CHE BEVESSIMO AD APRILE 2015

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
landmax
Messaggi: 1030
Iscritto il: 13 set 2013 17:49

Re: CHE BEVESSIMO AD APRILE 2015

Messaggioda landmax » 09 apr 2015 16:42

Malvazija 2012 Vinogradi Fon
Siamo nel Carso sloveno, mi dicono micro-produttore di questa etichetta di cui fa (farebbe) un migliaio di bottiglie. Davvero un gran vino, paragonabile per livello qualitativo alla malvazija di Josko Rencel (che io amo molto). I profumi sono intensi e netti: profuma di mare, di alici e origano, di cedro e pera (croccante, non matura), con un balsamico di sottofondo ad ingentilire il quadro. Bocca ricca, vellutata, di una freschezza agrumata che non t'aspetti, sapido of course, davvero di grande slancio e profondità. Di "scodate" alcoliche nemmeno l'ombra, nonostante i 13 gradi. A voler dare i numeri, mi giocherei un 92/100, ma è ancora molto giovane, mi aspetto lunga vita ed ulteriori miglioramenti.
Avatar utente
Ludi
Messaggi: 2835
Iscritto il: 22 lug 2008 10:02
Località: Roma

Re: CHE BEVESSIMO AD APRILE 2015

Messaggioda Ludi » 09 apr 2015 16:46

Note veloci su qualche visita sarda durante Pasqua....
Giuseppe Sedilesu: buonissima tutta la gamma, mi hanno particolarmente colpito il Giuseppe Sedilesu Riserva 2010, scuro, quasi arcigno ma dalle enormi potenzialità, il Ballu Tundu 2011, arcaico e potente, ed il Perda Pinta Sullebucce 2012, impressionante (anche per i suoi 16°) e di gran personalità, anche se sconsigliato agli amanti dello Chablis...
Giovanni Montisci: buonissimi tutti, con menzione speciale per il Barrosu Riserva Franzisca, veramente espressivo, viscerale e di gran carattere.
Tema: nuova cantina vicina alla costa tra Oristano e Bosa; ha come enologo Angioi e fa due soli vini, un vermentino ed un cannonau, da vigneti di 9 anni. Veramente buoni, considerando che alcuni assaggi erano della 2009, quando le viti avevano tre anni dall'impianto. Il vermentino ha nette note idrocarburiche, mentre il cannonau si giova della vinificazione in solo acciaio per esprimere una nota salmastro-olivosa che fa pensare al Rodano.
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 11926
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: CHE BEVESSIMO AD APRILE 2015

Messaggioda Alberto » 09 apr 2015 17:11

landmax ha scritto:Malvazija 2012 Vinogradi Fon
Siamo nel Carso sloveno, mi dicono micro-produttore di questa etichetta di cui fa (farebbe) un migliaio di bottiglie. Davvero un gran vino, paragonabile per livello qualitativo alla malvazija di Josko Rencel (che io amo molto).

Beh forse un migliaio di bottiglie soltanto no, Marko ne fa un po' di più (fa anche una malvasia "base"), comunque gran personaggio e gran vini...
In compenso Rencel di malvasia ne fa meno di 1000 pezzi, quando la imbottiglia, da che mi ricordo io... :wink:
Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De Andrè
vinogodi
Messaggi: 28627
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: CHE BEVESSIMO AD APRILE 2015

Messaggioda vinogodi » 09 apr 2015 19:10

...domani sera al Bello Carico di Sacchetta, bella panoramica mondiale di bianchi , con bravi rappresentanti della tipologia, con bolle ma , soprattutto, senza . Cosa?

