LE BEVUTE DI FEBBRAIO 2016

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
gbaenergiaeco10
Messaggi: 1516
Iscritto il: 24 feb 2015 20:07

Re: LE BEVUTE DI FEBBRAIO 2016

Messaggioda gbaenergiaeco10 » 15 feb 2016 13:48

AedesLaterani2012 ha scritto:
gbaenergiaeco10 ha scritto:
AedesLaterani2012 ha scritto:
gbaenergiaeco10 ha scritto:trebbiano Valentini 2012

Prima volta che testavo il Valentini..onestamente sono rimasto un po' deluso..caffè tostato (quasi bruciacchiato) che dominava sugli altri profumi..deboli sentori di zafferano e burro..al palato nulla da dire..acidità e alcol in simbiosi, un finale fresco che rievoca timo e camomilla..peccato per quelle tostature troppo invadenti..

Domanda: il tappo mi è sembrato eccessivamente umido..che mi sia capitata la bottiglia sbagliata? O si tratta di una prerogativa dei vini di Valentini, quella di emozionare imprevedibilmente nel bene e nel male?


Bella domanda; certo, non so quanto fosse imbibito quel sughero, ma per "eccessivamente" non avrei termini di paragone, se non riferendomi ad annate vintage. Tra l'altro parliamo di sugheri 'ad espansione', se hai notato, con pochi mesi di vita sulle spalle... Boh, bottiglia non a posto?
Se comparo queste note alle mie di gennaio (?), (sembrerebbe che) abbiamo bevuto due vini diversi (non è un giudizio di valore il mio, intendiamoci! :wink: ): il tuo appare decisamente più evoluto con profumi terziari in evidenza (addirittura il sentore di goudron che ricorda le sfumature di "bruciacchiato", per l'appunto); invece l'odore di tostatura "invadente" che ricorda il caffè, fra le note iniziali, mi fa venire in mente la tostatura del legno grande e la trasformazione del furfurale in fase fermentativa. Il "debole sentore" di burro rimanda al diacetile, presente in grandi concentrazioni durante la fermentazione malolattica, e ci sta tutto; le note lattiche solitamente svaniscono dopo pochi secondi con l'ossigenazione. Penserei che la bottiglia non l'hai aperta molto prima della mescita... Ricordi il lotto in etichetta? Sarebbe interessante per risalire all'essenza (e all'epoca) della botte...


Ho aperto la bottiglia un'oretta abbondante prima e lo scolmata nel calice..anche dopo due ore emmezzo gli ultimi bicchieri avevano le stesse caratterestiche..sull'etichetta in basso a destra è riportata la seguente dicitura:
L 6.12


Riflettendo sul discorso "tostatura evidente (più che invadente!)", bisogna riconoscere che il legno grande ha già ceduto tutto quello che doveva cedere, poiché anche le "botti nuove" sono di fine '800. Concluderei che le note tostate sono una caratteristica del vitigno, dovuta alla degradazione (macerazione) pellicolare del trebbiano abruzzese. Per i fondi di caffè ed altri aromi terziari (nella 2012, intendo!) riferibili alla potio arabica, attenderei qualche anno ancora! :wink:


Allora attenderò, intanto mille grazie per l'interessantissima didattica! :D
Lorenzo
Avatar utente
arnaldo
Messaggi: 8669
Iscritto il: 07 giu 2007 08:21
Località: Bassano del Grappa

Re: LE BEVUTE DI FEBBRAIO 2016

Messaggioda arnaldo » 15 feb 2016 18:25

Vado avanti coi festeggiamenti del Pil44
Immagine


azz come erano buoni i Rossi friuliani qualche decennio fa. IL ROSSO della CASTELLADA 1996 vince agevolmente la serata. Naso Bordeaux....elegante,floreale,salino,poi frutta e spezie sottili....bocca scorrevole, precisa,coerente, torna la salinita' e l'eleganza di un tempo......evoluzione splendida,gran bottiglia....riesce a battere perfino CHEVALIER 2001, un po' introverso,polveroso,poi speziato,con scriature erbacee....meno lungo e minerale del friulano....guarda un po'.....
follow my tasting notes and pics on http://instagram.com/ARNALDO2262/
Avatar utente
arnaldo
Messaggi: 8669
Iscritto il: 07 giu 2007 08:21
Località: Bassano del Grappa

