Bevute di Novembre

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Avatar utente
Kalosartipos
Messaggi: 13145
Iscritto il: 07 giu 2007 13:57
Località: Cremona
Contatta:

Re: Bevute di Novembre

Messaggioda Kalosartipos » 09 nov 2014 07:36

vinotec ha scritto:...Lorenzo, oltre che "principe del foro"

Beh.. non è bello da dire... :lol: :lol: :mrgreen:
"La vita è breve e bisogna che uno se la beva tutta".
Osvaldo Soriano - "L'ora senz'ombra"
Spectator
Messaggi: 3762
Iscritto il: 06 giu 2007 11:36

Re: Bevute di Novembre

Messaggioda Spectator » 09 nov 2014 11:56

paperofranco ha scritto:
egio ha scritto:Domaine Gauby - Coume Gineste 2008: Esistesse un marchingegno per il teletrasporto, avrebbe la forma di questa bottiglia, e la sua etichetta... Già alla prima snasata, all'apertura (giustamente parecchio anticipata rispetto al momento di servirlo a una temperatura adeguamente rispettosa, ossia appena fresca), ci si trova catapultati a camminare tra queste vigne di grenache di oltre 60 anni, arse dal sole, tra sassi e terra asciutta, vento salato di mare, profumi del finocchio selvatico, della camomilla, di agrumi. Col tempo dall'apertura, vuotato energicamente e in malo modo nei bicchieri, le note più affumicate e piriche lasciano spazio ai fiori gialli, al miele amaro, all'aneto. Il tutto sempre sussurrato, mai invadente o caricaturale, ma netto, precisissimo. In bocca è esplosivo, di acido e minerale. Avvolgente senza nessuna concessione a grassezze o mollezze, ma di una verticalità da paura, con una struttura imponente, in un equilibrio che ha del miracoloso. Se bisognasse trovare per assurdo un anello di congiunzione tra i grandi Trebbiano di Valentini e le migliori riuscite di Coulée de Serrant, ecco, a mezza strada ci sarebbe questa bottiglia. Uno dei più bei bianchi bevuti quest'anno, prodotto in quantità da vino di famiglia, ancora giovanissimo.

Mastroberardino - Taurasi Radici 1998: ci son vini che ho amato tanto, e che da anni, per tanti motivi, mi capita purtroppo sempre più raramente di incrociare. E quando succede, mi rimprovero per non frequentarli di più. Quando da giovane studente universitario i pochi soldi guadagnati tirando calci a un pallone dovevano essere utilizzati al meglio, l'ingegno portava a ricercare in luoghi meno battuti e economicamente più abbordabili le emozioni e le sensazioni che i grandi piemontesi, toscani, veneti dispensavano in quantità ma a prezzi già proibitivi. Montalcino e Supertuscan lasciavano spesso il posto alle splendide riserve di Selvapiana degli anni '80; o ai vecchi e mirabili Vigna Monticchio di Lungarotti. il Nord-Est era al massimo il Capo di Stato di Venegazzù, o il Gemola, o il Ronco dei Roseti, giacché la Valpolicella era roba da poche grandi occasioni. E la austera nobiltà, la si cercava più nell'aglianico che nel nebiolo. Ritrovarsi con questo '98 aperto e bevuto così, al volo, senza tanto sussiego, è stato dunque come incontrare per la strada per caso un vecchio amico, e rendersi conto con piacere che è rimasto lo stesso e, anzi, è pure meglio di come il ricordo ce l'avesse consegnato. Nel bicchiere il colore è di un bel granato intenso, che non dimostra per nulla l'età. I profumi son da subito pieni sulle note di frutti rossi e viola, poi escono leggere le note di erbe aromatiche, grafite, sangue. In bocca è un trionfo immediato, invade e pervade il palato con morbida gentilezza e con decisione. Insomma, lo paragono a un vero "signore" di una volta - e quando un campano è signore, è signore come pochi altri al mondo - che la austera e a volte un po' cruda freddezza del galantuomo piemontese sostituisce con la giovialità e la sapiente convivialità dei suoi luoghi di origine, senza mai essere meno che elegante. Insomma, non sarà più quello delle annate mitiche a cavallo tra '60 e '70, ma mi è tornata voglia di ricomprarne, e di incontrarmi più spesso a dialogare con questo vecchio e caro amico. La grande storia del vino italiano passa sicuramente anche da queste bottiglie.


