Dr.F.Weins-Prumm

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Avatar utente
Kalosartipos
Messaggi: 13169
Iscritto il: 07 giu 2007 13:57
Località: Cremona
Contatta:

Re: Dr.F.Weins-Prumm

Messaggioda Kalosartipos » 21 mag 2014 20:41

pippuz ha scritto:Per quanto riguarda questo vino in particolare, tutte le volte che l'ho aperto non ne è mai arrivata una goccia nemmeno agli antipasti. :mrgreen:

Un perfetto aperitivo :mrgreen:
"La vita è breve e bisogna che uno se la beva tutta".
Osvaldo Soriano - "L'ora senz'ombra"
vinogodi
Messaggi: 28606
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: Dr.F.Weins-Prumm

Messaggioda vinogodi » 21 mag 2014 21:34

...vi dirò:come tentativo "estremo" ho diluito il cappuccino (con molta schiuma e doppio caffè) con un TRocken di Donnhoff e devo dire che, finalmente, ho trovato una stortura nell'utilizzo del Riesling ... 8)
PS: sarei però curioso di provare un Trockenbeerenauslese invecchiato di Egon Muller con 'du spaghi alle telline ...
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
paperofranco
Messaggi: 5966
Iscritto il: 20 gen 2010 19:16
Località: Poggibonsi

Re: Dr.F.Weins-Prumm

Messaggioda paperofranco » 22 mag 2014 09:00

Pigigres ha scritto:
paperofranco ha scritto:Scusami Davide, GG sta per?
Comunque, io trovo che i classici trocken, siano anch’essi poco adatti alla tavola, almeno per quel che ho sentito. Sembra di bere l’acido, godimento zero, ma veramente trovi che abbiano della personalità? Secondo me non sanno di nulla; se Mosella dev’essere, che sia classica, cioè con lo zucchero, e non delle forzate versioni secche fatte per il mercato estero.

Scusa papero, quali Trocken di quali produttori hai sentito per esprimerti così categoricamente? La Germania è grande, ci sono tanti "distretti" diversi, ognuno con le proprie diversità: un Riesling della Franken non è simile ad uno della Nahe che non è simile ad uno di Mosella, che non è simile ad uno della Pfalz, etc. Certamente la Mosella non è la zona più indicata per bere Riesling Trocken, essendo la zona più fredda dove generalmente l'uva fatica più che altrove a maturare, e quindi a volte può capitare di incontrare vini esageratamente acidi e squilibrati, ma ci si può spostare tranquillamente in altre zone dove si hanno magari delle versioni più ricche/strutturate/morbide. Sinceramente non capisco perchè ogni volta che si parla di Germania ci si debba automaticamente limitare alla Mosella, boh. A parte poi che è estremamente difficile trovare Trocken con meno di 3 g/l, quindi veramente secchi non lo sono mai; inoltre i GG devono per forza avere il grado di maturazione delle uve corrispondente allo Spatlese, come è scritto nero su bianco nel regolamento della VDP, e molto spesso in realtà sono degli Auslese, dunque uno sa già dall'etichetta che non si andrà certamente incontro ad un vinellino esilino. Per quanto riguarda la personalità, sinceramente mi trovo spiazzato; sono vini di cui 9 volte su 10 alla cieca ne riconosci vitigno e zona dopo un secondo, un vino senza personalità è un vino generico che può essere facilmente confuso con altro. Per quanto riguarda il discorso abbinamenti, beh qui si entra nel soggettivo ma, utilizzando un'iperbole non mia, dico che "giocando tra zuccheri, maturazione e invecchiamento si può abbinare Riesling a qualsiasi cosa" (cit.)


