LE BEVUTE DI OTTOBRE 2015

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Avatar utente
Ludi
Messaggi: 2889
Iscritto il: 22 lug 2008 10:02
Località: Roma

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2015

Messaggioda Ludi » 15 ott 2015 15:47

miccel ha scritto:Isole e Olena, è vero, me lo ero scordato.
Fra D’Alessandro e Amerighi preferisco Amerighi.
Sui tre della costa Toscana (compreso quello citato da Ludi) avete pienamente ragione, io in effetti non li ho bevuti e saranno sicuramente i migliori syrah italiani. Per dire la verità ho preferito incamerare, con spesa uguale o inferiore, qualcosina di Allemand e Rostaing e sinceramente penso di puntare ancora in zona Rodano, per quei livelli di prezzo.

discorso in generale ineccepibile ma....
Un paio d'anni fa servii alla cieca Scrio 2001, Grange 1994 e Hermitage Chave 1983. Ovviamente Scrio ne uscì sconfitto, ma non fu quel massacro che mi aspettavo. Ed in quel caso la differenza di prezzo era veramente notevole.
(Per la cronaca, Chave abbastanza nettamente sopra il Grange)
miccel
Messaggi: 534
Iscritto il: 10 mar 2014 20:29

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2015

Messaggioda miccel » 15 ott 2015 19:59

Ludi ha scritto:
miccel ha scritto:Isole e Olena, è vero, me lo ero scordato.
Fra D’Alessandro e Amerighi preferisco Amerighi.
Sui tre della costa Toscana (compreso quello citato da Ludi) avete pienamente ragione, io in effetti non li ho bevuti e saranno sicuramente i migliori syrah italiani. Per dire la verità ho preferito incamerare, con spesa uguale o inferiore, qualcosina di Allemand e Rostaing e sinceramente penso di puntare ancora in zona Rodano, per quei livelli di prezzo.

discorso in generale ineccepibile ma....
Un paio d'anni fa servii alla cieca Scrio 2001, Grange 1994 e Hermitage Chave 1983. Ovviamente Scrio ne uscì sconfitto, ma non fu quel massacro che mi aspettavo. Ed in quel caso la differenza di prezzo era veramente notevole.
(Per la cronaca, Chave abbastanza nettamente sopra il Grange)

Io sono convinto che sia come dici tu. Anzi, c'è appunto anche il corollario che, mentre qui con i 70-100 euro arrivi al massimo (dei syrah italiani), là raggiungi un livello alto ma non di vertice.
Dal mio punto di vista, avendo un budget limitato, preferisco concentrarmi sul Rodano e pian piano mettere qualcosina in cantina per farmi almeno un'idea di massima di cosa sono Cote Rotie, Hermitage, Cornas, ecc., senza la quale nessun bevitore serio può dirsi “realizzato”. Tutto qui.
p.s.: niente male codesta cieca costì!
Ziliovino
Messaggi: 3154
Iscritto il: 10 giu 2007 17:48
Località: (Bg)

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2015

Messaggioda Ziliovino » 15 ott 2015 20:17

vinogodi ha scritto:
c) Sirah Collezione De Marchi (ricordo agli smemorati che il '99 è stato uno dei più grandi Sirah della storia italiana ... ma tutti gli anni davvero rodanesco come pochi...)


Questo come si comporta in quanto a longevità?
L'Eremo 1991 potrebbe essere ancora potabile?
"Il successo di tavernello invita a riflettere"
(Anonimo, bomboletta spray su muro)

"Il vino non lo scegli... è lui che sceglie te"
vinogodi
Messaggi: 28928
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2015

Messaggioda vinogodi » 15 ott 2015 21:22

Ziliovino ha scritto:
vinogodi ha scritto:
c) Sirah Collezione De Marchi (ricordo agli smemorati che il '99 è stato uno dei più grandi Sirah della storia italiana ... ma tutti gli anni davvero rodanesco come pochi...)


Questo come si comporta in quanto a longevità?
L'Eremo 1991 potrebbe essere ancora potabile?
...avere la fortuna di averlo in cantina, si potrebbe provare... 8)
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
landmax
Messaggi: 1033
Iscritto il: 13 set 2013 17:49

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2015

Messaggioda landmax » 16 ott 2015 11:13

Barbera d'Alba 2013 Rinaldi
Una barbera solo in parte convincente: dalla sua ha una bevibilità succosa, appena frenata da un'alcolicità un pò elevata (14°). Dall'altra ha profumi semplici (il che non è necessariamente un male, soprattutto se consideriamo la gioventù), ma, soprattutto, manca completamente di articolazione gustativa, di "spessore" in bocca. Insomma, un vino sin troppo semplice, parecchio lontano dalle migliori versioni di altri interpreti della zona (G. Conterno su tutti, ma anche Altare, tanto per citarne un paio).
zarlingo
Messaggi: 184
Iscritto il: 22 mar 2015 17:45

