LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
darmagi90
Messaggi: 908
Iscritto il: 06 giu 2007 11:02
Località: Emilia Centrale
Contatta:

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda darmagi90 » 26 mag 2016 09:10

vinogodi ha scritto:
Spectator ha scritto:..Lambrusco/Emilia,vigna Migliolungo 2015,Cantina Arcete.Oggi a pranzo..leggermente fresco:rosso rubino vivo,naso di frutta rossa un po' acerba ,si sentiva una leggera fermentazione ; bocca secca,fresca,nervosa ma nn acidula come suggeriva il naso,tannini soffici e leggeri;vinello che scorre via piacevolmente, manco mi ero accorto che bottiglia fosse finita ;peccato nn averlo abbinato ad una fetta di salame di Felino ed un tocco di Parmigiano.Pagato meno di una birra..semiartigianale : 6eur..o giu' di li.
..innanzitutto è la cantina di "Arceto" . Poi non mi sorprende il tuo giudizio, in quanto da qualche anno non è più il Migliolungo che in tanti consideravano il niglior Lambrusco in circolazione. Cosa è successo? Chi lo sa . Non è più quello di prima e "la concorrenza" ha migliorato in maniera esponenziale... 8)
PS: quest'anno ho assaggiato uno dei più grandi Lambrusco della mia vita . Per i pochi che avranno la fortuna di bersio il Lambrusco Metodo Classico millesimato 2005 (sboccatura 2015) di Lini 910 penso avrà una nuova dimensione di cosa può dare potenzialmente questo vigneto...


Beh, io in cantina ho sicuramente una bottiglia di Lambrusco metodo classico Lini 910 (che fra l'altro è a 6 o 7 km da casa mia...) ma non ricordo nè di che vendemmia nè la sboccatura.
Questa sera, quando torno a casa, verifico.

Certo che una bella bicchierata per una panoramica didattica sui lambruschi sarebbe proprio istruttiva, oltre che divertente.
Magari in abbinata con qualcosa di un po' più blasonato, anche per vedere se è poi proprio vero che il Lambrusco sia una famiglia di uve "minori".
Sono sicuro che se prendiamo qualche bottiglia un po' più matura ne vedremo veramente delle belle!
Col caldo estivo, poi, un po' fresco, due fette di mortadella.... :mrgreen:
"E' un modo comodo di vivere quello di credersi grandi di una grandezza latente"
Italo Svevo - La coscienza di Zeno

"L'acqua galleggia!"
Parmesan Artist

http://www.oasilamartina.it
https://it-it.facebook.com/oasi.lamartina/
Avatar utente
raissa79
Messaggi: 1103
Iscritto il: 06 giu 2007 11:37
Località: Lazio

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda raissa79 » 26 mag 2016 09:23

Kalosartipos ha scritto:Lo stile macerato non è dei miei preferiti, ma questa bottiglia non ha fatto nulla per farmi cambiare idea (e l'intero tavolo era della stessa idea).. vino statico e monocorde, bevuto orange-wines decisamente più graditi..

Immagine

Immagine

Nel bicchiere
Immagine



Sono l'ultima che può esprimere un'opinione...dato che non sono una grande esperta...ma io quando lo assaggiai dissi che mi sembrava pipì di gatto...scialbo senza armonia...se lo paragono agli orange wines di Damijan Podverisc...non c'è storia. Di Gravner adoro però la sua ribolla gialla...
Io sono bellezza e amore;
io sono amicizia, tuo conforto;
io sono colui che dimentica
e perdona.
Lo Spirito del Vino.
vinogodi
Messaggi: 29034
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda vinogodi » 26 mag 2016 09:25