Ero tra il serio e il facèto, d’altronde non potrei essere seriamente categorico non avendo grande esperienza di bevute di questi vini e non essendo uno stupido. Penso che il mitico chiaro, da me citato, abbia colto l’ironia, conoscendomi un po’, forumisticamente.
So bene che è un panorama complesso, conosco le differenze a livello teorico e didattico per aver ben studiato l’argomento; non ho bevuto molti vini, e soprattutto non ho bevuto i più prestigiosi e costosi. Ovviamente non mi ricordo i nomi e anche se me li ricordassi mi farebbe fatica scriverli perché è una lingua che non sopporto. Per quel che ho bevuto, non essendo scoccata la scintilla e avendo deciso di non incaponirmi poiché la vita è breve, sono giunto a queste conclusioni: la tipologia “classico”, quella con residuo zuccherino tanto per intendersi, non m’interessa, non è e difficilmente sarà mai nelle mie corde; la tipologia “secco”, al momento idem come sopra, avendo sentito solo cose iper-acide. Quanto alla personalità, non mi riferivo alla riconoscibilità del carattere varietale o del territorio di provenienza, ma a quel qualcosa che cattura l’attenzione di chi beve. La mia non è mai stata catturata da questi vini.
Non ultima, ho usato volutamente un tono tranciante, seppure di natura ironica, sapendo di parlare di una denominazione ricca che gode di largo seguito e apprezzamento; non mi sarei mai espresso in questi termini parlando della Vernaccia di Serrapetrona.
Sul discorso “abbinamenti” col cibo, resto tranquillo della mia idea senza la pretesa di voler convincere nessuno: secondo me sono vini ben poco gastronomici, soprattutto se trasportati sulle nostre tavole e accostati ai nostri piatti(quando ho detto “mangiare bene” e “stare bene a tavola”, mi riferivo alla nostra meravigliosa cucina, non certo alle cazzate etniche o le puttanate improbabili che ci propinano quotidianamente i cuochi-tele-venditori).

Ciao Francesco :D .
davidef
Messaggi: 7791
Iscritto il: 06 giu 2007 17:23
Località: Vicenza

Re: Dr.F.Weins-Prumm

Messaggioda davidef » 22 mag 2014 09:10

paperofranco ha scritto: la tipologia “classico”, quella con residuo zuccherino tanto per intendersi, non m’interessa, non è e difficilmente sarà mai nelle mie corde; la tipologia “secco”, al momento idem come sopra, avendo sentito solo cose iper-acide. Quanto alla personalità, non mi riferivo alla riconoscibilità del carattere varietale o del territorio di provenienza, ma a quel qualcosa che cattura l’attenzione di chi beve. La mia non è mai stata catturata da questi vini.


no...dico...hai persino resuscitato Pigigres...vuoi mettere ? :mrgreen: (ciao Pigi, tutto bene ? :D )

scherzi a parte leggendo questo passaggio ti faccio una domanda, per curiosità con Loira, sponda Anjou (ma non solo) per capirci, come sei messo ? perchè io proprio ragionando su quanto sopra da diverso tempo ormai bevo delle cose fascinosissime da questa area dove anche la presenza volte di un microresiduo (o di qualcosa di più di micro) mi da vini comunque anche più completi dove la quota acida/dura si integra a meraviglia, trovo che il giochino riesca meglio quà che altrove ed il risultato anche a tavola è spesso straordinario come ecletticità

:roll:
paperofranco
Messaggi: 5966
Iscritto il: 20 gen 2010 19:16
Località: Poggibonsi

Re: Dr.F.Weins-Prumm

Messaggioda paperofranco » 23 mag 2014 08:41

davidef ha scritto:
paperofranco ha scritto: la tipologia “classico”, quella con residuo zuccherino tanto per intendersi, non m’interessa, non è e difficilmente sarà mai nelle mie corde; la tipologia “secco”, al momento idem come sopra, avendo sentito solo cose iper-acide. Quanto alla personalità, non mi riferivo alla riconoscibilità del carattere varietale o del territorio di provenienza, ma a quel qualcosa che cattura l’attenzione di chi beve. La mia non è mai stata catturata da questi vini.


no...dico...hai persino resuscitato Pigigres...vuoi mettere ? :mrgreen: (ciao Pigi, tutto bene ? :D )

scherzi a parte leggendo questo passaggio ti faccio una domanda, per curiosità con Loira, sponda Anjou (ma non solo) per capirci, come sei messo ? perchè io proprio ragionando su quanto sopra da diverso tempo ormai bevo delle cose fascinosissime da questa area dove anche la presenza volte di un microresiduo (o di qualcosa di più di micro) mi da vini comunque anche più completi dove la quota acida/dura si integra a meraviglia, trovo che il giochino riesca meglio quà che altrove ed il risultato anche a tavola è spesso straordinario come ecletticità

