CHABLIS..

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Spectator
Messaggi: 3758
Iscritto il: 06 giu 2007 11:36

CHABLIS..

Messaggioda Spectator » 31 ott 2016 19:34

..Dopo Raveneau,mi indicate altri 3/4 produttori di buon livello ? Bisogna x forza spendere ben oltre il centone :cry: :twisted: x bere un buon/ottimo Chablis?Grazie...
vinogodi
Messaggi: 28435
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: CHABLIS..

Messaggioda vinogodi » 31 ott 2016 21:37

...mettendo Ravenau in cima, nell'ordine:
- Vincent Dauvissat
- Billaud Simon
- William Fevre
- Duplessis
- Moreau
- Gilbert Picq
- Didier Dauvissat
- Droin
- Bessin
- Chablisienne
- Grossot
- Laroche
- Regnard
- Savary (Olivier
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
Spectator
Messaggi: 3758
Iscritto il: 06 giu 2007 11:36

Re: CHABLIS..

Messaggioda Spectator » 01 nov 2016 10:24

vinogodi ha scritto:...mettendo Ravenau in cima, nell'ordine:
- Vincent Dauvissat
- Billaud Simon
- William Fevre
- Duplessis
- Moreau
- Gilbert Picq
- Didier Dauvissat
- Droin
- Bessin
- Chablisienne
- Grossot
- Laroche
- Regnard
- Savary (Olivier



...Troppa grazia :D ...grazie .Annate in generale,almeno 7/8 anni,o qualcosa in piu'?
Avatar utente
Kalosartipos
Messaggi: 13089
Iscritto il: 07 giu 2007 13:57
Località: Cremona
Contatta:

Re: CHABLIS..

Messaggioda Kalosartipos » 01 nov 2016 10:27

Spectator ha scritto:...Troppa grazia :D ...grazie .Annate in generale,almeno 7/8 anni,o qualcosa in piu'?


In genere, 7-8 per i premier cru, oltre per i grand cru.
"La vita è breve e bisogna che uno se la beva tutta".
Osvaldo Soriano - "L'ora senz'ombra"
Avatar utente
venicka
Messaggi: 395
Iscritto il: 01 nov 2016 14:14

Re: CHABLIS..

Messaggioda venicka » 01 nov 2016 15:30

Alla decisamente esaustiva lista di sopra ne aggiungo un paio secondo me interessanti.

In stile classico ti consiglio:
Laurent Tribut, bei premier cru, usa legno ma con molto garbo e fa bei vini.

Vincent Dampt, lui credo solo acciaio ma non ci metto la mano sul fuoco, anche qui bei premier cru, vini di grande purezza

In stile diciamo alternativo/unsaccobio ma senza puzzette improponibili:

De Moor, c'hanno varie parcelle da cui tirano fuori dei village tutti molto buoni, poi credo abbiano pure qualche vigna di livello più alto ma mai provate.

Chateau Beru, differenti parcelle legate al Clos Beru, gran vigna caratterizzata da una strana vena agrumata quasi di mandarino non proprio chablisiana ma per il resto buona tipicità e soprattutto buoni vini.

In fine gli aspiranti novelli Raveneau che usano legno con qualche piccola influenza borgognona:

Patrick Piuze
Bel manico, vinifica la qualunque, da petit chablis a varie parcelle village fino al Les Clos.
Ha imparato a fare vini in Borgogna, e si sente: c'ha avuto (almeno in passato vedi la mia cassa di Les Clos 2010 finita in bestemmie) spesso problemi di premox, ora non so se abbia cambiato qualcosa comunque prova una boccia recente, lui è bravo.

Pattes Loup
Altro gran manico giovane Thomas Pico, vini spesso floreali e con un profilo olfattivo molto elegante, bevuto più volte suoi premier cru con notevole godimento.

Detto questo per me non c'è assolutamente bisogno di spendere centoni per bere bene a Chablis, già i village sono spesso ottimi, coi premier cru vai sicuro.
E rimani su cifre spesso sotto i cinquanta.
Settimana scorsa io ho mi sono tracannato senza ritegno un Forest 2002 di Dauvissat che di invecchiare non ne voleva sapere, allo stesso tempo i village 2014 ora sono uno spettacolo.

Bon, andata, primo post dopo non so quanto tempo che vi spio silenziosamente, dai, temevo peggio.
Avatar utente
Kalosartipos
Messaggi: 13089
Iscritto il: 07 giu 2007 13:57
Località: Cremona
Contatta:

Re: CHABLIS..