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2015

Messaggioda zarlingo » 16 ott 2015 11:26

G.Rinaldi. Barolo Tre Tine 2011

bevuta "molto precoce", ma, a mio parere, già abbastanza godibile. Un tannino ancora ruvido, che, col tempo, cede un po', lasciando spazio ad un finale di liquirizia e cuoio e una struttura solida.
Spectator
Messaggi: 3800
Iscritto il: 06 giu 2007 11:36

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2015

Messaggioda Spectator » 16 ott 2015 11:52

..Tauma 2014,az Pettinella in quel di Silvi Marina(Te).Cerasuolo, nn dichiarato in etichetta.Rosso rubino brillante,molto bello ; naso di ciliegiona,melagrana,fiori secchi e note salmastre ; bocca calda malgrado la temperatura da bianco,di buona struttura e viva acidita' a sostenere il tutto; si percepisce chiaramente un leggero legno che nn va x nulla ad inficiare la piacevolezza di beva e la buona..compagnia al cibo(plus).Un buon prodotto,per la tipologia..rosato.Costicchia..quasi come uno chateaux de Pibarnon :shock: .
Ultima modifica di Spectator il 16 ott 2015 12:39, modificato 1 volta in totale.
Nebbiolino
Messaggi: 6734
Iscritto il: 06 feb 2008 21:53

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2015

Messaggioda Nebbiolino » 16 ott 2015 12:37

landmax ha scritto:Barbera d'Alba 2013 Rinaldi
Una barbera solo in parte convincente: dalla sua ha una bevibilità succosa, appena frenata da un'alcolicità un pò elevata (14°). Dall'altra ha profumi semplici (il che non è necessariamente un male, soprattutto se consideriamo la gioventù), ma, soprattutto, manca completamente di articolazione gustativa, di "spessore" in bocca. Insomma, un vino sin troppo semplice, parecchio lontano dalle migliori versioni di altri interpreti della zona (G. Conterno su tutti, ma anche Altare, tanto per citarne un paio).


Premesso che, secondo me, i vini di Rinaldi guadagnano sempre molto con una buona ossigenazione; ciò premesso, mi permetto di far presente che barbera e dolcetto sono da loro intesi come vini da bevute quotidiane, da vecchia tradizione langhetta.
Insomma, non hanno proprio la pretesa di essere vinoni come le barbere che citi. E' diverso pure il costo, fra l'altro. :wink:
landmax
Messaggi: 1033
Iscritto il: 13 set 2013 17:49

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2015

Messaggioda landmax » 16 ott 2015 14:45

Nebbiolino ha scritto:
landmax ha scritto:Barbera d'Alba 2013 Rinaldi
Una barbera solo in parte convincente: dalla sua ha una bevibilità succosa, appena frenata da un'alcolicità un pò elevata (14°). Dall'altra ha profumi semplici (il che non è necessariamente un male, soprattutto se consideriamo la gioventù), ma, soprattutto, manca completamente di articolazione gustativa, di "spessore" in bocca. Insomma, un vino sin troppo semplice, parecchio lontano dalle migliori versioni di altri interpreti della zona (G. Conterno su tutti, ma anche Altare, tanto per citarne un paio).


Premesso che, secondo me, i vini di Rinaldi guadagnano sempre molto con una buona ossigenazione; ciò premesso, mi permetto di far presente che barbera e dolcetto sono da loro intesi come vini da bevute quotidiane, da vecchia tradizione langhetta.
Insomma, non hanno proprio la pretesa di essere vinoni come le barbere che citi. E' diverso pure il costo, fra l'altro. :wink:


Premesso che ho bevuto il suddetto vino con assoluta calma, aprendo la bottiglia la domenica e finendola ieri sera, quindi con tutta l'ossigenazione del caso; ti ringrazio per la cortese risposta, ma il diverso approccio di Rinaldi alla barbera non spiega da solo, a mio avviso, una certa monodimensionalità del vino: un vino può essere semplice, ma non per questo "facile" (se intendi ciò che voglio dire). E da un produttore come Rinaldi, per giunta in un'annata sulla carta ottima come la 2013, mi aspetto sinceramente qualcosa di più.
landmax
Messaggi: 1033
Iscritto il: 13 set 2013 17:49

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2015

Messaggioda landmax » 16 ott 2015 14:50

landmax ha scritto:
Nebbiolino ha scritto:
landmax ha scritto:Barbera d'Alba 2013 Rinaldi
Una barbera solo in parte convincente: dalla sua ha una bevibilità succosa, appena frenata da un'alcolicità un pò elevata (14°). Dall'altra ha profumi semplici (il che non è necessariamente un male, soprattutto se consideriamo la gioventù), ma, soprattutto, manca completamente di articolazione gustativa, di "spessore" in bocca. Insomma, un vino sin troppo semplice, parecchio lontano dalle migliori versioni di altri interpreti della zona (G. Conterno su tutti, ma anche Altare, tanto per citarne un paio).