darmagi90 ha scritto:
vinogodi ha scritto:
Spectator ha scritto:..Lambrusco/Emilia,vigna Migliolungo 2015,Cantina Arcete.Oggi a pranzo..leggermente fresco:rosso rubino vivo,naso di frutta rossa un po' acerba ,si sentiva una leggera fermentazione ; bocca secca,fresca,nervosa ma nn acidula come suggeriva il naso,tannini soffici e leggeri;vinello che scorre via piacevolmente, manco mi ero accorto che bottiglia fosse finita ;peccato nn averlo abbinato ad una fetta di salame di Felino ed un tocco di Parmigiano.Pagato meno di una birra..semiartigianale : 6eur..o giu' di li.
..innanzitutto è la cantina di "Arceto" . Poi non mi sorprende il tuo giudizio, in quanto da qualche anno non è più il Migliolungo che in tanti consideravano il niglior Lambrusco in circolazione. Cosa è successo? Chi lo sa . Non è più quello di prima e "la concorrenza" ha migliorato in maniera esponenziale... 8)
PS: quest'anno ho assaggiato uno dei più grandi Lambrusco della mia vita . Per i pochi che avranno la fortuna di bersio il Lambrusco Metodo Classico millesimato 2005 (sboccatura 2015) di Lini 910 penso avrà una nuova dimensione di cosa può dare potenzialmente questo vigneto...


Beh, io in cantina ho sicuramente una bottiglia di Lambrusco metodo classico Lini 910 (che fra l'altro è a 6 o 7 km da casa mia...) ma non ricordo nè di che vendemmia nè la sboccatura.
Questa sera, quando torno a casa, verifico.

Certo che una bella bicchierata per una panoramica didattica sui lambruschi sarebbe proprio istruttiva, oltre che divertente.
Magari in abbinata con qualcosa di un po' più blasonato, anche per vedere se è poi proprio vero che il Lambrusco sia una famiglia di uve "minori".
Sono sicuro che se prendiamo qualche bottiglia un po' più matura ne vedremo veramente delle belle!
Col caldo estivo, poi, un po' fresco, due fette di mortadella.... :mrgreen:
...sempre pronto: ho la "fortuna" di avere anche bottiglie mature delle griffes più grandi (anche 3-4 anni). quando vuoi , dopo la Barbera. Io Luglio e Agosto sono lavorativo, per cui disponibilissimo.
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 12346
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda Alberto » 26 mag 2016 09:48

raissa79 ha scritto:se lo paragono agli orange wines di Damijan Podverisc...non c'è storia. Di Gravner adoro però la sua ribolla gialla...

Non c'è storia pro-Gravner, chiaramente. :roll:

P.S.: Si sta parlando proprio della ribolla di Gravner.
Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De Andrè
Avatar utente
raissa79
Messaggi: 1103
Iscritto il: 06 giu 2007 11:37
Località: Lazio

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda raissa79 » 26 mag 2016 09:54

Alberto ha scritto:
raissa79 ha scritto:se lo paragono agli orange wines di Damijan Podverisc...non c'è storia. Di Gravner adoro però la sua ribolla gialla...

Non c'è storia pro-Gravner, chiaramente. :roll:

P.S.: Si sta parlando proprio della ribolla di Gravner.



A dire il vero il post era sulla ribolla anfora che non apprezzo, ma ho gradito la ribolla gialla non anfora, io ho assaggiato la 1999.
Io sono bellezza e amore;

io sono amicizia, tuo conforto;

io sono colui che dimentica

e perdona.

Lo Spirito del Vino.
darmagi90
Messaggi: 908
Iscritto il: 06 giu 2007 11:02
Località: Emilia Centrale
Contatta:

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda darmagi90 » 26 mag 2016 09:59

vinogodi ha scritto:...sempre pronto: ho la "fortuna" di avere anche bottiglie mature delle griffes più grandi (anche 3-4 anni). quando vuoi , dopo la Barbera. Io Luglio e Agosto sono lavorativo, per cui disponibilissimo.


