sabato 29 Piacenza, vignaioli indipendenti

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Avatar utente
arnaldo
Messaggi: 8675
Iscritto il: 07 giu 2007 08:21
Località: Bassano del Grappa

Re: sabato 29 Piacenza, vignaioli indipendenti

Messaggioda arnaldo » 01 dic 2014 15:06

Ma lo sai che quel volpone.....dopo il Mimmo ci ha fatto saltare direttamente ai 3 boca ???D'altronde c'era un casotto totale...in mezzo al banchetto c'era il suo Direttore con un manipolo di ragazzotti....un macello e Kristoph era di lato e allungava le mani sulle bt a tentacoli......difficile muoversi cosi'....pero' dai....abbiamo fatto la verticalina.... 8) 8)
follow my tasting notes and pics on http://instagram.com/ARNALDO2262/
Avatar utente
arnaldo
Messaggi: 8675
Iscritto il: 07 giu 2007 08:21
Località: Bassano del Grappa

Re: sabato 29 Piacenza, vignaioli indipendenti

Messaggioda arnaldo » 01 dic 2014 15:08

paperofranco ha scritto:
Non sapevo ci fosse un altro amarone dai prezzi assurdi.


Gia'....e purtroppo li vale tutti. Questa riserva viene prodotta solo nelle grandi annate, e ricordandoti che Celestino è abbastanza legato alla fam Quintarelli, le capacita' ce le ha di suo. Un grande Vino in tutti i sensi e se ti capita, assaggialo almeno una volta.
follow my tasting notes and pics on http://instagram.com/ARNALDO2262/
Avatar utente
and.car
Messaggi: 921
Iscritto il: 14 mar 2011 17:47
Località: Padova

Re: sabato 29 Piacenza, vignaioli indipendenti

Messaggioda and.car » 01 dic 2014 15:49

arnaldo ha scritto:
paperofranco ha scritto:
Non sapevo ci fosse un altro amarone dai prezzi assurdi.


Gia'....e purtroppo li vale tutti. Questa riserva viene prodotta solo nelle grandi annate, e ricordandoti che Celestino è abbastanza legato alla fam Quintarelli, le capacita' ce le ha di suo. Un grande Vino in tutti i sensi e se ti capita, assaggialo almeno una volta.


a me la 2001 ha fatto impazzire (ed è in cantina :mrgreen: )..mentre alla 2003 che ho assaggiato in due occasioni mancava ancora un pò di bottiglia, ed ho percepito un eccesso di legno..però si, grandissimo prodotto, come pure l'Harlequin!poi son gusti :wink:
Lo spreco della vita si trova nell’amore che non si è saputo dare, nel potere che non si è saputo utilizzare, nell'egoistica prudenza che ci ha impedito di rischiare e che, evitandoci un dispiacere, ci ha fatto mancare la felicità. [Oscar Wilde]
davidef
Messaggi: 7791
Iscritto il: 06 giu 2007 17:23
Località: Vicenza

Re: sabato 29 Piacenza, vignaioli indipendenti

Messaggioda davidef » 01 dic 2014 16:29

arnaldo ha scritto:
paperofranco ha scritto:
Non sapevo ci fosse un altro amarone dai prezzi assurdi.


Gia'....e purtroppo li vale tutti. Questa riserva viene prodotta solo nelle grandi annate, e ricordandoti che Celestino è abbastanza legato alla fam Quintarelli....



dire che è abbastanza legato alla famiglia Quintarelli è quanto meno riduttivo

ha spostato una delle figlie di Quintarelli oltre ad essere stato stretto collaboratore di Giuseppe Quintarelli nelle annate d'oro '80 fino, mi sembra ad inizio '90, poi diversità di vedute e di personalità (Quintarelli aveva le sue idee), hanno fatto rompere il sodalizio professionale, la moglie è rimasta ovviamente :lol:

è seguito un periodo come consulente tramite il team Zyme, inizialmente composto da 3 soci, C. Gaspari, F. Peroni (ex storico Bertani...altro pezzo non da poco in valpolicella) e Parisi, poi il lavoro di consulente ha lasciato via via spazio alla figura del produttore ed i soci sono stati liquidati (mi sembra totalmente)

diciamo che Gaspari sa cosa fa, il problema che lo sa in cantina ma anche nel portafoglio (la scuola del suocero gli è servita, eccome se gli è servita...e pure il biglietto da visita "genero di Quintarelli" male non ha fatto), per me troppi vini prodotti come etichette al fine di coprire ogni buco di richiesta possibile, alcuni veramente trascurabili, ma anche grandi vini prodotti sicuramente ed oggi alcune referenze assolute...i prezzi ? calibrati per stare a ridosso dei 2 Big e sopra tutti gli altri, li valgono ? non lo so...sicuramente li possono valere ma a parte qualche Harlequim ed Amarone base (veramente molto buono il 2004) non ho Riserve sue per fare un paralleo con gli altri, spero a breve di sentirli meglio dai

comunque la mano ce l'ha e sa cosa fare, di questo nessun dubbio
Avatar utente
and.car
Messaggi: 921
Iscritto il: 14 mar 2011 17:47
Località: Padova

Re: sabato 29 Piacenza, vignaioli indipendenti

Messaggioda and.car » 01 dic 2014 17:34

davidef ha scritto:
arnaldo ha scritto:
paperofranco ha scritto:
Non sapevo ci fosse un altro amarone dai prezzi assurdi.


Gia'....e purtroppo li vale tutti. Questa riserva viene prodotta solo nelle grandi annate, e ricordandoti che Celestino è abbastanza legato alla fam Quintarelli....



dire che è abbastanza legato alla famiglia Quintarelli è quanto meno riduttivo

ha spostato una delle figlie di Quintarelli oltre ad essere stato stretto collaboratore di Giuseppe Quintarelli nelle annate d'oro '80 fino, mi sembra ad inizio '90, poi diversità di vedute e di personalità (Quintarelli aveva le sue idee), hanno fatto rompere il sodalizio professionale, la moglie è rimasta ovviamente :lol:

è seguito un periodo come consulente tramite il team Zyme, inizialmente composto da 3 soci, C. Gaspari, F. Peroni (ex storico Bertani...altro pezzo non da poco in valpolicella) e Parisi, poi il lavoro di consulente ha lasciato via via spazio alla figura del produttore ed i soci sono stati liquidati (mi sembra totalmente)

diciamo che Gaspari sa cosa fa, il problema che lo sa in cantina ma anche nel portafoglio (la scuola del suocero gli è servita, eccome se gli è servita...e pure il biglietto da visita "genero di Quintarelli" male non ha fatto), per me troppi vini prodotti come etichette al fine di coprire ogni buco di richiesta possibile, alcuni veramente trascurabili, ma anche grandi vini prodotti sicuramente ed oggi alcune referenze assolute...i prezzi ? calibrati per stare a ridosso dei 2 Big e sopra tutti gli altri, li valgono ? non lo so...sicuramente li possono valere ma a parte qualche Harlequim ed Amarone base (veramente molto buono il 2004) non ho Riserve sue per fare un paralleo con gli altri, spero a breve di sentirli meglio dai

comunque la mano ce l'ha e sa cosa fare, di questo nessun dubbio


io ho avuto modo di stappare una 2001, molto piaciona ma mancava un pò di eleganza..comunque bella boccia.
Ho la riserva, sempre 2001...se capita una cena la metto a disposizione, eventualmente!
Lo spreco della vita si trova nell’amore che non si è saputo dare, nel potere che non si è saputo utilizzare, nell'egoistica prudenza che ci ha impedito di rischiare e che, evitandoci un dispiacere, ci ha fatto mancare la felicità. [Oscar Wilde]
luc83
Messaggi: 440
Iscritto il: 10 ott 2008 14:56
Località: busto arsizio
Contatta:

Re: sabato 29 Piacenza, vignaioli indipendenti

Messaggioda luc83 » 01 dic 2014 22:02

Pur non essendo amante del genere devo dire che l'Ageno 2010 mi ha colpito positivamente. Trebbiolo '13 sulla falsariga del '12, da pranzi con amici.

Confermo molte delle sensazioni di Arnaldo per quello che ho potuto sentire.

Sorprese della giornata:
Manincor quasi su tutta la linea, soprattutto il pinot bianco e la schiava

Casa Benna con un gutturnio riserva da comprare a bancali a 7 euro :shock:

Buoni Mimmo e Boca Le Piane ed il 2010 di Silvia Barbaglia.

