LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Avatar utente
Kalosartipos
Messaggi: 13253
Iscritto il: 07 giu 2007 13:57
Località: Cremona
Contatta:

LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda Kalosartipos » 01 mag 2016 10:26

Forza...
"La vita è breve e bisogna che uno se la beva tutta".
Osvaldo Soriano - "L'ora senz'ombra"
Spectator
Messaggi: 3807
Iscritto il: 06 giu 2007 11:36

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda Spectator » 01 mag 2016 12:47

..Trebbiano 2001,Valentini.Tappo ammuffito,spezzato, sbriciolato:come inizio..niente male :( ,ho pensato.Invece,ho bevuto un gran vino bianco.Naso di miele,camomilla,fiori bianchi delicati,the verde e un..sussurro di frutta esotica, il tutto mirabilmente..mescolato e di incredibile finezza.Sorso setoso, ampio,straordinariamente fresco,morbido e invitante.Finale lungo e piacevolmente amaricante. Piaciuto++
Ultima modifica di Spectator il 02 mag 2016 16:38, modificato 1 volta in totale.
AmoSlade
Messaggi: 486
Iscritto il: 18 nov 2014 10:55

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda AmoSlade » 01 mag 2016 22:40

Rudesgeimer Berg Schlossberg - Riesling spatlese 1989: colore giallo dorato, profumi inebrianti di mandarino, pesca sciroppata, agrumi canditi e spezie varie, forse zenzero. Perfetta corrispondenza naso-bocca, residuo zuccherino smaltito e acidita' che spazzola alla perfezione la bocca dalla grassezza dei formaggi francesi (Langres, Selle sur cher, Roquefort) in abbiamento. Ha la mia eta' ma non la dimostra :-)

Detto questo, sono a chiedervi di nuovo una delucidazione sull'intricato mondo dei Riesling tedeschi. Sull'etichetta, e sul tappo, c'e' scritto: Vervaltung der Staatsweinguter - Eltville. Poi, in alto a destra c'e' una sorta di timbro (ma a guardarlo bene non sembra un timbro messo in un secondo momento) che dice: "ersteigert im Kloster Eberbach" che significa "all'asta in Kloster Eberbach". Ma insomma, questo ottimo vino, chi l'ha prodotto? Sapete darmi qualche indizio? Grazie
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 12371
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda Alberto » 02 mag 2016 07:17

AmoSlade ha scritto:Rudesgeimer Berg Schlossberg - Riesling spatlese 1989
... Ma insomma, questo ottimo vino, chi l'ha prodotto? Sapete darmi qualche indizio? Grazie

Staatsweingut Kloster Eberbach, azienda di proprieta' del Land dell'Assia.
Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De Andrè
AmoSlade
Messaggi: 486
Iscritto il: 18 nov 2014 10:55

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda AmoSlade » 02 mag 2016 08:30

Alberto ha scritto:
AmoSlade ha scritto:Rudesgeimer Berg Schlossberg - Riesling spatlese 1989
... Ma insomma, questo ottimo vino, chi l'ha prodotto? Sapete darmi qualche indizio? Grazie

Staatsweingut Kloster Eberbach, azienda di proprieta' del Land dell'Assia.


Grazie :D ma come mai quel "all'asta"?
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 12371
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda Alberto » 02 mag 2016 09:22

AmoSlade ha scritto:
Alberto ha scritto:
AmoSlade ha scritto:Rudesgeimer Berg Schlossberg - Riesling spatlese 1989
... Ma insomma, questo ottimo vino, chi l'ha prodotto? Sapete darmi qualche indizio? Grazie

Staatsweingut Kloster Eberbach, azienda di proprieta' del Land dell'Assia.


Grazie :D ma come mai quel "all'asta"?