Re: LE BEVUTE DI FEBBRAIO 2016

Messaggioda arnaldo » 15 feb 2016 18:30

Immagine
Poi una bella coppia....un ottimo Cornas 2006 di CLAPE, lievemente chiuso al naso....ma poi col tempo si distende meglio,non del tutto. e torna in mente il Rodano....speziato e lievemente salmastro....bocca croccante,carnosa.....io aspetterei ancora qualche annetto per la quadra del cerchio.......il Valpo 2004 del BEPI invece è bottiglia da comprare e godere subito. per usare una frase del MAsna.....questa versione 2004 ha toni reciotati,di un amarena e spezia intensa e tendente al dolce.....ben avvertibile, perfettamente godibile....bottiglia da scolare a gargarozzo senza pieta'.....avra' meno tempo per evolversi.??? da vedere tutta....
follow my tasting notes and pics on http://instagram.com/ARNALDO2262/
Avatar utente
arnaldo
Messaggi: 8669
Iscritto il: 07 giu 2007 08:21
Località: Bassano del Grappa

Re: LE BEVUTE DI FEBBRAIO 2016

Messaggioda arnaldo » 15 feb 2016 18:34

Immagine
Lo Gevrey di NADDEF è il classico rappresentante della brutta annata in Borgogna...e di quello che mediamente ha dato, salvo i manici,come dicono i Sommi qui.......a capirlo dopo le stappature o previa telefonata ??? Cimici a go go, verde è bello verde.....tannico rugoso.....di piu'??? basta cosi'...
Vigna Rionda ris 2004 di MASSOLINO è un mostro...una bomba....sorbole che vino....sara' grandissimo tra qualche annetto...ma sin d'ora è nell'olimpo Italico e non........ha tutto quello che si chiede ad un grande BAROLO....autorevolezza, struttura,corpo,perfino eleganza...nei profumi...e che bocca...magistrale......averne di bt.....bella bella boccia.......
follow my tasting notes and pics on http://instagram.com/ARNALDO2262/
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7671
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: LE BEVUTE DI FEBBRAIO 2016

Messaggioda zampaflex » 15 feb 2016 18:54

arnaldo ha scritto:azz come erano buoni i Rossi friuliani qualche decennio fa.


Arnaldo, offri uno spunto di riflessione, magari già vissuto in passato, ma che da quando frequento il forum non è emerso.
Cosa è cambiato?
Clima, mano dei produttori, stile volutamente diverso?
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Avatar utente
and.car
Messaggi: 917
Iscritto il: 14 mar 2011 17:47
Località: Padova

Re: LE BEVUTE DI FEBBRAIO 2016

Messaggioda and.car » 15 feb 2016 19:08

Gravner - Pinot Grigio 1989
mai avrei pensato di trovare un bianco (pinot grigio poi) di tale età in una forma così splendida e lucente...formidabile ed emozionante :D :D :D :D :)

Merlot 1994 - Miani l'ultimo assaggio dell'anno scorso era di un 2004, qui si sente l'evoluzione del Merlot ma con un'eleganza senza eguali, Miani resta al vertice :D :D :D :D :D

Brunello di Montalcino 2005 - Poggio di Sotto annata magra? bah pare che questi non passi neanche per la testa, veramente buonissimo: goloso ma con una bevibilità pazzesca, penso che inizierò a comprarne di Poggio di sotto! :D :D :D :D :)

Mazy Chambertin 2005 - Armand Rousseau partiva come vincente senza se e senza ma..e invece era IMBARAZZANTE...non pensavo che un produttore di questo calibro potesse "cannare" così..per il costo che ha poi...senza polpa (pressione in bocca da village), altro che grand cru..note di venice, smalto al nasto, un frutto pesante..balsamicità quasi inesistente (per esser ciò che è)..risultato mezza bottiglia lasciata la. NC
(inizio a credere che l'annata 2005 sia un'annata talmente anomala, da far risultare tutti i borgogna dei Pinot neri buoni, ma di grandi borgogna ho paura di no...al naso si presentava comunque chiuso..ma fin'ora come annata assaggiata è quella che mi piace di meno)

Rujno 1991 - Gravner eh...elegantissimo e con un'acidità sferzante, si lascia bere a secchie...1991? pazzesco :D :D :D :D :)

Ribolla Gialla 2011 - Damijan ecco un produttore che inizierò a bere, interessante veramente questa ribolla, fresca e croccante (battezzata da lui croccante :lol: ), me gusta :D :D :D :D