Belle note, complimenti e grazie, mi sfugge solo il "miele amaro"..... :mrgreen:

A parte gli scherzi, belle note davvero. :wink:


..Quoto.Belle note ,veramente.Ho avuto le stesse sensazioni con la ris 99 di Mastro,ma..ovviamente nn ho saputo descriverle :( IL miele amaro..dovrebbe essere quello di castagno.Uno dei meno dolci ed un tantino..amaro.
Spectator
Messaggi: 3762
Iscritto il: 06 giu 2007 11:36

Re: Bevute di Novembre

Messaggioda Spectator » 09 nov 2014 12:15

..Bouzeron 2012,De Villaine.Giallo paglia brillante con lievi nuance verdoline,naso timidissimo di fiori bianchi,limone,ananas acerbo. Sorso per niente equilibrato,quasi acre con una notevole sensazione di calore che si protrae per tutta la bevuta,rendendola affannosa e poco piacevole ; buona persistenza e il finale amarognolo,che a me piace. Troppo giovane? Boh !Spero sia piu' gratificante il Les Clos Aime', che ho preso assieme a questo Bouzeron.
vinogodi
Messaggi: 28500
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: Bevute di Novembre

Messaggioda vinogodi » 09 nov 2014 12:38

Spectator ha scritto:
vinogodi ha scritto:...stasera sei amici autoselezionati , piccola verticalina di Chambertin Clos de Beze... a domani per un veloce resoconto... 8)


...Io,aspetto le note:D .
...pochi ma buoni , molto buoni , frutto di una ricerca abbastanza forsennate fra le cantine , enoteche e distributori, una specie di monotema per affinità elettiva di un manipolo all'ultimo stadio. Mancava Garum, gran sacerdote del Clos de Beze, ma la rifaremo, magari con un paio di verticaline.Più divento "maturo" e più il mio gustopersonale si sta spostando , come preferenza, sullle finezze e esotericità del Clos de Beze rispetto alla vigorosa baldanza del Chambertin . ... alla fine , Cosa? ...
- Chambertin Clos de Beze Bruno Clair 2006 : è fine ed elegante, rispettoso del palato e di buona complessità. Forse il più "normale" del cioppo ma da solo avrebbe fatto sfracelli ... :D :D :D :D
- Chambertin Clos de Beze Faivelay 2007: comprato, purtroppo, in una enoteca di Parma (in centro) che me l'ha fatto pagare un botto ma sorpresona della serata dove avevo, personalmente , riposto non grandissime aspettative perchè négociant non certo nelle mie corde. Chiarissimo di colore, con naso esplosivo di radici e corteccia, non frutattissimo ma speziatissimo e balsamico ... forse il miglior vino mai bevuto di Favealy ... :D :D :D :D :)
- Chambertin Clos de Beze Drohuin Laroze 2006 : relativamente intenso e molto sussurrato , con note di china e di rabarbaro, sempre bella speziatura e i lamponi ben presenti. Chiude non eterno ma con beva straordinariamente pulente : :D :D :D :D
- Chambertin Clos de Beze 2005 Bart : sempre straordinariamente fine, nonostante l'annata è leggiadro e relativamente intenso cromaticamente. Il naso di grande complessità, con legegrissime note di caffé e di cacao, ma poi esplode la fragolina di bosco e una cannella piacevolissima . Una certezza. :D :D :D :D
- Chambertin Clos de Beze 2006 Lucien Le Moine : altra impressionante prova di complessità e vigore. Rosso deciso luminosissimo, naso pirotecnico, decisamente il più intenso di tutta la batteria, compreso Rousseau. Molto verticale in tutto , anche nella bocca tesa e rigorosa , ancora in pieno divenire ma già oggi impressionante per potentissime sollecitazioni al palato. Attenzione, il tutto giocato con un equilibrio e finezza splendidi. :D :D :D :D :D
- Chambertin Clos de Beze 2007 Rousseau : sempre lui, sempre un caterpillar di sensazioni, variegato, sfaccettato e di una propensione al godimento unici. Rimane monumentale non per struttura ma per il piacere che da . Non sembra un Chambertin quanto un Les Amoureuses per quanto ti accarezza e ti concupisce :D :D :D :D :D
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
Smarco
Messaggi: 3537
Iscritto il: 18 nov 2012 15:01
Località: Ascoli Piceno