Messaggioda Kalosartipos » 01 nov 2016 17:40

venicka ha scritto:Bon, andata, primo post dopo non so quanto tempo che vi spio silenziosamente, dai, temevo peggio.


Benvenuto e complimenti.
"La vita è breve e bisogna che uno se la beva tutta".
Osvaldo Soriano - "L'ora senz'ombra"
Avatar utente
videodrome
Messaggi: 3402
Iscritto il: 14 apr 2008 19:25
Località: Mantova

Re: CHABLIS..

Messaggioda videodrome » 01 nov 2016 19:13

venicka ha scritto:Alla decisamente esaustiva lista di sopra ne aggiungo un paio secondo me interessanti.

In stile classico ti consiglio:
Laurent Tribut, bei premier cru, usa legno ma con molto garbo e fa bei vini.

Vincent Dampt, lui credo solo acciaio ma non ci metto la mano sul fuoco, anche qui bei premier cru, vini di grande purezza

In stile diciamo alternativo/unsaccobio ma senza puzzette improponibili:

De Moor, c'hanno varie parcelle da cui tirano fuori dei village tutti molto buoni, poi credo abbiano pure qualche vigna di livello più alto ma mai provate.

Chateau Beru, differenti parcelle legate al Clos Beru, gran vigna caratterizzata da una strana vena agrumata quasi di mandarino non proprio chablisiana ma per il resto buona tipicità e soprattutto buoni vini.

In fine gli aspiranti novelli Raveneau che usano legno con qualche piccola influenza borgognona:

Patrick Piuze
Bel manico, vinifica la qualunque, da petit chablis a varie parcelle village fino al Les Clos.
Ha imparato a fare vini in Borgogna, e si sente: c'ha avuto (almeno in passato vedi la mia cassa di Les Clos 2010 finita in bestemmie) spesso problemi di premox, ora non so se abbia cambiato qualcosa comunque prova una boccia recente, lui è bravo.

Pattes Loup
Altro gran manico giovane Thomas Pico, vini spesso floreali e con un profilo olfattivo molto elegante, bevuto più volte suoi premier cru con notevole godimento.

Detto questo per me non c'è assolutamente bisogno di spendere centoni per bere bene a Chablis, già i village sono spesso ottimi, coi premier cru vai sicuro.
E rimani su cifre spesso sotto i cinquanta.
Settimana scorsa io ho mi sono tracannato senza ritegno un Forest 2002 di Dauvissat che di invecchiare non ne voleva sapere, allo stesso tempo i village 2014 ora sono uno spettacolo.

Bon, andata, primo post dopo non so quanto tempo che vi spio silenziosamente, dai, temevo peggio.

Alla faccia del primo post. :D
Dal mio punto vista non tutti i 1er cru danno grandi soddisfazioni. Certamente andando sui primi 4 produttori di Vinogodi fino a Fevre ed includendo anche JC Bessin dove cogli non sbagli mai, anche sui village poi a scendere il livello qualitativo cala ed anche su alcuni 1er cru si trovano delle sbavature.
vinogodi
Messaggi: 28435
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: CHABLIS..

Messaggioda vinogodi » 01 nov 2016 20:13

venicka ha scritto:Alla decisamente esaustiva lista di sopra ne aggiungo un paio secondo me interessanti.

In stile classico ti consiglio:
Laurent Tribut, bei premier cru, usa legno ma con molto garbo e fa bei vini.

Vincent Dampt, lui credo solo acciaio ma non ci metto la mano sul fuoco, anche qui bei premier cru, vini di grande purezza

In stile diciamo alternativo/unsaccobio ma senza puzzette improponibili:

De Moor, c'hanno varie parcelle da cui tirano fuori dei village tutti molto buoni, poi credo abbiano pure qualche vigna di livello più alto ma mai provate.

Chateau Beru, differenti parcelle legate al Clos Beru, gran vigna caratterizzata da una strana vena agrumata quasi di mandarino non proprio chablisiana ma per il resto buona tipicità e soprattutto buoni vini.

In fine gli aspiranti novelli Raveneau che usano legno con qualche piccola influenza borgognona:

Patrick Piuze
Bel manico, vinifica la qualunque, da petit chablis a varie parcelle village fino al Les Clos.
Ha imparato a fare vini in Borgogna, e si sente: c'ha avuto (almeno in passato vedi la mia cassa di Les Clos 2010 finita in bestemmie) spesso problemi di premox, ora non so se abbia cambiato qualcosa comunque prova una boccia recente, lui è bravo.