Perché probabilmente è un c.d. "vino d'asta"...credo che se googoli un po', qualche articolo che spiega molto meglio di come potrei fare io di cosa si tratta lo trovi...
La bottiglia aveva la capsula dorata?
Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De Andrè
miccel
Messaggi: 536
Iscritto il: 10 mar 2014 20:29

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda miccel » 02 mag 2016 10:54

Serata con amici non enofissati ma molto beventi, e attenzione poco focalizzata sui vini, pero voglio mettere due note.

Juchepie - Anjou Le Clos 2010. E la terza volta che lo bevo, questa come aperitivo, per me sul mangiare ci sta meglio, ma cosi si apprezzano bene le note di limone, uva e quelle finali di miele. Ha corpo e ancora acidita viva, e penso qualche anno davanti. Piaciuto come sempre.

Thomas Morey - Chassagne Montrachet 1er cru Clos St Jean bianco 2011. C'e materia buona e tanta, ma fra la bella acidita e l'ottima chiusura amara un po troppo legno per i miei gusti. Lo riassorbira nel tempo? I miei ricorrenti problemi con questa zona non esattamente trascurabile per i bianchi, dove se non sei un espertone o un riccone, rischi di essere un co...... piu facile per me buttarmi sullo chablis o sul maconnais...

Baricci - Brunello 2009. Bella trasparenza al colore, frutto, spinta e movimento, solito vino bello e trascinante, finale forse un po' troppo dolce, ma tanto buono a berlo.

Marcarini - Barolo Brunate 2009. Sulla grigliata di cinghiale (bistecchine e rosticciana) ci stava meglio il brunello, ma come vino questo qui e migliore. Pronto da bere, un velluto sul palato, profumo di fiori, finale lungo, elegante. Bellissimo barolo, spero che non venga lanciato anche questo nella stratosfera.
Avatar utente
Ludi
Messaggi: 2918
Iscritto il: 22 lug 2008 10:02
Località: Roma

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda Ludi » 02 mag 2016 11:11

Triebaumer, Sauvignon Blanc Vogelsang 2012: eccellente rapporto q/p (pagato 7,60 euro dal produttore); fresco e minerale, decisamente gradevole.
Voillot, Volnay V.V. 2011: un po' piu' chiuso ed animale di come lo ricordassi; da aspettare ancora.
Chateau Simone Blanc 2003: adoro questo vino, ed anche in annata torrida la sua proverbiale longevita' non delude. Grasso ma fresco, delicatissimo nell'espressione per essere un vino del sud.
Dettori, Tenores 2010: tranquillamente all'altezza delle altre grandi annate di questo vino. Residuo zuccherino poco avvertibile, grande potenza ed irruenza ma una straordinaria complessita' aromatica. Incredibile la dominante olfattiva di rosa macerata.
Triebaumer, Ruster Ausbruch 2007: molto vicino ad un Sauternes, con deliziosi aromi di iodio e marzapane. Eccellente.
Krug G.C.: c'e' lo Champagne, e c'e' Krug. Sempre piu' vero.
Ceretto, Barbaresco Bricco Asili 1990: di una freschezza e gioventu' quasi surreali, sin nel colore. Grandissimo, con ancora una decina d'anni di percorso davanti.
Kracher, Welschriesling TBA Zwischen der Seen 1998: viscoso, ricco, infinito. Un grandissimo vino, che si fa bere alla grande nonostante l'impressionante residuo zuccherino.
Avatar utente
puspo
Messaggi: 662
Iscritto il: 29 ago 2012 14:29
Località: Brescia

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda puspo » 02 mag 2016 11:28

Sono gia' due giorni che non tocco vino! :shock:
Il mio sistema di monitoraggio della cantina:
http://www.checkmycellar.com/Cellar_001.html
Avatar utente
iulo
Messaggi: 916
Iscritto il: 06 giu 2007 11:47
Località: PESARO

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda iulo » 02 mag 2016 16:07

puspo ha scritto:Sono gia' due giorni che non tocco vino! :shock:


Voto di castità o è l'inizio della fine ?
VOLARE NECESSE EST VIVERE NON EST NECESSE
AmoSlade
Messaggi: 486
Iscritto il: 18 nov 2014 10:55

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda AmoSlade » 02 mag 2016 20:39

Alberto ha scritto:
AmoSlade ha scritto:
Alberto ha scritto:
AmoSlade ha scritto:Rudesgeimer Berg Schlossberg - Riesling spatlese 1989
... Ma insomma, questo ottimo vino, chi l'ha prodotto? Sapete darmi qualche indizio? Grazie

Staatsweingut Kloster Eberbach, azienda di proprieta' del Land dell'Assia.