Re: Bevute di Novembre

Messaggioda Smarco » 09 nov 2014 16:52

chateau ducru beaucaillou1999 : colore viola tendente al granato/aranciato, naso evoluto e non molto espressivo all inizio, poi col tempo migliora e gli odori si fanno più nitidi e definiti ma comunque niente di eccezionale amarena sotto spirito e spezie, in bocca è un po' meglio forse l ingresso è un po' dolce si sente che c'è materia la beva è piacevole ma il finale non è molto persistente
paperofranco
Messaggi: 5966
Iscritto il: 20 gen 2010 19:16
Località: Poggibonsi

Re: Bevute di Novembre

Messaggioda paperofranco » 09 nov 2014 18:11

Sydney ha scritto:
egio ha scritto:Domaine Gauby - Coume Gineste 2008


E' uno di bianchi che piu' sono curioso di bere. Il Montrachet del sud.
E' passato in qualche lista e me lo sono sempre lasciat sfuggire, per il prezzo ma anche perche' andrebbe, cosi ho letto, bevuto maturo.


Questo non l'ho mai bevuto, ma la D18 di Oliver Pithon per me è un grande bianco da Grenache.
Avatar utente
Andyele
Messaggi: 5141
Iscritto il: 06 feb 2009 17:21
Località: Massa

Re: Bevute di Novembre

Messaggioda Andyele » 09 nov 2014 20:33

Oggi due bianchi molto diversi a confronto: Buisson Battault Meursault 1er Charmes 2010 e Chapoutier Ermitage blanc de l'Orée 1991.
Nonostante mi fossi mentalmente ben predisposto a bere il bianco del Rodano devo ammettere di aver comunque preferito il primo.
L'Ermitage è sicuramente un bel vino, integro, con un naso anche affascinante su note di cera d'api, terroso, fiori gialli e miele. La bocca è larga, con forte carica glicerica ma continuano questi vini a sembrarmi privi di quella tensione, vivacità e contrappunto acido. Carenze queste che me ne limitano la bevibilità soprattutto se accompagnate come in questo caso (e come in altre occasioni con vini bianchi di questa zona) da una chiusura piuttosto amara.
Il Meursault non era da cappottarsi, ancora sicuramente da svolgersi al meglio, ma mi è sembrato una bella interpretazione, misurato ed equilibrato nelle sue componenti e dotato di una certa raffinatezza.
Ziliovino
Messaggi: 3129
Iscritto il: 10 giu 2007 17:48
Località: (Bg)

Re: Bevute di Novembre

Messaggioda Ziliovino » 09 nov 2014 21:58

Colline Novaresi Nebbiolo 2006 – Dessilani. Giunto al capolinea, ma con eleganza: foglie secche, radici, leggera violetta, in bocca ha ancora un bel tannino.