Giulio Ferrari 2001 - F.lli Lunelli deciso, di soldi per il Giulio non ne spendo più, si colloca a metà tra la 2000 e la 2002 (come evoluzione ad oggi e bontà)..ma il grip per esser un vino con quel costo per me non ce l'ha, compro Oltralpe :D :D :D :)
Lo spreco della vita si trova nell’amore che non si è saputo dare, nel potere che non si è saputo utilizzare, nell'egoistica prudenza che ci ha impedito di rischiare e che, evitandoci un dispiacere, ci ha fatto mancare la felicità. [Oscar Wilde]
Avatar utente
arnaldo
Messaggi: 8669
Iscritto il: 07 giu 2007 08:21
Località: Bassano del Grappa

Re: LE BEVUTE DI FEBBRAIO 2016

Messaggioda arnaldo » 15 feb 2016 20:22

zampaflex ha scritto:Cosa è cambiato?
Clima, mano dei produttori, stile volutamente diverso?


Secondo me....tutto... :lol: :lol: poi la riprova ce l'hai solamente con la pazienza....il tempo.....la perfetta cantina.......e provare per vedere e sentire......io sono scettico.....c'era altro clima.....c'erano meno bottiglie prodotte....e la mano sicuramente era diversa......... 8) 8)
follow my tasting notes and pics on http://instagram.com/ARNALDO2262/
Avatar utente
arnaldo
Messaggi: 8669
Iscritto il: 07 giu 2007 08:21
Località: Bassano del Grappa

Re: LE BEVUTE DI FEBBRAIO 2016

Messaggioda arnaldo » 15 feb 2016 20:23

and.car ha scritto:Ribolla Gialla 2011 - Damijan ecco un produttore che inizierò a bere, interessante veramente questa ribolla, fresca e croccante (battezzata da lui croccante :lol: ), me gusta :D :D :D :D



Secondo me...dopo le mega bottiglie giunte in precedenza.....eri un pochino fuso :lol: :lol: :lol: ma come........qui c'era botrite (come tutti i 2011 di Damian....e alcool.....) e tu mi dici che era fresca e croccante ????? Andreaaaaa :lol: :lol: :lol: buonanotte!!!! :lol: :lol: Gia' m'immagino com'eri messo giunti a quella bottiglietta..... :lol: :lol:
follow my tasting notes and pics on http://instagram.com/ARNALDO2262/
Avatar utente
arnaldo
Messaggi: 8669
Iscritto il: 07 giu 2007 08:21
Località: Bassano del Grappa

Re: LE BEVUTE DI FEBBRAIO 2016

Messaggioda arnaldo » 15 feb 2016 20:25

and.car ha scritto:
Brunello di Montalcino 2005 - Poggio di Sotto annata magra? bah pare che questi non passi neanche per la testa, veramente buonissimo: goloso ma con una bevibilità pazzesca, penso che inizierò a comprarne di Poggio di sotto! :D :D :D :D :)


Dai....ok....il prossimo giro te lo faccio bere io il Palmucci....magari la 2004... :wink: :wink:
follow my tasting notes and pics on http://instagram.com/ARNALDO2262/
Avatar utente
mattiave
Messaggi: 1067
Iscritto il: 25 set 2011 12:41

Re: LE BEVUTE DI FEBBRAIO 2016

Messaggioda mattiave » 15 feb 2016 21:29

arnaldo ha scritto:
and.car ha scritto:Ribolla Gialla 2011 - Damijan ecco un produttore che inizierò a bere, interessante veramente questa ribolla, fresca e croccante (battezzata da lui croccante :lol: ), me gusta :D :D :D :D



Secondo me...dopo le mega bottiglie giunte in precedenza.....eri un pochino fuso :lol: :lol: :lol: ma come........qui c'era botrite (come tutti i 2011 di Damian....e alcool.....) e tu mi dici che era fresca e croccante ????? Andreaaaaa :lol: :lol: :lol: buonanotte!!!! :lol: :lol: Gia' m'immagino com'eri messo giunti a quella bottiglietta..... :lol: :lol:


Secondo me hai bevuto una bottiglia diversa, perché anche per me era un'ottima bottiglia, con buona freschezza nonostante il grado alcolico.
stecca
Messaggi: 379
Iscritto il: 01 nov 2008 12:49
Località: BS