Anche io sono sicuramente lavorativo fino ad almeno metà agosto, quindi direi di farla sicuramente.
Io ci metterei anche una o due annate di un outsider...
"E' un modo comodo di vivere quello di credersi grandi di una grandezza latente"
Italo Svevo - La coscienza di Zeno

"L'acqua galleggia!"
Parmesan Artist

http://www.oasilamartina.it
https://it-it.facebook.com/oasi.lamartina/
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 12346
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda Alberto » 26 mag 2016 10:02

raissa79 ha scritto:
Alberto ha scritto:
raissa79 ha scritto:se lo paragono agli orange wines di Damijan Podverisc...non c'è storia. Di Gravner adoro però la sua ribolla gialla...

Non c'è storia pro-Gravner, chiaramente. :roll:

P.S.: Si sta parlando proprio della ribolla di Gravner.



A dire il vero il post era sulla ribolla anfora che non apprezzo, ma ho gradito la ribolla gialla non anfora, io ho assaggiato la 1999.

1999 grandissima, anche se bevuta ahimè ormai troppo tempo fa. :wink: All'epoca mi sa che era un mix di anfora e botte grande.
Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De Andrè
vinogodi
Messaggi: 29034
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda vinogodi » 26 mag 2016 10:21

darmagi90 ha scritto:
vinogodi ha scritto:...sempre pronto: ho la "fortuna" di avere anche bottiglie mature delle griffes più grandi (anche 3-4 anni). quando vuoi , dopo la Barbera. Io Luglio e Agosto sono lavorativo, per cui disponibilissimo.


Anche io sono sicuramente lavorativo fino ad almeno metà agosto, quindi direi di farla sicuramente.
Io ci metterei anche una o due annate di un outsider...
...dovremo fare un'accurata selezione , perché la carne al fuoco è ciclopica . FRa le variabili :
- annata/annate
- Zona (Modena, Reggio, Parma ,Mantova)
- Vitigno (sono almeno 5)
- Tecnologia (metodo Classico, Charmat , Ancestrale ) ...mò pensiamoci su...

PS: senz'altro partirei dai mostri che non possono mancare (FRa i Metodo Classico Gran Concerto , Lini 910 e Bellei , anche di annate diverse- fra gli Ancestrale Radici , Fondatore e Salici , anche maturi fra tradizionali ... una rappresentativa di ogni provincia al top
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
darmagi90
Messaggi: 908
Iscritto il: 06 giu 2007 11:02
Località: Emilia Centrale
Contatta:

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda darmagi90 » 26 mag 2016 10:45

Modena x 3!
Sorbara, Santa Croce e Castelvetro sono diversi almeno quanto Provenza, Borgogna e Rodano (fatte le debite proporzioni).

Secondo me dovremo organizzare delle batterie o comunque una sequenza basata sulle uve/uvaggi, che poi spesso sono caratterizzanti delle diverse aree.
Il Sorbara è coltivato prevalentemente nella sua zona, il Salamino idem, con qualche sconfinamento nella pianura reggiana, il Grasparossa a Castelvetro e zone collinari (ma anche meno collinari) limitrofe.
Ancellotta sicuramente in gran parte della pianura reggiana (non so in quella di Parma) e via discorrendo.

Il confronto delle varie uve e relative zone a matrice con l'evoluzione nei 3 o 4 anni sarà di sicuro interesse e pieno divertimento.
"E' un modo comodo di vivere quello di credersi grandi di una grandezza latente"
Italo Svevo - La coscienza di Zeno

"L'acqua galleggia!"
Parmesan Artist

http://www.oasilamartina.it
https://it-it.facebook.com/oasi.lamartina/
Avatar utente
raissa79
Messaggi: 1103
Iscritto il: 06 giu 2007 11:37
Località: Lazio

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda raissa79 » 26 mag 2016 11:03

Alberto ha scritto:
raissa79 ha scritto:
Alberto ha scritto:
raissa79 ha scritto:se lo paragono agli orange wines di Damijan Podverisc...non c'è storia. Di Gravner adoro però la sua ribolla gialla...

Non c'è storia pro-Gravner, chiaramente. :roll:

P.S.: Si sta parlando proprio della ribolla di Gravner.



A dire il vero il post era sulla ribolla anfora che non apprezzo, ma ho gradito la ribolla gialla non anfora, io ho assaggiato la 1999.