Premesso che, secondo me, i vini di Rinaldi guadagnano sempre molto con una buona ossigenazione; ciò premesso, mi permetto di far presente che barbera e dolcetto sono da loro intesi come vini da bevute quotidiane, da vecchia tradizione langhetta.
Insomma, non hanno proprio la pretesa di essere vinoni come le barbere che citi. E' diverso pure il costo, fra l'altro. :wink:


Premesso che ho bevuto il suddetto vino con assoluta calma, aprendo la bottiglia la domenica e finendola ieri sera, quindi con tutta l'ossigenazione del caso; ti ringrazio per la cortese risposta, ma il diverso approccio di Rinaldi alla barbera non spiega da solo, a mio avviso, una certa monodimensionalità del vino: un vino può essere semplice, ma non per questo "facile" (se intendi ciò che voglio dire). E da un produttore come Rinaldi, per giunta in un'annata sulla carta ottima come la 2013, mi aspetto sinceramente qualcosa di più.


P.s. La Barbera di Corterno, se bevuta al momento opportuno (per me, almeno 4/5 anni dopo la vendemmia), ha una bevibilità persino superiore a quella di Rinaldi.
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 12216
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2015

Messaggioda Alberto » 16 ott 2015 15:23

Non scherziamo: la barbera del Citrico è una GRAN barbera, punto e basta... :roll:
Secondo me esistono anche le singole bottiglie sfortunate, per i motivi più diversi, perfino se parliamo di 2013 e quindi di vini giovani.
Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De Andrè
landmax
Messaggi: 1033
Iscritto il: 13 set 2013 17:49

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2015

Messaggioda landmax » 16 ott 2015 16:03

Alberto ha scritto:Non scherziamo: la barbera del Citrico è una GRAN barbera, punto e basta... :roll:
Secondo me esistono anche le singole bottiglie sfortunate, per i motivi più diversi, perfino se parliamo di 2013 e quindi di vini giovani.


Sarò stato sfortunato io: due prove (2011 e la suddetta 2013) e due vini non pienamente convincenti, ma ti posso assicurare che quest'ultima bottiglia non aveva proprio alcun problema (tant'è che, come ho detto chiaramente, l'ho trovata bella succosa, come si addice a una barbera).
alì65
Messaggi: 11975
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2015

Messaggioda alì65 » 16 ott 2015 17:54

appoggio Nebbiolino sulla Barbera del Rinaldi; è la sua ad essere tipica, non quelle uscite negli anni come vini di spessore e da invecchiamento
ci hanno abituati ad una Barbera d'Alba "atipica" per ovvie ragioni di mercato
quando è troppo classica non la vendi....così come il Dolcetto di quelle zone
non che mi lamenti perchè preferisco sia Barbera che Dolcetto ultima generazione ma non ci si aspetti un vino di spessore in quelli di Rinaldi
un pò meglio e più ricco il bicchiere di Mascarello B., più completi rimanendo nel tipico...
futuro incerto...ma w la gnocca!!!
Mike76
Messaggi: 1044
Iscritto il: 23 nov 2011 09:53
Località: Pontedera (PI)

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2015

Messaggioda Mike76 » 16 ott 2015 21:01

Immagine

SiNpatico frizzantino rosa, da servire con l'ombrellino nel bicchiere da Martini.
Poi lo assaggi e ti chiedi che roba è.
Salino in bocca, sgrassante come il vetril e fresco come una rosa.
Bel lambro da salumi grassocci, stasera bevuto erroneamente sulla parmigiana, ma seccato come una coca al burger king.
Certo non per l'amante degli lambri amabili, che mi hanno spiegato che in emilia-romagna non si bevono, se non sui dolci.
Prosit.
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 12216
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2015

Messaggioda Alberto » 16 ott 2015 21:11

Mike76 ha scritto:Immagine

SiNpatico frizzantino rosa, da servire con l'ombrellino nel bicchiere da Martini.
Poi lo assaggi e ti chiedi che roba è.
Salino in bocca, sgrassante come il vetril e fresco come una rosa.
Bel lambro da salumi grassocci, stasera bevuto erroneamente sulla parmigiana, ma seccato come una coca al burger king.
Certo non per l'amante degli lambri amabili, che mi hanno spiegato che in emilia-romagna non si bevono, se non sui dolci.
Prosit.