:roll:


Chiedendo scusa a spectator per l'OT, su Loira Anjou sono messo maluccio, nel senso che conosco molto poco. Coulée de Serrant si può considerare Anjou? Sì dai; è l'unico che conosco e mi piace molto, anche nelle versioni un po' più ricche. Mi piacerebbe provare qualcosa di Mark Angeli, e dovrebbe essere proprio Anjou, giusto? Sempre in tema di chenin blanc, conosco un po' meglio la zona Vouvray e la sponda dirimpettaia Montlouis, i cui vini apprezzo ad esempio nelle versioni secche di Philippe Foreau e Francois Chidaine, ma vorrei approfondire. Mi piace quella scossa elettrica data dalla spina acida che innerva la dinamica gustativa, ma con il frutto puro sempre al centro.
davidef
Messaggi: 7791
Iscritto il: 06 giu 2007 17:23
Località: Vicenza

Re: Dr.F.Weins-Prumm

Messaggioda davidef » 23 mag 2014 09:04

paperofranco ha scritto:
davidef ha scritto:
paperofranco ha scritto: la tipologia “classico”, quella con residuo zuccherino tanto per intendersi, non m’interessa, non è e difficilmente sarà mai nelle mie corde; la tipologia “secco”, al momento idem come sopra, avendo sentito solo cose iper-acide. Quanto alla personalità, non mi riferivo alla riconoscibilità del carattere varietale o del territorio di provenienza, ma a quel qualcosa che cattura l’attenzione di chi beve. La mia non è mai stata catturata da questi vini.


no...dico...hai persino resuscitato Pigigres...vuoi mettere ? :mrgreen: (ciao Pigi, tutto bene ? :D )

scherzi a parte leggendo questo passaggio ti faccio una domanda, per curiosità con Loira, sponda Anjou (ma non solo) per capirci, come sei messo ? perchè io proprio ragionando su quanto sopra da diverso tempo ormai bevo delle cose fascinosissime da questa area dove anche la presenza volte di un microresiduo (o di qualcosa di più di micro) mi da vini comunque anche più completi dove la quota acida/dura si integra a meraviglia, trovo che il giochino riesca meglio quà che altrove ed il risultato anche a tavola è spesso straordinario come ecletticità

:roll:


Chiedendo scusa a spectator per l'OT, su Loira Anjou sono messo maluccio, nel senso che conosco molto poco. Coulée de Serrant si può considerare Anjou? Sì dai; è l'unico che conosco e mi piace molto, anche nelle versioni un po' più ricche. Mi piacerebbe provare qualcosa di Mark Angeli, e dovrebbe essere proprio Anjou, giusto? Sempre in tema di chenin blanc, conosco un po' meglio la zona Vouvray e la sponda dirimpettaia Montlouis, i cui vini apprezzo ad esempio nelle versioni secche di Philippe Foreau e Francois Chidaine, ma vorrei approfondire. Mi piace quella scossa elettrica data dalla spina acida che innerva la dinamica gustativa, ma con il frutto puro sempre al centro.


Scusa Spectator... :oops:

il tratto che ti ho evidenziato è centratissimo, togliamo Coulée (Savennieres) che ormai va sulla maturazione molto spinta del frutto ai limiti e che ha una strada tutta sua, Vouvray e Montlouis fanno già altre dinamiche per la presenza spesso di un tratto più floreale che comunque mi piace moltissimo sia chiaro ma il tipo di percezione palpabile in bocca è più in secondo piano

io mi riferirisco maggiormente ad Anjou, per capirci te ne cito qualcuno, proprio perchè la parte dinamica è ancora più soprendente

qualche esempio:

Stephane Bernaudeau - Anjou Les Nourissons (da vigne centenarie)
Sansonniere /Mark Angeli - VdT Les Blanderies Vielles Vignes (solo se hai la certezza della conservazione della bottiglia, dagli tanta aria), anche i suoi vini minori però interessanti
Richard Leroy - VdT Les Noels de Montbenault (vedi sopra, vino spaziale nelle annate 2008/2010)
Patrick Baudouin - Anjou Le Cornillard (forse il più secco apparentemente - rapporto q/p favoloso, 22€ su mercato francese), interessante anche il suo Savennieres anzi, decisamente buono

in realtà ce ne sono molti altri, diciamo che questi bene o male potresti riuscire a reperirli

poi, essendo più estremi, il giochino sopra citato lo ritrovi anche su una microzona che da cose veramente particolari ovvero la AOC Jasniéres, magari se becchi Calligramme di Domaine de Belliviere in annata giusta (ovvero secca tipo 2010) poi ne riparliamo

io sono innamorato di questi vini al punto che, nella mia cantina, Loira ha superato da un po' Borgogna bianca, ci sono dei tratti più giuzzanti, maggior movimento nel bicchiere, delle "imprevedibilità" nella continuità dello stile del produttore che creano momenti di beva diversi

tornano al punto originario quindi, se voglio giocare col cibo scherzando sul microresiduo dolce/parti dure , questi vini per me gastronomicamente sono perfettamente eclettici
vinogodi
Messaggi: 28606
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: Dr.F.Weins-Prumm

Messaggioda vinogodi » 23 mag 2014 09:42

davidef ha scritto:...io sono innamorato di questi vini al punto che, nella mia cantina, Loira ha superato da un po' Borgogna bianca, ci sono dei tratti più giuzzanti, maggior movimento nel bicchiere, delle "imprevedibilità" nella continuità dello stile del produttore che creano momenti di beva diversi


... purtroppo l'età mi ha ridotto sia il campo visivo che la discriminante interpretativa di lettura . Sto cercando con la lente nel post , ma proprio non riesco a leggere "secondo me" da nessuna parte ... eppure ci deve essere... Davidef, mi aiuti a tirarlo fuori , visto che hai scritto tu? ... 8)
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
davidef
Messaggi: 7791
Iscritto il: 06 giu 2007 17:23
Località: Vicenza

Re: Dr.F.Weins-Prumm

Messaggioda davidef » 23 mag 2014 09:49

vinogodi ha scritto:
davidef ha scritto:...io sono innamorato di questi vini al punto che, nella mia cantina, Loira ha superato da un po' Borgogna bianca, ci sono dei tratti più giuzzanti, maggior movimento nel bicchiere, delle "imprevedibilità" nella continuità dello stile del produttore che creano momenti di beva diversi


... purtroppo l'età mi ha ridotto sia il campo visivo che la discriminante interpretativa di lettura . Sto cercando con la lente nel post , ma proprio non riesco a leggere "secondo me" da nessuna parte ... eppure ci deve essere... Davidef, mi aiuti a tirarlo fuori , visto che hai scritto tu? ... 8)



no, sono assoluto, ci sono e basta :mrgreen:

poi, Vinogodi, contestualizza però anche i valori in campo di raffronto...non mettiamoci poi a filosofeggiare su Coche & C. ma ragioniamo su quel target di bottiglie da cinquantello che in Borgogna bianca sono oramai lo standard, su questi vini sono assolutamente convinto di quanto detto, in modo incontrovertibile, assoluto, totale, non ci può essere nessuna diversità di veduta :mrgreen: :mrgreen:

se tu, con una cifra che va dai 18 ai 35 € (perchè quelli sono i costi finiti delle bottiglie che io cito), riesci ad avere nel bicchiere quello che intendo io andando in altre aree, allora mi rimangio tutto...ma ho paura che.... 8)
alì65
Messaggi: 11756
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: Dr.F.Weins-Prumm

Messaggioda alì65 » 23 mag 2014 10:12

Davide, appoggio; Borgogna solo in annatona e top di gamma altrimenti passo tranne qualche cosina a Corton e Meursault...

e perché questo non è buono!!!! :shock: Savennières, Chateau de Verennes
il 2010 Calligramme m'è scappato
futuro incerto...ma w la gnocca!!!
Avatar utente
Pigigres
Messaggi: 3757
Iscritto il: 10 feb 2010 20:17
Località: Mediolanum

Re: Dr.F.Weins-Prumm

Messaggioda Pigigres » 23 mag 2014 10:34

paperofranco ha scritto:la tipologia “secco”, al momento idem come sopra, avendo sentito solo cose iper-acide.