Grazie :D ma come mai quel "all'asta"?

Perché probabilmente è un c.d. "vino d'asta"...credo che se googoli un po', qualche articolo che spiega molto meglio di come potrei fare io di cosa si tratta lo trovi...
La bottiglia aveva la capsula dorata?


No, capsula bianca. Grazie mille dell'aiuto, provero' a documentarmi su internet :-)
Avatar utente
puspo
Messaggi: 662
Iscritto il: 29 ago 2012 14:29
Località: Brescia

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda puspo » 02 mag 2016 21:05

iulo ha scritto:
puspo ha scritto:Sono gia' due giorni che non tocco vino! :shock:


Voto di castità o è l'inizio della fine ?


Fortunatamente solo una casualita' ... ora recupero :?:
Il mio sistema di monitoraggio della cantina:
http://www.checkmycellar.com/Cellar_001.html
Avatar utente
giucas
Messaggi: 250
Iscritto il: 23 gen 2012 00:13
Località: bologna

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda giucas » 02 mag 2016 23:11

.....dal piemonte , con qualche dubbio... :shock: ..:....

-BAROLO VIGNA RIONDA 2007 MASSOLINO L.BR111: rosso rubino un po' scarico con lieve mattonatura sull'unghia. Naso che sa molto di caramello :?: , mou, lieve mentolato, lampone. Bocca larga e distesa, potente ma già godibile. Persistenza media. Vino buono dal tocco lievemente maturo, senza la profondità e la grinta che mi aspettavo. Interlocutorio :? .
-BAROLO BROGLIO 2007 SCHIAVENZA L.1179: colore piu' vivace e luminoso della Rionda. Anche piu' intenso. Naso screziato da note animali che coprono un po 'il frutto nero, la menta, le spezie. Palato potente e pastoso, lungo, ma viziato da un che di rustico. Lungo. Si pulisce un po' dopo 24 ore, ma rimane la sensazione di una sporcatura che penalizza tanta buona materia. Vino artigiano :roll: .
ARTE 2013 CLERICO LD115: rubino di media saturazione ,molto luminoso. Naso intenso ma poco rilassato , di resine e menta, fruttini rossi ed erbe. Smalto. Verticale. Palato coerente, teso, asciutto, tannico. Finale ragionevole, ma senza grande spinta. Migliora alle 24 ore,dove guadagna in scioltezza e profondità. Didattico e maschio,vino elettrico ma con poca 'ciccia' :wink: .

Boh.... :roll: .....
Avatar utente
gianni femminella
Messaggi: 2323
Iscritto il: 26 nov 2010 14:43
Località: Castiglione della Pescaia - Finale Emilia

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda gianni femminella » 03 mag 2016 10:21

miccel ha scritto:Baricci - Brunello 2009. Bella trasparenza al colore, frutto, spinta e movimento, solito vino bello e trascinante, finale forse un po' troppo dolce, ma tanto buono a berlo.



