STEFANO MILANESI

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Spectator
Messaggi: 3737
Iscritto il: 06 giu 2007 11:36

STEFANO MILANESI

Messaggioda Spectator » 11 giu 2016 12:27

..Cariissimi,che potete dirmi di questo produttore?Vorrei assaggiare qualche suo Pinot nero..o altro;cosa mi consigliate?Grazie.
Spectator
Messaggi: 3737
Iscritto il: 06 giu 2007 11:36

Re: STEFANO MILANESI

Messaggioda Spectator » 13 giu 2016 12:40

..A Stefanuccio nn lo conosce nessuno :( :lol: ?
vinogodi
Messaggi: 28210
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: STEFANO MILANESI

Messaggioda vinogodi » 13 giu 2016 13:10

...se fosse Stephan Mediolanensis di Vosne Romanée ti avremmo già risposto in tanti...
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
GabrieleB.
Messaggi: 859
Iscritto il: 02 lug 2012 14:57

Re: STEFANO MILANESI

Messaggioda GabrieleB. » 13 giu 2016 14:26

Prova a chiedere a Samsung se non mi sbaglio tempo fa lo trattava lui...
Spectator
Messaggi: 3737
Iscritto il: 06 giu 2007 11:36

Re: STEFANO MILANESI

Messaggioda Spectator » 13 giu 2016 16:52

GabrieleB. ha scritto:Prova a chiedere a Samsung se non mi sbaglio tempo fa lo trattava lui...


..Grazie..Gabriele,a me interesserebbe qualche nota da chi ha bevuto qualcosa di Milanesi. Se nn fosse possibile, anche una noticina del caro Ermes potrebbe andar bene :mrgreen: :D .
rafcot
Messaggi: 231
Iscritto il: 29 dic 2008 14:00
Località: COMO

Re: STEFANO MILANESI

Messaggioda rafcot » 20 giu 2016 08:18

Ciao, pur avendo bevuto tanta roba io non son un esperto in grado di dare note sui vini, quindi prendi con le pinze ciò che scrivo.....posso dirti che comprai qualche anno fa proprio da Samsung diverse etichette di Milanesi. Tenendo presente che di solito quando compro vini non supero mai i 20/25 eur per bottiglia, dei vini comprati 2 mi son rimasti ancora in testa; son stato impressionato molto positivamente dal cabernet sauvignon(si chiamava Alessandro) tanto che ne ricompri ancora qualche bottiglia e per me è stato forse uno, se non il miglior cabernet sauvignon bevuto(mi pare lo si prendeva sui 15 eur) e poi infine sforando dal mio soito budget mi ricordo di una barbera favolosa(si chiamava Elisa), invecchiata + di 4 anni se non erro in botti di rovere.... e fu la barbera + costosa che abbia mai comprato se non erro questa la pagai + di 30 eur a boccia ma mi ricordo che era notevole.
Sicuramnete Samsung saprà dirti molto di + sui vini di questo produttore.
Sisifo
Messaggi: 233
Iscritto il: 07 giu 2007 12:19