Ciao, che annata il Radice?
Comunque se l'hai seccato modello-coca con la parmigiana vuol dire che evidentemente l'abbinamento non era poi così male... :wink: Difatti a parer mio funziona meglio con piatti così che con salumi e insaccati (dipende poi quali ovviamente) dove secondo me un po' di polpa e frutto ci vuole (penso a qualche grasparossa o Maestri belli "ignoranti").
Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De Andrè
alì65
Messaggi: 11975
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2015

Messaggioda alì65 » 16 ott 2015 22:00

Casina di Cornia Chianti C. 2011.......valido, valido.......validissimo!!!!!!!!!!
futuro incerto...ma w la gnocca!!!
Mike76
Messaggi: 1044
Iscritto il: 23 nov 2011 09:53
Località: Pontedera (PI)

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2015

Messaggioda Mike76 » 16 ott 2015 22:20

Alberto ha scritto:
Mike76 ha scritto:Ciao, che annata il Radice?
Comunque se l'hai seccato modello-coca con la parmigiana vuol dire che evidentemente l'abbinamento non era poi così male... :wink: Difatti a parer mio funziona meglio con piatti così che con salumi e insaccati (dipende poi quali ovviamente) dove secondo me un po' di polpa e frutto ci vuole (penso a qualche grasparossa o Maestri belli "ignoranti").


2014.
Arrivata ieri e già stappata....
Il maestro me lo lascio per la tagliatellona domenicale al ragù.
Vuoi vedere che l'abbinamento giusto è proprio l'anguillone alla griglia che dicono sul sito? Solo che io non sto a Comacchio....
AmoSlade
Messaggi: 486
Iscritto il: 18 nov 2014 10:55

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2015

Messaggioda AmoSlade » 17 ott 2015 10:28

Vincent Paris, Saint-Joseph Les Cotes 2013: colore molto tendente al violaceo. Appena portato al naso la prima sensazione è di qualcosa come carne cruda, poi lascia spazio ad una amarena parecchio dolce e ad una sottile speziatura di pepe e chiodi di garofano. In bocca è abbastanza tannico, ha una discreta freschezza e spiccata acidità, va giù abbastanza bene.
Purtroppo, col passare del tempo dalla stappatura, si allarga sempre di più sulla nota dolce di amarena/mora sulla quale si appiattisce in modo un po' monotono.
Tutto sommato, comunque, un buon vino base.
Mike76
Messaggi: 1044
Iscritto il: 23 nov 2011 09:53
Località: Pontedera (PI)

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2015

Messaggioda Mike76 » 17 ott 2015 20:44

Immagine

Già il colore e la densità fanno presagire bene, poi al profumo arrivano subito (sarà suggestione) proprio i fiori d'arancio e anche la scorza, con anche un pizzico di lavanda.
In bocca è denso, dolce e avvolgente. Esce fuori il caramello e la scorza amara di arancio sul finale, che si allunga notevolmente.
Ultima boccia, ahimè, ma la più buona. Migliorato notevolmente negli ultimi 2 anni. Un buon passito, anche abbastanza particolare.
stecca
Messaggi: 379
Iscritto il: 01 nov 2008 12:49
Località: BS

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2015

Messaggioda stecca » 18 ott 2015 00:50

ROCCHE DEL GATTO - Pigato 2012
Grande bottiglia. appena aperta è abbastanza reticente al naso ma dopo una mezz'ora si apre, complice il fatto che si scalda un po'.Col tempo il naso si apre un poco. Non è cero un profluvio di sentori, decisamente tutto delicato. Non trovo le note quasi da marsala vergine e di idrocarburo cheavevo sentito nelle bottiglie delle vecchie annate assaggiate a Vini di vignaioli (..e ci credo..avevano decisamente più anni sulle spalle), ma qui è la bocca però ad essere espressiva.. Bella, con gli accenni di macchia mediterranea e lavanda che si diluiscono nel salino e nel minerale tipico dei un vini fatti sulla costa. Secco, netto, ma allo stesso tempo cangiante. Pecca in lunghezza e persistenza, ma è decisamente affascinante.
Per me, al suo modo un grande vino ad un piccolo prezzo. Avercene.:!:
miccel
Messaggi: 534
Iscritto il: 10 mar 2014 20:29