Bevuto lunedi' un 2007. Quoto a grandi linee.
In particolare la dolcezza molto in evidenza. Riprendendo un nostro vecchio discorso tra noi, penso che la mia 2007, di cui ho bevuto altre bottiglie, fosse migliore uno o due anni fa. Se e' possibile generalizzare, il mio turning point del Brunello e' verso i 7-8 anni.
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 12371
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda Alberto » 03 mag 2016 11:34

Veneto Bianco ∞ (Infinito), Maeli, 2012 (12,5%)
Azienda decisamente à la page nel panorama Euganeo. Non sono riuscito a recuperare online l'esatta composizione...dovrebbe essere nei dintorni di un 50% moscato fior d'arancio/50% chardonnay. Paglierino-verdolino ancora. Profumi erbacei e di pompelmo rosa, ed una nota mielosa diluita, come di acqua e miele o meglio ancora di idromele, che si mostra poi particolarmente "secca" (non nel senso di essiccata, quanto di molto poco dolce) nel passaggio in bocca; è un vino verticale, quasi essenziale, tutto sull'agrumato e sulla sapidità che mordicchia i lati della lingua, con l'amaro leggermente in esubero sul finale. Con l'alzarsi della temperatura qualsiasi eventuale apporto proprio dello chardonnay a mio avviso si volatilizza. Discreto, ma penso che sia meglio per loro proporre un moscato secco in purezza, tipologia di sicuro interesse nella zona, e con margine notevole, a parer mio. Magari però con un nome leggermente meno altisonante. :roll:

Dogliani Superiore Vigna del Pilone, San Romano, 2010 (13,5%)
L'azienda, da quel che leggo tutt'altro che priva di storia, è ora uno dei pianeti della galassia farinettiana. Colore scuro (ma non saturo, ci passa in mezzo un po' di luce), frutto altrettanto scuro e "buccioso", che personalmente associo spesso al dolcetto, con una nota tostata (ma fa legno?) non senza eleganza, tanto al naso quanto in bocca. Inizialmente un filo troppo amaro nei tannini, trova con l'aria maggiore rotondità, in un contesto di corpo medio e media persistenza. Da non amante del dolcetto devo dire che questo è fatto tecnicamente bene, perlomeno non invade la bocca con tannini gallici o fruttoni improbabili, ma risulta puntualmente privo di reale interesse come il 98% circa dei vini ottenuti da questa varietà. IMHO, ovviamente. :wink:
Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De Andrè
gmi1
Messaggi: 674
Iscritto il: 19 gen 2010 18:34

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda gmi1 » 03 mag 2016 17:44

mi sono tolto la soddisfazione di bere alcuni bianchi con un buon livello di maturazione ultimamente, nessuno é stato da visioni mistiche, ma nemmeno ho avuto delusion, diciamo buoni verso l'ottimo :D
Fiano di Avellino Colli di Lapio 2008 bella bevuta, manca un pó di nerbo secondo me rispetto ad altri suoi fratelli della stessa annata (tipo Marsella), ma rispetta appieno la tipologia senza fregature :D buono+
Pinot Bianco Gumphof 2008 molto giovane nonostante gli anni in bottiglia, anche il colore é molto scarico come all'uscita, secondo me non migliorerá ulteriormente garantendo una bella bevuta per anni ma senza emozioni particolari, buono+
Riesling Pacherof 2007 qui il colore é virato molto di piú verso il giallo carico, l'ho trovato con corpo quasi mediterraneo e non alto atesino come mi aspettavo, buono++ ma da bere e non attendere oltre
Verdicchio di Matelica Collestefano 2006 molto meglio che una bottiglia bevuta mesi fa, un pó evoluto nel colore ma ancora splendidamente minerale, offrendo una beva piacevolissima ottimo-
Fiano di Avellino Marsella 2005 riuscita non delle migliori questa 2005 per uno dei miei produttori preferiti, si fa sempre bere bene, ma giá calante rispetto ad una anno fa... buono-
Verdicchio di Jesi riserva Villa Bucci 2003 dimostra il suo carattere e le sue caratteristiche, l'annata si fa peró sentire, ha note morbide leggermente ossidative non sgradevoli ma non da questo cavallo di razza.... poi questo é un vino che giudico sempre molto criticamente perché se no dovrei troppo lodarlo :D buono++
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 12371
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda Alberto » 03 mag 2016 17:47

gmi1 ha scritto:Fiano di Avellino Marsella 2005 riuscita non delle migliori questa 2005 per uno dei miei produttori preferiti, si fa sempre bere bene, ma giá calante rispetto ad una anno fa... buono-