Pattes Loup
Altro gran manico giovane Thomas Pico, vini spesso floreali e con un profilo olfattivo molto elegante, bevuto più volte suoi premier cru con notevole godimento.

Detto questo per me non c'è assolutamente bisogno di spendere centoni per bere bene a Chablis, già i village sono spesso ottimi, coi premier cru vai sicuro.
E rimani su cifre spesso sotto i cinquanta.
Settimana scorsa io ho mi sono tracannato senza ritegno un Forest 2002 di Dauvissat che di invecchiare non ne voleva sapere, allo stesso tempo i village 2014 ora sono uno spettacolo.

Bon, andata, primo post dopo non so quanto tempo che vi spio silenziosamente, dai, temevo peggio.
..benvenuto, Venika. Ti ringrazio tantissimo per i suggerimenti, che ad uno Chablisista come me sono sempre utilissimi. Alcuni sto già tentando di cercarli preso da curiosità compulsiva.
PS: ...eppoi il "benvenuto" classico sarebbe inutile : meglio di come ti sei presentato penso sia impossibile per chiunque. Ho la sensazione che il forum abbia acquistato "consistenza" ... mi raccomando, persevera... :wink:
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
Avatar utente
venicka
Messaggi: 395
Iscritto il: 01 nov 2016 14:14

Re: CHABLIS..

Messaggioda venicka » 01 nov 2016 20:50

Kalosartipos ha scritto:
venicka ha scritto:Bon, andata, primo post dopo non so quanto tempo che vi spio silenziosamente, dai, temevo peggio.


Benvenuto e complimenti.


Grazie, per il benvenuto e per i complimenti.

videodrome ha scritto:Alla faccia del primo post. :D
Dal mio punto vista non tutti i 1er cru danno grandi soddisfazioni. Certamente andando sui primi 4 produttori di Vinogodi fino a Fevre ed includendo anche JC Bessin dove cogli non sbagli mai, anche sui village poi a scendere il livello qualitativo cala ed anche su alcuni 1er cru si trovano delle sbavature.


Verissimo che al di fuori dei grandi, specie se punti i produttori giovani, puoi beccare vini non sempre perfetti ma il discorso è che per me a Chablis i semplici vini village non hanno bisogno dei grandi manici per essere quantomeno buoni, tremendamente bevibili e capaci di accompagnare la maggior parte dei piatti di pesce in un modo che ha pochi eguali, escludendo quel simpatico vinello con le bolle fatto un po' più a nord ovviamente.
Non sono grandi vini ma per me è un gran bel bere, anche in virtù dei prezzi, ancora decisamente umani

vinogodi ha scritto:..benvenuto, Venika. Ti ringrazio tantissimo per i suggerimenti, che ad uno Chablisista come me sono sempre utilissimi. Alcuni sto già tentando di cercarli preso da curiosità compulsiva.
PS: ...eppoi il "benvenuto" classico sarebbe inutile : meglio di come ti sei presentato penso sia impossibile per chiunque. Ho la sensazione che il forum abbia acquistato "consistenza" ... mi raccomando, persevera... :wink:


Gli Chablisisti sono una brutta razza di cui modestamente son fiero di far parte, ovviamente se non ti piaceranno i vini da me consigliati sarà solo e soltanto colpa della bottiglia non a posto eh.
Spectator
Messaggi: 3758
Iscritto il: 06 giu 2007 11:36

Re: CHABLIS..

Messaggioda Spectator » 02 nov 2016 08:54

venicka ha scritto:Alla decisamente esaustiva lista di sopra ne aggiungo un paio secondo me interessanti.

In stile classico ti consiglio:
Laurent Tribut, bei premier cru, usa legno ma con molto garbo e fa bei vini.

Vincent Dampt, lui credo solo acciaio ma non ci metto la mano sul fuoco, anche qui bei premier cru, vini di grande purezza

In stile diciamo alternativo/unsaccobio ma senza puzzette improponibili:

De Moor, c'hanno varie parcelle da cui tirano fuori dei village tutti molto buoni, poi credo abbiano pure qualche vigna di livello più alto ma mai provate.

Chateau Beru, differenti parcelle legate al Clos Beru, gran vigna caratterizzata da una strana vena agrumata quasi di mandarino non proprio chablisiana ma per il resto buona tipicità e soprattutto buoni vini.