Se è solo questo il problema, io davvero ti consiglierei di provare qualcosa fuori dalla Mosella. Prova Wittmann in Rheinhessen come consigliava sopra Davidef (a proposito, tutto bene grazie :mrgreen: ), oppure Weil in Rheingau, o, ancora meglio, prova qualcosa della Pfalz che è, diciamo banalizzando all'estremo ( :oops: ), la zona da dove vengono i Trocken più strutturati e potenti: di recente, per fare un esempio, con Pippuz e altri abbiamo bevuto l'intera gamma dei Grosse Gewachs 2011 di Von Buhl, a parte che erano vini imho bellissimi, le acidità in media stavano sui 6 g/l, che è un valore medio alto ma non estremo, e sopratutto erano integrate con la polpa e il minerale. Oppure se ami il Piemonte, le marne bianche della Franken potrebbero darti soddisfazioni... :wink:

Ciao. :D
In this land
There shall be one cigarette to two men,
To two women one half pint of bitter
Ale. In this land
No man has hired us.
Our life is unwelcome, our death
Unmentioned in "The Times."
davidef
Messaggi: 7791
Iscritto il: 06 giu 2007 17:23
Località: Vicenza

Re: Dr.F.Weins-Prumm

Messaggioda davidef » 23 mag 2014 10:56

Pigigres ha scritto:
paperofranco ha scritto:la tipologia “secco”, al momento idem come sopra, avendo sentito solo cose iper-acide.

Se è solo questo il problema, io davvero ti consiglierei di provare qualcosa fuori dalla Mosella. Prova Wittmann in Rheinhessen come consigliava sopra Davidef (a proposito, tutto bene grazie :mrgreen: ), oppure Weil in Rheingau, o, ancora meglio, prova qualcosa della Pfalz che è, diciamo banalizzando all'estremo ( :oops: ), la zona da dove vengono i Trocken più strutturati e potenti: di recente, per fare un esempio, con Pippuz e altri abbiamo bevuto l'intera gamma dei Grosse Gewachs 2011 di Von Buhl, a parte che erano vini imho bellissimi, le acidità in media stavano sui 6 g/l, che è un valore medio alto ma non estremo, e sopratutto erano integrate con la polpa e il minerale. Oppure se ami il Piemonte, le marne bianche della Franken potrebbero darti soddisfazioni... :wink:

Ciao. :D


quà mi gioco il Jolly, bevo con soddisfazione i vini di Burklin-Wolf e quà ci siamo senza se e senza ma, Jesuitengarten e Hohenmorgen sempre a livelli altissimi, Kirchenstuck a livelli assoluti...da provare assolutamente, il problema però è che (e si torna sempre là) questi vini mica te li regalano e servono dai 45 ai 75 eurozzi quando son comprati bene

insomma, dal poco che capisco , cercando volutamente di banalizzare, da quando compricchio qualche tedesco bevo mosella se voglio un aperitivo a buon mercato o un divertissement, bevo altre zone teutoniche ad altri costi se voglio un vino con i controfiocchi (per me che amo i secchi, ovvio)
vinogodi
Messaggi: 28606
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: Dr.F.Weins-Prumm

Messaggioda vinogodi » 23 mag 2014 11:15

davidef ha scritto:
vinogodi ha scritto:
davidef ha scritto:...io sono innamorato di questi vini al punto che, nella mia cantina, Loira ha superato da un po' Borgogna bianca, ci sono dei tratti più giuzzanti, maggior movimento nel bicchiere, delle "imprevedibilità" nella continuità dello stile del produttore che creano momenti di beva diversi