PREAPERITIVO(per chi aspetta) : Champagne Grand Cru Brut Jean Yves Carlini

APERITIVI: Giulio Riserva del Fondatore 2002 ( in doppia bottiglia) e Champagne Leclerc Briant Millesimée 2006 (in doppia bottiglia)

SBOLLATI : Batard Montrachet di Domain Leflaive e Batard di Ramonet, Puligny di Chartron, Chablis Grand Cru Vaudesir di Michel e Chablis Valmur Grand Cru di Bessin , Meursault Genevrieres di Boilot ... eppoi
... Extreme Blanc Les Clos Perdus (Grenache Blanc) , Riesling Obherauser Trocken Donnhoff , Trebbiano Valentini 2004 , Cervaro della Sala 2010 , Villa Bucci , Buisson Renard Didier Dagenau ... che sete ... dopodomani qualche appunto e considerazione... 8)
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
Avatar utente
il chiaro
Messaggi: 6204
Iscritto il: 07 giu 2007 00:24

Re: CHE BEVESSIMO AD APRILE 2015

Messaggioda il chiaro » 09 apr 2015 21:38

landmax ha scritto:
il chiaro ha scritto:Quinta do Vesuvio vintage port 2006....


Questo l'hai trovato al mercato di Posillipo, dì la verità???? :lol:


non capisco se è solo una battuta o se mi perculi :D :D
let me put my love into you babe
let me put my love on the line

let me put my love into you babe
let me cut your cake with my knife

Brian Johnson
paperofranco
Messaggi: 5966
Iscritto il: 20 gen 2010 19:16
Località: Poggibonsi

Re: CHE BEVESSIMO AD APRILE 2015

Messaggioda paperofranco » 09 apr 2015 22:11

landmax ha scritto:Malvazija 2012 Vinogradi Fon
Siamo nel Carso sloveno, mi dicono micro-produttore di questa etichetta di cui fa (farebbe) un migliaio di bottiglie. Davvero un gran vino, paragonabile per livello qualitativo alla malvazija di Josko Rencel (che io amo molto). I profumi sono intensi e netti: profuma di mare, di alici e origano, di cedro e pera (croccante, non matura), con un balsamico di sottofondo ad ingentilire il quadro. Bocca ricca, vellutata, di una freschezza agrumata che non t'aspetti, sapido of course, davvero di grande slancio e profondità. Di "scodate" alcoliche nemmeno l'ombra, nonostante i 13 gradi. A voler dare i numeri, mi giocherei un 92/100, ma è ancora molto giovane, mi aspetto lunga vita ed ulteriori miglioramenti.


Di questi tempi 13 è acquetta, dai, che scodate ti aspettavi?.... :mrgreen:
Non vorrei tu pensassi che sto qui a fare le pulci su quello che uno scrive, è una battuta, ho letto con attenzione la nota :wink: .
alleg
Messaggi: 545
Iscritto il: 10 feb 2014 22:26
Località: Parma/Milano

Re: CHE BEVESSIMO AD APRILE 2015

Messaggioda alleg » 09 apr 2015 22:41

Stasera Rossese Bianco Maccario 2013? ottimo compagno di sardenara e pasta al pesto, fresco, agile, con pesca e ginepro in primo piano. La sera di pasqua invece:
Uccellanda 2007 Bellavista veramente sorprendente. Il piu borgognone dei bianchi italici, vino costruito ma costruito bene con burrosità non eccessiva, ottima integrità e buona freschezza
champagne grande le brun severnay piacevole ma anonimo
Barolo 2009 Brezza stranamente compresso e MOLTO alcolico
Trebbiano 2013 Guccione clamorosamente buono
Amarone Farina 2011 orrendamente pesante
La poja 1992 Allegrini in granspolvero, mentuccia e sentori balsamici a rudo...
landmax
Messaggi: 1030
Iscritto il: 13 set 2013 17:49

Re: CHE BEVESSIMO AD APRILE 2015

Messaggioda landmax » 10 apr 2015 10:27

paperofranco ha scritto:
landmax ha scritto:Malvazija 2012 Vinogradi Fon
Siamo nel Carso sloveno, mi dicono micro-produttore di questa etichetta di cui fa (farebbe) un migliaio di bottiglie. Davvero un gran vino, paragonabile per livello qualitativo alla malvazija di Josko Rencel (che io amo molto). I profumi sono intensi e netti: profuma di mare, di alici e origano, di cedro e pera (croccante, non matura), con un balsamico di sottofondo ad ingentilire il quadro. Bocca ricca, vellutata, di una freschezza agrumata che non t'aspetti, sapido of course, davvero di grande slancio e profondità. Di "scodate" alcoliche nemmeno l'ombra, nonostante i 13 gradi. A voler dare i numeri, mi giocherei un 92/100, ma è ancora molto giovane, mi aspetto lunga vita ed ulteriori miglioramenti.