Vernaccia di San Gimignano I Macchioni 2012 – Casa alle Vacche. Bella vernaccia verticale e fresca, precisa, mandorla finale solo accennata, naso floreale. Semplice ma efficace. Sarei curioso di assaggiare la riserva…

Sudtirol Pinot Noir Riserva Montigl 2008 – Terlano. In equilibrio tra frutto ed inizio di terziarizzazione, piacevole ma mi è sembrato davvero piuttosto semplice e di poco carattere…
"Il successo di tavernello invita a riflettere"
(Anonimo, bomboletta spray su muro)

"Il vino non lo scegli... è lui che sceglie te"
Avatar utente
Kalosartipos
Messaggi: 13145
Iscritto il: 07 giu 2007 13:57
Località: Cremona
Contatta:

Re: Bevute di Novembre

Messaggioda Kalosartipos » 09 nov 2014 22:46

Oggi, fra alcune cosette interessanti, questa era veramente degna di nota.. 23 anni di Dolcetto, con ancora strada davanti.
Immagine
"La vita è breve e bisogna che uno se la beva tutta".
Osvaldo Soriano - "L'ora senz'ombra"
vinogodi
Messaggi: 28500
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: Bevute di Novembre

Messaggioda vinogodi » 09 nov 2014 22:48

Kalosartipos ha scritto:Oggi, fra alcune cosette interessanti, questa era veramente degna di nota.. 23 anni di Dolcetto, con ancora strada davanti.
Immagine
...il grande giulo ha colpito ancora... 8)
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
Avatar utente
picenum
Messaggi: 881
Iscritto il: 10 nov 2011 13:50
Località: Roma

Re: Bevute di Novembre

Messaggioda picenum » 10 nov 2014 01:18

Una bevuta da condividere...
Marsala Florio 1939, primo caratello ... il vino più "vecchio" da me bevuto, ancora tanto tanto buono (non chiedetemi altro).
Accanto a questo ci siamo fatti una splendida Couleè de serrant del 99 ed un Amarone Bertani del 75 con tutte le cosette a posto, integrate e ben assestate.
Un po' sottotono invece i Barbaresco Gaja 1986 e Oddero del 1981.
Spectator
Messaggi: 3762
Iscritto il: 06 giu 2007 11:36

Re: Bevute di Novembre

Messaggioda Spectator » 10 nov 2014 08:38

picenum ha scritto:Una bevuta da condividere...
Marsala Florio 1939, primo caratello ... il vino più "vecchio" da me bevuto, ancora tanto tanto buono (non chiedetemi altro).
Accanto a questo ci siamo fatti una splendida Couleè de serrant del 99 ed un Amarone Bertani del 75 con tutte le cosette a posto, integrate e ben assestate.
Un po' sottotono invece i Barbaresco Gaja 1986 e Oddero del 1981.


..Che avete abbinato al Marsala ? Era ancora..dolce o sul secco?Grazie.
paperofranco
Messaggi: 5966
Iscritto il: 20 gen 2010 19:16
Località: Poggibonsi

Re: Bevute di Novembre

Messaggioda paperofranco » 10 nov 2014 10:07

Chianti Classico 2012 Riecine.
Rubino vivo e trasparente. L’impatto al naso è fruttato “caldo”, gelatina di ciliegia; in bocca è più teso e più “chiantigiano”, di buona persistenza. Certo, ce ne sono di Chianti con maggiore personalità di questo, ma è un vino ben fatto, senza essere freddamente tecnico, e si lascia bere con disinvoltura.

Brunello di Montalcino 2006 Baricci.
Granato trasparente, luminoso. Qui invece di carattere ce n’è da vendere, e sa di Montalcino da cima a fondo, fin da subito. Terroso e sanguigno al naso, leggermente speziato. In bocca è “dolce e tenero”, come poche altre volte, forse la 2007; gioca su una tessitura tannica cesellata, per niente estrattiva, e su un finale succoso e sapido. Irresistibile a tavola, e una gran bella versione di questo brunello, da sempre uno dei miei preferiti.
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 11776
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: Bevute di Novembre

Messaggioda Alberto » 10 nov 2014 10:24

Ziliovino ha scritto:Colline Novaresi

Forse... :mrgreen:
Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De Andrè
Avatar utente
Kalosartipos
Messaggi: 13145
Iscritto il: 07 giu 2007 13:57
Località: Cremona
Contatta:

Re: Bevute di Novembre

Messaggioda Kalosartipos » 10 nov 2014 10:39

Alberto ha scritto:
Ziliovino ha scritto:Colline Novaresi

Forse... :mrgreen:

:lol:
"La vita è breve e bisogna che uno se la beva tutta".
Osvaldo Soriano - "L'ora senz'ombra"
Avatar utente
picenum
Messaggi: 881
Iscritto il: 10 nov 2011 13:50
Località: Roma

Re: Bevute di Novembre

Messaggioda picenum » 10 nov 2014 11:10

Spectator ha scritto:
picenum ha scritto:Una bevuta da condividere...
Marsala Florio 1939, primo caratello ... il vino più "vecchio" da me bevuto, ancora tanto tanto buono (non chiedetemi altro).
Accanto a questo ci siamo fatti una splendida Couleè de serrant del 99 ed un Amarone Bertani del 75 con tutte le cosette a posto, integrate e ben assestate.
Un po' sottotono invece i Barbaresco Gaja 1986 e Oddero del 1981.


..Che avete abbinato al Marsala ? Era ancora..dolce o sul secco?Grazie.

naturalmente solo il vetro... classico vino ossidato dalla vita eterna.
Avatar utente
giulo
Messaggi: 583
Iscritto il: 04 ago 2008 10:39
Località: Voghera (PV)
Contatta:

Re: Bevute di Novembre

Messaggioda giulo » 10 nov 2014 11:41

vinogodi ha scritto:
Kalosartipos ha scritto:Oggi, fra alcune cosette interessanti, questa era veramente degna di nota.. 23 anni di Dolcetto, con ancora strada davanti.
Immagine
...il grande giulo ha colpito ancora... 8)


ho solo fatto in modo che la bottiglia arrivasse a tavola nelle migliori condizioni possibili... 8)
Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
www.infowine.com
Avatar utente
il chiaro
Messaggi: 6204
Iscritto il: 07 giu 2007 00:24

Re: Bevute di Novembre

Messaggioda il chiaro » 10 nov 2014 14:19

paperofranco ha scritto:
Sydney ha scritto:
egio ha scritto:Domaine Gauby - Coume Gineste 2008


E' uno di bianchi che piu' sono curioso di bere. Il Montrachet del sud.
E' passato in qualche lista e me lo sono sempre lasciat sfuggire, per il prezzo ma anche perche' andrebbe, cosi ho letto, bevuto maturo.


Questo non l'ho mai bevuto, ma la D18 di Oliver Pithon per me è un grande bianco da Grenache.


Di pithon ottimo pure il cuvée Lais
let me put my love into you babe
let me put my love on the line

let me put my love into you babe
let me cut your cake with my knife

Brian Johnson
Avatar utente
Ludi
Messaggi: 2815
Iscritto il: 22 lug 2008 10:02
Località: Roma

Re: Bevute di Novembre

Messaggioda Ludi » 10 nov 2014 14:47

Weingut Karlsmuhle, Riesling Selektion Quartzschiefer 2003: intenso ed avvolgente, a conferma del fatto che una delle migliori zone per la 2003 è stata proprio la Germania.
Schlumberger, Riesling Saering 2005: mi è piaciuto di meno: è esile, anche se elegante, ma debbo dire che Schlumberger raramente mi emoziona.
Les Vins de Vienne, Sotanum 2007: deliziosamente mediterraneo, con molta pasta d'olive ed una speziatura fine e coinvolgente. Davvero un bel vino.
G. Mascarello, Freisa Toetto 2006: davvero buonissima questa Freisa, che la signora Mascarello ci sponsorizzò molto quando andammo in visita: Ha ancora qualche buon annetto davanti.
E. Pira, Barbera d'Alba 2007: anche qui, bella bevuta. Molto intenso e fruttato, decisamente giovanile, godurioso.
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 11776
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: Bevute di Novembre

Messaggioda Alberto » 10 nov 2014 19:32

Ieri a pranzo, tra altre cose:
Friuli Isonzo Merlot, Carlo di Pradis, 2010 (13%)
Bel colore rubino scuro brillante. Nasino non ampio ma preciso, giocato sul binomio viola-chicco di caffè di prammatica, bocca quasi severa nel tannino (rispecchia l'annata), un po' esile, con attacco torbato e prosecuzione su toni terrosi "freddi" quasi da argilla umida, più che vegetali. Non, male tutto considerato.
Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De Andrè
vinogodi
Messaggi: 28500
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: Bevute di Novembre