Re: LE BEVUTE DI FEBBRAIO 2016

Messaggioda stecca » 15 feb 2016 22:13

MUMM - cordon rouge (SA) - sboccatura immagino recente..l'ho presa sotto natale in una GDO
Per me lo champagne da grande maison in tirature da centinaia di migliaia di bottiglie più buono.
Cicciosetto il giusto, ma non privo della giusta acidità...certo il naso non è un caleidoscopio di profumi ipnotici, ma tuttosommato è davvero una bella bevuta per la categoria, se si considera che all'esselunga costa un ventino.
Ps..si lo so che ci sono RM che si comprano a pari prezzo, ma qui per me può esserci abbondantemente partita
PPS
onore a Vinogodi che ne aveva lodato la bontà in un post di qualche tempo fa.
gbaenergiaeco10
Messaggi: 1516
Iscritto il: 24 feb 2015 20:07

Re: LE BEVUTE DI FEBBRAIO 2016

Messaggioda gbaenergiaeco10 » 15 feb 2016 22:23

arnaldo ha scritto:Immagine
Poi una bella coppia....un ottimo Cornas 2006 di CLAPE, lievemente chiuso al naso....ma poi col tempo si distende meglio,non del tutto. e torna in mente il Rodano....speziato e lievemente salmastro....bocca croccante,carnosa.....io aspetterei ancora qualche annetto per la quadra del cerchio.......il Valpo 2004 del BEPI invece è bottiglia da comprare e godere subito. per usare una frase del MAsna.....questa versione 2004 ha toni reciotati,di un amarena e spezia intensa e tendente al dolce.....ben avvertibile, perfettamente godibile....bottiglia da scolare a gargarozzo senza pieta'.....avra' meno tempo per evolversi.??? da vedere tutta....


Ho un paio di valpolicella quintarelli 2006, che faccio me le scolo o è il caso di aspettare?
Lorenzo
paperofranco
Messaggi: 5966
Iscritto il: 20 gen 2010 19:16
Località: Poggibonsi

Re: LE BEVUTE DI FEBBRAIO 2016

Messaggioda paperofranco » 15 feb 2016 22:50

stecca ha scritto:MUMM - cordon rouge (SA) - sboccatura immagino recente..l'ho presa sotto natale in una GDO
Per me lo champagne da grande maison in tirature da centinaia di migliaia di bottiglie più buono.
Cicciosetto il giusto, ma non privo della giusta acidità...certo il naso non è un caleidoscopio di profumi ipnotici, ma tuttosommato è davvero una bella bevuta per la categoria, se si considera che all'esselunga costa un ventino.
Ps..si lo so che ci sono RM che si comprano a pari prezzo, ma qui per me può esserci abbondantemente partita
PPS
onore a Vinogodi che ne aveva lodato la bontà in un post di qualche tempo fa.


Non ne ho bevuti moltissimi, ma per me Mumm è forse il peggiore champagne esistente.
ZEL WINE
Messaggi: 7185
Iscritto il: 06 giu 2007 16:36

Re: LE BEVUTE DI FEBBRAIO 2016

Messaggioda ZEL WINE » 15 feb 2016 23:06

paperofranco ha scritto:
stecca ha scritto:MUMM - cordon rouge (SA) - sboccatura immagino recente..l'ho presa sotto natale in una GDO
Per me lo champagne da grande maison in tirature da centinaia di migliaia di bottiglie più buono.
Cicciosetto il giusto, ma non privo della giusta acidità...certo il naso non è un caleidoscopio di profumi ipnotici, ma tuttosommato è davvero una bella bevuta per la categoria, se si considera che all'esselunga costa un ventino.
Ps..si lo so che ci sono RM che si comprano a pari prezzo, ma qui per me può esserci abbondantemente partita
PPS
onore a Vinogodi che ne aveva lodato la bontà in un post di qualche tempo fa.


Non ne ho bevuti moltissimi, ma per me Mumm è forse il peggiore champagne esistente.

Togli forse
fama di loro il mondo esser non lassa;
misericordia e giustizia li sdegna:
non ragioniam di lor, ma guarda e passa.
egio
Messaggi: 1188
Iscritto il: 09 set 2009 12:15
Località: Bologna

Re: LE BEVUTE DI FEBBRAIO 2016

Messaggioda egio » 15 feb 2016 23:09

paperofranco ha scritto:Non ne ho bevuti moltissimi, ma per me Mumm è forse il peggiore champagne esistente.