Di questi tempi 13 è acquetta, dai, che scodate ti aspettavi?.... :mrgreen:
Non vorrei tu pensassi che sto qui a fare le pulci su quello che uno scrive, è una battuta, ho letto con attenzione la nota :wink: .


Caro Franco, figurati, le tue perculate mi onorano!!! :lol:
In effetti hai ragione, l'avversativa "nonostante" forse non ci stava, è che volevo dare al lettore due informazioni importanti: la perfetta integrazione dell'alcol, ma anche il titolo alcolometrico (13 gradi, alto ma non eccessivo), perché spesso da quelle parti, ma dal lato italiano (e penso non solo al Carso, ma anche al Collio e ad altre zone "di confine"), si trovano molto spesso bianchi con 14-14,5% e alcol, se non proprio fuori registro, comunque ben percettibile al palato.
landmax
Messaggi: 1030
Iscritto il: 13 set 2013 17:49

Re: CHE BEVESSIMO AD APRILE 2015

Messaggioda landmax » 10 apr 2015 10:29

il chiaro ha scritto:
landmax ha scritto:
il chiaro ha scritto:Quinta do Vesuvio vintage port 2006....


Questo l'hai trovato al mercato di Posillipo, dì la verità???? :lol:


non capisco se è solo una battuta o se mi perculi :D :D


Solo una battuta, ci mancherebbe! :wink:
Ziliovino
Messaggi: 3136
Iscritto il: 10 giu 2007 17:48
Località: (Bg)

Re: CHE BEVESSIMO AD APRILE 2015

Messaggioda Ziliovino » 10 apr 2015 10:45

Verdicchio di Matelica 1997 – La Monacesca. C’ho provato, l’ossidazione era leggera, ma rovinava il quadro, m’è sembrata una bella bocca comunque…

Rìas Baixas Albarino 2012 – Pazo Senorans. Al naso un bel profilo verdognolo, agrumato e di erbe di campo, bocca verticale e molto sapida, beverino.

Champagne Grand Cru Family Reserve 2004 – Dampierre. Da magnum, “tappo spago” sempre affascinante. Ci mette qualche minuto ad aprirsi al naso, floreale, col tempo un po’ di pasticceria e una bella mineralità gessosa.Un naso piuttosto composto. Gran bella bocca verticale ma senza sbavature ed equilibrata. Non un mostro, ma comunque un ottimo champagne.

Langhe Nebbiolo 2011 – Cortese. Davvero un bel bicchiere, non gioca a fare il fratellone Barbaresco ne è il rimasuglio delle uve più scarse, è proprio un bel nebbiolo, solare e pfofumato, succoso in bocca pur mantenendo un certo rigore tannico. Piaciuto.
"Il successo di tavernello invita a riflettere"
(Anonimo, bomboletta spray su muro)

"Il vino non lo scegli... è lui che sceglie te"
Avatar utente
benux
Messaggi: 601
Iscritto il: 21 apr 2010 12:50

Re: CHE BEVESSIMO AD APRILE 2015

Messaggioda benux » 10 apr 2015 18:35

Ma il Giulio 2004 ancora nessuno? :?:
Spectator
Messaggi: 3777
Iscritto il: 06 giu 2007 11:36

Re: CHE BEVESSIMO AD APRILE 2015

Messaggioda Spectator » 10 apr 2015 18:35

..BdM 2009 V.Vigne 2009,Le Ragnaie. Rosso fuoco brillantissimo,a volerli cercare per..forza,lievi profumi di visciole, arancia rossa e qualche timido sbuffo di spezie,niente altro :o .Sorso caldo,acido ,con tannino fine e una persistenza buona ma lievemente amara.Sinceramente, di Le Ragnaie ho bevuto di meglio,ma l'annata e' quella che e'.Piaciuto altrettanto poco il Brunello..base,stessa annata.
romanee'
Messaggi: 6367
Iscritto il: 27 apr 2009 15:15