In fine gli aspiranti novelli Raveneau che usano legno con qualche piccola influenza borgognona:

Patrick Piuze
Bel manico, vinifica la qualunque, da petit chablis a varie parcelle village fino al Les Clos.
Ha imparato a fare vini in Borgogna, e si sente: c'ha avuto (almeno in passato vedi la mia cassa di Les Clos 2010 finita in bestemmie) spesso problemi di premox, ora non so se abbia cambiato qualcosa comunque prova una boccia recente, lui è bravo.

Pattes Loup
Altro gran manico giovane Thomas Pico, vini spesso floreali e con un profilo olfattivo molto elegante, bevuto più volte suoi premier cru con notevole godimento.

Detto questo per me non c'è assolutamente bisogno di spendere centoni per bere bene a Chablis, già i village sono spesso ottimi, coi premier cru vai sicuro.
E rimani su cifre spesso sotto i cinquanta.
Settimana scorsa io ho mi sono tracannato senza ritegno un Forest 2002 di Dauvissat che di invecchiare non ne voleva sapere, allo stesso tempo i village 2014 ora sono uno spettacolo.

Bon, andata, primo post dopo non so quanto tempo che vi spio silenziosamente, dai, temevo peggio.


....Benvenuto e grazie.A breve..Ti/Vi interrogo sui Mersault,stai in campana :wink:.
vinogodi
Messaggi: 28435
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: CHABLIS..

Messaggioda vinogodi » 02 nov 2016 10:03

Spectator ha scritto:
venicka ha scritto:Alla decisamente esaustiva lista di sopra ne aggiungo un paio secondo me interessanti.

In stile classico ti consiglio:
Laurent Tribut, bei premier cru, usa legno ma con molto garbo e fa bei vini.

Vincent Dampt, lui credo solo acciaio ma non ci metto la mano sul fuoco, anche qui bei premier cru, vini di grande purezza

In stile diciamo alternativo/unsaccobio ma senza puzzette improponibili:

De Moor, c'hanno varie parcelle da cui tirano fuori dei village tutti molto buoni, poi credo abbiano pure qualche vigna di livello più alto ma mai provate.

Chateau Beru, differenti parcelle legate al Clos Beru, gran vigna caratterizzata da una strana vena agrumata quasi di mandarino non proprio chablisiana ma per il resto buona tipicità e soprattutto buoni vini.

In fine gli aspiranti novelli Raveneau che usano legno con qualche piccola influenza borgognona:

Patrick Piuze
Bel manico, vinifica la qualunque, da petit chablis a varie parcelle village fino al Les Clos.
Ha imparato a fare vini in Borgogna, e si sente: c'ha avuto (almeno in passato vedi la mia cassa di Les Clos 2010 finita in bestemmie) spesso problemi di premox, ora non so se abbia cambiato qualcosa comunque prova una boccia recente, lui è bravo.

Pattes Loup
Altro gran manico giovane Thomas Pico, vini spesso floreali e con un profilo olfattivo molto elegante, bevuto più volte suoi premier cru con notevole godimento.

Detto questo per me non c'è assolutamente bisogno di spendere centoni per bere bene a Chablis, già i village sono spesso ottimi, coi premier cru vai sicuro.
E rimani su cifre spesso sotto i cinquanta.
Settimana scorsa io ho mi sono tracannato senza ritegno un Forest 2002 di Dauvissat che di invecchiare non ne voleva sapere, allo stesso tempo i village 2014 ora sono uno spettacolo.

Bon, andata, primo post dopo non so quanto tempo che vi spio silenziosamente, dai, temevo peggio.


....Benvenuto e grazie.A breve..Ti/Vi interrogo sui Mersault,stai in campana :wink:.
...li , purtroppo, se poni limiti di prezzi ci devi far scervellare :lol: ...
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
vinogodi
Messaggi: 28435
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: CHABLIS..

Messaggioda vinogodi » 02 nov 2016 10:04

...fra non molto uscirà su un noto magazine un articolo (in 5 puntate :shock: ) sullo Chablis a vari livelli di cru e produttori, sintesi delle bevute specifiche degli ultimi 3 anni (e in corso) ... si partirà dallo Petit Chablis 2014 della Chablisienne per finire con il Les Clos 2005 di Ravenau ... con tutto quello che ci sta in mezzo... oeh , io consiglio di darci un'occhiata... :wink:
Ultima modifica di vinogodi il 02 nov 2016 10:08, modificato 1 volta in totale.
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
vinogodi
Messaggi: 28435
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: CHABLIS..