Gran bella manifestazione, se solo mettessero i produttori in ordine geografico....
Avatar utente
xoan
Messaggi: 1121
Iscritto il: 13 nov 2012 23:58

Re: sabato 29 Piacenza, vignaioli indipendenti

Messaggioda xoan » 01 dic 2014 23:45

CATALDI MADONNA
Pecorino Giulia 2013 :D :D :D :shock: ne avevo sentite di magnificenze....ma non pensavo fosse cosi' buono.....non pare nemmeno un bianco italiano.. :D :D ovviamente finito da un pezzo altrimenti ci scappava il cartone.......

...e pensa che quello è il pecorino "base"... :mrgreen:
Avatar utente
arnaldo
Messaggi: 8675
Iscritto il: 07 giu 2007 08:21
Località: Bassano del Grappa

Re: sabato 29 Piacenza, vignaioli indipendenti

Messaggioda arnaldo » 02 dic 2014 10:18

Infatti. Mi hanno detto che a gennaio escono anche con la Riserva.!!! :shock: :shock:
follow my tasting notes and pics on http://instagram.com/ARNALDO2262/
cecaba
Messaggi: 240
Iscritto il: 05 feb 2009 12:59

Re: sabato 29 Piacenza, vignaioli indipendenti

Messaggioda cecaba » 02 dic 2014 11:01

arnaldo ha scritto:CATALDI MADONNA Montepulciano Malandrino 2012 :D :D bbono,fresco...
Montepulciano Riserva Toni' 2011 :D :D
Azz se lavorano bene questi qui........


Hai mai bevuto il cersuolo "Piè delle Vigne"? A me piace un sacco, dopo qualche anno anche meglio!
Avatar utente
xoan
Messaggi: 1121
Iscritto il: 13 nov 2012 23:58

Re: sabato 29 Piacenza, vignaioli indipendenti

Messaggioda xoan » 02 dic 2014 13:11

cecaba ha scritto:
arnaldo ha scritto:CATALDI MADONNA Montepulciano Malandrino 2012 :D :D bbono,fresco...
Montepulciano Riserva Toni' 2011 :D :D
Azz se lavorano bene questi qui........


Hai mai bevuto il cersuolo "Piè delle Vigne"? A me piace un sacco, dopo qualche anno anche meglio!


assolutamente d'accordo sulle sue capacità evolutive.
L'unico loro vino che non capisco è il cataldino, l'ultimo arrivato.
divino59
Messaggi: 1640
Iscritto il: 06 giu 2007 17:54
Località: Ruvo di Puglia
Contatta:

Re: sabato 29 Piacenza, vignaioli indipendenti

Messaggioda divino59 » 02 dic 2014 21:18

cecaba ha scritto:
arnaldo ha scritto:CATALDI MADONNA Montepulciano Malandrino 2012 :D :D bbono,fresco...
Montepulciano Riserva Toni' 2011 :D :D
Azz se lavorano bene questi qui........


Hai mai bevuto il cersuolo "Piè delle Vigne"? A me piace un sacco, dopo qualche anno anche meglio!


Grande il Piè delle Vigne, anche se da un bel po che non lo assaggio.
Avatar utente
arnaldo
Messaggi: 8675
Iscritto il: 07 giu 2007 08:21
Località: Bassano del Grappa

Re: sabato 29 Piacenza, vignaioli indipendenti

Messaggioda arnaldo » 05 dic 2014 17:25

Immagine
follow my tasting notes and pics on http://instagram.com/ARNALDO2262/
Avatar utente
arnaldo
Messaggi: 8675
Iscritto il: 07 giu 2007 08:21
Località: Bassano del Grappa

Re: sabato 29 Piacenza, vignaioli indipendenti

Messaggioda arnaldo » 05 dic 2014 17:26

Immagine
Ultima modifica di arnaldo il 05 dic 2014 17:31, modificato 1 volta in totale.
follow my tasting notes and pics on http://instagram.com/ARNALDO2262/
Avatar utente
arnaldo
Messaggi: 8675
Iscritto il: 07 giu 2007 08:21
Località: Bassano del Grappa