Re: CHE BEVESSIMO AD APRILE 2015

Messaggioda romanee' » 10 apr 2015 20:56

picenum ha scritto:Due parole su Colle Santa Mustiola, ed il suo sangiovese (composto di 28 cloni diversi), con alcuni filari a piede franco. Per me gran bella bevuta, anche meglio di quella che mi sarei aspettato dopo l’assaggio a sangiovese purosangue.
In particolare:

- POGGIO AI CHIARI il top dell’azienda, “un rosso che matura in barriques e botti grandi per 36/48 mesi e non esce in commercio prima del settimo anno”;
2006 rosso mattone scuro, al naso pulito con qualche nota di tabacco e cuoio e forti sentori di frutta rossa matura (mirtillo e prugna) che ritroviamo anche in bocca, dove in più emerge anche una bella nota speziata; corposo, bel tannino anche se un po’ deve aggraziarsi, legno mi sembra ben integrato, persistenza lunga e ancora tanta freschezza… vini già godibili ma lo saranno ancora di più tra qualche tempo, comunque tanta roba. Da lungo invecchiamento.
2005 riprende un po’ le sensazioni del 2006 anche se mi da la sensazione di essere un po’ più chiuso e con un po’ di materia in meno.
2002 …è il secondo 2002 che bevo con tanta piacevolezza (insieme al montevertine) un vino fatto bene da tutti i punti di vista… fantastico.


VIGNA FLAVIA “un rosso più giovane ottenuto da 5 cloni selezionati che matura solo in botti di rovere di Slavonia da 20 e 30 hl per 24/30 mesi.”
2009 di grandissimo fascino, rubino chiaro sull’unghia, al naso si presenta con un turbinio di profumi incredibile, di una bellezza disarmante, intenso, c’ha un frutto nitido, croccante, fresco con qualche rimando anche ad erbette di campo, in bocca è goloso, molto, anche se rispetto al naso non ritrovo rispondenza (sarebbe troppo); vino comunque fresco, leggermente sapido, dal tannino leggero, in perfetto equilibrio con la componente acida e glicerica, insomma dalla beva goduriosa che lo rende IMHO un ottimo compagno in tavola. Non so definirne le potenzialità evolutive ma penso che qualche anno lo regga bene.

So che oggi c'è stata una verticale completa presso l'azienda e che c'era qualcuno di noi... se fosse possibile (senza forzature) e se ne avesse voglia due ma proprio due parole per avere le sue impressioni. grazie.



QUESTO ERA ANCORA PIU' BUONO... :mrgreen: :mrgreen:
SPEDISCO SOLITAMENTE DOPO 1 O 2 GIORNI DAL PAGAMENTO...MA A MOLTI HO SPEDITO E SPEDIRO' ANCOR PRIMA.. :D :wink:
vinogodi
Messaggi: 28627
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: CHE BEVESSIMO AD APRILE 2015

Messaggioda vinogodi » 11 apr 2015 12:53

...ieri sera bevuto molto bene... 8)
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
marcolanc
Messaggi: 679
Iscritto il: 19 nov 2007 17:40

Re: CHE BEVESSIMO AD APRILE 2015

Messaggioda marcolanc » 11 apr 2015 13:15

vinogodi ha scritto:...ieri sera bevuto molto bene... 8)

Avendo letto l'anticipazione su qualche nome, sono curioso di leggere le note... :D
Mike76
Messaggi: 1034
Iscritto il: 23 nov 2011 09:53
Località: Pontedera (PI)

Re: CHE BEVESSIMO AD APRILE 2015

Messaggioda Mike76 » 11 apr 2015 21:46

benux ha scritto:Ma il Giulio 2004 ancora nessuno? :?:


Enfatti...
vinogodi
Messaggi: 28627
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: CHE BEVESSIMO AD APRILE 2015

Messaggioda vinogodi » 12 apr 2015 09:48

marcolanc ha scritto:
vinogodi ha scritto:...ieri sera bevuto molto bene... 8)