1999 grandissima, anche se bevuta ahimè ormai troppo tempo fa. :wink: All'epoca mi sa che era un mix di anfora e botte grande.


...io ne ho ancora una bottiglia in cantina, l'ultima l'ho bevuta nel 2010 credo... era fantastica
Io sono bellezza e amore;

io sono amicizia, tuo conforto;

io sono colui che dimentica

e perdona.

Lo Spirito del Vino.
Avatar utente
videodrome
Messaggi: 3423
Iscritto il: 14 apr 2008 19:25
Località: Mantova

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda videodrome » 26 mag 2016 16:35

seeionoou2 ha scritto:P2 98
Oenotheque 96 95 92 83

Quando a Pr bevete quella roba lì, magari fate un fischio
gbaenergiaeco10
Messaggi: 1613
Iscritto il: 24 feb 2015 20:07

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda gbaenergiaeco10 » 26 mag 2016 20:07

raissa79 ha scritto:
Alberto ha scritto:
raissa79 ha scritto:
Alberto ha scritto:
raissa79 ha scritto:se lo paragono agli orange wines di Damijan Podverisc...non c'è storia. Di Gravner adoro però la sua ribolla gialla...

Non c'è storia pro-Gravner, chiaramente. :roll:

P.S.: Si sta parlando proprio della ribolla di Gravner.



A dire il vero il post era sulla ribolla anfora che non apprezzo, ma ho gradito la ribolla gialla non anfora, io ho assaggiato la 1999.

1999 grandissima, anche se bevuta ahimè ormai troppo tempo fa. :wink: All'epoca mi sa che era un mix di anfora e botte grande.


...io ne ho ancora una bottiglia in cantina, l'ultima l'ho bevuta nel 2010 credo... era fantastica


Bevuto a pasquetta con delle costine spalmate di senape piccante....una goduria indescrivibile, e mi è sembrato ancora in splendida forma
Lorenzo
Muffato
Messaggi: 222
Iscritto il: 13 set 2012 22:50

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda Muffato » 26 mag 2016 22:04

pier2559 ha scritto:
landmax ha scritto: Se è così, continuo a bere molto più volentieri una buona schiava, e spendo anche meno (qui ce ne sono alcune che danno davvero soddisfazione, da George Ramoser a Huck am Bach a Upupa Rot di Abraham).

Ti quoto in pieno, piuttosto che bere un PN altoatesino di medio/alto prezzo punto su una buona Schiava tutta la vita, soprattutto l'Huck am Bach che se non sbaglio qui non se la fila nessuno. Ne ho bevute decine di bottiglie nelle ultime annate, in particolare d'estate raffrescata a 12/13°, sempre con gran soddisfazione, è davvero una delizia facile da reperire e con un ottimo rapporto q/p (se non sbaglio 8 euro o poco più al Leclerc nei pressi di casa mia) :wink:

l'Huck am Bach , che apprezzo da almeno 15 anni, è da considerarsi un S. Maddalena quindi schiava si ma anche Lagrein
come si evince dal colore più scuro
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 12346
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda Alberto » 26 mag 2016 23:53

Non è obbligatorio metterci il lagrein nel Santa Maddalena, comunque.
Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De Andrè
darmagi90
Messaggi: 908
Iscritto il: 06 giu 2007 11:02
Località: Emilia Centrale
Contatta:

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda darmagi90 » 27 mag 2016 08:31

Alberto ha scritto:Non è obbligatorio metterci il lagrein nel Santa Maddalena, comunque.