Beh, era di certo così fino a non molto tempo fa. Non so papero a quando risalga la tua ultima bevuta, ma anche secondo me ultimamente Mumm sta avendo una rinascita miracolosa. E al di là del base, che è veramente migliorato un casino, so che stanno mandando fuori delle specie di RD (di cui ignoro il prezzo) che sembra siano davvero buoni. Stranissimo.
stecca
Messaggi: 379
Iscritto il: 01 nov 2008 12:49
Località: BS

Re: LE BEVUTE DI FEBBRAIO 2016

Messaggioda stecca » 15 feb 2016 23:35

Si,
egio ha scritto:
paperofranco ha scritto:Non ne ho bevuti moltissimi, ma per me Mumm è forse il peggiore champagne esistente.


Beh, era di certo così fino a non molto tempo fa. Non so papero a quando risalga la tua ultima bevuta, ma anche secondo me ultimamente Mumm sta avendo una rinascita miracolosa. E al di là del base, che è veramente migliorato un casino, so che stanno mandando fuori delle specie di RD (di cui ignoro il prezzo) che sembra siano davvero buoni. Stranissimo.


ricordo anche io un intervento nel quale si sottolineava un cambio di corso alla maison..
io non ho mai bevuto bottiglie di mumm tempi addietro..
comunque secondo me meglio della vedova e di Pommery lo è di sicuro

Ps Egio..Rd per cosa sta?
AedesLaterani2012
Messaggi: 1491
Iscritto il: 31 gen 2013 17:01
Località: Centro

Re: LE BEVUTE DI FEBBRAIO 2016

Messaggioda AedesLaterani2012 » 16 feb 2016 00:00

stecca ha scritto:Si,
egio ha scritto:
paperofranco ha scritto:Non ne ho bevuti moltissimi, ma per me Mumm è forse il peggiore champagne esistente.


Beh, era di certo così fino a non molto tempo fa. Non so papero a quando risalga la tua ultima bevuta, ma anche secondo me ultimamente Mumm sta avendo una rinascita miracolosa. E al di là del base, che è veramente migliorato un casino, so che stanno mandando fuori delle specie di RD (di cui ignoro il prezzo) che sembra siano davvero buoni. Stranissimo.


ricordo anche io un intervento nel quale si sottolineava un cambio di corso alla maison..
io non ho mai bevuto bottiglie di mumm tempi addietro..
comunque secondo me meglio della vedova e di Pommery lo è di sicuro

Ps Egio..Rd per cosa sta?


Sta per Récemment Dégorgé, vale a dire uno champagne che è rimasto sui lieviti per un periodo più lungo della norma. Ciò accade solo nelle migliori annate, tant'è che nella Maison Bollinger sono soliti ripetere: “Ogni R.D. è stato Grande Année, ma non tutti i Grande Année saranno R.D.”.
Honni soit qui mal y pense
AedesLaterani2012
Messaggi: 1491
Iscritto il: 31 gen 2013 17:01
Località: Centro

Re: LE BEVUTE DI FEBBRAIO 2016

Messaggioda AedesLaterani2012 » 16 feb 2016 00:01

gbaenergiaeco10 ha scritto:
AedesLaterani2012 ha scritto:
gbaenergiaeco10 ha scritto:
AedesLaterani2012 ha scritto:
gbaenergiaeco10 ha scritto:trebbiano Valentini 2012

Prima volta che testavo il Valentini..onestamente sono rimasto un po' deluso..caffè tostato (quasi bruciacchiato) che dominava sugli altri profumi..deboli sentori di zafferano e burro..al palato nulla da dire..acidità e alcol in simbiosi, un finale fresco che rievoca timo e camomilla..peccato per quelle tostature troppo invadenti..

Domanda: il tappo mi è sembrato eccessivamente umido..che mi sia capitata la bottiglia sbagliata? O si tratta di una prerogativa dei vini di Valentini, quella di emozionare imprevedibilmente nel bene e nel male?