Avendo letto l'anticipazione su qualche nome, sono curioso di leggere le note... :D
... buonissimi gli aperitivi bollosi , con una nota particolare per il Leclerc Briant 2006 in stile molto "selossiano" ( :D :D :D :) ). Giulio una certezza ( :D :D :D :) ) . In attesa del suo 2004 , accontentiamoci di questo moloch italico , dove la 2002 sta arrivando al vertice della sua parabola. Tutti buoni i bianchi fermi, salvo...: fra tutti emergeva, spaventoso, il Batard Montrachet 2006 di Ramonet ( :D :D :D :D :) ) , vino della serata senza dubbio , solita florealità ma anche grande mineralità, ha messo un pò in ombra il Batard 2004 di Leflaive, di grande materia ma meno espressivo e con qualche leggerissima nota stanca ( :D :D :D :) ) .Per tutti fra i primi, per me che lo conosco bene una piccola delusioncella . A differenza dei 2004 rossi , i 2006 bianchi qualche bella sorpresa la riservano. Non è piaciuto eccessivamente alla popolazione presente ma secondo me incredibile il Trebbiano 2004 di Valentini ( :D :D :D :D ), unico nel suo genere e proprio per questo alimentando dubbi in palati poco avezzi a tanta magnitudine e originalità. Vino per palati allenati e , nella panoramica generale , spiccava davvero per "stranitudine e devianza dagli standard abtuali" . Superbo.
GRandissima prova dei due Loira, sia il Buisson Renard 2011 di Dagenau ( :D :D :D :D ) , sorprendente per spettro olfattivo e droiture sapida , sia Les Monts Damnées di Pascal Cotat 2012 ( :D :D :D :D ) forse vino più apprezzato dalla moltitudine per bevibilità davvero estrema. Grande curiosità per l'Extreme Les Clos Perdus ( :D :D :D ), giallo carico con leggere note ramate , di forte nota balsamica con un retrogusto vegetale che non tutti hanno capito. La platea s'è divisa decisamente, o pollice verso o pollice alzatissimo. Secondo me gran bianco con personalità decisa e non scontata. Successo planetario per il Trocken Oberhauser di Donnhoff 2011 ( :D :D :D :) ) che ha estasiato le narici di tutti fino a chiedere plebiscitariamente una panoramica di Riesling tedeschi oppure, addirittura, una monografia del produttore. Meursault Boillot tappato ( :evil: ) ma sostituito con un altro genevrieres di Jobart 2004 ( :D :D :D :) ) che ha dato idea della possanza della zona e del mostruoso potenziale della Borgogna in generale. Straordinari sia il Valmur (Chablis Grand Cru) di Bessin 2011 ( :D :D :D :D ) sia il Vaudesir (CHablis Grand Cru) di Louis Michel 2006 (si, avete letto bene anche questa volta) che ho addirittura preferito seppur per un pelo di fica, più ricco e gaudente , integro e con una frutta bianca da sballo (buona pure l'acidità) .Produttore che d'ora in poi seguirò con più costanza .Visibilio nei bianco-depressi ai tavoli e gioia , con conferme varie , per chi invece è bianchista d'elezione . DElusione della serata, soprattutto da chi ne incensava le doti all'apparire perchè massimo bianco bevuto fino a quel momento nella loro enobanale vita di bevitori, il Cervaro della Sala 2010 ( :D :D :) ) che scompariva di fronte a tutti , dico tutti, i vini presenti. ... e lì a tirar fuori le sciocchezze della bottiglia sottoperformante, dei dubbi di conservazione, dell'annata ... palle, era l'ultima di tre bocce dalla mia cantinetta ed era sempre lui: solo che, certi confronti, diventano impietosi e bisogna renderesene conto. Enorme ma senza grip, boisé, monocorde...si , insomma , da solo fa presa , ma in certi contesti...
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
alì65
Messaggi: 11779
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: CHE BEVESSIMO AD APRILE 2015