Stappato lo scorso inverno, secondo me vino ancora in parabola nettamente ascendente...bottiglia sfortunata la tua, IMHO.
Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De Andrè
CiccioCH
Messaggi: 104
Iscritto il: 17 nov 2014 15:48

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda CiccioCH » 04 mag 2016 08:55

Mirum Riserva la Monacesca 2012
Ma che bel vino! Potenza e verticalità. Al naso accenni di Melone bianco e altra frutta esotica con un contorno di erbe aromatiche. Al palato mantiene una bella freschezza nonostante i 14.5% in etichetta. Chiudo lungo e persistente. Per me ai vertici delle denominazione.
vinogodi
Messaggi: 29050
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda vinogodi » 05 mag 2016 09:06

...ieri sera , all'Angiol D'or "meravigliosa" serata enogastronomica, animata soprattutto da presenti super orientati al godimento della tavola, ridanciani, caciaroni e gaudenti. S'è formato un gruppo apparentemente eterogeneo inizialmente, poi sfociato nella più divertente accozzaglia di amici .... non si andava più a letto, quindi serata + nottata , dovrei dire. Abbiamo fatto una panoramica delle aree di Borgogna bianca (salvo Meursault) con diverse , piacevoli, eccezioni , interpretate (seppur entry level) da grandissimi manici ispirati e di grandissimo spessore. Non sempre bisogna spendere fortune per bere alla grande e divertirsi . Cosa?

Per chi aspettava : Prosecco anniversario millesimato 2015 Banda rossa Bortolomiol :D :D :) . Rotondetto, bella acidità , bevibilissimo, ha diviso decisamente la platea: essendo in doppia bottiglia, c'è chi c'ha fatto un "terzo passaggio" e chi , diligentemente , s'è bevuto il suo ed ha aspettato il prosieguo temendo di saturarsi già da subito. Splendido comunque con strolghino di culatello, salame e bresaola stagionatissima portata dall'amico Roberto, titolare del salumificio Ducale di Colorno, un'istituzione di qualità pari solo alla simpatia di Roberto.

APERITIVI , introduzione agli Chardonnay :
- Giulio Ferrari Riserva del Fondatore 2004 :D :D :D :) vs Champagne Blanc de Blanc Cuvée de Melomane Herbert Beaufort :D :D :D :D . Giulio più opulento, strutturato e materico . Mélomane decisamete più affilato, incisivo e minerale. Anche in questo caso la platea s'è divisa fra nazionalisti a prescindere (comunque il Giulio numero 1 in Italia) e chi vuole dalle bolle caratteristiche vocate alla bevibilità e complessità. Due grandi bolle che ci hanno deliziato con il carpaccio di petti di tacchino su letto di misticanza . Per una volta , personalmente, do preferenza alla bolla d'oltralpe , pur ammettendo che il Giulio ha sempre un suo perché