Re: sabato 29 Piacenza, vignaioli indipendenti

Messaggioda arnaldo » 05 dic 2014 17:29

Immagine
follow my tasting notes and pics on http://instagram.com/ARNALDO2262/
Avatar utente
arnaldo
Messaggi: 8675
Iscritto il: 07 giu 2007 08:21
Località: Bassano del Grappa

Re: sabato 29 Piacenza, vignaioli indipendenti

Messaggioda arnaldo » 05 dic 2014 17:32

Immagine
follow my tasting notes and pics on http://instagram.com/ARNALDO2262/
Avatar utente
arnaldo
Messaggi: 8675
Iscritto il: 07 giu 2007 08:21
Località: Bassano del Grappa

Re: sabato 29 Piacenza, vignaioli indipendenti

Messaggioda arnaldo » 05 dic 2014 17:34

Immagine

Nell'ampia gamma di vini de LA STOPPA occorre muoversi con destrezza tra vini vagamente stra-maturi con inizio ossidazione......e vini straordinariamente freschi.... :D :D incredibile che salti naso/bocca da un anno all'altro....da un rosso all'altro..... 8) 8)
follow my tasting notes and pics on http://instagram.com/ARNALDO2262/
Ziliovino
Messaggi: 3135
Iscritto il: 10 giu 2007 17:48
Località: (Bg)

Re: sabato 29 Piacenza, vignaioli indipendenti

Messaggioda Ziliovino » 06 dic 2014 14:51

Finalmente ho 5 minuti anch'io:

questa volta abbiamo saltato parecchi grossi nomi e siamo andati alla ricerca di qualche novità, bevendo quindi anche qualche porcata di troppo, ma ogni tanto bisogna rischiare...
Tra i meritevoli segnalo Masseria campito in particolare con l'asprinio spumante, ed anche l'asprinio fermo non è affatto male, decisamente interessanti.
Sempre ottimo il Capovolto de La Marca di S. Michele, interessante il nuovo metodo classico, mentre non riesco proprio a capire Il Pigro...
Davvero ottimo il moscato d'asti (già della sciagurata 2014) di Tenuta il Falchetto e non male le barbere. Tra i Boca decisamente meglio quelli di Barbaglia, dal tannino cazzuto (e decisamente simpatica la Vespolina) rispetto a quelli di Podere ai Valloni (ossidati e con difetti vari quelli della verticale, ma forse erano bottiglie stanche aperte dal giorno prima, vedo che ad Arnaldo sono piaciuti...).
Ottimo il Cabernet Franc Due Mani, peccato per il prezzo...
In Alto adige non scopro l'acqua calda, segnalo comunque la davvero ottima mano di Manincor su tutta la linea, sia rossi che bianchi, in particolare il Terlaner Reserve della Contessa, e il lagrein di Martin Gojer-Pranzegg (la schiava era decisamente troppo carica per i miei gusti...).
Tra i diversi prosecco assaggiati vince invece decisamente Bele Casel, sia con il Colfondo che con i Charmat.
Riconferma per Antolini, in particolare con l'amarone moropio, e Roccolo grassi, sia con il Soave La Broia che con l'Amarone.
Mi è sembrato già molto buono e privo di rusticherie varie che ogni tanto ha in gioventù il Macchiona 2007, La Stoppa, e sempre ottimi i due vini dolci.

Manifestazione sempre ottimamente organizzata.
Quest'anno mi è mancato però il pane e soppressa toscana de Il Panaio, utile a spezzare gli assaggi,mannaggia.

Dimenticavo: decisamente ridicolo che in una manifestazione che si chiama "Mercato" molti produttori alla domenica avessero esaurito i vini in vendita...
"Il successo di tavernello invita a riflettere"
(Anonimo, bomboletta spray su muro)

"Il vino non lo scegli... è lui che sceglie te"
landmax
Messaggi: 1030
Iscritto il: 13 set 2013 17:49

Re: sabato 29 Piacenza, vignaioli indipendenti

Messaggioda landmax » 07 dic 2014 01:53

Ziliovino ha scritto:Mi è sembrato già molto buono e privo di rusticherie varie che ogni tanto ha in gioventù il Macchiona 2007, La Stoppa, e sempre ottimi i due vini dolci.