Messaggioda alì65 » 12 apr 2015 13:21

l'altra sera, al compleanno di paolo7505 qualche bella boccia:
-inizio con bolla (MG) che non ricordo bene se non che mi è piaciuta il giusto, ottima con una pancetta di 48 mesi, eccezionale!!!!
-Batard 07 Ramonet, vincitore della serata; in grande forma, molto equilibrato ed elegante, molto sfaccettato e complesso, profondo, eterno
-Chevalier 02 Regnard, da subito ottimo ma col tempo si sgrazia, intenso ma non profondo, finisce con una impronta d'impatto ma poco altro
-Les Einsegneres 95 Dury, come al solito molto zolfoso e difficile da subito, con il tempo (lungo) si rende più aggraziato ma con poche complessità nella bevuta
naso affascinante che però a me non piace
-C.StJ.00 Rousseau, per me vino problematico ma non sono stato appoggiato dai commensali, molto troppo storto, sfuocato, alcolico e amaro
piacevolezza nulla
-Romanée StVivant 99 Latour, naso della serata, perfetto!!! di un equilibrio incredibile e nettezza di frutto spettacolare, peccato non sia seguito dalla setssa bocca, un po' inchiodata sul finale poco complesso...ma bel vino!!!
-C.delaR. 96 Rousseau, bellissimo, golosissimo, buonissimo...non serve altro
-Cannubi 89(?)MG Marchesi di Barolo, non mi è piaciuto per nulla, un problema di tappino all'orizzonte, vino troppo maturo per i miei gusti
-Bussia 90 Prunotto, altra conferma che i vini preGaja erano tra i migliori di Langa
molto bello, al punto giusto, dolcezza e finezza con una buona dose di sostanza ne fanno un vino molto goloso
-S.Tildjn 96, andrebbe bevuto il giorno dopo, se non l'altro ancora, dopo l'apertura
troppo compresso e chiuso per mostrarsi in tutta la sua colossale importanza
ha sofferto la sua gioventù....
mi sembra tutto tranne la bolla che non ricordo la Maison...
futuro incerto...ma w la gnocca!!!
Becho
Messaggi: 1910
Iscritto il: 05 feb 2010 01:47
Località: Granducato di Toscana

Re: CHE BEVESSIMO AD APRILE 2015

Messaggioda Becho » 12 apr 2015 13:40

alì65 ha scritto:-Bussia 90 Prunotto, altra conferma che i vini preGaja erano tra i migliori di Langa


Verissimo Claudio, mi ricordo un Barbaresco del 1971 spettacolare, nell'occasione umiliò Monfo 1988.
ps: sicuro che sia Gaja e non Antinori?
vinogodi
Messaggi: 28627
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: CHE BEVESSIMO AD APRILE 2015

Messaggioda vinogodi » 12 apr 2015 13:48

Becho ha scritto:
alì65 ha scritto:-Bussia 90 Prunotto, altra conferma che i vini preGaja erano tra i migliori di Langa


Verissimo Claudio, mi ricordo un Barbaresco del 1971 spettacolare, nell'occasione umiliò Monfo 1988.
ps: sicuro che sia Gaja e non Antinori?
... Infatti...
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
stentenno71
Messaggi: 372
Iscritto il: 09 feb 2012 17:53

Re: CHE BEVESSIMO AD APRILE 2015

Messaggioda stentenno71 » 12 apr 2015 14:27

TENUTE DETTORI TENORES 2003

ogni tanto mi imbatto in bottiglie che prendo in mano e, grattandomi la testa, penso : come la troverò, adesso ? mah....?!....proviamo....
poi la stappo e anche il tappo mi lascia con non pochi dubbi.... la scolmo, controllo il primo bicchiere che è di un rosso granato bellissimo e mi rincuoro, lo porto al naso e mi ritornano i dubbi....lo sento stanco e mi pare sulla via del tramonto, addirittura "marsalato" ....e penso : aspetta un po', lascialo stare un paio d'ore e ritorna più tardi....
E dopo la sconfitta della juve ci torno sopra, affranto, ma lui mi riappacifica. ...è cambiato, è aperto, solare, caldo ma assolutamente non cotto
E allora lo porto in tavola e me lo gusto : non è un vino perfetto, non è tutto preciso e in equilibrio, ha 17 gradi ma chi se ne frega !!!!!
È un vino che mi emoziona e che, quando ne finisco l'ultimo bicchiere, mi fa dire : che buono ! Punto.
Ogni tanto mi imbatto in bottiglie come questa....
Avatar utente
Wineduck
Messaggi: 4188
Iscritto il: 06 giu 2007 15:16

Re: CHE BEVESSIMO AD APRILE 2015

Messaggioda Wineduck » 12 apr 2015 14:50

-C.StJ.00 Rousseau, per me vino problematico ma non sono stato appoggiato dai commensali...