POI:
- Aligoté : Bouzeron 2012 DE Villaine :D :D vs Aligoté Emmanuel Rouget 2010 :D :D :D :) . Il Bouzeron aveva qualcosa che non mi convinceva , con note fin troppo "aligoté" che mi ricordavano più un Trebbiano e neppure di alto livello. Un po' limonoso, , acidità leggermente scissa, leggermente amaricante e davvero evanescente in bocca come consistenza. Monumentale quello di Rouget , Borgogna fino al midollo, minerale e ricco di materia, produttore davvero , ormai, ai vertici in tutto ciò che tocca .
- Chablis 2011 "Faurchaume" 1er Duplessis :D :D :D vs Chablis 2011 "Faurchaume" 1er Bessin :D :D :D :) . Entrambi paradigmatici, molto fruttato e carico di materia Duplessis, etereo e floreale Bessin, che ho leggermente preferito . Qui , davvero, la beva era quasi fuori scala, i bicchieri sono evaporati.
- Macon Verzé 2012 Domaine Leflaive :D :D :D :) vs Pernand Vergelesse 2012 Domaine Ramonet :D :D :D :) . Splendidi come espressioni territoriali, sapendo che sono aree ai "margini" della grande Borgogna bianca. Affilato e minerale (leggere note sulfuree) il primo , incalzante, floreale e ampio il secondo. Platea divisa e stupendo connubio con risotto al culatello ed asparagi freschi .
- Puligny Montrachet Sauzet 2012 :D :D :D :D vs Chassagne MOntrachet 2012 Ramonet :D :D :D :D :) : meravigliosi villages , a dir poco. Più elegante, fine , corroborante il primo, più esplosivo, floreale e materico il secondo . Per chi si è approcciato ieri alla Borgogna bianca , forte emozione iniziale e promessa solenne di diventare quasi "monotematici". Con tagliata di petto d'anatra , da strapparsi i capelli (per qualcuno l'anatra era troppo cruda , per me perfetta e , anzi, talmente buona che se me la portavano viva l'avrei mangiata starnazzante)

FUORIPROGRAMMA :
- Barbaresco (da magnum) Cottà Brichet 2005 Sottimano :D :D :D :D :) ...magnum, magnum ed ancora magnum. Sempre più sono convinto che si dovrebbe imbottigliare in questo contenitore. Scolato fino all'ultima goccia, foglioso, violoso, ricchissimo di sfumature , profondo e complesso. Con Bitto stagionato una meraviglia
- Memor 2009 Nicola Ferri :D :D :D :D .... ha creato scompiglio per chi non lo conosceva e grande esaltazione per chi già l'aveva approcciato altre volte. Materico come pochi, intenso di profumi , marasca e prugna Noberasco, potenza devastante in bocca . Con Caciocavallo Podolico matrimonio d'amore e godimento

FINALE: PX Toro Albalà fine solera 2012 :D :D :D :D ... oeh , più lo bevo più mi piace. Per alcuni vino della serata , ma ormai si era tutti a ridere a crepapelle e esaltati per la bellissima , seppur chilometrica , serata . Oleoso, subito albicocca disidratata bsparata a mille, poi miele millefiori e cannella, mallo di noce e melone stramaturo. Finito fino all'ultima goccia con spremitura della bottiglia per gli amanti del "dolce"

PS: ripeto, serata splendida ...
Ultima modifica di vinogodi il 05 mag 2016 10:49, modificato 1 volta in totale.
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
gmi1
Messaggi: 674
Iscritto il: 19 gen 2010 18:34

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda gmi1 » 05 mag 2016 09:28

Alberto ha scritto:
gmi1 ha scritto:Fiano di Avellino Marsella 2005 riuscita non delle migliori questa 2005 per uno dei miei produttori preferiti, si fa sempre bere bene, ma giá calante rispetto ad una anno fa... buono-

Stappato lo scorso inverno, secondo me vino ancora in parabola nettamente ascendente...bottiglia sfortunata la tua, IMHO.


anche a me la bottiglia aperta nel 2015 aveva dato tutta una diversa sensazione, ne ho delle altre da stappare, vedró cosí se é stata veramente una boccia sfortunata... :D
Spectator
Messaggi: 3807
Iscritto il: 06 giu 2007 11:36

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda Spectator » 05 mag 2016 09:44

..Primitivo di M.Riserva 2011,A.M.Jorche.Rosso rubino nn molto carico; naso d'impatto, pungente; frutta rossa ,marasca e prugna in primis,poi caffe,liquirizia e una nota vegetale che nn sono riuscito ad identificare :) .Sorso..materico,anche sulla lingua l'alcool si sente immediatamente e rende la bevuta nn propio scioltissima,malgrado i bei tannini dolci e risolti;ho dovuto lavorare ai fianchi x finire la bottiglia,quindi, alla fine, soddisfattissimo nn ne sono stato. Provero' a far riposare le altre boccie x un..prossimo roud.Intanto, a brevissimo assaggero' il base e il dolce,di quest'azienza.
AmoSlade
Messaggi: 486
Iscritto il: 18 nov 2014 10:55