Bella domanda; certo, non so quanto fosse imbibito quel sughero, ma per "eccessivamente" non avrei termini di paragone, se non riferendomi ad annate vintage. Tra l'altro parliamo di sugheri 'ad espansione', se hai notato, con pochi mesi di vita sulle spalle... Boh, bottiglia non a posto?
Se comparo queste note alle mie di gennaio (?), (sembrerebbe che) abbiamo bevuto due vini diversi (non è un giudizio di valore il mio, intendiamoci! :wink: ): il tuo appare decisamente più evoluto con profumi terziari in evidenza (addirittura il sentore di goudron che ricorda le sfumature di "bruciacchiato", per l'appunto); invece l'odore di tostatura "invadente" che ricorda il caffè, fra le note iniziali, mi fa venire in mente la tostatura del legno grande e la trasformazione del furfurale in fase fermentativa. Il "debole sentore" di burro rimanda al diacetile, presente in grandi concentrazioni durante la fermentazione malolattica, e ci sta tutto; le note lattiche solitamente svaniscono dopo pochi secondi con l'ossigenazione. Penserei che la bottiglia non l'hai aperta molto prima della mescita... Ricordi il lotto in etichetta? Sarebbe interessante per risalire all'essenza (e all'epoca) della botte...


Ho aperto la bottiglia un'oretta abbondante prima e lo scolmata nel calice..anche dopo due ore emmezzo gli ultimi bicchieri avevano le stesse caratterestiche..sull'etichetta in basso a destra è riportata la seguente dicitura:
L 6.12


Riflettendo sul discorso "tostatura evidente (più che invadente!)", bisogna riconoscere che il legno grande ha già ceduto tutto quello che doveva cedere, poiché anche le "botti nuove" sono di fine '800. Concluderei che le note tostate sono una caratteristica del vitigno, dovuta alla degradazione (macerazione) pellicolare del trebbiano abruzzese. Per i fondi di caffè ed altri aromi terziari (nella 2012, intendo!) riferibili alla potio arabica, attenderei qualche anno ancora! :wink:


Allora attenderò, intanto mille grazie per l'interessantissima didattica! :D


Sono solo note sparse! :oops:
Grazie a Te! :D
Honni soit qui mal y pense
AedesLaterani2012
Messaggi: 1491
Iscritto il: 31 gen 2013 17:01
Località: Centro

Re: LE BEVUTE DI FEBBRAIO 2016

Messaggioda AedesLaterani2012 » 16 feb 2016 00:23

Valentini, Trebbiano d’Abruzzo (2008), L 10.08.
Che annataccia la 2008! Sette (forse otto) grandinate in fase pre-vendemmiale; attacchi di peronospora funestano l’areale pescarese (la ventilazione della ‘pergola abruzzese’ qui ha fatto la sua parte!); oltre il 40% del raccolto perso.
Risultato: delle circa 20.000 bottiglie annuali la produzione della 2008 si attesta intorno alle 11.500 unità. Ma la qualità è indiscutibilmente grande.
Qui il vitigno “Castelluccio” ha prevalso su “Colle Cavaliere” (con esposizione a Nord), in annata sensibilmente meno piovosa della 2009, ad esempio, o della 2011 (entrambe con maturazione fenolica incompleta ed anticipazione vendemmiale a metà settembre; nel 2009 anche attacchi di ‘muffa grigia’).
Accidenti che bel bianco, non me lo ricordavo così buono! A distanza di quasi quattro anni dall’ultima bevuta, ho trovato la bocca di questa 2008 (da “dama” in quercia di fine ‘800) ancor più sapida e succosa, sorprendente per freschezza. Ad accentuare l’acidità tagliente, estremamente “giovane”, le note metalliche ed i ritorni mentolati. L’avevo lasciato con il suo corredo olfattivo di agrumi, fiori freschi in primo piano e la delicata retro-olfattiva peculiare del vitigno abruzzese, fatta di note speziate dolci (cannella ed anice su tutte) e pietra focaia. Mi ritrovo un vino pronto, assolutamente godibile, complesso e di corpo, in virtù della perfetta maturazione fenolica raggiunta dalle uve e della loro ricchezza estrattiva. Chiude lungo, fresco, sapido, elegante, con note minerali e fumé. Un bianco che ha ancora parecchi lustri davanti, come tutti i Valentini di rango. Davvero una felice ri-scoperta! :mrgreen:
Stavolta scaraffato mezz’ora prima della mescita in quarto di litro da osteria. In abbinamento ad entrée di fiori di zucca con mozzarella ed alici, olive ascolane; a seguire arrosticini di pecora in salsa balsamica.
Non meno di :D :D :D :D :) a questo straordinario Trebbiano d’Abruzzo di casa Valentini!
Honni soit qui mal y pense
Avatar utente
videodrome
Messaggi: 3405
Iscritto il: 14 apr 2008 19:25
Località: Mantova