Re: STEFANO MILANESI

Messaggioda Sisifo » 26 giu 2016 11:42

Vedo solo ora, due parole sul lavoro di Stefano.
Si tratta di un produttore biologico ("da sempre" come dice lui) di grande personalità, che cerca di interpretare alcuni dei migliori vigneti di S. Giuletta.
La gamma dei vini è piuttosto ampia e comprende degli spumanti met. classico (Vesna 100% pn, probabilmente il migliore), diversi pinot nero, tra cui una cru (Maderu), prodotto solo nelle migliori annate e Neroir (che prima si chiamava Helga). Il primo è un pn caldo e complesso, che esprime una potenza non comune, mentre il secondo, che non tocca legno, è guizzante e beverino ma tutt'altro che privo di profondità. Personalmente li trovo entrambi diverse spanne sopra la marea di riserve pn oltrepadane e, a dire il vero, anche a livello nazionale, non è così facile trovare dei degni rivali. Apprezzo molto il fatto che questi vini siano meno segnati da quel sentore di vaniglia da barrique nuova che distrugge tanti pn altoatesini. Ovviamente non c'è in Neroir che non fa legno, ma anche il lungo invecchiamento in botte di Maderu viene metabolizzato nel tempo dall'imponente struttura di questo pinot.
Devo ammettere che non sono un patito dei vini (Alessandro ed Elisa) che hanno colpito rafcot, ma non faccio testo. Non capisco la barbera e anche il cabernet (soprattutto da solo) non è tra i vitigni che prediligo. Senza dubbio sono prodotti dei maniacali (rese/h ridicole), maturazioni spinte al limite della vendemmia tardiva. Sempre nel genere VT c'è anche una riserva di croatina (mi pare si chiami Oppure).
Sul fronte dei bianchi c'è Setteuve: un grande bianco da invecchiamento. Per intenderci il 2004 oggi si esprime al meglio.
Alla base Poltre rosso e Poltre bianco, due onesti vini da uvaggio.
Comunque, se ti è possibile, passa a trovare direttamente Stefano in cantina. Si trascorrono delle ore piacevoli, stando in compagnia di persone veramente accoglienti e imparando un sacco di cose. Aggiungo che, oltre ai vini menzionati, ogni volta che riusciamo ad andare a trovare Stefano e Simona, c'è qualche sorpresa che ci lascia a bocca aperta. Infatti, tra le molte qualità di questo produttore, c'è il coraggio di sperimentare continuamente,
samsung
Messaggi: 21170
Iscritto il: 06 giu 2007 22:39
Località: Milano provincia

Re: STEFANO MILANESI

Messaggioda samsung » 18 lug 2016 08:53

....Marco (sisifo) ha descritto in maniera perfetta il "mondo" Milanesi... è riuscito a dare una panoramica esatta dei suoi vini.
Io sarei un po più di parte....sono stato più legato alla sua prima fase dove Setteuve Dulos e Micaela mi facevano impazzire...ora non li fa più.
Setteuve e Dulos li considero una volta invecchiati vini al pari di certi blasonati d'oltralpe.
Micaela il frizzante nelle giornate d'estate sapeva come dissetarti,bevuto ultimamente il 2006 :shock: :shock: PERFETTO !!!
Elisa amaroneggiava....
Con un paio di bt giuste di Maderu (ha avuto problemi coi tappi)ho fatto voli pindarici...e sognavo di spaccare il culo a qualche top borgogna.
Recentemente ho aperto un suo Gran Dulos e ho goduto come poche volte ricordo.
Ho ancora qualche reliquia sua che conservo gelosamente
Non sono in grado di giudicare appieno la nuova strada presa da Stefano,di spessore è comunque la sua bollicina Vesna nobile e appagante.
Resta il fatto come ha ben scritto Marco che una visita da lui dovrebbe essere inserita d'obbligo nel percorso dell'appassionato.
E non per ultimo suona la tromba in maniera celestiale ed è un gran barzellettiere
NON SPEDISCO PIÙ
a mano dove si può
dorello
Messaggi: 167
Iscritto il: 05 gen 2013 02:55
Contatta:

Re: STEFANO MILANESI

Messaggioda dorello » 25 ott 2016 18:10

vedo anche io ora.
Forza "Mila".
Grande pinottista a suo modo, l'Helga pn a 10 euro in cantina era un ottimo prodotto di base, territoriale e dalle tracce ematiche e ferrose, a volte anche troppo (merde de poulet).
Da segnalare il tecla, croatina in purezza (ma probabilmente con aggiunte di altri uvaggi stante la demarcazione non rigida dei vigneti, alla Marcel Deiss) e capace di esprimersi al meglio dopo qualche anno. Oggi si beve bene il 2007, che quasi baroleggia e ancora con tanta spina acida.
Comunque anche parecchia marmellata senza dubbio.
samsung
Messaggi: 21170
Iscritto il: 06 giu 2007 22:39
Località: Milano provincia

Re: STEFANO MILANESI

Messaggioda samsung » 31 ott 2016 08:35

....mi avete stuzzicato...domani passo a trovarlo e ad assaggiare le nuove batterie..
Poi vi riferisco
NON SPEDISCO PIÙ
a mano dove si può

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Alessio, AmoSlade, cascinafrancia71, PGWine e 35 ospiti