Obbligatorio no ma ho la sensazione che ce lo mettano tutti, o quasi.
Prima di sapere che era ammesso un saldo di Lagrein, mi stupivo di come il S.Magdalener fosse sistematicamente più scuro, strutturato e complesso di quasi tutte le altre interpretazioni di Schiava/Vernatsch.
Eccezione il Fass9 e forse poco altro che però non ricordo.
Poi, una volta letto il disciplinare ho capito.
Penso proprio che, magari chi più e chi meno, ma la possibilità di aggiungere Lagrein la sfruttino tutti.
"E' un modo comodo di vivere quello di credersi grandi di una grandezza latente"
Italo Svevo - La coscienza di Zeno

"L'acqua galleggia!"
Parmesan Artist

http://www.oasilamartina.it
https://it-it.facebook.com/oasi.lamartina/
AmoSlade
Messaggi: 486
Iscritto il: 18 nov 2014 10:55

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda AmoSlade » 29 mag 2016 10:19

Frappato 2013 - Arianna Occhipinti: parte con qualche odore strano, tanto che decido di fargli prendere un po' di aria nel decanter. Nei profumi la parte fruttata mi ricorda le fragole quando sono un po' troppo mature, poi ci sono tante spezie, come chiodi di garofano e alloro, e un qualcosa di carnoso e vagamente animale. In bocca ritornano le medesime sensazioni, sorrette da una buona acidità, ma alla lunga mi stanca un po'. Mi è sembrato un vino improntato più sulla rusticità che sull'eleganza e, in fin dei conti, non mi ha lasciato la voglia di riberlo.
Qualcuno ha assaggiato questa annata?
Ziliovino
Messaggi: 3158
Iscritto il: 10 giu 2007 17:48
Località: (Bg)

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda Ziliovino » 29 mag 2016 22:16

Trentino Riesling 2009 – Maso Bergamini. Appena aperta è agrume e mineralità da riesling, poi si spegne e va sulla classica frutta gialla, piuttosto verticale in bocca, ma semplice. Qualche anno fa era più convincente…

Verduno Basadone 2013 – Castello di Verduno. Classica speziatura tendente all’erbaceo, direi pepe verde, poi rosa e fiori secchi. Ha perso in parte le spigolosità che aveva appena uscito, a vantaggio di un’ottima bevibilità. Diverse le affinità olfattive tra il pelaverga e il moscato di Scanzo, curioso.

Sudtirol St. Magdalener Rondell 2014 – Fran Gojer. Schiava is the new Pinot Noir? Mi ha appagato molto di più di altri p.n. nostrani… Frutto fresco, tanto floreale, bell’equilibrio al sorso, succoso, da bersi fresco, cosa chiedere di più?

Langhe Nebbiolo 2009 – Giuseppe Rinaldi. Profilo da nebbiolo classico, con un bel lato fruttato, si lascia bere bene nonostante il deciso tannino che ancora allappa.
"Il successo di tavernello invita a riflettere"
(Anonimo, bomboletta spray su muro)

"Il vino non lo scegli... è lui che sceglie te"
gbaenergiaeco10
Messaggi: 1613
Iscritto il: 24 feb 2015 20:07

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda gbaenergiaeco10 » 29 mag 2016 22:39

Brunello di Montalcino casanova di neri 2001
Nel calice si presenta di un rosso scuro, impenetrabile, con un'unghia granata. Il naso è potente, austero, forti i sentori terziari immediati, accompagnati fin da subito da una dolcezza fruttata assai intensa, come di mirtilli caramellati..e ancora con l'ossigenazione si fanno lentamente spazio accenni di prugna secca, cuoio e mandorle tostate.
In bocca è succoso, morbido, agile, un tannino debole ma molto gentile ed elegante..una beva incredibile che non stanca mai. Ma che bella bevuta...
Lorenzo
Avatar utente
Ludi
Messaggi: 2916
Iscritto il: 22 lug 2008 10:02
Località: Roma