Ma dai! Ma non mi dire!?!?! Che stranoooo!! :lol: :lol: :lol:

-C.StJ.00 Rousseau, .... molto troppo storto, sfuocato, alcolico e amaro
piacevolezza nulla.


8) se eri nella tua consueta, strepitosa forma, il 90% di noi lo avrebbe trovato un vino semplicemente della madonna... :lol: :lol: :lol:
"People call me rude, I wish we all were nude, I wish there was no black and white, I wish there were no rules" [Controversy]

follow my tasting notes and pics on http://instagram.com/wineleaner/
Avatar utente
gianni femminella
Messaggi: 2127
Iscritto il: 26 nov 2010 14:43
Località: Castiglione della Pescaia - Finale Emilia

Re: CHE BEVESSIMO AD APRILE 2015

Messaggioda gianni femminella » 12 apr 2015 19:10

miccel ha scritto:MARSELLA – FIANO DI AVELLINO 2007
Bottiglia alta 36 cm., l'ho misurata.
Colore giallo intenso non propriamente dorato. Note di frutta secca, con un che di tostato molto naturale. In bocca il vino esplode, occupandola in largo e in lungo, dolce e amaro insieme, poi esce con eleganza grazie a una grande vitalità e sapidità. In questo momento mi sembra in ottima forma, ma dà l'impressione di poter andare avanti ancora parecchio.
...
Una considerazione finale: l'ultimo bicchiere me lo sono bevuto da solo un'oretta dopo; somigliava davvero agli alsaziani, denso, con uno sviluppo giocato fra acidità, dolcezza e accenni affumicati, però rispetto ad essi la differenza fondamentale la fa la salinità, che lo rende tanto più accostabile al nostro mangiare.


Quoto volentieri il bravo miccel con questa bella descrizione di qualche tempo fa.

Io ho nel bicchiere invece di un 2007 ho un 2011.
Il colore è paglierino piuttosto chiaro, forse per via della maggior gioventù rispetto a quello descritto sopra.
Per precisone quello che scrivo l'ho constatato prima di leggere le impressioni di Miccel, solo in seguito all'assaggio mi è venuta la curiosità di cercare se qualcuno ne avesse parlato.
Brevemente: la prima idea è di affumicato ( infatti ) mentre l'impressione più generale è di un vino preciso, millimetrico nelle sensazioni che si alternano di larghezza, freschezza, mineralità. Raffinato, ma vivace, forte e gentile. Bellissimo vino.
Foied vino pipafo cra carefo
Oggi bevo vino domani non ne avrò
alì65
Messaggi: 11779
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: CHE BEVESSIMO AD APRILE 2015

Messaggioda alì65 » 12 apr 2015 19:45

vinogodi ha scritto:
Becho ha scritto:
alì65 ha scritto:-Bussia 90 Prunotto, altra conferma che i vini preGaja erano tra i migliori di Langa


Verissimo Claudio, mi ricordo un Barbaresco del 1971 spettacolare, nell'occasione umiliò Monfo 1988.
ps: sicuro che sia Gaja e non Antinori?
... Infatti...


e va be, Gaja, Antinori, è uguale!! :mrgreen: :mrgreen:
futuro incerto...ma w la gnocca!!!
alì65
Messaggi: 11779
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: CHE BEVESSIMO AD APRILE 2015

Messaggioda alì65 » 12 apr 2015 19:46

Wineduck ha scritto:
-C.StJ.00 Rousseau, per me vino problematico ma non sono stato appoggiato dai commensali...


Ma dai! Ma non mi dire!?!?! Che stranoooo!! :lol: :lol: :lol:

-C.StJ.00 Rousseau, .... molto troppo storto, sfuocato, alcolico e amaro
piacevolezza nulla.


8) se eri nella tua consueta, strepitosa forma, il 90% di noi lo avrebbe trovato un vino semplicemente della madonna... :lol: :lol: :lol:


chi??? io noioso!!!! :D
futuro incerto...ma w la gnocca!!!

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Mike76, Nexus1990, Seaworth, Stefano-zaccarini e 9 ospiti