... purtroppo l'età mi ha ridotto sia il campo visivo che la discriminante interpretativa di lettura . Sto cercando con la lente nel post , ma proprio non riesco a leggere "secondo me" da nessuna parte ... eppure ci deve essere... Davidef, mi aiuti a tirarlo fuori , visto che hai scritto tu? ... 8)



no, sono assoluto, ci sono e basta :mrgreen:
poi, Vinogodi, contestualizza però anche i valori in campo di raffronto...non mettiamoci poi a filosofeggiare su Coche & C. ma ragioniamo su quel target di bottiglie da cinquantello che in Borgogna bianca sono oramai lo standard, su questi vini sono assolutamente convinto di quanto detto, in modo incontrovertibile, assoluto, totale, non ci può essere nessuna diversità di veduta :mrgreen: :mrgreen:

se tu, con una cifra che va dai 18 ai 35 € (perchè quelli sono i costi finiti delle bottiglie che io cito), riesci ad avere nel bicchiere quello che intendo io andando in altre aree, allora mi rimangio tutto...ma ho paura che.... 8)

...certo, certo ... diciamo che prima a) ... "sono assoluto" ...., poi b)...relativo al prezzo... siamo in due universi diversi:
a) E' una "scicchezzuola" ( a tutti può scappare per impeto qualche cazzatella) con cui non concordo per niente
b) E' una grande verità che mi fa quotare senza riserve :lol:
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
davidef
Messaggi: 7791
Iscritto il: 06 giu 2007 17:23
Località: Vicenza

Re: Dr.F.Weins-Prumm

Messaggioda davidef » 23 mag 2014 11:32

vinogodi ha scritto:
davidef ha scritto:
vinogodi ha scritto:
davidef ha scritto:...io sono innamorato di questi vini al punto che, nella mia cantina, Loira ha superato da un po' Borgogna bianca, ci sono dei tratti più giuzzanti, maggior movimento nel bicchiere, delle "imprevedibilità" nella continuità dello stile del produttore che creano momenti di beva diversi


... purtroppo l'età mi ha ridotto sia il campo visivo che la discriminante interpretativa di lettura . Sto cercando con la lente nel post , ma proprio non riesco a leggere "secondo me" da nessuna parte ... eppure ci deve essere... Davidef, mi aiuti a tirarlo fuori , visto che hai scritto tu? ... 8)



no, sono assoluto, ci sono e basta :mrgreen:
poi, Vinogodi, contestualizza però anche i valori in campo di raffronto...non mettiamoci poi a filosofeggiare su Coche & C. ma ragioniamo su quel target di bottiglie da cinquantello che in Borgogna bianca sono oramai lo standard, su questi vini sono assolutamente convinto di quanto detto, in modo incontrovertibile, assoluto, totale, non ci può essere nessuna diversità di veduta :mrgreen: :mrgreen:

se tu, con una cifra che va dai 18 ai 35 € (perchè quelli sono i costi finiti delle bottiglie che io cito), riesci ad avere nel bicchiere quello che intendo io andando in altre aree, allora mi rimangio tutto...ma ho paura che.... 8)

...certo, certo ... diciamo che prima a) ... "sono assoluto" ...., poi b)...relativo al prezzo... siamo in due universi diversi:
a) E' una "scicchezzuola" ( a tutti può scappare per impeto qualche cazzatella) con cui non concordo per niente
b) E' una grande verità che mi fa quotare senza riserve :lol:



se fossimo vicini ti sfiderei all'ultima bottiglia, un bel 4 contro 4 secco :lol:

tu metti 4 bocce Borgognifere target finito 50, io metto 4 Loiri target finito 50, un testa a testa secco e serrato...dopo potremo riparlarne 8)

ma hai bevuto i vini che ho citato ? per curiosità ? :roll:
vinogodi
Messaggi: 28606
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: Dr.F.Weins-Prumm

Messaggioda vinogodi » 23 mag 2014 11:46

davidef ha scritto:
vinogodi ha scritto:
davidef ha scritto:
vinogodi ha scritto:
davidef ha scritto:...io sono innamorato di questi vini al punto che, nella mia cantina, Loira ha superato da un po' Borgogna bianca, ci sono dei tratti più giuzzanti, maggior movimento nel bicchiere, delle "imprevedibilità" nella continuità dello stile del produttore che creano momenti di beva diversi