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda Ludi » 30 mag 2016 10:05

Long Depacquit, Chablis 1er Cru Les Lys 2010: limone col sale, ma anche note più dolci, come è classico di un premier cru in buona annata. Davvero dissetante.
Cave Cooperative de Donnas, Napoleon 2009: rusticissimo ed animale, ma divertente.
A. Mercier, Champagne Cuvée Emile: PM in purezza, e si sente nel naso fruttato e speziato. Molto avvolgente in bocca, chiude su decise note di bergamotto. Molto buono.
Tenuta di Fessina, Erse Rosso 2012: un buon base, ciliegioso al punto giusto e non privo di suadenza vulcanica..
Quinta do Portal, Moscatel Reserva 1996: golosa alternativa ad un Rivesaltes o Beaumes de Venise, speziato e ricco di salvia e muschio bianco. Sorprendentemente sciolto nella beva.
Diemersfontein, Chenin Blanc Carpe Diem 2014: solo discreto, imparagonabile ad un qualsiasi vino della Loira, anche se il modello cerca di essere quello. Da amante dello Chenin, non posso non rimanere perplesso.
Chateau L'Enclos, Pomerol 2010: la 2010 in tutta la sua esuberanza fruttata ed irruenza acido-tannica. Non mi fa cambiare la scarsa predisposizione verso Pomerol (tra le zone bordolesi è nettamente quella che mi piace di meno) ma si beve con piacere e, udite udite, beneficia di un passaggio in caraffa.
CiccioCH
Messaggi: 104
Iscritto il: 17 nov 2014 15:48

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda CiccioCH » 30 mag 2016 11:23

Tenuta di Fessina Erse Bianco 2013
Un buon base, profilo nordico. Agrumato e minerale. Buon q/p

Montepeloso Eneo 2007
All'apertura ho pensato: Wooowwww!!! Mezz'ora dopo è ancora buono su un registro di frutti croccanti e violetta conditi con una scia balsamica. In bocca è bello pieno e polposo...ma.... rimane così per tutta la serata. Immobile e seduto. Buona boccia ma poteva essere grande.

Chianti Classico Poggerino 2013
Rustico e viscerale nel senso buono del termine. Letto una buona recensione del papero e mi ci ritrovo a pieno. Un buon compagno di tavola ed un bel chianti classico.
CiccioCH
Messaggi: 104
Iscritto il: 17 nov 2014 15:48

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda CiccioCH » 30 mag 2016 11:25

AmoSlade ha scritto:Frappato 2013 - Arianna Occhipinti: parte con qualche odore strano, tanto che decido di fargli prendere un po' di aria nel decanter. Nei profumi la parte fruttata mi ricorda le fragole quando sono un po' troppo mature, poi ci sono tante spezie, come chiodi di garofano e alloro, e un qualcosa di carnoso e vagamente animale. In bocca ritornano le medesime sensazioni, sorrette da una buona acidità, ma alla lunga mi stanca un po'. Mi è sembrato un vino improntato più sulla rusticità che sull'eleganza e, in fin dei conti, non mi ha lasciato la voglia di riberlo.
Qualcuno ha assaggiato questa annata?


Dalla mia esperienza è un etichetta un pò così... con alti e bassi. Se trovi la bottiglia giusta fa godere parecchio. Ma spesso capita anche la bottiglia con i tipici difetti bio... :wink:
Spectator
Messaggi: 3807
Iscritto il: 06 giu 2007 11:36

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda Spectator » 30 mag 2016 12:38

..Cantico 2001,Podere La Cappaella. Merlot toscano piacevolissimo, ma dal quale,sinceramente mi aspettavo di piu',nn so perche' :) .Forse per la..smodata ammirazione/enoica che ho per chi me l'ha ceduto?Possibile.Rosso rubino profondo,naso intenso di ciliegie,more,lamponi,tabacco biondo; sorso d'impatto,pieno, che vira dopo poco tempo sul dolce/fruttato,un po' troppo x i miei gusti.Tannini anch'essi dolci e..grande persistenza.Pur essendo..tecnicamente un buon vino,perfettamente tenuto,nn mi ha entusiasmato particolarmente:poca grinta,un tantino monocorde e,per me,scarsamente emozionante.Penso costasse piu' di una trentina di eur,se nn 40.
Ultima modifica di Spectator il 30 mag 2016 17:11, modificato 2 volte in totale.
AmoSlade
Messaggi: 486
Iscritto il: 18 nov 2014 10:55

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda AmoSlade » 30 mag 2016 13:38