Per me molto meglio il Macchiona 2002 che il 2007, la bocca in particolare è due spanne sopra per articolazione gustativa e sensazione di compiutezza del vino. Quanto ai vini dolci non concordo del tutto, certo buoni sono buoni, ma tanto la malvasia che il buca delle canne appaiono un pò troppo carichi, privi di quello slancio gustativo che avevano in passato, vini che non invogliano a un secondo o terzo sorso.
Trovo invece sempre molto buono l'Ageno (2010; il 2011 era assolutamente troppo indietro), dovrebbero soltanto cercare di lavorare per contrastare quella chiusura un pò amaricante che gli impedisce a mio avviso di giocarsela con i migliori macerativi italiani, perché per il resto (ampiezza di profumi, articolazione gustativa, lunghezza) ci siamo veramente. Ma penso che non lo faranno mai, sono troppo integralisti per concepire modifiche ai loro protocolli "non interventisti", questo è il bello, ma anche il principale limite di questa cantina che pure apprezzo, ma che mi dà ogni volta la sensazione di sprecare un potenziale enorme.
Avatar utente
Kalosartipos
Messaggi: 13180
Iscritto il: 07 giu 2007 13:57
Località: Cremona
Contatta:

Re: sabato 29 Piacenza, vignaioli indipendenti

Messaggioda Kalosartipos » 07 dic 2014 09:05

landmax ha scritto:che il buca delle canne

Ma il "Buca delle Canne" lo fanno ancora?
Non aveva espiantato la vigna 4-5 anni fa?
:roll:
"La vita è breve e bisogna che uno se la beva tutta".
Osvaldo Soriano - "L'ora senz'ombra"
alì65
Messaggi: 11761
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: sabato 29 Piacenza, vignaioli indipendenti

Messaggioda alì65 » 07 dic 2014 09:57

Kalosartipos ha scritto:
landmax ha scritto:che il buca delle canne

Ma il "Buca delle Canne" lo fanno ancora?
Non aveva espiantato la vigna 4-5 anni fa?
:roll:


era troppo buono e pulito, hanno visto bene di intraprendere la via dell'ossidazione con Ageno.......blà!!! :?
non so se lo fa ancora, visto il prezzo che saliva ho anche evitato di cercarlo dopo aver avuto problemi per imbottigliamenti non proprio precisi (termine da fascia protetta)
futuro incerto...ma w la gnocca!!!
landmax
Messaggi: 1030
Iscritto il: 13 set 2013 17:49

Re: sabato 29 Piacenza, vignaioli indipendenti

Messaggioda landmax » 07 dic 2014 10:42

alì65 ha scritto:
Kalosartipos ha scritto:
landmax ha scritto:che il buca delle canne

Ma il "Buca delle Canne" lo fanno ancora?
Non aveva espiantato la vigna 4-5 anni fa?
:roll:


era troppo buono e pulito, hanno visto bene di intraprendere la via dell'ossidazione con Ageno.......blà!!! :?
non so se lo fa ancora, visto il prezzo che saliva ho anche evitato di cercarlo dopo aver avuto problemi per imbottigliamenti non proprio precisi (termine da fascia protetta)


Il buca delle canne che ho assaggiato io era ricavato da tre annate diverse, se ricordo bene 05-06-07, per cui è compatibile con il recente espianto. Il punto è che da un semillon in purezza dichiaramente botritizzato mi aspettavo qualcosa di più in termini sia aromatici (la botrytis si sentiva poco o nulla) che soprattutto gustativi, dove come già scritto appariva ben poco dinamico.
Non concordo invece con Alì sull'Ageno, che a mio avviso rimane un vino molto preciso aromaticamente (provare oggi il 2007 per credere), oltre che complesso.
Le maggiori perplessità io le vedo sui rossi, dove si riscontrano molto spesso forti riduzioni (cantina umida, sentori animalieu), che anche dopo ampia ossigenazione faticano ad andar via. Per non parlare della loro scelta infausta di espiantare il cabernet sauvignon, che dava a mio avviso il loro rosso più elegante. Ma tant'è, mi chiedo se l'abbiano fatto solo per scelta radical-chic (ops, scusate, di "aderenza al territorio"..!), come loro dichiarano, oppure magari anche perché facevano un pò fatica a venderlo, non so proprio.
Avatar utente
petitbogho
Messaggi: 3510
Iscritto il: 10 ott 2008 11:01
Località: Salò