... purtroppo l'età mi ha ridotto sia il campo visivo che la discriminante interpretativa di lettura . Sto cercando con la lente nel post , ma proprio non riesco a leggere "secondo me" da nessuna parte ... eppure ci deve essere... Davidef, mi aiuti a tirarlo fuori , visto che hai scritto tu? ... 8)



no, sono assoluto, ci sono e basta :mrgreen:
poi, Vinogodi, contestualizza però anche i valori in campo di raffronto...non mettiamoci poi a filosofeggiare su Coche & C. ma ragioniamo su quel target di bottiglie da cinquantello che in Borgogna bianca sono oramai lo standard, su questi vini sono assolutamente convinto di quanto detto, in modo incontrovertibile, assoluto, totale, non ci può essere nessuna diversità di veduta :mrgreen: :mrgreen:

se tu, con una cifra che va dai 18 ai 35 € (perchè quelli sono i costi finiti delle bottiglie che io cito), riesci ad avere nel bicchiere quello che intendo io andando in altre aree, allora mi rimangio tutto...ma ho paura che.... 8)

...certo, certo ... diciamo che prima a) ... "sono assoluto" ...., poi b)...relativo al prezzo... siamo in due universi diversi:
a) E' una "scicchezzuola" ( a tutti può scappare per impeto qualche cazzatella) con cui non concordo per niente
b) E' una grande verità che mi fa quotare senza riserve :lol:



se fossimo vicini ti sfiderei all'ultima bottiglia, un bel 4 contro 4 secco :lol:

tu metti 4 bocce Borgognifere target finito 50, io metto 4 Loiri target finito 50, un testa a testa secco e serrato...dopo potremo riparlarne 8)

ma hai bevuto i vini che ho citato ? per curiosità ? :roll:

...e quando mai... io scrivo solo dopo aver scandagliato in lungo e in largo google ... perchè dovrei essere diverso da tanti altri amici forumisti? :lol:
PS: tu metti pure le bocce da "50" di Loira , io metto quelle che voglio di Borgogna, se vogliamo rimanere al "punto a)" ... sul "punto b)" mi sembra di essere stato chiaro concordando , anche se non vorrei generalizzare .... 8) in quanto , salvo Chablis, non sono avezzo a frequentare le "cattive compagnie" under 50 di Borgogna Bianca...
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7746
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: Dr.F.Weins-Prumm

Messaggioda zampaflex » 23 mag 2014 12:18

davidef ha scritto:
tu metti 4 bocce Borgognifere target finito 50, io metto 4 Loiri target finito 50, un testa a testa secco e serrato...dopo potremo riparlarne 8)

ma hai bevuto i vini che ho citato ? per curiosità ? :roll:


Ma ce n'è di Loira Bianca sopra 50, a parte Joly, Dagueneau e il Saumur Brézé? :D
Ultima modifica di zampaflex il 23 mag 2014 12:49, modificato 1 volta in totale.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 7746
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: Dr.F.Weins-Prumm

Messaggioda zampaflex » 23 mag 2014 12:27

davidef ha scritto:io mi riferirisco maggiormente ad Anjou, per capirci te ne cito qualcuno, proprio perchè la parte dinamica è ancora più soprendente

qualche esempio:

Stephane Bernaudeau - Anjou Les Nourissons (da vigne centenarie)
Sansonniere /Mark Angeli - VdT Les Blanderies Vielles Vignes (solo se hai la certezza della conservazione della bottiglia, dagli tanta aria), anche i suoi vini minori però interessanti
Richard Leroy - VdT Les Noels de Montbenault (vedi sopra, vino spaziale nelle annate 2008/2010)
Patrick Baudouin - Anjou Le Cornillard (forse il più secco apparentemente - rapporto q/p favoloso, 22€ su mercato francese), interessante anche il suo Savennieres anzi, decisamente buono

in realtà ce ne sono molti altri, diciamo che questi bene o male potresti riuscire a reperirli

poi, essendo più estremi, il giochino sopra citato lo ritrovi anche su una microzona che da cose veramente particolari ovvero la AOC Jasniéres, magari se becchi Calligramme di Domaine de Belliviere in annata giusta (ovvero secca tipo 2010) poi ne riparliamo

io sono innamorato di questi vini al punto che, nella mia cantina, Loira ha superato da un po' Borgogna bianca, ci sono dei tratti più giuzzanti, maggior movimento nel bicchiere, delle "imprevedibilità" nella continuità dello stile del produttore che creano momenti di beva diversi

tornano al punto originario quindi, se voglio giocare col cibo scherzando sul microresiduo dolce/parti dure , questi vini per me gastronomicamente sono perfettamente eclettici