CiccioCH ha scritto:
AmoSlade ha scritto:Frappato 2013 - Arianna Occhipinti: parte con qualche odore strano, tanto che decido di fargli prendere un po' di aria nel decanter. Nei profumi la parte fruttata mi ricorda le fragole quando sono un po' troppo mature, poi ci sono tante spezie, come chiodi di garofano e alloro, e un qualcosa di carnoso e vagamente animale. In bocca ritornano le medesime sensazioni, sorrette da una buona acidità, ma alla lunga mi stanca un po'. Mi è sembrato un vino improntato più sulla rusticità che sull'eleganza e, in fin dei conti, non mi ha lasciato la voglia di riberlo.
Qualcuno ha assaggiato questa annata?


Dalla mia esperienza è un etichetta un pò così... con alti e bassi. Se trovi la bottiglia giusta fa godere parecchio. Ma spesso capita anche la bottiglia con i tipici difetti bio... :wink:


Grazie per la risposta! Proverò a dargli una seconda possibilità ;-)
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 8171
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda zampaflex » 30 mag 2016 20:02

Fèlsina - Maestro Raro 1997
Azienda che dà un'impronta ai suoi vini, e la serietà di questo Cabernet Sauvignon in purezza lo dimostra. Territoriale per quanto può esserlo un bordolese chiantigiano, vivo, per niente alcoolico considerando l'annata calda, robusto ma senza essere pesante, verticale senza essere austero, dal tannino presente ma amalgamato. Mi è piaciuto più di tanti altri bordolesi locali. Bene. :D :D :D :) ++

Skerk - Ograde 2012
Colore unico, olfazione di rosa, fragola, scorza d'arancia essiccata; coerente, morbido ma non caldo, sapido, ma soprattutto elegante come tutti i vini di Sandi sanno essere, con quella tessitura vellutata sul palato. Bene anche qui. :D :D :D :D -

GB Burlotto - Monvigliero 2010

Eclettico come sempre: salame, ricotta fermentata (quella "forte" che in Puglia conoscono bene), fumo, fiori a profusione, duroni; il giorno dopo si palesa l'oliva verde in salamoia spesso evocata nel cru; qualche accenno di raspi maturi nella beva, che è sciolta e ben spinta, con una presa retrolfattiva molto interessante.
Un vino in finezza, trascinante. Molto bene. :D :D :D :D :)

Chateau Feuillet - Torrette superiore 2012
Quando è così, figlio di una vigna abbastanza alta e condotto per salvaguardare una decisa freschezza, è senza dubbio il gamay italiano. Profumato di fiori e china, lampone e caffé; leggero e facile. Bene, anche perchè ogni tanto si può bere qualcosa di diverso. Se la contende con la Schiava che citavate qui sopra nella gara al rosso estivo. :D :D :D :) --

Si confronta col vero gamay, questa volta con
Burgaud - Morgon Cote du Py cuvée James 2013
Dalla bella snasata di fruttini, fiori, spezie comme il faut; e caratterizzato dalla classica triste bocca acidula. Perdonata però dalla pimpante prestazione nasale.
Bene. :D :D :D :)
Ultima modifica di zampaflex il 03 giu 2016 14:59, modificato 1 volta in totale.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
pipinello
Messaggi: 563
Iscritto il: 28 apr 2009 16:27

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda pipinello » 31 mag 2016 09:32

zampaflex ha scritto:Chateau Feuillet - Torrette superiore 2012[/b]
Quando è così, figlio di una vigna abbastanza alta e condotto per salvaguardare una decisa freschezza, è senza dubbio il gamay italiano. Profumato di fiori e china, lampone e caffé; leggero e facile. Bene, anche perchè ogni tanto si può bere qualcosa di diverso. Se la contende con la Schiava che citavate qui sopra nella gara al rosso estivo. :D :D :D :) --


Il Torrette superiore di Feuillet dovrebbe essere 100% petit rouge

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Ale Lenzi, alleg, bobbisolo, fabio11973, gmi1, Max1991, mofise, teo777full e 8 ospiti