Re: LE BEVUTE DI FEBBRAIO 2016

Messaggioda videodrome » 16 feb 2016 00:28

and.car ha scritto:
[b]Mazy Chambertin 2005 - Armand Rousseau
partiva come vincente senza se e senza ma..e invece era IMBARAZZANTE...non pensavo che un produttore di questo calibro potesse "cannare" così..per il costo che ha poi...senza polpa (pressione in bocca da village), altro che grand cru..note di venice, smalto al nasto, un frutto pesante..balsamicità quasi inesistente (per esser ciò che è)..risultato mezza bottiglia lasciata la. NC
(inizio a credere che l'annata 2005 sia un'annata talmente anomala, da far risultare tutti i borgogna dei Pinot neri buoni, ma di grandi borgogna ho paura di no...al naso si presentava comunque chiuso..ma fin'ora come annata assaggiata è quella che mi piace di meno)

Che partiva vincente non ci avrei scommesso neppure prima dell'apertura.
Come in tanti hanno scritto su Rousseau, i suoi vini che meritano davvero sono 4: Chambertin, CdB, CSJ e Ruchottes Chambertin; gli altri è meglio tralasciarli... al di là dell'annata 2005 che magari ora, ancora, e chissà per quanto, in fase di chiusura, il discorso è riconducibile alla capacità del Domaine di esprimersi al meglio nei 4 climat indicati sopra. Che Mazy e Charmes, 2 GC, siano perdenti vs. CsJ che è premier è pressochè appurato, ma rivedere le classificazioni scontenterebbe parecchi. Del resto se CsJ costa un 50% in più almeno di Charmes e Mazy il motivo c'è.
Te credo che il Rujno l'ha bastonato e pure il merlot di Miani, il Pontoni sì che non canna un vino e neppure Gravner quando non si vergognava di sporcarsi le mani col merlot.
Belle bottiglie cmq
Ultima modifica di videodrome il 16 feb 2016 00:38, modificato 2 volte in totale.
Mike76
Messaggi: 1020
Iscritto il: 23 nov 2011 09:53
Località: Pontedera (PI)

Re: LE BEVUTE DI FEBBRAIO 2016

Messaggioda Mike76 » 16 feb 2016 00:30

videodrome ha scritto:
Mike76 ha scritto:Immagine

Pascal Cotat - Sancerrre Les Monts Damnés 2010
Il buon, ma soprattutto vecchio, Gianni (@Roland) bollò questo vino come "lama tagliente".#tooricordi?
Ma io non lo definirei così.
Dïàfano all'aspetto, muto all'olfatto.
Poi arriva in bocca e due parole escono dal cuore: la prima è.... equilibrio, la seconda è... cristallino!
Eccerto, profumi sfuggenti, ma in bocca è equilibrato, fine, elagante e...alla fine.. impalbabile.
Può sembrare un difetto, visto che molti (compreso me) valutano la lunghezza di un vino, ma forse l'essenza di questo è il suo essere sfuggente. Ti fa intravedere la potenzialità e poi fugge via timido (bevibilità pericolosa).
Lo appoggio. Grande Cotat.

Un vino definito muto, impalpabile, diafano... non mi pare se ne possa trarre un giudizio finale così lusinghiero. Dalla descrizione ricorda un Vatan bevuto giovane. Probabilmente anche questo deve fare vetro per un altro lustro prima di aprirsi di più.


Quello che è mancato al naso, lo si ritrovava in bocca. È mancata la complessità e la lunghezza, ma equilibrio e bevibilità erano ben presenti.
Poi chiaro che non può soddisfare in pieno, infatti parliamo di un "incompiuto" sostanzialmente.
Spero di risentire altro nell'appellation. Magari con qualche anno in più dulle spalle.
AedesLaterani2012
Messaggi: 1491
Iscritto il: 31 gen 2013 17:01
Località: Centro

Re: LE BEVUTE DI FEBBRAIO 2016

Messaggioda AedesLaterani2012 » 16 feb 2016 00:37

and.car ha scritto:Giulio Ferrari 2001 - F.lli Lunelli deciso, di soldi per il Giulio non ne spendo più, si colloca a metà tra la 2000 e la 2002 (come evoluzione ad oggi e bontà)..ma il grip per esser un vino con quel costo per me non ce l'ha, compro Oltralpe :D :D :D :)