Messaggioda vinogodi » 10 nov 2014 21:09

...ho in tavola, con culatello e pancetta steccata, due Lambrusco : Castelvetro amabile Villa di Corlo e Lambrusco "abboccato" Cavalcabò della Cantina di Viadana... sapete che sto godendo come un suino? ... 8)
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
romanee'
Messaggi: 6343
Iscritto il: 27 apr 2009 15:15

Re: Bevute di Novembre

Messaggioda romanee' » 10 nov 2014 21:11

vinogodi ha scritto:...ho in tavola, con culatello e pancetta steccata, due Lambrusco : Castelvetro amabile Villa di Corlo e Lambrusco "abboccato" Cavalcabò della Cantina di Viadana... sapete che sto godendo come un suino? ... 8)

maialone..... :lol: :lol:
SPEDISCO SOLITAMENTE DOPO 1 O 2 GIORNI DAL PAGAMENTO...MA A MOLTI HO SPEDITO E SPEDIRO' ANCOR PRIMA.. :D :wink:
Avatar utente
arnaldo
Messaggi: 8669
Iscritto il: 07 giu 2007 08:21
Località: Bassano del Grappa

Re: Bevute di Novembre

Messaggioda arnaldo » 11 nov 2014 08:56

Nel weekend
MARKUS MOLITOR - Riesling Saar Alte Reben 2004 - paglierino pieno. Naso che profuma di frutta gialla,con zaffate gliceriche,su sottofondo di lieve carburico. Bocca golosa,ampia,fitta,irradia il palato di sensazioni fruttate in macedonia con finale lungo ed appagante. Come evolvono bene sti 2004 teutonici......avanti con la rassegna...
;LES CLOS PERDUS - Corbieres Mire La Mer 2011 - rubino violaceo. sanguigno,foxi,frutti neri,refoli di macchia il tutto in un quadro un po' confuso.....bocca fitta,trama molto interessante,ancora scomposto ma pieno di belle cose,stesse impressioni rilevate a ViniVeri, necessita ancora di attesa in vetro per dare il meglio di se'. Azienda da seguire indubbiamente.
follow my tasting notes and pics on http://instagram.com/ARNALDO2262/
luc83
Messaggi: 414
Iscritto il: 10 ott 2008 14:56
Località: busto arsizio
Contatta:

Re: Bevute di Novembre

Messaggioda luc83 » 11 nov 2014 12:22

Lambrusco "abboccato" Cavalcabò della Cantina di Viadana

è sempre stato abboccato Marco?
ne ho ordinato un cartone perchè sono quasi due anni che non lo bevo.

come sono gli altri loro prodotti?
vinogodi
Messaggi: 28500
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: Bevute di Novembre

Messaggioda vinogodi » 11 nov 2014 13:20

luc83 ha scritto:Lambrusco "abboccato" Cavalcabò della Cantina di Viadana

è sempre stato abboccato Marco?
ne ho ordinato un cartone perchè sono quasi due anni che non lo bevo.

come sono gli altri loro prodotti?
... un residuo zuccherino l'ha sempre avuto , ma non l'ho mai notato in etichetta. Da un paio d'anni, forse per correttezza, hanno aggiunto questa dizione. Forse non lo mettevano perchè è il tipico filone di Lambrusconi di stazza che hanno bisogno, per tradizione, di essere arrotondati , come si faceva una volta con l'aggiunta di Fortanina oppure Lancellotta. Diciamo sulla tradizione , anche parmense, del Marcello, dell'Otello & C , solo che loro non lo riportano in etichetta anche con residui di oltre 15 g/l , forse proprio perchè "Il Lambrusco" era concepito così ...
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Biavo, Konstantin_Levin88, lorenzodom, teo777full e 1 ospite