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda AmoSlade » 05 mag 2016 18:37

Bella visita da Ar.Pe.Pe., cantina per la quale non posso nascondere di avere un debole, che ha segnato parecchio il mio avvicinamento al vino.
Il rosso di valtellina 2014 e' figlio ovviamente di un'annata molto difficile, ma c'e' da dire che non avendo prodotto riserve e' andato tutto qui dentro. Si discosta abbastanza dalle annate precedenti, non ha quei profumi che di solito associo subito allo stile arpepe, ma mi e' comunque piaciuto. Sa di frutti rossi un po' aspri, tipo ribes e lampone poco maturo ed ha un'acidita' davvero molto marcata e un finale sapido.
Con il Grumello Rocca de Piro 2011 si torna invece sui classici sentori di fiori secchi, erbe e mineralita' ferrosa che conosco come tipici di questi vini, che si fanno piu' intensi, complessi e profondi all'assaggio delle riserve: il Grumello del Buon Consiglio 2007 e' piu' pronto del Rocce Rosse 2005, che ho trovato piu' maschio, austero e meno floreale che in altre annate.

Si e' parlato anche di tappi, mi hanno detto che stanno sperimentando molto i sintetici e che spesso questi ultimi si stanno rivelando migliori del sughero non solo per quanto riguarda affidabilita' e uniformita', ma anche sull'evoluzione...
AmoSlade
Messaggi: 486
Iscritto il: 18 nov 2014 10:55

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda AmoSlade » 05 mag 2016 19:02

Due interessanti bevute greche, per la verita' non di maggio, ma le posto qui perche' vorrei sentire l'opinione di qualcino, se li ha provati:
Assyrtiko 2014, Hatzidakis: dall'isola di Santorini un bianco davvero buono, fresco, sapido e marino, con una grande acidita' che ben sorregge la non esile struttura. La mineralita' del vulcano si sente tutta e fa da contorno a profumi di limone e mela verde. Interessante anche in prospettiva, averne via qualche bottiglia per l'estate non so se sarebbe una fortuna od un pericolo :lol:

Xinomavro 1997 - Chateau Pegasus: granato scarico, offre profumi interessantissimi e particolari di pomodori secchi e olive, rosmarino e macchia mediterranea, per poi allargarsi su note di prugna e liquirizia. Corpo sottile, buona acidita' e tannini ancora presenti, non un campione di persistenza, ma mi ha molto colpito.
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 8200
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda zampaflex » 06 mag 2016 16:06

Pira - Barolo Margheria 1999
Rigido. Frigido. Statico. :mrgreen:
Bevibile, anche abbastanza buono, ma non emoziona minimamente.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
slowhand
Messaggi: 241
Iscritto il: 03 gen 2010 18:05

Re: LE BEVUTE DI MAGGIO 2016

Messaggioda slowhand » 06 mag 2016 16:25

AmoSlade ha scritto:Due interessanti bevute greche, per la verita' non di maggio, ma le posto qui perche' vorrei sentire l'opinione di qualcino, se li ha provati:
Assyrtiko 2014, Hatzidakis: dall'isola di Santorini un bianco davvero buono, fresco, sapido e marino, con una grande acidita' che ben sorregge la non esile struttura. La mineralita' del vulcano si sente tutta e fa da contorno a profumi di limone e mela verde. Interessante anche in prospettiva, averne via qualche bottiglia per l'estate non so se sarebbe una fortuna od un pericolo :lol:.


vino stupendo bevuto a secchi in grecia...si trova in italia?

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Dottordivino, md78d, Nexus1990, Santi Romano e 9 ospiti