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2015

Messaggioda miccel » 18 ott 2015 16:39

G. Rinaldi - Langhe Nebbiolo 2011 - l. 11N - 14 gradi
Colore molto bello, terso e brillante, con appena qualche sfumatura granata.
E' segnato da alcune evidenti imperfezioni: un odore di marcino che si smorza col passare del tempo (un paio d'ore), ma non scompare. Inoltre è eccessivamente dolce, non so dire se ciò dipenda da sovrammaturazione, da problemi in cantina oppure della bottiglia. Ancora, si sente un po' troppo l'alcol.
Il vino cambia e ricambia, affiorano note animali e di tabacco, e mostra una bella presa tannica (questa molto opportuna).
In generale ha un'impronta più "naturale" degli altri vini di Rinaldi che ho bevuto e, anche se la mia sembra la descrizione di un vino che finisce nell'acquaio, in realtà aveva una sua inspiegabile golosità, ed è stato bevuto.
Avatar utente
Kalosartipos
Messaggi: 13242
Iscritto il: 07 giu 2007 13:57
Località: Cremona
Contatta:

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2015

Messaggioda Kalosartipos » 18 ott 2015 17:00

Ieri ho partecipato ad un evento gastronomico organizzato da altro sito web ( :roll: ) e che potete vedere nella sezione ristoranti del Forum; durante tale evento, gli organizzatori hanno stappato alcuni grandi formati di loro fornitura, in abbinamento ai piatti preparati dal locale.

Come aperitivo ed in abbinamento ai finger-foods, sono state stappate con due magnum di POMMERY "Noir" brut... apprezzato pochissimo, ben dosato e monocorde, nemmeno il formato grande ha aiutato... per il mio palato è un vino inutile :?
Immagine

Seduti a tavola, è toccato ad una coppia di magnum di "Cuvée Louise" '00... decisamente altro passo, vino più elegante, con note agrumate e salmastre... piaciuto, pur senza toccare i 90 punti-Kalos..Immagine
"La vita è breve e bisogna che uno se la beva tutta".
Osvaldo Soriano - "L'ora senz'ombra"
Avatar utente
Kalosartipos
Messaggi: 13242
Iscritto il: 07 giu 2007 13:57
Località: Cremona
Contatta:

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2015

Messaggioda Kalosartipos » 18 ott 2015 17:04

Si prosegue con una magnum di Chardonnay "Monteriolo" '08 di COPPO... perfetta tenuta nel tempo e neanche male, se non fosse per un legno ancora ben presente :(
Immagine

Per me, vino della giornata è stato l'unico servito da 0,75 (tre o quattro esemplari)... fresca, guizzante, acida, col frutto ancora ben vivo, succosa ed agrumata la Barbera d'Asti "La Bogliona" '05 di SCARPA
Immagine
"La vita è breve e bisogna che uno se la beva tutta".
Osvaldo Soriano - "L'ora senz'ombra"
Avatar utente
Kalosartipos
Messaggi: 13242
Iscritto il: 07 giu 2007 13:57
Località: Cremona
Contatta:

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2015

Messaggioda Kalosartipos » 18 ott 2015 17:05

Jeroboam di Barbaresco '10 di MUSSO... piaciuto, l'ho trovato meglio dei '12 sentiti in azienda.
Immagine

Bottiglia di coccio della giornata, una magnum del "MZ" '06 di CA' DEL BOSCO..
Immagine

Dopo una magnum tappata, ne arriva un'altra a posto... "Big'd'big" '06 di ROCCHE DEI MANZONI.. diciamo che non ne sono stato colpito :roll:
Immagine
"La vita è breve e bisogna che uno se la beva tutta".
Osvaldo Soriano - "L'ora senz'ombra"
Avatar utente
Kalosartipos
Messaggi: 13242
Iscritto il: 07 giu 2007 13:57
Località: Cremona
Contatta:

Re: LE BEVUTE DI OTTOBRE 2015

Messaggioda Kalosartipos » 18 ott 2015 17:12

Con i dessert, è arrivata questa magnum... dopo un mio "ma un Moscato d'Asti no?", ne ho discusso con la responsabile della scelta dei vini, che mi ha confessato di essere d'accordo, ma che è condizionata dai partecipanti all'evento, che "non apprezzano i vini dolci"... :evil:
Comunque, questa magnum, per essere una 2010 con quasi cinque anni sui lieviti, non è nemmeno malaccio e meglio di molti altri italici più blasonati... (muto).
Immagine
Immagine
"La vita è breve e bisogna che uno se la beva tutta".
Osvaldo Soriano - "L'ora senz'ombra"

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: AmoSlade, ESwine, giodiui, Hurdygurdypav e 24 ospiti