Messaggioda vinogodi » 02 nov 2016 10:07

...
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
titanium
Messaggi: 6085
Iscritto il: 06 giu 2007 22:29
Località: Romagna

Re: CHABLIS..

Messaggioda titanium » 02 nov 2016 16:21

vinogodi ha scritto:...fra non molto uscirà su un noto magazine un articolo (in 5 puntate :shock: ) sullo Chablis a vari livelli di cru e produttori, sintesi delle bevute specifiche degli ultimi 3 anni (e in corso) ... si partirà dallo Petit Chablis 2014 della Chablisienne per finire con il Les Clos 2005 di Ravenau ... con tutto quello che ci sta in mezzo... oeh , io consiglio di darci un'occhiata... :wink:


Quando esce?
Spediamo il giorno stesso o successivo al ricevimento del pagamento!
vinogodi
Messaggi: 28435
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: CHABLIS..

Messaggioda vinogodi » 02 nov 2016 17:32

titanium ha scritto:
vinogodi ha scritto:...fra non molto uscirà su un noto magazine un articolo (in 5 puntate :shock: ) sullo Chablis a vari livelli di cru e produttori, sintesi delle bevute specifiche degli ultimi 3 anni (e in corso) ... si partirà dallo Petit Chablis 2014 della Chablisienne per finire con il Les Clos 2005 di Ravenau ... con tutto quello che ci sta in mezzo... oeh , io consiglio di darci un'occhiata... :wink:


Quando esce?
...dalla settimana prossima ... in poi , una puntata a settimana a crescere...
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
Spectator
Messaggi: 3758
Iscritto il: 06 giu 2007 11:36

Re: CHABLIS..

Messaggioda Spectator » 02 nov 2016 17:34

..Un amico,nn facente parte di questa confraternita,mi ha menzionato..tra i buoni/buonini anche i Chablis di : Oliver Leflaive,un economico Jean Durup,..Luigi Jadot . Conoscete?
Avatar utente
venicka
Messaggi: 395
Iscritto il: 01 nov 2016 14:14

Re: CHABLIS..

Messaggioda venicka » 02 nov 2016 22:30

no no, io su meursault c'ho perso le speranze, compro ogni tanto qualche bottiglia perché la borgogna bianca è la borgogna bianca e ci vuole, ma i prezzi sono ai limiti.
La cosa più vicina per tasche umane che mi viene in mente sono alcuni macon, la cuvée aragonite di Julien Guillot è un bel vino sulla trentina di euro.
I grandi negociant su Chablis boh, a me non m'ispirano in generale, figuriamoci a chablis che è pieno di bravi recoltant.
Avatar utente
Kalosartipos
Messaggi: 13089
Iscritto il: 07 giu 2007 13:57
Località: Cremona
Contatta:

Re: CHABLIS..

Messaggioda Kalosartipos » 03 nov 2016 09:02

venicka ha scritto:I grandi negociant su Chablis boh, a me non m'ispirano in generale, figuriamoci a chablis che è pieno di bravi recoltant.

:wink:
"La vita è breve e bisogna che uno se la beva tutta".
Osvaldo Soriano - "L'ora senz'ombra"
vinogodi
Messaggi: 28435
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: CHABLIS..

Messaggioda vinogodi » 03 nov 2016 09:39

venicka ha scritto:no no, io su meursault c'ho perso le speranze, compro ogni tanto qualche bottiglia perché la borgogna bianca è la borgogna bianca e ci vuole, ma i prezzi sono ai limiti.
La cosa più vicina per tasche umane che mi viene in mente sono alcuni macon, la cuvée aragonite di Julien Guillot è un bel vino sulla trentina di euro.
I grandi negociant su Chablis boh, a me non m'ispirano in generale, figuriamoci a chablis che è pieno di bravi recoltant.
...concordo sui négociants , soprattutto in Chablis, ma anche a Beaune non è che mi abbiano mai creato particolari emozioni , pur cimentandomi di frequente (...e parlo dei Louis Latour , Jadot , Bouchard, con unica eccezione per Drohuin che ha una mano di eleganza estrema ) . Alternative valide alla "Borgogna bianca classica di Beaune delle grandi denominazioni" (che Chablis la ritengo più un'appendice di Reims senza bolle) ci sono eccome anche se considerate aree minori di Borgogna , sia in Auxey Duresses che in Saint Aubin , così come in Cote Chalonnaise (Montagny soprattutto , più che a Givry) e in Maconnaise. Si , insomma, se si vuole bere grandi Chardonnay a poco prezzo , ci si può districare , anche se , ahimè , il mio palato corrotto mi porta spesso presso la Divina Collina e dintorni...
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
Patatasd
Messaggi: 660
Iscritto il: 23 lug 2012 11:17

Re: CHABLIS..