Franco, citofona al Chiaro per una discreta selezione di Loira a portata di mano. Purtroppo le enoteche di quella zona non spediscono in Italia, ma qualcuna che lavori prettamente on line c'è.
E se volete darvi al raro, provate anche il Romorantin in purezza (appellation Cour-Cheverny).
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Nebbiolino
Messaggi: 6732
Iscritto il: 06 feb 2008 21:53

Re: Dr.F.Weins-Prumm

Messaggioda Nebbiolino » 24 mag 2014 16:26

Spectator ha scritto:...Wehlener Sonnenuhr, Riesling Spatlese 2009.Gradi alcool 12%,comprato e dimenticato.Ma quanto e'..dolce: poco,assai,mediamente :( ? Con pietanze di..mare ,a cosa lo posso abbinare ? Stessa domanda per : Willi Schaefer ,Graacher Domprobst Riesling Kabinett 2009,alcool 80% vol.Questo,dovrebbe essere piu' dolce del Prumm ,giusto ? Grazie..


Sono ottimi con piatti speziati; io, per dire, amo i riesling con leggero residuo in abbinamento allo spezzatino al curry con mele. Anche i crostacei crudi non ci stanno male.
Avatar utente
il chiaro
Messaggi: 6204
Iscritto il: 07 giu 2007 00:24

Re: Dr.F.Weins-Prumm

Messaggioda il chiaro » 24 mag 2014 20:25

Mah, papero, fidati, non mi basta una bella gita a farmi dire che è tutto buono. Quell'abbinamento, quando ho visto che herr Haart versava, mi fece strabuzzare gli occhi, poi ho dovuto ricredermi, era perfetto.
Per la Mosella secca prego citofonare Ansgar Clusserath, vigneti le cui pante hanno l'imbragatura per restare fisse alla parete su cui sono coltivate e vini che per scelta dela produttrice son tutyi secchi: ROCCIA LIQUIDA!.

Loira: sto con Davide, sotto i 50 euro, ma anche meno, in Loira si beve alla grande, in Borgogna 8 su 10 si buttano via i soldi.
let me put my love into you babe
let me put my love on the line

let me put my love into you babe
let me cut your cake with my knife

Brian Johnson
Avatar utente
il chiaro
Messaggi: 6204
Iscritto il: 07 giu 2007 00:24

Re: Dr.F.Weins-Prumm

Messaggioda il chiaro » 24 mag 2014 20:32

davidef ha scritto:
poi, essendo più estremi, il giochino sopra citato lo ritrovi anche su una microzona che da cose veramente particolari ovvero la AOC Jasniéres, magari se becchi Calligramme di Domaine de Belliviere in annata giusta (ovvero secca tipo 2010) poi ne riparliamo



Questo ce l'ho :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: e pure i fratellini
let me put my love into you babe

let me put my love on the line



let me put my love into you babe

let me cut your cake with my knife



Brian Johnson
davidef
Messaggi: 7791
Iscritto il: 06 giu 2007 17:23
Località: Vicenza

Re: Dr.F.Weins-Prumm

Messaggioda davidef » 25 mag 2014 15:13

il chiaro ha scritto:
davidef ha scritto:
poi, essendo più estremi, il giochino sopra citato lo ritrovi anche su una microzona che da cose veramente particolari ovvero la AOC Jasniéres, magari se becchi Calligramme di Domaine de Belliviere in annata giusta (ovvero secca tipo 2010) poi ne riparliamo



Questo ce l'ho :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: e pure i fratellini



Perché sei un copione :mrgreen:

bel domaine, lo seguo da un po di tempo ormai, a prezzi come sei ? Occhio che son già vini che compero... 8)

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: alemusci, dani23, Nexus1990, rn_andre e 15 ospiti