Sono d'accordo con Te: un po' troppo crémant anche per i miei gusti e a metà strada tra le due annate in termini di complessità e potenziale evolutivo; già la 2004, recentemente bevuta, mi sembra molto più 'prospettica'...
Honni soit qui mal y pense
Avatar utente
Ludi
Messaggi: 2818
Iscritto il: 22 lug 2008 10:02
Località: Roma

Re: LE BEVUTE DI FEBBRAIO 2016

Messaggioda Ludi » 16 feb 2016 02:20

AedesLaterani2012 ha scritto:
and.car ha scritto:Giulio Ferrari 2001 - F.lli Lunelli deciso, di soldi per il Giulio non ne spendo più, si colloca a metà tra la 2000 e la 2002 (come evoluzione ad oggi e bontà)..ma il grip per esser un vino con quel costo per me non ce l'ha, compro Oltralpe :D :D :D :)


Sono d'accordo con Te: un po' troppo crémant anche per i miei gusti e a metà strada tra le due annate in termini di complessità e potenziale evolutivo; già la 2004, recentemente bevuta, mi sembra molto più 'prospettica'...


anche per me 2001 decisamente minore.....
vinogodi
Messaggi: 28517
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: LE BEVUTE DI FEBBRAIO 2016

Messaggioda vinogodi » 16 feb 2016 09:39

videodrome ha scritto:
and.car ha scritto:
[b]Mazy Chambertin 2005 - Armand Rousseau
partiva come vincente senza se e senza ma..e invece era IMBARAZZANTE...non pensavo che un produttore di questo calibro potesse "cannare" così..per il costo che ha poi...senza polpa (pressione in bocca da village), altro che grand cru..note di venice, smalto al nasto, un frutto pesante..balsamicità quasi inesistente (per esser ciò che è)..risultato mezza bottiglia lasciata la. NC
(inizio a credere che l'annata 2005 sia un'annata talmente anomala, da far risultare tutti i borgogna dei Pinot neri buoni, ma di grandi borgogna ho paura di no...al naso si presentava comunque chiuso..ma fin'ora come annata assaggiata è quella che mi piace di meno)

Che partiva vincente non ci avrei scommesso neppure prima dell'apertura.
Come in tanti hanno scritto su Rousseau, i suoi vini che meritano davvero sono 4: Chambertin, CdB, CSJ e Ruchottes Chambertin; gli altri è meglio tralasciarli... al di là dell'annata 2005 che magari ora, ancora, e chissà per quanto, in fase di chiusura, il discorso è riconducibile alla capacità del Domaine di esprimersi al meglio nei 4 climat indicati sopra. Che Mazy e Charmes, 2 GC, siano perdenti vs. CsJ che è premier è pressochè appurato, ma rivedere le classificazioni scontenterebbe parecchi. Del resto se CsJ costa un 50% in più almeno di Charmes e Mazy il motivo c'è.
Te credo che il Rujno l'ha bastonato e pure il merlot di Miani, il Pontoni sì che non canna un vino e neppure Gravner quando non si vergognava di sporcarsi le mani col merlot.
Belle bottiglie cmq
...una casistica , perdonatemi, molto episodica e non sempre veritiera. Alcune annate di questi "Grand Cru minori " di Rousseau sarebbero ai vertici di qualsiasi altro produttore. Ultimamente abbiamo bevuto un maturo Charmes in annata "sfigata" in quel di Parma a casa di Alleg e un Mazy 2008 in quel di Brisighella semplicemente bellissimi. Non è facile averli e , soprattutto, ormai i prezzi si sono talmente elevati da scoraggiarne l'acquisto , però , come al solito, generalizzare si rischia di dire cose inesatte ... 8)
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
vinogodi
Messaggi: 28517
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: LE BEVUTE DI FEBBRAIO 2016

Messaggioda vinogodi » 16 feb 2016 09:42

stecca ha scritto:PPS
onore a Vinogodi che ne aveva lodato la bontà in un post di qualche tempo fa.
...attenzione, è affermazione - alert per certuna categoria di forumisti ... :lol:
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Baloo1926, emigrato, Konstantin_Levin88, quellocheaspetta, Scompa82, stefanor e 15 ospiti