Messaggioda Patatasd » 03 nov 2016 11:48

A proposito di negociant, avete mai provato i vini di Benjamin Leroux?
Per me sui bianchi è molto valido.
Avatar utente
venicka
Messaggi: 395
Iscritto il: 01 nov 2016 14:14

Re: CHABLIS..

Messaggioda venicka » 03 nov 2016 13:13

Patatasd ha scritto:A proposito di negociant, avete mai provato i vini di Benjamin Leroux?
Per me sui bianchi è molto valido.


Solo sui bianchi?
Per me Benjamin è il migliore, o quantomeno il mio preferito, tra i produttori giovani di borgogna, conosco meglio i rossi perché i bianchi tendo a comprarli già con qualche anno sulle spalle causa mancanza di spazio in cantina ma ricordo un suo chassagne 1er notevole.
Onestamente non credo di aver mai bevuto qualcosa di suo che fosse men che buono, ti vende come bourgogne rouge (e che bourgogne rouge, un vino vero buono non solo d'estate fresco di frigo) un blend di santenay village, santenay 1er cru e beaune village, con una bella quota di 1er, a cui a volte aggiunge pure del morey st denis village.
Magari facessero tutti così i negociant.
Fa grandi vini ovunque, il suo aux thorey è un nuits san george terroso, didascalico e potente ma elegante e non bisognoso di secoli di cantina per aprirsi ed essere bevibile(vedi gouges), poi ha vari village e 1er sparsi un po' ovunque più quella vigna meravigliosa in monopole che è il clos des la cave des ducs a Volnay da cui esce un vino che amo follemente, crepuscolare, vellutato e florealissimo, un monprivato di borgogna in pratica.
Al di fuori del mio budget so che fa pure qualcosa tipo 500 magnum di les amoureuses, mai bevuto ma se c'avete il soldo pronto ve lo consiglio e ci metto la mano sul fuoco che è un gran vino.
vinogodi
Messaggi: 28435
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: CHABLIS..

Messaggioda vinogodi » 03 nov 2016 14:36

venicka ha scritto:
Patatasd ha scritto:A proposito di negociant, avete mai provato i vini di Benjamin Leroux?
Per me sui bianchi è molto valido.


...Al di fuori del mio budget so che fa pure qualcosa tipo 500 magnum di les amoureuses, .
... no doppi magnum? I magnum di Les Amoureuses finiscono troppo alla svelta... 8)
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
Patatasd
Messaggi: 660
Iscritto il: 23 lug 2012 11:17

Re: CHABLIS..

Messaggioda Patatasd » 03 nov 2016 14:59

Si non volevo dire che non mi piacciono i rossi, solo che non li conosco, quando l'avevo visitato un paio d'anni fa avevo assaggiato quasi solo bianchi (Tra cui anche un paio di Chablis).
Avatar utente
venicka
Messaggi: 395
Iscritto il: 01 nov 2016 14:14

Re: CHABLIS..

Messaggioda venicka » 03 nov 2016 16:18

vinogodi ha scritto:... no doppi magnum? I magnum di Les Amoureuses finiscono troppo alla svelta... 8)


Ho intuito dove vuoi andare a parare.
Visto che non ti va di rimanere con la gola secca mi proponi uno scambio tra la magnum di les amoureuses e un brick da 5 litri di san crispino ronco con tanto di rubinetto erogatore.
Offerta accettata, lunedì spedisco tutto.
vinogodi
Messaggi: 28435
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: CHABLIS..

Messaggioda vinogodi » 03 nov 2016 16:24

venicka ha scritto:
vinogodi ha scritto:... no doppi magnum? I magnum di Les Amoureuses finiscono troppo alla svelta... 8)


Ho intuito dove vuoi andare a parare.
Visto che non ti va di rimanere con la gola secca mi proponi uno scambio tra la magnum di les amoureuses e un brick da 5 litri di san crispino ronco con tanto di rubinetto erogatore.
Offerta accettata, lunedì spedisco tutto.
... purtroppo è senza rubinetto erogatore... :?
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Ale Lenzi, coimbra, littlewood, lucalupo, maxer, Trikyred e 16 ospiti