.

Re: Sfide

Inviato: 05 feb 2019 10:45
da gmi1
l'oste ha scritto:
ZEL WINE ha scritto:Serrant 88 prodigioso.

Personalmente la '88 è tra i miei migliori bianchi, ma forse di bianchini ne ho bevuti pochi.
Però riferisco quello che sento dire da ex infatuati di questo vino che hanno bevuto e ribevuto tutti i millesimi, ovvero che come la '88 mai nessuna altra annata della Coulèe è stata così buona.

qua posso intervenire, avendone bevute a iosa, credo che la 89 sia stata superiore alla 88, tutte e due splendide in ogni caso...
purtroppo mi manca un giudizio consapevole dell' 81, le bottiglie che ho avuto non erano ben conservate per colpa di tappi difettosi, tutti per la miseria...

Re: Sfide

Inviato: 18 mag 2019 18:19
da ZEL WINE
giornata eccellenze ita - fra in quel di Buriani:

Dom 85 - Krug collection 85
Haut Brion 45 - monfortino 45
Giacosa collina rionda riserva 82 - BS riserva 82
Guigal la Mouline 88 - Bonneau res des celestins 88
Soldera 85
Quintarelli recioto riserva 90
Jacquesson “cuvee napoleon” non dose’ DT 1989
San giusto vin santo 85


Molto bene :D

Re: Sfide

Inviato: 18 mag 2019 18:46
da ZEL WINE
Haut Brion45 100
Coll rionda82 100
La Mouline 88 100
Quintarelli r90 99
Monfortino45 97
Vin santo 85 97
BS riserva 82 96
Dom 85 96
Jacquesson89 93
Krug coll. 85 92
Soldera 85 92

Celestino 88 ng

Re: Sfide

Inviato: 18 mag 2019 21:01
da george7179
Certe bottiglie danno emozioni davvero uniche, ed oggi quasi tutte sono state così,

DOM PERIGNON 1985: colore quasi ambrato, profumo e bocca penetranti di caffè, nocciola, castagna, arancia amara, biscotto... lungo e godurioso si beve con facilità disarmante. Assolutamente al suo apice, senza dubbio il miglior Dom mai bevuto, lo dice uno che non è amante del DOM. 96

Krug Collection 1985: più giovane del DOM, ma con un leggero difetto al profumo ed in bocca meno performante di altre volte. Con il tempo è migliorato molto ed ha dato sprazzi di classe con bellissime note agrumate e di fiori che si sovrapponevano alla crema ed allo zabaione. Ovvio che dai fuoriclasse ci si aspetta sempre il massimo. 94

Haut Brion 1945: difficile chiedere di più, commovente l'integrità di questo vecchietto, nel bicchiere non ha ceduto di un millimetro è rimasto vivo e pimpante fino all'ultimo sorso. Progressione impressionante con note di cenere, tabacco mentolato su sottofondo di more, mirtilli, erbe, peperoni e cuoio. Sorso ancora pieno e vigoroso, in bocca rimane per più di un minuto. senza dubbio vino della giornata. 100 cum laude

Monfortino 1945: un diesel, parte con note poco gradevoli... glutammato, fungo, lasciando intendere una morte rapida...e invece pian piano risale miracolosamente la china fino a ripulirsi e a regale eleganti e delicate note di fragola, ciliegia e prugna. Ovvio non è il classico Monfo esplosivo che baroleggia fino all'anima... è un'esperienza diversa, più sussurrata ma comunque molto piacevole. 92

Collina Rionda 1982: un mito, una leggenda... che non ha deluso l'attesa, colore ancora luminoso, naso e bocca variegati... rabarbaro, liquirizia, sottobosco ed ancora qualche ricordo di frutta si mescolano con una seduzione ed eleganza che invoglia a bere e ribere. Vino di rara eleganza, monumento dell'enologia italiana... Giacosiano in tutto e per tutto. 98

Bonneau Reserve de Celestins 1988: forse uno dei tappi peggiori mai sentiti... un vero peccato. NG

La Mouline 1988: altro campione di giornata, in questo vino si riassume il Rodano, potenza, eleganza, complessità, lunghezza... note di carne affumicata, spezie, mirtilli. Stupendo per integrità e facilità di beva... è stato il vino che ho bevuto più rapidamente. Inutile necessitano tempo, ma chi ha la pazienza di aspettare viene ampiamente ricompensato. 99

Continua...

Re: Sfide

Inviato: 18 mag 2019 21:20
da george7179
Biondi Santi riserva 1982: perfettamente integro, spinge parecchio sia al naso che in bocca. Questo è il sangiovese, senza difetti e senza compromessi... io non sono un amante della tipologia ed infatti è stato per me oscurato da tutti gli altri vini, ma presa singolarmente sarebbe comunque una bevuta sontuosa. 93

Soldera 1985: il tavolo si è diviso sulla leggera volatile percepibile al naso... a me è piaciuto perché molto particolare, le note fruttate si mescolavano a quelle di rabarbaro e sesamo, il sorso è facile e setoso. Vino che invoglia la bevuta con un'eleganza incredibile, per me, sorpresa, non prevista, della giornata. 95

Recioto riserva 1990 Quintarelli: vino da meditazione... meditare per capire quanto sia complesso e buono. Corpo perfetto, dolcezza misurata e complessità e lunghezza sconfinate... mallo di noce, ciliegie, cioccolata, caffè, prugna e chi più ne ha più ne metta. Capolavoro. 98

Jacquesson 1989 Non dosè: salato, agrumato, evoluto al punto giusto... chiusura bolliciosa che pulisce la bocca con grande piacevolezza. Acidità da manuale. Piaciuto molto. 94

Vin Santo 1985 San Giusto: incredibile come le note di pesca, albicocca e susina non siano sovrastate da quelle di mallo di noce. Vino di grande piacevolezza e ben lontano dall'essere stucchevole. Altra sorpresa della giornata. 97

Giornata fantastica perché oltre alle bottiglie la compagnia è stata piacevole e di grande competenza. Ottima la cucina di Buriani. Ovviamente un grazie particolare a Zel per l'organizzazione.