Re: sabato 29 Piacenza, vignaioli indipendenti

Messaggioda petitbogho » 08 dic 2014 01:04

Aldo & xoan ha scritto:CATALDI MADONNA
Pecorino Giulia 2013 :D :D :D :shock: ne avevo sentite di magnificenze....ma non pensavo fosse cosi' buono.....non pare nemmeno un bianco italiano.. :D :D ovviamente finito da un pezzo altrimenti ci scappava il cartone.......

...e pensa che quello è il pecorino "base"... :mrgreen:


non ero con voi a Piacenza e magari la bottiglia versione italiana è tutta un'altra cosa, ma quello che ho assaggiato io oggi a pranzo in US non è certo un vino che mi ha reso felice, crudo, limonoso e corto, in una parola? Che nessuno se la pigli ma diciamo pure che per me è un vino "lofe".

all the best :D
claudietto
Messaggi: 789
Iscritto il: 06 giu 2007 11:24
Località: Milano

Re: sabato 29 Piacenza, vignaioli indipendenti

Messaggioda claudietto » 08 dic 2014 02:52

landmax ha scritto:Ma il "Buca delle Canne" lo fanno ancora?
Non aveva espiantato la vigna 4-5 anni fa?

Per non parlare della loro scelta infausta di espiantare il cabernet sauvignon


Noooo, ma che masochismo!
Stoppa (il taglio bordolese) era sicuramente il loro vino più riuscito. E per me era anche molto territoriale, sapeva di Colli Piacentini.
Buca delle Canne e' da un po' che non lo sento, ma a me piaceva.
Comunque con quello che costano i terreni nella zona, molto poco, se avessero avuto bisogno di piantare qualcosa avrebbero potuto comprare un altro paio di ettari e salvare i vitigni francesi. Non sara' per caso che si erano ammalate le piante? Ma anche così perché non ripiantare gli stessi vitigni? Mah...
alì65
Messaggi: 11761
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: sabato 29 Piacenza, vignaioli indipendenti

Messaggioda alì65 » 08 dic 2014 19:57

landmax ha scritto:
alì65 ha scritto:
Kalosartipos ha scritto:
landmax ha scritto:che il buca delle canne

Ma il "Buca delle Canne" lo fanno ancora?
Non aveva espiantato la vigna 4-5 anni fa?
:roll:


era troppo buono e pulito, hanno visto bene di intraprendere la via dell'ossidazione con Ageno.......blà!!! :?
non so se lo fa ancora, visto il prezzo che saliva ho anche evitato di cercarlo dopo aver avuto problemi per imbottigliamenti non proprio precisi (termine da fascia protetta)


Il buca delle canne che ho assaggiato io era ricavato da tre annate diverse, se ricordo bene 05-06-07, per cui è compatibile con il recente espianto. Il punto è che da un semillon in purezza dichiaramente botritizzato mi aspettavo qualcosa di più in termini sia aromatici (la botrytis si sentiva poco o nulla) che soprattutto gustativi, dove come già scritto appariva ben poco dinamico.
Non concordo invece con Alì sull'Ageno, che a mio avviso rimane un vino molto preciso aromaticamente (provare oggi il 2007 per credere), oltre che complesso.
Le maggiori perplessità io le vedo sui rossi, dove si riscontrano molto spesso forti riduzioni (cantina umida, sentori animalieu), che anche dopo ampia ossigenazione faticano ad andar via. Per non parlare della loro scelta infausta di espiantare il cabernet sauvignon, che dava a mio avviso il loro rosso più elegante. Ma tant'è, mi chiedo se l'abbiano fatto solo per scelta radical-chic (ops, scusate, di "aderenza al territorio"..!), come loro dichiarano, oppure magari anche perché facevano un pò fatica a venderlo, non so proprio.


diciamo che la deviazione di Armani negli ultimi anni ha contribuito a rendere questi vini "incomprensibili" per me rispetto alle annate degli anni 90
non credo che Ageno sia dalla vigna di Semillon perché nacque negli anni 2000
quello che non capisco sono queste macerazioni lunghe sui bianchi con inevitabile carica tannica squilibrata e una sensazione di ossidazione (per me è una convinzione, più che sensazione) per una assenza di solfiti
conosco amici che impazziscono per Ageno e per questo nuovo corso (impazziscono anche per Elena!! :mrgreen: )
sarà anche più naturale ma non fa per me
cercherò di bermi qualche annata matura e poi addio...
futuro incerto...ma w la gnocca!!!
landmax
Messaggi: 1030
Iscritto il: 13 set 2013 17:49

Re: sabato 29 Piacenza, vignaioli indipendenti

Messaggioda landmax » 09 dic 2014 16:07

alì65 ha scritto:
landmax ha scritto:
alì65 ha scritto:
Kalosartipos ha scritto:
landmax ha scritto:che il buca delle canne

Ma il "Buca delle Canne" lo fanno ancora?
Non aveva espiantato la vigna 4-5 anni fa?
:roll:


era troppo buono e pulito, hanno visto bene di intraprendere la via dell'ossidazione con Ageno.......blà!!! :?
non so se lo fa ancora, visto il prezzo che saliva ho anche evitato di cercarlo dopo aver avuto problemi per imbottigliamenti non proprio precisi (termine da fascia protetta)


Il buca delle canne che ho assaggiato io era ricavato da tre annate diverse, se ricordo bene 05-06-07, per cui è compatibile con il recente espianto. Il punto è che da un semillon in purezza dichiaramente botritizzato mi aspettavo qualcosa di più in termini sia aromatici (la botrytis si sentiva poco o nulla) che soprattutto gustativi, dove come già scritto appariva ben poco dinamico.
Non concordo invece con Alì sull'Ageno, che a mio avviso rimane un vino molto preciso aromaticamente (provare oggi il 2007 per credere), oltre che complesso.
Le maggiori perplessità io le vedo sui rossi, dove si riscontrano molto spesso forti riduzioni (cantina umida, sentori animalieu), che anche dopo ampia ossigenazione faticano ad andar via. Per non parlare della loro scelta infausta di espiantare il cabernet sauvignon, che dava a mio avviso il loro rosso più elegante. Ma tant'è, mi chiedo se l'abbiano fatto solo per scelta radical-chic (ops, scusate, di "aderenza al territorio"..!), come loro dichiarano, oppure magari anche perché facevano un pò fatica a venderlo, non so proprio.


diciamo che la deviazione di Armani negli ultimi anni ha contribuito a rendere questi vini "incomprensibili" per me rispetto alle annate degli anni 90
non credo che Ageno sia dalla vigna di Semillon perché nacque negli anni 2000
quello che non capisco sono queste macerazioni lunghe sui bianchi con inevitabile carica tannica squilibrata e una sensazione di ossidazione (per me è una convinzione, più che sensazione) per una assenza di solfiti
conosco amici che impazziscono per Ageno e per questo nuovo corso (impazziscono anche per Elena!! :mrgreen: )
sarà anche più naturale ma non fa per me
cercherò di bermi qualche annata matura e poi addio...


Non ho mai detto che Ageno è da uve semillon né che è fatto con le uve prima destinate al buca delle canne, da dove lo hai desunto? Ageno, da quanto ne so io, è un blend di ortrugo e malvasia.
Anch'io, come ho già scritto, ho diverse perplessità sul nuovo corso della Stoppa (sui rossi e sui dolci in particolare: in effetti, il vigna del volta era molto più buono fino agli inizi degli anni 2000, poi si è fatto sempre più pesante e "scuro", molto meglio oggi quella di suo cugino de Il Negrese), tuttavia continuo a credere che l'Ageno sia un vino molto interessante, certo non va bevuto giovane, ed è vero che il tannino è avvertibile, ma non lo trovo affatto squilibrato, di macerativi squilibrati ne ho bevuti tanti, ma Ageno non rientra tra questi, IMHO. Anche la sensazione di ossidazione non la condivido proprio: ho bevuto di recente la 2007 ed era in uno stato smagliante, direi quasi giovane, molto molto lontano da qualsiasi idea di ossidazione o scollinamento.

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: berafede, bobbisolo, dani23, Kalosartipos, latour1966, michelep, Ziliovino e 13 ospiti